Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/04/2008 @ 09:36:40, in media, visitato 1417 volte)

IL COORDINAMENTO ROM E' LIETO DI INVITARVI

mercoledì 23 aprile alle ore 21.00

presso la Camera del Lavoro di Milano - corso di Porta Vittoria 43 (ingresso libero)

all'anteprima milanese di

Via San Dionigi 93 storia di un campo rom

un documentario di Tonino Curagi e Anna Gorio prodotto da Provincia di Milano - Settore Cultura in collaborazione con Officine Ubu

Animerà il dibattito: Tommaso Vitale - Docente di Sociologia Università Milano Bicocca

Saranno presenti oltre agli autori le associazioni che compongono il Coordinamento Rom:

  • ARCI
  • ACLI
  • Caritas Ambrosiana
  • Padri Somaschi (PLOCRS)
  • Naga
  • Opera Nomadi
  • CGIL Milano
  • Comunità S. Egidio
  • Comitato Rom e Sinti Insieme
  • Associazione Liberi
  • Fondazione Casa della Carità
  • Associazione Nocetum
  • Gruppo Abele
  • Comitato per le libertà e i diritti sociali
  • Aven Amentza
  • Associazione Oltre il Campo

Abbiamo seguito per due anni e mezzo, aiutati dagli educatori della Fondazione "Casa della Carità" e dell'associazione Nocetum, la vita della comunità di un campo rom abusivo, abitato più di 150 persone di nazionalità romena, sito nell'estrema periferia sud-est di Milano, e abbiamo ripreso quello che accadeva davanti a noi senza interviste, commenti e nessuna messa in scena.

La vita quotidiana, i riti e le feste, le assemblee e le relazioni con gli operatori sociali, il tentativo di integrarsi con il lavoro e il percorso scolastico dei ragazzi, gli incendi e le ricostruzioni, fino allo sgombero e la distruzione del campo da parte della polizia comunale nel settembre del 2007.

Tutto questo, senza nessun compiacimento pietistico o patetico, cercando di dare una visione reale del loro vissuto, per una volta lontani dallo stereotipo che vede gli "zingari" solo come delinquenti o come ultimi romantici della nostra società, cittadini europei che conducono una vita sempre sul punto di essere messa in discussione e ritenuta indegna da molti.

Tonino Curagi e Anna Gorio

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/04/2008 @ 08:50:12, in casa, visitato 1470 volte)

Da Romanian_Roma

La Fondazione Habitat e il comune di Oradea sono coinvolti in un progetto si costruzione di diverse case per la locale comunità rom. Laszlo Borbely, ministro per lo sviluppo ed i lavori pubblici si è unito al sindaco e al vice-sindaco quando è stata posta la fondazione delle case.

E' rimasto scioccato dalle condizioni in cui vivono i Rom, proprio accanto al nuovo cantiere inaugurato. Il posto scelto per costruire le nuove case è situato in un'area abbandonata e di cattiva reputazione. 148 famiglie, con oltre 630 membri, vivono in 96 appartamenti, tutti affollati ed insalubri. Costruiti 40 anni fa, i due edifici non sono mai stati rinnovati.

[...] Le prime case verranno completate per la fine di giugno.

"I beneficiari sono stati scelti in base ai loro bisogni, e lavoreranno assieme ai volontari della fondazione, come pure per la loro capacità di rimborsare il costo della casa nei prossimi 20 anni, ma senza interessi," dice Emil Barna, coordinatore della fondazione, che aggiunge che le case saranno vendute ai futuri proprietari al prezzo di solo 15.000 €, prezzo che copre i materiali di costruzione.

DIVERS – www.divers.ro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/04/2008 @ 08:42:17, in scuola, visitato 1855 volte)

Da Slovak_Roma

Bratislava, 11.4.2008, 11:11, (ROMEA/CTK) L'assemblea dell'auto-governo della regione di Banska Bystrica, Slovacchia centrale, ha approvato oggi la chiusura della scuola superiore speciale per studenti in difficoltà, situata a Lucenec, che al momento è l'unica scuola superiore nella regione frequentata da Rom, che include anche dormitori per studenti che arrivano da altre regioni.

La scuola fu fondata quattro anni fa come progetto speciale rivolto alla comunità rom. Ora questo progetto sta terminando per la mancanza di fondi e le imperfezioni dei metodi di insegnamento degli insegnanti locali.

"La scuola ha pochi studenti, per questo riceve pochi soldi" ha detto alla televisione TA3 il governatore regionale Milan Murgas, aggiungendo che altri sussidi sarebbero discriminatori nei confronti delle altre scuole.

Dice sempre Murgas che il progetto è stato un errori dall'inizio, perché segrega i Rom dal resto della popolazione.

L'ormai ex direttore della scuola, Peter Gabor, ha definito scandalosa la chiusura e minacciato di protestare a Bruxelles.

Il progetto è stato finanziato per i primi tre anni dal Fondo Sociale Europeo.

L'assemblea regionale ha chiesto oggi al governatore di richiedere al Ministro dell'Istruzione la chiusura della scuola a giugno. Sino allora, la regione negozierà con il governo la possibile preservazione della scuola a determinate condizioni. Se la negoziazione sarà positiva, l'assemblea revocherebbe la propria decisione.

La probabile chiusura è stata in precedenza criticata dal vice Primo Ministro Dusan Caplovic, che nell'ultimo anno aveva assegnato un budget di 6 milioni di corone.

L'agenzia AFP ha scritto che la scuola chiude per paradosso ora che il governo slovacco ammette che una migliore istruzione dei Rom deve diventare una priorità.

Secondo Amnesty International, solo il 3% dei Rom slovacchi  frequentano la scuola superiore e solo lo 0,3% l'università.

ROMEA/CTK

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 18/04/2008 @ 09:42:14, in blog, visitato 1296 volte)

Politiche 2008, alcune considerazioni...
Siamo alla fine giunti al voto, dopo una campagna elettorale condizionata dalla prova di forza della maggiore forza politica del centro-sinistra, il Partito Democratico. Sembrava quasi di essere stati catapultati ad un proporzionale puro, tante sono state le forze politiche che ...

Piemonte, si apre uno spazio web sui Sinti e sui Rom
L'Osservatorio sull'Immigrazione in Piemonte e l'ASGI hanno colto l'appello, espresso da più Enti e Associazioni, di creare un archivio che raccolga il materiale esistente riguardo alle popolazioni rom e sinti. Spesso abbiamo avuto ...

Pescara, in attesa del risultato elettorale
La mia candidatura al consiglio Comunale di Pescara è stata dura ma gratificante e qualunque risultato esca dalle urne (spero la elezione) posso ritenermi già soddisfatto degli obiettivi raggiunti: per la prima volta durante una campagna elettorale a Pescara...

Ong italiane, siamo senza rappresentanza in parlamento
Marelli: “C’è un problema di rappresentanza in Parlamento”. Il presidente dell'Associazione Ong italiane commenta i risultati delle elezioni e il ruolo del Terzo settore. “Abb...

La Regione Lombardia censura i Sinti e i Rom
I Rom e i Sinti restano fuori dal dossier immigrazione dell'Ismu. La ricerca, commissionata alla Caritas Ambrosiana non è piaciuta né all'Ismu né alla Regione che lo finanzia: '”Troppo vicina al punto di vista di Rom e Sinti'”. Nel volume solo una sintesi. Domani viene presentato il VII rapport...

Pescara, un risultato deludente
Si conclude l'esperienza elettorale 2008 a Pescara di Nazzareno Guarnieri. Dopo una campagna elettorale intensa, le intenzioni di voto non sono diventati voti reali, registrando un consenso di appe...

Lombardia, i Sinti e i Rom non vogliono un libro di fantascienza
Oggi sono stati presentati i quattro Rapporti dell’Osservatorio Regionale per l’integrazione e la multietnicità a Milano. Mancava il Rapporto sulla questione sinta e rom per volontà della Regione Lombardia e della Fondazione Ismu che gestisce per conto della Regione l’Osservatorio. È stato però...

Marsala (TP), le invasioni dei Rom...
Il portale Marsala.it ha pubblicato una lettera dell’associazione culturale Anemos e ha curato un’intervista interessante con Ivan Gerardi, Presidente della stessa associazione. Rilanciamo l’intero testo perché è difficile, nel ...

Mantova, costituito l'osservatorio sulle discriminazioni
Questa mattina è stato presentato alla stampa mantovana "Articolo 3, osservatorio sulle discriminazioni". L’osservatorio è promosso da Sucar Drom, Comunità Ebraica di Mantova, Istituto di Cultura Sinta, Istituto Mantovano di Storia Contemporanea, ArciGay La Salamandra. La Provincia di Mantova che con l’Assessore Fausto Banzi ha coordinato la c...

Minoranze etniche, più equilibrio psichico se si seguono le tradizioni
Sul Journal of Epidemiology and Community Health si legge un interessante articolo in cui i ricercatori della London’s Queen Mary University sostengono che le ragazze appartenenti a comunità di minoranza etnica ries...

Bologna, un nuovo sgombero
Sono circa una trentina i Rom rumeni che sono stati sgomberati questa mattina, poco prima delle 8, da una vecchia fabbrica abbandonata in via Gobetti 22, nella prima periferia di Bologna. Delle persone che ...

Bolzano, il calcio per combattere il razzismo
L’associazione Nevo Drom invita tutti al “Quadrangolare di Calcio a 5”, organizzato in collaborazione con il Comune di Bolzano, la Camera di Commercio, il Rep. Com. Truppe Alpine e Seab. L’evento si terrà sabato 19 aprile 2008...

Pescara, alcune riflessioni sulle strategie per costruire la partecipazione politica dei Sinti e dei Rom
Il risultato finale del progetto “Un Rom al consiglio Comunale" di Pescara è il seguente: la lista Pescara Futura ha ottenuto una percentuale di 1,4% dei voti, mentre Nazzareno Guarnieri ha ottenuto n. 30 voti. Scrivo alcune r...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/04/2008 @ 16:17:55, in casa, visitato 1302 volte)

Invito all’incontro pubblico:
CITTADINI D'EUROPA
i rom e l'abitare a Milano
Sabato 19 Aprile 2008, ore 10.00 – ore 16
Sala Guicciardini, Provincia di Milano
Via Guicciardini 6 – 20129 Milano
(Bus 54, Tram 9, 23)

Le associazioni milanesi Arci e Naga sono liete di invitarLa all’incontro pubblico “Cittadini d’Europa: i rom e l’abitare a Milano”, volto ad una riflessione condivisa e costruttiva sul tema dell’abitare a Milano per i rom e i sinti. Attraverso il confronto fra diverse esperienze italiane, auspichiamo di innescare un dibattito sulla possibilità di produrre politiche
abitative specifiche, mirate ed efficaci.
L’incontro sarà articolato in due momenti:

La prima parte analizzerà diverse esperienze di “abitare rom” in Italia.
Parteciperanno:
- Il rapporto tra pubblico e privato nell’esperienza di Pisa - Sergio Bontempelli, Africa Insieme, Pisa
- Idee di autocostruzione - Nicola Solimano, Fondazione Michelucci, Firenze
- Ostacoli e obiettivi del villaggio solidale di Cologno Monzese - Maria Grazia Guida, Casa della Carità, Milano
- Habitat diversi per rom e sinti: microaree e terreni privati - Yuri del Bar e Carlo Bernini, Mantova
- Intervento da confermare - Opera Nomadi
- Intervento da confermare - Ermes, Roma

[pausa pranzo]

La seconda parte si focalizzerà invece sulla situazione milanese. Parteciperanno:
- La scelta delle istituzioni - Francesca Corso, Provincia di Milano
- Intervento da confermare - Ufficio Nomadi Comune di Milano
- Abitare nei quartieri popolari - Davide Caselli, Comitato Molise Calvairate, Milano
- Abitare i luoghi delle differenze - Alfredo Alietti, Dipartimento di Scienze Umane, Università di Ferrara
Modera Piero Colacicchi, Osservazione (centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti)

L’auspicio è di riuscire a restituire un punto di vista “altro” sia rispetto a quanto comunicato dai mezzi d’informazione, sia rispetto alle risposte esclusivamente emergenziali intraprese dalle istituzioni locali e nazionali.
La giornata lascerà ampio spazio al dibattito in sala, che affiancherà gli interventi sintetici e mirati dei relatori. Idee, commenti e spunti di riflessione saranno pertanto fondamentali nel contribuire alla buona riuscita della giornata.
Confidando nella Sua partecipazione, inviamo cordiali saluti

Arci, Naga
Per informazioni: Arci Milano 02541781, Naga 3385873535

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/04/2008 @ 08:48:57, in Italia, visitato 1447 volte)

ONU: in Italia una tendenza inquietante di xenofobia

• Soprattutto contro i rom e gli immigranti africani


Ansa - La società italiana non è caratterizzata da un grave fenomeno di razzismo, ma presenta un'inquietante tendenza alla xenofobia con lo sviluppo di manifestazioni di razzismo che colpiscono principalmente le comunità Sinti e Rom, immigranti e richiedenti asilo, di origine africana e dell'Europa dell'est, con la comunità musulmana.

Lo afferma il relatore speciale delle Nazioni Unite sul razzismo, Doudou Diene, in un rapporto reso noto a Ginevra.

Per l'esperto della ONU, l'Italia - dove Diene è stato in visita lo scorso ottobre - miete ancora le conseguenze delle linee di condotta della precedente coalizione di Governo, che - aggiunge Diene citando la legge Bossi-Fini - ha consentito ai partiti dell'estrema destra di dare un approccio sicuritario alle politiche d’asilo e d’immigrazione.

Il relatore osserva anche l'emergere di fattori e tendenze positivi per combattere razzismo e xenofobia, e chiede al nuovo governo di fare della lotta contro il razzismo, la xenofobia e la discriminazione una delle massime priorità. La strumentalizzazione politica del razzismo non è un fenomeno del passato, aggiunge il relatore, precisando che i partiti dell'estrema destra continuano a promuovere a livello nazionale e ad applicare a livello regionale e locale le loro posizioni xenofobe e razziste.

L'esperto della ONU critica severamente anche i mezzi di comunicazione spesso guidati dalla cultura della paura successiva agli attentati dell'11 settembre 2001, che continuano ad incitare l'odio razziale e religioso sotto le sembianze della libertà di espressione e della necessità di combattere il terrorismo, e suggerisce al governo di aprire un dibattito sull'adozione di un codice di condotta in merito.

Diene cita l'aumento delle manifestazioni di razzismo e di atti violenti nel calcio ed incoraggia l'Italia ad applicare le linee guida della Fifa, oltre ad esortare il governo a migliorare l'applicazione della legislazione contro il razzismo e la discriminazione. Il governo deve inoltre continuare a promuovere l'adozione di riforme legislative, ed in particolare la legge sulla cittadinanza, adottare una legge sull'asilo e riesaminare e emendare la legge Bossi-Fini sull' immigrazione. Tra le altre raccomandazioni anche quelle di combattere gli abusi nei confronti dei lavoratori immigrati, in particolare nel settore agricolo, ed il riconoscimento come minoranze nazionali di Sinti e Rom, oltre all'invito a concludere intese con determinate organizzazioni islamiche.

Diene sottolinea infine che come in molti Paesi europei l'emergenza di un'identità multiculturale è in contrasto con l'identità nazionale stabilita.

Per Diene, 'interazione tra la lotta al razzismo, xenofobia e discriminazione e la promozione del multiculturalsimo dovrebbe condurre ad un processo di costruzione di una nuova identità multiculturale. (Essere Comunisti)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/04/2008 @ 09:38:49, in conflitti, visitato 2316 volte)

Da Romanian_Roma

La minoranza Rom in Moldavia ha protestato contro la discriminazione razziale nel centro della capitale Chisinau. La maggioranza dei Rom non mostra la sua vera identità per le persecuzioni e discriminazioni. Durante la II guerra mondiale vennero deportati nei campi di concentramento in Transnistria.

CHISINAU (Tiraspol Times) - Il giorno 8 aprile, centinaia di Rom hanno protestato nel centro di Chisinau, contro la discriminazione razziale.

La marcia di protesta era organizzata dal Centro Nazionale Rom per far crescere la consapevolezza della maggioranza della popolazione sui problemi socio-economici che questa etnia affronta ogni giorno. La marcia è partita alle 11.00 dalla piazza dell'Opera - Stefan cel Mare si Sfint bd.

Afferma l'associazione Dzeno che nella comunità Rom non c'è accesso all'acqua potabile e spesso sono disconnessi dall'uso dell'energia elettrica, sono soggetti a trattamenti violenti da parte dei poliziotti.

Dice Nicolae Radita, presidente del Centro Nazionale Rom: "La discriminazione è un fenomeno che si incontra nelle scuole, negli istituti medici ed in altri posti pubblici. Gli uomini non trovano lavoro, gli anziani no ricevono alcun aiuto o pensione ed i bambini non frequentano la scuola o l'abbandonano."

"Queste persone soffrono di differenti disagi a causa delle precarie condizioni di vita e la mancanza di risorse materiali. Non potendo assicurare trattamenti per tempo, spesso muoiono presto," ha aggiunto. "Dopo 17 anni di indipendenza della Moldavia, la situazione di questo popolo non è cambiata in meglio."

Durante la marcia, il Centro Nazionale Rom ha indirizzato una lettera di protesta alle autorità pubbliche, chiedendo al governo di migliorare la situazione dei Rom e la loro partecipazione nei processi decisionali.

I Rom rimangono al minoranza più perseguitata d'Europa. I governi hanno tentato di sedentarizzarli forzatamente, spesso senza successo e con risultati negativi.

Secondo la principale organizzazione dei Rom di Moldavia, i Rom della repubblica ancora hanno a che fare con persecuzioni, marginalizzazione ed esclusione sociale in tutte le sfere della vita pubblica.

I loro diritti continuano sino ad oggi ad essere infranti, le discriminazioni istituzionali posizionano il loro livello di sviluppo al gradino più basso sulla strada della sparizione o dell'assimilazione.

Dopo lo sradicamento e la campagna di sterminio nella II guerra mondiale, la Moldavia conta ora 200.000 Rom che rappresentano circa il 7% della popolazione totale (esclusa la Transnistria, che ha una differente composizione etnica e un diverso retroterra dalla Moldavia stessa).

I leaders della comunità dicono che pochi Rom scoprono la loro origine etnica per paura di discriminazioni.

"Davvero pochi Rom svelerebbero la loro origine etnica, e la ragione principale è che hanno paura delle discriminazioni," dice Dumitru Danu, un leader dei Rom moldavi.

Dumitru Danu, presidente dell'Associazione Rom Moldavi, dice che una gran parte dei Rom si identifica come Moldavi/Rumeni oppure Russi, a causa dei pregiudizi e dell'indifferenza verso i Rom. In realtà il numero dei Rom è maggiore di quanto mostrino i dati ufficiali, afferma Danu.

Prima della II guerra mondiale, oltre il doppio dei Rom viveva in Moldavia, che al tempo era parte della Romania. Durante la guerra, furono deportati nei campi di concentramento nella "Transnistria" occupata, che era una repubblica autonoma e non parte della Romania. Durante la collaborazione nazi/rumena nella II guerra mndiale, oltre 500.000 Rom furono uccisi  nell'olocausto Rom - conosciuto come Porajmos - dove furono deliberatamente spostati ad est del fiume Dniepr e così fuori dai normali confini etnico-storici della Moldavia/Romania.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/04/2008 @ 10:50:12, in Italia, visitato 1320 volte)

Da Melting Pot

Le proteste della destra contro il nuovo villaggio a Favaro Veneto
In questi giorni è ritornata alle cronache dei quotidiani locali una vecchia vicenda-protesta che riguarda l’inizio dei lavori per la costruzione di un nuovo villaggio a Favaro (Ve) che ospiterà circa 35 famiglie di origine sinta, circa 150 persone. La definiamo una vecchia vicenda perché da diversi anni queste famiglie sono a contatto con gli operatori di Etam, servizio d’animazione di comunità dell’assessorato comunale alle politiche sociali di Venezia e sono proprio gli operatori, che intervengono da ormai una decina d’anni nel vecchio campo nomadi, a sfatare molti dei luoghi comuni sugli abitanti delle roulotte. La chiamiamo vecchia anche perchè stiamo parlando di famiglie che da generazioni sono italiane: stanziali nel veneziano dal 1969, tutti hanno un impiego, per lo più nella rottamazione di ferro vecchio e rame con Vesta e i circa 70 minori frequentano le scuole elementari e medie.

Di fronte ai disagi dell’attuale sede abitativa delle famiglie (otto wc e quattro docce non riscaldate, una situazione indecente e precaria... ) il Comune ed Etam si sono impegnati nel sostenere la creazione di un nuovo villaggio che avrà una superficie di 22mila metri quadrati. Ci saranno elettricità e acqua corrente. Ogni piazzola sarà collegata ad una casetta. Per un totale di 38 postazioni. Gli ospiti pagheranno un canone di locazione e i servizi erogati.

Naturalmente con l’appoggio delle forze politiche di destra (Lega Nord, Alleanza Nazionale, Forza Italia) si sono innalzate polemiche e protese, formati comitati contro il villaggio, è partita insomma la consueta crociata che palesa ogni volta di più in queste situazioni l’ignoranza, l’arroganza e il razzismo di molti cittadini e rappresentanti politici.
Quale le motivazioni di questi ultimi?
Una gamma di giustificazioni, si va dai più beceri luoghi comuni fino alla parodia che ha poco di divertente: i ragazzi sinti sarebbero i “protagonisti di episodi di violenza a danno di cani e gatti”, “la presenza di nomadi riduce il valore delle case dell’area”, “i soldi pubblici dovrebbero essere di sostegno per l’affitto e per i negozi colpiti dai cantieri del tram”, “gente che nella maggior parte dei casi usufruisce della nostra ospitalità (sempre a spese dei cittadini)”, “farli andare in appartamento”...

In questi anni sono stati molti i percorsi ricercati da parte di operatori e Comune che hanno tentato di comprendere le differenze senza darle per scontate e dunque anche offrendo a queste famiglie degli appartamenti, ma solamente 7 di queste hanno accettato la proposta di vivere in una casa le altre hanno espresso la volontà di voler vivere in un villaggio.

Allora perchè forzare delle persone a delle soluzioni abitative che non gli appartengono? forzarle ad una convivenza che per abitudini culturali e tipologia di famiglia allargata (spesso sono nuclei familiari di 10 persone) non gli appartiene? Vogliamo metterle nelle case e integrarle come vogliamo noi? L’integrazione è fare subire e imporre ad altri i nostri modi e le nostre abitudini o è cercare di prendere in considerazione il punto di vista dell’altro? Assimiliazione e integrazione forzata a tutti i costi o confronto e rivisitazione degli elementi su cui noi, come società, siamo costruiti?

Sono secoli che Sinti e i Rom, da quando sono arrivati in Italia (1300 – 1400) come popolazioni nomadiche, da parte della Chiesa in primis e successivamente tutti gli strumenti di organizzazione della realtà e di rappresentanza del potere hanno contribuito ad immortalare un immagine minacciosa di queste persone. Da sempre il loro stile di vita li ha resi una presenza difficile da controllare e ordinare che si è portata con sé quel pre-giudizio di diverso, vagabondo o migrante che sia, che destabilizza l’ordine sociale.
Per chiudere possiamo dire che il loro particolarismo culturale maturato in secoli di diffamazioni e violenze manifesta una fragilità che si innesca oggi nel processo di “integrazione” e che è indispensabile riconoscere per ristabilire un dialogo nelle nostre città e un’azione sociale che vada oltre l’immagine convenzionale che spesso ci si fa di queste persone.

[ lunedì 14 aprile 2008 ]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/04/2008 @ 08:46:26, in Regole, visitato 1448 volte)

dal Daily Mail

In una città affetta dall'immigrazione dell'Est Europa, un poliziotto non è semplicemente un poliziotto.

Ma il ventisettenne Petr Torak trova di aver meno problemi di comunicazione degli altri.

E' un Rom della Repubblica Ceca, che parla cinque lingue - in altre parole, il nuovo volto della polizia nella Bretagna multi-culturale.

Torak, ufficiale di supporto comunitario a Peterborough, diventerà ad agosto un poliziotto a tutti gli effetti.

Dice: "Amo assolutamente il mio lavoro. E' quello che avrei sempre voluto fare e questo significa che posso ricompensare il paese che ha dato così tanto a me e alla mia famiglia."

Dal 2004, si ritiene siano 16.000 gli immigrati che si sono affollati in città [...]

Il problema è stato evidenziato il mese scorso dallo squallore delle "tendopoli" - dozzine di migranti senza casa e lavoro forzati a vivere nella terra di nessuno.

Una scuola, Fulbridge Primary, ha visto crescere il numero dei bambini dell'Est Europa da due a 100 negli ultimi due anni, che parlano 32 lingue differenti.

Dice ancora Torak: "Credo che le mie capacità linguistiche possano fare una gran differenza."

"Capisco la gente da una prospettiva culturale e capisco cosa stanno tentando di dire."

Torak parla inglese, ceco, polacco, slovacco e portoghese. Sta anche imparando il russo. Sua moglie Lucia, sta aspettando il loro primo figlio.

I Rom sono visti come i più poveri e meno istruiti tra i 10 milioni di cittadini della Repubblica Ceca.

Sono storicamente stati soggetti a discriminazioni e pregiudizi ufficiali e no. Durante la II guerra mondiale, oltre 7.000 Rom cechi furono uccisi nei campi di concentramento, dopo che la Germania occupò la Boemia e Moravia.

Torak aveva 18 anni ed era un promettente studente di legge quando con la sua famiglia fuggì dalla città di Liberec nel 1999.

Lui e la madre erano stati malmenati dopo che il padre, un politico, aveva protestato contro un muro costruito per separare i Rom dai Cechi.

Arrivato in GB, aveva lavorato in fabbrica prima di diventare ufficiale di sicurezza e assistente bilingue presso Tesco.

"Da quando mi ricorso ho sempre voluto essere poliziotto o avvocato," ci dice. "Quando mi è stato dato questo incarico nel novembre 2006, ero al colmo della gioia."

"Amo Peterborough. Mi sento a casa mia. E i miei colleghi mi supportano molto."

Un portavoce della Polizia del Cambridgeshire dice: "Un numero di agenti ha capacità particolari. Nel caso di Torak le sue capacità sono nel contatto diretto con membri della comunità e nel poter offrire un miglior servizio."

Sull'argomento: Repubblica Ceca e Ungheria

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/04/2008 @ 11:01:59, in casa, visitato 1214 volte)

Da il manifesto del 13 Aprile 2008

Gli alloggi assegnati a chi aveva documenti e lavoro. Gli affitti, calmierati, pagati a metà dalla fondazione Carisbo e dai locatari
Tra gli sgomberati del Ferrhotel, che ora hanno avuto assegnata un'abitazione a canone concordato. Con l'impegno del comune e un obiettivo: dismettere i campi nomadi. Un esempio in controtendenza rispetto alla politica degli allontanamenti. Firmato Cofferati
Linda Chiaramonte

Bologna

È da poco rientrato a casa dal lavoro Aghiran quando apre la porta sorridente e mi fa accomodare in cucina dove sul fuoco borbotta una caffettiera. Sì, proprio così, a casa. Aghiran, come tanti altri rom, ha vissuto una piccola odissea fatta di sgomberi, occupazioni, baracche sul lungo fiume, giacigli di fortuna e ora questo appartamento in una palazzina in una strada alberata di una zona tranquilla di Bologna, non molto lontana dal centro, sembra un sogno. Aghiran ha 40 anni, moglie e due figlie di 12 e 7 anni ed è arrivato a Bologna per cercare lavoro nel 2003, ha raggiunto amici e parenti che gli parlavano bene della città. È arrivato da Lipovu, un piccolo paese a trenta chilometri da Craiova, in Romania. Lì ha una casa, faceva il saldatore e ha lavorato nelle ferrovie. Guadagnava fra i 150 e i 200 euro al mese. Dopo la rivoluzione dell'89 però molte ditte italiane, tedesche e francesi hanno rilevato molte fabbriche in Romania e metà degli operai sono rimasti senza lavoro. Dal '91 al '93 gira in cerca di occupazione fra Germania, Turchia e Serbia, nel '99 sposa Marian. Prima della rivoluzione in Romania, ha sempre lavorato, vivendo dignitosamente, dopo invece il lavoro è iniziato a mancare e avendo ormai famiglia Aghiran ha dovuto darsi da fare e partire ancora.

Un paese incivile
Alla fine del 2003 arriva a Bologna. Per tre anni e mezzo è solo, moglie e figlie sono rimaste a Lipovu. Il suo primo alloggio è il Ferrhotel, ex albergo dei ferrovieri da anni inutilizzato, occupato da alcuni attivisti dei movimenti bolognesi, che diventerà la casa di molti nuclei familiari di rom reduci dal primo sgombero delle baracche sul lungo Reno. Lì Aghiran, all'epoca senza documenti, divide la stanza con parenti e amici. Sgomberi dalla sua «baracchina» di nylon sul fiume ne ha vissuti almeno tre. «Sono stati tempi brutti, non mi aspettavo che la vita in Italia, un paese occidentale e democratico, sarebbe stata così dura, non ho trovato quello che mi aspettavo. Ho trovato sfruttamento e razzismo. I datori di lavoro mi davano 25-30 euro al giorno. Dal 2004 al 2006 lavoravo come manovale nell'edilizia, ma ero malpagato perché non avevo i documenti. Diverse volte ho perso il lavoro perché hanno saputo che ero rom, ma io non mi vergogno, anche se ho vissuto spesso discriminazioni razziali», racconta con un velo di tristezza e ricorda di quando gli è capitato di rientrare dopo il lavoro nella sua baracca e di non trovarla più, demolita mentre era via insieme alle sue cose. Dopo le prime ruspe sul Lungoreno del marzo 2005 volute dal sindaco Sergio Cofferati, che salì agli onori delle cronache come paladino della legalità, seguite da altre in ottobre e novembre, è stato sistemato insieme agli altri in un campo di transito in un'area attrezzata nella periferia del quartiere San Donato. Lì Aghiran ha vissuto in un container con la famiglia del fratello fino al settembre 2006. Poi un altro trasferimento e un altro container fino al 2007, questa volta in una struttura creata dal Comune per far fronte all'emergenza dell'accoglienza dei rom.

«Cuore di rom»
Prima dell'estate 2007 ad Aghiran, che dal primo maggio ha un regolare contratto di lavoro in un'azienda agricola di ortofrutta, appena fuori città, arriva la buona notizia che nel giro di pochi mesi potrà trasferirsi in una vera casa, un appartamento arredato. Così a settembre, un paio di mesi prima del trasferimento, la moglie e le figlie lo raggiungono a Bologna e a novembre tutta la famiglia trasloca in 80 metri quadri. «Sono felice di poter offrire un futuro onesto alle mie figlie, le voglio sistemare qui, perché in Romania non avrebbero un futuro. Anche se io voglio morire nella mia terra. Ora mi sento molto bene, ho un lavoro, le figlie vanno a scuola, ho la casa» dice soddisfatto Aghiran, che tutte le mattine fa alcuni chilometri in bicicletta per raggiungere il lavoro. Tutti i sabati alcuni operatori aiutano le bambine a fare i compiti, bambine che dopo pochi mesi in Italia parlano benissimo l'italiano. Nessun problema di integrazione né di convivenza con i vicini, solo una porta sempre aperta alle visite di amici e parenti cha passano a dare un saluto, bevono un caffé e restano a chiacchierare e a vedere la telenovela che trasmette la parabola, dal titolo «cuore di zingaro», dice Lavinia, la figlia più grande, «cuore di rom» corregge il papà, perché anche le parole fanno la differenza. Mentre lui racconta, la moglie ascolta e sorride, non parla una parola di italiano, ma capisce. Per cena ha preparato riso e pollo, probabilmente a tavola si fermeranno alcuni ospiti. Come molte delle donne che vivevano nelle strutture, e a cui è venuta a mancare la vita di comunità, soffre un po' di solitudine. Prima di salutarci Aghiran mostra orgoglioso il resto della casa, la sala, le due camere, il bagno. Il suo contratto è stipulato per quattro anni, poi potrà anche fare richiesta per la casa popolare.

«La colonna senza fine»
A ripercorrere tutte le tappe della vicenda rom in città è il bel documentario La colonna senza fine di Elisa Mereghetti, scritto con Valerio Monteventi, consigliere comunale indipendente di Bologna, presidente della commissione consiliare per le politiche abitative e della casa, da sempre impegnato in battaglie sociali. La storia di Aghiran rientra in un progetto avviato, e ormai concluso, dai servizi per l'integrazione interculturale del Comune di Bologna. Come lui sono state inserite in appartamento 17 famiglie su 19 provenienti dai container di via del Piratino, per un totale di 73 persone, oltre ad altri 27 nuclei, pari a 125 persone fra cui 57 minori, provenienti da Villa Salus, ex clinica dismessa adibita ad alloggio per fronteggiare l'emergenza rom dopo lo sgombero del Ferrhotel eseguito con un'ordinanza del sindaco. Per questa operazione il Comune ha dovuto reperire sul mercato privato appartamenti a canoni concordati, in città e comuni vicini, che non superassero gli 800 euro al mese, li ha poi mostrati e proposti alle famiglie con i requisiti richiesti per affrontare le spese di circa il 50% dell'affitto ovvero documenti e lavoro. Nell'assegnazione gli operatori del servizio hanno tenuto conto della vicinanza con il luogo di lavoro e dei servizi, come scuole e mezzi pubblici. Il Comune si è fatto garante presso i proprietari e si è fatto carico di pagare 300 euro al mese per ogni famiglia, grazie anche al contributo dato dalla fondazione bancaria Carisbo, siglato nel febbraio 2007, che ha stanziato 150.000 euro, 100.000 dei quali sono stati spesi per gli affitti del 2007. La restante parte dell'affitto (oltre alle utenze) viene corrisposta dagli affittuari, cifra che solo in pochi casi supera il 50%. Il Comune ha utilizzato altri 100.000 euro per gli interventi socio-educativi di accompagnamento e inserimento sociale lavorativo rivolto soprattutto alle donne. Inoltre gli operatori si occupano di aiutarli nelle pratiche per la residenza, dell'iscrizione a scuola e alle Asl, seguono le vaccinazioni e monitorano la frequenza scolastica.

Superare i campi nomadi
Il progetto dell'inserimento abitativo in appartamento, iniziato nel marzo 2005, si pone come alternativa alla logica assistenziale e va nella direzione della dismissione dei campi nomadi. Un tema impopolare quello dell'assegnazione di case ai rom che suscita ire e levate di scudi, in un paese in cui è più facile cacciare i rom da un punto all'altro delle città. Anche se forse non tutti conoscono gli alti costi di manutenzione di un campo nomadi per le amministrazioni, di molto superiore rispetto all'inserimento abitativo. A Bologna la gestione per sei mesi di Villa Salus nel 2007 è costata circa 310.000 euro, l'altra struttura, il cosiddetto Piratino, circa 287.000 per l'intero 2007, per un totale di circa 600.000 euro. Entro l'anno il Piratino sarà riedificato con 270.000 euro del fondo ministeriale per progetti socio-assistenziali. Diventerà una struttura permanente di casette in muratura che offrirà 50 posti letto alle famiglie in situazioni di grave disagio abitativo. Il 30 giugno, dopo 15 anni, chiuderà il campo di Sasso Marconi per ex profughi dell'ex Jugoslavia che ora ospita sei famiglie, entro il 2008 chiuderà anche l'altro, alle porte di Bologna, che ne accoglie sette. Anche in questi casi è previsto l'inserimento abitativo in appartamenti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/09/2019 @ 03:40:08
script eseguito in 161 ms

 

Immagine
 Sinti e Rom manifestano a Brescia... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2430 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source