Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 23/11/2005 @ 02:40:52, in casa, visitato 1424 volte)
Comunicato stampa: Comunità di Sant'Egidio
Con l'arrivo del freddo
a Roma arrivano gli sgomberi di zingari
Urgente un tavolo per alternative reali
e non per interventi-tampone
Con un tempismo che solo alla burocrazia può riuscire, questa mattina, a ridosso di un altro intervento solo alcuni giorni fa, in concomitanza con l'arrivo del freddo, sono state sgomberate da Via Aldisio a San Basilio 15 famiglie di zingari (un centinaio di persone di cui la metà bambini).
Le loro baracche (presenti da molti anni, prima abitate da italiani) sono state rase al suolo dalle ruspe. Tra le persone vittime dello sgombero molti sono i bambini iscritti a scuola nei dintorni, un uomo emiplegico e alcuni anziani. Alle famiglie non è stata presentata nessuna formale ordinanza di sgombero o "sfratto". Gli zingari (tutti presenti a Roma da molti anni) sono stati invitati ad andarsene, e successivamente le baracche sono state demolite. La città non ha bisogno di interventi senza ritorno e miopi.
Nessuna urgenza o rischio di ordine pubblico appare in questo caso né immediato né reale, anche se l'ordinanza, è stato detto, proviene dal Comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico. Si è trattato di un intervento su un piccolo agglomerato, su una via secondaria, su un terreno di scarso interesse pubblico.
La Comunità di Sant'Egidio ritiene immotivato lo sgombero e non compatibili con il livello di civiltà di una città come Roma iniziative che colpiscono famiglie insediate da anni nel tessuto comunale senza un progetto organico, contestuale, di accoglienza.
La Comunità di Sant'Egidio chiede immediati interventi di assistenza per le famiglie rimaste senza un riparo, per il sostegno scolastico, e l'apertura di un tavolo urgente con le istituzioni per individuare soluzioni alternative e praticabili, secondo standard accettabili per la dignità della città e delle persone coinvolte.

Roma, 22 novembre 2005

Piazza di S. Egidio, 3/a - 00153 ROMA - Tel +39.585661 - Fax +39.58566331


Il Corriere della sera - 22.11.2005 - 69 Hits

Milano - Le diverse periferie. Richieste e bisogni dei cittadini

Di Alessandro Balducci*

I disordini in Francia hanno spinto al centro dell'attenzione il problema delle periferie. In Italia non abbiamo costruito negli anni '60 e '70 enormi concentrazioni di edilizia sociale come è successo in Francia, ma anche noi dobbiamo interrogarci su quali domande emergono dalle diverse periferie che nella grande metropoli non sono più solo i quartieri popolari ai confini del Comune. Ci sono periferie interne fatte di baracche e di aree industriali dimesse che ospitano insediamenti illegali di immigrati, fatte di campi nomadi improvvisati. Queste periferie esprimono una domanda di politiche abitative di prima accoglienza che debbono essere in grado di dare una risposta civile a popolazioni urbane che non possiamo ignorare.

Ci sono le periferie pubbliche, grigie e dure, di Milano e dei comuni della prima cintura che in assenza di una continuità nella politica della casa sono diventate spesso concentrazione di fenomeni di disagio: in alcuni quartieri le case vengono occupate abusivamente oppure vengono legalmente assegnate a famiglie multiproblematiche che si vanno ad aggiungere a una popolazione prevalentemente anziana, spaventata e sola.

Propongono una domanda di riqualificazione che è anche di appartenenza alla comunità urbana, di interruzione della catena della emarginazione che unisce il quartiere popolare al lavoro precario, all'esposizione alla violenza da parte di gruppi organizzati, al vivere accanto a fenomeni di disagio sociale. È una domanda complessa, perché chiede alle politiche un approccio multi-settoriale, uscendo dalla logica della riqualificazione edilizia che da sola può fare ben poco. Ci sono infine periferie nella metropoli, dove le tensioni del mercato abitativo di Milano hanno spinto gruppi sociali a reddito medio-basso nella miriade di villette a schiera o di piccoli condomini. Queste popolazioni esprimono una domanda di politiche per la mobilità che rendano meno difficoltoso muoversi, ma anche di interventi capaci di conferire urbanità a brani di territorio che rischiano di trasformarsi in non luoghi, con tutte le connesse implicazioni di marginalità progressiva per le popolazioni che vi abitano. Se non vogliamo essere colti di sorpresa dobbiamo ascoltare le domande che emergono dalle diverse periferie.

*Direttore del Dipartimento di Architettura e Pianificazione Politecnico di Milano

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/11/2005 @ 07:59:11, in casa, visitato 1688 volte)

"Possibilità unica" di risolvere la crisi

By Dominic Casciani
BBC News Community affairs

Per i sostenitori della campagna, mai come ora i Comuni hanno avuto "la probabilità migliore" di risolvere la crisi nazionale dei siti di sosta ed i conflitti con i sedentari. Site
THE GYPSY CONTROVERSY

LATEST STORIES

AROUND THE COUNTRY
Minety example
Travellers bought their land, but do they have the right to stay?

BACKGROUND
Q&A: Travellers and the law

YOUR VIEWS
Tory traveller proposals

BBC action network

SEE ALSO:
MPs demand Gypsy site law change
07 Nov 04 | UK
Action against Gypsies is delayed
02 Nov 04 | Somerset
'Effigy' gypsies unite at bonfire
31 Oct 04 | Southern Counties
What this Traveller girl wants
28 Oct 04 | UK
Rural England, Gypsies and land reform
16 Sep 04 | UK

RELATED INTERNET LINKS:

The BBC is not responsible for the content of external internet sites

I nuovi obblighi per i comuni di aiutare Nomadi e Viaggianti a trovare i luoghi possono risolvere le tensioni locali, annuncia in una conferenza la Gypsy and Traveller Law Reform Coalition.

Ma Nomadi e politici dicono che occorre ancora molto lavoro per generare il dialogo con la gente stanziale.

L'appello arriva dopo un anno di grandi tensioni sugli insediamenti non autorizzati.

Con le nuove misure, i comuni devono includere i bisogni di Nomadi e Viaggianti nei loro programmi sulla casa.

Devono anche lavorare per incontrare le esigenze di luoghi di sosta, come pure favorirne l'acquisto di appezzamenti da parte dei gruppi itineranti ed essere di sprone perché ne vengano costruiti ed attrezzati dal privato sociale.

Le misure sono arrivate dopo una lunga campagna per far prendere atto ai comuni della drastica scarsità nazionale di luoghi di sosta.

I promotori della campagna sostengono che questa scarsità porta agli insediamenti illegali perché non ci sono posti dove fermarsi.

Diverse battaglie della corte stanno continuando attorno ai maggiori insediamenti non autorizzati in tutto il paese. Il più grande tra gli sgomberi preannunciati, vicino a Basildon, si pensa costerà almeno 1 milione di sterline.

Speranze ed aspettative

Lord Avebury, Liberal Democratico che ha sostenuto la causa dei Nomadi e Viaggianti, dice durante la conferenza che presto i comuni non avranno più scuse per non iniziare a risolvere i problemi che hanno condotto a significative tensioni locali. 

"Questo è un momento di speranza e l'aspettativa," ha detto Lord Avebury.

"Infine abbiamo una formula che può risolvere i problemi di sistemazione. E una volta risolto quello, si potranno affrontare gli altri problemi sociali che ne derivano. 
"Ci devono essere occasioni per la gente di agire e parlare assieme - può succedere che i problemi siano troppo grandi o insolubili, ma se state viaggiando insieme, il minimo che può nascere è un dialogo"
Rev. Michael Hore, Cottenham
"Per la prima volta ci sono comuni disposti a collaborare a vicenda su ciò che occorre fare così possiamo ipotizzare assieme, e accordarci, sul numero di siti necessari"

Len Smith, della Gypsy and Traveller Law Reform Coalition, dice che è "interesse di tutti" la costruzione di nuove aree di sosta.

"Il governo sta approntando nuovi piani regolatori - questo Congresso sta valutando queste nuove funzioni ed assicurandosi che tutti i consegnatari relativi siano consapevoli di che cosa fare perché il sistema funzioni e siano creati quei siti di cui c'è un disperato bisogno."

Il Reverendo Michael Hore, rettore di Cottenham, porta ad esempio l'esperienza nel suo villaggio di Cambridgeshire come avvertimento e segno di speranza.

Le tensioni sono aumentate in 2003 dopo che ad un sito di sosta si era allargato con l'arrivo di molti altri viaggiatori irlandesi.

Mentre le tensioni rimangono alte, il reverendo Hore ha detto che là era iniziato il dialogo fra gli abitanti ed i viaggianti e che ciò ha iniziato a migliorare la situazione.

"Sono state dette cose terribili che hanno trasceso nel razzismo," continua "ma ci devono essere occasioni per la gente di agire e parlare assieme".

"Può succedere che i problemi siano troppo grandi o insolubili, ma se state viaggiando insieme, il minimo che può nascere è un dialogo"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/11/2005 @ 09:15:46, in lavoro, visitato 1433 volte)
Beta News
CACAK - Mercoledì 16 novembre 16.37 - Sono comuni le discriminazioni tra i richiedenti lavoro che siano di etnia rom o disabili.
Sasa Obradovic, direttore dell'Amministrazione Nazionale dell'Impiego di Cacak, dice che ciò può essere vero, anche se [invece] non sussistono discriminazioni di genere.
"Le discriminazioni di genere non sono un problema a Cacak, dato che il 53% degli occupati è di sesso femminile e il 47% maschile, ma esistono discriminazioni verso i Rom e chi ha disabilità specifiche."
Ha aggiunto che la sua amministrazione sta sviluppando un programma per l'impiego di persone disabili, che coinvolgerà tanto gli addetti dell'amministrazione che i datori di lavoro, con l'approntamento di spazi di lavoro specifici e il pagamento dell'80% dello stipendio alla persona disabile.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2005 @ 01:51:40, in Regole, visitato 1299 volte)
Pagina interessante (che riuscirei anche a tradurvi se avessi tempo e voglia, sorry ma mi mancano tutti e due..), con il resoconto del dibattito alla Camera dei Comuni sullla situazione di Nomadi e Viaggianti.

Molto "english" e civile il tono, forse troppo. Soprattutto stupisce che per ogni dibattito in corso il cittadino britannico può leggere gli interventi senza diventare matto e (addirittura!) commentare o contattare il proprio deputato.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2005 @ 02:22:35, in Italia, visitato 3730 volte)
I carabinieri fiorentini  indagano sui furti nelle case. Anche l'edizione locale della Repubblica vigila (23 novembre 2005). Peccato che sia una bufala degli anni '20.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2005 @ 03:33:41, in conflitti, visitato 1525 volte)


21.11.2005   
Negli ultimi decenni il numero di sfollati interni (IDPs) è drammaticamente in aumento. Guerre civili ed umanitarie, lotta al terrorismo, fondamentalismi religiosi o economici, costringono le popolazioni a migrare in modo forzoso. Una tesi di laurea
Di Francesca Cazzato
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Marco Nieli (del 24/11/2005 @ 09:21:31, in Italia, visitato 1424 volte)
Cari compagni e amici,
desidero darvi un aggiornamento della situazione rumeni di Casoria, a circa 20 giorni dallo pseudo-sgombero.
Sebbene non se ne parli più sui media e le istituzioni ci abbiano del tutto abbandonato, la situazione mi pare ancora drammatica.
Abbiamo circa 60 persone a Scampia (tra baracca degli slavi, chiesa dei Gesuiti e chiesa degli evangelici); circa 30 a Torre del Greco in uno stabile fatiscente, minacciate dalla polizia e altre 11 a Bari che chiedono di tornare. Parecchi sono in giro per l'Italia, senza sapere dove andare e cosa fare, aspettando ancora una risposta dalle istituzioni.
Con il freddo incipiente e la pioggia, la situazione si fa sempre più critica. Già una bambina, Rebecca, è stata ricoverata da noi per disidratazione al Cardarelli (in seguito è emersa una immunodeficienza congenita, su cui il freddo o le infezioni avrebbero potuto essere fatali); un altro bimbo disabile e debole di cuore, Emanuel, che aveva quasi avuto un collasso a Gianturco per la paura, sta rifacendo le analisi al Policlinico, in preda a crisi di pianto e ansia; infine, diversi neonati in strada soffrono di bronchite cronica, che potrebbe degenerare.
Vorrei allertare gli avvocati Valle e Simona dello studio Coccia, perché, nel caso malaugurato di una sciagura si prendessero i provvedimenti legali del caso: si tratterebbe di omicidio colposo per i responsabili di quest'azione così idiota e dalle cosneguenza così drammatiche.
Nel frattempo, vorrei ancora una volta sollecitare le istituzioni a non ignorare oltre questo dramma silenzioso che si compie sotto i nostri occhi e a predisporre un'accoglienza d'emergenza per questa gente, indifesa e smarrita sul nostro territorio, che almeno in quello schifo di baracche aveva un punto di riferimento in un ambiente così differente e potenzialmente ostile a loro.
Vorrei inoltre invitare i giornalisti a non dimenticare le dramnmatiche conseguenze di quello che Zanotelli ha definito uno sgombero degno di un regime dittatoriale del sud del mondo.
A tutti gli altri amici, operatori sociali e compagni vorrei dire di non abbassare la guardia e se possibile di farsi venire idee su possibili soluzioni di accoglienza temporanea, in vista di prospettive più solide che ancora non si intravvedono però all'orizzonte.
Ma la Chiesa che aspetta ad aprire le porte, visto che non lo fa il Comune di Napoli o la Provincia?
Prego tutti di farsi sentire sull'argomento e fare proposte concrete,
ciao e buon lavoro a tutti,

Marco Nieli,
vicepresid. Opera Nomadi di Napoli
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2005 @ 12:33:41, in Regole, visitato 6699 volte)
Anti_Discrimination

La Commissione Europea Network of Legal Experts in non-discrimination ha pubblicato un'analisi comparata delle leggi antidiscriminatorie nei 25 Stati Membri - dedicando un documento ad ogni paese. Il rapporto inoltre confronta similitudini e contrasti tra le differenti leggi nazionali, identifica sviluppi ed aspetti comuni. [...]

Il rapporto è disponibile in lingua inglese, francese e tedesca.

Rimedi e sanzioni nelle leggi non discriminatorie

Il network di esperti ha poi pubblicato un nuovo rapporto esaminando il concetto di "sanzioni effettive, proporzionate e dissuasive" - con quanto comportano nello sviluppo di Direttive sull'Uguaglianza Razziale e nell'Impiego. Sullo sfondo, il rapporto affronta lo sviluppo e il significato del concetto in Europa di legge sull'uguaglianza dei sessi (comprese le sue origini storiche) e sulla legislazione europea in generale. Di seguito affronta gli standard legislativi del diritto internazionale; per terminare coi rimedi e le sanzioni previste nel quadro specifico delle direttive EU, con i relativi conguagli e risarcimenti.

Attualmente questa parte è disponibile in inglese. A breve seguiranno le versioni in francese e tedesco.

Tommaso Vitale e Daniele segnalano anche questo articolo di Repubblica

stor_6383317_57290
Lo sgombero di un campo
nomadi in Italia

Il rapporto integrale è scaricabile qui:

Il resoconto annuale indica i nomadi e gli ex cittadini sovietici
come le popolazioni più soggette a violenza ed emarginazione
Razzismo, il rapporto della Ue
"I Rom sono i più discriminati"
di CRISTINA NADOTTI

ROMA - Sono i Rom la popolazione più discriminata in Europa, subito dietro a loro i cittadini dell'ex Unione Sovietica. Il rapporto annuale dell'European Monitoring Centre on Racism and Xenophobia, l'organismo dell'Unione Europea che ha il compito di fornire agli stati membri informazioni e dati sul razzismo, la xenofobia, l'islamofobia e l'antisemitismo, e di formulare piani di intervento per contrastarli, denuncia oggi che i Rom, che il rapporto indica come zingari, sono il gruppo etnico che deve affrontare maggiori discriminazioni nel lavoro, nell'alloggio e nell'istruzione. I Rom, scrive il rapporto, sono vittime di continue violenze razziste.

Il rapporto sottolinea che "La storia particolare e le caratteristiche della popolazione degli stati membri dell'Unione" sono tra le cause di questa avversione nei confronti di questo popolo e degli ex cittadini sovietici. Il rapporto include una valutazione generale in cinque aree di ricerca: la legislazione, l'occupazione, l'accoglienza, l'istruzione, la violenza e i crimini razziali. "Ci sono - si legge nella relazione - alcuni esempi di "buone pratiche" sia degli stati nucleo della Ue che dei nuovi membri, ma è chiaro che molti stati rimangono molto indietro".

I bambini Rom esclusi dall'istruzione. Sono la Repubblica Ceca, la Spagna e l'Ungheria i paesi che discriminano maggiormente i Rom, che in questi stati hanno maggiori difficoltà a essere accolti. Ma in molti paesi, sottolinea il rapporto, nelle scuole i bambini Rom sono concentrati in classi speciali, con la tendenza a bollarli come non adatti alla scolarizzazione o con difficoltà di apprendimento"

La nuova Ue e le etnie. Gli esperti europei sottolineano che con l'allargamento dell'Unione la composizione etnica dell'Europa è mutata, e con essa anche le vittime delle discriminazioni. Si fa distinzione tra i paesi occidentali, che hanno una lunga tradizione di migranti e di razzismo, xenofobia e discriminazione, e quelli orientali, dove c'è una maggiore omogeneità etnica. Questo spiega in parte il triste primato dei Rom, che hanno una lunga storia di migrazione ( e discriminazione) anche nei nuovi stati membri dell'Ue, quali la Repubblica Ceca, l'Ungheria e la Slovacchia.

"E' anche per questo che la maggior parte dei rapporti dei dieci nuovi stati dell'Ue si concentra principalmente o unicamente sulla questione dei Rom", scrive il resoconto e bisogna tenere in considerazione che la Commissione Europea ha imposto ai nuovi membri di migliorare i diritti e l'accoglienza delle minoranze Rom come requisito per entrare nella Ue".

(23 novembre 2005)


La segnalazione della REUTERS (in inglese)
Articolo Permalink Commenti Oppure (10)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2005 @ 19:31:45, in media, visitato 1583 volte)
ArcoirisDa Arcoiris TV via web

Le riviste Zazà 2 [diretta da Goffredo Fofi] e l'Altracittà vi invitano all'ascolto della conferenza Inclusione sociale: Napoli-Firenze a/r. Due città si guardano con gli occhi delle loro periferie. La registrazione è stata effettuata sabato 12 novembre 2005 presso il Centro Sociale Il Pozzo nella periferia fiorentina delle Piagge.

Introduce:
Cristiano Lucchi - direttore dell'Altracittà, giornale della periferia
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Intervengono:
Giovanni Zoppoli - Zazà 2, Napoli
DAL RINASCIMENTO BASSOLINIANO ALLA GUERRA DI SCAMPIA: I PERCHE' DI UNA RICERCA/AZIONE
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Alessandro Santoro - prete della Comunità delle Piagge, Firenze
NUOVE PRATICHE DAL BASSO PER LA CITTA' DI TUTTI
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Ciro Minichini - Zazà 2, Napoli
LE BUONE PRATICHE E GLI INTERVENTI A PIOGGIA SU SCAMPIA
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Ornella De Zordo - consigliera comunale a Firenze per Unaltracittà/Unaltromondo
LE INSUFFICIENZE DELLE POLITICHE ISTITUZIONALI SULL'ACCOGLIENZA
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Goffredo Fofi - direttore Lo Straniero e Zaza 2
SCAMPIA, PARIGI, E POI?
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Giancarlo Paba - Urbanista, Università di Firenze
L'URBANISTICA DEL DISPREZZO: PERIFERIE TOSCANE
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Piero Colacicchi - ADM, Firenze
LE PERIFERIE DEI ROM E SINTI IN TOSCANA
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Nando Sigona - Ricercatore
CHIUDERE I CAMPI: PROSPETTIVE E POSSIBILITA' NELLE POLITICHE EUROPEE
Ascolta l'intervento in formato .mp3

Christian De Vito - ricercatore sociale, Firenze
IL RUOLO DELLA SOCIETA' CIVILE NEL CONFLITTO SOCIALE
Ascolta l'intervento in formato .mp3


Visita il sito: www.metamorfosi.info
Metamorfosi
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/11/2005 @ 04:03:46, in Italia, visitato 1560 volte)
ricevo da Manlio Mele

MILANO E I ROM
L'INTEGRAZIONE POSSIBILE

Incontro pubblico

Mercoledí 30 novembre, ore 20:00 - Presso la sede della UIL Via A. Campanini, 7 - Milano

Intervengono:

GIUSEPPE LARAS
Presidente dell'Assemblea dei Rabbini d'Italia

SANTINO SPINELLI
Vice Presidente del Parlamento della Romaní Union Internazionale
Docente di Lingua e Cultura romaní presso l'Università degli studi di Trieste

MANLIO MELE
Segreteria dell'Associazione Radicale Enzo Tortora

Introduce:

LEONARDO DONOFRIO
Segretario Generale della UIL-Scuola Milano

Modera:

DANIELE NAHUM   
Segreteria dell'Associazione Radicale Enzo Tortora
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


25/01/2020 @ 16:01:46
script eseguito in 156 ms

 

Immagine
 Come una Lonely Planet... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2796 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:27:21
Di Mr Pendelis
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source