Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 02/12/2007 @ 09:30:58, in Europa, visitato 1666 volte)

Da Osservatorio sui Balcani

26.11.2007 scrive Rando Devole

Un fatto di cronaca che fa partire una dura campagna antirom(ena): indignazione popolare, articoli, trasmissioni televisive, analisi sociologiche e dichiarazioni dei politici. Paradigmi di paure, diversità, integrazione in questo commento scritto per Osservatorio dal sociologo Rando Devole

Alla fine di ottobre un crimine efferato ha scosso l’Italia. Una donna è stata seviziata e uccisa alla periferia di Roma. Il presunto omicida è stato catturato dalle forze dell’ordine. Era romeno, e rom, abitante nelle baracche adiacenti il luogo del delitto. I media hanno dato un enorme risalto alla notizia. È seguita l’indignazione popolare, accompagnata da testimonianze, dichiarazioni, denunce, accuse, articoli, commenti, servizi, sondaggi, trasmissioni televisive ed analisi sociologiche. La politica ha risposto con un acceso dibattito senza esclusione di colpi, per finire con un decreto urgente in materia di espulsione di cittadini comunitari. Il quadro non sarebbe completo se non si ricordassero alcuni atti di xenofobia a danno di cittadini romeni, ovviamente seguiti da condanne unanimi e appelli alla calma; tutto corredato da contatti febbrili bilaterali con la Romania e da battute a distanza con l’Unione Europea.

Per le persone attente si tratta di un episodio già visto. Un déjà vu collettivo. Il caso degli albanesi è ancora fresco, per non dire attuale. Qualche cittadino albanese commetteva un omicidio o altra violenza, seguivano indignazioni e rabbie diffuse, interpretazioni strumentalizzanti, giustificanti e/o asettiche, appelli accorati, dichiarazioni di circostanza, provvedimenti immediati. Non mancavano i via vai di delegazioni ufficiali, le accuse rincorrenti, le chiamate alle ronde, gli inviti al buonsenso; si scomodavano perfino i personaggi dello spettacolo. Per concludere si interpellava, come sempre, l’Europa. Quindi, niente di nuovo sotto il sole.

Per gli amanti dei retroscena e gli appassionati di dietrologie, si tratta di un episodio da manuale. Si aspetta il momento propizio per trovare un caso eclatante: tra tanti delitti c’è sempre uno che si distingue per emblematicità. Dopo averlo scelto, lo si butta nel ciclone mediatico; ciò gli darà forza, facendolo diventare il suo occhio ciclopico per parecchi giorni. Poi si gioca al rialzo con proposte di misure emergenziali, mettendo sulla bilancia la rabbia popolare. L’attenzione dell’opinione pubblica verrà monopolizzata, mentre altre cose finiranno nel dimenticatoio, oppure passeranno in secondo piano. La formula è suggestiva, ma piuttosto inverosimile.

Qualche volta i déjà vu sono pure e semplici illusioni, mentre le interpretazioni cospirative facili fantasie. C’è una certezza sola. Il pregiudizio regna sovrano. Per giunta, aiutato da ovvietà disarmanti, ai confini delle banalità, le quali, spacciate per controargomentazioni efficaci, non riescono a scalfirlo neanche in superficie: ad. es. “non sono tutti cattivi”, “non facciamo di tutta l’erba un fascio”, “sono utili all’economia”, “i rom non sono romeni”, “i romeni non sono tutti rom”, “i romeni sono comunitari”, e così via. I rom passano sotto la radiografia dei media, che enciclopedicamente forniscono dati tra tabelle e grafici colorati: quanti sono, dove sono, ceppi etnici, quali origini, quale delinquenza. Alcuni dati fanno paura, altri meno. Dipende da come li presentano.

I Balcani ed i paesi dell’Est c’entrano sempre; quando si parla di sicurezza e immigrazione non mancano mai dalle pagine dei giornali. Non si comprende se influisce la delinquenza comune dall’immancabile “accento slavo” (ceppo a cui i romeni casualmente non appartengono), la provenienza di molti rom, oppure il lato oscuro di quelle parti, dove regna l’ignoto, dalla cui oscurità emergono vampiri per tormentarci l’immaginario. Se molti riconoscono nei Balcani la polveriera d’Europa, oppure la regione più divisa del continente, pochi sanno che i Paesi balcanici sono legati tra di loro con tanti fili, tra cui spicca quello dei rom, che con l’arte della sopravvivenza, la libertà professata e, soprattutto, la loro musica folcloristica, hanno sempre fatto da sfondo alle storie della regione e alle sue memorabili narrazioni.

Seppur uguale ad altre nella sostanza, la recente campagna antirom(ena) ha presentato elementi nuovi. Innanzi tutto la confusione totale tra rom, romeni e rom romeni. Sarebbe offensivo per il lettore spiegare nuovamente le differenze evidenti. Tuttavia, le assonanze hanno influito poco sul caos cognitivo, unico complice è stata l’ignoranza. D’altronde senza l’humus dell’ignoranza, i pregiudizi stentano a rimanere in vita. Infatti, parte dell’opinione pubblica considera i romeni come extracomunitari, non come membri a pieno titolo dell’UE. Non è un bel segnale per l’Europa allargata, specialmente per gli altri paesi balcanici che sono in sala d’attesa da tempo. Dall’altro lato, per fortuna, la religione non era in discussione questa volta. Del resto la diversità viene ricostruita con i materiali a disposizione, che non sono mai scarsi.

Se le reazioni collettive sono generate da angosce ataviche, se le certezze traballano di fronte alla diversità, se le paure aumentano nell’incontro con l’Altro, se il pregiudizio coalizza e demonizza contemporaneamente, se la propria aggressività non è più riconosciuta, se la sindrome del nemico interno ci perseguita senza sosta, se la violenza viene proiettata sui diversi, se gli stranieri sono percepiti come una minaccia, allora c’è una sola cosa da capire: noi stessi. Perché l’immigrazione è uno specchio che riflette tutto: la paura e il coraggio, la sfiducia e l’ottimismo, i difetti e i pregi. E non possiamo colpevolizzare lo specchio se ciò che riflette non ci piace. Possiamo anche romperlo volendo, ma non abbiamo risolto nulla.

Non solo il delitto di Roma, ma anche quello di Perugia e di Garlasco, con le loro vittime femminili indicano che viviamo in una società culturalmente febbricitante, in prenda alla paura, dove la violenza trova la sua ragion d’essere, perché prevale il concetto della sopraffazione sui deboli. Poco importa il passaporto del carnefice. Invece, risulta importante la cultura della legalità, i doveri che vanno di pari passo con i diritti, la giustizia giusta, il rispetto della persona. In un quadro di regole chiare, dove vige la certezza della pena, ma anche quella del merito, è più facile misurarci sui valori fondamentali inalienabili e non sulle divisioni artificiose tra noi e loro. Che siamo tutti fragili e indifesi lo dimostrano perfino le divisioni acclamate dalle stesse vittime della discriminazione, che vogliono distanziarsi dai soliti rom, come se additare l’altro fosse un atto di purificazione.

Le baraccopoli costituiscono una grande metafora dell’emarginazione. Persone che vivono ai margini della società, nell’isolamento, nella diffidenza verso gli altri, senza integrarsi, nel degrado urbano. In una situazione di paura reciproca, non cambierebbe molto se al posto delle lamiere ci fossero le mura. Neanche un bagno con idromassaggio allontanerebbe lo spettro dell’esclusione sociale. Tante isole non necessariamente fanno un arcipelago.

Lo straniero assoluto non esiste, ha scritto Tahar Ben Jelloun, perché siamo sempre stranieri rispetto agli altri. La storia dei romani, romeni e rom, con la loro somiglianza fonetica, ci insegna proprio questo: siamo uguali nella nostra diversità. Ovviamente, le potenzialità non mancano neanche ai moderni, il cui Dna culturale è fatto principalmente di diversità, forse il loro vero punto di forza. Lo dimostra inoltre il vissuto di ogni giorno, con tanti begli esempi di integrazione, di rispetto reciproco, che, purtroppo, non fanno mai notizia. Certo è che stigmatizzare i diversi, criminalizzare intere comunità, generalizzare il male, significa proiettare verso gli altri il proprio lato oscuro, trasformare le vittime in carnefici e viceversa, ed infine, accumulare macerie valoriali nella nostra anima. Ma ad un certo punto, non ci serviranno né ruspe, né zingare chiromanti, per salvarci dal nostro futuro.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/12/2007 @ 08:41:00, in blog, visitato 1316 volte)

Da Nazione Indiana

di Laura Nobili e Imma Tuccillo Castaldo

Pochi giorni fa, ai primi di novembre 2007, l’Alto Commissariato dell’Onu per i Diritti Umani ha richiamato l’Italia per il mancato rispetto delle norme internazionali in materia di diritti delle popolazioni rom. In particolare, sono state messe sotto accusa le azioni di sgombero forzato degli insediamenti ‘legali’, oltre che di quelli abusivi, a Roma e in alcune altre città italiane. In questi insediamenti vivevano comunità ‘storiche’ rom, insieme ad altre di più recente immigrazione. Si tratta di una vera e propria ‘ripulitura del territorio’ ai fini del decoro pubblico, come sembra sostenere il sindaco Walter Veltroni. La condanna dell’Onu segue quella dell’aprile 2006, sancita dal Comitato Europeo per i Diritti Sociali (CEDS): con questa l’Italia viene accusata di sistematica violazione del diritto delle popolazioni rom ad un alloggio adeguato, in riferimento all’art. 31 e art. E della Carta Sociale Europea Revisionata .
Il progetto di ‘restauro’ del centro e delle periferie romane depresse è stato inaugurato il 22 febbraio 2007. Le agenzie di stampa hanno battuto la notizia del lancio delle operazioni di sgombero, distruzione indiscriminata e ‘delocalizzazione’ dei cittadini rom. Questa è la conseguenza dell’azione pianificata dal Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica di Roma, l’organo collegiale di consulenza dell’ex Prefetto capitolino, Achille Serra.

Nel marzo 2007, per rafforzare le politiche di eugenetica urbana, il Ministero dell’Interno e l’Associazionie Nazionale dei Comuni Italiani hanno siglato il Patto per la Sicurezza, a cui sono seguiti, pochi mesi dopo, a maggio, i Patti per Roma sicura e per Milano sicura, imitati con poche varianti da altri capoluoghi di provincia.
Il Patto per Roma Sicura, che prevede notevoli contributi finanziari da parte di Regione, Provincia e Comune, oltre che l’indispensabile collaborazione della Prefettura, promuove «interventi risolutivi delle esigenze di contenimento delle popolazioni senza territorio, nonché inclusione sociale, attraverso, rispettivamente: la costruzione di quattro villaggi della solidarietà in aree attrezzate in grado di ospitare circa 1000 persone – ciascuno da realizzare su aree comunali o demaniali – disciplinati da specifici regolamenti di gestione; programmi di abbattimento di insediamenti abusivi, con successiva riqualificazione delle aree liberate».
Il primo risultato conseguito dal varo del Patto per Roma Sicura è stata la legittimazione della sistematica distruzione dei beni materiali, già esigui, di migliaia di persone, confermando la propensione del centro-sinistra veltroniano a spacciare per umanitarismo e solidarietà il mero tentativo di cavalcare la deriva populista dell’Italietta odierna, priva di nerbo e di idee politiche.
Si conferisca pure il beneficio del dubbio e si consideri come fine di questi sgomberi forzati la creazione di una città ‘vivibile e disinfettata’ e un migliore destino per gli sgomberati; ci si interroghi allora sul significato e sull’efficacia dell’integrazione ‘modello Roma’.

Ora, se Veltroni & Co. dovessero spuntarla, I villaggi della solidarietà potrebbe diventare un bellissimo titolo per un film di fantascienza a carattere sociale, e, senza troppi sforzi di immaginazione, Quentin Tarantino potrebbe metterlo in scena: da una parte, villaggi collassati di poveri umani da salvare e, dall’altra, un collegio di saggi che sputa direttive e impartisce ordini all’armata aliena degli operatori cosmici. Allora sì, il film sarebbe perfetto, candidato al festival del cinema perbenista di veltroniana invenzione: una sceneggiatura impeccabile in cui la Società dello Spettacolo e il Circo del Sociale si confermano i più efficaci strumenti di visibilità politica per associazioni, partiti e ominidi portaborse e portatessera. I villaggi della solidarietà non sarebbero nient’altro che dei megacontenitori per merce umana, ora sparpagliata su tutto il territorio romano: un concentrato di esseri umani rigettato su qualche chilometro quadrato. Ecco che ‘Roma città aperta’ si trasfigura in Rom città chiusa (è il titolo di un documentario prodotto nel 2001 da Manfredi, Marchetti e Pasquini) e l’emarginazione sociale si fa topica oltre il Raccordo Anulare, alla faccia della tanto agognata integrazione.

I media non utilizzano tutti i dati che hanno a loro disposizione: per esempio, sono in pochi a ricordare che dei circa 160.000 rom censiti in Italia, il 60% sono in realtà cittadini italiani. La maggior parte dei giovani di terza e quarta generazione sono nati e cresciuti in Italia; se si sono trasformati in cittadini stranieri o in cittadini invisibili, apolidi de facto, è soltanto a causa del bizzarro funzionamento di un preciso dispositivo di legge, quello cioè sulla cittadinanza (Legge n. 91/92). Prima di riuscire a garantire il diritto, questa legge crea infatti delle assurde quanto inestricabili trame burocratiche, in cui restano impigliate le vite di migliaia di persone.

Entrata in vigore nel 1992, con essa si stabiliscono le modalità di naturalizzazione per le persone nate in Italia da cittadini stranieri. Riassumiamo. Lo straniero nato in Italia acquisisce la cittadinanza italiana solo nel caso in cui ‘vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età’ e dichiari di volerla acquisire entro un anno a partire da questa data. Sembrerebbe, quindi, che ‘manifestare la propria volontà’ possa bastare al soggetto richiedente per poter ottenere la cittadinanza. Contrariamente a qualsiasi logica, però, il Decreto di Attuazione (DPR 572 del 1993) relativo a quella disposizione dispone che il soggetto, oltre a dover manifestare questa volontà, debba altresì dimostrare di aver risieduto legalmente sul territorio; ma il soggetto potrà dimostrare di risiedere legalmente sul territorio soltanto se i suoi genitori avranno a loro volta potuto mantenere la propria posizione regolare, vale a dire: permesso di soggiorno e residenza ininterrotta per l’intero periodo dei diciotto anni. Detto in altre parole: se i genitori di un bambino nato in Italia non avevano il permesso di soggiorno al momento della sua nascita, anche se il bambino viene iscritto nel registro dell’ufficio anagrafico, di fatto questa iscrizione non basta. Solo l’iscrizione del bambino nel permesso di soggiorno di uno dei genitori garantisce, infatti, la ‘legalità’ della residenza. Migliaia di quei bambini, oggi ormai adulti, pur avendo frequentato le scuole italiane e pur avendo vissuto tutta la loro esistenza in Italia, sono diventati ‘irregolari’ o apolidi al compimento del loro diciottesimo anno di età. È bastato semplicemente che i genitori al momento della loro nascita non avessero un permesso di soggiorno o che, pur avendolo, non avessero formalizzato l’iscrizione anagrafica con l’inserimento del bambino nel permesso di soggiorno, perché il ‘gap’ legale della residenza, di qualche mese o di un anno, fosse sufficiente al rigetto delle domande di cittadinanza.

Per anni è mancata una legge organica sull’immigrazione che regolasse lo status dei cittadini stranieri in Italia. Il progressivo inasprimento delle procedure di regolarizzazione, legate per lo più al possesso di un lavoro, ha molto rallentato il percorso di regolarizzazione per tutti i migranti stanziali di prima generazione (nati tra la seconda metà degli anni ’70 e la seconda metà degli ’80). Una situazione drammatica per chi avesse scelto di vivere in Italia, ma altrettanto drammatica per quasi tutti bambini che sono nati in Italia alla fine degli anni ’80, quindi prima del varo della legge sulla cittadinanza del 1992.

In uno Stato di diritto non dovrebbero vigere le buone intenzioni, soprattutto quando si devono sanare oltre venti anni di segregazione forzata (in tuguri) di quelli che, per comodità filosofica o politica, siamo soliti definire nomadi.
Se si leggono le delibere e i piani di intervento per l’istituzione dei campi approvati negli ultimi 6/7 anni dalle amministrazioni capitoline, si scopre che lo Stato di diritto è stato praticamente sospeso e trionfano, purtroppo, le buone intenzioni. L’enorme sforzo intellettuale di quelle amministrazioni ha partorito, nei confronti di queste popolazioni, un progetto residenziale fondato su tre livelli di ‘integrazione sociale’:
– i campi sosta, definiti aree di sosta temporanea;
– i villaggi attrezzati, cioè strutture fornite di moduli abitativi prefabbricati;
– gli inserimenti abitativi, vale a dire l’assegnazione di case popolari per tutti i cittadini rom italiani e per i cittadini rom stranieri legalmente soggiornanti sul territorio italiano.
Il primo livello prevede i servizi di base e un tempo massimo di permanenza di 12 mesi. Il secondo prevede l’inserimento nei villaggi attrezzati per una durata massima di 36 mesi, prorogabile, ma sempre in funzione della successiva assegnazione di case.
Infine, l’inserimento e la permanenza nei campi sosta, così come nei villaggi attrezzati, può avvenire soltanto sulla base della provata ‘buona condotta’ dei rom. I rom, essendo nomadi nell’immaginario collettivo dei loro detrattori e di molti untori dei diritti umani, dovrebbero comportarsi secondo norme che le amministrazioni municipali redigono sotto forma di ‘Patti sociali’. In queste strane scritture viene persino prescritta una sorta di codice di condotta della vita privata, a cui le persone dovrebbero attenersi per essere degne di integrazione: è come se il proprietario di casa ci facesse stipulare un contratto d’affitto solo a condizione che i bambini vengano mandati a letto presto, o che la presenza di qualsiasi ospite venga tempestivamente ‘denunciata’ al corpo di Polizia Municipale.

Di solito, nei Patti sociali sono anche accennati i doveri che l’amministrazione assume nei confronti dell’assegnatario di un posto in un campo sosta o di un prefabbricato nei villaggi attrezzati: si tratta di servizi minimi e del rispetto delle più elementari garanzie di sicurezza sociale: acqua potabile, sistemi antincendio, manutenzione straordinaria, ecc., come si addice a luoghi destinati alla pubblica convivenza. Il fatto è che le amministrazioni non assolvono quasi mai a tali espliciti doveri, oppure lo fanno in maniera soltanto parziale, cavalcando e sfruttando la serie dei soliti pregiudizi metropolitani (mascherati da discorsi d’opportunità politica) per giustificare le loro stesse inadempienze.

È importante sottolineare come tutti i progetti di sgombero seguano sempre le stesse modalità e rendano sempre conto degli stessi processi politici e sociali; in essi, ricorrono le stesse tipologie progettuali di allestimento, di gestione e di manutenzione dei campi ‘attrezzati’ per i rom. È tutto un copia e incolla di delibere, regolamenti, piani di intervento, ordinanze, ecc. A cambiare sono solo gli importi che vengono versati per gli appalti di messa in opera, rinnovati continuamente ed aumentati esponenzialmente a fronte di proroghe e autorizzazioni che altro non fanno che rendere di fatto ‘eccezionale’, e perciò ancor più precaria, ogni soluzione prospettata per la ‘sistemazione’ dei rom: una manna(ia) dall’alto.

Era il 2005 quando il campo di Vicolo Savini, dove da quasi trent’anni abitavano 770 persone, viene sgomberato per ‘emergenza sanitaria’. Trent’anni di emarginazione non possono che produrre emergenze sanitarie. Al km 24 della via Pontina, nei pressi di via di Trigoria, fu allestita dalla Protezione Civile una tendopoli: 200 tende, ognuna per gruppi di 4 o 5 persone, 100 gabinetti chimici, 3 serbatoi d’acqua, 2 tendoni per le cucine, e una trentina di docce. Il più grande campo d’Europa fu distrutto e Walter Veltroni, in compagnia dell’Assessore alle Politiche Sociali Raffaella Milano, illustrò alla stampa progetti e prospettive cui sarebbero state destinate quelle vite, sradicate da un terreno di proprietà dell’Università Roma Tre. Dopo due mesi di permanenza, la comunità avrebbe dovuto essere spostata in sistemazioni più confortevoli, composte da moduli abitativi prefabbricati, e presso aree che l’amministrazione comunale avrebbe individuato, garantendo altresì il rimpatrio facilitato nei paesi d’origine per alcuni o l’accesso ai fondi destinati all’emergenza abitativa per altri. Il megacampo di Castel Romano, prototipo dei famosi villaggi della solidarietà, nasce così da un un lancio di dadi sulla Pontina, nell’area di Decima Malafede.

Decima Malafede è una Riserva Naturale, sottoposta a vincolo ambientale; una serie di norme regionali ne garantiscono – o dovrebbero garantirne – l’inviolabilità del territorio, del suolo, delle specie animali e vegetali e delle falde acquifere. Un Ente Autonomo della Regione Lazio (Roma Natura) ha il compito di renderle esecutive. I rom del campo non hanno acqua potabile, ma l’amministrazione comunale, oltre ad aver davvero fornito ai rom dei moduli abitativi prefabbricati installandoli in un’area sottoposta a vincolo ambientale, ha provveduto immediatamente al riequilibrio del disagio idrico: le autobotti riforniscono le persone di acqua nera e maleodorante, che deve bastare a tutti per lavarsi, pulire, cucinare – e per bere. (*1)

Il divieto di utilizzare le acque della riserva naturale (DL n.152 del maggio 1999) ha come conseguenza almeno due altre fondamentali omissioni di gestione che rendono inaccettabile la qualità della vita nel campo: l’impossibilità di allestire un sistema fognario e l’impossibilità di rendere funzionante un impianto antincendio. Le ditte appaltate per la messa in opera del campo hanno provveduto alla fornitura delle attrezzature antincendio; il dubbio potrebbe sorgere qualora si scoprisse che non vi sono schede tecniche di collaudo delle stesse. E il dubbio si rigenererebe da sé se volessimo chiedere di verificare le schede di manutenzione ordinaria che ogni sei mesi vanno compilate dalla ditta che se ne occupa. Per capirci: ci sono le manichette per gli idranti, ma non possono essere collegate alla rete idrica.

E i bambini, tanto cari alle amministrazioni comunali? Per i bambini sono previsti progetti di scolarizzazione e innumerevoli altri progetti e progettini, gestiti da varie associazioni sinistroidi o pseudoumanitarie che inghiottiscono, disperdono e volatilizzano il denaro pubblico senza mai arrivare alla realizzazione degli impegni assunti. Per esempio, i progetti di scolarizzazione prevedono pulmini per portare a scuola i bambini. Ma a scuola i bambini ci andrebbero molto più volentieri se, anziché fare un tragitto di circa un’ora e mezza per raggiungere la scuola assegnata da un Protocollo di Intesa ormai vecchio e non più adeguato alla realtà dei fatti, potessero accedere alla molto più vicina scuola di Pomezia. (*2) Dove sta allora l’origine di quel grave fenomeno che sociologicamente viene chiamato ‘dispersione scolastica’?

Per il campo attrezzato di via dei Gordiani, il Patto sociale firmato nel 2002 dall’ex presidente del VI municipio, il dott. Vincenzo Puro, e dai capofamiglia assegnatari dei moduli abitativi prefabbricati, ribadiva il carattere transitorio della sistemazione in containers per le persone che da quasi 35 anni vivono in Italia. Le tragedie che hanno investito le famiglie residenti in quel campo sono innumerevoli. L’ultima si consuma il 30 ottobre 2007. Appena il giorno prima, agenti della polizia municipale avevano consegnato a cinque capofamiglia, assegnatari di altrettanti containers, un invito ad allontanarsi dal campo. Poche ore dopo, alle 7.30 del mattino, una ruspa agli ordini di Antonio Di Maggio, Comandante del Gruppo Sicurezza Urbana della Polizia Municipale, ha fatto molto più che rendere esecutivo l’invito di allontanamento. Accusati di varie malvivenze, tra le quali il possesso di stupefacenti ai fini di spaccio, uomini, donne e bambini sono stati cacciati dal campo, e i loro averi distrutti. Eppure, in uno Stato di diritto esiste ancora un codice penale e uno civile; il dubbio si insinua: chi ha violato le leggi italiane e chi quelle internazionali? Ad una giovane donna, per esempio, nemmeno è stato notificato l’invito ad allontanarsi dal campo: era in ospedale, affetta da broncopolmonite. Dimessa qualche giorno dopo, si è trovata improvvisamente per strada; lo stesso è successo alla madre, malata di cancro. Suo nipote, cittadino italiano, seguiva un corso di inserimento professionale dopo il diploma di terza media: è costretto ora a ricominciare daccapo e a ricomprarsi i libri, andati tutti distrutti assieme al resto, sotto i colpi di mandibole d’acciaio obbedienti agli ordini impartiti.

Qualche ora dopo, in un altro tugurio della capitale italiana, si consumava l’omicidio Reggiani: la violenza è aberrante, non ha connotazioni etniche. La morte di qualcuno, la sua sofferenza, l’immaginarne il dolore non possono che indurre pudore e rispetto. Le riflessioni sono sempre successive, il pensiero si organizza sì, ma questo avviene sempre un attimo dopo. Invece la razionalità utilitaristica degli uomini che ricoprono alte cariche istituzionali ha dato prova del suo cinico opportunismo: un decreto ad hoc che scuote anche quella minima, irrisoria percezione dell’uguaglianza formale di tutti i cittadini europei davanti alla legge europea. La Sottosegretaria al Ministro dell’Interno, Marcella Lucidi, nella puntata de L’Infedele del 7 novembre, spiega che il Ministero dell’Interno è contro ogni forma di discriminazione e che pertanto è giusto non criminalizzare l’intera comunità romena per l’omicidio Reggiani. Le sue parole, caute ed educate scatenano un altro dubbio: è possibile che sia ignara dell’operazione di polizia e pulizia etnica condotta con perizia e disciplina a Roma, nei campi rom? Il consenso costruito sulle e contro le miserie che la nostra società genera è pericoloso. Chissà se Walter Veltroni e gli uomini del suo gabinetto ricordano di aver studiato la storia italiana, soprattutto quella che va dalla fine della prima guerra mondiale ai giorni nostri. Ma certo, che stupidaggine è mai questa, Veltroni ogni anno va in pellegrinaggio ad Auschwitz. Solo, a questo punto, non è ben chiaro che cosa ci vada a fare.

Note
1. Il manifesto - Riccardo Iori, 4/11/ 2007.
2. Il Messaggero – Claudio Marincola, 7/11/2007.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

da Stradanove

COLUM MCCANN È NATO A DUBLINO NEL 1965 MA VIVE DA ANNI A NEW York. E’ autore de “I figli del buio”. “La legge del fiume”, “La sua danza” (sul grande ballerino Nureyev). Abbiamo parlato con lui del suo ultimo libro, “Zoli”, e della vita e della cultura dei rom.

La prima riflessione che facciamo, dopo aver letto il suo libro, è che l’ignoranza genera il pregiudizio- sappiamo molto poco del mondo dei rom. E tuttavia che cosa c’è in comune tra il mondo che Lei rappresenta e gli zingari che vediamo chiedere l’elemosina sui treni della metropolitana, che ci infastidiscono finché non diamo loro dei soldi?

Osservazione fantastica - è vero, succede anche a me, sono stato nelle stazioni della metropolitana, sui treni, e mi sono sentito innervosito da questi zingari che ti assillano. Che rapporto c’è tra di loro e la storia di Zoli? C’è un salto significativo da fare, ma dobbiamo capire che cosa c’è dietro quegli occhi, la storia profonda che c’è dietro di loro. Ho iniziato a capire qualcosa di questo dieci anni fa, quando sono sceso nelle gallerie della metropolitana di New York per scrivere il romanzo “I figli del buio”. Pensavo che la gente senza tetto fosse così per sempre. Pensavo che fossero nati senza casa, non mi ero mai fatto tante domande. E invece non è vero, c’è una storia profonda dietro di loro. Se vogliamo che il mondo sia un posto migliore in cui vivere, dobbiamo cercare di capire la storia dei bambini che chiedono l’elemosina sul treno. La loro storia è quella di Zoli. Anche io ero pieno di pregiudizi: quando sono andato a fare ricerche in Slovacchia, ho nascosto passaporto e soldi, temevo di essere derubato. Alla fin fine ero io che cercavo di derubarli, chiedendo loro della loro storia. Certo, una sola vicenda, quella di Zoli, non rappresenta quella di tutti. I rom sono dai 10 ai 12 milioni - ce ne sono 2 milioni in Romania, 300.000 in Francia. E’ un numero straordinario. Vengo da un paese, l’Irlanda, dove ci sono 5 milioni di abitanti- gli zingari sono due volte tanto. Non ci sono romanzi che rappresentino l’Irlanda nella sua interezza, forse l’”Ulisse” ma, citando Stephen Dedalus, “me ne andrò da qui e foggerò nella fucina della mia anima la consapevolezza non creata della mia gente.” Chiunque può pensare che un romanzo rappresenti un paese, ma non è possibile. Dobbiamo essere aperti a molte storie. Dobbiamo chiederci perché odiamo i rom. Io sono un romanziere, il mio compito è quello di fare delle domande e forse con il mio romanzo i lettori guarderanno i modo diverso gli accattoni sulla metropolitana. Almeno lo spero.

Rom, zingari, gitani: qual è la parola giusta da usare? E sono divisi in gruppi, hanno tradizioni diverse secondo il luogo di provenienza?
La parola giusta è “rom” e significa “una persona”, “roma” vuol dire “la gente”, “romany” è l’aggettivo e indica anche la loro lingua. Sono le parole che usano loro per riferirsi a se stessi. Le altre due parole, zingaro e gitano, sono dei peggiorativi. Originariamente venivano tutti dall’India e hanno avuto sorti diverse, alcuni sono diventati nomadi, altri no. I rom italiani risalgono al secolo VI e non sono nomadi, vivono nelle case, sono italiani. All’interno della comunità rom ci sono tante differenze quante ce ne sono negli altri popoli, sono solo molto più poveri di altri. E sono moltissime le persone note che avevano origini rom: Pablo Picasso e Charlie Chaplin, Yul Brynner e Rita Hayworth.

Come ha iniziato ad interessarsi ai rom? E’ stato dapprima un interesse generico e poi è venuto a sapere della poetessa polacca Papusza che è in parte dietro il personaggio di Zoli?
No, non avevo alcun interesse per i rom, proprio nessuno. Ed ero ignorante per quello che li riguardava. Avevo impiegato quattro anni a scrivere il romanzo su Nureyev, avevo fatto molte ricerche, sulle guerre in Russia, sull’essere un ballerino gay - per me era stato uno sforzo ginnico dell’immaginazione ed ero stanco. Volevo andare a casa e scrivere un romanzo facile. Poi mi è venuta tra le mani la foto della poetessa Papusza: era molto bella, la sua era una storia interessante…Ero spaventato da quello che mi si prospettava eppure sentivo che dovevo farlo. Solo dopo è diventata una faccenda di coscienza sociale.

Che cosa c’è di vero e che cosa c’è di fittizio nel personaggio di Zoli?
E’ vero l’essenziale, che fosse rom, che fosse una poetessa, che fosse famosa e che fu esiliata dal suo popolo. Il resto naturalmente è fittizio.

A Zoli sembra inevitabile sia il donare la sua musica perché tutti la conoscano, sia accettare la punizione della sua gente- perché?
Direi che si tratta dell’accettazione del destino, qualunque forma esso prenda. I rom sono fatalisti. E lei fu bandita dalla sua gente perché era una profetessa: aveva capito che la storia deve essere scritta.

E’ in parte Lei stesso il personaggio di Stephen Swann, metà irlandese e metà slovacco, attratto dal mondo rom e innamorato di Zoli?
Sì, è in parte me stesso. Per quello è metà irlandese, volevo capirlo. Swann non sa del tutto chi è- decisamente sì, Swann è in parte me stesso.

Che cosa c’era dietro la politica comunista di integrare gli zingari in una società ordinata?
Dietro lo sforzo per l’integrazione c’è il profondo idealismo comunista. Dimentichiamo spesso che, pur essendo un sistema che ha avuto un fallimento così spettacolare, pur avendo la responsabilità di così tante morti, alle sue origini aveva una spinta di forte idealismo. Così attraverso gli zingari, vittime da sempre, volevano mostrare il valore del socialismo. E’ stato un po’ come il movimento di rivalutazione orgogliosa “Nero è bello” negli anni ‘70 in America. Gli zingari, a loro volta, si sentivano valorizzati- anche oggi sono molti quelli che hanno nostalgia del comunismo: avevano un lavoro, assistenza medica, c’era un grosso tentativo di integrazione. Purtroppo poi finirono per distruggerli, come tutti gli altri sistemi. Ma all’inizio ai rom sembrava il meglio che potesse loro capitare.

Quello che nel libro non è chiaro è di che cosa vivessero.
La comunità di Zoli era formata da musicisti ambulanti e vivevano di quello, della loro musica. Gli altri facevano lavoretti qua e là, quello che capitava, dove capitava. Vivevano di quello che la gente dava loro.

Li descrive come una comunità molto chiusa: come è riuscito a farsi accettare e riuscire a parlare con loro?
Nella situazione moderna, in Slovacchia, sono abituati a parlare con estranei, poliziotti, assistenti sociali, medici. Dapprima pensavano fossi uno di loro. Ad un livello più semplice il fatto è che sono andato là e ho dormito con loro, nelle baracche: sono rimasti molto sorpresi che qualcuno volesse fermarsi a dormire con loro. Quanto tempo ho passato con loro? Un totale di circa due mesi, in genere circa quattro giorni con ogni gruppo, in Slovacchia e Ungheria.

E’ recente la notizia della sterilizzazione di donne rom che hanno dato l’autorizzazione sotto gli effetti dell’anestesia: dopo gli sforzi per l’integrazione come si considera questa violazione dei diritti umani?
Viviamo in un mondo complicato: in Svizzera portavano via i bambini ai genitori rom, in Slovacchia li inserivano nelle scuole per ritardati. Il processo di integrazione è fallito, per la loro ignoranza, per la nostra ignoranza, per incapacità di fare e rispondere a delle domande, per inabilità ad essere empatici. Accade in tutta l’Europa di oggi. La parola che i rom usano per l’Olocausto è porraimos. Loro dicono che porraimos prosegue ancora oggi per loro- ed è finito nel 1945!

Che cosa ha apprezzato di più nella comunità rom?
La loro socievolezza, la facilità con cui offrono amicizia, la loro curiosità che li porta a fare tante domande. Quello che è necessario è che imparino a dire la loro storia in una maniera che abbia rilievo.

Secondo Lei, qual è il futuro della lingua rom, delle loro tradizioni, della loro musica?
Penso che la loro cultura diventerà più forte con le nuove iniziative, con le università in cui si fanno ricerche e si insegna la lingua e la cultura rom: ce n’è una a Trieste, una nel Texas…La lingua è difficile, sarà un lavoro lungo, ma come si fa a dire? Negli anni ‘50 sembrava impossibile che si arrivasse ad accettare i gay. Forse tra venti o trent’anni saranno in molti a vantarsi di essere per tre quarti rom!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/11/2007 @ 09:16:34, in media, visitato 1687 volte)

Ricevo da Ernesto Rossi

"Mi sento un rom porterò l’Italia in giro nel mondo"

La straordinaria dichiarazione appare in un titolo dell’edizione di domenica 25 di un noto quotidiano.

A rilasciarla è Lapo Elkann (per chi non avesse familiarità con le famiglie più ricche del mondo, ricordiamo che si tratta del figlio di Margherita Agnelli. FIAT).

In definitiva, il maturo e ipertatuato giovanotto, ci rivela che, trasferendosi da New York a Shanghai (in una campina?), si occuperà di promuovere la Triennale di Milano nel mondo. “Sono, insiste, uno zingaro dell’arte”.

Tocca all’intervistatore ricordargli che, coi suoi quattrini, “potersi definire zingaro è un grosso privilegio”.

E lo sanno bene tutti i Rom che perdono il lavoro non appena il padrone scopre l’indirizzo del campo in cui vivono.

Che c’entra dunque questa fesseria con la realtà, quella in particolare che gli zingari autentici vivono in questo periodo proprio in Italia?

Nulla, niente, zero.

Questa è la vera notizia. Di come, cioè, in certi ambienti, moda, marketing, e altro, si faccia un uso sfacciato e superficiale d’una realtà sicuramente ignorata, se non disprezzata, ma sfruttata a livello d’immagine. Dietro queste parole, di Rom non ce ne sono. C’è solo una diversità sconosciuta ma comoda da usare. Tanto, sotto le finestre ben protette di questa gente di roulotte non ne compariranno mai.

26 novembre 2007 Ernesto Rossi

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/11/2007 @ 09:25:27, in lavoro, visitato 1883 volte)

Da Osservatorio sui Balcani

Espulsi dai Paesi Ue migliaia di rumeni si trovano ad affrontare condizioni difficili una volta rientrati in Romania. Una traduzione tratta dal periodico on-line dedicato al sud est Europa BIRN
Di Calin Cosmaciuc, 20 novembre 2007, BIRN (tit. orig. Deported Romanians to Get More Support at Home)


Traduzione a cura della redazione

Il governo rumeno ha annunciato un piano per affrontare la questione dell'ingente migrazione di forza lavoro rumena verso altri paesi Ue, verificatasi quest'anno. L'esecutivo avrebbe messo a disposizione risorse rilevanti e proverà ad affrontare con un approccio nuovo i problemi sociali di lunga durata del paese.

Gli osservatori però si chiedono se le autorità di Bucharest e nel resto del Paese siano all'altezza del compito.

Quando i migranti fanno ritorno a casa è spesso difficile per loro rintegrarsi nella società a causa della mancanza di programmi governativi, poche opportunità di lavoro e, in alcuni casi, perché oggetto di una vera e propria discriminazione.

Secondo la rete televisiva rumena Realitatea negli ultimi 18 mesi circa 23.000 cittadini romeni sono stati espulsi dai paesi dell'Ue. Alla maggior parte di questi, in particolare di origine rom, è stato vietato di far rientro nell'Ue nei prossimi 5 anni: hanno infatti subito condanne per piccoli crimini quali furti o irregolarità nel dichiarare la propria residenza in uno stato membro.

L'Italia è stato il paese dell'Ue che più di recente ha lanciato una campagna per espellere dal proprio territorio i rumeni asserendo che rappresentano una minaccia per la sicurezza pubblica. Queste misure sono seguite ad un'ondata di crimini violenti la cui responsabilità è stata attribuita a immigrati provenienti dalla Romania. Tra questi lo stupro e l'omicidio della quarantasettenne Giovanna Reggiani.

Solo nell'ultimo mese, a Roma, 177 rumeni hanno ricevuto un decreto di espulsione, anche se il numero di persone che se ne è poi realmente andato è più basso. “Quarantanove persone sono state espulse dall'Italia in novembre, per la maggior parte perché occupavano abusivamente proprietà private o perché non erano in possesso di tutta la loro documentazione”, affermano fonti interne al ministero degli Interni romeno.

Le persone espulse vengono prese sotto custodia dalla polizia all'aeroporto di Bucharest. “Controlliamo le loro impronte digitali a chiediamo di raccontarci la loro specifica situazione. Più tardi vengono accompagnate a casa scortate dalla polizia o, almeno, accompagnate dalla polizia ad un autobus che li riporti a casa”, racconta un poliziotto che lavora all'aeroporto Otopeni. Le informazioni raccolte dalla polizia vengono poi passate alle autorità locali, responsabili per la situazione degli espulsi.

Lo scorso mese Bucharest ha annunciato nuove misure per contrastare i crimini commessi in Italia da immigrati rumeni, e tra queste anche iniziative a sostegno di chi viene rispedito in Romania.

La maggior parte del peso ricadrà sulle autorità locali, saranno infatti obbligate ad offrire pasti e una sistemazione temporanea a chi lo richieda, assieme a sostegno legale e psicologico. Ai rientranti verrà inoltre offerto l'inserimento in corsi di formazione lavoro. “Intendiamo trovare per loro dei posti di lavoro in Romania e contribuire in quel modo a combattere la criminalità. Dobbiamo inoltre prendere provvedimenti nei confronti di chi organizza reti illegali per reclutare lavoratori”, afferma il ministro per il Lavoro Paul Pacuraru.

Chi farà rientro volontariamente avrà la priorità nell'assegnazione di alloggi sociali. Il piano del governo prevede inoltre che le aziende che decidessero di assumerli, ricevano sovvenzioni statali. Il programma d'alloggio verrà finanziato da fondi Ue mentre le sovvenzioni alle aziende verranno dal budget statale.

Ciononostante non sarà facile trasformare questi piani in realtà. Anche se sul piano alloggi ad esempio si è trovato un accordo, il ministro Pacuraru sottolinea come sia “molto difficile per le autorità locali trovare edifici adatti”.

Le politiche governative non si rivolgono esclusivamente a chi viene espulso e non è riuscito a costruirsi una vita all'estero. Le autorità intendono spingere i lavoratori rumeni a rientrare in patria in modo da sopperire ad una crescente mancanza in loco di forza lavoro. In molti hanno lasciato infatti il Paese dopo che la Romania, ad inizio 2007, è entrata nell'Ue. In particolare a causa dei bassi salari. Più di due milioni di rumeni stanno lavorando all'estero, soprattutto in Italia e Spagna.

“Servono lavoratori nell'edilizia, nell'industria agro-alimentare, nelle fabbriche tessili. I salari non sono male ma in molti semplicemente si rifiutano di fare questo tipo di lavori”, afferma Pacuraru aggiungendo che questo è vero soprattutto per gli appartenenti alla comunità rom.

Vi sono tra il milione e mezzo e i due milioni di rom in Romania; le autorità spesso discutono dei problemi che riguardano questa comunità in termini di criminalità, ma raramente si affronta la questione della marginalizzazione di questi ultimi.

Il governo recentemente ha annunciato nuove misure a favore di una maggiore integrazione dei rom nella società rumena. Il ministro degli Interni Cristian David ha anche annunciato che preparerà un progetto da proporre alla Banca Mondiale per sostenere gli abitanti di Avrig, una cittadina della Romania centrale. Avrig ha acquisito notorietà per essere la città d'origine di Nicolae Mailat, il giovane rom che ha ucciso Antonella Reggiani. Mailat, 24 anni, viene da una famiglia povera e da ragazzino ha passato tre anni in un istituto correttivo dopo essere stato condannato per furto. Al suo rilascio, venne nuovamente arrestato per furto. La madre di Mailat, che afferma di essere stata forzata a rientrare in Romania dopo l'arresto del figlio, vive in un accampamento abusivo nella periferia della cittadina.

Afferma che non vi è nulla per lei e per la propria famiglia in Romania, dove non ha né lavoro né casa. Vuole ritornare in Italia, dove mendicava per strada con la figlia di tre anni. Anche gli attivisti delle organizzazioni rom ammettono che è molto difficile convincere chi è stato espulso a non provare a rientrare nei paesi Ue. “Queste persone hanno bisogno di più attenzione da parte delle autorità locali e di progetti validi a loro favore qui in Romania”, afferma Marian Mandache, avvocato che lavora per l'associzione Romani Criss. “Devono essere coinvolti in progetti di formazione lavoro. Certamente non è difficile trovare un lavoro, ma è difficile tenersi un buon posto di lavoro se non si è un lavoratore qualificato”.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/11/2007 @ 09:08:19, in Italia, visitato 2182 volte)

Ricevo e porto a conoscenza

Siamo un collettivo (comitato?), composto da italiani e immigrati di un campo di Rom e di romeni, dell’interland milanese. Vogliamo contrastare la campagna montante anti-Rom, anti-romeni e anti-immigrati che il governo Prodi (attraverso il cosiddetto decreto “sicurezza”), l’opposizione di centrodestra e la grande stampa stanno portando avanti. Vogliamo contrastare gli stessi effetti concreti che questa campagna e i provvedimenti del governo stanno già producendo: Famiglie rimpatriate arbitrariamente, lavoratori (in regola o in nero) licenziati, baraccopoli date alle fiamme e sgomberate, donne e uomini aggrediti da bande fasciste, bambini terrorizzati.

Vogliamo contrastare i luoghi comuni preconfezionati e divulgati da buona parte dei mezzi di comunicazione di massa, in base ai quali i Rom, i romeni e gli immigrati in generale sono dei soggetti potenzialmente dediti ad ogni sorta di crimine. Siamo in presenza di una manipolazione dell’opinione pubblica attraverso delle vere e proprie tecniche di istigazione all’odio razziale. Un esempio? Quando delitti atroci vengono compiuti da singoli italiani, vedi il caso di Omar ed Erica a Novi Ligure, oppure la Strage di Erba dei coniugi Romano, o ancora gli omicidi commessi a Guidonia da un tiratore scelto dell’esercito italiano, la rappresentazione che ne viene data è di singoli mostri o di individualità impazzite. Quando un crimine è commesso da un immigrato allora la colpa è collettiva, di nazionalità, di razza, è il caso della tragedia accaduta a Roma  con l’omicidio di Giovanna Reggiani.

Questa campagna, fa leva su un malessere legato alla crescente insicurezza sociale ed esistenziale ed ha la finalità di scagliare contro i lavoratori immigrati la rabbia dei lavoratori italiani. Ma questa crescente insicurezza che coinvolge sempre di più la massa dei lavoratori, è prodotta dal capitalismo, dai padroni e dalle politiche che in questi anni i vari governi, hanno portato avanti con i tagli alla sanità, alla scuola, alle pensioni, alla spesa sociale, con le misure di precarizzazione del lavoro e con le politiche militaristiche contro i popoli del Sud e dell’Est del mondo.

Ai lavoratori immigrati volgiamo dire che è giunta l’ora di organizzarsi e difendersi dalla compagna razzista in atto, di non nutrire nessuna aspettativa verso le istituzioni, e soprattutto di contrastare il tentativo di questo governo che (in continuità con quello Berlusconi) vuole dividere i lavoratori immigrati per linee nazionali, “etniche” e religiose. Vuole dividere per indebolire.

Ieri i “nemici” additati erano gli albanesi, poi gli islamici adesso è arrivato il turno dei lavoratori romeni e dei Rom. Non cadiamo nella trappola. Dobbiamo contrastare l’immagine che vuole identificare nell’immigrato il responsabile del peggioramento della vita e del lavoro delle persone. Possiamo farlo dando seguito alle manifestazioni auto organizzate degli immigrati del 27 e 28 ottobre scorso, svoltesi a Brescia, Roma e Como, contro il razzismo, contro la Bossi /Fini e per il permesso di soggiorno senza condizioni. Sappiamo quanto pesi la ricattabilità sulla capacità di difendersi, soprattutto quando questa si accompagna alla solitudine e al clima di sospetto, per non dire di peggio, che si è impossessato anche dei lavoratori italiani. Per questo vi chiamiamo ad una azione comune di lotta, di denuncia e di difesa delle condizioni di vita e di lavoro nell’obiettivo di trovare una via di uscita per rompere il muro di isolamento che padroni ed istituzioni hanno eretto per dividere e contrapporre i lavoratori italiani ed immigrati.

Ai lavoratori italiani vogliamo dire che il razzismo è un’arma nelle mani dei padroni per dividere e contrapporre i lavoratori al loro interno. Per scatenare un guerra tra “poveri”. Dobbiamo fare un bilancio sul peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro e di come questo peggioramento sia legato anche all’adozione  di norme razziste e specifiche contro gli “stranieri”. Le leggi contro i Rom condannano ad un “nomadismo” coatto senza servizi e diritti immigrati che non avevano mai vissuto prima questa condizione. La legge Martelli e la Turco/Napolitano ieri, la Bossi/Fini e il decreto sicurezza, oggi, hanno come obiettivo non quello di combattere la clandestinità ma di incrementarla notevolmente, in modo tale di avere un esercito di riserva composto da lavoratori immigrati clandestini, privi di diritti e garanzie. Così facendo si permette alla “razza” padrona di disporre, nella società, di manodopera ricattabilissima, da utilizzare, involontariamente, contro i lavoratori più “garantiti” per abbassare i diritti e il salario di tutti ( Un operaio edile clandestino a Milano “guadagna” 3 € l’ora per 13-14 ore al giorno, ed è già successo spesse volte che gli immigrati che hanno avuto il coraggio di denunciare la loro condizione di super sfruttamento siano stati espulsi in quanto clandestini).

Non nascondiamo che ci sia anche un problema legato al degrado ed alla emarginazione che coinvolge una piccola (molto piccola!) fetta  di immigrati dediti a piccoli espedienti, o a fenomeni di micro-criminalità. Tanto è vero che vogliamo contrastare con forza questo destino che le forze legate al mercato, alla speculazione edilizia e soprattutto alla grande criminalità, intendono riservare ai settori più emarginati e più poveri della società, rendendoli “manovali dei loro traffici”. Vogliamo trovare assieme lavoratori italiani e immigrati la via d’uscita al degrado, alla emarginazione e al peggioramento delle condizioni di vita e di lavoro di tutti i proletari.

Siamo convinti che questa via, sta nell’unità della lotta per strappare le periferie all’attuale degrado, imponendo con la mobilitazione di massa, di dirottare in questa direzione le risorse statali e locali oggi catalizzate su speculazioni e affarismi più o meno legali. Sta nella battaglia per i pieni diritti degli immigrati e per la loro piena equiparazione con i lavoratori italiani. Sta nella lotta per ottenere il permesso di soggiorno senza condizioni, per un accesso garantito, alla casa, ai servizi sanitari, scolastici e previdenziali per tutti gli immigrati. Per fare questo occorre che ci si organizzi e ci si batta insieme, proletari italiani e immigrati, contro il precariato, contro la restrizione dei diritti, contro il degrado dei nostri quartieri per un protagonismo dei lavoratori, dei giovani per prendere in mano e assieme il nostro comune destino.

Per avviare questo percorso abbiamo pensato ad un incontro collettivo pubblico a cui sollecitiamo tutti, lavoratori italiani e immigrati a partecipare

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/11/2007 @ 08:52:45, in musica e parole, visitato 2051 volte)

Makfax, Strasburgo, 21.11.2007 08:40 - E' stato presentato mercoledì un compact disc con la versione romanes dell'inno europeo, iniziativa promossa dalla folk singer Esma Redzepova.

L'edizione musicale è parte della campagna di sensibilizzazione "Dosta!"(Basta) organizzata dal Consiglio d'Europa. La parola rom "Dosta!" intende porre fine ai pregiudizi portando più vicini i cittadini europei Rom e non-Rom.

Si stimano in 10 milioni i Rom in Europa, sparsi in quasi tutti gli stati. In alcune aree dell'Europa centrale ed orientale rappresentano oltre il 5% della popolazione.

Co-finanziato dalla Commissione Europea, il progetto include programmi formativi per Rom e governi a sostegno dei diritti dei Rom, e la campagna di testimonianza "Dosta!" che promuove un'immagine positiva dei cittadini rom contro gli stereotipi ed i pregiudizi comuni. Il programma Uguali Diritti e Trattamento per i Rom nell'Europa del Sud Est, lanciato nel 2006, si rivolge a Macedonia, Albania, Bosnia Herzegovina, Montenegro e Serbia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/11/2007 @ 08:27:48, in casa, visitato 1930 volte)

Klassa (Bulgaria) - http://www.class. bg/view.php? id=5392

Le autorità municipali della capitale hanno annunciato i piani per la costruzione di un muro ai confini del quartiere rom di Sofia. Il muro correrà parallelo al percorso della ferrovia e le motivazioni ufficiali sono che "proteggerà contro il rumore del passaggio dei treni e dai depositi improvvisati di rifiuti [...]" Commenta Georgi Papakotshev: "La decisione di costruire un muro ai confini del quartiere rom di Fakulteta ha causato tumulto tra i residenti del quartiere. C'è una similitudine evidente con la situazione della città ceca di Ustí nad Labem nel 1999. Questa analogia racconta molto sui frequenti e xenofobici umori nei paesi post comunisti. Ma allora la Repubblica Ceca non era ancora parte dell'Unione Europea, mentre la Bulgaria ne è membro da dieci mesi... Quale prezzo pagheremo per questo muro? Bene, la Bulgaria... non sarà più a lungo "un modello esemplare Europeo" per il resto della regione meridionale dei Balcani."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2007 @ 08:05:07, in Italia, visitato 1786 volte)


Comunicato stampa dell’Opera Nomadi, sezione di Padova

Da come si recepisce dai mass media, sembra che ultimamente ci sia stata un’invasione di rom rumeni, in realtà già da qualche anno si sapeva della loro presenza soprattutto nelle grandi città: Napoli, Roma, Milano, Bologna e Firenze, dove sono costretti a vivere in baraccopoli o in campi abusivi o ammassati nei campi nomadi anche assieme ad altri rom di diversa provenienza. Restavano e restano invisibili perché poco o nulla si fa per loro: progetti di integrazione lavorativa, scolastica e abitativa.

Già all’inizio del 2006, abbiamo inviato ai Ministeri un dossier approssimativo sulla presenza dei rom rumeni in Italia, soprattutto per il fatto che andavano ad aumentare il numero delle presenze nei campi e nelle baraccopoli vere e proprie favelas che causano tragedie come quelle di Follonica, dove una bambina è morta bruciata a marzo di quest’anno, di Livorno in agosto dove sono morti bruciati 4 bambini e oggi a Bologna a Borgo Panigale in una baracca dove è morto un altro bambino di 4 anni e i suoi 2 fratellini sono rimasti gravemente ustionati.

Il numero delle presenze è senz’altro aumentato in quest’ultimo periodo, sono arrivate con mezzi di fortuna, intere famiglie povere e purtroppo, grazie alla strumentalizzazione sia politica sia dei mass media, il “razzismo da paura” e la xenofobia, che erano latenti nella gente comune, sono emersi, tanto da convincerla che proprio questa povera gente sia il pericolo maggiore per quanto riguarda la sicurezza dei cittadini. Pensiamo sia giunto il momento di spegnere il televisore, riporre i giornali e fermarci a riflettere su quanto la presenza dei rom rumeni rappresenti una minaccia concreta alla nostra società, già afflitta da problemi socio economici gravissimi. Come presupposto imprescindibile per affrontare il fenomeno e governarlo al meglio ci dovremmo domandare innanzitutto quanti sono perché, a giudicare dalla visibilità data loro dai media la risposta sarebbe tanti, più dei mafiosi, degli evasori fiscali, dei precari e dei lavoratori in nero, in realtà non esistono cifre precise. È dunque giustificato parlare di invasione e cifre allarmanti ? la nostra percezione di minaccia trova un effettivo riscontro numerico nella realtà ?.

Non è mai stato avviato un monitoraggio qualitativo e quantitativo di queste popolazioni a livello nazionale anche se, come Opera Nomadi, abbiamo presentato ai Ministeri già all’inizio di quest’anno un progetto di indagine conoscitiva sociale di tutta la popolazione rom, sinta e camminante presente in Italia che dovrebbe essere effettuata impiegando mediatori culturali Rom italiani e stranieri, Sinti e Camminanti, vista la problematica situazione in cui versano le famiglie. Un progetto per poter meglio affrontare da un punto di vista organico e organizzativo le situazioni, per portare a conoscenza delle Istituzioni le problematiche e le istanze degli invisibili ignorati e discriminati, per conoscere precisamente quanti siano i Rom, Sinti e Camminanti presenti in Italia (con un’attenzione particolare ai bambini e ragazzi in età scolare), per riuscire ad avere una visione più chiara e completa a livello nazionale. Solo attraverso una conoscenza più approfondita e uno scambio interculturale possono venire superate le paure e i pregiudizi. C’è da sottolineare il fatto che, tranne per alcune realtà, prima dell’arrivo dei rom rumeni, non si è proceduto mai alla sistemazione dei rom e sinti italiani presenti in Italia alcuni dal 1400, altri dai primi del novecento o dopo la seconda guerra mondiale e dei rom provenienti dalla ex Jugoslavia arrivati nel ns. paese a causa della guerra negli anni ‘90, che rappresentano tutti insieme, italiani e stranieri, circa lo 0,3 % della popolazione italiana. E’ mancata la volontà politica di superare il ghetto rappresentato dai campi nomadi, preferendo lasciare queste persone in condizioni di passività supportandole con l’assistenzialismo, senza favorire un percorso autonomo, di accesso alle risorse lavorative, in modo da far si che si assumessero i diritti e i doveri che comporta l’essere cittadinanza attiva.

Purtroppo la tragedia di Roma pare aver segnato un punto di non ritorno: dal 1° novembre non c’è spazio per alcuna posizione intermedia, e viene sistematicamente censurato qualsiasi tentativo di mediazione e analisi del problema: la ragione ha ceduto il passo alla pancia.

Più preoccupante dei sospetti e delle ritorsioni contro i rumeni in generale, è stata la reazione delle Istituzioni. I politici si sono affrettati a disporre provvedimenti scritti, avendo in mente come destinatario un’etnia ben precisa, e per questo motivo hanno emanato leggi speciali per un gruppo sociale definito: e quindi leggi razziali. Ecco gli sgomberi e abbattimenti indiscriminati di baracche abitate da persone senza proporre e fornire altre soluzioni (così è successo a Bologna, Roma, ecc.) persone che non conosciamo neppure, oppure ordinanze di sindaci che grazie al recente decreto si sentono in diritto di negare la residenza e di espellere dal proprio territorio chiunque non abbia un alloggio decente e un reddito minimo di sopravvivenza (come a Cittadella Comune della Provincia di Padova). Da ciò hanno tratto forza gruppi organizzati che cavalcano la paura dei cittadini e manifestano esponendo simboli che la nostra Costituzione considera fuori legge. A ben guardare, la politica dello sgombero, assomiglia al gioco delle tre carte: non appena ciascuna città avrà allontanato i propri indesiderati, vedrà arrivarne contemporaneamente altri, sgomberati da un’altra Amministrazione, e i cittadini saranno ancor più allarmati dalla presenza di facce sempre nuove. Che fare dunque, quando qualsiasi proposta di attivazione di progetti di integrazione (almeno per i bambini!) viene aggredita con rabbia irrazionale? Come trasmettere che, come dimostra l’esempio di migliaia di cosiddetti nomadi, queste persone se dotate di strumenti validi, quali percorsi mirati di inserimento lavorativo e scolastico, sono in grado, tanto quanto i nostri concittadini in condizione di svantaggio, di affrancarsi dalla miseria e dalla ghettizzazione come sta avvenendo in alcune città (purtroppo poche) dove le amministrazioni si sono dimostrate sensibili al problema?

Il nodo centrale, pare, siano le risorse economiche necessarie per finanziare i progetti, che oltretutto i rom “non meritano” siano essi stranieri o italiani. Ma siamo sicuri che meritino di essere considerati degli asociali subumani che non possono che essere rimandati nel loro Paese o relegati a vivere per sempre nei ghetti come sono i campi nomadi o nelle baracche? Per quanto riguarda gli stranieri extracomunitari, la legge Bossi Fini è fallita proprio per questo: le procedure di espulsione sarebbero costate un’enormità sia di denaro che di personale impiegato. L’espulsione inoltre, non dà garanzia alcuna che il flusso dei migranti si arresti, né che prenda altre destinazioni, o che le stesse persone, non avendo nulla da perdere, tornino nuovamente in Italia. Espellere non è fattibile per gli extracomunitari, figuriamoci per i rumeni, almeno che non siamo favorevoli all’introduzione di una sorta di expulsion-tax. Se in Italia stiamo fronteggiando un’emergenza umanitaria, allora agiamo di conseguenza, attivando tutte le risorse del caso. Innanzitutto si devono creare dei punti di prima accoglienza, tirando fuori dalle lamiere adulti e bambini, attivando anche Protezione Civile e personale sanitario.

Una volta stabilizzata la situazione, è doveroso iscrivere subito i minori a scuola, formando mediatori culturali rom con il compito di favorirne l’integrazione in classe e facilitare i rapporti scuola – famiglia. Un bambino che va a scuola è un bambino che non rivedremo né per strada né nei sensazionalistici articoli di cronaca in cui ci imbattiamo negli ultimi mesi.

Contemporaneamente vanno analizzate le competenze lavorative degli adulti e va attivato un piano di inserimento lavorativo che contempli anche la possibilità di costituire cooperative di recupero di materiale ferroso, cooperative edili, di pulizia e di giardinaggio, lavori tradizionalmente praticati dai rom nei Paesi di origine dai Rom/Sinti. Il reperimento di un’abitazione consona a degli esseri umani deve essere indirizzato sia verso alloggi di edilizia popolare, quando le famiglie ne abbiano i requisiti, sia rivolgendosi al mercato privato. Una terza via assai vantaggiosa per gli stessi comuni è, come insegnano altre realtà in Italia ed Europa, l’autocostruzione e l’autorecupero, ovvero il restauro di stabili inoccupati. Una volta economicamente autonome, le famiglie saranno in grado di gestire la propria vita senza alcun altro bisogno e richiesta da parte loro.

Da sottolineare che i soldi stanziati dalla Comunità Europea per l’integrazione di Rom e Sinti ci sono, ma non sono stati richiesti da nessuno (Governo e amministratori). Questi fondi esistono da anni, tanto quanto le baracche e i campi nomadi che troppo a lungo abbiamo finto di non vedere.

I Rom e i Sinti rappresentano la più grande minoranza a livello europeo con circa otto milioni di persone e, nonostante questo, nella legge 482 del 15 dicembre 1999 “norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche e storiche”, nel ns. paese le popolazione rom/sinte non sono state neanche nominate disattendendo norme, principi ed impegni internazionali e in particolare quelli della Carta Europea delle lingue regionali minoritarie in vigore dal 1° marzo 1998 che prevede esplicitamente norme “anche per le lingue sprovviste di territorio come l’yddish e lo zingaro”.

Sappiamo tutti che nessuno nasce con il pregiudizio (viene trasmesso da padre in figlio), alla cui base sta soprattutto la mancanza di conoscenza; non si riduce solo col buon senso ma con messaggi istituzionali forti che permettano alla società maggioritaria una conoscenza più approfondita di queste popolazioni e che agevolino quest’ultime nel processo di assunzione, come già espresso in precedenza, dei diritti e dei doveri di cittadinanza attiva, uscendo dalla logica assistenziale negativa a cui sono stati abituate troppo spesso e in cui si sono adagiate. E’ necessaria, quindi, una riconciliazione nazionale che chiuda le ostilità, che avvii processi e iniziative, che permetta che venga riconosciuta la ricchezza derivante dal dialogo e dallo scambio fra i diversi orizzonti culturali per una ridefinizione degli stessi.

Per concludere, la sicurezza non si ottiene con azioni repressive ma attraverso l’accoglienza, l’attenzione, l’inclusione sociale, l’accesso alle risorse e soprattutto con la conoscenza e con lo scambio interculturale.
Opera Nomadi
Sezione di Padova – ONLUS

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/11/2007 @ 09:01:02, in scuola, visitato 1937 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Rapporto di Amnesty International sulla Repubblica Slovacca: negata ai bambini e alle bambine Rom un’istruzione secondo criteri di uguaglianza e non discriminazione

“I bambini qui sono dei ritardati mentali. C’è la tendenza a integrare i Rom nelle scuole primarie, ma per gli alunni con ritardo mentale e sociale non cambia niente. I bambini che provengono da un ambiente socialmente svantaggiato soffrono di un ritardo sociale e mentale.”
(Il preside di una scuola speciale frequentata per il 9% da bambine e bambini Rom)

Un alto numero di bambine e bambini Rom viene ancora assegnato, in modo sproporzionato, a scuole speciali, frequenta classi per persone con disabilità mentale e difficoltà d’apprendimento o viene segregato in scuole per soli Rom: è questa la denuncia contenuta in un rapporto presentato oggi da Amnesty International sulle violazioni del diritto all’istruzione dei bambini e delle bambine Rom nella Repubblica Slovacca.

Il rapporto dell’organizzazione per i diritti umani segnala che i bambini e le bambine Rom assegnati alle scuole speciali seguono programmi ridotti e non hanno praticamente alcuna possibilità di reintegrarsi nelle scuole ordinarie o proseguire nell’educazione secondaria.

Amnesty International chiede alle autorità slovacche di affermare in modo forte e chiaro la loro determinazione a sradicare la diffusa segregazione nell’istruzione delle bambine e dei bambini Rom e di prendere misure immediate per favorire la loro effettiva integrazione.

“A prescindere dalla loro capacità individuale, molti bambini e bambine Rom ricevono un’istruzione di serie B in classi segregate. Se il governo non riesce a fornire un’istruzione adeguata a tutti i bambini e le bambine Rom, le loro prospettive d’impiego diventano scarse e si perpetua in questo modo un ciclo di marginalizzazione e di povertà” – ha dichiarato Nicola Duckworth, direttrice del Programma Europa e Asia Centrale di Amnesty International.

L’organizzazione per i diritti umani si dice preoccupata per il fatto che il modo in cui vengono effettuate le valutazioni e i criteri usati per assegnare una bambina o un bambino in una scuola o in una classe speciale possono costituire elementi di discriminazione, poiché non tengono in adeguata considerazione le differenze linguistiche e culturali. Il rapporto di Amnesty International afferma che fino al 50% delle bambine e dei bambini Rom sono stati assegnati a scuole o classi speciali in modo errato.

“Una bambina o un bambino che vivono in una baracca in mezzo al nulla, senza elettricità o acqua corrente non sapranno mai come scaricare una toilette, usare un bagno, impugnare una matita, fare un disegno o parlare slovacco. Tutto questo, però, non dovrebbe privarli del loro diritto fondamentale a un’istruzione adeguata” – ha sottolineato Duckworth.

Un’ulteriore motivo di preoccupazione per Amnesty International è costituito dall’ampia presenza di scuole e classi per soli Rom. In alcune zone orientali della Repubblica Slovacca, il 100% delle scuole è di tipo segregato. La legge prevede che i genitori abbiano il diritto di scegliere la scuola per i propri figli. Questa normativa, apparentemente neutrale, contribuisce in realtà alla segregazione: la libertà di scelta dei genitori dà spesso luogo al ritiro di bambine e bambini non Rom dalle scuole frequentate prevalentemente da Rom. La scelta dei genitori, insieme alla mancanza di trasporti scolastici gratuiti per le bambine e i bambini Rom influenza la segregazione e riduce radicalmente l’interazione tra i Rom e i loro coetanei in Slovacchia.

Sebbene insista che la segregazione non è una politica ufficiale, finora il governo di Bratislava non si è veramente impegnato a fermarla. Come ha detto un funzionario slovacco ad Amnesty International, la segregazione si ottiene facilmente ed è difficile contrastarla.

“La società civile ha la competenza e l’esperienza per contribuire a risolvere i problemi della segregazione e della discriminazione nei confronti delle bambine e dei bambini Rom. Un miglioramento degno di nota sarà possibile solo con il coinvolgimento attivo e concordato del governo slovacco e di ogni livello delle istituzioni, delle comunità Rom e delle organizzazioni non governative” – ha commentato Duckworth.

Alcune misure speciali assunte dal governo, come l’istituzione di classi preparatorie, l’assunzione di insegnanti di sostegno, gli incentivi finanziari alle scuole per integrare le bambine e i bambini Rom e un minimo di formazione per gli insegnanti che lavorano con i Rom, hanno avuto l’approvazione di Amnesty International. Tuttavia, queste misure non sono obbligatorie e in molti casi non vengono attuate a livello locale.

Il diritto all’istruzione è collegato ad altri importanti diritti umani, come il diritto a un’abitazione adeguata. Circa un terzo della popolazione Rom della Repubblica Slovacca vive in insediamenti situati fuori dalle città e dai villaggi, con scarsa o addirittura assente fornitura di acqua ed elettricità, servizi igienici, strade asfaltate e altre infrastrutture fondamentali. L’assenza di adeguati alloggi per i Rom ha un impatto notevole sulla possibilità che le bambine e i bambini Rom possano beneficiare del diritto all’istruzione. Katarina Krustenova, che vive in un insediamento nei pressi di Letanovce, nella Slovacchia orientale, ha dichiarato ai ricercatori di Amnesty International: “Abbiamo una candela… vorremmo che i nostri figli studiassero a casa, ma finisce molto presto…”.

“I Rom hanno le stesse aspirazioni del gruppo maggioritario della popolazione slovacca. Il governo deve assumersi le proprie responsabilità e promuovere, proteggere e ottenere il diritto all’istruzione delle bambine e dei bambini Rom. Deve anche far sì che gli insediamenti precari e segregati dei Rom siano un ricordo del passato” – ha concluso Duckworth. “È molto importante che l’Unione europea, di cui la Repubblica Slovacca è Stato membro, sostenga il governo in tutti i suoi reali tentativi di affrontare il problema della sistematica violazione del diritto all’istruzione delle bambine e dei bambini Rom. L’Unione europea potrebbe farlo fornendo la necessaria assistenza finanziaria e tecnica e assicurando la partecipazione dei Rom a tutti i livelli dell’adozione e dell’attuazione di politiche e programmi riguardanti la loro vita”.

FINE DEL COMUNICATO Roma, 15 novembre 2007

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


14/10/2019 @ 06:40:51
script eseguito in 172 ms

 

Immagine
 Usten Romalen!... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 537 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido l...
26/09/2019 @ 09:07:30
Di danielagrosu
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source