Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 29/08/2013 @ 09:09:32, in conflitti, visitato 1541 volte)

Non che si stia bene, ma anche con l'affitto da pagare e il conto in rosso, si può vivere una tranquilla e calma ignoranza. Forse, anche se non hai una casa e non hai un conto. Poi, ti svegli una mattina e, vedi una tromba d'aria che si avvicina, è la GUERRA che torna. A dire il vero, la guerra c'è da un po' di tempo: è come quei fulmini improvvisi con cui il tornado ti dice: "Eccomi, sono QUA." (ma, mi chiedo, se non mobilitavano gli USA si continuava a dormire?)

Scrivo di questa impotenza da osservatore. Perché una volta, tanti e tanti anni fa, le comunicazioni non erano istantanee come oggi, e il quadro di Guernica sollevava ancora scandalo e indignazioni REALI. Oggi, io posso solo immaginare che i bambini gasati nelle foto che stanno circolando, siano REALI (e la cosa dovrebbe farmi orrore), ma non ne ho alcuna certezza, né tantomeno ho la certezza di chi possa aver compiuto una strage simile (so solo che non è la prima strage e non sarà l'ultima), So che se potessi, in certi momenti vorrei cancellarmi la memoria, perché l'orrore dell'oggi e del domani non si sommi a quello che sono riuscito ad anestetizzare negli anni scorsi.

Ottant'anni dopo Guernica, scrivo, al computer, collegato in tempo REALE a ogni fonte possibile di informazione, della mia IGNORANZA. Ignoranza, ...disperata, perché non solo non ho i mezzi per capire, ma se anche ne fossi in grado (o volessi cullarmi in qualche certezza) questo mondo e questa informazione (reale?) mi/ci hanno tolto qualsiasi capacità di reagire.

Condivido una riflessione di Tahar Lamri:

    Guardo i notiziari della televisione siriana e vedo che l'esercito siriano avanza e vince sulle orde di jihadisti e takfiristi venuti da ogni dove. Vince su queste orde che comunque hanno sconfitto l'Unione Sovietica in Afganistan e gli Stati Uniti in Iraq. L'esercito siriano opera lontano dai titoloni dei giornali e dalle esperterie degli esperti. Forse fra qualche ora, forse qualche giorno, questo esercito sarà polverizzato dalla potenza dei potenti. Forse non ci sarà più - il difficilmente difendibile - Bashar Al-Assad. Forse, come sappiamo da altrove, allora si aprirà in Siria la guerra dei "tawaif", cioè le varie comunità che compongono il popolo siriano: sunniti, alawiti, sciiti, drusi, ismaeliti, ortodossi, melchiti, armeni, cattolici, maroniti, caldei, assiri, curdi... e che, da sempre, convivono su quella terra condividendo i loro 32 antipasti, bevendo il maté o qualche Barada fresca sotto i gelsomini. Si sa, la convivenza non è necessaria né possibile sotto la democrazia delle bombe. Noi, avremo, come sempre, quel senso di impotenza che ci accompagnerà per un po'. Poi dimenticheremo.

Sunniti, alawiti, sciiti... Succede con tutti gli stati, non solo in Medio Oriente. A guardarli da vicino sono entità geografiche tracciate coi righelli, e dentro ci trovi di tutto, popoli i più diversi, arrivati chi prima e chi dopo. Perché i confini sono statici, i popoli no. Cosa ne sappiamo di loro?

Apro una parentesi a tal proposito: già in Italia si sa poco del popolo rom, che pure è un ingrediente fondamentale di ogni stato-macedonia. Figuriamoci se si sa qualcosa dei Dom, o Domari. Sono il corrispondente mediorientale del popolo rom, e sono lì presenti, ed ignorati, da circa un millennio. Sono pochi, pochissimi, ignorati e discriminati come da noi. Al di là della conoscenza accademica, venni a contatto con la loro esistenza FISICA, una decina d'anni fa, in occasione di un'altra guerra scatenata da (una scusa? una certezza? difficile da dire...). Erano sempre gli USA che stavano regolando i conti col loro ex alleato Iraq.

I Dom, in Iraq, c'erano come tutti gli altri popoli e, per quanto Saddam Hussein non fosse l'esempio del padrone di casa che ognuno vorrebbe, avevano trovato il modo di conviverci. Furono le bombe USA, fu l'arrivo al potere degli sciiti (cioè, quelli che gli USA temevano), che fecero terra bruciata attorno a loro. E dieci anni fa, con ritardo di mesi, mi arrivavano le notizie del loro nuovo migrare in cerca di lidi tranquilli. Cioè: SIRIA, Aleppo.

Credo che la sfiga sia un tratto genetico inscritto in questa gente condannata ad un continuo migrare: stanno scappando nuovamente, chi in Libano e chi in Turchia, nei campi profughi o all'addiaccio. REALI, loro, forse più dei dispacci d'agenzia o delle dichiarazioni dei politici. REALI, perché il migrare sotto le bombe o inseguiti dalla cavalleria, è nel loro DNA, ma anche nella nostra memoria (con l'affitto da pagare e il conto in rosso).

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/08/2013 @ 09:00:03, in media, visitato 1236 volte)

di Stefano Pasta - La città nuova, Milano Corriere

Urlando "mortacci sua" ad una "mangiaterra", il protagonista ci svela che, nonostante tutto, Roma è anche la sua città. Anche per un ragazzino che vive nel campo attrezzato di Via Salone, il campo rom più grande d'Europa, posto fuori dalla città, addirittura oltre il Grande Raccordo Anulare. Qui, come racconta il documentario "Campososta" di Stefano Liberti e Enrico Parenti, prodotto da ZaLab, vivono 1200 persone rom di varia nazionalità. Il campo non è collegato con i mezzi pubblici e non ha alcuno spazio comune. La distanza tra i container dove vivono le famiglie è di circa due metri. I bambini vanno la mattina a scuola in istituti molto lontani grazie a un servizio di pulmini e, date le distanze e il traffico, arrivano sempre in ritardo di almeno un'ora ed escono un'ora prima. "Qua non ho una vita sociale", spiega una madre ricordando quando nel loro vecchio quartiere incontrava le mamme dei compagni di suo figlio all'uscita della scuola, prima che l'amministrazione li trasferisse fuori città.

    Il campo è un ghetto, con tutti i problemi sociali del ghetto.

Così, i ragazzi cresciuti ai margini della città soffrono maggiormente l'esclusione sociale di cui è vittima il gruppo a cui appartengono. All'interno del campo, la tensione è alta. Le varie comunità non comunicano, il livello di istruzione è bassissimo, altissimo quello di disoccupazione. "Campososta" segue la quotidianità degli abitanti: i bambini che vanno a scuola, gli adolescenti che trascorrono le giornate a non far nulla (molti, pur essendo nati in Italia non hanno la cittadinanza, quella di origine l'hanno perduta in seguito all'implosione dell'ex Jugoslavia); gli adulti, uomini e donne, che tentano di sbarcare il lunario con lavori di fortuna.

    Secondo i registi, "Via Salone è l'emblema della politica di ghettizzazione su base etnica operata dalle amministrazioni comunali di Roma dal 1994 a oggi".

E anche del ripetersi di una scelta italiana sbagliata, quella dei campi "nomadi" per famiglie che non sono più nomadi da vari decenni. Una scelta di politica abitativa fatta dalle città italiane a partire dagli anni Settanta, che ci ha reso "il Paese dei campi". Ma i campi nomadi non c'entrano nulla con una presunta "cultura rom".

    Del resto, in via Salone i rom sono originari della Romania, Serbia, Montenegro e Bosnia: in nessuno di questi Paesi esistono campi nomadi.

Ma i ghetti in cui confiniamo i rom delle nostre città non sono solo quelli fisici, fuori dal Grande Raccordo Anulare. Ci sono anche quelli mentali. Secondo l'Eurobarometro, solo il 7% degli italiani risponde positivamente alla domanda: "Sei disponibile ad avere amici rom?". È uno dei valori più bassi in tutta Europa.

Quando si parla di rom, si è tutti bravi a urlare, a chiedere sgomberi e a confinare. Si dimentica che sono prima di tutto persone, appena 160mila, non più nomadi, la metà ragazzini, la metà di tutti italiani. I problemi ci sono. Ma c'è un dato da cui si potrebbe ripartire: sono un popolo di bambini, il 40% è in età scolare. Per questo sarebbe bene decidere che una questione di 80mila minorenni va affrontata con la scolarizzazione per tutti e con un forte impegno sociale e di monitoraggio. Ci vuole l'attuazione di un progetto di lungo periodo e non qualche sgombero con grancassa, o il ripetersi di scelte sbagliate come i grandi ghetti ai margini delle città. Altrimenti, i piccoli rom vanno verso un futuro simile a quello dei genitori. E il problema non si risolve, come dice la mamma del protagonista di "Campososta":

    "Vorrei qualcosa di meglio per i miei figli, non vorrei che anche loro crescano così, no".

Campososta (doc, 8', Italia, 2013) di Stefano Liberti e Enrico Parenti; montaggio: Chiara Russo

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/08/2013 @ 09:00:29, in casa, visitato 1300 volte)

Segnalazione di Giacomo Marino

di Silvia Ragusa | 29 agosto 2013 Il Fatto Quotidiano

Si chiama "Obra social" il manuale rivolto agli spagnoli che si sono visti pignorare la propria abitazione a causa di debiti contratti con le banche. Venticinque pagine che spiegano, passo dopo passo, come prendere possesso di un edificio e e come affrontare le conseguenze legali del gesto

La chiamano "disobbedienza civile". Ma per molti non sono altro che "okupas": uomini e donne che vivono della carità delle mense sociali e hanno un enorme debito da saldare con la banca, che ha loro sequestrato la casa. E che adesso cominciano ad occupare gli edifici vuoti.

La Charcha, ad esempio, è uno di questi: si trova nel quartiere popolare Carabanchel di Madrid ed è di proprietà del Banco popular. L'edificio, vuoto da quando è stato costruito (circa due anni fa), è stato occupato da 40 persone, tra bambini, coppie e attivisti. Gli inquilini hanno messo su un orto e, anche se alcuni lavorano, la maggior parte vive di donazioni e "ricicla" il cibo, cercando nei bidoni della spazzatura o andando a procurare la merce in scadenza nei grandi magazzini.

In Spagna di edifici così se ne contano già 14. Oltre 600 le persone che, grazie alla "Pah", la piattaforma per le vittime degli sfratti, hanno riavuto un tetto sotto la testa.

Ma occupare un edificio non è certo cosa semplice. Adesso però è tutto scritto, nero su bianco, sulla nuova guida pratica chiamata "Obra social" che l'associazione ha reso pubblica. "I motivi sono semplici: ci rubano la casa e ci condannano a pagarla lo stesso", spiegano gli attivisti che vogliono legalizzare le occupazioni delle abitazioni rimaste vuote per sfratto.



L'obiettivo è che, una volta preso l'edificio, i nuovi inquilini, sprovvisti di chiavi, riescano a "negoziare un affitto sociale in base al reddito" con l'entità finanziaria di turno. Insomma un processo di "recupero" delle case dal basso.

Guida alla mano, le 25 pagine spiegano, passo dopo passo, come prendere possesso di un edificio, consigliando, ad esempio, in primis la scelta stessa dello stabile: che sia vuoto da almeno un anno, che sia di proprietà di una banca che rischiava di affondare e che è stata salvata coi soldi dell'Ue. Poi al vaglio c'è anche il luogo da non sottovalutare: "L'appoggio del vicinato sarà diverso nei quartieri popolari che in quelli residenziali o in centro". Nel documento la piattaforma spiega anche in maniera schematica cosa fare dal momento dell'insediamento e come affrontare legalmente la presa di possesso di una casa: è necessario "rivendicare pubblicamente l'azione per evitare che venga considerata come 'furto di proprietà', affinché la polizia non possa intervenire senza un mandato per flagranza di reato". Ma anche "causare il minor danno possibile" alla porta d'ingresso. L'edificio infatti rientra sotto la responsabilità del gruppo.

Nei giorni successivi l'occupazione, spiega il manuale, è importante andare a parlare con i vicini e spiegare loro la situazione perché "in futuro potrebbero essere chiamati a testimoniare". E per dimostrare "la nostra volontà di pagare, prima di qualsiasi accordo con la proprietà dell'immobile, possiamo aprire un conto in quella stessa banca dove versare ogni mese una quantità di denaro in corrispondenza di un affitto sociale", aggiunge la "Pah". Un canone che non dovrà mai superare il 30 per cento del reddito familiare.

Più complicata la seconda parte della guida che espone le conseguenze giuridiche all'indomani dell'occupazione visto che "il diritto alla casa dell'articolo 47 della Costituzione spagnola non è un diritto fondamentale, come si crede", mentre lo è il diritto alla proprietà privata. La guida allega dei fac-simile di documenti da poter consegnare al giudice. E incoraggia a chiarire che "l'azione è una risposta all'assenza di alternative per le famiglie in difficoltà".

Insomma la pressione sociale e mediatica - perché non bisogna dimenticare di chiamare la stampa e srotolare cartelli fuori dallo stabile - è, per l'associazione, una delle armi più efficaci per una buona difesa. Ma soprattutto per permettere alle famiglie di restare nell'edificio. "Non possiamo rimanere con la braccia incrociate", dicono dalla "Pah".

Twitter @si_ragu

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/09/2013 @ 09:03:20, in blog, visitato 1149 volte)

Se ve lo siete perso o se siete troppo lontani da Milano per richiederlo (la distribuzione : - ( è un po' così) ora potete scaricarlo QUI.

Edizione con testo e note riveduti e aggiornati, una rassegna fotografica inedita e un epilogo sugli ultimi due anni.

Copyright Fabrizio Casavola (Attribuzione Creative Commons 2.0)
Edizione seconda edizione
Pubblicato 3 agosto 2013
Lingua Italiano
Pagine 99
Formato del file PDF
Dimensioni del file 6.75 MB
Prezzo 4,00 euro

Altre info:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/09/2013 @ 09:05:20, in casa, visitato 1073 volte)

Associazione 21 luglio 29 agosto 2013 (in foto: Dragan Trajlovic)

In una lettera inviata al sindaco di Roma Ignazio Marino, la comunità rom insediata dallo scorso giugno in via Salviati, nella periferia est della Capitale, chiede di non essere più costretta a vivere nei "campi" e di iniziare nuovi percorsi condivisi di inclusione sociale. Per l'Associazione 21 luglio, l'appello rappresenta la possibilità, per Roma, di mettere in atto quelle nuove politiche di integrazione previste dalla "Strategia Nazionale di Inclusione dei Rom, Sinti e Camminanti", adottata dall'Italia nel 2012.

"Caro sindaco, siamo e ci sentiamo cittadini di questa città, dove viviamo da trent'anni - si legge in uno dei passaggi chiave della lettera, che porta la firma di Sandor Dragan Trajlovic, portavoce della comunità -. Siamo orgogliosi di essere cittadini italiani e cittadini d'Europa. Siamo cittadini rom che credono nell'inclusione e che sognano di poter avere piena cittadinanza in questa bella città. Per questo le chiediamo di ascoltare il nostro desiderio di essere cittadini come gli altri, senza discriminazione e senza ghettizzazione".

(Guarda il video su YOUTUBE)

Lo scorso giugno i 152 rom che attualmente si trovano nell'insediamento informale di via Salviati sono fuggiti dal "villaggio attrezzato" di Castel Romano, dove vivevano dal 2010, in seguito a ripetuti episodi di violenza da parte di altri abitanti del "campo".

"Vivere nel campo ci fa sentire come all'interno di un ghetto, riservato a 1300 rom - scrive al sindaco la comunità -. Sì, il campo di Castel Romano è effettivamente un ghetto, isolato dalla città, insicuro, recintato, chiuso, dove non esiste alcuna possibilità di inclusione sociale. Abbiamo paura per noi e per i nostri figli, perché vivere a Castel Romano significa vivere nella sofferenza e rinunciare al futuro. Dopo trent'anni non ce la facciamo più a vivere nei ghetti. Costringerci a farlo rappresenta per noi un atto di discriminazione".

In seguito a un'ordinanza del sindaco, il 12 agosto scorso le forze dell'ordine avrebbero dovuto sgomberare l'insediamento di via Salviati. Lo sgombero, tuttavia, è stato sospeso e rimandato di alcuni giorni.

La comunità rom, ad oggi, vive nella costante tensione per un imminente sgombero e per il rischio di essere trasferita nuovamente a Castel Romano. Consapevole della necessità di non poter e non voler restare nell'attuale insediamento di via Salviati, la comunità lancia quindi un appello al sindaco per iniziare una nuova stagione di dialogo e un percorso all'insegna dell'inclusione.

"La mia comunità è disponibile a rimboccarsi le maniche e ad assumersi delle responsabilità per intraprendere un percorso che non ci porti più a vivere nei campi e nel degrado, per essere inclusi, per integrare i nostri figli, per avere un futuro migliore. Ci chiamano nomadi ma non è quello che siamo e ci sentiamo", prosegue la lettera.

"Questo appello rappresenta la possibilità di trasformare il "problema dei rom di via Salviati" in una opportunità storica per sperimentare percorsi virtuosi di inclusione sociale così come previsto e richiesto dalla Strategia Nazionale di Inclusione di Rom, Sinti e Camminanti", afferma l'Associazione 21 luglio.

La politica dei "campi", alimentata dalla passata Amministrazione con il Piano Nomadi, non ha prodotto che segregazione abitativa e concentrazione su base etnica. "È il momento che anche a Roma, come già avviene in altre città italiane, ai rom vengano offerte soluzioni diverse da quelle dei "campi"".

"Passare dalla ghettizzazione all'inclusione sociale: è questa la grande occasione che Roma ha davanti a sé per dimostrarsi Capitale europea attenta ai diritti umani e ai bisogni delle categorie più svantaggiate", conclude l'Associazione.

SCARICA la lettera al sindaco Marino

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 03/09/2013 @ 09:02:35, in Italia, visitato 1062 volte)

Sinti in viaggio per il diritto e la cultura Pubblicato da Claudio Gennari a 09:50 - 27 agosto 2013 Gazzettadimodena.it

    Il bilancio dopo i primi mesi da ministro dell'integrazione. "Non solo Ius Soli, in questi 100 giorni ho preparato importanti progetti per i giovani, il dialogo tra religioni e i diritti" strategia nazionale d'inclusione dei Rom, Sinti e Camminanti.
    di Andrea Marini

Fino all'anno scorso c'era anche lei tra le decine di volontari quotidianamente impegnati nei turni tra gli stand, i ristoranti, o a distribuire materiale a Ponte Alto. Ecco quindi che quella di oggi per Cecile Kyenge, ministro modenese dell'Immigrazione nel governo Letta, sarà una serata speciale. Sarà lei infatti a tagliare il nastro della festa provinciale del Pd. Una festa che cade a ridosso della scadenza dei primi 100 giorni di vita del govern o delle larghe intese, in cui il suo nome è stato citato un numero di volte probabilmente minore soltanto a quello di Letta, per via della sua battaglia per favorire l'integrazione degli stranieri e per lo Ius Soli .

Ministro, bentornata a Modena. Con quale bilancio di questa sua esperienza?
"Sono molto soddisfatta. In questi 100 giorni sono riuscita a lavorare sull'idea di un cambiamento culturale della società e su progetti ben specifici dall'integrazione delle politiche migratorie, in senso molto ampio, e di integrazione delle minoranze, tra le diversità. E in ultimo sulle politiche giovanili e per le adozioni internazionali, settori per me nuovi ma in cui c'è tanto da fare"

La cosa che l'ha resa più orgogliosa?
"È stata quella di aver posto con forza un tema che è diventato un punto fondamentale nel Paese: la cittadinanza al di là della nazionalità. Una nuova cittadinanza e una nuova convivenza, un nuovo modo di coesione sociale. Evidenziare un punto fondamentale: ci sono diritti e doveri in tutti i settori. Ponendo all'attenzione la questione delle seconde generazioni, fondamentale per tutto il territorio".

Le è stato utile il bagaglio di esperienza accumulato sui temi come immigrazione e integrazione qui a Modena, da sempre avanti su questo settore?
"Direi che l'esperienza, il bagaglio che mi sono portata dietro è importante e aiuta a concretizzare alcuni progetti del ministero. Soprattutto sul fronte dell'integrazione, quanto fatto a Modena mi risulta utile; così come è utile confrontarlo con il cammino e i percorsi di altre realtà italiane. Su Modena è stato importante il progetto di formazione, sensibilizzazione approccio multiculturale, il settore sanitario, così come la preparazione degli operatori della scuola, ma anche per gli studenti, i giovani. Questo percorso locale e regionale mi aiuta, sono molto fiera di portare avanti le buone pratiche di questo territorio".

E la cosa che più l'ha ferita in questi 100 giorni?
"Occorre distinguere tra i due piani: personale e istituzionale. Sul piano personale ho sempre tenuto a non farmi trascinare e toccare da offese e provocazioni alla mia persona. Cerco di far capire che serve un cambiamento culturale che riguarda tutta la società non ci si deve riferire a una sola persona. Ma tutti insieme si deve lottare per combattere razzismo, xenofobia e altre discriminazioni. Ecco quindi che sul piano istituzionale, al di là della mia persona, sto lavorando per far sì che chi riveste una carica istituzionale sia protetta e rispettata, proprio per il ruolo istituzionale che riveste e perché abbia gli strumenti per fare bene il suo lavoro".

Cosa le è mancato in più in questi mesi della vita normale. Nel rapporto con la famiglia, le figlie.
"Sicuramente l'autonomia, la semplice quotidianità. Quanto alla famiglia sono fiera del supporto molto forte che mi sta dando. Noi siamo sempre stati molto insieme, ora hanno capito che è un po' più difficile, sono spesso lontano, ma mi stanno agevolando molto.

Le manca il lavoro da oculista a Modena?
"Soprattutto il contatto con i miei pazienti, perché andava oltre la professione. Si diventava un po' i confidenti. Sento la mancanza di questo contatto umano. Anzi approfitto della Gazzetta per mandare un caro saluto a tutti i miei pazienti e far presente loro che pur essendo nel ministero li penso spesso e me li ricordo uno a uno".

In questi mesi del suo lavoro si è parlato praticamente solo di Ius soli, ma lei fa anche altre cose. Ad esempio?
"La prima cosa che affronteremo a settembre sarà il rilancio del servizio civile nazionale Uscirà un bando nazionale per il quale abbiamo trovato i fondi per 92 milioni per impegnare 15mila 500 giovani, 14mila 500 per un servizio nel sociale e partecipare a progetti di coop sociali, 850 per progetti di cooperazione internazionale. Poi un'altra quota, circa 300, per l'assistenza ad invalidi civili o non vedenti o ciechi civili, di questo progetto sono orgogliosa. Dopo un anno e passa di immobilismo si è ripreso a lavorare in questo settore con un segnale del Senato, che ha approvato un ulteriore milione per il servizio civile".

Si occupa anche di politiche giovanili. Come vede la situazione dei giovani in Italia.
"È inutile nascondere il momento difficile. Posso assicurare, come ha più volte ribadito il presidente Letta, che loro sono tra le priorità del governo. Sono tanti i progetti interministeriali. Ad esempio stiamo per lanciare la creazione di un Fondo rotatorio per concedere mutui a giovani coppie e single con figli. Con apertura anche per i lavoratori atipici. Ad oggi lo stanziamento è di 50 milioni ma potrà salire a 110 entro il 2015. Il tutto in concerto con il ministro Lupi e la collaborazione dell'Abi. In pratica lo Stato sarà Garante dei mutui di giovani coppie e single con figli, anticipando anche le somme che giovani e single si impegneranno poi a restituire ".

E che altro?
"Daremo un'occasione di lavoro a tanti giovani neolaureati che impegneremo assumendoli per lavorare al piano straordinario per l'informatizzazione e digitalizzazione del patrimonio artistico nazionale".

È vero che il decreto del fare ha snellito le procedure per ottenere la cittadinanza?
"Questa norma riguarda prima di tutto il fatto di mettere i diritti al centro dell'attenzione. I giovani stranieri, in possesso dei requisiti, al compimento del 17 esimo anno e 6 mesi di età riceveranno una lettera che li informa di questa possibilità Per avere la cittadinanza non basterà presentare solo la residenza, ma si potrà testimoniare il proprio percorso all'interno del paese si potrà con i certificati scolastici e poi c'è l'obbligo agli enti locali di usare gli strumenti informatici per velocizzare le procedure".

E sul fronte delle religioni e della discriminazione?
"Abbiamo avviato un percorso per il piano triennale contro la discriminazione razziale a settembre terremo un incontro con le Associazioni e i ministeri interessati, le Regioni, gli enti locali e le associazioni sindacali e dei datori di lavoro. Inoltre con il supporto dell'Unar – Ufficio Nazionale antidiscriminazione razziale, sono in fase di monitoraggio l'avvio dei tavoli regionali e locali per l'attuazione della strategia nazionale d'inclusione dei Rom, Sinti e Camminanti. Ma lavoriamo anche sull'inclusione delle diverse religioni con iniziative congiunte in tema d'integrazione tramite il dialogo interreligioso. E ci saranno tavoli europeo e incontri all'Onu, a New York".

Uno dei problemi, anche a Modena, è la gestione dei tanti minori stranieri non accompagnati che giungono nelle varie città.
"È la nuova emergenza, noi siamo mobilitati anche per supportare il lavoro degli enti locali, anche dal punto di vista economico e ricordo anche il lavoro che stiamo facendo sul fronte delle adozioni internazionali".

Questo governo durerà per riuscire a fare tutte queste cose?
"Mi auguro di sì. Io fino a quando saremo in carica lavorerò su tutti questi progetti".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/09/2013 @ 09:04:06, in sport, visitato 1252 volte)

Segnalazione di Paolo Teruzzi

E' lo sponsor sulla nuova maglia
Calcio, il presidente del Monza con la bozza della maglia con la scritta "Stop racism" (Foto by RADAELLI) Il cittadino MONZA BRIANZA

Monza - "Stop racism". Non ci sarà uno sponsor commerciale sulla maglia del Monza per la stagione 2013-2014, ma un messaggio importante: "Stop al razzismo". Lo ha annunciato il presidente Anthony Armstrong-Emery lunedì in municipio in occasione della presentazione di "Playing for Children", in programma mercoledì 4 settembre allo stadio Brianteo alle 20.30.

In programma la presentazione della squadra di mister Asta e di tutte le giovanili, la partita tra la Nazionale Piloti e i Giornalisti Sky (che trasmetterà l'evento) per il centenario dell'Ac Monza Brianza. Il presidente ha acquistato i biglietti di entrambe le curve per l'intero evento, per regalarli ai tifosi e trasformare la partita in una festa dello sport. Il ricavato sostiene il Comitato Maria Letizia Verga Onlus e l'Associazione Dynamo Camp per il progetto Radio Dynamo in aiuto ai bambini ricoverati in ospedale.

Il presidente ha già chiamato più volte a raccolta i monzesi dalla sua pagina facebook.

VIDEO

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/09/2013 @ 09:03:21, in scuola, visitato 1048 volte)

Slovacchia, rapporto di Amnesty International sui diritti violati degli alunni rom (CS104 - 04/09/2013)

In Slovacchia, migliaia di alunne e alunni rom stanno iniziando un altro anno scolastico in classi e scuole separate e la continua mancanza d'azione da parte del governo contro la segregazione di migliaia di bambini è un vergognoso e illegale affronto nei confronti della società.

È quanto ha dichiarato oggi Amnesty International, presentando il rapporto "Promesse non mantenute: la segregazione degli alunni rom continua", nel quale denuncia la continua e neanche riconosciuta assenza di iniziative per eliminare la duratura discriminazione dei rom nel sistema scolastico.

"È giunto davvero il momento che le autorità slovacche pongano fine alla prassi discriminatoria della segregazione nel campo dell'istruzione e riconoscano che hanno la responsabilità di garantire che tutti i bambini e le bambine abbiano uguale accesso a un'istruzione di qualità" - ha dichiarato Jezerca Tigani, vicedirettrice del Programma Europa e Asia Centrale di Amnesty International.

Secondo una ricerca del Programma delle Nazioni Unite per lo sviluppo, circa il 43 per cento dei rom iscritti alle scuole ordinarie è stato posto in classi etnicamente segregate. In assenza di una riforma complessiva del sistema, il governo slovacco sta tollerando una discriminazione illegale basata sull'etnia nel campo dell'istruzione.

Il 30 ottobre 2012 il tribunale regionale di Presov, nella Slovacchia orientale, aveva dato alla comunità rom un segnale di speranza, stabilendo che l'inserimento di alunni rom in classi separate di una scuola elementare del villaggio di Sharishské Micha'any violava l'Atto antidiscriminazione ed era contrario alla dignità umana. Il tribunale aveva ordinato alla scuola di modificare la prassi per l'inizio dell'anno scolastico 2013-14.

Questo caso ha messo in evidenza quanto le singole scuole e le autorità locali non siano consapevoli di cosa costituisca discriminazione e segregazione. Ha inoltre posto in luce la mancanza di fondi aggiuntivi per garantire un'istruzione uguale e inclusiva a beneficio dell'intera popolazione scolastica.

"Le autorità nazionali devono assistere la scuola di Sharishské Micha'any con direttive chiare e coi fondi extra, necessari per rispettare la sentenza. In questo modo, incoraggeranno altre scuole a spezzare il circolo della segregazione per motivi etnici e invieranno al resto della società il segnale che la segregazione etnica non sarà tollerata" - ha commentato Tigani. "Spetta al governo slovacco dare attuazione al diritto di accedere all'istruzione senza discriminazione, attraverso una riforma complessiva e forme di assistenza mirata all'interno del sistema educativo".

La diffusa e continua segregazione dei bambini e delle bambine rom nelle scuole della Slovacchia ha implicazioni più ampie, poiché mediante essa le autorità slovacche stanno anche violando il diritto internazionale dei diritti umani e la legislazione antidiscriminazione dell'Unione europea. La Commissione europea ha la responsabilità, l'obbligo e gli strumenti per assicurare che gli stati membri rispettino le norme dell'Unione europea, anche attraverso procedure d'infrazione.

"E' ora che la Commissione europea assuma una posizione più incisiva e agisca direttamente verso quei paesi, come la Slovacchia, i cui governi non fermano una segregazione diffusa e sistematica che non ha alcun posto nell'Europa del XXI secolo e che contraddice completamente le leggi dell'Unione europea e i principi del rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali su cui l'Unione europea è orgogliosa di essere stata fondata" - ha concluso Tigani.

Approfondisci la campagna per i diritti dei rom in Europa

FINE DEL COMUNICATO Roma, 4 settembre 2013

Per interviste:
Amnesty International Italia - Ufficio stampa
Tel. 06 4490224 - cell.348-6974361, e-mail press@amnesty.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/09/2013 @ 09:04:45, in Regole, visitato 1220 volte)

Metodologia della formazione "Pretend Your Rights!" - Popica Onlus - Metropoliz
Pubblicato in data 03/set/2013

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 07/09/2013 @ 09:05:21, in blog, visitato 1229 volte)

Memors, il primo museo virtuale del Porrajmos in Italia
La notte del 2 agosto 1944 ad Auschwitz-Birkenau veniva liquidato lo Zigeunerlager, il settore del campo riservato all'internamento di rom e sinti. Dal 2 agosto 2013 sarà online in italiano e inglese il primo museo virtuale del Porrajmos in Italia, realizzato grazie...

Lombardia, Berlusconi e i lavori socialmente utili

Lombardia, una proposta di legge regionale razzista
Il Consigliere regionale Riccardo De Corato si era distinto nell'ostilità istituzionale contro i sinti e i rom milanesi quando era Vice Sindaco nella Giunta Moratti, ora da Consigliere regionale vuole estendere le sue proposte discriminatorie a tutta la Lombardia...

Gerusalemme, il Padre Nostro in lingua sinta
Un grazie alla cara amica On. Giovanna Martelli che ci ha inviato da Gerusalemme la foto del Padre Nostro in lingua sinta.

A Mantova il Ministro Cecile Kyenge
Articolo 3 Osservatorio sulle discriminazioni ha invitato a Mantova domenica 8 settembre il Ministro per l’Integrazione e le politiche giovanili Cécile Kyenge. Due gli appuntamenti. Il prim...

Reggio Calabria, appello a favore dei bambini gravemente ammalati
L’Opera Nomadi di Reggio Calabria lancia un appello ai reggini per una raccolta fondi a favore di un gruppo di bambini gravemente ammalati. O...

Mantova, la visita del Ministro Kyenge

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/02/2020 @ 18:44:56
script eseguito in 140 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 61 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< febbraio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
04/02/2020 @ 07:35:06
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source