Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 01/01/2007 @ 07:52:29, in Kumpanija, visitato 6744 volte)

Come ogni dicembre, in questo post raccoglierò man mano gli auguri che arrivano da Rom, Sinti e Kalé (e non solo) di tutto il mondo:

Greetings from Iran!

Merry Christmas! - Happy New Year!

Dear Roma!

We congragulate you with New Year and wish this year to be good and healthy for you!

Best wishes,

Duy silanda efta nevo bershengi
sastipey penani tumengi
devlestar lacho disa mengani
sar lacho manusha sar romengi

Tumaro purala Nosrat o Javad Zargar


Baxtalo nevo bersh 2007! Naisarav- tumenqe te tradean manqe i rromani magazina

Mangav tumenqe te keran kadea magazina vi anglikanes thaj vi rromanes.

Xanci rroma janen i anglikani chib.

Costica Batalan,
Deva, Romania


Um novo ano surge em nossa frente.
Vamos encará-lo com ânimo e esperança, fé e alegria.
Vamos festejar, pois a própria vida é uma festa, uma emoção.
Que o amor a Deus, à vida e ao próximo
Estejam sempre presentes com você neste novo ano.
Que o espírito da conquista esteja em seu coração.
Que o passado traga a experiência necessária
Para realizar os planos para o futuro que se aproxima

FELIZ ANO NOVO!!!

MIO VACITE

Uniao Ciganado Brasil


¡Feliz Año Nuevo! - Baxtalo Nevo Bersh!

de Mexico
Hermano Yanko y familia


We wish you a New Year of endless health, realized dreams and professional satisfaction!
Bahtalo Nevo 2007 Bresh!

Center Amalipe`s team


Che le Feste natalizie e il nuovo anno avvicinino i popoli, la giustizia sociale e la pace, quell'"altro mondo" che solo la solidarietà rende possibile.
Diamo loro una mano, apriamo le porte al diritto alla casa e alla città senza frontiere!

>>> Cominciamo subito appoggiando la Campagna Sfratti Zero a Chennai cliccando qui!

International Alliance of Inhabitants


Pativeale Romalen!

Me te e mere INDIAKE manusha mangen tume sarenge sa Lachipe, te Tatipe, te sa Sastipe, te "O BAXTALO NEVO BERSH 2007!"

Achen e Devaloresa!

O tumaro Phral kataro INDIA.

JANARDHAN PATHANIA


Postovane kolege, prijatelji, partneri,

Asocijacija NVO - RTV Nisava zeli Vam puno srece i uspeha u novoj 2007. godini.

SRECNA NOVA GODINA!!!

Goran Jovanovic
Project Manager
Association of NGOs - RTV Nisava
www.romadecade. com
063 - 188 1773


Que Dios los cuide y nos bendiga a todos con mucha salud, fortaleza, amor, felicidad y paz en el 2007! Feliz Ano Nuevo!

emc2wit


Te aben baxtale odel te suntol sabojen ande kako nebo bers 2007!

devlesa oyanko

Asociación Rom del Ecuador


Boldog új evet ! Baxtalo Nevo 2007 Bersh!

Viszoslatátas!

Gustavo Espeja


Bahtalo o bidzuko nevo bersh 2007 bersh mangava sa e Romenge so tane ko akava Sumnal .

Mubareko kurban Bajram sa e muslimanenge inshala sa najshukare te ovel sa e Romenge

Elez Macedonia


Phralalen thay Phenyalen,
Mangindoy Tumenge sa so si may shukar ano 2007. bersh, akharav Tumen te thera po baro respekti mashkar amende.

O Rom e Romeya angali te lenpe a na te koshenpe. Vash tana bistaren amare cidipa, biqhalav tumenge yekh soneti kole hraminyum thay kova arakhlola ani pustik "Syungaven i Phuv"

Drabaren shukar thay pakyav ka arakhen o qaqipa.
O soneti shay te drabaryol horizontalno thay vertikalno.

Selahetin Kruezi

Romano Rodlardo

www.euroma.dk


Dear friends,

I WISH YOU snowflakes on mittens!
I WISH YOU a chestnut in the pocket!
I WISH YOU a bird in the palm!
I WISH YOU a field under feet!
I WISH YOU sky in thoughts!
I WISH YOU a view from the top of the mountain!
I WISH YOU stars in the window!
I WISH YOU a forest in front of the door!
I WISH YOU a stork on the chimney!
I WISH YOU a letter in hand!
I WISH YOU a song on the lips!
I WISH YOU an apple on the pillow!
I WISH YOU a cake for dinner!
I WISH YOU spring in sip!
I WISH YOU a good trip!
I WISH YOU good sea, good wind and a good start!

Marry Christmas and Happy New Year!

Tanja, Jelena B., Dušica, Vera, Jelena Š., Camila, Bojan, Boško, Nikola, Aleksandar P. & Aleksandar R.


Buth bahta thaj sastipe savorendje ko nevo 2007-to berseste.

Puno srece zdravlja i veselja u Novoj 2007 godini.

Happy new 2007 year

Tumaro
Iskreno Vas
From
Kenan Rasitovic
Bujanovac


"To all my Roma Brothers & Friends,
Wish you a Happy & Prosperous New Year"

Bahtalo Nevo Bersh 2007!

Veerendra Rishi
President
Indian Institute of Romani Studies,
Editor, Roma Publications.
panditrishi@ hotmail.com
info@romaindia. org

LONDON, ENGLAND, U.K.
MOB: 0044 (0) 7788 436 348
TEL/FAX: 0044 (0) 8316 2388


Sretnu i uspješnu 2007 godinu želi Vam

UG "Forum Gradiščanaca"


BAHTALO NEVO BERS NABASI NESTO JAVER SAMO KO NEVO BERS POHARI TEORIJE
POBUT PRAKSA BASI SARINE POLITICARIJA NGO,O ROMA THAJ JAVERA SAVE TANE
KO BAJRARIBA O ROMANO PROCES

OKOLENGE TARO MUSLIMANSKOPAKJAVIB A BAHTALO O KURBAN BAJRAM

POZDRAV
SALI MEMED
TV SUTEL


SAVORRE E RROMENQE

BAXT, SATIPE THAJ LACHIPE KO NEVO 2007. BERS

KUJTIM PACAKU,, BRO RROMANI BAXT KOSOVA


Hello! - Lacho deves!

Get registered on http://www.idebate.org/registration /index.php and write your New Year wishes for Roma communities on http://www.idebate.org/discussion/ view_topic. php?id=1192&forum_id=54.

Te avel baro Baxt ando tumaro trajo ando nevo 2007 bersh! - A lot of Luck in your life in a new 2007 year!

Best wishes,
Valery Novoselsky.
Editor of Roma Virtual Network.
http://www.idebate. org/roma/

Razgrad, Bulgaria


Dragi prijatelji
želimo vam sreænu Novu godinu i Božiæne praznike

Deèiji centar Mali Princ

***
Dear friends,
We wish you marry Christmas`s and happy New year

Children Center Little Prince


Queridos amigos:

Ante todo quiero desearos unas felices fiestas en estos días tan señalados. Ojalá que en el nuevo año Dios sea bueno con nosotros, una vez más, y aparte de nuestro lado tanta maldad y tanta injusticia como nos rodea. Y para que eso sea una realidad, ahora debemos reafirmar nuestro compromiso de luchar con eficacia contra el racismo, contra la marginación y contra la opresión que tantos seres humanos sufren en todo el planeta.

Con esta oportunidad quiero regalaros un precioso mensaje filmado en la Iglesia Evangélica de Aranda de Duero hace ya diez años. En realidad se trata de un pasaje de la predicación realizada por el Pastor que dura tan sólo cinco minutos y cuatro segundos http://www.unionromani.org/downloads/cultoenromano.mpg (51,9 Mb)
Es un mensaje vibrante, yo diría que hasta electrizante, especialmente cuando el predicador hace referencia a la violencia que contra nuestros padres ejerció la guardia civil no hace tantos años.

Intencionadamente hemos quitado de la película la traducción al castellano. Y ello por dos motivos. Primero porque “pesa demasiado”, es decir, que podría colapsar algún correo electrónico. Y en segundo lugar porque entendemos que así suscita mayor interés entre quienes quieran aprender la lengua gitana.[1] No obstante, quien esté interesado en recibir este pasaje completo, es decir con la traducción al castellano que aparece en la película, sólo tiene que pedírnoslo. Con sumo gusto lo enviaremos.

De nuevo, queridos parientes, amigas y amigos que nos honráis con vuestra amistad, recibid nuestro mejor saludo fraterno y gitano.


JUAN DE DIOS RAMÍREZ-HEREDIA
Presidente de la Unión Romaní

[1] A este propósito quiero deciros que desde la UNION ROMANI hemos iniciado una interesante experiencia impartiendo cursos de ROMANO-KALO de 45 horas de duración (15 horas presenciales y 30 horas a distancia)



UNION ROMANI
Dirección Postal/Postal Address:
Apartado de Correos 202
E-08080 BARCELONA (Spain)

Tel. +34 934127745
Fax. +34 934127040
E-mail: u-romani@pangea. org
URL: http://www.unionromani.org/index_es


Sarbatorile de iarna sa va aduca toate cele bune, sa fie cu dragoste si cu urari de bine !
Va dorim sa aveti parte de multa fericire si implinire in tot ceea ce doriti sa realizati!
Craciun Fericit si Un An Nou excelent!
Liliana Pagu
Presedinta Asociatiei Femeilor din Romania AFR

Coordonator National al Retelei ONG-urilor de/pentru Femei din Romania RNOFR

Presedinta Ligii Internationale a Femeilor romince LIFERO

Oficiul Postal 37-CP 80 Bucuresti Romania
Tel/Fax 0213159859
Mobil 0744561431
Email afr@opensys. ro
www.afr.ro


ROMALEN, PHRALALEN...
BUT BAHT THAJ SASTIPE ANDO NEVO 2007 BERS.
MAJBUT KUPATE TE KERA BUTI.
SASTE GODJASATE GNDINA.
TE DA AMARO VAS AMARE PHRALENGE THAJ PHENJENGE KO AVUTNO 2007 BERS.

DEAR ROMA BROTHERS,
I WISH YOU LUCKY AND HEALTHY NEW YEAR.
I HOPE THE NEW 2007 WILL BRING US TO WORK MORE TOGETHER.
I HOPE WE WILL BRING WISER DECISIONS.
GIVE YOUR HAND TO HELP OUR BROTHERS AND SISTERS.


B A H T A L O   N E V O   B E R S


A D E M A D E M I
A1 TELEVISION


"Pero Nakov" 60
1000 -Skopje
Republic of Macedonia

P: +389/ 22 550 340
F: +389/ 22 550 330
C: +389/ 71 208 800


Bahtalo tumaro nevo bers thaj devlesre bidzukija tumenge thaj tumare familijake taro NGO Roma Refuges
taro kosovo ki makedonija thaj o presidento Dzulisan Muslija.

Devlesa!

Gjulisen Musliu


Hraminela o prezidenti le Rromengo tari themakiri Organizacija" Rromani Emancipacija" o Gjunler Abdula- Abdulaskoro
Pativale rajalaen thaj rajnalen,
Ko alava miro thaj le Organizacijako kamav savorengje ko nevo 2007 bersh, bari baht thaj sastipe, loshaj thaj pralipe sa e Rromengje ko Sumnal/lumija.
Te ovas jekutne, tolerantna, solidarna thaj transparetna numaj odolesa ka djas angle pi amari ntegracija thaj emancipacija.
Ko jek kamv sa e Rromengje so si ki pakjiv muslimanja te kerav bahtalo o KURBAN BAJRAM o Allah-dj-shane huu te kerel mibareko olengoro Bajrami.
Bare pakjivasa thaj Sellamesa mukav tumen devlesa,

Gjunler Abdula-Abdulaskoro


Postovani prijatelji vi koji radite za dobrobit svih ljudi zelim vam srecnu novu 2007 godinu i ispunjenje svih zelja na poslovnom i privatnom planu.Ministarsvo za Obrazovanje Nauku iTehnologiju - u Pristini {Kosovo}Sektor za zajednice i jednokost polova.

Gjyzel Shaljani


May the grace of Allah bring you bless & happiness always!
Eid Mubarak!
Cestit Kurban Bajram!

ROZM “Daja”


Savorenge maj anglal,

Te ovel tumenge baxtalo o Nevo 2007 bersh. But baxt thaj sastipen!!!

Miroslav Merzan
predsedniko opstinako odbori Unija Roma Srbije
predsedniko NGO "RROMA-ROTA" Kikinda


Ano anav e romana redakciako ani Radio Kosova manga tumenge bahtalo nevo 2007 bersh, sastipaha, skolaha, sombutipa thay tolerancia.
Neka ovel o 2007 bersh vash o integripe e romengo ani Lumia, azhutipe, sarbaripe thay pakyavipe. Ano 2007 bersh pakya kay ka ovel e romani qhib ko sasutnipe standardizimi, o terne roma so maj but te agorinen o uqhe shkole thay but but aver laqhipya.

Tumaro terno phral,
Avdi Misini,

Redaktori e romana emisiako ano Radio Kosova - Pristina,
MOB: +37744390577


Quero agradecer aos amigos ciganos todas as mensagens de Natal !
Que neste NATAL e no ANO NOVO possamos compartilhar muitas alegrias e inúmeras esperanças... .
Que em 2007 todos os nossos sonhos se tornem realidade:
Paz, saúde, luz, amor, prosperidade e sucesso para todos!!!

Abraços
Elisa Zamith
http://elisazamith.tripod.com


Draga braćo i sestre,dragi moji Romi!

Pred nama je još jedna godina,godina iskušenja,godina rada ali za neke i godina istine.

Pokažimo da smo zreli,da smo skupa,podržimo jedni druge,zaboravimo svađe ,mislimo na svoju djecu na budućnost.
Nemojmo da nas gadže zavađuju sa svojim novcima.

Braćo i sestre došlo je vrijeme da mi ROMI vodimo svoj narod i da o Romima govore Romi u parlamentima, skupštinama ili slično.
Ova godina je u stvari godina ISTINE.

Svima nama želim da uspijemo u svom pohodu ka istini a posebno mladima .
Neka vam je srećna i berićetna 2007 godina od Bajre iz Zagreba

Romi za Rome


http://www202. 123greetings. com/card/ 12/23/10/ 48/JU11223104852 454.html

Sarbatori Fericite langa cei dragi,
Merry Christmas and Happy New Year!
Boris si Dana


Sarenangje e Rromenge ani sasti Lumja,

Baxtalo krecuno thaj o nevo 2007 bersh, bari Rromani baxt,suksesi pe buqa,tolerancija mashkar amende thaj gadze.

Mere ilestar kamav tumenge mere gudle thaj paqivale Rromalen.

Me sijum o Kasum Cana,presedento ani Rromani politikani partija ani Kroacia / foro Zagreb, presidento palo Centro kulturako ani Kroacia, Membro ano Consilo Rromane minirioritetsko ano foro Zagreb,presedento palo Rroma Art Centro,sherutno palo Forumo e Rromengo ani Kroacia thaj membro palo Rromano parlamento andi Kroacia ani International Rroma Union.

Sarenengje sijum putardo pali paqivali buqi,bi borgjesko,kamipaja, loshasa thaj aver.

Kasum Cana


Merry Christmas and Happy New Year 2007
Baxtalo Nevo bersh 2007

Imer Traja Brizani

Amala


Te del o Del savorrenge but baxt, sastimos aj losh pe kadi sunto vriamja aj te anel e Rromenge dubimos and'o bersh o nevo

Ian Hancock


Te del o drago del savorren buth baxt thaj sastjipe kado SUnto Kretjuno thaj te aresen les zhi shele bershende loshasa. Thaj o nevo bersh kaj so pashol, bersh bershestar, maj baxthale, maj saste, thaj maj zurale. Ditjol ke Lovari sim udji : - )

Pashe pasha kado kamos te hulavav jek vobra. Me sim nevo kristiano, de neves arakhado ando del. Numa kamav te phenav, o zakono murre purengo me tji bisterdem. Thena pherelpe tumenge zhungales, o hulajipe thaj nevipe fajma inkeren hunji anda tumende, kado si zakono maj buthivar kaj le Keldelara, Lovara thaj vi kaj le Polska Roma. Kodolen kaj si kaver zakono, te al lenge baxthalo lengo zakono, thaj amenge amaro. Atjaren man, ke naj karing kanjikaste kadi vorba po nasul, numa kamav te phenav. Si amen buth lashe Roma kaj xasajle, kaj bilengo tji avilamas zhuvinde adjes. De tji inkeras lengo djes, ke kodo djes kaj inkerasa angla lende, si hulajimasko vaj nevimasko thena pherel tumenge zhungales. Anda kodo, murro purano zakono, tji mekel man te inkerav tji jeke manushesko djes kaj naj mashkar amende ande luma, bi hulajimasko vaj nevimasko. Anda kado phenav, te avel baxthalo o zhuvindo zakono, o zhuvindo Romanjipe, thaj sogodi kaj inkeren les.

Buth Bukharia Romale,

Dufunia Chokescho


WE WISH YOU PROSPEROUS AND FRUITFUL 2007
AND A VERY MARRY CHRISTMAS!

PRAXIS

Jasmina Mikovic


Srecne Bozicne i Novogodisnej praznike Vam zele clanovi

EDUKATIVNOG CENTRA ROMA iz Subotice.


Dragi moji prijatelji Romi i prijatelji Roma !

Od sveg srca vam zelim Srecnu Novu 2007. godinu! Svim organizacijama koje se aktivno bave romskim pitanjem zelim puno uspjeha u daljem radu. Romskim politickim liderima puno uspjeha na predstojecim izborima, a onima koji, kao ja, Srbijom i svijetom sire romsku muziku i ples, uspjesnu karijeru !!!

Zahvaljujuci svima vama, zivot Roma, kao i pogled svijeta na Rome, moze se promijeniti !
Nadajmo se da ce ova 2007., u tom smislu, biti jedna od onih najnaprednijih !!! Puno srece svima!

BAXTALO NEVO BERSH 2007!!!

Simona Jovic


I wish a Happy New Year for all Roma and non-Roma people!

Minodora DINU
French teacher/ teacher trainer
Slatina - Olt
Romania


Sarenangje e Rromenge ani sasti Lumja,

Baxtalo krecuno thaj o nevo 2007 bersh, bari Rromani baxt,suksesi pe buqa,tolerancija mashkar amende thaj gadze.

Mere ilestar kamav tumenge mere gudle thaj paqivale Rromalen.

Me sijum o Kasum Cana,presedento ani Rromani politikani partija ani Kroacia / foro Zagreb, presidento palo Centro kulturako ani Kroacia, Membro ano Consilo Rromane minirioritetsko ano foro Zagreb,presedento palo Rroma Art Centro,sherutno palo Forumo e Rromengo ani Kroacia thaj membro palo Rromano parlamento andi Kroacia ani International Rroma Union.

Sarenengje sijum putardo pali paqivali buqi,bi borgjesko,kamipaja, loshasa thaj aver.

Kasum Cana


May you be very very happy and have a Merry Christmas!!!

... from faraway Pakistan,

Ana Oprisan


All the best in New Year!!!

Youth Roma initiative "Gypsy soul"
Kralja Petra I 14
Serbia

Phone: +381 30 456 640
Phone/Fax: +381 30 456 640

www.gypsysoulbor. org.yu


Un saludo para todos los hermanos gitanos que estan por todo el mundo, que las bendiciones del todo Poderoso alcancen todas y cada una de vuestras necesidades. y que el año 2007 sea un año de gran
prosperidad para todos.

Juan Hernánde Carbonell.

Presidente: Asociación Gitana Europea E Intercultural

www.lavozenlared. com


MERRY CHRISTMAS and HAPPY NEW YEAR

BAHTALO NEVO BERSH 2007!

From all at Dale Farm

Richard Sheridan
chair

Kathleen McCarthy
vice-chair

Grattan Puxon
Save Dale Farm Campaign

Thanks to everyone who has supported us- and helped make this a Happy Christmas for all our children and old folk.

We expect the results of our PLANNING APPEALS by the end of February.

No date set yet for the JUDICIAL REVIEW.

GOD BLESS!


Mindenkinek nagyon Bekes es Szep Karacsonyi Unnepeket es Nagyon Boldog Uj Evet Kivanok,

Del o Del tumen Sukar Krechuno taj Maj Baxtalo Nevo Bers,

Wilkinson Kertesz Iren


Dear all!

May we take this opportunity to wish you a very Happy New Year and Merry Christmas!
Our sincerest wish is that everyone will be happy, and share a moment of joy, peace and understanding!

 ***
It's Christmas time around the world,
You'll hear the Yule bells ring.
It's time for giving, time for love,
It's time for hearts to sing.

Merry Christmas to you one and all,
Goodwill and happiness,
Good health throughout the coming year,
May all your days be blessed.

***
Best wishes for a pleasant and successful New Year!!!
All-Ukrainian Union of NGOs "Congress of Roma of Ukraine"


9 B Mala Zhytomirska Str.
01001 Kyiv, Ukraine
Tel/fax: +380 44 278 87 11
 

Baxtalo krecuno !
Te aven saste thaj baxtale romalen. O bers kaj avel te anel tumenge but sastipe thaj zor bukiate.

Craciun fericit !
Fie ca Sfintele Sarbatori de Craciun sa iti aduca in suflet lumina, bucurie si dragostea celorlalti. La multi ani in 2007!

Mery Christmas !
I whish a Merry Christmas to all of you and a happy new year see you in 2007.


Grebeldinger Daniel
presedinte
Asociatia PARUDIMOS
str. Luncani, nr.2, Timisoara, Romania
Tel: 004 0723202756


But baxt thay sastipe ando Nevo Bersh vi Tumenge!

O Xristo Kyuchukov


Roma TV Production, Romania, wishes a Happy New Year in 2007 for Roma and non-Roma people.
Baxtalo Nevo Bersh!
Bichalav tumenqe kham - Sends you sun!
 

Cristinela Ionescu
Manager
TV Tumende Production
Association Thumende Jiu Valley


ELIZ NATAL DOS CIGANOS!!!

Neste Natal vamos... Multiplicar amor
Que nossas mãos sejam portadoras de paz...
De afagos.... De carinhos...
Que escorra delas os mais límpidos sentimentos. ..
de bálsamos... de alívio... de força... de luz...
Que possam ser espalhados na terra árida...
fazendo germinar o amor entre as pessoas...
Multiplicando cada melhor essência de nós...
Fazendo-nos fortes ao meio à tempestade.. .
Deixando-nos ver o sol que nasce... Que rompe a noite... Que se faz dia...
Que se faz belo.... Que se faz vida... Que se chama amor...
Um feliz Natal para você e toda a sua família.

Atenciosamente

Mio Vacite


HAPPY NEW YEAR!

Igor Misdaris
SUKAR the band http://www.sukar. org/


Romale,

Ande kady Kolad (Kreèuno), te del tumenge o Baro Devel but, bax, sastipe thaj losh ande tumare familii.
O IRU mangel tumenge savorenge
Baxtalo Nevo Bersh 2007

Ilesa thaj patyvasa
Stahiro-Stanislaw Stankiewicz
President IRU


Baxtalo tumaro dives e Mahmudesqo!!!

Marcel Courthiade


Happy Holidays!

wish you ORC Tuzla


E Fundsacia Socalo-Kulturalo le Romendi "Ion Cioaba" anda e Romania anda o foro Sibio e Kapitala Kulturalo la Europati e Luminita Cioaba phenel tumenga bara dragosa thai tradel tumenga sumnakune gandosa sa le romenga anda e lumea i tarne i mai phura :

Baxtalo Crecuno thai Sumnakuno Neo Barsh 2007!

E Pacea le Devllesti te avel ande tumară khara thai tumară ille!

Asen - Phiran thai aven Le Devllesa!

Luminita Cioaba


Bahtale sa o bidzukija sarinenge thaj but bah ko 2006

Oben bahtale thaj mishtore

Happy holidays for all and good luck to 2007 year

Best wishes

Srekni praznici za site i mnogu sreka vo 2007 godina

Elez Bislim


ZDRAVLJE I SRECU U 2007 OD SRCA VAM ZELI NADICA S CLANOVIMA
--
Nadica Balog


La tolleranza non ha mai provocato una guerra civile; l'intolleranza ha coperto la terra di massacri.
 
Voltaire

Bahtlo Krecuno thaj nevo bers!

Asmet Elezovski - Nacionalen Romski Centar

Slavica Curcinska
National Roma Centrum assistant
http://www.nationalromacentrum.org

tel.fax:+3893142755 8
mob.+38970258595


Ame anda Radio Romano thaj o Café Romano mangas tumenge

Te avel tumenge Baxtalo o Sunto Krecuno te keren les ande shelebershende ande bax ande zor thaj sastipe tumare chavorenca tumare phurenca, sa tumare manushenca!
Mindig te aven ketane ande kadala djes te na bistren tumare manushen.
Sa so mangen kathar o Sunto Del te del tumen kodo o Del

Radio Romano & Café Romano
Adam Parno Szoppe


Te aven baxtale sa le Rom!

Mangav te avel tumaro cretchuno thai o bersh o nevo baxtalo.

Te perdjon tumare gindori te inkerel tumen O Del saste zorale.

Te dell O Del but bax ande amare butcha 2007
O IRWN mokel bax sastimo sa le romenge

President IRWN
Tumari pej Soraya

Best Regards
Vänlig Hälsning

Soraya Post


Dear Friends!
All our best wishes for upcoming religious holidays and HAPPY NEW YEAR!

Muradif Biberovic
''Centar za podrsku informisanje i zajdnicko djelovanje'' Romskih NGO.TK-a BIH


Hello,

I am a British Humanitarian living for 12 years in Romania (Iasi County) were I undertake health education with Roma.

I wish you and all Roma people a merry Christmas.

Craciun Fericite!

Sarbatori Fericite,
Brian Douglas


buone feste e…

Felice Anno Nuovo

da:

Rom lavoro


Lacho dives, Roma and Roma friends!

Greetings from Australia!

Please, download your free Romani calendar 2007 from www.geocities. com/daveauss/

Mishto Avilan!

Yvonne Slee


Krasne proziti vanocnich svatku a hodne stesti a zdravi v Novem roce 2007.

Marry Christmas and Happy New Year 2007.

Lachi Karacona the but bacht the sastipen andro nevo bers 2007.

O.S. Athinganoi

U Královské louky 5/918, 150 00 Praha 5

Tel/Fax: +420 257 941 715


Shavale!, Rromale!,

Nedezhdi-ma tumenge savorrenge ek Baxtalo Krechuno ay ek inke may Baxtalo Nevo Bersh!,
te trayin mishto, umpachi ay sastevestes, ku nyamuria, ku cheleduria, ku sa!

Katar o Lolya Jorge Bernal


Romani baht te resel tumen ando nevo bersh 2007 !

But baht thai satipe te del tumen o Del , te arakhel o Del tumare chaven thai tumen .

Te del o Del but bahtori tahi satipe tumare familienge.

Te oven veste sa so si roma andi sasti Europa.

Te zoraliovel tumari buti , kiti si tumen bala tumare sherende aborkha pares te oven tumare djebende.

Te anel o nevo bersh but godi e romge te arakhen ek than te vazden baro kher te na phiren dromende.

Mai palal te del o del sastipe so si manushenge te del len o Del lachi godi te na maren pes mashkar peste .Te gilaben te kheln te den ekvash maro okolenge.Te den poro duito gad pe phralenge.

Bdhtalo Bojiki
Romani Bhat Foundation , Sofia ,Bulgaria
Mihail Georgiev , Miglena MIhailova , Emilia Dancheva, Angel Asenov, Dimitar Dimitrov, Kaloian , Anelia, Sulio,Roza tahi aver.


Kellemes karácsonyi ünnepeket és boldog új évet kíván a RomNet-Média Alapítvány, és a RomNet.HU!

MOZGÁSBAN VAGYUNK!


Hola a Tod@s

Con esta Postal de Navidad, deseamos expresaros nuestros mejores deseos y trasmitiros exactamente lo que en ella pone, nuestro deseo es seguir repartiendo ilusión, gracias entre otras cosas a vuestra colaboración. Sigamos trabajando junt@s para lograr hacer de esta Sociedad algo mejor donde entremos Tod@s.

Oscar Vizarraga
Vicepresidente de Kale Dor Kayiko


Sigitinav tumenge lachi Karacona andri nevo 2007 bers!

Dr.Trajko Petrovski
Instute of Folklor "MArko Cepenkov" - Skopje


Praha, prosinec 2006
Šigitinav tumenge lačhi Karačoňa the but bacht the staťipen andro nevo berš 2007

MANUSHE


Alexian
Santino Spinelli

e il suo staff
vi augurano un Buon Natale ed un Radioso 2007


May the joy and blessings of this season live now and forever in your hearts and may Devla bless you and yours with much happiness, good fortune and good health in the upcoming year.

Elena Kali

Navidad - Villancicos
Christmas pages and Music

Sarakali


FELICES NAVIDADES - David Gonzalez


Happy New Year! - Baxtalo Nevo Bersh!

Rasid Kurtic
RTS TVNS correspondent from South Serbia
rasid_kurtic@ yahoo.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/01/2007 @ 08:25:14, in blog, visitato 1555 volte)

La notte di san Silvestro c'è l'abitudine di eliminare un po' di cose vecchie.

Stavo leggendo qualche post scritto due anni fa, e mi ho trovato nel vecchiume qualcosa che invece può valere come un proposito per l'anno nuovo. Vediamo...

Diario di un razzista

Io odio i neri, gli zingari (e un po’ anche i gialli): non mi sento + sicuro di girare in città. Sono Italiano e me ne vanto.

Me ne vanto di meno quando incontro un francese o un inglese: mi guardano sempre con quella superiorità di chi è un popolo da almeno 1000 anni, mentre di Italia se ne è cominciato a parlare da neanche 200. Ma in casa ho il TV color, il DVD, l’HiFi e tutte quelle cose col nome inglese. Se me le portassero via, mi sentirei un po’ nero anch’io. E ho paura.

Gli zingari non hanno tutte queste cose, ecco mi sentirei un po’ zingaro…

Loro non pagano le tasse come me, per scacciare la paura loro rubano i TV color, e poi li rivendono a noi italiani, o ci allevano dentro le galline. Io, piuttosto che rimanere senza TV color, lo comprerei persino da uno zingaro (e magari ci risparmio, basta stare zitti).

Io pago le tasse per stare in pace, e con le tasse mando i figli a scuola. Adesso, anche gli zingari vogliono mandare a scuola i figli (con i soldi che paghiamo noi!) Abbiamo fatto un presidio, alla fine alcuni loro genitori li hanno ritirati dalla scuola. Poi, andando a lavoro, ho trovato uno di questi bambini zingari per strada. Magari quel bambino andava a chiedere il Mangel, o a rubare. M’è venuto un pensiero strano in testa: e se quello andava a rubare, io con quelli del presidio (tutti italiani, lavoratori, padri di famiglia) non è che ce l’abbiamo mandato noi??

A scuola, con gli zingari, stanno succedendo cose strane: prima, o i soldi (le mie tasse!) non venivano spesi, oppure dovevamo pagare di tasca nostra quello che lo stato ci doveva. Adesso la scuola ha tutta una serie di finanziamenti che neanche mi aspettavo. Però gli zingari sono sporchi: adesso a scuola hanno chiesto persino una lavatrice. Ho fatto 2 conti: se ci tassiamo noi genitori, avremo la lavatrice a scuola, e forse ci risparmiamo su quello che pagavamo prima (o almeno andiamo in pari).

La lavatrice: è un idea che ho avuto parlando col dottore; però si è aperto un nuovo problema. Il campo degli zingari fa schifo solo ad immaginarlo… non c’è acqua o corrente, certo che i bambini arrivano sporchi a scuola. Ma, se per caso lì dentro scoppiasse un’epidemia, le malattie (che non sono razziste come me), prima o poi arrivano anche da noi. Potremmo fare un nuovo presidio, perché gli zingari vadano via, magari al posto del campo, non faranno un parco, ma speriamo almeno in un supermercato (ce ne sono già altri otto). E poi, mi sono detto: “Quelli” dove vanno? Non che me ne importi, ma lo so già, staranno qui attorno e gireranno nuovamente nel quartiere. Anche ad arrestarli tutti, poi dove li si mette? Io non so + se sono razzista, o se è solo la paura che scrivevo all’inizio… ma tra uno zingaro che ho già visto e uno sconosciuto che verrà poi, forse preferisco quello che ho già visto, che il figlio va a scuola, che magari gli ho dato dei vestiti alla mamma... Cercate di capirmi!

Credo che il Comune non ascolterà questi pensieri di un razzista, e sgombererà il campo con la polizia e con le ruspe (che io pago con le mie tasse). Si aspetterà che gli sia grato di questo quando ci saranno le elezioni. Dopo le elezioni, avremo un altro accampamento abusivo, poco distante dal primo, e dovremo ricominciare ad odiarci da capo, come se niente fosse successo.

Odiare per me non è un problema, sono abituato. Sono molto più preoccupato perché le mie tasse da anni sono finite in un giro vizioso: polizia, ruspe, sgombero dell’immondizia quando non se ne può +. Ogni anno senza che niente possa cambiare. Gli zingari montano un campo, il Comune lo smonta, il Comune monta un campo, gli zingari lo demoliscono.

Forse sarebbe meno pesante per le mie tasche, se il Comune li pagasse per montare, e tenere in ordine, dove li manda. I soldi, ho scoperto ci sono, ma se non vengono spesi, non è che saranno investiti per fare quel parco che avremmo bisogno. No! Tornano in tesoreria, o a Bruxelles o chissà dove. Ho il sospetto che per farmi un favore, mi nascondano i soldi… e questo non è bello, se sei convinto che i ladri siano gli zingari!

Insomma, caro diario, sono sempre razzista, ma a ragionare mi è venuto una gran mal di testa. Cosa mi rimane di sicuro? La mia paura. Se non ne avessi così tanta, parlerei con gli zingari per capire chi è il ladro. Ma non ne sono capace, e forse anche lo zingaro avrà paura di parlare con me. Saremo condannati ad odiarci, e per fortuna è quello che sappiamo fare meglio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/01/2007 @ 10:04:14, in Kumpanija, visitato 1664 volte)

Vi giro (col consenso dell'interessata) una richiesta "singolare" che mi è stata fatta qualche giorno fa e a cui non ho saputo rispondere. Chissà che i lettori non sappiano fare di meglio...

Buongiorno, mi chiamo Irene e vorrei sapere dove posso trovare un vurdon da acquistare in Italia. anche usato.
mi potete aiutare?
grazie
Irene

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/01/2007 @ 14:20:44, in media, visitato 1588 volte)

CAPODANNO: CAMPO NOMADI A FUOCO A MILANO
(AGI) - Milano, 1 gen. - E' stato quasi completamente distrutto dal fuoco il campo nomadi di via Triboniano a Milano. Le fiamme si sono sprigionate ieri pomeriggio verso le 16 e 30 e sono state domate solo cinque ore dopo. I vigili del fuoco stanno ora accertando le cause che da una prima analisi sembrerebbero accidentali. Gli stessi rom hanno riferito che le fiamme si sarebbero sprigionate da una stufetta elettrica. Nessun ferito grave fra gli occupanti. L'unico intervento delle auto mediche ha riguardato due bambini sotto shock trasportati all'ospedale Sacco per una visita. Gli sfollati sono un centinaio, trasportati con l'aiuto della protezione civile in diverse strutture di ricovero della citta', fra cui il dormitorio per clochard di via Barzaghi. Le operazioni di soccorso sono state seguite dall'assessore ai servizi sociali Mariolina Moioli presente sul posto. Dieci roulotte e trenta baracche bruciate e' il bilancio definitivo dei danni provocati dall'incendio. Gli occupanti del campo che erano stati fatti sfollare sono tornati nel campo trovando alloggio nelle baracche di parenti. Intanto in prefettura e' in corso il Comitato per l'ordine e la sicurezza che fara' il punto della situazione del campo nomadi di via Triboniano. Presenti oltre al prefetto Gianvalerio Lombardi, il questore di Milano Vincenzo Indolfi, il colonnello Enzo Bernardini, comandante provinciale dei Carabinieri, il sindaco Letizia Moratti. (AGI) -
011515 GEN 07 COPYRIGHTS 2002-2006 AGI S.p.A.

CAMPO NOMADI A FUOCO A MILANO: ISTITUITA TASK FORCE SICUREZZA
(AGI) - Milano, 1 gen. - Il campo nomadi di via Triboniano a Milano avra' un presidio permanente che ne garantira' la sicurezza. E' questa la decisione emersa oggi al termine della riunione del Comitato per l'ordine e la sicurezza in prefettura. "Garantiremo la presenza di una task force mista - ha detto il prefetto Gianvalerio Lombardi - per dare ai cittadini una concreta percezione di sicurezza". Il comitato e' stato convocato in seguito all'incendio divampato ieri pomeriggio nel campo nomadi che ospita piu' di 500 rom. Il sindaco di Milano, Letizia Moratti, che in mattinata si e' recata sul posto, fa sapere che la task force sara' formata dalle forze del Comune, dalle forze dell'ordine e dalle forze sociali. Sempre per la sicurezza del campo di via Triboniano e' in programma un piano per suddividerlo in quattro sottostrutture. Il sindaco fa sapere che ne parlera' con le famiglie e annuncia: "Vogliamo siglare un patto di legalita' e solidarieta' con i capi famiglia in modo che vengano rispettate le condizioni di vivibilita' della struttura, sia per la sicurezza del campo, che dei cittadini residenti nelle zone adiacenti". Sulla questione legalita' daccordo don Virgilio Colmegna, direttore della Casa della carita', che ha partecipato al tavolo. "Insistiamo anche noi sul rispetto della legalita' - ha detto don Colmegna - e sul fatto che venga denunciata qualsiasi azione o situazione illegale del campo". Intanto nei prossimi giorni arriveranno 25 container, che verranno posizionati in una zona gia' bonificata del campo. Qui troveranno alloggio le famiglie rimaste senza dimora in seguito all'incendio. (AGI) -
011517 GEN 07 COPYRIGHTS 2002-2006 AGI S.p.A.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/01/2007 @ 09:47:19, in Europa, visitato 1481 volte)

Link

[E' arrivato] l'Anno Europeo delle Pari Opportunità per Tutti che verrà celebrato nell'Unione Europea per portare all'attenzione delle nazioni europee i problemi creati dalla discriminazione e le opportunità offerte dalla diversità. Verranno promosse pari opportunità e la crescita della consapevolezza sul diritto al pari trattamento e sui benefici della diversità. La celebrazione verrà sottolineata da centinaia di differenti attività a cui prenderanno parte i 27 Stati Membri. Scopo principale è raggiungere il grande pubblico e per questo le attività dell'Anno si terranno a livello locale, regionale o nazionale. Questo verrà supportato ed integrato da diverse attività pan-Europee come una campagna sulle politiche e sulle legislazioni antidiscriminatorie e la presentazione dei risultati dell'Eurobarometro - ricerca sull'attitudine dei cittadini verso i temi dell'ineguaglianza e sulla loro conoscenza della discriminazione.

L'Anno Europeo delle Pari Opportunità per Tutti verrà formalmente inaugurato durante una grande conferenza aperta a Berlino, presieduta dal Presidente tedesco.

Qui ulteriori informazioni

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/01/2007 @ 09:58:44, in musica e parole, visitato 1702 volte)

I nostri sforzi negli ultimi dieci anni nel promuovere la musica zingara dalla Turchia nei festival internazionali e nei centri culturali hanno ottenuto effetti significativi nel raggiungere la consapevolezza in Europa, della musica zingara e delle bande [musicali] di Turchia.

Costruendo la nostra esperienza in questo campo, abbiamo costituito un "Centro per la Musica Zingara dalla Turchia", come premessa del Centro Artistico Karagöz di Ayvalik.

L'edificio era in origine un deposito per l'olio d'oliva, costruito nel 1881 con una tipico stile architettonico greco: 80 m2 con una copertura lignea originale nel soffitto.

Il centro ha aperto le sue porte nell'estate 2005. L'attività principale del centro riguarda la musica zingara ma è anche aperto a tutte le attività artistiche.

Intendiamo essere il punto di riferimento in Turchia per la musica zingara, che sinora non ha avuto centralità.

I nostri obiettivi sono i seguenti:

  • Creare un database dei musicisti professionisti e delle bande musicali zingare in Turchia
  • Catalogare tutte le forme di documentazione (CD, cassette, film, libri, fotografie, poster...) sulla cultura zingara in Turchia
  • Proporre progetti artistici di tutti i tipi e soggetti relativi alla cultura zingara
  • Organizzare festival musicali a Ayvalik e in altre città turche, come pure all'estero, riunendo musicisti turchi e di altri paesi
  • Promuovere la musica zingara all'estero
  • Sviluppare progetti collaborativi con musicisti e istituzioni di altri paesi
  • Organizzare programmi formativi condotti da maestri musicali per i membri più giovani della comunità zingara di Ayvalik e altre città
  • Karagöz funzionerà come punto di incontro e anche di creazione e replica per diversi progetti. Ospiterà anche performances musicali

Grazie al lavoro precedentemente svolto per creare un elenco dei musicisti professionisti zingari, siamo attualmente in contatto con un totale di 16 musicisti delle regioni di Tracia, Istanbul e Mare Egeo:

  • 44 clarinettisti / 17 suonatori di zurna / 24 suonatori di davul / 15 suonatori di davul / 22 violinisti
  • 22 suonatori di darbuka / 10 suonatori di ud
  • 1 percussionista
  • 5 suonatori di çümbü

Il nostro database comprende anche 15 bande, con alcune di queste abbiamo organizzato concerti all'estero per 10 anni.

Kenan ÖZTÜRK

Address : KARAGÖZ ART CENTER
Cumhuriyet Cad. No. 78 Ayvalik - Turkey
Tel. +90 266 312 65 61
Contact : mail.cafeturc@ cafeturc. com
Telephone (France): +33 6 08 07 16 28

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 04/01/2007 @ 13:15:48, in blog, visitato 1291 volte)

Opera (MI), la vergogna continua
Si sono insediate nella tendopoli allestita dalla Protezione civile sull'area circense del Comune di Opera le famiglie rom rumene sgomberate dal campo di via Ripamonti il 14 dicembre scorso. Si tratta in totale di 77 persone, di cui 23 uomini, 17 donne e 37 minori. In particolare, 11 bambini hanno meno di tre anni e, tra questi, cinque sono nati nel 2006. Il più piccolo in assoluto ha solo due mes...

Castelsangiovanni (PC), Capodanno al caldo per i Sinti
Capodanno al caldo per i Sinti di Castelsangiovanni che questa sera potranno festeggiare l'arrivo del nuovo anno in locali riscaldati e dotati di acqua calda. Dopo l'insediamento la settimana scorsa nella nuova area attrezzata sulla stada per Creta e dopo il Natale passato al freddo senza riscaldamento e senza acqua calda, ora finalmente per la comunità sinti di Castelsangiovanni è partita la forn...

Orta di Atella (CE), muoiono due ragazzi rom
Li hanno trovati abbracciati nel letto. Cristina Mihalache aveva quindici anni, il suo compagno Nicolae Ihnunt sedici. Sono morti carbonizzati nella loro baracca a Orta di Atella, non distante da Caserta. E' stato forse un mozzicone di sigaretta o una candela lasciata accesa a far divampare l'incendio questa mattina all'alba. Cristina e Nicolae erano romeni di etnia rom.
Nel campo di Orta ...

Veneto, la Lega Nord chiede il riconoscimento di minoranza linguistica
C’è un angolo d’Italia che sta per tagliare il traguardo del bilinguismo e c’è una Regione, erede della Repubblica Serenissima, che alla propria lingua non riesce a dare un riconoscimento ufficiale. Ma è solo questione di forma. I fatti parlano chiaro: il Veneto non è un dialetto come qualcuno vorrebbe farci credere. È una lingua romanza usata regolarmente da alcuni milioni di persone in sei stati...

Padova, polemica tra l'Opera Nomadi e il Centro-Destra
Alle recenti critiche del centro-destra sul progetto del Comune di Padova a favore delle comunità Sinte, risponde l'Associazione Opera Nomadi. "Le dichiarazioni della Cdl - commenta Renata Paolucci - devono essere respinte con fermezza e dimostrano la mancanza totale di conoscenza e tutti i pregiudizi che si...

Torino, quando i Sinti sono cittadini
Il quartiere sente ormai alle spalle gli anni difficili: la gente spiega di sentirsi 'diversa' da San Salvario La sicurezza non viene vissuta come un problema e si vedono già i primi cantieri del piano di riqualificazione Il presidente Trombotto: 'Sulle rive del Sangone si fa jogging in tranquillità' Al posto della torre di via Garrone buttata giù nel 2003 sorgeranno presto 72 nuovi alloggi ...

Cosenza, Francesco Caruso al "campo nomadi"
Il Governo, “invece di tentennare nell’ambiguità, deve dare “un segnale chiaro di rottura con le politiche razziste e xenofobe dei 5 anni di governo Berlusconi”. A sostenerlo è stato Francesco Caruso (in foto), deputato del Prc dopo avere visitato il campo rom a Cosenza.
Caruso, che ha riferito di essersi “vergognato di essere un parlamentare di questa Repubblica”, ha annunciato una interr...

Milano, il Comune dice no al muro in via Triboniano
Il "campo nomadi" di via Triboniano a Milano, non avrà nessun muro a separarlo dalla zona residenziale. La notizia circolata nei giorni scorsi seguita da una lunga scia di polemiche, viene smentita oggi sia dall'amministrazione comunale, attraverso il Vice sindaco e Assessore alla sicurezza Riccardo De Corato, e dalle associazioni, prima fra tutte della...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/01/2007 @ 09:37:55, in Italia, visitato 1347 volte)

Mercoledì 3 gennaio: all'alba nuovo incendio in un campo nomadi in provincia di Caserta. Sono morti due ragazzi: Cristina Mihalache aveva quindici anni, il suo compagno Nicolae Ihnunt sedici.

In questi periodi, ogni anno, le cronache riportano spesso notizie simili, che a volte sfuggono nel panorama delle informazioni. D'altronde, è un'inquietante normalità che bidonvilles di roulottes e baracche diventino d'inverno trappole mortali. Proprio per questo, invito a rileggere - a mente fredda - un articolo da Rom Sinti @ Politica, scritto poco prima dell'ultimo (?) incendio.

La "normalità". A chi NON conviene?
Non per caso voglio dare inizio a questo blog per l’anno 2007 con deprimenti riflessioni e penose critiche per quando accade a Rom e Sinti in Italia.
Dal 2 al 31 dicembre 2006 sono quattro gli incendi avvenuti nei campi nomadi e sono solo quelli di cui siamo venuti a conoscenza.
Ma non è ancora arrivato il momento per noi rom e sinti di avere il diritto di vivere?

1 - Roma, 2 dicembre 2006: incendio al campo nomadi. Morti due giovani.
Le fiamme distruggono un prefabbricato in un campo nomadi di Roma Il difettoso funzionamento di una stufetta all’origine della tragedia. Due le vittime, due giovani Rom di 17 e 16 anni che si erano sposati da circa un mese. Prima di morire avvolto dalle fiamme dell’incendio, il giovane Sasha è riuscito a salvare i genitori e tre nipoti di 9 mesi, 8 e 18 anni.

2 -Lana all'Adige (BZ) 13 Dicembre 2006:bruciano le case per i Sinti.
Due dei quattro nuovi edifici prefabbricati dell'area per Sinti Italiani in costruzione di Lana all'Adige, in provincia di Bolzano, sono stati incendiati da ignoti la notte del 13 dicembre. Secondo i carabinieri, per innescare il fuoco sarebbe stato utilizzato un rotolo di lana di vetro, cosa che fa propendere per l'origine dolosa del grave episodio.

3 - Opera (MI) 23 Dicembre 2006: bruciate le tende dei rom Proteste per allestimento campo nomadi.
Molto più di una protesta quella scoppiata ad Opera, nel Milanese contro la creazione di un campo nomadi in un'area del comune. Circa 400 cittadini hanno interrotto il consiglio comunale per protesta e poco prima le tende, posizionate dalla protezione civile per ospitare i rom, sono state date alle fiamme. Accanto alle tende bruciate sono state trovate alcune taniche di benzina.

4 - Milano 31 dicembre 2006: incendio al campo nomadi.
I vigili del fuoco di Milano sono riusciti, dopo due ore di lavoro, a circoscrivere l'incendio che e' divampato in un campo nomadi di Milano, in cui vivono circa 700 persone. Le fiamme si sarebbero sprigionate da un fornello lasciato inavvertitamente acceso in una roulotte.

Queste sciagure, di cui molto superficialmente la stampa ha dato informazione, continuano a causare sofferenze alla minoranza rom/sinta, continuano a segnare la nostra drammatica storia, dandoci la percezione che per noi non è possibile costruire un futuro diverso.
Avrei voluto vedere una maggiore consapevolezza sul piano politico, avrei voluto che da questa consapevolezza si fosse avviato un percorso globale per una politica sociale nel rispetto della persona anche se rom o sinta.

Purtroppo quando le vittime di queste disgrazie siamo noi rom e sinti, tutto viene vissuto e visto con altri occhi :
... non si sentono i pianti dei nostri bambini...
... non si sentono le urla e la disperazione di donne e uomini che perdono tutto ciò che avevano...
...non si vedono i vecchi che faticano a mettersi in salvo….,

ma anche se noi rom e sinti siamo diversi, soffriamo e ci disperiamo come qualsiasi altra persona: purtroppo chi ha il potere di decidere della nostra vita e del nostro destino e, spesso, anche coloro che ci sostengono e ci difendono, ci vedono con quegli stessi occhi.

Fortunatamente troviamo anche persone solidali con noi, ma non possiamo sottovalutare che chi non è rom o sinto, è cresciuti dall’altra parte della barricata, è cresciuto con i pregiudizi degli adulti, ha sentito parole denigranti nei nostri confronti e, spesso, le sue buone intenzioni ed azioni sono dettate più dalla indispensabile solidarietà umana che dalla giustizia di cui ognuno ha diritto.

E mentre le povere pseudo abitazioni scompaiono nelle fiamme degli incendi e le condizioni di vita di Rom e Sinti peggiorano gravemente, da qualche parte c’è chi protesta perché ritiene che si usino “corsie preferenziali e privilegi” a favore di rom e sinti, come riportato dal quotidiano il Mattino di Padova (articolo allegato al termine di questo post).

Nel momento in cui si cerca di affrontare la problematica dell’habitat, allora la politica scende in campo e si ricorda che esistiamo anche noi, la questione diventa oggetto di scontro politico e di strumentalizzazioni: ognuno dei partiti del centro destra si scatena sperando di accrescere il proprio bacino elettorale con forti opposizioni e dubbi: "preferenze ai nomadi!.. acrobazie da circo dell’autocostruzione!...ghetto di serie C!.."

A queste proteste il centro sinistra, (come si legge nell’articolo) quasi si difende timidamente contestando al centro destra di aver fatto peggio nell’investimento di fabbricati poi buttati via, dichiarando con una certa soddisfazione che dopo cinque anni il numero dei sinti ereditato dal centro destra si è ridotto della metà. Chissà dove sono finiti gli altri!

Più volte abbiamo scritto in questo blog che la questione dell’habitat dovrebbe essere invece affrontata con serietà e competenza, non solo per il bene dei rom e sinti ma per l’intera comunità, altrimenti come l’attuale centro sinistra accusa di aver sperperato denaro pubblico per i fabbricati, domani sarà il centro destra ad accusare l’avversario politico per la costruzione del “villaggio della speranza” e ….i rom e sinti continueranno a sperare.

E’ possibile che quando si tratta di decidere della vita e del futuro di noi rom e sinti, oltre ad essere esclusi a tutti i livelli si riesca SOLO a produrre progetti di segregazione e di separazione?

E’ possibile che per noi Rom e Sinti per risolvere la problematica
abitativa si riesca SOLO a progettare soluzioni di segregazione e di
separazione
come: “campi nomadi” (quindi segregati e separati) oppure
a “villaggi” con nomi più o meno fantasiosi (quindi segregati e
separati) oppure “microaree a dimensione familiare” più o meno carini,
puliti, ecc. (ma sempre segregati e separati)?

E’ possibile che in Italia per noi Rom e Sinti NON si riesca a progettare “LA NORMALITA’”, nel rispetto della diversità culturale, cioè L’UGUAGLIANZA delle OPPORTUNITA’ nel rispetto delle RECIPROCHE DIFFERENZE CULTURALI?

Se qualche milione di immigrati, in Italia da diversi anni, provenienti da oltre 150 paesi del mondo con 150 culture diverse, riescono ad ottenere riconoscimenti politici ed istituzionali per usufruire di corrette politiche sociali per migliorare la loro condizione di vita ed il futuro, perché NON è possibile fare altrettanto per noi Rom e Sinti?

Molti daranno la colpa al pregiudizio. E’ giusto attribuire responsabilità al pregiudizio contro Rom e Sinti, ma non è sufficiente per giustificare la sempre più disastrosa condizione di poco più di un centinaio di migliaia di Rom e Sinti.
Non sarebbe più facile e semplice rispettare ed applicare le norme ed i principi anche per le minoranze Rom e Sinti?

Sembra proprio di NO.

Riporto integralmente articolo dal Mattino di Padova:
“ Insorge la casa delle liberta. Una corsia preferenziale anche ai nomadi”


Il Villaggio della speranza per sinti all’ex Foro Boario di Corso Australia ha scatenato il centro destra.
Il consigliere Antonio Foresta (UDC) contesta la delibera approvata giovedi dalla giunta “ forse Sinigaglia insegue la Ruffini, restano dubbi tanto dal punto di vista urbanistico, quando sulle acrobazie da circo dell’autocostruzione degli undici alloggi. Di certo, così si finisce per realizzare un ghetto di serie C.”
Mariella Mazzetto (Lega) ricorda di aver interrogato inutilmente il vice sindaco , bollato come “cattocomunista che fa del male alla città” mentre Zanonato & C. diventano “compagni che sbagliano”.
Per il Carroccio ai Sinti vengono offerte “corsie preferenziali e privilegi” al contrario dei padovani “normali” che attendono inutilmente l’assegnazione di un alloggio.
E’ anche la tesi di Domenico Menorello (Forza Italia): “ è il terzo caso conclamato. Prima è toccato ai domiciliati in Via Anelli. Poi agli occupanti le case ATER. E ora anche ai presunti nomadi di via Tassinari saltano ogni graduatoria.”
Un attacco concentrico. Gabriele Zanon, consigliere regionale di An, ricorda: “ Ho presentato una interrogazione circostanziata per avere la documentazione dai servizi sociali del Comune sulla situazione dei campi nomadi.”
Sinigaglia, da parte sua, replica così: “ Nel 2001 gli assessori Saia e Menorello hanno investito 200 mila euro per i prefabbricati di Via Longhin che noi abbiamo dovuto buttare via. Dalla giunta del Polo abbiamo ereditato 220 nomadi. Oggi sono meno della metà”. E comunque tra i Sinti di Via Tassinari 19 sono padovani, residenti, con cognomi come Pavan o Pierobon. Ci sono 12 minori, di cui 8 frequentano le scuole.
Sono deluso e amareggiato: si tratta di una integrazione nella sicurezza che dovrebbe essere condivisa da tutti.”

 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/01/2007 @ 09:26:18, in Italia, visitato 1426 volte)
A cinque giorni dall’incendio che ha distrutto circa un terzo del campo di Via Triboniano, molte famiglie sono ancora costrette a passare la notte dormendo all’addiaccio accanto a falò improvvisati o in auto. Alcuni hanno trovato ospitalità nelle baracche di amici e parenti scampate al rogo. La popolazione già esposta precedentemente ad un forte disagio abitativo ha vissuto in questi momenti l’ennesimo affronto: la risposta istituzionale di trasferire nel campo nuovi container non consente di affrontare rapidamente “l’emergenza freddo”, considerato soprattutto il tempo necessario (un mese circa) perché vengano consegnati alle famiglie in difficoltà.

La naturale solidarietà che ha consentito ai più di trovare un riparo temporaneo, non deve esimere le istituzioni dal cercare una sistemazione urgente per 50 persone circa che al momento tale riparo non hanno. Una soluzione adeguata dovrebbe consentire a chi ha avuto distrutta la propria precaria abitazione di superare le prossime settimane in un luogo asciutto e riscaldato. Gli obiettivi a breve termine dovrebbero quindi: favorire il rientro a scuola dei numerosi bambini presenti nel campo, permettere la ripresa del lavoro degli adulti e soprattutto proteggere i nuclei familiari evitando di separare i componenti nelle strutture di accoglienza disponibili sul territorio. Una soluzione provvisoria, condivisa dagli abitanti del campo nell’attesa dei container, sono le tende riscaldate che potenzialmente la protezione civile (sede a lato del campo) potrebbe montare rapidamente nei pressi dell’insediamento.

Un ultima questione su cui ci siamo interrogati, senza trovare delle risposte razionali è lo sbilanciamento verso un’imponente presenza di forze dell’ordine nell’area rispetto all’assenza di assistenza logistica che tutto sommato sarebbe la cosa più utile per gli abitanti, i quali sono cittadini europei innocenti fino a prova contraria a cui è bruciata la casa e non delinquenti da sorvegliare.

Associazione NAGA
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/01/2007 @ 13:18:57, in Italia, visitato 1744 volte)

Un lungo articolo, uscito su Casertasette, sull'incendio del campo di Orta di Atella:

Una causa accidentale, secondo quanto hanno ricostruito i carabinieri di Aversa ed i vigili del fuoco, ha provocato l'incendio che ha coinvolto la baracca di legno nella quale dormivano Cristina Mihalache, di 15 anni e Nicolae Ihnunt Laurentiu di 16, i due giovani rumeni morti avvolti dalle fiamme. A provocare il rogo sarebbe stato o un mozzicone di sigaretta o una candela lasciata accesa. Da quanto è stato accertato, infatti, è escluso il dolo e all'interno della struttura non sono state trovate stufe elettriche. Le fiamme si sarebbero sprigionate lentamente durante la notte, mentre i due dormivano. Le esalazioni avrebbero stordito la giovane coppia i cui corpi sono stati trovati carbonizzati nel letto. L'incendio ha coinvolto tre baracche - che sono andate completamente distrutte - ma gli abitanti delle altre due sono riusciti a mettersi in salvo. Il campo nomadi - costituito da una ventina di baracche di legno - si trova alla periferia di Orta di Atella, in località Cerbone e attualmente vi risiedono una cinquantina di persone. A identificare le vittime è stato il fratello di Cristina Mihalache. Secondo quanto si è appreso, i due giovani erano da poco a Orta di Atella, probabilmente erano giunti in occasione delle festività. I corpi sono ora a disposizione dell'autorità giudiziaria e sono stati portati nell'Istituto di Medicina legale di Caserta dove sarà effettuata l'autopsia. Erano sposati da circa due mesi Cristina Mihalache, di 15 anni e Nicolae Ihnunt Laurentiu di 14 (e non 16 come si era appreso in un primo momento), i due giovani rimasti uccisi nel rogo della baracca nella quale dormivano nel campo nomadi di Orta di Atella (Caserta). Ad accorgersi dell'incendio è stato uno dei vicini di Cristina e Nicolae che insieme con altri abitanti del campo - che sono tutti imparentati tra loro - hanno tentato di spegnere le fiamme con l'acqua contenuta nei bidoni: nel campo - che sorge sotto i piloni dell'asse di supporto Nola-Villa Literno, alla periferia di Orta di Atella ed al confine con l'area industriale di Pascarola di Caivano (Napoli) - infatti manca l'acqua corrente. I due giovani, che vivevano stabilmente nel campo nomadi di San Salvatore, a Casoria (Napoli), erano a Orta di Atella per trascorrere le festività con alcuni parenti. Il campo nomadi di località "Cerbone" è costituito da una ventina di baracche occupate da circa cinquanta persone che vivono facendo piccoli lavoretti. L'area dove sorge l'insediamento è degradata: vi sono rifiuti di ogni genere ovunque. I residenti sopravvivono facendo piccoli lavoretti, molti di loro estraggono rame dalle batterie per auto in disuso per poi rivenderlo, altri puliscono le cantine. Le baracche sono costruite con materiale di risulta e sono coperte da tappeti di bitume per cercare di limitare le infiltrazioni d'acqua. Oltre all'acqua manca anche la corrente: per illuminare le abitazioni vengono infatti utilizzate candele, per il riscaldamento stufe a gas. I nomadi che vivevano nel campo nomadi in località Cerbone, dove la notte scorsa è andata a fuoco una baracca e una coppia di giovanissimi è rimasta uccisa, stanno lasciando le baracche per dirigersi verso postazioni più sicure. Gli uomini, infatti, hanno caricato le masserizie su macchine e motocarri. "Stiamo andando via da qui - dice un rappresentante della comunità - perché non è più possibile vivere dove sono morti due nostri amici". Alcuni, secondo quanto si è appreso, troveranno una sistemazione in altri campi della zona. "Saremo lì per qualche giorno - prosegue il rappresentante della comunità - poi vedremo dove andare". Dalla stessa comunità di nomadi fanno sapere che i funerali delle due vittime si terranno in Romania, non appena saranno ultimati l' esame medico legale disposto dagli inquirenti.

Parla Bassolino

"La morte di Cristina Mihalache e Nicolae Ihnunt Laurentiu suscita profondo dolore; la vita è il bene più prezioso. Nessuno può restare indifferente di fronte a quanto accaduto oggi a Orta di Atella - dice il governatore della Campania, Antonio Bassolino - dove due giovanissimi sposi hanno perso tragicamente la vita in un contesto di povertà e abbandono". Per Bassolino "serve un lavoro continuo e costante per porre rimedio a situazioni di estrema difficoltà". Situazioni "come quelle che si verificano in molti campi rom abusivi presenti nel nostro Paese, dove vivono persone, donne e uomini, famiglie intere con bambini". "E' un grande e delicato tema, pieno di contraddizioni e di problemi, che reclama un impegno di tutti e una doverosa attenzione di tutte le istituzioni, nazionali e locali - afferma Bassolino - nel corso di questi anni, l'assessorato regionale alle Politiche Sociali si è fortemente impegnato per intervenire in diverse situazioni presenti sul territorio campano. Insieme con il Comune e con la Provincia di Napoli, è stato istituito un 'Tavolo permanente di concertazione sulle problematiche Rom', attraverso il quale la Regione ha finanziato la costruzione e il risanamento dei campi di Giugliano e Caivano, mentre altri importanti interventi sono in corso d'opera. Stiamo realizzando iniziative analoghe anche insieme alle amministrazioni di Giffoni, Battipaglia, Eboli, e in tutta la fascia a sud di Salerno". "Vogliamo potenziare ancora di più il nostro impegno, per garantire la messa in sicurezza dei campi a rischio e normali condizioni sanitarie e abitative ai loro abitanti. Per questo - conclude Bassolino - siamo pronti a collaborare con la Provincia di Caserta, la Prefettura e il Comune di Orta di Atella per aprire subito un tavolo operativo che si occupi costantemente dei campi rom in Terra di Lavoro".

Parla assessore regionale D'Amelio

"Rammarico e dolore" per la "tragica scomparsa dei due giovani rom morti a Orta di Atella" vengono espressi dall'assessore campano alle Politiche Sociali, Rosa D'Amelio. L'assessore sottolinea "l'urgenza di accentuare sempre più efficaci politiche di integrazione". "Vicende strazianti come questa - afferma - ci richiamano tutti a fare di più, anche se niente e nessuno potrà restituire la vita a questi due giovanissimi ragazzi. Spetta prima di tutto alla politica - istituzioni, forze politiche e sociali, società civile - sapersi far carico di problemi difficili come l'immigrazione e l'aiuto alle fasce sociali più deboli". "Noi come Regione siamo impegnati a fare la nostra parte, come dimostrano gli interventi di riqualificazione di diversi campi rom compiuti in questi anni. Vogliamo continuare su questa strada - conclude D'Amelio - approvando al più presto una legge regionale sui rom, che potrà essere un ulteriore contributo per la soluzione di questi problemi".

Ma sindaco Orta di Atella rilancia su Bassolino e Provincia

"Tornerò a scrivere alla Regione, alle Province di Caserta e Napoli e alle rispettive prefetture per chiedere la convocazione di un tavolo di confronto. Sono addolorato per quanto è accaduto ma non siamo in grado di offrire, nel nostro Comune, ospitalità a circa duecento nomadi". Salvatore Del Prete, sindaco di Orta di Atella, rilancia così l'allarme dopo la morte di due giovanissimi sposi rom. Il campo dove è accaduto l'incendio questa mattina non è l'unico presente nel piccolo comune casertano: a pochi chilometri di distanza vi è un'altra baraccopoli, dove oltre centocinquanta persone vivono in precarie condizioni igienico-sanitarie. Una situazione già denunciata nei mesi scorsi dallo stesso Del Prete. "La politica deve fare di più - prosegue il sindaco - è mortificante ospitare stranieri in queste condizioni. Si trovi una soluzione condivisa". Del Prete chiede anche l'intervento della prefettura di Napoli ritenendo che la maggior parte dei nomadi presenti nel suo comune provenga da alcuni centri dell'hinterland partenopeo dove alcuni mesi fa sono stati smantellati alcuni campi ma anche in considerazione del fatto che "a qualche chilometro di distanza, nel territorio del Comune di Caivano (Napoli) - spiega ancora Del Prete - c'é una struttura attrezzata per accogliere i nomadi in maniera adeguata". Intanto, nel pomeriggio di oggi ad Orta di Atella sono giunti due funzionari dell'assessorato regionale alle Politiche sociali che hanno preso contatti con l'amministrazione comunale per discutere dei provvedimenti da adottare nei prossimi giorni.

Caruso se la prende con parte politica che rappresenta Governo

"Una morte annunciata" quella avvenuta nel campo nomadi di Orta di Atella, secondo il deputato del Prc Francesco Caruso. "Quando si lasciano intere comunità nel degrado e nell'abbandono più totale, quando bambini e ragazzini sono costretti a vivere senza luce, senza acqua, senza riscaldamento, circondati da ratti, quando il razzismo, l'egoismo e l'indifferenza sono i nostri unici parametri del confronto sociale e culturale, quando nel nostro Paese si perseguono le politiche di 'segregazione razziale' nei confronti dei rom, come denunciato nei richiami dell'Unione Europea dell'aprile di quest'anno, le tragedie come quelle di Orta di Atella - afferma il parlamentare - sono e saranno sempre all'ordine del giorno: non si tratta semplicemente di eventi fortuiti, ma un epilogo drammatico di una condizione drammatica di degrado e di abbandono". "Oggi, mentre visitavo le baracche del campo rom di Cosenza, - ha aggiunto - mi sono vergognato di essere un parlamentare di questa repubblica italiana. I razzisti volgono lo sguardo da un'altra parte, io non riesco a ignorare lo sguardo di quei bambini che ogni giorno devono combattere contro il freddo, i topi e il degrado per sopravvivere: questa non è civiltà, è barbarie. Delle morti di Orta di Atella siamo tutti responsabili perché non solo il razzismo ma anche l'indifferenza uccide".

E ci si mette anche il Codacons

La magistratura deve indagare sul rogo del campo nomadi di Orta di Atella dove hanno perso la vita due giovani rom, al fine accertare eventuali responsabilità del Comune che ospitava la struttura. Lo afferma in una nota l'associazione dei consumatori Codacons. "L'amministrazione comunale - si legge nella nota - deve garantire la sicurezza anche dei campi nomadi, e il rispetto di tutte le norme igienico-sanitarie al fine di evitare spiacevoli episodi che possono portare a conclusioni tragiche. Chiediamo alla magistratura di verificare se il Comune abbia messo in atto tutte le misure atte a garantire la sicurezza del campo nomadi dove si è verificato il rogo, e accertare eventuali omissioni e relative responsabilità".

De Franciscis colpito da terribile notizia

“La comunità di Terra di Lavoro è profondamente colpita dalla tragica scomparsa dei due giovani rom avvenuta nell’incendio all’alba di oggi ad Orta di Atella. In tutti noi è molto forte il dolore per la perdita di due giovani vite ed esprimiamo vicinanza ai familiari delle vittime e a tutta la comunità rom”. Lo afferma il presidente della Provincia di Caserta, Sandro De Franciscis. “Nessuno si nasconde che all’interno di contesti ambientali difficili – prosegue il presidente De Franciscis –, che lentamente ma progressivamente risalgono la china per una accresciuta attenzione da parte delle Istituzioni alle problematiche legate alla vivibilità, permangono tuttavia vere e proprie emergenze. Come Provincia di Caserta non possiamo che cogliere, ancora una volta, la concretezza dell’iniziativa della Regione Campania che con il presidente Antonio Bassolino si è detto disponibile a ricercare con noi e con le Amministrazione comunali interessate al fenomeno della presenza dei rom sui rispettivi territori le condizioni ambientali e sanitarie più idonee ad una dignitosa coabitazione con le comunità locali. Al governatore, nelle ore immediatamente successive alla tragedia, abbiamo già rilanciato la nostra disponibilità e concorderemo presto modalità e obiettivi del tavolo di lavoro. Come Provincia promuoveremo ogni sforzo nelle nostre possibilità per sostenere l’impegno dell’Amministrazione di Orta di Atella a fronteggiare l’emergenza di queste ore”.

Parla Sandra Lonardo Mastella

"Sono profondamente dispiaciuta per la morte dei due giovani rom. Mi ha colpito in modo particolare la notizia della loro tenera età. Ciò deve spingerci non solo a provare sentimenti di cristiana pietà ma anche di profonda giustizia. Mi auguro che si accertino le cause di questa tragedia e le eventuali reponsabilità". Lo afferma il presidente del Consiglio regionale della Campania, Sandra Lonardo. "In ogni caso - ha aggiunto - occorre davvero che ognuno di noi faccia la sua parte, anche più del suo dovere, per evitare il ripetersi di tragedie così grandi, per intervenire con concretezza e decisione sulle cause, per contribuire ad estirpare ogni forma di isolamento e discriminazione, per riuscire sul serio e definitivamente a rimuovere condizioni di disagio sociale, di sudditanza economica e culturale, ancora troppo diffuse. La migliore maniera per far sentire il proprio dolore è impegnarsi nella costruzione di un futuro migliore, per tutti".

Domenica rom avevano festeggiato per ingresso in Ue

Al campo nomadi Orta di Atella, dove la scorsa notte sono morti in un incendio due giovanissimi sposi, domenica sera hanno festeggiato; lo hanno fatto non solo per dare il benvenuto al nuovo anno ma anche per festa per salutare l'ingresso della Romania nell'Unione Europea. "Lo abbiamo sentito per televisione che nel nostro Paese si faceva festa e l'abbiamo fatta anche qui. Per noi è stata una tappa fondamentale - dice un rappresentante della piccola comunità rom che ha vissuto fino a qualche ora fa in fatiscenti baracche sotto un viadotto dell'asse di supporto Nola-Villa Literno - un evento che ha riacceso la speranza di trovare più facilmente un lavoro, con il quale sfamare le nostre famiglie. Ma credo che sarà difficile che questo sogno si avveri". Il rappresentante della comunità che parla ha quarantasette anni, è sposato da oltre ventotto ed è giunto in Italia due anni fa. Ha fatto a bordo di un vecchio autobus, pagando un biglietto dal costo di novanta euro, il suo viaggio della speranza, da Bucarest a Roma. Poi ha chiamato anche la moglie ed i figli. "Siamo poveri ma viviamo onestamente, non rubiamo, viviamo raccogliendo per strada quello che gli italiani buttano ma qui, come altrove, ci continuano a guardare con sospetto", spiega in un italiano stentato. Nel campo dove è divampato l'incendio, infatti, sono state trovate batterie esauste di auto (che sarebbero state presto smontate e vendute), rottami di ferro. A chi gli chiede perché non sono andati altrove, semmai nel vicino campo di Caivano, che è più attrezzato il rappresentante della comunità risponde deciso: "Non c'era ragione di andare via. Finora qui siamo stati benissimo", lasciando poi capire che altrove sarebbe stata davvero difficile l'integrazione con gli slavi presenti. (3 gennaio 2007-18:45)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/08/2020 @ 20:42:33
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 5637 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
14/07/2020 @ 08:05:30
Di FRANCO
Testimonianza su come è stata trasformata la mia v...
20/06/2020 @ 17:12:08
Di Giulia Chiara
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source