Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 20/06/2012 @ 09:38:30, in Europa, visitato 1183 volte)

Giovedì 21 giugno alle 18.30 inaugura, presso la Fondazione Forma per la Fotografia la mostra Zingari di Josef Koudelka. All'evento sarà presente l'autore.

Periodo
dal 22 giugno al 16 settembre 2012

Orario
tutti i giorni dalle 11 alle 21
Giovedì e Venerdì dalle 11 alle 23
lunedì chiuso

Costo biglietto
Intero: 7,50 euro
Ridotto: 6 euro
Scuole: 4 euro
Elenco delle riduzioni

Per informazioni
02.5811.8067
02.8907.5419

© Josef Koudelka, Moravia, 1966

Zingari è senza dubbio uno dei lavori fotografici più celebri del Novecento.
La mostra presentata a Forma, in prima mondiale, rispecchia fedelmente la sequenza e il menabò del volume Cikáni (zingari in ceco) che lo stesso Koudelka aveva progettato nel 1970, prima di lasciare la Cecoslovacchia, e rimasto a lungo inedito.
Quel volume, riproposto da Contrasto, testimonia la spettacolare teatralità visiva che Josef Koudelka aveva concepito intorno al suo lavoro di ricognizione fotografica delle comunità gitane dell'Est Europa.

In esposizione le 109 immagini del libro, sontuosamente stampate (sotto la stretta sorveglianza dell'autore) appositamente per la presentazione di Forma.
Da un lato, le immagini raccontano la quotidianità delle comunità gitane negli anni Sessanta in Boemia, Moravia, Slovacchia, Romania, Ungheria e in alcuni casi in Francia e Spagna. Dall'altro, testimoniano lo sguardo penetrante e insolito dell'autore, la sua capacità di fermare, in momenti unici per la perfetta composizione formale e la pregnanza dell'azione, scene di vita familiare, momenti di festa, di gioco e di ritualità collettiva.
Una dopo l'altra, le immagini compongono un vero affresco visivo di grande potenza e con poetica malinconia registrano la fine di un'epoca, la fine di un viaggio: quello del nomadismo zingaro in Europa.
Riferimento essenziale "di culto" per generazioni di fotografi, Zingari mantiene nel tempo la sua forza e conferma la grandezza del suo autore, Josef Koudelka, tra i più grandi fotografi viventi.

La mostra è presentata in collaborazione con Magnum Photos

Biografia
Josef Koudelka nasce in Moravia nel 1938. Inizia la sua carriera come ingegnere aeronautico e diventa fotografo professionista verso la fine degli anni Sessanta. Nel 1968 fotografa l'invasione sovietica di Praga, pubblicando le sue fotografie con le iniziali P. P. (Prague Photographer, fotografo di Praga).
Per queste fotografie, nel 1969 riceve da anonimo il premio Robert Capa dell'Overseas Press Club. Nel 1970 lascia la Cecoslovacchia per cercare asilo politico e, poco dopo, entra a Magnum Photos.
Nel 1975, viene pubblicata la prima edizione di Gypsies, il primo di una lunga serie di libri di questo fotografo, incluso Exiles (1988), Chaos (1999), Koudelka (2006) e Invasione Praga 68 (2008).
Nel corso della sua carriera Koudelka ha vinto svariati premi come il Prix Nadar (1978), il Grand Prix National de la Photographie (1989), il Grand Prix Cartier-Bresson (1991), e l'Hasselblad Foundation International Award in Photography (1992). Le sue fotografie sono state esposte al Museum of Modern Art e all'International Center of Photography di New York, all'Hayward Gallery di Londra, allo Stedelijk Museum di Amsterdam, al Palais de Tokyo di Parigi, alla Fondazione Forma di Milano e al Palazzo delle Esposizioni di Roma. Nel 1992 ha ricevuto la nomina di Chevalier de l'Ordre des Arts et des Lettres dal Ministero della Cultura francese. Oggi vive fra Parigi e Praga.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/06/2012 @ 09:32:56, in musica e parole, visitato 1042 volte)

(foto da Il Giorno.it)

sabato 23 giugno 2012, alle 15,00,
al CAM Garibaldi - Corso Garibaldi 27/A
angolo Via G. Strehler, 2 (già Via degli Angioli) a Milano - Ingresso libero e gratuito

POESIE DAL CARCERE "NEL MARE DELL’INDIFFERENZA", Edizione 2012, organizzata dall'Associazione La Conta, con il contributo ed in collaborazione con il Consiglio di Zona 1 del Comune di Milano.

In particolare parteciperanno all’incontro: alcuni DETENUTI del laboratorio di poesia del carcere di Bollate che presenteranno le loro più belle e significative poesie, ANNA MARIA CARPI e MADDALENA CAPALBI - poetesse che coordinano detto laboratorio di poesia, che ci parleranno del loro lavoro in carcere. Interverranno altresì: DIANA BATTAGGIA – direttrice della Casa Editrice "La vita felice" e GERARDO MASTRULLO – Editore de "La vita felice" che ci parleranno delle sinergie che si realizzano tra il carcere e la società civile.

Concluderà l’incontro GEORGE MOLDOVEANU - Violinista - che presenterà una selezione dei più bei brani tradizionali per violino tratti dal repertorio dei Paesi dell’Est Europa.

Durante la conferenza verranno esposti alcuni disegni, francobolli ed opere d’arte in vetro realizzate dai detenuti nei laboratori artigianali del Carcere di Bollate, a cura di Santo Tucci.

Vi saremo grati se vorrete dare diffusione elettronica all'iniziata di cui sopra e/o diffondere la stessa tra le persone che ne possono esservi interessate. Vi ringraziamo in anticipo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/06/2012 @ 09:14:17, in casa, visitato 1179 volte)

Segnalazione di Mary Obrien

Un introduzione, magari non necessaria: di Dale Farm negli anni scorsi ne ho scritto molto e la storia la conoscete. Uno dei motivi del brutale sgombero di massa dell'autunno scorso fu che i Traveller avevano costruito in quella che viene definita la fascia verde di rispetto

Questo è l'ingresso di Dale Farm che accoglieva i visitatori l'estate scorsa

Così si presenta oggi. Senza parole. (foto thisistotalessex.co.uk)

Anzi no, la mente corre a qualcosa visto a gennaio 2011, stavolta alle porte di casa. E anche a questo.


Total Essex - A Dale Farm paura per i rifiuti tossici - 14 giugno 2012  Billericay Gazette

Volpi, ratti, escrementi umani e rifiuti scaricati illegalmente sono ammassati presso la ex dimora di centinaia di Traveller.

Circa otto mesi fa, dopo che il consiglio di Basildon aveva liquidato Dale Farm in un'operazione costata all'autorità 4,8 milioni di sterline, un attivista traveller afferma che lo stesso consiglio potrebbe essere costretto a riasfaltare quanto distrutto dagli esecutori dello sgombero l'ottobre scorso.

Sostiene che sono stati rinvenuti rifiuti tossici nel sito di Crays Hill - incluso asbesto - che sarebbe stato depositato in maniera illegale "almeno dagli anni '70 sino al 1994".

E' noto l'uso in precedenza all'insediamento di Dale Farm come sfasciacarrozze, meno si sa su come venisse adoperato per gettare i rifiuti.

All'ex proprietario dell'area, Ray Bocking, è stata notificata nel 1994 dal consiglio di Basildon una sanzione per l'uso dell'area come discarica.

Dopo le contestazioni di Bocking, in un rapporto del 1994, l'Ispettorato della Pianificazione notava che l'angolo occidentale di Dale Farm era usato per "stoccare ed eliminare rifiuti metallici..."

Si dice che i 100.000 metri cubi di rifiuti sono stati depositati dal consiglio di Dale Farm.

In seguito l'area venne livellata e ricoperta dal consiglio nel 1995, in quello che Bocking definisce un tentativo di  "distruggere le prove".

Dopo aver scavato sino a due metri e mezzo di profondità, all'indomani dello sgombero, si dice siano state rinvenute sostanze esposte, tra cui amianto.

Secondo l'attivista traveller Stuart Hardwicke Carruthers, l'Agenzia per l'Ambiente dovrebbe individuare il terreno contaminato, perché i Traveller rivolgano un'azione legale contro l'amministrazione.

Dice Carruthers: "[Durante lo sgombero] il consiglio è venuto sul nostro terreno a nome degli zingari.

"Se agli zingari fosse stato detto di ricoprire [con l'asfalto] i rifiuti, potrebbero citare in giudizio il consiglio, per l'uso da loro fatto del sito, dopo aver chiesto esattamente l'opposto."

Carruthers ha scritto all'Agenzia per l'Ambiente richiedendo un piano di chiusura del sito per "terreno contaminato da discarica non regolamentare ristabilta dal consiglio distrettuale di Basildon."

Parlando alla Billericay Gazette, dice Carruthers: "Una volta che una discarica è all'aperto, occorre il permesso dell'Agenzia dell'Ambiente per coprirla."

L'agenzia ha confermato che sta analizzando i rapporti sulla contaminazione a Dale Farm.

"Il problema di Tony Ball [leader del consiglio] è che una discarica svaluta la proprietà peggio che avere un sito zingaro," dice Carruthers.

"Tutti hanno interesse nella causa, perché chiunque viva ad Oak Road ha visto dimezzati i prezzi delle case, avendo una discarica comunale in fondo al giardino, ma senza nessuna licenza edilizia."

La casa di Len Gridley su Oak Road confina con Dale Farm. Il cinquantatreenne sta citando in giudizio il consiglio per la svalutazione della sua proprietà.

Gridley, che ha installato trappole per topi attorno alla sua casa, per fronteggiare un'esplosione di parassiti dopo lo sgombero, dice: "Nessuno metterà in vendita la sua casa ad Oak Road, per la semplice ragione che perderebbe  i suoi soldi. Siamo condannati a restare qui."

"Il consiglio mi ha messo in questa prigione, questa è la ragione per cui intendo combatterli in tribunale."

Attorno all'ex sito sono abbondanti immondizia abbandonata ed escrementi umani, perche i Traveller sulla strada non hanno servizi igienici adeguati.

Escrementi

Durante lo sgombero sono andati distrutti anche bagni e fognature. Questo ha portato un'evidente esplosione di ratti, topi e malattie tra la popolazione traveller.

28 milioni di sterline, e gli sgomberati all'inizio dell'inverno sono tornati alle loro piazzole distrutte, piazzandosi a i margini della strada


La foto è tratta da http://alefarm.files.wordpress.com/2011/09/ariel-scrape-yard-df001.jpg
Mostra com'era il terreno di Dale Farm, prima che i Travellers lo acquistassero e bonificassero: una discarica.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/06/2012 @ 09:22:44, in casa, visitato 923 volte)

Da Roma_Francais

Incolpato di discriminazione contro i Rom

Il sindaco di un comune del sud della Croazia è stato accusato dal procuratore locale di "discriminazione razziale", dopo aver fatto pressioni su una famiglia rom, forzandola a lasciare il villaggio

Il tribunale regionale di Zara dice in un comunicato di aver accusato un "cittadino croato di Skabrnja, nato nel 1949", senza rivelarne il nome, di "discriminazione razziale". Secondo la televisione nazionale HRT, si tratterebbe di Luka Skare, sindaco di Skabrnja, piccola località non lontana da Zara.

"Davanti a diverse persone, che avevano chiesto minacciandola alla famiglia rom di lasciare Skabrnja, il sindaco ha invitato gli abitanti a prepararsi per un assalto dopo che la polizia se ne fosse andata," precisa l'accusa.

Queste minacce "sono state accolte con ansia e paura tra i Rom, che per questo hanno lasciato la città," dice la medesima fonte.

Proteste degli abitanti

L'incidente è successo all'inizio di maggio, quando una famiglia rom si era stabilita su un terreno da lei acquistato a Skabrnja. I circa 2.000 abitanti della località avevano protestato violentemente ed avevano cintato il terreno con una rete metallica.

Malgrado la reazione della stampa e delle istituzioni locali incaricate della protezione dei diritti umani, i 17 componenti della famiglia rom hanno lasciato Skabrnja dopo qualche giorno di tensione.

Secondo il censimento del 2001, vivono circa 9.500 Rom in Croazia, su una popolazione totale di 4,2 milioni di abitanti. Tuttavia, il governo stima che la comunità conti tra le 30.000 e le 40.000 persone, mentre le associazioni rom avanzano una cifra superiore alle 60.000.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/06/2012 @ 09:16:22, in scuola, visitato 1211 volte)

Segnalazione di Marco Brazzoduro

Popica onlus

"Chi sono gli zingari?" Con questa domanda, lapidaria e lessicalmente scorretta, cominciavamo i laboratori con i ragazzi e le ragazze delle terze medie della scuola San Benedetto, nel quartiere popolare e storicamente a forte densità rom di Centocelle, periferia est di Roma. Le risposte, molto spesso politicamente scorrette, introducevano il tema degli incontri, un rimosso della storiografia ufficiale delle democrazie occidentali: il Porrajmos.

"Cos'è il Porrajmos?" Questa strana parola risuonava nelle classi di fronte gli occhi interrogativi e curiosi dei ragazzi. Sui libri di storia, dove presenti, solo pochissime parole per liquidare lo sterminio dei rom ad opera del nazifascismo, mezzo milione di donne uomini e bambini torturati e uccisi nei lager e nei rastrellamenti.

Più che una lezione di storia negata - l'Olocausto dei rom è stato definito da qualcuno "il genocidio dimenticato" - gli incontri con i ragazzi e le ragazze sono stati un momento di stimolo per chiunque, per loro e per noi.

Abbiamo scelto di svolgere gli incontri con un'impostazione frontale e dinamica, per non annoiare con freddi numeri e dati e soprattutto per far esprimere liberamente gli studenti, consentendogli sempre di dar sfogo anche alle proprie critiche e obiezioni. In quanto il problema dell'esclusione sociale, della discriminazione, del pregiudizio, della disinformazione, della persecuzione dei rom è tutt'altro che risolto. La lavagna si riempiva di ciò che il termine "zingaro" evocava nelle menti degli studenti e, ogni volta, per ogni classe, la discriminazione, il pregiudizio e la disinformazione emergevano feroci. Ma da lì a poco le certezze crollavano, di fronte ai video proiettati, alle immagini di personaggi famosi (grande successo per Pirlo e Ibrahimovic) di origine romanì, fino alle importanti testimonianze dirette di chi ha vissuto e vive nelle baraccopoli di Roma, subendo sgomberi e blitz polizieschi. Uomini e donne che potevano parlare delle loro esistenze da una cattedra di una scuola avvolti dalla rispettosa quanto interessata attenzione dei ragazzi e delle ragazze. Una presenza non scontata ai nostri laboratori, quella di uomini e donne costretti ogni giorno a sbattersi per la città con lavori faticosi e in nero. Rinunciare a ore di lavoro per essere in classe a raccontarsi vuol dire perdere quel po' di denaro con la vendita al chilo del ferro raccolto che si può mettere insieme.

Per i mesi di aprile e maggio 2012 Popica Onlus e scuola San Benedetto hanno collaborato intensamente e proficuamente, con due incontri per classe di un'ora e mezza ciascuno, in orario di lezione.

Gli alunni hanno dimostrato interesse per l'argomento, ma la partecipazione si è spesso estesa ai professori, a loro volta in buona parte esclusi dall'informazione e dalle nozioni sui libri di storia di fronte a questo tema.

Il tutto è culminato in un interessante incontro con il Comitato genitori della scuola, il 18 maggio.

Un'esperienza positiva ed importante che abbiamo voluto sviluppare a titolo assolutamente gratuito, fuori dai mille progetti destinati ai rom o alla loro inclusione, in quanto fermamente consci del nostro ruolo di attivismo e convinti dell'importanza di iniziare la battaglia contro le discriminazioni proprio nella culla della cultura, nella scuola, e proprio in quelle scuole, come la San Benedetto, che, più di altre, sono attente alla formazione umana dei loro alunni e delle loro alunne.

Christian Picucci e Gianluca Staderini

LO SCHEMA DEGLI INCONTRI IN CLASSE
Temi Lezione- durata Tipologia
  1. Conosci gli zingari?
  2. Zingari o Rom
  3. I tuoi pregiudizi sui Rom
  4. I pregiudizi del mondo sui Rom
Prima parte:
60 minuti
  • Frontale / Dinamica / Introduttiva
  • Stimolare gli studenti ad esprimere liberamente la propria opinione.
  • Spazio per domande degli studenti.
  1. Porrajmos
Seconda parte:
30 minuti
  • Video
  1. L'ideologia fascista e le sue implicazioni razziali, prima del 1938 e dopo.
  2. L'ideologia nazista e le sue implicazioni razziali
  3. Le fasi di attuazione della persecuzione antigitani ( cenni generali e focus sul caso italiano)
  4. La soluzione finale

    (con riferimenti contestuali alle fonti scritte di natura teorica)
Terza parte:
30 minuti
  • Frontale/ teorica con indicazioni per gli approfondimenti individuali da sviluppare successivamente.
  1. I Rom, i campi e gli sgomberi
Quarta parte:
15 minuti
  • Video
  1. Rom oggi a Roma
  2. La persecuzione oggi
Quinta parte:
45 minuti
  • Testimonianza diretta / conclusioni
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/06/2012 @ 09:57:54, in Italia, visitato 1285 volte)

23-24 Giugno 2012- Polo Porta Nuova Pisa
Due giorni di confronto e incontro tra esclusione e diritti di negati.

Sabato 23 Giugno 2012

ore 11:00 in Piazza XX Settembre, sotto il Comune di Pisa presentazione del libro !Rebeldia Edizioni
"L'uomo del non luogo è criminale in potenza". (I.Kant) .
L'immagine di rom e sinti attraverso un'analisi della stampa locale pisana.
Sarà presente l'autrice Alice Cirucci (Ass.Africa Insieme)

ore 17:00 presso il Polo Porta Nuova
"Sgomberi Rom: Pisa sempre più vicina a Roma. Analisi e comparazione nella gestione della permanenza rom e sin in Italia."
Partecipano:
- Antonio Ardolino, progetto ControCampo (Roma)
- Massimo Colombo, Fondazione Michelucci (Firenze)
- Fernando Chironda, Amnesty International

dalle ore 16:00 Laboratorio per bambini a cura di ARCIragazzi

ore 20:30 cena e musica tipica "il sapore non si sgombera".

A seguire assemblea con le comunità rom presenti a Pisa.

Domenica 24 giugno 2012

Polo Porta Nuova
ore 11 workshop "Prospettive e soluzioni d'accoglienza: no agli sgomberi" a cura di Africa Insieme. Partecipano le associazioni toscane impegnate sul campo.

Promuovono: Ass. Africa Insieme, Laboratorio delle disobbedienze-Rebeldia, Arciragazzi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/06/2012 @ 09:17:07, in Regole, visitato 1011 volte)

Della sentenza, penso che ne abbiate già letto tutti. Visto che stavolta non è mancato il clamore mediatico, me ne son stato zitto: non c'erano le solite storie sconosciute da far conoscere. Ma aspettavo.... sicuro che i miei amici non mi avrebbero deluso e non sarebbero stati zitti.

Puntuale come una bolletta, difatti è arrivato il Giornale:

    E' vietato dire: "Zingaropoli" Condannati il Pdl e la Lega, ma a Milano è allarme rom
    In campagna elettorale il centrodestra aveva predetto il futuro: "Con Pisapia Milano diventerà una zingaropoli". Fiocca la condanna, ma i rom sono triplicati davvero
    di Sergio Rame - 13 giugno 2012, 16:04
    Guai a usare il termine "zingaropoli"...

Subito doppiato dall'amichetto Libero. E io da bravo psichiatra dilettante sono andato a cercare cosa recitava quel manifesto;

  é questo, giusto?

E' vietato (o meglio è condannato), e questo fa parte, volente o nolente, della polemica politica, anche se su qualcosa riguardo ad un anno fa. Però rileggo l'articolo di Sergio Rame (e redazione acclusa) e mi sembra che "politicamente" manchi una riflessione essenziale:

  • La più grande moschea d'Europa, ammesso che sia un crimine, qualcuno l'ha mai vista?
  • + campi nomadi, ma davvero quest'anno sono aumentati? Ad essere generoso, soltanto ascoltando le lamentele dei "soliti noti", mi sembra che c'erano prima e ci sono adesso. Se proprio proprio vogliamo cercare una differenza: adesso in qualche modo stanno cercando una qualche forma di stanzialità, ai tempi di De Corato sceriffo erano sempre gli stessi campi nomadi che facevano il girotondo in città.

Forse al Giornale si sono confusi col grattacielo di Sucate, quello in via Puppa...

o col nuovo centro residenziale sorto in un'area verde:

E per finire: un ricordo da Zingaropoli

Era maggio 2011, battute finali della campagna elettorale, festa VIA PADOVA E' MEGLIO DI MILANO.

Dopo essere stati accusati da Bossi di essersi defilati per le elezioni, erano scesi in campo in piazza Costantino alcuni volantinatori di CL, con i loro foglietti su Zingaropoli e l'insicurezza in città.

Assieme a Legambiente si era organizzato un breve percorso sul naviglio Martesana per una decina di bambini del campo di via Idro.

Fu così che quei volantinatori finirono circondati dal nostro arrivo, con una morsa a tenaglia: bambini e Legambiente che sbarcavano dalle canoe, le truppe meccanizzate (cioè le loro mamme munite di pericolosi passeggini) che arrivavano contemporaneamente sull'altra sponda.

Gli altri partecipanti gagé della festa applaudirono il nostro arrivo. I volantinatori si guardarono intorno, decisero che non c'era più religione e tornarono in parrocchia.

il generale Giap mentre studia la situazione dalla sponda del Mekong

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/06/2012 @ 09:42:25, in Kumpanija, visitato 1166 volte)

Segnalazione di Elisabetta Michelini. Ricordo di Erasmo Formica

La Provincia Pavese

via bramante PAVIA. Un sinto fuori dal comune, un camminante, ex giostraio, pastore evangelico e figura di riferimento dei nomadi di via Bramante. È morto a 58 anni Erasmo Formica, nato il giorno della Festa della Repubblica. Sul suo profilo Facebook, che usava per diffondere iniziative e vincere la diffidenza tra sinti e stanziali, aveva messo come lingue parlate "Milanese, dialetto pavese and sinti-manouche". Presidente dell'associazione Rom e sinti pavesi, che aveva cominciato un percorso di stretta collaborazione con le istituzioni, aprendo i campi alla città per far conoscere queste realtà spesso ignorate, Erasmo - giostraio e ferrovecchio - si era reinventato e aveva fondato una cooperativa per il recupero dei toner usati. «È stato il primo e unico sinto di Pavia a venire in università, a collaborare nelle ricerche, incontrando studenti. Si è messo in gioco in tanti modi fino all'ultimo», lo ricorda il sociologo Andrea Membretti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/06/2012 @ 09:32:53, in Italia, visitato 1690 volte)

GIOVEDI' 21 LUGLIO ore 21.00 con ingresso libero e gratuito:

L'associazione La Conta vi invita alla presentazione del libro "Vicini Distanti (cronache da via Idro)" di Fabrizio Casavola

    Bravissimi musicisti... sensuali ballerine... fieri residuati di un lontano passato? Oppure: ladri, sporchi, pigri, criminali? Storie, testimonianze, documenti su chi vive da cinquant'anni in un quartiere milanese, e di una lunga ricerca verso l'interazione comune.

presso CGIL - Salone Di Vittorio, in Piazza Segesta 4 con ingresso da Via Albertinelli 14 (discesa passo carraio) a Milano.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Segnalazione di Nazzareno Guarnieri



Una delegazione dell'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali (Unar) della Presidenza del Consiglio dei Ministri si è recata oggi nella prefettura di Pescara per una serie di incontri istituzionali e con rappresentanti della comunità Rom.

Obiettivo degli incontri è garantire la piena attuazione della strategia italiana di inclusione dei Rom sul territorio, mission alla quale sta dando un grande contributo anche il comune di Pescara. L'attuazione della strategia inclusiva è legata agli impegni internazionali assunti dal governo italiano in quest'ambito riguardo all'attuazione della comunicazione della Commissione europea n.173/2011.

Dopo gli incontri con il questore Passamonti e con il comandante provinciale dei Carabinieri Galanzi, coordinati dal prefetto Vincenzo D'Antuono, i delegati Unar hanno avuto un colloquio con esponenti della comunità Rom, che ha condannato con fermezza l'omicidio del tifoso laziale ucciso la sera del 1° maggio a Pescara presumibilmente da un gruppo di Rom.

La comunità pescarese, hanno assicurato i suoi rappresentanti, è pienamente disponibile a partecipare ad un percorso di inclusione socio-lavorativa, le cui tappe, con le relative iniziative, saranno individuate nell'ambito di un tavolo di lavoro permanente.

La prefettura avrà un ruolo di primo piano nell'organismo, che sarà avviato entro giugno a cura dell'Unar nella sua doppia veste di ente per la prevenzione e il contrasto delle discriminazioni e di struttura di coordinamento della strategia europea e italiana di inclusione dei Rom.

In quest'ottica, ci sarà molta attenzione per la funzione dei mezzi di informazione - La Federazione nazionale della stampa italiana già collabora con Unar - che possono dare un grande contributo nel promuovere un cambiamento culturale in vista del superamento di pregiudizi e stereotipi diffusi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/09/2019 @ 03:45:38
script eseguito in 160 ms

 

Immagine
 La comunità virtuale di Rom e Sinti nel mondo... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2500 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source