Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/07/2012 @ 09:14:02, in Europa, visitato 1450 volte)

Premessa: mercoledì scorso ho pubblicato questo appello di Amnesty International. Avevo chiesto altre informazioni a Paul Polansky, che vive proprio a Niš. Di seguito troverete la traduzione della sua risposta. Nota: nel frattempo ho sentito anche altre conoscenze che ho in zona; mi hanno risposto di non averne mai sentito parlare. Curioso: succede lo stesso anche in Italia. E' più facile venire a conoscenza di ciò che accade, per esempio, in Romania o in Francia, rispetto a ciò che succede alla porta di casa nostra.

    Fabrizio, ecco cosa ho scoperto. Tuttavia, dopo averlo scritto, ho saputo che ora il sindaco sta mandando da mangiare ai Rom, ed ha incaricato uno dei suoi assistenti di tenerlo informato giorno per giorno sulla situazione. Vuole aiutarli veramente.

    Paul

NISH REPORT 19 luglio 2012: Ieri alle 14.46 ho ricevuto una telefonata dall'ufficio del sindaco, che mi informava che la acqua era stata collegata alle 11.00 all'edificio abbandonato. La portavoce diceva che il sindaco era intervenuto personalmente per ordinare l'aggancio, e che lui assieme ad un altro funzionario avevano visitato il sito per confermare che le famiglie romanì avessero l'acqua. La portavoce mi ha anche detto che il municipio di Nish aveva inviato una mail a tutti i soggetti interessati e la conferma del collegamento veniva riportata sulla pagina web del comune. (vedi QUI ndr.)

Le ho risposto di porgere le mie congratulazioni al sindaco. Vorrei incoraggiare chiunque legga questo rapporto ad inviare una mail al sindaco (zoran.perisic@gu.ni.rs - mayor@ni.rs) per ringraziarlo dell'azione, anche se era in carica da soli tre giorni lavorativi. L'ex sindaco aveva resistito oltre 80 giorni senza collegare l'acqua.

Più tardi, il pomeriggio stesso, ho incontrato presso l'ufficio abbandonato Marija Manic, rappresentante ERRC per la Serbia. E' Romnì, all'ultimo anno degli studi di legge. Ha operato con queste famiglie romanì prima che fossero espulse da Belgrado, e conosce la loro storia probabilmente meglio di chiunque altro.

Era sorpresa che il nuovo sindaco avesse ordinato il ripristino dell'acqua, essendo in carica solo da pochi giorni. In quanto esponente del vecchio partito di Milosevic, lei temeva che fosse più difficile collaborare con lui che col sindaco precedente.

L'acqua viene immessa tramite un tubo rotto. L'acquedotto cittadino ha collegato l'acqua, ma rifiuta di riparare il tubo.

Sfortunatamente, dopo essere arrivati in loco, ci è stato detto e mostrato rapidamente che la conduttura era difettosa. L'acquedotto cittadino aveva sì collegato l'acqua, ma in un pozzetto sotto terra c'era un tubo che perdeva acqua. L'acqua che raggiunge il solo rubinetto (nei bagni turchi) ha pochissima pressione. L'acquedotto ha rifiutato di riparare il tubo rotto, dicendo ai Rom che dovevano provvedervi loro. Ovviamente, i Rom non hanno né soldi né capacità per farlo.

L'unico rubinetto dell'edificio, nel vecchio bagno turco. Settimana scorsa funzionari dell'acquedotto avevano visitato l'edificio, dicendo che non c'erano tubature per portare l'acqua al palazzo.

Dopo aver fotografato la perdita d'acqua, ho chiesto ai Rom se conoscessero un idraulico che potesse riparare il tubo. Ho promesso loro che avrei pagato il lavoro se l'avessero tr4ovato immediatamente. In quindici minuti è arrivato, assieme al suo assistente, e ci siamo accordati per una riparazione immediata. Sono balzati sul loro scooter, precipitandosi a comperare i materiali.

Dato che il tubo era di plastica, c'era bisogno di elettricità per poterla fondere ed unirlo con il nuovo. Ma l'edificio non ha corrente, e l'idraulico ha dovuto usare una prolunga, collegandola ad una casa serba lì vicino. Così dopo un'ora il tubo era stato riparato e la pressione dell'acqua era tornata alla normalità.

Durante la riparazione, nel pozzetto è stato scoperto un ratto, che è stato ucciso perché il lavoro potesse continuare. I ratti sono comuni negli edifici abbandonati e la matriarca del clan che vive lì mi ha mostrato la punta del suo piede, che era stata morsicata. Ma rivendicava con orgoglio che dopo averla morsa il topo era morto.

Al centro della foto, il ratto ucciso dall'idraulico.

Marija ha promesso di mandarmi una memoria scritta su tutta questa storia. Una volte ottenute tutte le informazioni, spero di lavorare assieme a lei per trovare qualche soluzione. Credo che il nuovo sindaco, medico universitario ed ex primario del centro cardiologico di Nish, abbia mostrato buona volontà nel rispondere così velocemente al mio appello per fornire l'acqua a queste famiglie. Era subentrato nell'incarico da pochi giorni, e probabilmente ha bisogno di tempo per informarsi sul pregresso di questa situazione. Lo conosco da oltre sei anni e ritengo che farà la cosa giusta per questi Rom.

Il nuovo impianto che l'acquedotto ha rifiutato di realizzare.

Probabilmente l'ex sindaco non voleva aiutare questi Rom senzatetto, per paura che gli elettori locali sarebbero stati contro questo appoggio. 


Le condizioni di vita nel vecchio magazzino abbandonato, dove queste quattro famiglie romanì stanno provando a sopravvivere. Il municipio di Belgrado aveva promesso loro dei container una volta che fossero arrivati a Nish. (per vedere le ultime due immagini a grandezza naturale, cliccarvi sopra, ndr)

(le foto sono di Paul Polansky)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 22/07/2012 @ 09:25:04, in Italia, visitato 1069 volte)

La provincia pavese Il portavoce della comunità sinti chiede la realizzazione di piazzole attrezzate

17 luglio 2012 - GAMBOLO'. Dopo l'incidente in cui sono stati investiti tre bambini, a farla da padrone a Gambolò è la tristezza per quanto accaduto domenica sera.

Nei bar e sulle panchine ieri non si parlava d'altro, se non di quei tre bambini investiti davanti alla loro madre incinta di nove mesi.

«Ringraziamo i santi in Paradiso - diceva la cliente di un bar del centro - se è finita così. I bambini e la madre stanno meglio, ma poteva accadere una tragedia. Fortunatamente l'auto andava pianissimo e le conseguenze dell'urto sono state limitate. Se la macchina fosse transitata a velocità sostenuta sarebbe stata una strage». Placate le tensioni nate immediatamente dopo il fatto, nel campo dei sinti dove vive la famiglia dei bambini non c'era più alcun sentimento di rabbia. «Non portiamo rancore per quanto accaduto - sottolineava il portavoce della comunità, Franco Ovara Bianchi - però se fosse successo che uno di noi avesse investito dei bambini italiani, forse sarebbe partita la caccia all'uomo. E poi qui la nostra condizione non è accettabile. Il campo è a lato della strada, senza alcuna protezione. Siamo cittadini italiani e vorremmo, che come si era pensato in passato, vengano realizzate delle piazzole attrezzate per le roulotte qui a Gambolò».

L'incidente di domenica lascia l'amaro in bocca alla comunità sinti di Gambolò. Ma c'è anche il conforto per le condizioni dei bambini feriti, che sono in miglioramento.

La più piccola, di tre anni, è stata dimessa dall'ospedale Niguarda di Milano dove era stata portata in elisoccorso, visto che le sue condizioni, tra quelle di tutti i feriti, sembravano le più preoccupanti.

Una volta tornata nel campo è stata subito coccolata dai nonni. «Abbiamo pregato per questi bambini - aggiunge Franco Ovara Bianchi - resta però il fatto che eventi del genere non dovrebbero succedere: non è possibile che tre bambini vengano investiti mentre vanno tranquillamente al bar».

Ieri nel campo a lato della strada per Remondò c'era anche Sondra Morandi, la mamma dei tre fratellini coinvolti nell’incidente. Ha scelto di uscire temporaneamente dall'ospedale di Vigevano, dove è stata comunque ricoverata dopo il fatto, visto lo stato di gravidanza quasi al termine, per stare qualche ora vicino ai figli e alla famiglia.

Così come il marito, che avrebbe dovuto subire un'operazione di routine alla schiena al policlinico San Matteo di Pavia, ma ha chiesto di rinviarla per stare vicino alla famiglia in questo momento di difficoltà. «Ho visto la macchina quando ormai era tardi - racconta Sondra Morandi - non c'era più niente da fare».
La donna sostiene che con i bambini stava attraversando sulle strisce pedonali, fatto che la polizia stradale sta cercando di verificare sentendo anche dei testimoni dell’incidente. Sul volto di Sondra Morandi ieri si leggeva la sofferenza per quanto è accaduto.

Bocche cucite invece dai familiari della donna alla guida della Fiat 500 che ha investito i bambini domenica sera in via Carrobbio: «Non abbiamo nulla da dire» sottolineavano ieri.

Sandro Barberis

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/07/2012 @ 09:03:54, in Italia, visitato 935 volte)

...Ma è silenzio su sgomberi e campi abusivi - Di Luisa Santangelo | 19 luglio 2012

La nuova generazione di news made in Catania

Il capoluogo etneo è la città pilota, in Italia, della campagna Dosta! che punta a sensibilizzare la popolazione sull'integrazione dei cosiddetti zingari. Nel Paese sono circa 140mila, ma parecchi di loro vivono per strada o in case improvvisate. Magari edifici comunali abbandonati e occupati, come quello di viale Bernini, sgomberato un paio di giorni fa. Che fine faranno le 150 persone che ci vivevano? L'assessore non vuole parlarne

"Delle politiche sugli insediamenti abusivi parleremo in altre occasioni, non è certo questo il momento". Carlo Pennisi, assessore alle Politiche sociali del Comune di Catania, dello sgombero dei circa 150 occupanti dell'edificio comunale di viale Bernini non vuole parlare. Ci sono luoghi e contesti adeguati, sostiene, e la conferenza stampa di presentazione del progetto Dosta!, campagna di sensibilizzazione contro i pregiudizi verso i Rom, non è uno di quelli. Tanti bei discorsi sull'integrazione e sul fatto che "Catania in fatto di ospitalità non ha termini di paragone" (parole del prefetto Francesca Cannizzo), ma quando la domanda verte sulle soluzioni che le istituzioni hanno pensato - se ne hanno pensate - per evitare che 150 persone rimangano in mezzo alla strada la risposta non arriva. "Stiamo parlando di Rom, e a palazzo Bernini ce n'erano solo due famiglie - precisa l'assessore - tutte le altre erano bulgare e rumene, quindi siamo fuori tema". Il campo Rom di Zia Lisa, seguendo il ragionamento, è perfettamente in tema: "Garantire almeno l'acqua corrente? È escluso - aveva dichiarato ad aprile Pennisi - queste persone, al netto di problemi di tipo sanitario non devono stare comode. Anzi, devono stare scomode così è più facile che decidano di andarsene. L'assistenzialismo di molte associazioni caritatevoli non serve ed è pernicioso". Oggi, nonostante il progetto del quale è promotore, conferma tutto: "Non ho cambiato idea", dice.

Oltre alle domande, erano fuori tema anche Fabrizio Cappuccio e Maria Chiara Aruta, del collettivo Aleph, quello a cui appartengono alcuni dei volontari che hanno aiutato per giorni gli occupanti del palazzone comunale abbandonato. Quando sono entrati a palazzo Platamone - in cui si teneva l'incontro - con uno striscione inneggiante al diritto alla casa per tutti, due uomini in borghese della Digos sono intervenuti immediatamente per buttarli fuori. "Non è previsto un dibattito, non credo che voi qui abbiate qualcosa da fare", dice a Cappuccio uno dei due agenti. "Abbiamo chiesto più volte di incontrare il prefetto - spiega Francesco Cappuccio - Ed era stato l'assessore Pennisi, tempo fa, a invitarci a questo evento". Ma che esponessero un lenzuolo con un messaggio non era previsto. Per questo, prima che potessero entrare, sono stati chiesti loro i documenti. "Vogliamo solo che non vengano più dette menzogne - dicono i due militanti - Il Comune fa una bella iniziativa d'integrazione, dietro la quale nasconde il fatto che ci sono delle persone che sono state buttate in mezzo alla strada, che nei fatti saranno costrette a dormire sotto i portici".

Temi interessanti, certo, ridotti a sbavature in una conferenza stampa di presentazione. Dopo le parole sul fatto che "per essere buoni cristiani bisogna non avere pregiudizi" dell'arcivescovo di Catania Salvatore Gristina; dopo le precisazioni del prefetto sul fatto che "gli aspetti negativi non sono connaturati nelle etnie, nessuno è perfetto e tutti siamo perfettibili"; dopo il forfait del sindaco Raffaele Stancanelli; e dopo le spiegazioni di Massimiliano Monanni, direttore dell'Unar, ufficio nazionale anti-discriminazioni razziali sul fatto che il capoluogo etneo è la prima delle cinque città scelte per diffondere la conoscenza delle comunità Rom, Sinti e Camminanti; dopo tutto questo i saluti. Ma prima è intervenuta Olga Balan, la cantante romena di origine gitana che venerdì sera si esibirà al cortile Platamone, assieme al gruppo - per metà napoletano e per metà Rom - O'Rom. Olga presenta se stessa e il suo spettacolo, poi aggiunge: "Quella dei campi Rom è una delle realtà più terribili che ci sono in Italia, è bene parlarne". Per Carmine D'Aniello, leader della band: "L'integrazione passa attraverso il diritto all'alloggio per tutti".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/07/2012 @ 09:16:56, in Europa, visitato 980 volte)

Da British_Roma

 

  Razzismo istituzionale per i Rom in Scozia - by Billy Briggs

15/07/2012 - E' stata lanciata un'indagine governativa dopo che un rapporto accusava funzionari pubblici di "razzismo istituzionale" nei loro rapporti con i Rom che vivono in Scozia.

Funzionari del Ministero del Lavoro e delle Pensioni (DWP) sono indagati con l'accusa di aver minacciato ed ingannato i Rom, tramite personale del centro lavoro, e di aver ritardato pagamenti legittimi, ritardi che hanno portato ad alti livelli di povertà infantile.

Le accuse sono contenute in un rapporto commissionato da Oxfam al Govanhill Law Centre (GLC) di Glasgow. Il risultato del ritardo dei pagamenti - in alcuni casi, anche tre anni - ha portato alla miseria alcuni Rom, incluse famiglie con bambini.

Il rapporto è stato scritto dagli avvocati del GLC che hanno indagato su come 66 famiglie rom siano state trattate dal DWP, dall'ufficio delle tasse ed imposte, e dal consiglio cittadino.

GLC ha concluso che in alcuni casi i Rom sono stati trattati in maniera illegale, contro quanto stabilito dall'Equality Act 2010.

L'inchiesta riguardo al DWP si sta focalizzando sul centro lavoro Laurieston Plus, situato in un'area di Glasgow che ospita circa 3.000 Rom.

Una portavoce del DWP ha confermato che propri inquirenti sono in contatto col GLC.

Ha detto: "Jobcentre Plus prende con estrema serietà questo tipo di accuse. Ci aspettiamo alti standard di comportamento dal nostro staff."

L'iniziativa è stata accolta con favore dagli attivisti, che hanno chiesto di essere messi a conoscenza delle conclusioni del rapporto.

Lindsay Paterson, avvocato per GLC e tra le autrici del rapporto, afferma: "Intendiamo cooperare pienamente in ogni modo possibile con le indagini. Ci auguriamo che l'ufficio delle tasse ed imposte segua l'esempio del DWP e lanci parimenti un'indagini sulle serie violazioni dell'Equality Act individuate nel nostro rapporto."

Annie Lewis, di Oxfam, dice: "Siamo estremamente preoccupati dall'evidenza che i Rom vengano trattati differentemente dagli altri cittadini UE, quando si tratta di accedere ai benefici e ai crediti d'imposta. Siamo lieti che sia partita un'indagine."

L'ufficio delle tasse ed imposte sta studiando le accuse di GLC ed è disposto a cooperare ad un'inchiesta ufficiale.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/07/2012 @ 09:08:12, in Europa, visitato 960 volte)

Da Nordic_Roma

The Nordic page Assalito campo rom ad Oslo con petardi e pietre - Photo : Pieter Edelman | Tende in campo rom

Quattro uomini arrestati per avere assalito sabato notte un campo rom ad Oslo con petardi e pietre.

Comunica TV2 che i residenti del campo testimoniano di essere stati svegliati da gente che tirava pietre contro il campo.

I Rom erano arrivati nell'area con materassi ed altre attrezzature per costruire un campo, dopo essere stati mandati via dal cortile di una chiesa in centro città. Né il comune, né il distretto o il dipartimento di giustizia erano intervenuti contro l'insediamento, nella regione di Årvoll a Oslo.

Tuttavia, i residenti del quartiere esprimono le loro preoccupazioni sul numero crescente dei Rom, e paura che questo possa portare inquinamento e criminalità.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/07/2012 @ 09:11:04, in media, visitato 1079 volte)

rubrica a cura di Riccardo Bottazzo - venerdì 20 luglio 2012

Vivo in un quartiere di delinquenti e, di conseguenza, sono un delinquente pure io. Per buona sorte sono di razza padana e nessuno si sogna di dichiarare al Gazzettino che la mia casa dovrebbe essere abbattuta e l'intero quartiere smantellato.
Fossi di "etnia nomade" - come mi è capitato di leggere sullo stesso giornale - non godrei del medesimo trattamento di favore. E se scrivere "etnia nomade" è una tal fesseria da farci scompisciare dalle risate anche senza bisogno di aver studiato antropologia con Lévi Strauss, che dovremmo dire quando ci tocca scoprire che il "nomade" Tal Dei Tali arrestato assieme a 18 italianissimi personaggi, cinque righe più sotto, "risiede" in una normalissima casa di una normalissima città veneta? E ancora, altre cinque righe più sotto, che ha anche la cittadinanza tricolore pur se il suo cognome finisce con "vich"? Che è come dire che è italianissimo pure lui considerato che le leggi razziali, in Italia, non ci sono più da quando hanno appeso il Benito a testa in giù. Giusto? Ma allora perché distinguerlo?

Ci sarebbe da ridere se non ci fosse da incazzarsi neri. Perché a continuare ad incarognirsi su quella povera gente del villaggio sinti di Mestre che ha il solo torto di non sapersi difendere con gli avvocati, è una infamata bella e buona. Soprattutto se considerate che il vero scopo di tutta questo giornalismo di merda è gettare benzina per alimentare la politica della paura e della discriminazione. Altra merda.

Brutte, bruttissime storie che periodicamente escono come carogne dalle fosse proprio come gli zombi dei film di Romero. Sempre sul Gazzettino. Mercoledì 6 giugno 2012. Titolone: "Nullatenenti con ville e Ferrari". Tra gli otto arrestati, si legge nell'articolo, c'è anche un residente del villaggio sinti. Uno. Ma evidentemente basta a fare testo. Il giorno dopo, a firma dello stesso giornalista, esce la smentita (costruita in maniera tale da sembrare una precisazione. Trucchi del mestiere…). Il "nomade" risiedeva da tutt'altra parte. A Dese, su un terreno agricolo di sua proprietà (alla faccia del "nomadismo"). Nel villaggio sinti di via del Granoturco abita comunque la moglie separata con un figlio (entrambi incensurati). Come dire che non abbiamo sbagliato più di tanto. E poi si sa che tale padre tale figlio. Il titolone che riprende la notiziona è un capolavoro di schifezze e di bugie: "Valige di soldi falsi nel campo sinti". Nel testo si legge chiaramente che nessuno degli arrestati risiede nel campo sinti anche se il titolo fa pensare esattamente al contrario. Ma è questo contrario quello che resta in testa alla gente. Puro veleno, come direbbe il mio amico Tex Willer che avrebbe di sicuro preso a cazzotti il giornalista.

Perché qui non è solo questione di opinioni diverse che andrebbero comunque rispettate. Qui la notizia – e per essa intendo molto banalmente il racconto dei fatti accaduti – è stata mandata affanculo per far posto ad una deformazione della realtà volta ad avvantaggiare un pensiero politico dichiaratamente razzista e xenofobo. Non è un caso che questi popò di articoli escano sempre con un box di commento affidato al leghista di turno. Nel caso citato, l'onore dei riflettori tocca al consigliere comunale della Lega Nord Alessandro Vianello che non perde l'occasione di sparare: «Il campo sinti si svuoterà a suon di arresti. Quello che non fa il sindaco di Venezia, lo faranno le forze dell'ordine e la giustizia». Intanto, chi si sta svuotando a suon di arresti è la Lega Nord e non il campo sinti.

Oggi, sempre nel Gazzettino, ci tocca leggere sul titolo di apertura della seconda pagina della cronaca di Mestre di un cosiddetto "blitz al campo sinti". Leggiamo tra le righe che si tratta di una operazione di polizia che ha portato alla custodia cautelare di 10 cittadini italiani. La banda finita nel mirino degli inquirenti è costituita da sinti e da non sinti. Eppure, sia nel titolo che nel sottotitolo, sia nelle foto che nelle didascalie viene enfatizzata solo la presenza dei sinti. Anche a leggere le locandine appese davanti alle edicole pare che ci sia stato sul serio un qualche blitz nel campo di Mestre. Così il messaggio (falso) raggiunge anche chi come me la carta igienica la compra a rotoli e va a vedersi la programmazione dei cinema su internet. Anche in questo caso, il commento viene affidato a uno che "non va per il sottile", come ci specifica, casomai ce ne fosse bisogno, lo stesso articolista: il consigliere comunale Renato Boraso che urla che in via del Granoturco "va smantellato tutto". E chi se ne frega se il campo sinti non c'entra un beato piffero in tutta questa storia? Nove dei dieci arrestati risiedono in normalissime case Ater o di proprietà tra Favaro, Mestre e il Friuli. Solo uno, si legge alla fine, abita nel campo sinti. Solo uno? No! Neanche quello. Si tratta infatti della stessa persona già ospite delle patrie galere a seguito dell'operazione ricordata in apertura. Quella dei "Nullatenenti con la Ferrari". Lo stesso tipo che, come ci ha informato - il giorno dopo - lo stesso Gazzettino, ha la residenza in quel di Dese. In via del Granoturco vive solo l'ex moglie separata con il figlio. Perché allora Boraso non propone di "smantellare" Dese? O Favaro? O Mestre? Meglio ancora: "smantellate" il quartiere dove abito io! Di fronte a casa mia abita una persona il cui padre è in galera. Due calli più in là hanno arrestato da poco una coppia per spaccio. E ne conosco un altro, proprio sulle mie scale, il cui cugino è un noto poco di buono. Di per me, sono ancora a piede libero, per adesso, ma ho qualche sana denuncia per diffamazione a mezzo stampa che mi fa ben sperare per il futuro.

Fatta la debita proporzione, ci sono più delinquenti qui, attorno alla mia umile dimora, che nel campo sinti. Certo, qui sono tutti delinquenti di "razza padana" e non di "etnia nomade". Ma che significa? Mica siam razzisti! Pretendiamo di essere infamati sui giornali e minacciati di "smantellamento" pure noi. Ecco!

Una nota a margine. Siccome non si può sempre fargliele passar lisce, sul caso del "blitz al campo sinti" che non è un "blitz al campo sinti", l'Osservatorio contro le discriminazioni Unar Venezia, istituito con un protocollo di intesa tra il Comune di Venezia e il Ministero per le Pari Opportunità, ha deciso di segnalare l'articolo all'Ordine dei Giornalisti del Veneto chiedendo ai probiviri e al presidente Gianluca Amadori di intervenire e di prendere una posizione consona ai doveri sanciti dalla Carta istitutiva dell'Ordine riguardo l'aderenza ai fatti, ed ai protocolli sottoscritti dai giornalisti sul rispetto delle etnie. Rispetto che per quanto riguarda i sinti adesso proprio non c'è.

E se non ci credete fate questa prova. Sostituite, in uno di questi articoli, la parola "campo sinti" con il termine "ghetto ebraico", e l'aggettivo "sinti" con "ebrei". Leggete tutto d'un fiato e vi garantisco che vi si accapponerà la pelle!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/07/2012 @ 09:12:01, in Europa, visitato 1013 volte)
Da Roma_Francais

LE VIF.be Trecento Rom hanno manifestato di fronte all'Ufficio Stranieri contro le espulsioni - 13 juillet 2012 à 19h29

Venerdì pomeriggio trecento Rom hanno manifestato di fronte all'Ufficio Stranieri. Protestavano contro l'espulsione sistematica degli immigrati provenienti da paesi non appartenenti all'Unione Europea. "L'Ufficio respinge tutte le richieste d'asilo e di regolarizzazione presentate dai Rom," dichiara Imer Kajtazi,, promotore dell'iniziativa. "Non c'è alcuna distinzione in base alla loro documentazione."

"Alcuni vivono in Belgio da 5 o 10 anni. Lavorano qui, pagano le tasse ed hanno bambini che vanno a scuola," prosegue Imer Kajtazi. "Per l'Ufficio Stranieri , tutto questo non fa alcuna differenza. Sono respinte anche le domande di chi è malato, col preteso che arrivano da paesi cosiddetti -sicuri- come la Bosnia, la Serbia, il Kosovo o la Macedonia." Tuttavia, secondo Imer Kajtazi. la sicurezza in questi paesi non è garantita, soprattutto per i Rom. "L'Ufficio agisce come se le questioni della violenza, della discriminazione e della persecuzione non riguardasse i Rom," prosegue. I manifestanti chiedevano che l'Ufficio rivedesse la sua politica di espulsione sistematica dei Rom e che ogni documentazione fosse valutata caso per caso. (PVO)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/07/2012 @ 09:16:48, in Italia, visitato 1384 volte)



SABATO 21 LUGLIO 2012 - "Entrano nella mia roulotte, se lo tirano fuori e mi dicono di succhiarli se non voglio le botte". La prima volta che ha sentito questa storia, Valter Halilovic, mediatore culturale e animatore della comunità rom di Torino, quasi non ci voleva credere. Ma, nel corso delle ultime settimane, le testimonianze di minacce e violenze ai danni di omosessuali e bisessuali all'interno della comunità rom sono diventate più numerose e gravi. Halilovic ha deciso di denunciare la situazione dopo che l'altroieri notte sono stati diagnosticati quattordici giorni di prognosi ad un amico che aveva accompagnato al pronto soccorso: lo avevano ripetutamente colpito in testa con i pugni avvolti in catene di ferro. "E ad altri è andata anche peggio, con un mese di prognosi. Se va avanti così, ci scappa il morto" racconta Halilovic a Il grande colibrì.

La banda di violenti sarebbe composta da ragazzi del campo nomadi "Aeroporto". "Hanno dai 25 ai 32 anni, girano in cinque-sette alla volta, colpiscono membri della comunità sia nel loro campo sia nel campo di via Germagnano". Il gruppo avrebbe iniziato le proprie scorribande violente circa un anno fa, quando uno di loro è uscito dal carcere. Le loro vittime, tutte rom, sono "i più disgraziati, quelli che non possono reagire", racconta ancora il mediatore culturale: tra di loro sembra ci siano anziani, disabili, intere famiglie che vengono malmenate, senza che siano risparmiati né i bambini piccoli né le donne. Halilovic ha raccolto in particolare le testimonianze dirette di tre omosessuali e di un bisessuale.

Uno di questi ragazzi, dopo essere stato più volte picchiato e derubato, dopo che la banda gli ha distrutto l'automobile e l'ha costretto ad abbandonare la casa faticosamente conquistata, è fuggito da Torino e spera di non essere più rintracciato dai suoi aguzzini. Gli altri tre vivono in una situazione angosciosa di costanti angherie. Solo in due, però, hanno sporto denuncia alle autorità: se in un caso il processo non si è ancora aperto, nell'altro il giudice ha vietato ai componenti del gruppo di avvicinarsi alla loro vittima. Ovviamente, purtroppo, il divieto non è stato mai rispettato: "A questi non gliene frega niente delle autorità".

La mancata applicazione delle sentenze penali, tuttavia, spiega solo in parte perché gli altri due ragazzi angariati non abbiano sporto denuncia: i loro timori sono tanti, da quello di vedersi rovinata la reputazione rivelando il proprio orientamento sessuale alla possibilità di ritorsioni contro se stessi o contro le proprie famiglie. E alla mancanza reale o percepita di tutele legali (l'assenza dell'aggravante di omofobia per i reati è spesso sentita dalle vittime come una manifestazione di disinteresse dello stato) si aggiunge il silenzio della propria comunità: "Tutti sanno tutto, persino nelle comunità rom di origini bosniache delle altre città, ma nessuno fa niente. Quelli della banda appartengono a famiglie molto numerose e potenti e la fiducia nello Stato è molto bassa".

La situazione, insomma, è complessa. Per ragioni contestuali, con le forze dell'ordine che, purtroppo, appaiono molto più impegnate negli inumani sgomberi fatti a scopi mediatici ed elettoralistici che in attività di integrazione. E per ragioni interne alla cultura rom, perché, come spiega Halilovic, "la comunità non ti dà nessuno spazio per ribellarti". E allora cosa possono fare queste persone sole, che non sanno più cosa fare e dove andare? Dopo averne parlato con loro, il mediatore culturale ha deciso: "E' tempo di parlare. E abbiamo scelto Il grande colibrì, perché magari gli altri media avrebbero puntato tutto sul sensazionalismo". I rom sanno bene quanto le loro storie, quando finiscono nelle mani di un giornalista, possano essere usate non per risolvere problemi, ma per diffondere paura ed emarginazione...

E invece questa storia è piena di violenza, ma è anche un esempio importante di volontà di non stare più a tacere e di cambiare in meglio il proprio e l'altrui destino, come riconosce anche Paolo Hutter, giornalista e attivista gay da sempre attento anche al contrasto del razzismo: "Valter Halilovic è una figura nuova, che prende parola senza paura contro la violenza e l'omofobia. E' un esempio di come si possono promuovere i diritti all'interno delle minoranze etniche: mantiene salda la solidarietà con la propria comunità, ma non accetta che diventi omertà".

Ora dobbiamo dimostrare tutti che davvero i diritti sono universali, che la loro violazione non può essere intesa come un problema di un gruppo nel quale non ci si riconosce, ma invece ci riguarda tutti personalmente. Hutter è ottimista: "Con le sue strutture comunali, con la sua società civile, con le sue associazioni, Torino saprà rispondere nel migliore dei modi". Coinvolgendo positivamente, si spera, l'intera comunità rom.

Pier - Copyright©2012ilgrandecolibri.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/07/2012 @ 09:09:02, in media, visitato 1242 volte)

puntorossoLIBRI

Stiamo assistendo al crescere dell’interesse e dell’attenzione nei confronti dei rom. Forse è proprio una reazione dei "giusti" alle persecuzioni particolarmente accanite di cui sono stati oggetto negli ultimi anni nel nostro paese.

È un fatto che si stiano moltiplicando iniziative per farli conoscere nelle loro caratteristiche genuine, senza la lente deformante del pregiudizio quando non del vero e proprio razzismo.

Ciò non toglie che tuttora sia in Italia che in molti altri paesi europei continuino a scaricarsi su di loro tutte le frustrazioni, le insicurezze e le infelicità della popolazione maggioritaria e vengano usati come capri espiatori nella quotidiana fatica di vivere che si fa sempre più acuta negli attuali scenari della crisi che ci sta tutti travolgendo. Ma la loro debolezza è anche la loro forza: sono capaci sempre di ripartire da zero, dallo zero in cui vengono ricacciati.

Sono stanchi ma non sconfitti. Hanno un allenamento che dura da secoli, nella tenacia della volontà di sopravvivere.

Il 50% di questo popolo è fatto di bambini e ragazzi, questo dà loro la determinazione di guardare al futuro.

Collana: Libri - FMA
Formato: 21x16 cm
Pagine: 123
Prezzo: 10.00 €
Data pubblicazione: luglio 2012

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/07/2012 @ 09:20:52, in lavoro, visitato 1356 volte)

Da Roma_Daily_News

FOCUS Information agency Comune della Bulgaria invia denaro per salvare raccoglitori rom di frutta dalle condizioni inumane in cui vivono in Svezia - Foto: Биопрограма

20/07/2012 - 40 Rom provenienti dalla città di Tran, sono sopravvissuti in condizioni inumane in Svezia per dieci giorni, ha detto a Focus il sindaco della città, Stanislav Nikolov, che sta cercando di farli tornare in patria.

Sono circa 400 i Bulgari truffati, e 40 di loro arrivano da Tran. Sono andati in la Svezia per la raccolta dei mirtilli, senza nessun contratto di lavoro. Hanno scoperto in seguito la miseria delle condizioni. Sono abbandonati nei prati a vivere in tenda, vengono loro forniti acqua e cibo ogni due giorni, dice il sindaco.

Nove dei 40 Rom sono riusciti a fuggire e raggiungere l'ambasciata bulgara a Stoccolma. [Il sindaco (suppongo, ndr.)] è entrato in contatto con l'ambasciata, che li fornisce di cibo ed acqua, ed ora il comune di Tran sta inviando denaro per riportarli a casa in aereo via Belgrado, e da lì col treno verso Sofia. Aggiunge di non sapere nulla degli altri 31, sempre residenti a Tran.

Secondo l'ambasciata, sono arrivati da loro altri 30 del distretto meridionale di Plovdiv che erano stati ingannati nello stesso modo. L'ambasciatore Svetlan Stoev controllerà cosa sta succedendo. In linea di principio, i Bulgari stanno lavorando illegalmente. Tuttavia, non è ancora il momento, perché i mirtilli sono verdi. E allora stanno frugando nei bidoni della spazzatura, aggiunge, perché non hanno né da mangiare né i soldi per fare ritorno a casa.

Krasimira GEORGIEVA

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/12/2019 @ 07:31:56
script eseguito in 154 ms

 

Immagine
 Il libro con le storie di via Idro... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 10404 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:17:21
Di damien
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:16:50
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source