Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 20/02/2013 @ 09:04:12, in Italia, visitato 968 volte)

Corriere Immigrazione - di Sergio Bontempelli

Allarmi strategici, politiche securitarie ed esclusione dei migranti: una ricerca sul caso di Pisa, ex città rossa molto tentata ormai dal rosa cipria.

Corriere Immigrazione si è già occupato del "caso pisano". Piccola città dell'Italia centrale, roccaforte dell'elettorato "rosso" e con una robusta tradizione di sinistra, a suo tempo "patria" del Sessantotto e dei movimenti studenteschi, negli ultimi anni Pisa è divenuta l'epicentro delle "politiche di sicurezza": Marco Filippeschi, Sindaco Pd eletto nel 2008, ha dichiarato guerra a rom e venditori ambulanti senegalesi, facendo delle "politiche securitarie" la cifra del suo agire amministrativo.

In un bel libro uscito da pochi giorni (Xenofobia, sicurezza, resistenze. L'ordine pubblico in una città "rossa", edizioni Mimesis), il giovane ricercatore Tindaro Bellinvia ha fatto di Pisa un vero e proprio "case study": ricostruendo non solo gli eventi - ordinanze, campagne di stampa, sgomberi e "retate" di polizia - ma anche il loro significato più ampio.

La volpe e il porcospino: due modelli di città
"Ci sono società urbane più simili alla volpe e altre che assomigliano al porcospino: le prime favoriscono la varietà, la coltivano e la incrementano; le seconde investono in una sola direzione, verso cui orientano il loro sviluppo". Così l'antropologo Ulf Hannerz, citando un verso dell'antico poeta greco Archiloco, identifica due modelli possibili di governo del territorio.
Secondo Bellinvia, le politiche locali a Pisa hanno guardato al modello del "porcospino": hanno costruito cioè "un'economia tutta incentrata sull'accoglienza dei turisti e delle élite in cerca di luoghi raffinati e rassicuranti". Dismessa ogni vocazione industriale (Pisa è stata per decenni una "città operaia" sede di importanti fabbriche), le politiche urbane si sono rivolte al turismo, e ai connessi investimenti immobiliari: alberghi, ville, residenze di lusso, persino un porto per gli yacht sul litorale tirrenico...

Il "marchio" della città e la sicurezza-spettacolo
In questo modello di governo locale, diventa decisivo il "marchio" della città. O, per usare le parole di Bellinvia, il suo "rating". Si deve cioè diffondere la fama di una sede tranquilla, immune da conflitti: un luogo ideale dove un'azienda possa effettuare un investimento, una famiglia benestante trasferire la propria residenza. L'"immagine" della città diventa un tassello decisivo per il suo sviluppo.
In una logica di "marketing", bisogna quindi promuovere il "decoro", la "rispettabilità". Le classi pericolose - i poveri, i migranti, i "marginali" - devono essere nascoste, come si nasconde la polvere sotto il tappeto: allontanate dal centro, ammassate nei piccoli comuni del circondario, a loro volta trasformati in "luoghi dell'eccedente umano".
Soprattutto, si dovranno mettere al bando le attività che compromettono l'"immagine pubblica" di Pisa: l'elemosina, la vendita ambulante, i senza fissa dimora che dormono alla Stazione, i rom che si "accampano" in periferia, i poveri che fanno la fila alle mense della Caritas. E si dovranno compiere gesta spettacolari: esibite al mondo, come si esibisce il "marchio" di un prodotto da vendere.
Di qui la logica delle "ordinanze", finalizzate non al governo di fenomeni sociali ma, appunto, all'esibizione spettacolare. Le "gesta" dell'amministrazione comunale hanno un carattere provocatorio, a tratti persino ridicolo (perché anche il ridicolo serve a far parlare di sé...). Per allontanare i venditori ambulanti si emette l'ordinanza "antiborsoni", con severissime sanzioni per chi si aggiri nel centro storico munito di grosse borse (!); per cacciare i senza dimora si multa la suora che porta da mangiare ai poveri della Stazione; per sbarazzarsi dei rom si fanno sgomberi in stile militare; e per le prostitute si punisce l'abbigliamento femminile che "offenda la pubblica decenza e il decoro".

"Volpi" pisane: c'è chi dice no
In questo modo Pisa - ma lo stesso fenomeno ha riguardato molte altre città - ha perso una caratteristica fondamentale dell'"Italia di mezzo", cioè dei territori "rossi" della Toscana e dell'Emilia: quella di "di far convivere diverse tipologie di attività economiche e culturali". Per usare le parole di Hannerz, Pisa diventa "porcospino" e dismette la sua storica identità di "volpe".
Ma le "volpi" continuano a esistere. Le politiche del Sindaco Filippeschi, infatti, sono state fortemente contestate da un ventaglio molto ampio di "cittadini attivi": studenti, professionisti ed esperti di urbanistica, docenti universitari e intellettuali, organizzazioni di volontariato e comunità migranti.
Il vero e proprio cuore pulsante di questa "resistenza" è stato, secondo l'autore del volume, il Progetto Rebeldia: un network di trenta associazioni, che fino al 2010 ha avuto sede nel quartiere della Stazione (molto frequentato dai migranti e per questo "epicentro" degli interventi repressivi del Comune).
Le associazioni di Rebeldia hanno organizzato non solo un'opposizione radicale alle politiche securitarie - avviando tra l'altro azioni legali contro le ordinanze di Filippeschi - ma anche forme di socialità e di cultura alternative: nel quartiere della Stazione, Rebeldia ha rappresentato un luogo di incontro tra migranti e "nativi", concretizzatosi in momenti conviviali, feste, cene popolari e competizioni sportive.

Una "guerra di simboli"
Rebeldia ha dunque mantenuto in vita l'idea di una città "volpe". Ma ha soprattutto avviato quella che Anna Maria Rivera chiamerebbe una "guerra dei simboli": ed è qui che l'analisi di Bellinvia si rivela particolarmente originale e feconda. Per l'autore del volume, la "sicurezza" è un insieme di discorsi e di significati socialmente costruiti. Solo per fare un esempio, non è affatto naturale che un senza fissa dimora sia percepito come un problema di "sicurezza", come una minaccia all'incolumità dei "cittadini": perché questo avvenga, occorre che si diffonda un senso comune che associa la povertà alla pericolosità. E proprio associazioni mentali di questo genere sono diffuse da giornali e televisioni, così come da Sindaci e politici.
In altre parole, la "sicurezza" è un "codice simbolico": non un dato di fatto ma una percezione, alimentata dalla comunicazione pubblica e dai mass-media. Per contrastarla, dice Bellinvia, occorre "dotarsi di un codice simbolico alternativo". E proprio questo hanno fatto le "volpi" che si sono opposte alle politiche del Sindaco.
Per il momento, la guerra è stata vinta dai "porcospini", cioè dall'amministrazione comunale. Ma Bellinvia dubita che si tratti di una vittoria definitiva: "non crediamo", scrive, che "perseguitare sbandati e persone sospette diminuirà l'insicurezza. Pensiamo piuttosto che questa ossessione per il controllo porterà nuove paure e nuovi timori". La volpe, qui, sembra destinata ad essere come la talpa di cui parlava Marx: avanza silenziosamente, sembra sparita... e poi salta fuori quando meno te l'aspetti!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/02/2013 @ 09:08:18, in Regole, visitato 1137 volte)

Stranieriinitalia.it - Avv. Mascia Salvatore

Non è un opinione, è un crimine punito dalla legge. Ecco come riconoscerlo e combatterlo

11 febbraio 2013 - Il convincimento che la razza, il colore, la discendenza, la religione, l'origine nazionale o etnica siano fattori determinanti per nutrire avversione nei confronti di individui o gruppi, è un pregiudizio, una forma irrazionale di intolleranza, ma è anche e soprattutto un crimine punito dalla legge italiana.

La costituzione italiana condanna ogni forma di razzismo, e all'articolo 3 recita: "Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali". E per cittadini si intendono anche quelli stranieri che si trovano nel nostro Paese.

Infatti, in base all'art. 2 del T.U. n. 286 del 1998, ai cittadini extraue "comunque presenti sul territorio", lo Stato deve garantire il rispetto dei diritti inviolabili dell'uomo, che rientrano nella categoria dei diritti civili.

L'uguaglianza tra le persone è alla base di ogni società democratica la quale deve, quindi, provvedere attraverso le proprie istituzioni a prevenire e tutelare l'intera collettività da atti o comportamenti discriminatori.

Espressione di questa esigenza sono le innumerevoli leggi a livello nazionale, comunitario e internazionale, che nel corso degli anni hanno gettato le basi per contrastare sempre più il razzismo (L. 654/1975; D. Lgs. 215/2003 e D. Lgs. 216/2003 attuativi di direttive comunitarie; D. Lgs. 198/2006).

Considerata la gravità di tale fenomeno, sono previste delle pene molto dure per i colpevoli.

Secondo la legge n.654 del 1975 chi diffonde in qualsiasi modo idee fondate sulla superiorità o sull'odio razziale o etnico, ovvero istiga a commettere o commette atti di discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi, è punito con la reclusione fino ad un anno e sei mesi o con la multa fino a 6.000 euro.Mentre chiunque commette o istiga a commettere atti di violenza o di provocazione alla violenza per gli stessi motivi, è punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni.

Riconoscere le discriminazioni
Ogni comportamento che, direttamente o indirettamente, comporti una distinzione, esclusione, restrizione o preferenza basata sulla razza, il colore, l'ascendenza, l'origine o la convinzione religiosa è considerato dalla legge italiana discriminatorio (art.43 del d.lgs. 286/98).

Possono essere considerati fattori di discriminazione anche i motivi linguistici o di provenienza geografica.

Si tratta di un comportamento illegittimo anche se non è intenzionale, perché comunque distrugge o compromette il riconoscimento, il godimento o l'esercizio dei diritti umani e delle libertà fondamentali.

Spesso è difficile valutare ciò che è considerata discriminazione e quindi razzismo. Per questa ragione la legge si è preoccupata di definire meglio questo concetto oltre che di fornire una tutela specifica per quelle discriminazioni che si verificano nei luoghi di lavoro e nei rapporti con le pubbliche amministrazioni o con esercenti commerciali.

Compie un atto di discriminazione:
1) il pubblico ufficiale che nell'esercizio delle sue funzioni compia o ometta atti nei riguardi di un cittadino straniero che, soltanto a causa della sua condizione di straniero o di appartenente ad un determinata razza, religione, etnia o nazionalità, lo discriminino ingiustamente;
2) chiunque imponga condizioni più svantaggiose o si rifiuti di fornire beni o servizi offerti al pubblico ad uno straniero soltanto a causa della sua condizione di straniero o di appartenenza ad un determinata razza, religione, etnia o nazionalità (prezzi differenziati al bar);
3) chiunque illegittimamente imponga condizioni più svantaggiose o si rifiuti di fornire l'accesso al lavoro, all'abitazione, all'istruzione, alla formazione e ai servizi sociali e socio assistenziali allo straniero regolarmente soggiornante in Italia , soltanto in ragione della sua condizione di straniero o di appartenente ad un determinata razza, religione, etnia o nazionalità (locazione di immobili);
4) il datore di lavoro o i suoi preposti i quali compiano qualsiasi atto o comportamento che produca un effetto pregiudizievole discriminando, anche indirettamente, i lavoratori in ragione della loro appartenenza ad una razza, ad un gruppo etnico o linguistico, ad una confessione religiosa, ad una cittadinanza.

Cosa fare quando si subisce una discriminazione

Azione Civile

Chi è stato vittima di un atto discriminatorio da parte di un privato o di un ufficio pubblico può ricorrere all'autorità giudiziaria ordinaria per domandare la cessazione del comportamento pregiudizievole e la rimozione degli effetti della discriminazione.

A tal fine la vittima della discriminazione può presentare, personalmente o avvalendosi di un Avvocato o di un associazione, un ricorso presso la cancelleria del Tribunale Civile della città in cui dimora A supporto delle prove fondamento del ricorso possono essere forniti anche elementi desunti da dati di carattere statistico, dai quali si può presumere l'esistenza di atti, patti o comportamenti discriminatori (es. assunzioni, regimi contributivi, assegnazione delle mansioni e qualifiche, trasferimenti, licenziamenti, ecc. dell'azienda interessata).Spetta poi al convenuto (colui che ha commesso l'atto discriminatorio) provare l'insussistenza della discriminazione. Il giudice, una volta accertato che c'è stato un atto discriminatorio, accoglie il ricorso ordinando che si ponga fine al comportamento discriminatorio e che ne vengano rimossi gli effetti. Potrà inoltre condannare il colpevole a risarcire i danni eventualmente subiti, anche non patrimoniali Il giudice può, inoltre, ordinare la pubblicazione del provvedimento, per una sola volta e a spese del convenuto, su un quotidiano di tiratura nazionale. In caso di condanne a carico di datori di lavoro che abbiano avuto dei benefici monetari sia statali che regionali, o che abbiano contratti di appalto per l'esecuzione di opere pubbliche, servizi o forniture, il giudice comunica i provvedimenti alle amministrazioni che hanno disposto la concessione del beneficio o l'appalto. Il beneficio può, quindi, essere revocato e, nei casi più gravi di discriminazione, può essere disposta l'esclusione del responsabile per due anni da qualsiasi ulteriore concessione di agevolazioni (finanziarie o creditizie) o da qualsiasi appalto.

Se l'ordinanza del giudice non viene appellata entro 30 giorni, diviene definitiva a tutti gli effetti.

Azione Penale
Insieme al diritto di chiedere la cessazione del comportamento, è prevista la possibilità di presentare una denuncia/querela al Tribunale Penale del luogo in cui si è verificato l'evento oggetto del reato con cui chiedere l'arresto di chi commette una discriminazione.
Anche in questo caso il giudice, dopo aver accertato la responsabilità di chi ha commesso il reato, può disporre il risarcimento dei danni materiali e morali a favore della vittima del reato che si sia costituito parte civile nel processo.

Inoltre il giudice può disporre, ulteriormente alla pena, sanzioni accessorie che prevedono obblighi particolari per il colpevole.

Questi potrà essere obbligato a prestare attività non retribuita a favore della collettività per finalità di pubblica utilità; potrà prevedersi la sospensione della patente di guida, del passaporto e di documenti validi per l'espatrio per un periodo non superiore ad un anno; potrà disporsi il divieto di partecipare ad attività di propaganda elettorale per le elezioni politiche o amministrative.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Barbara Breyhan (del 21/02/2013 @ 09:04:45, in Europa, visitato 1255 volte)

Con questa traduzione, anche Barbara Breyhan inizia la collaborazione con Mahalla. Benvenuta!

DORTMUND - Lavoratori ridotti in miseria - di Sibylle Fuchs, 5 febbraio 2013

Due settimane fa il programma televisivo ARD_Monitor ha trasmesso un servizio sconvolgente, che ha mostrato con quale freddezza sociale e con quale disprezzo la città di Dortmund e le istituzioni ecclesiastiche in questa città, rispondano all'indigenza dei lavoratori emarginati dell'Europa sudorientale.

L'estrema povertà dei paesi, da cui questi lavoratori cercano di fuggire, è stata consapevolmente provocata dall'Unione Europea. La povertà serve da leva affinché anche in paesi ancora benestanti, come Germania o Francia, il tenore di vita della classe operaia si abbassi in maniera significativa.

I reporter Isabel Schayani ed Esat Mogul sono stati per una giornata insieme ad Ercan, un Rom della città bulgara di Plovdiv, che ha inutilmente tentato di trovare un lavoro malpagato tra quelli che vengono offerti nel cosiddetto "Arbeiterstrich" nella Mallincksrodttrasse della città di Dortmund ("Arbeiterstrich" viene chiamato in tedesco un incrocio stradale nel quale braccianti dell'Europa sudorientale ciondolano durante la giornata, aspettando che qualcuno passi e offra loro un lavoro, quasi sempre sottopagato, ndr). Da quando Ercan è arrivato, una settimana fa, è riuscito a trovare lavoro soltanto un'unica volta. Con i soldi che ha guadagnato per un trasloco è riuscito appena a ripagare i debiti contratti per il viaggio in autobus dalla sua città d'origine fino in Germania.

Da quando i loro paesi di provenienza sono paesi membri dell'UE, i lavoratori bulgari e rumeni che aspettano un lavoro sull'Arbeiterstrich soggiornano in maniera regolare in Germania, ma finora è loro impedito un altrettanto regolare lavoro. Nonostante ciò, soltanto nel 2011 sono arrivati in Germania 200.000 tra bulgari e rumeni per prestare servizio come lavoratori a giornata.

Dall'entrata di bulgari e rumeni nell'UE nel 2007, anche a Dortmund ne sono arrivati a migliaia. Giorno dopo giorno si mettono per strada e sperano che un automobilista si fermi e li prenda con sé. Nei loro paesi di origine hanno perso il lavoro con la liquidazione delle imprese statali ed hanno perso qualsiasi speranza di lavoro. Se sono fortunati, sull'Arbeiterstrich viene offerto loro un lavoro pesante per una paga misera. Questo estremo sfruttamento dei lavoratori rom fa parte dell'intensificazione sistematica dello sfruttamento della classe operaia in tutta l'Unione Europea.

Molti rom o non hanno un alloggio o sono costretti a vegetare in alloggi indegni in abitazioni malandate, note a Dortmund come "Ekelhäuser" (case che fanno ribrezzo, ndr.). O si tratta di abitazioni occupate, dalle quali possono essere cacciati in qualsiasi momento, oppure sono costretti a pagare 30 euro a notte ai proprietari di casa per un posto-letto, spesso solo dei lager con dei materassi in appartamenti sovraffollati. Gli impianti sanitari e le cucine o sono guasti o del tutto insufficienti per la moltitudine di persone stipate nelle case.

Il sovraffollamento delle abitazioni porta in breve tempo a sporcizia e condizioni igieniche insostenibili. Di regola i proprietari di casa ordinano dei contenitori per rifiuti troppo piccoli per l'immondizia creata dal gran numero di inquilini. Si dice che in una casa fosse presente soltanto un servizio igienico per 19 appartamenti e che fosse privo di acqua corrente.

Ercan ha lavorato per 22 anni come scaricatore in un'azienda, ma poi, come accade per la maggior parte dei rom, è stato licenziato.

Ercan è a Dortmund da una settimana. Non ha nemmeno i soldi per telefonare a sua moglie. Quando è arrivato qua, ha trovato un posto letto in una casa. Un rumeno gli disse di essere il portiere e che avrebbe potuto pernottare nella casa per quattro o cinque giorni. Ma quando la sera è rientrato per pernottare, ha trovato porta e finestre sbarrate. Le sue cose sono rimaste dentro. Adesso gli sono rimasti soltanto gli abiti che porta addosso.

Per via delle temperature sottozero ha bisogno di un posto dove farsi la doccia e dove stare al caldo. La troupe televisiva lo accompagna, con telecamera nascosta, alla Diaconia, l'ente assistenziale della chiesa evangelica. Viene respinto. Un uomo gli mostra un foglio con scritto: "I bulgari qui non possono farsi la doccia".

"Ma loro lo sanno benissimo", dice l'uomo, "ma ritornano sempre! E a me tocca sempre mostrare di nuovo questo foglio! Sanno leggere? E' la loro lingua! Niente doccia!".

Reporter: "Niente doccia. Allora, qui bulgari e rumeni non possono farsi la doccia. Tutti gli altri sì?". Uomo: "Sì".

Da una responsabile dell'Diakonischen Werks Dortmund und Lünen i reporter hanno ricevuto la spiegazione che, in effetti, esisterebbe presso il pronto soccorso un servizio apposito per le emergenze per chi ha bisogno di farsi la doccia, ma che al momento la Diaconia sarebbe equipaggiata in maniera molto ristretta per quanto riguarda la disponibilità delle docce.

La troupe televisiva ed Ercan vengono quindi semplicemente rimandati all'ufficio Consulenza Migrazione, aperto al pubblico alle ore 13:00 per un'ora. Alla domanda della reporter sul perché Ercan non possa farsi la doccia si ha il seguente dialogo.

Uomo: "Infatti, farsi la doccia assolutamente no". Reporter: "Perché no? Allora chi può farsi la doccia?". Uomo: "Soltanto tedeschi, gli immigrati no".

Ci sarebbe un posto in cui anche agli immigrati è permesso farsi la doccia, ma soltanto tre volte la settimana.

Mentre fuori ci sono temperature gelide, Ercan incontra gli stessi problemi per il pernottamento. Accompagnato dai reporter, tenta di chiedere la possibilità di pernottamento presso gli alloggi di fortuna dell'ufficio dell'assistenza sociale per uomini. Anche qui è ospite indesiderato.

Uomo: "Bulgaro? Rumeno?". Ercan: "Bulgaro". Uomo: "Oh! No sleep here! Solo Dortmund, only Germany". Reporter: "Perché?". Uomo: "E' solo per tedeschi, solo per abitanti di Dortmund. Non per bulgari o rumeni. Purtroppo è così: non possiamo permetterlo". Reporter: "Per questo esiste una spiegazione?". Uomo: "E' così purtroppo. Queste sono le regole che ci arrivano dall'ufficio dell'assistenza sociale della città di Dortmund".

L'unica cosa che l'uomo propone ad Ercan è di tornare alle ore 23:30: "A quell'ora il collegio ed io decideremo se potremo lasciarlo dormire qui. A quel punto, però, rappresenterebbe un'eccezione per questo singolo caso, se proprio fuori dovesse fare troppo freddo. Okay? Di più non posso fare".

Ercan passa la notte in un internet café. La mattina seguente decide di ritornare nel suo paese di origine. I reporter gli hanno dato il denaro sufficiente.

Questo non è stato il primo servizio televisivo sulla condizione dei rom a Dortmund. Due anni fa un altro caso ricevette l'attenzione della stampa. Una giovane rom, che voleva provvedere al mantenimento della sua famiglia con il suo lavoro di prostituta,venne lanciata fuori falla finestra da un suo brutale cliente. Sopravvisse, ma restò invalida. Il corrispondente televisivo prese il suo caso come occasione per richiamare l'attenzione sulle orribili condizioni di vita dei rom. Mostrò anche la loro disperata situazione nei paesi di origine. Molti dei rom arrivati a Dortmund con gli autobus provengono dal quartiere Stolipinovo di Plovdiv. E' uno dei più grandi ghetti rom dei Balcani. Vi abitano 45.000 rom - che parlano soprattutto turco - in edifici prefabbricati senza corrente elettrica né acqua.

Le loro condizioni di vita sono notevolmente peggiorate dal crollo dei regimi stalinisti nell'Europa dell'Est, perché essi, per prima cosa, hanno perso il lavoro.

Per poter restare in Germania per più di tre mesi, un bulgaro o un rumeno deve poter presentare un contratto d'affitto, il permesso di soggiorno per cittadini comunitari e un'assicurazione sanitaria. La maggior parte di coloro che arrivano qua non hanno la più pallida idea di come ottenerli. Per i cittadini di questi paesi, la totale libertà di circolazione e la garanzia legale di poter trovare un lavoro varranno soltanto a partire dal 2014. Per ora possono trovare lavoro soltanto in proprio. Alcuni tentano di lavorare come commercianti di rottami metallici, ricavati da autovetture o vecchie pattumiere. Altri non trovano di meglio che chiedere l'elemosina o essere introdotti nella criminalità.

Addirittura alle mense la maggior parte di loro non può ricevere niente, in quanto va esibita una tessera con cui dimostrano di ricevere contributi sociali.

Molte donne hanno trovato di che vivere lavorando come prostitute. In passato più di 700 donne avevano denunciato la loro attività lavorativa come prostitute; nel Strassenstrich ("marciapiede", "quartiere a luci rosse" - in cui, in Germania, è consentito esercitare la prostituzione, ndr.) della Ravensbergersrasse, pensato originariamente per 50 donne, arrivavano a lavorare contemporaneamente fino a 120 prostitute. Con i soldi guadagnati erano in grado di assicurare un'esistenza dignitosa alle loro famiglie in Romania o Bulgaria.

Lo Strassenstrich è stato tuttavia chiuso nel 2011 e la prostituzione è stata vietata su tutto il territorio della città di Dortmund. Il provvedimento avrebbe dovuto scoraggiare un afflusso più ampio di immigrati dalla Bulgaria. Il prefetto di Dortmund, Ingo Moldenhauer, spiegava: "Deve arrivare fino in Bulgaria il segnale che qui non si può più guadagnarsi da vivere con la prostituzione".

Adesso la prostituzione viene esercitata illegalmente in case-bordello. Le assistenti sociali, che prima si occupavano delle prostitute aiutandole ad ottenere mezzi contraccettivi o organizzando corsi di lingua tedesca, ora non hanno più alcuna possibilità di aiutarle. Nel frattempo adesso si rincorrono voci che potrebbe essere di nuovo autorizzato lo Strassenstrich.

Le terribili condizioni abitative negli "Ekelhäuser" hanno fornito un pretesto per politici populisti e di destra per campagne sobillatrici contro immigrati sia sulla stampa locale che sul web, campagne che nella terminologia ricordano la propaganda nazionalsocialista.

Il telegiornale del 2 aprile 2011, in un servizio, così descriveva un gruppo di inquilini rom: "Rubano, irrompono nelle case, lasciano danni da riparare e confermano concretamente i pregiudizi esistenti su di loro." Hubert Scheuer, ex sindacalista, è dell'opinione che chi non si difende, soccombe.

Invece di chiedere ai proprietari delle case di assumersi le proprie responsabilità e di combattere contro lo strozzinaggio degli affitti esorbitanti, si preferisce insultare i rom che vivono in condizioni disumane.

Alcuni rom che abitavano nelle "case problematiche" sono stati nel frattempo sfrattati tramite le forze dell'ordine. L'impresa comunale della città di Dortmund, la DOGEWO, ha comprato 7 case e sta risanando 65 alloggi. Ne seguiranno altri. I rom senzatetto dell'Arbeiterstrich non saranno in grado di pagare i prezzi d'affitto di questi alloggi.

Dortmund non è un caso unico. In molte grandi città della Germania accade la stessa cosa. Nelle stesse condizioni vivono anche i rom a Duisburg, dall'altro lato del territorio della Ruhr: più di 6000 rom, provenienti dalla Bulgaria e dalla Romania, nelle stesse condizioni disumane.

I politici borghesi e i mezzi d'informazione rappresentano come responsabile essa stessa, per la propria grave situazione, questa parte più povera della popolazione che lavora e ne promuovono la deportazione. La campagna sobillatrice razzista contro i rom viene fomentata consapevolmente dalla borghesia allo scopo di dividere la classe operaia e di ostacolare la solidarietà di classe. I lavoratori europei non lo devono permettere. Solo una difesa anche delle parti più oppresse della classe operaia può impedire che questi attacchi non vengano poi estesi a tutti gli altri e diano spazio a forze di destra e fasciste.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/02/2013 @ 09:09:21, in Europa, visitato 1094 volte)

Il consiglio che spese 7 milioni di sterline per sgomberare i traveller da Dale Farm, vorrebbe costruire il nuovo campo a meno di 800 metri - By JAMES RUSH - PUBLISHED: 15:22 GMT, 11 February 2013

  • Il consiglio di Basildon diceva di non voler premiare le azioni illegali
  • Dal 2001 le autorità sono state coinvolte in 10 anni di battaglie legali
  • A ottobre 2011 spesi 7 milioni di sterline per sgomberare il sito di Dale Farm

Il consiglio che ha speso oltre 7 milioni di sterline per sgomberare il campo traveller di Dale Farm, finisce nel mirino per aver dato via libera ad un nuovo sito posto sul lato opposto della strada.

Il consiglio di Basildon si è trovato coinvolto in una battaglia legale decennale dal 2001, dopo che ai traveller venne consentito di espandersi illegalmente in un ex discarica a Crays Hill, Essex.

    (Oltre alle spese per lo sgombero, la battaglia legale su Dale Farm è costata alla comunità di Basildon ben 18 milioni di sterline, lievitati ad oltre 20 dopo lo sgombero di ottobre. Sulle tante questioni legali del terreno occupato e della sua destinazione d'uso, vedi questi articoli precedenti: Uno, Due, Tre, Quattro, Cinque, Sei. ndr.)

Ma dopo aver speso milioni in un durissimo sgombero ad ottobre 2011, i consiglieri hanno ora approvato un nuovo sito di sosta, situato a neanche 800 metri di distanza.

Progetto: il consiglio di Basildon Council ha approvato un nuovo sito per travweller (cerchiato in rosso) ad appena 800 metri da Dale Farm  (perimetrato in blu)

Sfrattati: I traveller continuano a vivere in un viottolo che conduce ai sei acri del sito di Dale Farm, a oltre 15 mesi dallo sgombero

Scontri hanno infiammato gli animi durante lo sgombero di ottobre 2011

Le autorità hanno difeso la loro azione odierna, negando che i traveller siano stati premiati per la loro illegalità.

Len Gridley, 53 anni - da oltre dieci vive accanto a Dale Farm, è sbottato:

"I conti non tornano! Si parla di costruire un mini-sito, quando tutti sanno che ci sono oltre 20 carovane sistemate sulla strada che porta a Dale Farm o da quelle parti. Il consiglio sta spostando il problema senza volerlo risolvere. Non accettano di aver affrontato in maniera pessima il problema con lo sgombero, ed ora stanno nascondendo i loro risultati sotto il tappeto."

Costoso: Lo sgombero di ottobre 2011 è costato al consiglio di Basildon 7 milioni di sterline

Violenze: lo sgombero ha visto oltre 300 poliziotti in tenuta antisommossa e centinaia di ufficiali giudiziari impegnati nell'ex discarica in un operazione di prima mattina, che ha portato a scontri sanguinosi e violenti

Revisione: E' atteso per fine mese un rapporto dell'Agenzia per l'Ambiente sui contaminanti pericolosi a Dale Farm

"Dale Farm è in condizioni peggiori di quando ci vivevano illegalmente i traveller."

I traveller continuano a vivere illegalmente in una strada chiusa accanto a Dale Farm, ad oltre 15 mesi dallo sgombero.

Nei prossimi mesi è atteso un rapporto dell'Agenzia per l'Ambiente sui contaminanti pericolosi - inclusi amianti e olii industriali.

Vista aerea del sito di Dale Farm, prima dello sgombero di ottobre 2011. L'area illegale abbandonata è marcata in rosso

I progetti approvati per il nuovo sito includono 15 piazzole per carovane doppie, in una proprietà governativa su terreno incolto ad appena mezzo miglio di distanza, a Gardiners Lane South, Basildon.

Il piano, approvato giovedì dalla maggioranza del consiglio, potrebbe ospitare non oltre 80 traveller, che attualmente vivono in carovane all'ingresso del sito illegale.

Vista aerea di Dale Farm, per cui il consiglio di Basildon ha spento 7 milioni di sterline per sgomberare i traveller ad ottobre 2011

Toni Ball, leader del consiglio di Basildon, ha detto:

"Vorrei ripetere che questo sito non è una soluzione alla questione di Oak Lane, dove i traveller stanno tuttora vivendo illegalmente, mentre i posti verranno assegnati in base alle esigenze locali. Non siamo qui a premiare chi si è comportato illegalmente. Da sempre siamo impegnati a lavorare con le comunità zingare e traveller, per trovare luoghi adatti dove possano vivere, come ogni altro settore della comunità. E' importante aver lavorato in accordo con la Home and Communities Agency (HCA) e gli sviluppatori, per essere sicuri che questo sito sia avviato correttamente e che le piazzole siano assegnate sulla base delle necessità. Vogliamo prendere il terreno in affitto dalla HCA e subaffittarla poi alla Home Space Sustainable Accommodation (HSSA), per mantenere il controllo del sito."

Il piano approvato include 15 piazzole per due carovane ognuna, su un terreno governativo incolto

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 23/02/2013 @ 09:00:38, in Europa, visitato 968 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 23/02/2013 @ 09:04:43, in Italia, visitato 999 volte)

U Velto (foto da La Gazzetta di Mantova)

Respingo le accuse strumentali dell'assessore provinciale Elena Magri e la invito a leggersi le relazioni inviate annualmente. Per l'annualità 2012 è stato chiesto all'associazione Sucar Drom di prolungare l'annualità 2012 fino al mese di febbraio 2013, noi eravamo contrari perchè tale scelta ci ha esposto finanziariamente in maniera evidente per mantenere i servizi richiesti dai territori. Nel mese di marzo sarà inviata la rendicontazione. Inoltre, sottolineo che non è mai giunta all'associazione, dall'Assessore Elena Magri, nessuna richiesta di spiegare come è condotta la mediazione culturale. Ricordo però all'assessore che la stessa Provincia di Mantova ha pubblicato il libro “la mediazione culturale: una scelta, un diritto” dove è spiegato come l'associazione conduce la mediazione culturale.

Ritengo scorretto spostare l'attenzione pubblica su qualcosa di inesistente per coprire la propria ostilità all'unica proposta seria e concreta su come offrire un habitat diverso da un ghetto a famiglie mantovane.

L'assessore Elena Magri non è riuscita a formulare in due anni una proposta: ne per la chiusura del cosiddetto “campo nomadi”, ne per implementare la scolarizzazione, ne per tutelare le culture sinte e rom e neppure per aiutare le famiglie sul tema fondamentale del lavoro. Dopo un primo incontro con le donne sinte l'assessore è sparita, ma può incontrare le mantovane e i mantovani appartenenti alle minoranze linguistiche sinte e rom, quando vuole. Certo, c'è almeno da convocare le persone e quindi un piccolo sforzo è da fare; come quello di mandare una comunicazione ufficiale della avvenuta stipula di un protocollo d'intesa agli Uffici competenti ed è ridicolo pensare che l'Ente Provincia di Mantova non sia in grado di mandare una semplice comunicazione. Io penso che non l'abbia voluto fare.

Al contrario l'unica proposta che ho sentito dall'Assessore Magri è quella di non chiudere il cosiddetto “campo nomadi”. Proposta fatta al Tavolo “Men Sinti” alla presenza di tutti i partner che si sono guardati negli occhi stupiti e scioccati perchè eravamo in procinto di firmare il protocollo d'intesa con l'obiettivo di smantellare l'area di viale Learco Guerra. Ogni commento è superfluo.

L'assessore Elena Magri spieghi ai mantovani, in particolare ai sinti, cosa intende fare sui temi della scuola, dell'abitare, del lavoro, della cultura, ma lasci all'associazione Sucar Drom il diritto di indire manifestazioni dove e come lo ritiene opportuno nel rispetto della legge. Io non ricatto nessuno e quindi respingo al mittente tale accusa. L'associazione Sucar Drom ha fatto in questi anni decine di manifestazioni per mettere in evidenza le mancanze di Assessori di tutti i colori politici, ma per l'assessore Elena Magri il dissenso verso le sue mancanze sono da bollare come ricatti. La stessa identica tesi ideologica delle frange più xenofobe mantovane.

L'associazione Sucar Drom non svolge solo attività di mediazione culturale, ma svolge anche un ruolo politico. Questo ruolo lo rivendico con forza e decisione perchè è chiaro a tutti che senza tale ruolo la situazione a Mantova non sarebbe diversa da quella di altre città lombarde. E' chiaro che anche dentro alla sinistra i bisogni espressi dai cittadini italiani, appartenenti alle minoranze sinte e rom, non sono bisogni legittimi. Gli stereotipi e i pregiudizi che pervadono la società italiana non vedono le persone che si professano di sinistra immuni. A peggiorare le cose c'è un'idea che le questioni debbano essere affrontate sull'onda delle emozioni e poi abbandonate al loro destino. Il lavoro quotidiano di condivisione e di cammino anche nei momenti più difficili è un concetto che non appartiene a molti perchè è più semplice fare il solito progettino dove le questioni sono affrontate in maniera superficiale. Io le affronto in tutta la loro complessità con passione e serietà e non solo un pomeriggio alla settimana per un paio di mesi. Se non fosse così l'associazione che ho formato, insieme a tanti altri mantovani appartenenti alla minoranza sinta, non avrebbe la credibilità che invece ha a Mantova e non solo.

di Carlo Berini, vice presidente dell'associazione Sucar Drom

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/02/2013 @ 09:01:48, in musica e parole, visitato 1145 volte)

CONSERVATORIO DI MILANO-SALA VERDI: Via Conservatorio, 12 Milano
Domenica 3 marzo 2013. h. 16.30

Nella splendida cornice della Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Claudio Bisio, insieme a un ensemble urbano-sinfonico-multiculturale e ai colori di bellissimi acquarelli, ci racconta le avventure di Pierino, di un bruco e di come, insieme, diventano farfalla contro la prepotenza e contro ogni forma di pregiudizio e di solitudine.

Una prima esecuzione, un evento unico, organizzato in collaborazione con il Conservatorio di Milano e i cui proventi saranno devoluti alla ONLUS Soleterre, organizzazione umanitaria che da 10 anni si occupa di diritti umani, con una particolare attenzione a bambini e ragazzi.

Pierino e il bruco è una storia contro il bullismo che valorizza la ricchezza della diversità, in tutte le sue forme. Una storia per grandi e piccini. Una storia in cui, chi ha trascorso del tempo guardando le nuvole, non può non ritrovare anche se stesso nelle vicende del nostro protagonista.

L'autore delle musiche è Stefano Corradi, il cui percorso artistico va dalla musica classica al jazz con un grande amore per la "musica del mondo". Questa varietà è il frutto di intense collaborazioni con diversi gruppi multiculturali come la StageOrchestra di Moni Ovadia, l'Orchestra di Via Padova e la Bantu Band, collaborazioni di cui ha voluto portare testimonianza nello spettacolo di Pierino e il bruco coinvolgendone alcuni musicisti.

Sul palcoscenico ci saranno quindi artisti di diverse provenienze, sia culturali che geografiche. I grandi solisti jazz Tino Tracanna, Giovanni Falzone e Bebo Ferra affiancati dal fisarmonicista rom Albert Mihai, dagli studenti del Conservatorio fino al percussionista ivoriano Pegas Ekamba, formeranno un'orchestra di circa 30 musicisti che accompagneranno Pierino in un viaggio variegato ed emozionante, dove sono i piccoli gesti a costruire le singole esistenze e salvare il mondo.

La storia è stata scritta da Laura Rossi, la cui esperienza attinge al mondo del teatro e dei ragazzi. E' passata per il Piccolo Teatro di Milano, frequentando l"Officina degli scrittori" e il Masterclass diretto da Luca Ronconi, per il teatro Franco Parenti e la StageOrchestra di Moni Ovadia come assistente alla regia. Ha condotto per diversi anni laboratori teatrali per studenti delle scuole medie e superiori. E' autrice del libro "L'identità e la maschera", un confronto tra le figure femminili in Ibsen e Pirandello.

I "colori" delle musiche sono anche i colori delle scenografie, realizzati da Jacopo Ziliotto, illustratore, visualizer, autore di fumetti, creativo.

Apertura porte h. 15,30
Inizio spettacolo h.16,30

Biglietto: 15,00 euro intero; 10,00 euro ridotto per ragazzi fino a 16 anni.
Prevendite, dal 12/2/2013 on-line su: VivaTicket

CONSERVATORIO DI MILANO-SALA VERDI: Via Conservatorio, 12 Milano
Per Informazioni e prenotazioni:
lun-ven h 13,00 – 14,00 / sabato 10,00-13,00 - tel 3343149628
E-mail : info@lagrandejatte.it

www.pierinoeilbruco.it
www.soleterre.org/it/

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/02/2013 @ 09:03:03, in sport, visitato 1508 volte)

immagine da gazzetta.it

Qualche giorno fa, leggevo su un sito che più serio ed affidabile non si potrebbe (Agenzia Parlamentare del 21 febbraio), questo titolo: TORINO: RICCA-SCIRETTI (LNP), UNICO MODO PER SUPERARE I CAMPI ROM E' FARLI SPARIRE

Il contesto è dato da un intervento del sindaco di Torino, volto a rilanciare la strategia cittadina su Rom e Sinti. Intervento che, a parte i plausi per il coraggio dimostrato a parlarne nel pieno della campagna elettorale, ha (ovviamente) anche risvegliato le voci di chi è contrario: da una sommaria lettura di altri siti web mi pare che i punti più criticati sono i ritardi rispetto agli impegni già presi tempo fa, oltre alla solita domanda "Con quali soldi??"

Dibattiti simili stanno fiorendo un po' in tutte le città, e anche le modalità si somigliano. Dell'opinione del capogruppo leghista, mi interessa la parte finale: FARLI SPARIRE. Mi chiedevo (linguaggio a parte) in cosa si differenziassero le sue parole dall'altro mantra che viene ripetuto dall'opposto schieramento: IL SUPERAMENTO DEI CAMPI. I campi (parlo per esperienza personale) so come sono fatti: un insieme di strutture dall'aria provvisoria ma che spesso durano decenni, abitati da gente abbastanza strana. Li si SUPERA, come si supera un semaforo, un'indicazione stradale ecc. andando oltre, oppure li si supera perché li si ignora. Come qualsiasi cosa materiale, farli SPARIRE è impossibile: puoi usare la ruspa ma il campo, beffardo, si ricrea qualche centinaio di metri più in là.

Così, magari per puro divertimento, entro in una storia trattata già tante volte e da diversi punti di vista.

  • La questione dei Rom e' un problema complesso da governare... dice il sindaco torinese.
  • Il tema dei rom è molto complesso e va affrontato nella maniera opposta... risponde l'opposizione.

Consolante, direi. Altro tema che accomuna i due interventi è l'inciviltà che regna in questi campi, che secondo l'esponente leghista è dovuta ai Rom stessi, che non vogliono (lo si intuisce dal pensierino finale) andare a lavorare, accendere un mutuo o pagare un affitto. Inciviltà che c'è anche per il sindaco, ma non si capisce di chi sia la colpa (dei Rom, del comune, della società malvagia?).

Come lettore, sono già disorientato da questo politichese, mi sembra di nuotare nella marmellata. Per il momento:

    PIERO FASSINO: 0 - FABRIZIO RICCA: 1

Sulla complessità, in effetti, l'opposizione tenta di fare pressing su tempo e soldi già passati. Ma, chiede il solito lettore, voi opposizione cos'avete fatto? E qua, ci sta un clamoroso autogol, perché disorientato dal termine, il capogruppo e la sua squadra rilanciano vecchie parole d'ordine che con la parola complessità fanno a cazzotti: far scomparire tutti i campi nomadi, rimpatriare gli zingari tramite i centri di identificazione ed espulsione e trasformare gli spazi attualmente occupati abusivamente in aree di transito, da usare come sosta temporanea previo pagamento dell'occupazione del suolo pubblico.

    PIERO FASSINO: 1 - FABRIZIO RICCA: 1

Può sembrarvi generoso il punto a Fassino (che di suo ci ha messo poco), ma parliamo di complessità e di saper governare (non di noccioline del Piemonte!):

  • quanti "zingari" finirebbero nei CIE? Per quanto tempo? Rimpatriati quando?
  • domanda ingenua: i CIE funzionano? A cosa servono?
  • campi sosta a pagamento? Chi mi da la garanzia che i sostanti possano pagare? Se non hanno soldi e continuano a vagare, cosa cambia rispetto a oggi?

Lasciamo perdere (ahi che guaio la complessità!) che ci sono "zingari" italiani, stranieri comunitari, stranieri extracomunitari. Lasciamo anche perdere che i CIE altro non sono che posti dove i diritti sono meno rispettati che nelle prigioni (non sto facendo il solito estremista, sto leggendo Wikipedia). La domanda, piatta-piatta, è: sinora i CIE hanno influito sull'afflusso di migranti irregolari (o di migranti che hanno perso i titoli legali di restare in Italia), oppure questi arrivi sono proseguiti (aumentati addirittura)?

Il più grande deterrente all'arrivo di migranti (regolari o meno), non sono i CIE, non sono neanche i nipotini di Borghezio. Gli arrivi in Italia stanno diminuendo, per il solo motivo che qua non ci sono più soldi, e visto che i migranti (tra cui i Rom) non sono stupidi, se possono cercano altre mete. Quanti tra loro continuano il gioco eterno di rimpatrio-ritorno, sono quelli che sono stati espulsi nonostante avessero qua una famiglia, un lavoro, qualsiasi interesse, che fosse o meno riconosciuto dalla legge. Insomma, sto dicendo, finché non risolveremo il problema NOSTRO della crisi, è fuorviante prendersela con i Rom. A meno che, non si voglia iniziare da loro per prendersela in futuro con gli altri stranieri (FALLO DA AMMONIZIONE).

Il fallo da ammonizione suscita (al solito) vivaci contestazioni dalla panchina. Volendo (anche se non capisco come) si potrebbe rimpatriare TUTTI GLI ZINGARI, italiani o meno, in India da dove sono arrivati qualche vagonata di secoli fa. Ricca, ad esempio, è un cognome diffuso nell'imperiese ma che è originario della Sicilia, non è che in caso di secessione nordista (sempre di fantapolitica si parla), sarebbe rimpatriato anche il capogruppo leghista?

    PER DIRLA CHIARA: se volevate chiudere le frontiere (o crearne di nuove), ne avete avuto tutto il tempo. Non ne siete stati capaci (meglio così, ma resti tra noi...)? Come succede in qualsiasi paese civile (e anche in quelli incivili), fatevene una ragione. E date tempo e risorse a chi è arrivato qui QUANDO ERAVATE ANCHE VOI AL GOVERNO, per sistemarsi e organizzarsi, perché adesso il problema è questo e l'avete creato voi.

A parte ciò, sinora FAR SPARIRE un campo ha significato solo spostarlo di poco, un po' come nascondere la polvere sotto il tappeto. I rimpatri, sono un gioco simile, soltanto giocato su grande scala: i Rom vengono "deportati" in paesi che non li vogliono, e che faranno di tutto a spingerli ad emigrare nuovamente, Un eterno ping-pong. Sono quegli stessi paesi dove da un lato investiamo per ridurre i costi della manodopera nostrana (ahi la crisi!), e dove rimandiamo gente disinteressandoci di cosa succede loro dopo. E così, ritornano.

Dimenticavo, a proposito dell'autogol di prima: il capogruppo Lega Nord provi a spiegare cosa deve fare un Rom per andare a lavorare, accendere un mutuo o pagare un affitto, visto che, anche se fosse italiano, gli viene risposto PRIMA NOI.

FINE PRIMO TEMPO

SUPERAMENTO: sentite com'è un termine più civile ed elegante? Fassino e tutta la sua squadra giocano sicuramente un calcio più signorile, ma "semanticamente" mi sfugge la differenza. E' un difetto molto italiano: ad un certo punto qualcuno scopre una parola fortunata, che altri riempiono di una serie di concetti tutti da dimostrare e valutare, dimenticando vincoli molto pratici come soldi e tempi... e talvolta persino l'avversario!

Si è partiti il giugno scorso con il piano del ministro Riccardi. Da allora, e non solo a Torino, ho letto un susseguirsi di buone intenzioni, con pochissimi fatti. Perché, se la politica del "chiudere e mandare via" ha i suoi costi (nonostante le semplificazioni leghiste), che vengono ripagati solo in chiave ideologica (avremo comunque nuovi arrivi e ritorni: l'inefficacia del risultato crea nuovi bersagli), anche per superare i campi occorrono fondi e investimenti. Che, guarda caso, non si trovano, sono bloccati, qualcuno li ha usati per altro... C'è addirittura chi non si è posto il problema!

Il discorso, se ascoltiamo anche la controparte che si oppone, è: LI VOGLIAMO O NO? Perché se non li vogliamo questi "zingari", allora a cosa serve investire in casa, lavoro, sanità ecc? Magari salterà fuori qualche spicciolo che farà gola a qualcuno, e si inizierà timidamente a fare qualcosa, per bloccarsi alla prima difficoltà. E, se non li vogliamo, cosa ne facciamo? ATTENTI, se non sappiamo che farne di questi zingaracci, c'è l'altra squadra pronta a segnare in contropiede.

Il secondo ragionamento è: chi è il soggetto che attua il SUPERAMENTO? Per essere chiari: chi gioca nella formazione di capitan Fassino? Al momento, posso solo intuirlo: mediatori culturali (mi sa che sono i soliti), associazionismo dal bel nome (mi sa che sono i soliti), imprese e cooperative che qualche lavoretto - anche in tempo di crisi - lo chiedono (mi sa... ops, l'ho già detto). Schierata sul campo di gioco, vedo la stessa formazione che sino a qualche anno fa sui campi ci ha marciato alla grande (grandi insuccessi, intendo). Come sempre in panchina Rom e Sinti.

No, non parlo di qualche Rom e Sinto autoproclamatosi rappresentante di tutta la galassia, parlo di quella massa che in quelle COSE SCHIFOSE CHE VORREMMO (forse) SUPERARE ci vive, che lo voglia oppure no. Vedete, se superiamo i campi con le stesse precondizioni con cui li abbiamo ideati, cioè limitandoci a sentire gli autoproclamati ESPERTI e consorterie, non saremo (ancora!) in grado di superare la marginalità creata da questi campi. Perché chi ci vive o chi lo lascia, viene trattato come un bravo giocatore, anche indispensabile, ma da tenere in panchina.

Inoltre i campi, che piacciano o no, ci sono ancora. Ma il messaggio che le tutte le amministrazioni (destra e sinistra) si sono trasmesse sottotraccia è che non ci sono più i soldi per il loro mantenimento (manutenzione elettrica e idraulica, sgombero delle fogne, supporto sanitario e scolastico), Così il paradosso è che mentre si parla (si parla, ricordatelo: non che nei fatti sia cambiato nulla) del loro superamento, anche il campo, anche quello regolare, diventa sempre più invivibile, difficile e oneroso da gestire. Chi vi abita, che sino a qualche anno fa aveva speranza e capacità per alzarsi dalla panchina, in questa situazione ha sempre più problemi, URGENTI QUOTIDIANI BASILARI, e di giocare non ci pensa, perché TUTTO GLI SEMBRA LONTANO E ASTRATTO.

    UNA PARTITA GIOCATA SENZA DI LUI.

Qui termina la telecronaca. 1-1, secondo me. Se avessi dimenticato qualche bel momento di gioco, fatemelo sapere. GRAZIE, PER IL MOMENTO E' TUTTO DAL VOSTRO SANDRO CIOTTI.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/02/2013 @ 09:00:40, in scuola, visitato 1199 volte)

Disegnatore di moda aiuta il progetto Romsky' Mentor
Prague, 9.2.2013 20:32, (ROMEA) Jana Baudyshovà, translated by Gwendolyn Albert

2013: Il progetto Romsky' Mentor si svolge nel centro comunitario di Pràdelna a Praga 5 per il secondo anno di fila

Il centro comunitario di Pràdelna in via Holechkova a Praga 5 sta ospitando il Romsky' Mentor per il secondo anno di fila. Il processo d'integrazione porta lo stesso nome ed ancora una volta ha la collaborazione di successo del disegnatore di moda Pavel Berky.

Si gela, ma la "casetta", come i bambini chiamano il centro, è pieno di giovani voci. Poco prima delle 15.00 Pavel arriva col "suo" gruppo. Lo schermo cinematografico nella piacevole penombra dell'attico, è riempito da sfumature colorate anni '60: vestiti a fiori, capelli lunghi, pantaloni a zampa d'elefante, segni della pace e il sorriso di Janis Joplin.

"Wow!" mi dico, guardando un gruppo di adolescenti che ascoltano attentamente le storie dei loro nonni quando erano giovani. Non hanno paura di fare domande se qualcosa li interessa e così il flusso della conversazione rotola su droga, guerre, religione, amore libero, ed anche il lato scuro dello stile di vita hippy.

Poi, la moda diventa la star dello show, ed inizia un vortice di misurare, accorciare, cucire, selezionare i tessuti e intrecciare nastri nei capelli. Quasi dimentico che sono lì col compito di scrivere sul progetto Romsky' Mentor.

Raggiungere una cosa e capirne un'altra
Il progetto internazionale si svolge contemporaneamente con successo in Bulgaria, Ungheria, Macedonia e Slovacchia. E' stato portato in Repubblica Ceca dall'Open Society Foundations (OSF) e sin dal 2011 viene sviluppato da ROMEA.  "Lo scopo principale è contribuire verso l'integrazione dei bambini svantaggiati, attuando attività ricreative nel campo delle arti e della cultura nelle scuole," dice la coordinatrice Iva Hlavàchkovà.

Uno dei punti di contatto tra il progetto e il mondo esterno è un artista romanì di successo: un professionista che regolarmente si incontra con un gruppo di bambini e, assieme ad un pedagogo, ha preparato un programma per loro, in base alla sua attenzione professionale. Come parte del programma, i bambini quindi familiarizzano con un'attività specifica e coi suoi contesti più ampi,  ma soprattutto creano e inventano loro stessi.

Oltre a sviluppare competenze, però, i bambini imparano a lavorare in gruppo e ottenere competenze sociali. Il modello positivo incarnato da una figura romanì di successo, li motiv a sviluppare le loro idee sul futuro e di sforzarsi in un percorso di carriera di successo.

Il progetto è aperto a tutti i bambini e, last but not least, contribuisce ai bambini romanì o no ad imparare la cultura altrui. Il progetto fa crescere la tolleranza e facilita l'integrazione scolastica.

Rivive la moda di tutto il secolo scorso
L'anno scorso il progetto Romsky' Mentor si è focalizzato sullo spirito tradizionale del vestire romanì, l'estetica dei suoi colori, il tipo di materiali adoperati, storia romanì, cultura e moda indiana. Quest'anno Pavel, assieme al suo collega mentore, l'insegnante Lenka Jiroudkovà, ha deciso di dedicare la sessione ad un viaggio attraverso la storia della moda nel XX secolo.

Nell'accogliente attico della "casetta", grazie agli sforzi comuni, vediamo una serie di fotografie di eleganti ragazze in attillati cappotti scuri, ombrelli che ruotano dietro le schiene, come si fosse appena usciti dagli anni '40 o '50. Vediamo punk hard-core con creste, hip-hopper con i pantaloni cascanti e dark lady gotiche con cappotti che arrivano sino a terra, più neri del nero.

Col passare del pomeriggio, il centro comunitario si muta in una versione da camera di Woodstock. Prevale tra i presenti un'atmosfera confortevole e amichevole, mentre ci si diverte creando, godendo l'amicizia, condividendo obiettivi comuni. Non ho dubitato per un momento - dopo tutto, di essere tra i figli dei fiori.

Potete trovare qualcosa di più sul progetto Romsky' Mentor sul sito di ROMEA o su Facebook. IL progetto è totalmente finanziato da Open Society Foundation, come parte del Programma Arti e Cultura di Budapest, e d anche parte del Decennio Inclusione dei Rom.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/02/2013 @ 09:02:37, in Kumpanija, visitato 1319 volte)

Nella foto: foto e oggetti di Rita Prigmore
CORRIERE IMMIGRAZIONE Nel racconto di Alessandra Ballerini, la testimonianza di Rita Prigmore, sinta sopravvissuta all'olocausto - 24 febbraio 2013

Sono a Palazzo Ducale. In ritardo, come sempre. La sala è già piena. Di ogni tipo di persone. L'immancabile Genova "bene", rappresentanti attuali e passati delle istituzioni, ma anche studenti o comunque giovani. Un'età media incredibilmente bassa per essere a Genova. Anche molti stranieri in sala: per lo più sudamericani e africani. E poi ci sono loro: "gli zingari". In realtà li distingui solo dopo un po'. E solo se già li conosci. Sono tutti raccolti a vedere ed ascoltare Rita Prigmore, una delle ultime donne "zingare" sopravvissute all'Olocausto - e alle sperimentazioni mediche dei nazisti sui bambini, invitata dalla Comunità di Sant'Egidio.

Sono in ritardo, ma in tempo per ascoltare Andrea Chiappori mentre spiega alla platea che il genocidio inizia sempre con teorie e pregiudizi ed uccide le persone non per quello che fanno ma per quello che sono. Queste parole mi suonano familiari. Sono le stesse utilizzate da noi giuristi per eccepire l'incostituzionalità delle norme sull'immigrazione che puniscono come reato la clandestinità e infliggono la pena della prigionia nei Cie per 18 mesi per gli stranieri irregolari, colpevoli, appunto, di essere (stranieri) e non di fare.

Rita parla, ferma e appassionata. Ricorda le leggi razziali tedesche che per debellare la "personalità antisociale" dei rom, si inventano il sistema crudele e insulso della prevenzione delle malattie ereditarie tramite la loro sterilizzazione e gli esperimenti sui neonati, in particolare sui gemelli. La neonata Rita viene strappata dal ventre materno insieme alla gemella che perirà dopo poche settimane di "esperimenti". Rita subirà interventi alla testa e agli occhi per tutto il suo primo anno di vita da parte degli "scienziati della razza", convinti di poter creare una specie eletta e monotona con occhi azzurri e capelli biondi. Rita non si compiace, come a volte fanno le vittime, della sua sofferenza. Racconta con dolorosa memoria la storia della sua famiglia e della sua "gente" perché vuole lasciare un messaggio: "voi che potete costruire il vostro paese, guardate gli altri senza pregiudizio, riconoscete in loro sempre un essere umano. Ogni essere umano è l'immagine di Dio, per questo nessuno può condannare un'altra persona".

E detto da lei, che di condannare i suoi aguzzini ne avrebbe ben donde, questo monito fa una certa impressione. Le persecuzioni razziali sono state sempre avallate da leggi la cui emanazione è stata (ed è) possibile perché è stato creato ad arte il consenso sociale. "Ma se ancora oggi è possibile considerare intere categorie di esseri umani come non persone allora la storia non è salvifica. Basta guardare la rabbia, il disprezzo e la paura che ancora ci appartengono e stanno dentro la nostra cultura".

Lo so. È una frase di un pessimismo estremo. Non è mia ma di Luca Borzani, presidente della fondazione Palazzo Ducale. E l'autorità dell'autore la rende ancora più indigesta. "La storia non salva se non porta ad una responsabilità individuale" ed infatti, in questa platea così "mista", quando ci scambiamo gli sguardi durante il racconto di Rita, vergogna è il sentimento che ci unisce. Vorremmo salire sul palco e chiederle scusa. Perché da esseri umani ci si vergogna del male che siamo in grado generare.

Anche Ariel Dello Strologo (Presidente del Centro Culturale Primo Levi) ritiene che non bastino la storia né la cultura per non ricompiere gli errori del passato. Oltre alla storia e alla cultura servirebbe una costante e cosciente responsabilità individuale e collettiva per ogni nostra scelta, anche la più banale e quotidiana. E lo dice fiero nel ricordo di quella prima volta in cui si celebrò il 27 gennaio a Genova dodici anni fa e lo si fece ricordando lo sterminio dei rom e sinti.

Chiude l'incontro Pino Petruzzelli che i rom li conosce, li narra e li ama e che in poche ma precise parole ricorda le nefandezze compiute dagli scienziati e dai medici nazisti. Nel 1936 in Germania, nel centro per l'igiene e la razza, nasce la teoria della "pericolosità degli zingari" causata dal "gene dell'istinto al nomadismo". Nel 1935 iniziavano le ricerche per rendere potabile l'acqua del mare ed il capo della polizia criminale decide di utilizzare come cavie i rom (chiamati ariani decaduti) geneticamente più simili ai tedeschi, sottoponendoli a dementi esperimenti di inutile crudeltà. Al processo di Norimberga i medici mentono e si giustificano esaltando i risultati (inesistenti) degli esperimenti. Alcuni di questi medici, nonostante si siano macchiati di tali imperdonabili crimini, hanno continuato a svolgere la loro attività, sono stati promossi e agevolati nella carriera universitaria. E a me viene in mente il medico e l'infermiera condannati per le torture di Bolzaneto durante il G8 del luglio 2001, che ancora esercitano indisturbati la professione in strutture pubbliche.

E poi penso alle parole. Alla loro manomissione (come direbbe Carofiglio). Lo sterminio, il genocidio vengono artatamente trasformati, nella propaganda razzista, in ricerche per migliorare la "razza". Gli "zingari" seppure cittadini tedeschi (o italiani) vengono rappresentati come un problema sociale. Ieri come oggi. Penso ai continui ed odierni sgomberi dei campi rom, ai fogli di via notificati a cittadini comunitari privi di stabile reddito e perciò considerati automaticamente minacciosi per l'ordine pubblico.

Concetti insidiosi come "personalità antisociale" o "predisposizione a commettere reati" sono utilizzati da sempre, senza alcun criterio, per discriminare intere fasce di popolazione. Oggi, a chi chiede la cittadinanza italiana dopo decenni di regolare residenza nel nostro Paese, viene eccepita la "contiguità a movimenti aventi scopi incompatibili con la sicurezza dello stato". Formula ambigua e discriminante visto che viene utilizzata per negare la cittadinanza a persone immuni da qualsiasi problema penale ma "colpevoli" di non essere di religione cattolica.

Oggi si deportano in Libia o si respingono in alto mare naufraghi richiedenti asilo. Si sono chiusi i lager e si sono aperti i Cie. Si vota in Parlamento, in nome della sicurezza, una norma di legge (poi fortunatamente dichiarata incostituzionale) che sancisce il divieto di matrimonio per gli stranieri irregolari (i non ariani dei giorni nostri) ed un'altra (poi mitigata da una circolare) che impedisce agli irregolari di ottenere atti dello stato civile (compresi certificati di morte e di nascita) con la conseguenza sciagurata per i genitori irregolari di non poter riconoscere i propri figli e dunque di rischiare di vederli dati in adozione a famiglie italiane.

La portata evidentemente nefasta ed abnorme di questa norma, votata dal nostro Parlamento all'interno del cosiddetto "pacchetto sicurezza" (a proposito di mistificazione delle parole!) nell'agosto del 2009, è stata successivamente contenuta grazie ad una circolare ministeriale emessa in risposta alle proteste di giuristi, assistenti sociali e della società civile cosciente e informata. Altre norme, come il divieto di accesso alle cure mediche e all'istruzione scolastica per gli stranieri irregolari, seppure già scritte, non hanno fortunatamente visto la luce solo in seguito all'accesa protesta di medici e insegnanti.

Penso al susseguirsi negli ultimi anni di insensati decreti governativi per fronteggiare un'inesistente "emergenza nomadi" (parliamo in realtà in tutta Italia attualmente di circa 60 mila persone, per metà cittadini italiani ed in massima parte minori) come fosse una "calamità naturale", legittimando sgomberi ed espulsioni.

Forse ha ragione Borzani: la storia non ci salva. Ma le storie e i testimoni narranti possono comunque aiutarci a comprendere, ricordare e scegliere.

"L'importante è un'altra cosa - diceva Basaglia -, è sapere ciò che si può fare. È quello che ho già detto mille volte: noi, nella nostra debolezza, in questa minoranza che siamo, non possiamo vincere. È il potere che vince sempre; noi possiamo al massimo convincere. Nel momento in cui convinciamo, noi vinciamo, cioè determiniamo una situazione di trasformazione difficile da recuperare".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


27/01/2020 @ 12:32:41
script eseguito in 156 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 586 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:27:21
Di Mr Pendelis
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source