Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 09/01/2006 @ 01:18:56, in Italia, visitato 1643 volte)

Da un paio di giorni, rimbalzano in internet notizie su un intervento di Francesco Rutelli sul quotidiano Europa. Io quel pezzo non l'ho letto, anche se un'idea me la son fatta con la dose quotidiana di Padania. Se le cose stanno così, c'è chi (Paniscus, ad esempio) ha risposto intelligentemente, io non mi azzardo neanche, a ripetere cose che avrò già scritto non so quante volte, e che ormai mi vengono a noia.

Però, mettete insieme un campione del dico-e-non-dico, come il politico romano bipartisan, e la caterva di avvoltoi che puntualmente si alzano in volo quando si sente la parola “ZINGARO”, per prevedere la canea che durerà una settimana (forse).

Non è un discorso di destra o sinistra, è solo uno spuntino elettorale, con qualche promessa (o minaccia, a seconda dei casi) ma trovatemi un elemento concreto, se ci riuscite, che aiuti ad uscire dai problemi.

E mentre lo spuntino è in corso, e i commensali parlano di scuola, famiglia e giustizia, che quasi quasi mi sembra di vederli a brindare dicendo “E' colpa loro! Di TUTTI loro!”, queste sono le storie che nessuno (tranne l'archivio di Romano Lil) racconta. Storie di, appunto, scuola, famiglia e giustizia.

Da Informagagio, periodico polesano di Rom/Sinti e gagé.
A cura di Rovigo opera Nomadi. Settembre 2005.

Fatima Seferovic è scappata dalla guerra dell’ex Jugoslavia per arrivare in Italia nel 1991. Ora senza permesso di soggiorno e senza aiuti è ridotta alla disperazione e può essere espulsa in qualsiasi momento dal suolo nazionale assieme ai figli due dei quali nati in Italia.

IL PONTE DI MOSTAR
Veniva Uliano Lucas, di luglio 1993 a Rovigo, a mostrare le foto del ponte di Mostar, cittadina della Jugoslavia, simbolo del dialogo fra culture e popoli, storica arcata - ma quanto squisita ed ornata!, ad unire sponde differenti nel vero senso di connessione, di relazione. Un ponte che fu bombardato e distrutto in quei giorni delle separazioni e dell’odio verso le differenze: prima quelle economiche, nazionalistiche, poi quelle religiose, di genere… “I giardini di Mostar sono seminati a tombe”, scriveva Erri de Luca nel maggio1995. Poi il ponte fu ricostruito in un tentativo anche simbolico di riconciliazione ma i suoi tronconi, segni di una rottura tragica con chi sta dall’”altra parte”, si ergono in altre terre, in altri mondi...anche in Polesine.

FATIMA DA MOSTAR
I tronconi distrutti del ponte di Mostar sono conficcati ed incisi nelle carni di Fatima Seferovic che da quella guerra scappò col marito e quattro figli per arrivare in Italia nel 1991. Nei primi tempi i profughi parevano “sistemati”, col lavoro e con la casa, la ragazza più grande sposata ad un Sinto, ma ultimamente la situazione è diventata disperata. Vivono in un casolare di proprietà sperduto nelle campagna polesana nei dintorni di Baruchella (Ro). Suzan, è stato ucciso da un'automobile sullo stradone di casa a 17 anni di età -due anni fa, Angela ha quasi 18 anni, Anita 15, Stella e Susan, nati in Italia, hanno rispettivamente 12 e 10 anni. Il marito, Serif, dopo più di dieci anni di regolare lavoro, ha perso il permesso di soggiorno per un tumore incurabile che gli impedisce di lavorare, ha bisogno di assistenza continua e fa fatica anche a guidare il camioncino. L’abitazione, il casolare, è lontana tre chilometri dal più vicino centro abitato e Fatima spera che Angela fra sei mesi (al compimento del 18° anno) possa prendere la patente per aiutare la famiglia, ma non sarà possibile perché non è in regola, anzi con la maggior età diventa espellibile. Tra le altre avversità Angela e Stella avrebbero bisogno di un’operazione per uno strabismo agli occhi ma la “card” regionale per gli irregolari non permette questo tipo di intervento.

VOGLIO ANDARE VIA DI QUI”
Mancano cibo, vestiti, assistenza sociale e morale, soldi per la bolletta della luce e per pagare l’assicurazione del camioncino: “Non ce la faccio più, voglio andare via di qui”, esclama Fatima. Il marito ha ancora pochi mesi di vita ed è “perso”, crea anche difficoltà alla moglie ed ai ragazzi e quando lui entra in casa loro ne escono. C’è un clima di abbattimento generale. “I miei figli hanno perso la voglia di vivere” esclama Fatima disperata, “voglio andare via di qui, qualcuno mi aiuti!”

NEGLI OCCHI DI SUSAN
Anita ha conseguito la licenza di scuola media e starà a casa. Stella è stata bocciata in prima, Susan è stato respinto in seconda elementare (dovrebbe fare la quarta) a causa delle assenze perché non ce la faceva più a salire in pulmino coi ragazzi che lo prendevano in giro dandogli dello “zingaro”. “Chi sa vedere guardi” e si faccia osservare, magari da dietro lo schermo del computer, da questo ragazzo che sta morendo di abbandono di desuetudine, di vita. Ma non era finita la guerra?

PER QUANTO VOI VI SENTIATE ASSOLTI”
E’ in atto una persecuzione sociale ed istituzionale, senza esclusione di colpi verso i minori, contro questa ed altre famiglie del territorio in cui viviamo, che ci vede tutti complici seppur a diversi livelli. Ma un giorno, ci auguriamo che gli ufficiali di questa guerra infinita saranno imputati al tribunale per i Diritti dei Popoli: il Prefetto Landolfi, i sedicenti assessori alla Pace e Diritti Umani di Provincia e Comune, Virgili e Saccardin, il direttore della Caritas Bellinati, la responsabile Croce Rossa Monesi, tutti quei soldatini istituzionali che, ligi al dovere e facendo finta di non sapere, continuano a scavare trincee di esclusione sociale ed i “civili” che restano sordi di fronte alle numerose invocazioni di “umanità” di Fatima e famiglia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/01/2006 @ 17:46:18, in Europa, visitato 1586 volte)
Ricevo e porto a conoscenza:

Dichiarazione al New York Times sottoscritta da otto sopravissuti omosessuali ai campi di sterminio: sono passati 10 anni da allora ma il velo di silenzio permane nella maggior parte dei media borghesi.

50 anni fa venimmo liberati dalle truppe alleate, dai campi di concentramento e di prigionia nazionalsocialisti. Ma il mondo che avevamo sperato non si avverò. Dovemmo perciò nasconderci e ci esponemmo a nuove persecuzioni. Il paragrafo 175 del 1935, antiomosessuale, rimase valido fino al 1969; le retate non erano una rarità. Alcuni di noi – liberati dai campi – furono condannati di nuovo a lunghe pene detentive.

Sebbene alcuni sopravvissuti tentassero di sostenere fino alla Corte federale il nostro riconoscimento come perseguitati dal regime nazista, non fummo però riconosciuti come tali e venimmo esclusi dal risarcimento economico a favore delle vittime del nazionalsocialismo. E il sostegno nazionale e la solidarietà dell’opinione pubblica non esistevano per noi. Nessun nazista delle SS è mai stato ritenuto responsabile in tribunale per l’omocidio di un omosessuale. Ma i primi appartenenti alle SS ricevono oggi per il loro “lavoro” una pensione, mentre a noi non vengono riconosciuti gli anni dei campi e così non vengono calcolati  per la pensione.

Ora siamo troppi vecchi e stanchi per lottare per il riconoscimento del torto che ci è stato inflitto. Molti di noi non osano parlare di ciò. Molti di noi sono morti soltanto con ricordi pieni di tormento. Abbiamo inteso a lungo ma invano un chiaro gesto politico ed economico del governo tedesco e della Corte federale.

La nostra persecuzione è  appena oggi menzionata  nelle scuole e nelle università. Anche nei musei e nei luoghi di commemorazione qualche volta non veniamo neppure nominati come gruppo perseguitato.

Oggi, cinquant’anni dopo, ci rivolgiamo alla giovane generazione e a tutti coloro che non si vogliono fare guidare dall’odio e dai pregiudizi. Ci diano una mano a difenderci da una memoria della persecuzione degli omosessuali da parte dei nazisti ancor sempre incompleta e viziata da pregiudizi. Non fateci mai dimenticare, così come agli ebrei, zingari, testimoni di Geova, massoni, disabili, prigionieri di guerra russi e polacchi, omosessuali e a molti altri,  i torti subiti. Fate che noi si impari dalla Storia e la generazione più giovane di donne e uomini omosessuali sostenga così le ragazze e i ragazzi a condurre la loro vita, con dignità e rispetto, insieme ai loro partner, amici e famiglie. Senza memoria non c’è futuro

(tratto da “Le ragioni di un silenzio”, a cura del Circolo Pink, Ombre corte)

Ecumenici

Leonhard Ragaz

http://ecumenici.altervista.org/html/

Un giorno il Lagerfuehrer mi chiese: “Senti frocio d’un kapò, sei già stato castrato?”

No signor Lagerfuehrer”

E non vuoi provvedere?”

Signor Lagerfuehrer, voglio uscire di qui come come quando sono entrato”.

Tu e tutta questa marmaglia di froci non tornerete mai a casa”, disse con tono stizzito.

Di Heinz Heger “Gli uomini col triangolo rosa”, edizioni Sonda, Torino


Invito

VENERDI  13 GENNAIO 2006- ore 16-19

SALA DEL CARROCCIO

(Palazzo Senatorio- CAMPIDOGLIO)



L’Assessore all’Ambiente del Comune di Roma

 On. Dario ESPOSITO

PRESENTA

il libro  di Giorgio Giannini

IL GIORNO DELLA MEMORIA

Edizioni Associate-Roma 2005

 Intervengono :

-        Prof.  Antonello BIAGINI, Direttore del Dipartimento di Storia Contemporanea  della Facoltà di     LETTERE  dell’Università “La Sapienza” di Roma;

-        Massimo CONSOLI, giornalista e scrittore, autore del libro “Homocaust”,  Kaos Edizioni, Milano 1991;

-        Dott. Massimo CONVERSO, Presidente dell’OPERA NOMADI

Sarà presente l’Editore


Recensione di Homocaust

IL RUOLO DELL'IGNORANZA NELLA TRAGEDIA GAY

DURANTE IL NAZISMO

di Teresio Zaninetti

"Homocaust" - che porta debitamente scritto, come sottotitolo, "il nazismo e la persecuzione degli omosessuali" - è il libro con cui l'autore, Massimo Consoli, attivista e fondatore del movimento gay in Italia, con un'indagine accurata e documenti di prim'ordine, quanto mai precisi anche nei minimi dettagli, mette finalmente a fuoco ciò che è stato per troppi anni volutamente ignorato, eclissato, o anche soltanto mantenuto a debita distanza (in modo, forse, da non alterare i già compromessi equilibri del dopo-tragedia) su quanto sia stato enorme il ruolo dell'ignoranza - ma soprattutto quanto abbia potuto influire e pesare il pregiudizio a favore dell'ipocrisia- in merito alle tendenze omosessuali di Hitler e di quasi tutta la più alta gerarchia nazista. Ignoranza, pregiudizio, ipocrisia - pilastri, appunto, che hanno permesso ai nazisti di ascendere in una parabola pressoché unica nella storia -, i quali hanno infatti reso possibile lo sterminio non soltanto nel popolo ebreo, nei campi di concentramento appositamente creati allo scopo di punire o "rieducare" il diverso, ma anche da una grande massa di gay, cioè di centinaia di migliaia di "triangoli rosa" perseguitati e spogliati d'ogni forza psicologica e fisica fino alla morte esiziale - quando non venivano prima castrati, in rispetto delle cosiddette "cure" rieducative himmleriane - nei vari lager che furono addirittura l'orgoglio della coatta quanto stupida ferocia nazista.

Consoli costruisce in effetti il suo libro passando, punto per punto, i momenti essenziali dell'ascesa del Terzo Reich con il dito puntato sugli eventi cruciali, i quali si susseguirono senza sosta in un drammatico incalzare degno d'un thrilling né totalmente classico, né totalmente kitsch.

I quindici capitoli del volume che è suddiviso in tre parti e contiene una notevole appendice fotografica (da pag. 225 a pag. 275, con le foto di von Schirach, Ernst Röhm, Karl Ernst, Hitler, Göring, Hedmund Heines, Albert Forster, Gerhard Rossbach, Erich Ludendoff, il poeta omosessuale Stefan George, Heinrich Müller, Werner von Fritsch, Rudolph Hess e quella, fra le altre, del monumento di Berlino alle vittime omosessuali del nazismo) si snodano secondo un itinerario che si avverte preordinato con puntigliosa e anche scrupolosa attenzione. I titoli dei capitoli sono emblematici e, in un certo senso, didascalici, di modo che nulla possa essere abbandonato al caso ma, anzi, venga costantemente sottolineato e collocato in una ideale quanto esatta posizione cronologica: "Dagli zar ai bolscevichi", "La "Sturm Abteilungen", "Uccelli Migratori", "La gaiezza hitleriana' "L'iniziale tolleranza", "L'acqua Santa e il Diavolo", per la prima parte; "L'Articolo 175", "Omosessualità come arma di lotta politica", "Il Macellaio di Hannover", "L'ondata repressiva", "Il caso von Fritsch ", "La 'Notte dei Cristalli", per la seconda parte. Sostanziosa e nutrita, in particolare, la parte bibliografica, anch'essa testimonianza evidente di una ricerca fondamentalmente precisa e rigorosa.

Cio' che tuttavia emerge con maggiore spessore, prendendo corpo man mano che si procede nella lettura e nella conoscenza dei fatti specifici, è proprio, come s'era accennato, il valore che il ruolo dell'ignoranza, dell'ipocrisia e del pregiudizio ha avuto nel formarsi e nel trascinarsi del destino tragico e brutale del Terzo Reich. Senza alcuna ombra di dubbio, c'è una parte del libro che dà l'impressione di riassumere in se tutte quante le caratteristiche dell'ideologia nazista e del suo costante delirio.

Basterebbe infatti dare, per questo, una sia pur rapida lettura al discorso "segreto" di Heinrich Himmler, che egli tenne il 17-18 febbraio 1937 ai generali delle SS circa i "pericoli razziali e biologici dell'omosessualità"

- "Cari generali.." è il titolo di una delle tre appendici ("Hess, l'omosessualità e il Terzo Reich", "Zoroastro, Vecchio e Nuovo Testamento" sono i titoli delle altre due) del volume di Consoli , pubblicata a pagina 191 e comprensiva di una nota che subito mette l'accento sulle incongruità del discorso stesso: "Com'era costume di Himmler - scrive l'autore del libro -, questo suo sermone era infarcito di bugie, errori, falsi storici, ignoranza e grettezza. Già all'inizio c'era la prima menzogna ("Nel 1933, quando abbiamo preso il potere, abbiamo scoperto l'esistenza delle associazioni omosessuali": così in effetti, ha inizio il testo himmleriano in questione, n.d.r.): il Partito Nazista conosceva talmente bene le associazioni omosessuali tedesche - prosegue Consoli  - che fin dalla sua nascita, attraverso il 'Völkischer Beobachter', seguiva costantemente Magnus Hirschfeld (direttore dell'Istituto per le Scienze Sessuali di Berlino interamente bruciato dai nazisti, e fondatore del Comitato Scientifico Umanitario, n.d.r.) per poterlo attaccare e additare al pubblico disprezzo" -. Basterebbe, si diceva, una solo, anche veloce lettura di questo suo testo per accorgersi immediatamente della falsa ingenuità e della pseudo-cultura con cui tutta quanta la stessa "cultura" nazista, se così vogliamo chiamarla, veniva via via infarcendosi ed impregnandosi. "Se ammetto - dichiarava Himmler ad un certo punto del suo discorso - che ci sono da uno a due milioni di omosessuali, vuol dire che il 7 oppure l'8 o addirittura il 10 per cento degli uomini sono omosessuali. E se la situazione non cambia, il nostro popolo sarà annientato da questa malattia contagiosa. A lungo termine nessun popolo potrebbe resistere a un tale sconvolgimento della propria vita e del proprio equilibrio sessuale". In primo luogo: se "addirittura" i1 10 per cento degli uomini "sono omosessuali" come è possibile parlare di una "malattia contagiosa"? In secondo luogo - si ha modo di vederlo con chiarezza, questo, nel capitolo quattordicesimo, che ha inizio a pagina 171 - le stesse cosiddette "cure" himmleriane per guarire gli omosessuali, effettuate da vari medici in vari campi di concentramento, oltre che rivelarsi del tutto inefficienti allo scopo, hanno avuto effetti disastrosi e quasi tutti mortali: segno che la strada era non solo sbagliata, ma addirittura assurda se non, più propriamente ridicola. Ma tant'è. Con ostinazione e pervicacia, Himmler proseguiva: "...non è solo la loro vita privata: il dominio sessuale può essere sinonimo di vita o di morte per un popolo, di egemonia mondiale o di riduzione della nostra importanza ai livelli della Svizzera". D'altra parte Hitler stesso non si preoccupava chi in misura irrilevante, e solo se necessario, di questo aspetto sociale, preso com'era dai suoi disegni di egemonia mondiale del nazismo. Himmler, imperterrito, conduce la propria battaglia senza tentennamenti, ben sicuro che una cosa può avvenire soltanto debellando l'altra, oppure portandosi appresso e la stessa cancrena e lo stesso problema irrisolto. E quindi ancora, e quindi ancora maggiormente esemplificativo della fermentante ipocrisia di cui egli si fa massimo interprete, accusa: "Il consigliere ministeriale "X" è omosessuale e cerca tra i suoi assessori un consigliere governativo. Però lui non segue il principio del rendimento. Non sceglierà il miglior giurista. Non dirà nemmeno: "L'assessore tal dei tali non è certamente il giurista migliore però ha buone votazioni, ha pratica e, quello che più conta, sembra essere di buona razza e avere una giusta concezione del mondo". No. Non sceglie un assessore qualificato, né di bella presenza. Sceglie quello che é anche omosessuale. Questa gente è capace di riconoscersi da un angolo all'altro della stanza. (...) Se voi trovate un uomo che ha questa inclinazione in qualunque posto e con un potere di decisione potete essere sicuri di trovare intorno a lui tre, quattro, otto, dieci persone o addirittura di più, tutte con la stessa inclinazione. (...) Quindi l'omosessualità fa fallire ogni rendimento, ogni .sistema basato sul rendimento; essa distrugge lo Stato nelle sue fondamenta". Parole sacrosante le sue, bisogna ammetterlo, poiché espresse senza dubbio con piena cognizione di causa.

Tant'è vero che, nella nota relativa redatta da Consoli  , troviamo quest'altra significativa ed esauriente spiegazione: "La teoria himmleriana  relativa agli omosessuali che fanno carriera grazie alle loro inclinazioni, e non ai meriti acquisiti, ampiamente esposta in questo discorso e in numerose altre occasioni sia prima che dopo il febbraio 1937, sembra piuttosto riflettere una problematica personale dello stesso Himmler, il quale era fisicamente ripugnante. I tratti del suo volto erano l'antitesi della tanto decantata "bellezza ariana", il che induce a ipotizzare che non sia mai stato richiesto quale partner sessuale da alcuno dei capi omosessuali delle SA o del NSDAP. Himmler era nazi apertamente detestato da personaggi quali Röhm, Heines e Ernst i quali - almeno secondo lo stesso Himmler - erano circondati da giovani dei quali favorivano la carriera grazie alle loro prestazioni erotiche. Himmler si considerava uno dei pochi, se non il solo tra i gerarchi nazisti, che doveva la sua posizione esclusivamente ai propri meriti e alle proprie capacità".

La "problematica" himmleriana e, d'altra parte, sicuramente "personale" in quanto nient'affatto in sintonia neppure con le più manifeste dichiarazioni hitleriane.

Ma questi, almeno privatamente, sapeva di potersi servire degli omosessuali in maniera quasi del tutto sicura; consapevole della loro arguzia e intelligenza, egli sapeva volgere a proprio favore qualsiasi circostanza - anche dietro opportuno suggerimento altrui - e sfruttare il momento opportuno per asservire un gay, o qualcuno con essi compromesso, oppure per liberarsi di lui - dopo averne sfruttato i servizi - senza alcuna remora o tanto meno scrupolo.

Gli stessi avvenimenti, che nel libro di Consoli   sono assai più che eloquenti, rivelano pienamente questo aspetto strategico della personalità di Hitler il quale, molto presto, aveva d'altro canto imparato a conoscere la realtà omosessuale - il dottor Edward Bloch, medico di famiglia, rivelerà il "peccato sessuale" del dodicenne Adolf e l'amico d'infanzia August Kubizek pubblicherà, molto più in là con gli anni, un libro sui suoi rapporti omosessuali con il futuro Führer- fino a farla divenire una costante nel suo muoversi all'interno del Potere. L'ignoranza di Himmler, che è similare a quella stessa della gerarchia nazista, viene fuori tutta intera proprio da questo suo esemplare discorso, anche là dove, per fare un paio di esempi, il suo riferimento all'"Urningo" risulta storicamente inesatto e là dove all'omosessuale contrappone il "puro" animale - sappiamo ormai che persino il moscerino ha rapporti omosessuali e che tutta la specie animale ne ha. Né appare pedagogicamente, né psicologicamente adeguato ciò che egli viene quindi affermando a proposito dei metodi di "cura" dell'omosessualità. "Non ci dobbiamo illudere - egli afferma - Trascinare gli omosessuali davanti a un tribunale e farli internare, non risolve il problema. Quando esce dal carcere, l'omosessuale è tanto omosessuale quanto lo era prima. Quindi il problema rimane invariato. E' risolto, invece, nella misura in cui questo vizio viene stigmatizzato, mentre prima non lo era. Prima, durante e dopo la guerra, c'erano delle leggi su questo fatto, ma non succedeva niente".

 Egli viene perciò elaborando, e mettendo e facendo mettere in pratica un modo alquanto perverso e degenere, in grado, anziché di debellarlo, di far pervertire e degenerare, attraverso la fobia e la persecuzione - un metodo che ricorda, fra l'altro, il celebre caso Schreber -, ciò che è in realtà un istinto innato e perciò naturale. Al punto che lui stesso, nelle circonvoluzioni del suo pensiero, arriva, e diremmo inevitabilmente, a dichiarare: "Noi mascolinizziamo le donne in tal modo che, a lungo andare, la differenza sessuale, le polarità, spariscono. Da questo momento in poi, non è molto lontana la via che conduce all'omosessualità. (...) noi mascolinizziamo troppo tutta la nostra vita. E mascolinizziamo troppo anche la nostra gioventù (...). E' catastrofico per un Paese che i ragazzi si vergognino delle loro madri o delle loro sorelle, oppure che siano costretti ad avere vergogna delle donne".

L'arguzia himmleriana - che peraltro è pari alla sua intrinseca perversione e degenerazione - è tuttavia, qui, innegabile; sebbene appaia lastricata di paradossali e grottesche contraddizioni che, come abbiamo fatto notare più sopra, sono peraltro inevitabili trattandosi, appunto, di dover discutere contemporaneamente su vari livelli che sono, di per se stessi, sì intraprendenti ma anche, spesso, inconciliabili con l'ottica ufficiale e ufficializzata del Potere nazista. Paradossale appare anche quest'altra successiva affermazione: "Conosco molto bene la storia del Cristianesimo a Roma, e ciò mi permette di giustificare la mia opinione. Sono convinto che gli imperatori romani, che hanno sterminato i primi cristiani, hanno agito esattamente come noi con i comunisti. A quell'epoca - egli prosegue - i cristiani erano la peggior feccia delle grandi città, i peggiori ebrei, i peggiori bolscevichi che vi possiate immaginare".

Appare del tutto scontato che, di questo passo e di conseguenza, la donna e il matrimonio non fossero, per essi, nient'altro che un "mezzo per sfuggire alla fornicazione", mentre i bambini non erano altro che un "male necessario". Una concezione davvero assai... aperta, cioè, nei riguardi della problematica sessuale, della mascolinizzazione o della femminilizzazione di cui lui stesso si lamenta e, infine, a proposito dell'etica riguardante gli aspetti più esistenziali del vivere. Le teorie di Himmler rimangono comunque, nella propria logica perversa, un caposaldo con la propria assurda, quanto stupida "concezione del mondo".

Si è ritenuto opportuno indugiare sul discorso di Himmler proprio perché in esso ci sembra sia contenuto il meglio della concezione nazista sul mondo e sul modo di governare e dirigere un popolo. In Himmler - che è, in effetti, una figura-prototipo del potere nazista- convergono e si assommano insieme tutte le degenerazioni, le incongruenze, le falsità, le ipocrisie e le ferocie che, con l'ignoranza, ne costituiscono l'ossatura portante. Il libro di Consoli   - "Homocaust" - ci mette al corrente di questi piccoli-grandi fatti, che erano per cosi dire all'ordine del giorno, attraverso capitoli esaustivi ed inoppugnabili, tanto vengono a rivelarsi densi di documentazioni e di oculatezza critica anche nel porgere i fatti che sembrerebbero di minor rilievo.

La disamina di Massimo Consoli  si basa, sostanzialmente, proprio sulla vastissima mole di documenti che egli si ritrova, disponibili fra le mani - Consoli , non si dimentichi, oltre ad essere giornalista e scrittore, ha organizzato il, più "esteso e prestigioso archivio di storia dell'omosessualità". La premessa, l'introduzione, la parte propriamente cronologica che permette di assimilare i singoli fatti con l'evolversi del potere nazista - "Adolf Hitler e il Terzo Reich" è, appunto, un ulteriore introduzione che precede la prima parte di "Homocaust" -, il concatenato succedersi dei successivi capitoli dimostrano la coordinazione di una struttura saggistica di tutto rispetto. Tesa a far parlare i fatti anche attraverso le cifre e le tabelle e, più in particolare, attraverso gli stessi personaggi che li costellano in qualità di protagonisti, maggiori o minori che siano, in una delle pagine più roventi della storia di tutti i tempi.

Massimo Consoli: "Homocaust", Ed. Kaos, Milano 1991, pp. 280

Per gentile segnalazione di Massimo Consoli (tratto da Jeronimus, Fuori del Sole Nero - Logos, N° 7, Maggio-Agosto 1996)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/01/2006 @ 10:18:15, in conflitti, visitato 2339 volte)

Premessa: 6 aprile 2004, Il Washington Post riportava della completa rasa al suolo di un villaggio di zingari (Dom presumo) nell'Iraq meridionale, ad opera delle milizie sciite, dopo un intenso scontro a fuoco tra gli abitanti e la milizia stessa. Non si conosce la sorte e il numero dei superstiti. Sempre secondo l'articolo, Hamid Abed Zeid, uno dei comandanti della milizia, ha giustificato l'azione con queste parole: "Sappiamo cosa succedeva lì - attività illegali, droga, crimini, rapimenti. Queste sono attività contrarie agli insegnamenti islamici".

Foto e notizie su: Washington Post (ma il link non è più disponibile senza abbonamento) con le dovute precauzioni, visto il ruolo di occupanti degli statunitensi e i loro rapporti (allora) molto tesi con gli sciiti dell'Iraq del sud. Questa settimana Reuters e Washington Post sono ritornati su quelle storie (vedi sotto).

Qui invece un altro articolo del giugno 2005.

Per conoscere i Dom, diffusi in Medio Oriente e Africa Settentrionale

reuters

family1

By Deepa Babington

HADID, Iraq (Reuters) – Tra i tre milioni di Iracheni impoveriti, Jameel Mahmoud Hassan ha il non invidiabile titolo di essere tra il più povero di tutti.

Parte di un gruppo di Zingari iracheni che ha girato per anni nei fetidi terreni di un villaggio a nord di Baghdad, ha passato la sua vita nello squallore, e ora nella paura.

La casa non è niente di più di una tenda che a fatica si tiene con i sui bastoni, e un tappeto strappato circondato da sacchetti di plastica, barattoli arrugginiti e bottiglie rotte.

Una pila di bombole di cherosene con del fango sulla parte superiore, serve da forno improvvisato. Le mosche turbinano dappertutto - sull'immondizia, sui bambini che ridono senza motivo, su un cane legato ad un albero.

Dentro la tenda, sua moglie e cinque figli, i vestiti impastati dal fango, avvolti in una maglia e un tappeto. La lampada a cherosene è l'unica fonte di calore in questa gelida mattina invernale.

Patate, cocomeri e fagioli sono il piatto tipico a colazione, pranzo e cena. La carne è un lusso che appare forse ogni due settimane.

Recentemente, la milizia si è presentata da Hassan per obbligarlo a sgomberare.

“Non abbiamo niente” dice. “Siamo poveri. Cerchiamo solo un posto sicuro per nasconderci”

Disprezzati dai religiosi musulmani e a fatica tollerati dal resto della società, gli Zingari iracheni vivono un'esistenza precaria. Mancando di istruzione e professionalità, formano il gradino più basso del sistema sociale.

Ancora, gli Zingari del villaggio di Hadid, vicino a Baquba (65 km, a nordest di Baghdad), possono essere tra i più fortunati in Iraq. Le altre tribù sono state cacciate e attaccate dalle rampanti milizie islamiche, che li vedono come una macchia sulla società.

Sotto Saddam Hussein, gli Zingari erano al sicuro dalle persecuzioni – favore che ricambiavano occupandosi di danza, alcool e prostituzione, dicono gli Iracheni. La loro sicurezza scomparve con la destituzione di Hussein, lasciando aperta la porta alle milizie religiose.

family2

ZINGARI IRACHENI — Una famiglia condivide un modesto pasto nella tenda che serve loro da casa nella città di Diwaniya, nell'Iraq Meridionale [...]

To match feature IRAQ-GYPSIES. REUTERS/Imad Al-Khozai/Files (SIN25D)

Photo shot: 1/04/2006 5:10 AM
Photo arrived: 1/04/2006 12:13 AM

immagine dal Washington Post



VILLAGGI ATTACCATI

Una tribù di circa 250 famiglie zingare che viveva in un villaggio vicino alla meridionale città di Diwaniya fu tra quanti scoprirono sulla propria pelle la furia dei gruppi religiosi.

Il capodanno dell'anno scorso colpi di mortaio caddero sulle capanne di fango e canne, uccidendo una donna e ferendone altre tre.

Convinti di essere stati attaccati dal potente esercito di Moqtada al-Sadr, abbandonarono il villaggio, senza chiedere aiuto ai leaders religiosi. In seguito la più alta autorità sciita in Iraq, il Grande Ayatollah Ali al-Sistani, promise loro che non sarebbero più stati molestati. Fecero ritorno al villaggio, che nel frattempo era stato saccheggiato.

La scuola elementare e la clinica costruite dal governo di Saddam erano state rese inagibili, le loro case danneggiate. La povertà che credevano di essersi lasciati alle spalle era tornata.

“[Gli esponenti dei] partiti religiosi ci hanno torturato,” racconta Bizai al- Baroodi, lo sceicco della tribù. “Avevamo raggiunto un livello decente di vita, ma dopo gli ultimi attacchi, ci siamo ritrovati al punto di partenza.”

La paura di quella notte attanaglia ancora Maiyada al-Tamimi, una Zingara di 20 anni. Un colpo di mortaio colpì la sua casa, uccidendole la madre e fratturandole il braccio, che dice dev'essere ancora curato. Dice: “Se avessi un lavoro pulito e onesto, non esiterei a lasciare questa tomba e vivere come qualsiasi altra ragazza della mia età”.

Come molti Zingari iracheni, molti della sua tribù sono arrabbiati per essere costretti a vivere come fuggiaschi nella loro stessa terra. Dicono che le loro radici si trovano in Spagna e fecero dell'Iraq la loro patria oltre 150 anni fa. Molti sono originari dell'India, altri arrivano da altri paesi del Medio Oriente.

Anche se parlano arabo e si professano islamici, le loro facce più scure ed affilate le tradiscono e ne fanno oggetto di persecuzione razziale:

“Siamo musulmani ed esseri umani, cittadini iracheni,” dice al-Baroodi. “Vogliamo soltanto vivere in pace”.
© Reuters 2006. All Rights Reserved.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 07/01/2006 @ 19:00:48, in casa, visitato 1442 volte)
Sabato 14 gennaio 2006
alle ore 11.00
invitiamo tutti a Guastalla (Reggio Emilia)
per l'inaugurazione del residenze Sucar Plaza
in via Argine Po (traversa della Strada Statale n.62, via Cisa Ligure)

Come sapete a Guastalla abbiamo realizzato una micro area residenziale per Sinti Italiani.
La progettualità, sostenuta dal Comune di Guastalla e dalla Regione Emilia Ro...
2361122
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 07/01/2006 @ 18:54:20, in scuola, visitato 1336 volte)
2360953
Oggi in Italia i Sinti e i Rom, denominati zingari e nomadi in maniera dispregiativa ed etnocentrica, sono ancora oggetto di discriminazione, emarginazione e di segregazione. La discriminazione è estesa a tutti i campi, nel pubblico e nel privato, pertanto l’emarginazione e la segregazione economica e sociale dei Sinti e dei Rom si trasforma in discriminazione etnica.
In Italia le molteplici C...
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/01/2006 @ 09:53:48, in Kumpanija, visitato 2790 volte)

Roma Press Agency

(lunghetto, da leggersi a puntate oppure offline. Chi sopravvive alla lettura, lo aspetto ai commenti ; - ) ndr.)

Il tradizionale modo di vita dei Rom cancella il confine tra vita privata e pubblica

by: Kristína Magdolenová


Intervista con Anina Botošová, consulente del Ministero del Lavoro, Affari Sociali e Famiglia della Repubblica Slovacca e coordinatrice per i progetti governativi sui Rom

Per la popolazione maggioritaria i legami ed i rapporti in una famiglia tradizionale Rom sono protetti da un velo di segretezza. Come sono in una famiglia “classica” Rom?

Famiglia è un termine ricco di significati. Rappresenta l'unità sociale di base. Assicura l'educazione, protegge i singoli e ovviamente, produce bambini. Non è possibile immaginare una famiglia rom senza un gran numero di individui. E' un'unità singola nei confronti del mondo circostante. Affronta collettivamente i conflitti, le relazioni individuali diventano relazioni tra famiglie, e ogni componente agisce sempre a nome della propria famiglia. L'errore di un singolo è valutato come commesso da tutta la famiglia. Un bambino ben educato mostra grande rispetto verso i propri genitori, i nonni e i componenti più anziani, sino a quando non sarà il tempo di sposarsi.


E poi?

Se la sposa entra nella famiglia di un giovane, dopo il matrimonio accetta le tradizioni della famiglia che l'ha accolta. Se un uomo si sposa in una nuova famiglia, mantiene i propri costumi e occasionalmente li estende alla nuova famiglia. Se la nuova famiglia non lo accetta, può lasciarla e tornare dai suoi genitori.


La posizione di madre o di padre, comporta una responsabilità di come viene percepita la famiglia nella società maggioritaria?

Capofamiglia è il padre. La madre ha il compito di assicurare cibo alla famiglia, ruolo verso cui i Rom esprimono grande rispetto. I nonni sono tenuti in alto riguardo e rispettati, nella famiglia rom tradizionale la loro parola è presa in seria considerazione e rispettata. Grande attenzione viene dedicata al primogenito. La maggioranza dei Rom non intende il matrimonio in una maniera “formale” come la nostra. Se un ragazzo è attratto da una ragazza e mostra serio interesse in lei, i due si promettono fedeltà (si fidanzano). Iniziano a convivere di solito verso i sedici anni. La madre del ragazzo ha un proprio ruolo nel selezionare la futura sposa. Se questa non dovesse aggradarle, il futuro della giovane coppia verrebbe messo in discussione dal fatto che il giovane si mostrerebbe incerto nel suo proprio amore. Tenderebbe a rendere gradevole la sua amata alla madre e viceversa a spiegare alla fidanzata come rendersi piacevole alla genitrice, così che sua madre cambi opinione. Può così succedere che la madre concordi col figlio e lo rende soddisfatto e felice. ( sui vari usi e costumi, cfr. QUI ndr.)


Può portare degli esempi?

Conosco diversi casi: ad esempio, un giovane si era fidanzato con una ragazza di un diverso gruppo familiare, che parlava un'altra lingua. Nella famiglia del giovane si parlava ungherese e a casa della ragazza solo slovacco. La madre del giovane non volle conoscere la ragazza e non era d'accordo con la scelta del figlio. Così la coppia di separò. Nella famiglia tradizionale il figlio dipende dall'opinione della madre.


Oggi è cambiato qualcosa?

I giovani sono di opinioni più aperte, hanno tralasciato alcune tradizioni, ma ancora i ragazzi attendono il parere della madre, prima di decidere come comportarsi con una ragazza.


Il fatto che la famiglia abbia una grande influenza tra i Rom è ben noto. Nella pratica, questo cosa comporta?

La famiglia assicura il suo stesso rinnovamento, la crescita dei bambini e soprattutto la protezione dei singoli. Tra i Rom hanno grande importanza le origini del proprio padre o della madre. Se incontrano qualche Rom che non conoscono, si presentano così: sono figlio/a di ... Mio zio/mia zia è ... Nel contempo, si presentano attraverso il più noto o il più anziano dei parenti, per esempio: Mi chiamo Jozef Horváth, sono figlio di Horváth il fabbro (o il musicista) più conosciuto del villaggio. Nel contempo, la famiglia si distingue per dimensioni e abitudini.

Una famiglia rom comprende una vasta comunità di due o tre generazioni. Ogni famiglia conta diversi membri. A queste famiglie estese appartengono anche quelle donne che hanno preso marito da un altro gruppo familiare o quelle che hanno sposato gli uomini di famiglia. Nel dispiegarsi della famiglia estesa sono inclusi: fratelli/sorelle, cognati/e, cugini/e, anche quando tra loro non ci sono legami di sangue.


Tutto ciò, come viene mostrato nella vita di tutti i giorni?

Ad esempio, facendosi visita senza bisogno di annunciarsi, viaggiare da una città all'altra per mantenere i rapporti familiari, anche se si tratta di famiglie distanti ma forse meglio situate. I Rom non hanno problemi nello spostarsi verso famiglia all'estero, e trattenersi presso di loro per lunghi periodi di tempo. La famiglia che li ospita non li allontanerà e viceversa provvederà a tutto – dormire, mangiare. I non-Rom vedono in questo fenomeno una sorta di congiura o paura: che nuovi Rom si spostino nei loro dintorni, senza che gli stanziali conoscano il numero dei potenziali ospiti e i loro costumi, e questo amplifica gli stereotipi negativi.


Nelle tradizioni delle famiglie rom, specialmente nelle comunità chiuse, c'è l'uso di non bussare mai alla porta quando si va in casa di qualcun altro. Questa tradizione sopravvive anche nelle comunità non segregate?

Un altro esempio: io vivo nella parte Petržalka di Bratislava, e sopra il mio appartamento vivono due famiglie estese di Rom, che sino a poco tempo fa non avevano una porta. Passavano da un appartamento all'altro, come se fosse casa propria. Il sentire le proprietà della famiglia come se fossero anche personali, rimane anche nelle famiglie che non per forza sono socialmente dipendenti. Succede che chiedano in prestito abiti ma anche soldi, che per la maggior parte non torneranno ai proprietari originali. Una famiglia può offrire consulenza o aiuto manuale tramite un proprio componente anziano, che in seguito passerà il compito a un membro più giovane.


Le tradizioni delle famiglie rom sono coesive?

La solidarietà sociale unisce tutti i membri di una famiglia. Scapoli e nubili restano con i genitori. Gli orfani e gli anziani, o gli ammalati, sono curati con grande amore e rispetto. Raramente si trova un anziano in case di riposo. Un ammalato non è mai da solo. Quando è ospedalizzato, i suoi famigliari, o la moglie se è il marito ricoverato, rimangono a vegliare il malato tutto notte. Da casa gli portano cibi già cucinati e restano con lui appena c'è un minuto libero. Ogni singolo ammalato di una famiglia ligia alla tradizione, non viene mai lasciato solo, che sia solo o in ospedale, persino sul letto di morte. Porto due esempi di vita vera: Una riguarda direttamente la mia famiglia. Il mio caro padre si ammalò d'improvviso. Le sue condizioni erano così preoccupanti, che dovette essere ricoverato in ospedale.. Da quando si ammalò sino al giorno del suo ritorno a casa dall'ospedale, tutta la nostra famiglia ha vissuto con lui, letteralmente traslocando in ospedale... col permesso del direttore. Nostra madre rimase con lui per tutto il tempo della malattia, noi bambini ci alternavamo al suo capezzale dandoci i turni di notte e di giorno. Il sentire che una persona dipenda dalla vicinanza dei suoi cari se vuole guarire, per noi, per la famiglia, fu così forte che oggi mio padre è curato a casa propria. Ancora oggi sono convinta che se, per caso, fosse stato un estraneo l'incaricato di lavarlo all'ospedale, sarebbe morto. Abbiamo questo sentire che la famiglia sia un nucleo vicino nel buono e nel cattivo tempo, un grande regalo, una filosofia che ci è instillata dala tenera età e che noi instilleremo ai nostri figli.


Ritengo che queste osservazioni possano generare incomprensioni tra Rom e non-Rom.

Il prossimo esempio arriva da un insediamento. Una volta, il direttore di una scuola nella Slovacchia orientale si era lamentato di quattro studenti che non andavano più a scuola, anche se sapeva che non erano ammalati. Quello che ignorava, è che la loro nonna giaceva a letto in punto di morte, dove era riunita tutta la famiglia. Nelle famiglie tradizionali, questo passaggio non avviene in ospedale, il malato viene riportato a casa sino alla fine. Una persona gravemente ammalata, ma con la propria famiglia vicina, non lascia questo mondo da sola. L'insegnante avrebbe dovuto saperlo e rispettare questa tradizione, questo sentimento. La stessa cura viene riservata dopo morti. Tutta la famiglia, inclusi i più piccoli, veglieranno il morto per un certo numero di giorni. La famiglia definisce norme e ruoli, ne controlla l'applicazione e ne “sanziona” le violazioni. Il modo di vita comunitario cancella i confini tra vita pubblica e privata.


Questa divisione dei compiti è tuttora valida? In quale maniera influenza lo stato attuale della comunità rom?

Nella famiglia rom sussiste una netta divisione dei compiti e delle competenze all'interno della famiglia, ma i ruoli tradizionali maschili e femminili tendono a complementarsi. Ogni membro ha il suo posto. L'uomo rimane il capofamiglia e il depositario del suo prestigio. La donna rimane la responsabile della casa e si occupa dell'amministrazione monetaria e sociale. La sua missione primaria rimane, comunque, crescere i figli, soprattutto la cura del primogenito. La madre deve anche insegnare ai bambini più grandi come accudire ai più piccoli. Nella famiglia tradizionale, i maschi non apprendono come cucinare, stirare o lavare. Queste restano attività femminili.

Un esempio di vita vera: una mia cara amica si ammalò e finì all'ospedale. A casa rimasero la figlioletta di 4 anni e il marito educato secondo tradizione. Suo marito mi chiamò perché non sapeva cucinare e voleva sapere cosa fare nell'attesa che sua moglie tornasse dall'ospedale... Dovetti recarmi a casa loro e cucinare per due giorni. Lui sul serio non sapeva neanche dove e come sua moglie si procurasse patate, cipolle, farina o dove fossero le stoviglie... Il tradizionale ruolo maschile presso alcune famiglie tradizionali perdura tuttora.


Come reagisce la famiglia ai problemi?

Verso l'ambiente circostante la famiglia agisce come un corpo unico. Sopravvive collettivamente ai conflitti. [...] La valutazione negativa di uno dei componenti ricade su tutta la famiglia. Un atto degno di rispetto rafforza e afferma il prestigio della famiglia. La punizione più terribile è l'esclusione dalla vita famigliare. Un fenomeno interessante è che non ha importanza se un individuo viene elogiato come singolo, e questo potrebbe avere conseguenze realmente negative per quell'individuo.


Nel passato le famiglie rom dipendevano dal numero dei figli. Più figli aveva, più era degna. Anche oggi è così?

Ancora oggi i bambini sono benvenuti, significano felicità, ma anche forza per la famiglia. Nel contempo, il ruolo primario dei figli è di prendersi cura dei genitori quando saranno vecchi. Molte famiglie crescono i figli collettivamente. I bambini vivono con tre e più generazioni di adulti. Il mondo dei bambini si mischia con quello degli adulti. Così i bambini ottengono molto presto un ruolo indipendente individuale all'interno della famiglia, capaci di agire per conto loro. I bambini sono incoraggiati a sviluppare differenti attività, che sono di solito riservate ragazzi più grandi. Nel lavoro i maschi aiutano il padre e le femmine la madre. I figli sono controllati in gruppo e raramente sono puniti. Di solito i genitori si dedicano al primogenito, che in seguito si prenderà conto dei fratelli e sorelle più giovani.


I Rom sono molto focalizzati sui propri genitori, ma questo rende difficile promuovere novità all'interno della comunità.

Soprattutto i bambini che vivono negli insediamenti o nelle famiglie tradizionali, sono legati ai genitori e difficilmente se ne allontanerebbero. Così, man mano gli insediamenti tendono ad aumentare come abitanti, perché le nuove coppie rimangono con la famiglia paterna di origine. Raramente un ragazzo si abituerà allo stile di vita di un dormitorio. Piuttosto, un giovane che si è sposato, se sua madre è rimasta sola, la porterà con sé nella nuova famiglia. Questo legame è ancora più forte nel caso dei primogeniti.. I Rom non sanno vivere da soli.


Quindi, che ne è della privacy dei più giovani?

Per loro è già tanto avere una stanza da letto propria. Ancora un esempio: un giovane Rom ungherese si era sposato con una ragazza che abitava distante da lui. Non aveva esitato a vendere il suo appartamento e spostarsi di alcune centinaia di chilometri, assieme alla madre e alla sorella, nella città della fidanzata. Alla mia domanda se non avesse paura di non trovare posto anche per loro nella nuova città, mi aveva risposto che la sua famiglia e quella della moglie sarebbero state una sola. Non poteva lasciare i suoi parenti di origine indifesi, quindi la soluzione era di diventare il nuovo capofamiglia del gruppo composto da lui, sua moglie, sua madre, sua sorella e la madre di lei, e di provvedere a tutte loro.


Resiste nei giovani l'obbedienza alle scelte dei genitori, nel scegliere il proprio partner?

Succede spesso che i genitori scelgano il fidanzato/a quando i giovani sono già adulti. Magari non si amano, ma per il bene della famiglia impareranno a farlo. Anche una ragazza, di solito viene “promessa” al termine della scuola dell'obbligo, quando ha circa 15 anni. In molti casi, il ragazzo proviene da una brava famiglia. [...] La ragazza ha piacere del proprio ruolo di donna – di madre. [...] E' la sua vocazione. I bambini nelle famiglie tradizionali sono cresciuti secondo concetti estremamente puritani. [...] Le questioni private non vengono mai discusse di fronte agli estranei. [...] Sono poche le ragazze di queste comunità che anno l'ambizione di continuare gli studi. Vivono la stessa vita delle loro madri e delle loro nonne.


Sono i legami familiari a tenere i giovani lontano dalla scuola?

E' raro che questi giovani continuino gli studi, anche quelli che nella scuola dell'obbligo sono stati bravi studenti. Le cause sono diverse, ma visto l'argomento mi riferirò ancora alle questioni di mentalità, più che ai problemi oggettivi. I Rom hanno sempre paura per i loro bambini e i legami tra genitori e figli sono molto forti. Succede che al termine della scuola dell'obbligo, se i figli vogliono continuare gli studi debbano spostarsi in un'altra città, e qui subentra la paura dei genitori, che i figli non si adeguino al nuovo ambiente o viceversa che vi si adeguino troppo, perdendo le loro radici. I messaggi che passano di solito sono: se sei una ragazza, sposati, trova un marito che si curerà di te; se sei un ragazzo, la scuola non serve, il mondo è pieno di gente che non ha lavoro anche se ha studiato. Ancora oggi in molte famiglie la situazione è simile.


Cosa succede quando i giovani violano le tradizioni?

Un altro esempio: una ragazza, che viveva in un insediamento rom, voleva continuare gli studi e lo fece. Ma oggi è ancora single, i suoi coetanei della comunità non la accettano come ragazza istruita e i ragazzi non-Rom non la accettano come ragazza rom. Non ha trovato comprensione neanche dalla sua famiglia, questo perché sono ancora forti i legami tradizionali che impongono il riconoscimento sociale come collettivo, invece che come individuale. Avendo rotto un tabù, la ragazza si è trovata senza riconoscimento o comprensione.


A che età una ragazza viene considerata donna?

A una ragazza “immatura” viene concesso di giocare coi ragazzi. Ma dopo il suo primo periodo, può girare soltanto se accompagnata da un adulto singolo. Viene considerata donna nel momento che inizia a vivere intimamente con un ragazzo. Da quel momento, è per tutti la donna del ragazzo a cui ha deciso di donare il proprio cuore. La ragazza ha imparato a casa i mestieri domestici, sin dalla tenera età si è cimentata con occupazione che generalmente vengono demandate agli adulti (lavare, cucinare, stirare). Poche ragazze scampano da questo tirocinio. Quando andrà a vivere nella casa dello sposo, sua suocera diventa una seconda madre, a cui deve obbedire senza condizioni. Se dovesse ribellarsi, suo marito non starebbe più con lei. Una brava suocera insegna alla sposa novella le abitudini della nuova famiglia e soprattutto le ricette che sono gradite a suo marito.


Quando è incinta, la donna ha una condizione speciale in tutte le culture. Anche tra i Rom?

Una donna che aspetta un figlio, naviga tra differenti regole e restrizioni. Non le è permesso di guardare persone brutte, malate, serpenti, rane o qualsiasi animale che generi disgusto. Né essere triste o arrabbiata. Ma ha anche determinati privilegi: ad esempio avere il cibo che vuole e di avere sempre compagnia.

Anche tra i Rom, si vuole che il primogenito sia maschio. Quando una donna è incinta, deve comunicarlo per primo al suo partner o a suo marito. Se lo dicesse prima a qualcun altro, sarebbe accusata di essere infedele. La madre spera che il figlio assomigli al partner, che abbia capelli neri e sia di pelle “bianca”: secondo i Rom, chi ha la pelle chiara avrà una vita migliore.


Cioè?

Un altro esempio: la donna annuncia a suo marito con gioia che è nato loro figlio e che è di pelle chiara. Anche nei discorsi di tutti i giorni: Ho una sorella, sapessi com'è bianca la sua pelle, soltanto io in famiglia sono così scuro. E' uno stigma che i Rom non hanno ancora perso. Il sesso del nascituro viene interpretato dalla forma della pancia: se a punta, sarà maschio, se tonda, femmina. Il neonato viene mostrato per primo al marito. La nascita viene accompagnato da una grande celebrazione. La donna non accetta le felicitazioni, l'uomo sì. [...]


Come vengono protetti i bambini che non sono stati ancora battezzati?

Per prevenire i pericoli, un componente della famiglia fissa un oggetto acuminato sotto la coperta. Gli estranei non possono guardare il bambino che non è stato battezzato. Il bambino ha un nastro rosso al polso per proteggerlo dagli spiriti malvagi.


Tra i Rom i figli sono considerati portatori di benessere. E se una donna non ha figli?

Di solito, non si sposa e si prende cura dei genitori o dei singoli che non si sono ancora fatti una famiglia. Una donna infertile, non si considera una persona a pieno titolo.

Mi è successo, che una donna che viveva in un accampamento, mi disse che voleva chiedere al suo uomo di lasciarla, perché lei si sentiva come se fosse un uomo e non una donna, il cui ruolo è fare figli. Non si sono più sposati.


Hai detto che nelle famiglie rom tradizionali, vige una stretta divisione dei ruoli. Ma che si vuole anche che il primogenito sia un maschio. Perché?

La nascita di un maschio rafforza la linea famigliare. Il maschio rappresenta all'esterno il padre, viene rispettato dalle sorelle anche se queste sono più anziane devono ascoltarlo. Il figlio maschio può ereditare la professione paterna., specialmente quando riguarda la musica o attività artigianali, come il mestiere di fabbro o muratore.


Vediamo di ricapitolare sul ruolo femminile nella famiglia tradizionale:

Come ho detto all'inizio, lo status della donna è partorire figli. Nella famiglia, nessuno può prenderne il posto ed è per questo che il suo posto nella società dei Rom è importante e non rimpiazzabile. Se dovessimo indagare sull'organizzazione profonda della struttura famigliare rom, troveremmo che la donna viene educata a questo compito sin dall'inizio. Si prende cura già dai 6/7 anni dei fratelli o dei cugini più piccoli. Sono poche le ragazze che sperimentano un'infanzia libera. Una ragazza passa automaticamente dall'infanzia all'età adulta. A otto anni, sa cucinare, prendersi cura degli altri ecc...

In una comunità chiusa, la donna è anche un fattore motivante della famiglia. Se all'esterno è l'uomo il capo della famiglia, la donna si può considerare il collo che mantiene sollevato il capo. Decide sulle finanze, sul matrimonio e il futuro sentimentale dei figli, sulla loro educazione. Per questo è molto stimata. Anche quando non può avere figli, è in cima alla scala sociale. In questo caso è lei che si svaluta e letteralmente chiede al suo uomo di non dormire assieme, perché lui dormirebbe con un uomo e non come una donna, e lei non vuole. Le bambine possono andare dove vogliono, giocare coi coetanei, accompagnare loro madre nelle visite. Ma quando una ragazza ha avuto il primo mestruo, non può più girare da sola e dev'essere accompagnata da un componente della famiglia, anche se è un pre-adolescente. E partecipare alle feste se in compagnia di un fratello più grande.
[...]


Quindi, non si può dire che nella famiglia tradizionale rom ci sia consapevolezza che la donna sia un partner uguale nel matrimonio.

Esatto. Le donne non sanno che hanno il diritto di decidere se avere uno, due o più figli. Nella maggior parte dei casi, il loro marito viene scelto da qualcun altro. Quanto all'uguaglianza in famiglia, c'è una mancanza di consapevolezza legale, che ha conseguenze nelle sottomissione e anche nelle violenze famigliari. Le giovani, dopo la scuola dell'obbligo, non proseguono gli studi. Si fidanzano e hanno dei figli presto. Data la loro insufficiente preparazione scolastica e professionale, appartengono a quei gruppi che hanno una posizione debole nel mercato del lavoro. Ma la maggior parte di loro non è interessata, perché sono state educate a prendersi cura della famiglia come occupazione. Nella maggior parte dei casi, la tradizione gioca un ruolo importante nella decisione del marito di non concedere alla moglie il permesso di lavorare. La considera una deprivazione della propria “mascolinità”, che si basa sul fatto che lai da solo è in grado di provvedere al bisogno familiare. Così queste donne vivono in attesa del denaro dei servizi sociali senza affrontare le cause della loro disoccupazione.

Una donna Rom non conosce i suoi diritti. Si lamenta se un uomo la picchia o se la inganna, perché così ha fatto sua madre. Se decide di andarsene, non ha un posto dove finire, perché tutta la famiglia vive nell'insediamento. A sua volta la società maggioritaria non l'accetterà, perché ritiene che se lei ha subito violenza, è un problema dei Rom che a loro non deve riguardare.


Tutto ciò che mi hai raccontato, si riferisce all'intera comunità rom o solo ad una parte?

Tra i gruppi più vulnerabili in Slovacchia, ci sono le donne Rom, in particolare quante vivono nelle comunità chiuse, le cui norme differiscono da quelle che predominano nella società maggioritaria. Certamente, possiamo dire che si tratta di cittadini che a lungo sono stati esclusi dalla società. L'uguaglianza in famiglia in alcuni gruppi rom è contraria ai costumi e agli stereotipi etnici e culturali. Lo status delle donne nelle famiglie rom spesso porta all'accumulo di varie ragioni tanto per l'inclusione sociale che per una discriminazione con tante facce. Ad esempio, il fatto che la donna cresca molti figli, che non abbia istruzione e neanche educazione sanitaria, tutto questo porta a rafforzare gli stereotipi negativi nella società.


Una domanda necessaria per concludere: come può cambiare questo stato di cose?

Sulla base delle tante cose che ho menzionato, il ministro ha preparato un piano di lavoro per quanti operano nelle comunità, e chi possa avere ascolto nelle famiglie rom, così che possano prendere in seria considerazione le norme e le tradizioni che i Rom si trasmettono da una generazione con l'altra. Il nostro dipartimento ha proposto misure che possano aiutare quei gruppi e le donne che già ora richiedono aiuto, ma c'è bisogno di tempo e di comprensione da parte di tutti.
Soprattutto, dobbiamo educare le ragazze e le donne rom alla consapevolezza dei propri diritti, doveri e responsabilità verso la propria salute, a sostenere la formazione di assistenti rom nelle aree della sensibilità familiare [...]. Tutto questo necessita di tempo, ma soprattutto di comprensione da parte della società maggioritaria, che deve accettare questi cittadini come partner con pari valore e tutto il rispetto che va riservato a ogni essere umano, anche se con differenti tradizioni.


© RPA, 2002-2005. All rights reserved. The Roma Press Agency (RPA) GRANTS ITS PERMISSION for the publication and transmission of its materials or their parts in printed, electronic or spoken form under the condition that the Roma Press Agency (RPA) is mentioned as their source. Otherwise the case will be considered as a copyright violation.

Copyright (c) 2005 RPA

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/01/2006 @ 01:48:02, in musica e parole, visitato 1557 volte)
La new entry tra i redattori, Daniele, con la sua passione per l'est Europa e la fotografia, aggiunge QUESTO LINK agli auguri.
Dopo una visita sul suo fotoblog, ho deciso che offre anche da bere! : - D
živeli

živeli!
Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/01/2006 @ 11:13:14, in Regole, visitato 1387 volte)
But baxt thai sastipén Romale!

Mi dispiace che non c'é ancora la versione in italiano, ma per coloro che possono leggere in inglese o spagnolo, c'é un quadro sinottico nel quale si presentano le leggi culturali e sociali del popolo Rom, per conoscerle e confrontarle:


Saluti,
Sándor
Gruppo: Roma_Italia
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/01/2006 @ 10:34:19, in media, visitato 1430 volte)
Incredibile (almeno per i miei occhi) ma anche a Il Giornale riescono a parlare di periferie in termini non conflittuali. E sono persino capaci di scrivere articoli interessanti! Son così contento che lo ricopio per intero. : - D

Tutto il mondo è paese, anche se qui stiamo parlando di città. Vedi proiettate su uno schermo le immagini del Corviale, quartiere-serpentone romano lungo un chilometro, e non puoi non pensare al nostro Biscione, o alla diga di Begato. Inguardabili ammassi di cemento con dentro chissaquanta gente, generatori di miseria e delinquenza, pesantissima eredità del boom economico? O piuttosto centri di aggregazione, depositari di un patrimonio culturale «popolare» e, perché no, costruzioni addirittura belle?   

A dar voce alla seconda ipotesi sono diversi esponenti del mondo dell'architettura, specie in queste settimane, con la rivolta delle banlieues parigine che ha aperto più che mai il dibattito sulle condizioni di vita nelle periferie.
A Genova c'è chi ha cavalcato l'onda e non si è lasciato scappare l'occasione di dar voce alle posizioni più scomode riguardo al problema.
«Pensieri di Architettura» è un solerte gruppo di studenti genovesi che nei giorni scorsi ha invitato in facoltà a tenere una conferenza Osservatorio Nomade,   un team di artisti visivi e architetti romani da sempre impegnato in prima linea nel recupero delle zone suburbane della Capitale. Con un comandamento preciso: non distruggere, ma correggere quel che c'è già. E non si parla solo di quartieri-mostro come il sopracitato Corviale, ma anche e soprattutto di campi nomadi.
Gente in prima linea, quella di Osservatorio Nomade, che in pochi anni ha firmato una serie di progetti tra il bizzarro e il coraggioso per tentare un recupero del Corviale. I risultati sono stati presentati nel corso della conferenza ed è come minimo stimolante immaginarli applicati ai nostri «mostri» architettonici.
Seguendo alla lettera l'assioma «ascoltare, prima di progettare», il team di artisti ha avuto l'idea di creare una piccola TV locale dedicata al quartiere, Corviale Network, con programmi d'inchiesta che vedono protagonisti gli stessi abitanti (sono circa seimila, ma è difficile fare una stima, vista la quantità di occupazioni abusive). «Era il miglior modo di instaurare un rapporto con la gente che popola Corviale e, allo stesso tempo, di capire i loro problemi ed esigenze», spiega Alexander Valentino,   

una delle menti del progetto. Da lì si è passati attraverso laboratori sonori e visivi di diverso tipo, che hanno coinvolto soprattutto i bambini delle scuole elementari del quartiere. «Ho frequentato scuole di periferia - è il racconto di Valentino - e vi assicuro che è un'esperienza che rifarei. La cultura che si respira in periferia è un vero e proprio patrimonio da salvaguardare». Infine, la progettazione vera, con l'ipotesi di costruzione di bar, negozi ed aree gioco negli spazi aperti interni all'edificio.   

C'è anche l'idea di un non meglio precisato «schermo per i messaggi testuali» e di una zona per i tappeti elastici, ma nel mestiere dell'architetto c'è sempre stata una componente di eccentricità.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/01/2006 @ 09:46:49, in Kumpanija, visitato 1775 volte)

romaniproject

E' finalmente attivo il sito di Romani Linguistic Page, un progetto partito l'anno scorso tramite la School of Languages, Linguistics and Cultures dell'Università di Manchester.

Il sito fornisce una serie di strumenti interattivi per la comprensione, lo studio e la trasmissione delle diverse evoluzioni dei dialetti Romani dall'originale radice indiana. Molti riferimenti, ovviamente, alle variazioni dell'Europa orientale, per la parte occidentale del continente attualmente sono approfonditi gli sviluppi del Kalé in Spagna, delle varianti dei Travellers britannici, dei Sinti tedeschi e dei Tattare in Scandinavia. In Italia, con i contributi – tra l'altro di Sergio Franzese e Giulio Soravia, approfondimento sulla lingua dei Sinti piemontesi e dei Rom abruzzesi.

fonte: Romano_Liloro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:57:11
script eseguito in 166 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 121 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source