Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 02/06/2005 @ 00:22:23, in Europa, visitato 1390 volte)
L'associazione Thumende Valea-Jiului ha commemorato il 31 maggio scorso il 63° anniversario della deportazione dei Rom rumeni nella regione della Transnistria. La decisione fu presa dal governo collaborazionista rumeno durante l'occupazione nazista e costò ai Rom 11.000 morti, mai riconosciuti da nessuna autorità nazionale o internazionale.

Asociatia "Thumende" Valea Jiului
Str. Lucas Jeno Tiberiu, Bl. 1B, Ap. 10
Petrosani, cod 2675
Hunedoara
Romania
Tel. 004 0721 34 26 72
Tv parang Tel. 0245 543 676

Rif: Gli eredi delle vittime chiedono giustizia
Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/06/2005 @ 20:36:55, in Europa, visitato 1569 volte)

E' uscito l'aggiornamento di maggio 2005 di PICUM.org con le notizie e l'evoluzione politica riguardanti i diritti sociali fondamentali degli immigranti non documentati in Europa. Disponibile nel formato Word nelle seguenti lingue: inglese, tedesco, olandese, spagnolo, francese, italiano e portoghese.

 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/06/2005 @ 19:36:05, in conflitti, visitato 2630 volte)
Da Karin Waringo

Salve!

Vi allego un articolo sulla tensione tra le comunità Rom e Musulmana a Perpignan, Francia. Un retroscena sicuramente complesso, su cui l'articolo sviluppa alcune riflessioni, di parte, ma utili ad avere un quadro più completo della situazione.

 

Pubblicato da: Morocco TIMES.com © Copyright

Vivere all'estero – Francia 

8 feriti dopo l'assassinio di un Marocchino

By Houda Filali-Ansary
5/30/2005 | 4:07 pm GMT

Otto feriti la notte scorsa a Perpignan, in nuovi scontri tra le comunità dei Nordafricani e degli Zingari, a seguito dell'uccisione di un Nordafricano, il secondo in meno di 10 giorni.

Centinaia di giovani Nordafricani hanno manifestato dopo l'assassinio di un franco-marocchino. L'uomo, il cui cognome è ancora sconosciuto, è stato colpito quattro volte fuori dalla sua casa, nel quartiere di Saint-Mathieu alle 19.30 circa. 

Il 43 enne Driss è il secondo Nordafricano ucciso in città nell'ultima settimana. Domenica scorsa, Mohamed Bey-Bachir, franco-algerino di 28 anni, era stato malmenato a morte da cinque Zingari in un parcheggio. L'omicidio aveva dato la stura a violenze e disordini tra le due comunità, durate per tutta la settimana.
L'uccisione della notte scorsa è avvenuta proprio mentre gli animi stavano calmandosi. Nei disordini che ne sono seguiti, otto persone sono rimaste ferite e 37 sono gli arrestati, secondo le fonti poliziesche. Due sono stati feriti con colpi di arma da fuoco, gli altri sono stati feriti con coltelli e bottiglie rotte.

Ci sono stati anche 100 principi d'incendio e 50 auto sono state date alle fiamme, prima dell'intervento della polizia per evitare che le comunità venissero in contatto.

Sono state chiamate di rinforzo squadre di polizia anti-rivolta dalle città di Tolosa, Marsiglia e Bordeaux.

Anche se l'identità dell'assassino del giovane marocchino è ancora sconosciuto, i sospetti sono subito caduti sulla comunità zingara, a seguito degli incidenti della settimana scorsa. 

Domenica scorsa si è tenuta una manifestazione pacifica in memoria di Bey-Bachir, e in diversi hanno protestato contro la polizia locale per non aver disarmato gli Zingari: "Domenica scorsa abbiamo mostrato che sappiamo manifestare civilmente, e invece ci uccidono!" hanno urlato.

Prima dell'uccisione di Bey-Bachir, le due comunità avevano sempre convissuto in pace. In una settimana la situazione è totalmente cambiata, con le autorità che ammettono di essere incapaci ad affrontare la situazione: "Possiamo fare in modo di evitare gli incidenti più grossi, ma siamo impotenti se le due comunità rifiutano di [...] negoziare per una coabitazione pacifica" ha detto stamattina Henri Castets, capo della sicurezza pubblica locale.

Ma la situazione preoccupa perché rischia di spostarsi dallo scontro tra comunità etniche a guerra di religione. "Siamo cristiani evangelici, non abbiamo niente a che fare con tutto ciò" ha affermato un capo della comunità zingara.

"Questa tragedia ha rotto i ponti che si erano stabiliti tra le due comunità. Ma la nostra città ha fatto tutto il necessario per sviluppare il dialogo interreligioso, e ricostruiremo [questi ponti] sulle stesse basi", recita un comunicato del sindaco.

Gli ultimi eventi chiariranno se quella frase del comunicato è stata solo un lapsus, o se si tratta di un altro capitolo della discriminazione contro i Nordafricani in Francia.

 


fonte: http://groups.yahoo.com/group/Roma_Francais/
Articolo Permalink Commenti Oppure (6)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/06/2005 @ 19:22:35, in Europa, visitato 3812 volte)

Institut War Peace Reporter

http://www.iwpr.net

Nazionalismi e gioventù bulgara Le generazioni più giovani sembrano più suscettibili al nazionalismo di quelle cresciute sotto il socialismo, 

reports ALBENA SHKODROVA. I bulgari più giovani stanno cadendo preda di un nuovo tipo di nazionalismo, molto più viscerale e intollerante di quello a cui furono esposti quanti crebbero al tempo del comunismo. Influenzati dai media e dai testi scolastici che pretendono di essere liberali ma spesso lo sono soltanto a parole, nuovi sentimenti nazionalisti si fanno strada nella gioventù.

Il regime di Todor Zhikhov a suo tempo aveva coniugato il socialismo internazionalista con il sentimento nazionalista. Così aveva espulso 300.000 Turchi e Slavi musulmani (conosciuti come Pomaks) segregato i Rom e soffocato tutte le espressioni di diversità etnica. Ma sotto la superficie, altri processi formavano l'atteggiamento bulgaro (cfr. 14/09/04 NdR). Rifiutando il totalitarismo di regime, molti si opponevano alla propaganda nazionalista. Vivere sotto il comunismo [...] aveva attutito le tensioni finanziarie, sociali e anche tra le minoranze.

Soltanto con la caduta del regime negli anni '90, la gente comune ha cominciato a vedere le minoranze come un peso. Le divisioni tra i gruppi sono cresciute, mentre la gente non aveva più timore di esibire credo religiosi e origini etniche che il vecchio regime [credeva] fossero dimenticate. I mezzi di informazione hanno iniziato ad attaccare le minoranze, alla stesso modo per cui dietro la libertà di parola ritorna l'antisemitismo.

I valori liberali si stanno avvantaggiando molto lentamente della libertà e degli sviluppi sociali. Sono occorsi dieci anni perché i libri di testo fossero "ripuliti" dagli slogan del nazionalismo più radicale e prima che i media iniziassero a moderare i toni.

Nel contempo, è cresciuta una nuova generazione che [...] più dei predecessori mostra atteggiamenti negativi ed aggressivi verso le minoranze etniche. 

Una recente ricerca del ricercatore politico Petar-Emil Mitev rivela sentimenti negativi, in particolare contro i Rom:

  • circa l'86% li definisce come pigri e irresponsabili, mentre il 92% afferma che è una minoranza di tendenza criminale;
  • circa il 62% del campione intervistato, ritiene anche che i concittadini di origine turca siano fanatici religiosi.

Convinzioni simili sono palesi nei siti internet e nelle chat, dove i forum rigurgitano di odio verso le minoranze, in particolare i Rom. Dietro l'anonimato, molti giovani usano questi spazi per mostrare il loro disgusto, in stile tipicamente neonazista. Nel web si trovano slogan sugli zingari da trasformare in saponette o da rinchiudere in miniera. Un esempio viene da un forum internet sui Rom. Durante una recente discussione, s'è verificato un "bombardamento" di commenti negativi:

  • Faresti meglio a sparire e portare con te tutta la tua tribù...
  • Tornatevene nel vostro ghetto...
  • Lo sanno tutti che non avete stato o cultura, e che voi zingari siete sporchi, pigri, bugiardi...

Mentre in rete fioriscono appelli e commenti simili, i giovani nazionalisti tendono a nascondere le loro convinzioni, quando devono confrontarsi direttamente. "Molti giovani di mia conoscenza esprimono atteggiamenti negativi" ha detto Boryana Yordanova, studentessa all'università di Sofia, "ma la maggior parte di loro non lo ammetterebbe mai pubblicamente".

Zornitsa Lateva, anche lei studentessa, dice di mostrarsi tollerante nei confronti delle minoranze, ma insiste che gli zingari hanno una bassa qualità di vita, per loro colpa. "E' radicato nel loro differente sistema di vita" aggiunge "non vogliono studiare, si sposano a 13 o 14 anni e non lavorano".

Altri studenti sono d'accordo. "Non ci importerebbe di loro se accettassero la nostra cultura e non fossero ladri e bugiardi".

Maria Neykova, professoressa della facoltà di giornalismo, conferma che molti dei suoi studenti disprezzino i Rom, spesso anche i Turchi. Dice che è colpa del ritardo della società nel sviluppare valori liberali.

I mezzi di informazione e i libri scolastici sono lontani del descrivere correttamente le istanze delle minoranze. Quest'anno, i media hanno siglato un codice di comportamento, che impone di non divulgare particolari sull'appartenza razziale, etnica o sull'orientamento sessuale delle persone. In pratica,la polemica si va spostando dalle persone alle idee.

Molti canali via cavo trasmettono programmi nazionalisti. Tra questi è noto Ataka, su SKAT TV, dove Volen Siderov, una presenza fissa, denuncia quotidianamente i programmi in lingua turca ospitati dai canali nazionali.

Una ricerca effettuata da Marker Test sul periodo 2001-2002, mostra la regressione nei mezzi d'informazione dagli anni '90, quando gli argomenti razzisti non erano così comune. Inoltre, mostra che il 60% delle cronache sui Rom riguardano problemi sociali e crimini, sull'onda degli stereotipi negativi del pubblico.

Secondo Maria Neykova, nonostante il codice di comportamento, i media continuano a citare l'origine etnica,anche quando questa non ha rilevanza con la notizia. Anche i libri scolastici, aggiunge, sono pieni di riferimenti a miti storici per incontrare il favore del pubblico, già sotto Zhivkov l'attività principale degli intellettuali era riscrivere la storia patria, oltre che in funzione del comunismo, anche per negare l'arretratezza della società e propugnare la sua superiorità sugli altri popoli balcanici e sui rivali dell'occidente.

Per giustificare la mancata crescita tra il XV e IL XX secolo, sotto il dominio ottomano, oggi i libri sono carichi di propaganda anti-turca. [...] Mentre a scuola sono adottati testi del XIX secolo, che demonizzavano o ridicolizzavano i musulmani. Gli studenti imparano la cosiddetta storia, piena di ideologia apertamente nazionalista e dove il pathos patriottico mette in ombra le riflessioni obiettive sul ruolo e i benefici del periodo ottomano, come ha scritto recentemente lo studioso Evgeniy Daynov [...]

In realtà, si potrà discutere del "problema nazionalismo", quando i politici ne ammetteranno l'esistenza. Una soluzione sarebbe lavorare sull'idea di nazione, che si basi su radici civiche piuttosto che etniche. Ma al momento è ancora un'aspettativa irrealistica, finché i politici avranno il loro interesse a coltivare la crescita dei nazionalismi.


Albena Shkodrova  è direttrice di Balkans Investigative Reporting Network, un progetto locale IWPR. Questo articolo è apparso in originale su  Balkan Crisis Report, prodotto da Institute for War and Peace Reporting)



fonte: http://groups.yahoo.com/group/Bulgarian_Roma/

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/06/2005 @ 18:31:56, in sport, visitato 20225 volte)

E' uscito in libreria "CAMPIONI SENZA DIMORA. La favolosa storia di Multietnica, la squadra di immigrati campione del mondo", con testi e foto di Filippo Podestà.

E' la storia di una squadra di calcio nata nel campo rom di via Barzaghi a Milano, la favela più grande d'Italia, per sfidare la giunta comunale di Milano ed evitare lo sgombero.

Vinsero la partita al Vigorelli senza riuscire ad evitare le ruspe, ma Bogdan Kwappik, il coach polacco, capi' che il calcio sapeva veicolare in modo straordinario solidarieta', desiderio di riscatto e di giustizia per gli stranieri. Di torneo in torneo, Multietnica2001 ha vinto la coppa di campione del mondo al campionato di calcetto per senza dimora di Gotheborg nel 2004.

    • Filippo Podestà è fotografo. Si occupa in particolare di fotografia sociale e in particolare della questione dei migranti in Europa e nel mondo.
    • MultiEtnica 2001 parteciperà dal 20 al 24 luglio alla Homeless world cup di Edimburgo. L'evento sarà patrocinato dall'Onu e avrà il supporto della Uefa e di diversi club. Sono attese 32 squadre da tutto il mondo.
    • Il libro è stato realizzato con il contributo di Arci Milano e Uisp
    • Quando il calcio si fa strumento di giustizia. Dall'occupazione di una baraccopoli al titolo di campioni del mondo alla Homeless world cup 2004 di Gotheborg, il campionato mondiale di calcetto riservato alle persone senza casa. L'incredibile storia di "Multietnica2001", la squadra nata nel campo rom di via Barzaghi dalla passione sportiva di Bogdan Kwappik, il suo coach polacco. Una storia d'amore per lo sport e il gioco di squadra, ma ancora prima di promozione dei diritti degli immigrati. Per una volta riscattati e vincenti.

Il libro contiene una sezione fotografica che documenta le condizioni della baraccopoli di via Barzaghi, i giorni dello sgombero e quelli delle partite.

Se non trovate il libro nelle librerie non vi scoraggiate e soprattutto chiedete al libraio di ordinarlo per poterlo sfogliare, guardare etc.

In questo modo le librerie sono invitate a richiedere i volumi dandone risalto sugli scaffali, altrimenti prendono unicamente i libri delle grandi case editrici che hanno imponenti uffici promozionali.

Il libro costa 10 Euro.

Dove si trova:

  • Nelle migliori librerie (feltrinelli, libraccio e altre...)
  • Dai venditori di strada di Terre di mezzo
  • Nelle botteghe del mercato equo
  • Presso l'associazione MultiEtnica2001

Sostenete la MultiEtnica!

Se acquistate il libro direttamente dalla associazione parte del ricavato della vendita va a sostenere la Multietnica per finanziare la partecipazione alla terza edizione del campionato del mondo che si disputerà a Edimburgo nel luglio prossimo.

contatti:

Come andare in Svezia e vincere una coppa mondiale

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/06/2005 @ 06:21:13, in Regole, visitato 1685 volte)

La notizia arriva da DZENO, e sembra che per stavolta non c'entrino i giochi a premi televisivi, tantomeno una qualche iniziativa di marketing turistico telefonico.


Il 27 maggio scorso un Rom bulgaro ha vinto una causa contro l'Accademia delle Scienze. L'Accademia è proprietaria di un albergo, dove il Rom (attivista di Romany Baht), ha tentato invano di prenotare una stanza per poter partecipare a un seminario.

Il direttore ha chiesto se al seminario avrebbero partecipato dei Rom. Alla risposta positiva, il direttore ha cancellato la prenotazione, insistendo che non poteva "rischiare l'immagine dell'albergo ospitando dei Rom".
E' la prima sentenza di questo genere in Bulgaria. Il tribunale ha stabilito che il Rom dovrà essere indennizzato con 50 Leva (che comunque non sono abbastanza per per pagare un pernottamento nell'hotel).


fonte: http://groups.yahoo.com/group/Czech_Roma/

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


25/02/2020 @ 13:57:33
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 6 maggio: Djurdjevdan - Herdelezi - la festa di san Giorgio... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2139 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source