Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 16/05/2009 @ 12:50:30, in casa, visitato 1289 volte)

In Italia, soltanto il 5% delle popolazioni Rom/Sinti/Caminanti persegue ancora uno stile di vita nomade. Il resto è stanziale, e molti dei nuovi arrivati dalla ex Jugoslavia e dalla Romania, vivevano precedentemente in case. Nonostante ciò, continua il fraintendimento di chiamarli "nomadi", quando il loro migrare è dovuto soprattutto ai continui sgomberi. Il termine esatto, sarebbe "sfollati".

Ma mentre loro sarebbero contenti di trovare una casa o una qualsiasi sistemazione stabile e sicura (e anche di pagarne i costi), c'è chi riscopre il nomadismo:

Da Affaritaliani.it Segnali/ Contro la crisi, diventa fulltimer: un camper come casa, ti sposti dove vuoi e... niente bollette Sabato 16.05.2009 02:55 di David Migliori

La protagonista di un libro che leggo spesso ai miei bimbi è una zebra insoddisfatta della propria abitazione. Va ad abitare in una casetta in mezzo alla giungla ma non sopporta i vicini chiassosi, si trasferisce nel deserto ma soffoca dal caldo, costruisce una casa in riva al mare ma si ritrova con l’acqua sul pavimento. Dopo tanto penare, alla fine trova la soluzione che fa per lei: una casa su ruote da spostare comodamente dove gli pare a seconda delle “voglie”…

Una vita in un camper
Zingari, zigani, gitani, nomadi… chissà se a loro piacerebbe essere definiti così. Ma, di fatto, hanno scelto uno stile di vita errante che li accomuna alle popolazioni che della fissa dimora hanno sempre preferito fare a meno.
Negli Usa non sono pochi quelli che, una volta lasciato il lavoro, decidono di andare a vivere in camper e di spostarsi nelle zone più calde nei mesi più freddi dell’anno, magari svernando in campeggi appositamente attrezzati per loro. Il portale per tutti questi viaggiatori del nuovo millennio è Trailer Life Directory

In Europa la cosa è ancora poco diffusa, ma qualcuno incomincia a parlare anche dalle nostre parti di fulltimers, persone che hanno venduto tutti i loro beni e li hanno investiti in un camper.
In Spagna, nella zona di San Juan, una cinquantina di chilometri a sud di Cartagena, è facile imbattersi in centinaia di Fulltimers che parcheggiano nei pressi delle spiagge di quella località. E poi, nei mesi più freddi, si trasferiscono un po’ più a sud e passano l’inverno in Marocco per tornare a nord con l’arrivo del caldo. Nulla di nuovo, molti animali fanno lo stesso.
A differenza delle altre specie, l’uomo deve però fare i conti con il problema dei soldi.
E di soldi ne servono parecchi per acquistare un camper, anche se nulla a che vedere con i costi stratosferici di una “comune” abitazione di cemento e mattoni. Un bel camper nuovo costa più di 30mila euro, ma se si vuole averne uno di grandi dimensioni, di quelli, per intenderci, al cui interno è possibile parcheggiare una piccola vettura come una Smart, bisogna prepararsi a spendere anche 150mila euro.

Ma poi non ci saranno molti motivi per rimpiangere le comodità di casa. Dimenticate le vecchie roulotte e le scomodità del passato, oggi tutto punta al confort. I nuovi camper sono pensati per la comodità e per chi ormai non è disposto a rinunciare alle tecnologie. Le case viaggianti hanno antenne paraboliche e satellitari, sono predisposte per tv al plasma, computer e internet; hanno cucina e bagno, doccia (ovviamente con acqua calda), frigorifero a gas, riscaldamento, pannelli solari e l’elenco potrebbe continuare...

I nuovi nomadi più estremi sono poco stanziali e si fermano nelle piazzole che trovano di loro gradimento, ma la maggioranza è meno estrema e si appoggia a campeggi dove è possibile stazionare in cambio di 100 o 200 ero al mese. Il vantaggio di questa soluzione è di poter avere comunque una base fisica che offre una serie di servizi comuni a chi ha scelto uno stile di vita simile e un luogo dove ricevere comunicazioni: è vero che nell’era di internet poco resta delle vecchie comunicazioni cartacee via posta, ma non tutto è ancora automatizzato, basta pensare alle multe… E guidando un camper una delle massime preoccupazioni è proprio quella di prendere una multa e di vedersi pian piano decurtare i punti dalla patente…

Se a chi ha fatto questa scelta si chiedono le ragioni della propria soddisfazione, di solito si ottengono due generi di risposta. La prima è economica. Basta affitto se si esclude il campeggio, basta ici, basta un’infinità di altre tasse a cui siamo sottoposti e un grande risparmio su tutto il resto, dall’elettricità al gas…
L’altra ragione di soddisfazione è invece filosofico-esistenziale. Chi ha scelto uno stile di vita nomade e ne è contento, si sente finalmente libero da una serie di cose e situazioni a cui noi persone normali e stanziali siamo costretti. Liberi anche da tanti oggetti di uso quotidiano che in un camper, per quanto spazioso, non ci possono stare, cose di cui prima non potevano fare a meno e di cui oggi non sentono più la mancanza…

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/05/2009 @ 09:24:50, in scuola, visitato 1561 volte)

Segnalazione di Demetrio Gomez e Giorgio Bezzecchi

Class 55 è una piattaforma costituita da Rom e attivisti pro-Rrom, che si sono uniti alfine di porre fine alla segregazione dei Rom nelle scuole:

[...]

  1. Il 17 maggio 1954, il Tribunale Supremo degli Stati Uniti prese una decisione storica nel caso "Brown contro Ministero dell'Istruzione".
  2. Paesi dell'Europa centrale e orientale segregano i loro stessi cittadini di seconda classe - i Rom.
  3. Il noto caso di "DD. HH. e altri contro la Repubblica Ceca" confermò che i bambini rom erano inviati ingiustamente alle scuole "speciali".

Il 17 maggio 1954, il Tribunale Supremo degli Stati Uniti prese una decisione storica nel caso "Brown contro Ministero dell'Istruzione", ponendo fine alla segregazione degli studenti neri nel sistema educativo americano. Mentre l'America celebra il 55° anniversario di questa sentenza, paesi dell'Europa centrale e orientale segregano i loro stessi cittadini di seconda classe - i Rom. Diverse OnG appartenenti alla Società Civile hanno segnalato in diverse occasioni le pratiche di segregazione, come pure la discriminazione diretta e indiretta dei Rom, senza dubbio le loro voci sono poco ascoltate. Class 55 è una piattaforma costituita da Rom e attivisti pro-Rrom, che si sono uniti alfine di porre fine alla segregazione dei Rom nelle scuole.

I Rom sono il gruppo etnico più discriminato in Europa in tutte le sfere della vita, incluso nell'istruzione. Varie scuse sono usate dai professori, direttori ed autorità educative per segregare i Rom, invece di ammettere semplicemente che le scuole sono monoculturali, ed incapaci di integrare qualsiasi tipo di differenza. Riguardo a queste differenze, sono varie le etichette date ai bambini rom: "socialmente svantaggiati", "di basso ambiente culturale", "carenti di capitali sociali", ecc., intendendo spesso che il bambino non ha le capacità per entrare nell'istruzione ufficialmente stabilita.

Nel noto caso di "DD. HH. e altri contro la Repubblica Ceca" il Tribunale Europeo dei Diritti Umani a Strasburgo confermò nel novembre 2007 che nella Repubblica Ceca, i bambini rom furono diagnosticati erroneamente ed inviati in scuole di istruzione speciale per bambini psichicamente incapaci. Un anno e mezzo dopo questa decisione, la Repubblica Ceca, così come altri paesi membri del Consiglio d'Europa, furono obbligati a porre fine a queste diagnosi basate sul pregiudizio etnica; nella pratica, i bambini rom continuano ad essere inviati in scuole di bassa qualità educativa. Anche se queste scuole non sono denominate come "speciali", la maggioranza degli alunni segue tuttavia un piano speciale e differente di studi, con un livello di istruzione più basso del piano di studi normale.

"Si è utilizzato ogni tipo di scusa per segregare i bimbi rom e porli in scuole o classi per soli Rom in paesi dell'Europa centrale e orientale. Questa pratica è assolutamente sbagliata e senza giustificazione. Per esempio, nel Regno Unito Unito quegli stessi bambini, dopo aver migrato con i loro genitori, frequentano le scuole normali ufficiali usando una lingua che prima non avevano mai parlato," dice Scott Elliott, attivista canadese pro-Rom di Roma Rights Network.

Class55.org crede che il 55° anniversario di una vittoria dei Diritti Umani sia la migliore occasione per mostrare ai governi dell'Europa che la segregazione dei Rom è completamente inaccettabile, e che questa pratica debba terminare immediatamente Chiunque può aderire a Class 55 ed appoggiarne la causa inviando un messaggio ai ministri dell'istruzione, firmando la petizione e facendo circolare queste informazioni tra i suoi amici e famiglia, usando il tipo di tecnologia preferita.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/05/2009 @ 09:08:23, in Europa, visitato 1436 volte)

Da British_Roma

Il Consiglio RCN deve far pressione per rivedere l'accesso ai servizi sanitari e sociali per gruppi socialmente esclusi, come le comunità viaggianti ed i senza casa, hanno detto le infermiere.

Le infermiere hanno votato quasi all'unanimità una mozione, proposta da Marcelle De Sousa, del forum adolescenti dell'RCN, che solleva preoccupazioni sulla qualità dell'assistenza per questi gruppi.

"Il gap tra ricchi e poveri è il più ampio dal 1960. I Viaggianti spesso trovano che i siti permanenti sono al lato di strade, fabbriche o impianti industriali, ed hanno alte incidenze di asma ed eczemi."

Tuttavia, ha aggiunto che l'assistenza che hanno ricevuto spesso è stata inadeguata. "Quando accedono al servizio sanitario, trovano che non si adattano al sistema," ha aggiunto.

"Molti lottano per l'accesso all'assistenza e quando lo fanno, a volte incontrano discriminazioni," ha detto Lorraine Tinker, del forum pediatrico oncologico.

"Le ambulanze non assisteranno nei siti fissi, o loro non sono in grado di accedere ai servizi primari. Ci sono tuttavia problemi di droga e alcool e violenza domestica. Appoggio la risoluzione per assicurare che cia sia una fine per questa ineguaglianza d'accesso per questi membri più vulnerabili della società."

Garet Phillips, membro del consiglio RCN per il Galles, ha avvisato i delegati di ignorare i volantini distribuiti fuori dalla sala del congresso dall'Alleanza dei Contribuenti.

I volantini criticavano il Consiglio di Ealing per aver assunto un "Incaricato al Collegamento per Zingari, Rom e Viaggianti"[sic].

"Questi volantini non hanno posto nel Congresso RCN," ha detto. La mozione è stata gradita dal 99% dei presenti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/05/2009 @ 22:01:10, in blog, visitato 1441 volte)

Da Nazione Indiana un post di Marco Revelli, che mi ricorda come il CLANDESTINO non sia per forza uno straniero

Clandestino, clam-des-tinus. Ciò che sta nascosto al giorno, e odia la luce. Chi sta nell’ombra. L’agguato al varco, là in fondo al corridoio nero, un film di Lynch. L’uomo nero, unheimlich. Uomo sabbiolino: Enter sandman. Exit light. Enter night.

Tu, clandestino, sei un delinquente. La tua invisibilità, la tua condizione d’inesistenza, prodotta dal diritto, da oggi il diritto la punisce. Che meraviglioso gioco di prestigio. E che meraviglioso servo sei tu, clandestino. Ci servi, ci serviamo di te, e non lo diciamo. Se una mano dà scandalo, la si tagli. Quanta parte dell’Italia oggi occorrerebbe amputare?

Trovo intorno a me i soliti vecchi nuovi mostri, e più potenti. La realtà è in mano loro, che la rovesciano, e rovesciano le parole, e le mostrificano. Nel mondo realmente rovesciato, il vero è un momento del falso. Si prosegua lo show, un barcone viene fermato, rovesciata la dritta, al rovescio adesso, al rovescio dei campi e del deserto, un piccolo sacrificio per dar segno di ineluttabilità, guardami negli occhi lazzaro, guardami e ingoia il bianco delle mie pupille, fatti inghiottire, guardami e torna a dormire, il pubblico impagabile applaude e ritorna alla sua impagabile assenza. Segni, intorno nient’altro che segni d’assenza. La testa nella sabbia. E sopra (il mondo è realmente rovesciato), il sabbiolino che soccombe al sole del deserto dove è stato ricacciato. Non si veda, questo sole accecante, la testa nella sabbia! Lo spettacolo è sabbia che occulta il reale, e la testa accecata di buio non vede la sabbia.

Manca il fiato, qui. Qui si gira a vuoto. Un movimento senza presa sulle cose, che produce solo rumore, effetto larsen. Parole che tornano su se stesse, e crescono l’una sull’altra, superfetazione tumorale. Un grande apparato coscienziale che produce, insonne, mostri. Sì, lo so, è solo l’incubo prodotto da questo illusorio, è questo illusorio reale che vince su di me e mi toglie ogni speranza. E sì, so che mai cesserò di produrre parole, le parole sono cose che alla lunga producono un altro reale, ma adesso questo illusorio reale è troppo potente e mi mostrifica le parole, non mi appaiono come evangelio ma come apocalissi. Sono sopraffatto da questo illusorio reale che non vede e acceca di buio. Che mi fa clandestino.

Enuncio il mio soccombere, solo così posso rialzarmi, riprendere a parlare.

Now I lay me down to sleep.

Mi risveglio alla luce.

Su la testa.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/05/2009 @ 09:45:59, in Italia, visitato 1342 volte)

Segnalazione di Veniero Granacci e Giorgio Bezzecchi

Desideriamo invitarVi a partecipare alla serata di presentazione del libro "I ROM E L'AZIONE PUBBLICA" a cura di Giorgio Bezzecchi, Maurizio Pagani e Tommaso Vitale - Teti Editore, organizzata dall'Associazione La Conta in collaborazione con il Circolo ARCI Martiri di Turro, che ci sarà, con ingresso gratuito con tessera Arci, lunedì 18 maggio 2009 alle ore 21,00 al Circolo ARCI Martiri di Turro - Via Rovetta, 14 a Milano.

In particolare parteciperanno alla serata Giorgio Bezzecchi, Maurizio Pagani e Tommaso Vitale che hanno curato il libro "I ROM E L'AZIONE PUBBLICA", nonché Alberto Giasanti ed altri ancora che ci parleranno, tra l'altro, dei Rom, dei sinti e di altri gruppi di zingari, della loro storia, della loro cultura, delle forme espressive quali la musica, la danza, i costumi ecc, affinché possiamo conoscerli un pochino meglio e far venire meno i stereotipi e pregiudizi tutt'ora presenti. Saranno discusse altresì le politiche adottate negli ultimi 10 anni dal Comune di Milano, i loro fallimenti ed effetti perversi, nonché alcune proposte già sperimentate in altre città per migliorare le condizioni di vita dei gruppi zigani e favorirne il riconoscimento politico e culturale.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/05/2009 @ 09:30:35, in lavoro, visitato 1139 volte)

Da Roma_Francais

(riassunto)

13.05.2009 | 09:40 - Il 28% dei salariati dicono di essere stati vittime di discriminazione

Secondo un sondaggio dell'Halde, che consegna questo mercoledì il suo rapporto all'Eliseo, l'età, l'impegno e l'origine sono visti come i tre principali fattori di discriminazione sul lavoro.

Vittime e/o testimoni, i salariati sembrano sempre più sensibili alle discriminazioni nel quadro del loro lavoro. E' ciò che rivela mercoledì il 13 maggio un sondaggio CSA realizzato dalla Alta autorità di lotta contro le discriminazioni e per le pari opportunità e l'OIT (Organizzazione Internazionale del Lavoro), lo stesso giorno in cui il presidente della Halde, Louis Schweitzer, rimetterà alle 17.00 all'Eliseo il suo rapporto annuale al presidente Nicolas Sarkozy. Nel settore privato, il 28% dei salariati dicono di essere stati vittime di discriminazioni, il 22% nel settore pubblico. Un sondaggio simile realizzato nel 2008 aveva donato il 25% nel privato ed il 22% nel pubblico.

Come fattore di discriminazione, l'età (oltre 45 anni) è citata dal 32% dei salariati nel privato e dal 38% nel pubblico. L'impegno politico o sindacale è citato dal 25% nel privato e dal 33% nel pubblico e l'origine etnica dal 35% nel privato e dal 26% nel pubblico.

La gens du voyage la più discriminata

Più di un terzo dei salariati dicono di essere stati testimoni di discriminazione (38% nel privato e 37% nel pubblico). Le persone della comunità della gens du voyage sono le più suscettibili ad essere discriminate a competenza legale, si stima il 50% dei salariati nel privato (44% nella funzione pubblica).

Il secondo criterio è l'handicap (43%) e l'età superiore a 45 anni (36% nel privato, 34% nel pubblico). In compenso la gioventù (meno di 25 anni), l'omosessualità ed il fatto di essere una donna o francese di origine straniera, non sono percepiti né come un vantaggio né come un inconveniente.

Riguardo alla discriminazione, vissuta o osservata, il 33% dei lavoratori dipendenti del privato ne ha parlato alla direzione o al responsabile (44% nel pubblico), il 24% ha allertato i sindacati nel privato (40% nel pubblico) ed il 7% hanno aperto una procedura nel privato (15% nel pubblico).

I mezzi di prevenzione

Il ricorso ai sindacati ed ai rappresentanti del personale è considerato come il livello efficace d'intervento dal 67% dei salariati nel privato e dal 78% di quelli del pubblico.

Per prevenire le discriminazioni sul lavoro, i salariati credono alla pubblicazione dei risultati di azioni a favore dell'uguaglianza nelle imprese, e poi alla possibilità di allertare la direzione in maniera confidenziale ed anonima sui casi di discriminazione.

Seguono poi i CV anonimi ed i marchi di diversità. In compenso i pareri sono mitigati sulla possibilità di un ricorso a quote d'assunzione.

- Sondaggio realizzato dal 18 al 21 marzo 2009 per telefono su un campione rappresentativo di 1.000 persone (500 del privato, 500 del pubblico).

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2009 @ 09:43:38, in Europa, visitato 1251 volte)

Da Roma_Daily_News

7 maggio 2009, Economist.com Incomprensi e bloccati nel fango

POCHI argomenti destano più controversie dei Rom nell'ex regione comunista. E' facile caricaturare le posizioni più esplicite. Da una parte, attivisti prezzolati che non vedono altro che razzismo di un'arrogante maggioranza bianca. Dall'altro, retti cittadini, soddisfatti di sé stessi che ritengono i Rom (messa gentilmente) autori delle loro sfortune, o (meno gentilmente) un assieme di ladri parassiti buoni a nulla.

La realtà è molto più complicata. Chiaramente il non-intervento, l'approccio punitivo dei Rom - delinquenti non è una risposta. Rinchiudere i Rom (per esempio, come l'America imprigiona il suo sottoproletariato nero) non è solo futile, ma sbagliato. La sofferenza di così tanti milioni di Europei dovrebbe scuotere la coscienza del continente. La schiavitù rom terminò soltanto circa 150 anni fa. Sono stati l'unico gruppo razziale, con gli Ebrei, che Hitler tentò di sterminare. I regimi comunisti resero illegale il loro modo di vita. Le riforme economiche hanno tagliato la loro rete di sicurezza.

Reuters

Inoltre, gli argomenti dei Rom - delinquenti sono fragili. Asseriscono simultaneamente che la discriminazione non è il problema mentre contemporaneamente rilasciano ampie dichiarazioni sulla criminalità rom, la loro avversione all'istruzione, ed inaffidabilità. La disgustosa esperienza dei bambini rom adottati alla nascita da genitori non-rom mostra che il razzismo è almeno una parte del problema.

In verità, le generalizzazioni sulle questioni rom sono inaccurate dal punto di vista dell'inutilità. Chiaramente non tutti i Rom sono poveri (o senza istruzione, o abusano dell'assistenza pubblica, o inclini alla criminalità). Difatti, le caratteristiche comuni sono rare: l'uso della lingua romanì, per esempio, varia ampliamente. Certamente i Rom non sono del tutto innocenti per le critiche stereotipate su di loro. In effetti, pochi attivisti rom vorrebbero dimostrare il contrario.

Ma ragionare sull'accuratezza di queste generalizzazioni è futile, specialmente perché la definizione stessa di "Rom" è contestata. Per fortuna, i paesi civilizzati non usano i test del DNA per stabilire l'etnia e scrivere il risultato sui documenti d'identità. Indipendentemente da ciò, "Rom" è una questione di auto-descrizione. Alcune parti del problema si vedono meglio come questioni etniche. Piuttosto, si può capire di più come il risultato di una povertà profondamente radicata in un sottoproletariato. Come puntualizza Petra Gelbart, un'attivista rom ceca ora in America, molti dei problemi ascritti ai Rom, come le frodi nell'assistenza pubblica, sono presenti anche nelle comunità povere non-Rom.

Quei Rom che conducono vite miserabili nell'Europa orientale (e migrano verso quella occidentale per trovarsi vilipesi anche lì), lo fanno principalmente perché sono poveri, non a causa di una loro (spesso apparente) connessione linguistica e culturale con una datata migrazione dall'India. Cercare di fermare la discriminazione e promuovere la lingua romanì può aiutare quanti già attaccano la mobilità. Ma cercare di terminare una cultura di povertà radicata per generazioni, probabilmente è più importante.

Questo non rende facile le risposte. Soprattutto nelle politiche sociali, un meccanismo statale determinato ma flessibile è il requisito centrale. Una scuola locale dinamica che offre pasti caldi gratuiti e sovvenzioni le divise scolastiche può cambiare le attitudini familiari sul mandare lì i propri figli. Combinato con un sistema di assistenza che renda i benefici dipendenti da bassi tassi d'interesse e tutto ciò diventa ancora più efficace.

Tutto questo richiede fondi e buon governo. Questo sembra nel breve termine. I paesi ex-comunisti hanno fatto fatica nella gestione anche quando i tempi erano buoni. Poiché la diminuzione economica comprime la spesa pubblica, prestare attenzione urgente ad una minoranza disprezzata non sembra una mossa vincente.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2009 @ 09:36:12, in Italia, visitato 1441 volte)

Un caro saluto da Ernesto Rossi, presidente associazione "ApertaMente di Buccinasco"

Gentili Signore e Signori, cari Amici,

vi rivolgiamo l'invito, che si avvia ormai a divenire tradizionale, alla 3^ Festa dei Sinti del Quartiere Terradeo, che si terrà sabato 16 maggio in via dei Lavoratori 2, col patrocinio del Comune di Buccinasco, nell'ambito della 14^ edizione di “Giovani ed Associazioni in Festa.

Quest'anno essa è specialmente dedicata a bambini e ragazzi, e pertanto il programma prevede giochi e animazioni, con una merenda al seguito. Alle 17 la celebrazione della Messa, dedicata al Beato gitano Ceferino. Mentre i ragazzi giocano, potremo accogliere gli ospiti, autorità e associazioni, cui presentare il Quartiere, la sua associazione e i suoi programmi.

Come molti sanno ormai, la Festa è un'occasione d'incontro reciproco fra gli abitanti del Terradeo e la cittadinanza, con l'obiettivo di eliminare progressivamente le distanze che si frappongono ad una completa inclusione di questa comunità in quella più grande di Buccinasco.

ore 14,00: festa dei giovani Sinti e i loro amici con giochi vari, visita al quartiere Terradeo
ore 16,15: merenda
ore 17,00: Santa Messa al campo

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2009 @ 09:07:40, in Kumpanija, visitato 1269 volte)

E' di queste settimane una polemica tra Canada e Repubblica Ceca, a proposito dei Rom che chiedono rifugio in Canada, a causa delle discriminazioni che subiscono in patria. Il fatto a cui si riferisce la notizia qua sotto è questo

I Rom in Canada raccolgono quasi 20.000 corone per aiutare la piccola Natálka
Toronto/Hamilton, 11.5.2009 (ROMEA)

I Rom che vivono in Canada e hanno firmato per l'iniziativa Dosta! (Ne abbiamo Abbastanza!) ed hanno anche tenuto dimostrazioni, come parte di ciò hanno contribuito con 1.140 dollari canadesi per aiutare la famigli di Vítkov. La somma totale raccolta nelle dimostrazioni mondiali raggiunge ora la somma di quasi 67.000 corone ceche.

I Rom in Canada hanno fatto due raccolte, una in una festa ad Hamilton il 2 maggio, dove sono stati raccolti 700 dollari canadesi, ed una alla manifestazione del 3 maggio a Toronto.

"Auguriamo alla famiglia ed alla piccola Natálka un veloce ricovero, e forza ed unità a tutti i Rom nella Repubblica Ceca nel lavorare per i loro obiettivi comuni per le prossime elezioni, che sono molto importanti per noi Rom. Rom, unitevi!!!!"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 13/05/2009 @ 10:31:39, in blog, visitato 1822 volte)

Ddl sicurezza, posta la fiducia per delle norme razziste
Il consiglio dei ministri ha posto la fiducia sul ddl sicurezza. La Lega nord ha chiesto ed ha ottenuto la blindatura di un testo che da più parti viene definito razzista...

Ungheria, il Governo renda pubblica l'inchiesta
Tre organizzazioni per i diritti civili hanno chiesto oggi che il governo ungherese renda pubblici i risultati dell'inchiesta sull'uccisione di un padre e un bambino a febbraio. Lo scrive l'agenzia di stampa Mti...

Milano, le parole del Vice Sindaco sono incivili!
La Polizia Municipale ha denunciato due persone, padre e figlio, rispettivamente di 50 e 20 anni, per omissione di soccorso. Il 4 maggio, alla guida di una Rover in via Gallarate in compagnia del genitore, il ragazzo, che non ha la patente, aveva causato un incidente...

Bruxelles/Budapest/Firenze/New York, l’Italia viola le norme comunitarie
ERRC, OsservAzione e l'Open Society Institute hanno inviato un rapporto alla Commissione europea denunciando le gravi violazioni che il Governo italiano sta perpetrando dal maggio 2008 contro le popolazioni sinte e rom...

Roma, Tonizingaro e la speranza
Sabato 9 Maggio alle 21.00 presso il laboratorio socio-culturale FUSOLAB, via G. Pitacco n 30 (zona Largo Telese), sarà presentato il libro “Speranza” di Antun Balzevic (in foto), in arte Tonizingaro. In occasione della presentazione Tonizingaro sarà protagonista di ...

Roma, nel world press photo ci sono anche i Rom
L'agente Kole avanza in una casa che pare devastata da un terremoto o da una battaglia. E' armato di tutto punto e cammina, pistola in pungo, tra sedie rovesciate e cartacce sparse sulla...

Napoli, confermata la condanna ad Angelica
Angelica compirà 17 anni a novembre, e da più di un anno è rinchiusa nel carcere minorile di Nisida (in foto), a Napoli. E' la prima rom ad essere stata condannata in I...

Razzismo, la Lega nord preme sull'acceleratore
Oramai siamo alla frutta e la strategia della Lega Nord è quella di alzare il prezzo per far votare in Parlamento delle norme razziste. Dopo la scottatura subita con il decreto sicurezza, non ci pensano certo due volte ad innalzare il livello di scontro per far com...

Ue, l’Italia è il Paese più razzista
Il 94% delle persone intervistate in Italia ha affermato di sentirsi discriminato. Seguono Grecia, Ungheria e Francia. Lo studio include più di 23mila interviste a membri di minoranze etniche e immigrati, raccolte in 27 paesi della UE. Un vasto rapporto dell’Agenzia dei Diritti Fondamentali dell’UE...

Ddl sicurezza, ispirazione razziale
Il Presidente della Camera Gianfranco Fini ha manifestato il suo dissenso rispetto al pacchetto sicurezza mettendo l’accento sulle norme che riguardano i medici-spia e i presidi- spia mettendo in guardia il governo anche da probabili profili d’incostituzionalità di queste norme. Sembrerebbe che il governo e tutta la mag...

Dall'intolleranza al razzismo
L'intolleranza consiste nell'atteggiamento abituale di chi avversa le opinioni altrui, specialmente in materia politica e religiosa. È un atteggiamento improntato ad una rigida e risentita chiusura dogmatica nei confronti degli altri, che si manifesta dalle origini dell'uomo, con la sottomissione degli schiavi, le persecuzioni d...

Rep. Ceca, la minaccia neonazista
Marce minacciose in quartieri svuotati dalla paura e aggressioni con bombe molotov contro i rom. Negli ultimi giorni è questa la realtà in alcune città della Repubblica Ceca. Protagonisti delle violenze, che hann...

Verona, il cadavere di una donna trovato lungo l'argine dell'Adige
Non si sa chi sia, da dove venga, né come e perché sia morta. Era completamente nuda, in posizione supìna, nascosta da arbusti in fiore e dalla vegetazione rigogliosa di questo periodo dell'anno, di giorni di caldo quasi estivo dopo piogge abbondanti. Anche il suo vis...

Al mercato della paura
Oramai è impossibile affrontare il tema della "sicurezza" nel dibattito pubblico, ridotto a materia di propaganda politica. Sui giornali e in Parlamento. Se ne parla per catturare il consenso dei cittadini, non per risolvere i problemi. Nel sostenerlo ci pare di scrivere lo stesso articolo. Un'altra volta. Eppu...

Un giorno da dimenticare
Il 7 maggio del 2009 per il Ministro Maroni è stata una giornata “storica”: la si leggeva in faccia la sua soddisfazione. Per la prima volta, da quando è al governo, 227 disperati erano stati “respinti” sulle coste libiche. Altri ne seguiranno e la storia sembra ripetersi: militari con il cuore piccolo piccolo ...

Genova, la bocciofila sfrattata è anche sinta
Quasi non avevano ancora posato le valigie. Tre anni fa i 200 soci dell’Associazione bocciofila Bolzanetese erano stati sfrattati dalla loro sede di via Bruzzo, per fare spazio a un posteggio. L’amministrazione comunale li aveva destinati a una nuova struttura ...

Bolzano, partecipa anche tu al concerto per l'Abruzzo
Ricordiamo a tutti che a Bolzano, domenica 17 maggio 2009, dalle ore 20.30, presso il teatro Cristallo in via Dalmazia n. 30, si terrà il “concerto di beneficenza in favore delle le vittime del terremoto in Abruzzo”. L’evento è organizzato dalle associazioni Nevo Drom e U Giaven. So...

I Rom sono senza voce, anche nel "dizionario"...
La Stampa ha pubblicato un articolo del giornalista Giuseppe Caliceti, dal titolo “Come vede il nostro Paese e i suoi stili di vita una scolaresca emiliana di extracomunitari”. Il giornalista estrae dal suo libro «Italiani per esempio» (edito da Librerie Feltrinelli, 64 pag. 7 euro ...

Ddl sicurezza, appello ai Deputati
Era stata annunciata. E puntuale è scattata la fiducia i tre maxi-emendamenti presentati dal governo per modificare il ddl sicurezza. Domani il voto. E giovedì il via libero definitivo. Ma sull'...

Europee, anche i Rom rumeni voteranno
“Anche i Rom voteranno il 6 e il 7 giugno per l'elezione del Parlamento Europeo, propongo un confronto tra tutte le forze politiche sul tematiche dei Rom da tenersi in un campo attrezzato della Capitale, invitando anche l'ambasciata rumena”...

Termoli (CB), sfrattata una coppia di ‘abusivi‘ ma tante sono le perplessità
Sono stati sfrattati questa mattina, da un’abitazione di via Asia, con tanto di pargoli al seguito. ‘Abusivi’ di certo, anche se qualcosa nella loro storia non quadra. Si tratta di un ragazzo rom italiano...

Elezioni, la Lega cavalca la paura, oggi come un anno fa
Telegiornali, un giorno qualsiasi del Marzo 2008: stupri, romeni, campi rom, paura e necessità di sicurezza. Telegiornali, un giorno qualsiasi del Maggio 2008: immigrati, sbarchi di clandestini, paura e necessità di sicurezza. Nel mezzo? I problemi reali degli Italiani: crisi economica, gent...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


27/10/2021 @ 14:10:26
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 7856 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
LOAN OFFER TO SERIOUS PEOPLEDo you need a quick lo...
20/10/2021 @ 13:32:11
Di patiala
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source