Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 12/09/2008 @ 13:46:31, in Kumpanija, visitato 1128 volte)

Da Federazione Rom e Sinti insieme

Il 18 maggio 2008 si è costituita la "Federazione Rom e Sinti insieme" con l’approvazione dello statuto e la elezione degli organi sociali, che resteranno in carica fino al 30 Aprile 2009, tale breve periodo è stata una scelta per dare la possibilità ad altre organizzazioni e singole persone di aderire alla Federazione e quindi di partecipare attivamente alla elezione degli organi sociali per il triennio 2009/2011.

Le organizzazioni Rom e Sinte e le singole persone sono invitate a prendere visione dello statuto sul blog della Federazione e formulare la richiesta di iscrizione, alla prossima assemblea del 27 Settembre 2008 si delibererà in merito alle richieste pervenute.

Continua il lavoro della federazione in Italia ed in Europa per perseguire le finalità dello statuto, in particolare per concretizzare un ruolo attivo e propositivo dei Rom e dei Sinti, il dialogo diretto con il Governo, le Istituzioni nazionali, le Istituzioni Europee, per affermare la cultura della legalità ed il contrasto agli abusi di potere.

Lo scorso 10 Luglio 2008 la federazione Rom e Sinti insieme ha promosso a Roma la sua prima iniziativa, un’Assemblea pubblica per dire BASTA alla discriminazione, alle politiche differenziate per Rom e Sinti, e chiedere l’avvio di un dialogo diretto con il Governo Italiano e le istituzioni Nazionali.

Il 12 luglio il presidente della Federazione ha inoltrato la richiesta di incontro ai Prefetti di: Napoli, Roma, Milano ed al Ministro dell’Interno Roberto Maroni.

Nel mese di Luglio due diverse delegazioni della Federazione hanno incontrato i prefetti di Milano e di Roma ed il prossimo 16 Settembre ci sarà l’incontro con il Ministro dell’Interno.

Il prossimo 16 Settembre due importanti impegni attendono la federazione:
1. Una delegazione della Federazione composta dal vice presidente Radames Gabrielli, dal segretario Graziano Halillovic e dalla consigliera Eva Rizzin saranno a Bruxelles per partecipare al primo vertice della Commissione Europea dedicato a Rom e Sinti;
2. Un’altra delegazione della federazione composta dal presidente Nazzareno Guarnieri, dal vice presidente Demir Mustafà e dal consigliere Davide Casadio incontreranno il Ministro dell’Interno Roberto Maroni.

Le delegazioni della federazione presenteranno a questi incontri proposte concrete negli obiettivi e nelle strategie.

Numerosi altri contatti sono in corso da parte della Federazione per definire di incontrare Ministri (Pari opportunità e Politiche sociali), istituzioni (Prefetto di Napoli, audizione in Commissione cultura/istruzione e Commissione politiche sociali) e partiti politici di governo e di opposizione.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/09/2008 @ 11:34:52, in Italia, visitato 1961 volte)

Dopo il post di ieri sera, ricevo questa testimonianza raccolta sempre da Marco Brazzoduro:

Ragazze

questa mattina dopo aver sentito al Gr regione che un'operazione di polizia stava cercando ferro rubato al Casilino 900 sono andata a vedere, conoscendo i rom e le rom e del campo.

Si è trattato di un vero e proprio rastrellamento. Alle 6.30 è arrivato il comandante Di Maggio della municipale che di sgomberi se ne intende sotto ogni giunta e hanno cominciato a rastrellare. Era previsto il censimento della Croce Rossa questa mattina che come alcune sapranno stava procedendo rispettando alcuni parametri di umanità (volontario, conoscitivo delle condizioni sanitarie e finalizzato al rilascio di tessera sanitaria). La Croce Rossa che non sapeva nulla dell'operazione è in effetti arrivata ed è andata subito via.

Hanno detto che l'operazione era su segnalazioni di furti di rame da pali della luce esterni al campo, tombini e quant'altro.

Caso strano è avvenuto stamattina quando i portavoce di tutte le etnie del campo erano quasi tutti alla biennale di Venezia con Roma tre a presentare il progetto della casa.

C'erano più di 10 volanti circa, agenti con spray urticante, manganello e pistola, un pullman grande della Municipale dove hanno caricato ragazzi, adulti e anziani. Un anziano si è sentito male ed hanno chiamato un'ambulanza per portarlo via. Hanno caricato anche due ragazze di 15-16 anni. Una ha denunciato di essere incinta, è stata portata via perché a casa sua c'erano tute militari dell'esercito e non ne ha saputo spiegare la provenienza. Un'altra ragazza evidentemente incinta si è salvata solo per l'intervento delle donne del campo. Sono tutti all'Ufficio immigrazione di via Salviati.

Ho visto passare pullman Iveco pieni di ogni cosa sequestrata dalle baracche, i materiali che loro recuperano dai cassonetti, valige loro, un casco, scatole. Alla stessa ragazza incinta che stavano caricando sul pullman, volevano prendere i vestiti nuovi di zecca da neonato, che ovviamente secondo loro lei aveva rubato. Per fortuna aveva ancora gli scontrini e glieli hanno lasciati, ad altre donne volevano prendere le posate, perché non potevano essere loro. Hanno preso i generatori nuovi, a chi non ha potuto mostrare uno scontrino. Il Casilino non ha né luce né acqua, se non avessero i generatori come ci sono in tutti i campi Rom non avrebbero uno straccio di luce nè frigoriferi. Nel campo ci sono anche disabili, persone malate di tumore e di epilessia. I frigoriferi sembra stupido dirlo servono per vivere, metterci il latte dei bambini, medicine come l'insulina per il diabete di Sevilia.

Hanno portato via anche un ragazzo con carta d'identità italiana e patente.

Il 70% dei Rom al Casilino sono ovviamente senza permesso di soggiorno, alcuni uomini sono scappati altri presi. Alla fine erano rimaste solo le donne e i bambini. Gli elicotteri hanno sorvolato basso il campo tutta la mattina.

Sono stati svegliati di soprassalto alle 6.30 da modi brutali, la municipale è arrivata con loro telecamere e non hanno avuto neanche il buon gusto in alcune baracche di tenerle spente all'inizio per evitare di riprendere le donne in pigiama o in mutande.

Nessuno ha messo in evidenza che il Casilino è presidiato dalla Municipale H24 da luglio scorso, dopo aver sgomberato ogni mezzo auto fuori dal campo e fatto già la perquisizione delle baracche. Con le makkine loro vendono le loro cose ai mercati, raccolgono il ferro, accompagnano i bambini a scuola. Rubare il ferro è reato ma si sa che i Rom vivono (chi può con partita Iva) raccogliendo il ferro, svuotando le cantine, certo anche rubandolo. Altrimenti come mangiano? Parlano tutti di refurtiva, Il Tg3 regione scandaloso, (manicotti del ministero interni, estintori etc.), allora che ci sta a fare la Municipale da luglio giorno e notte? E soprattutto come fanno a portare dentro tutta questa roba se non possono più entrare con le makkine?

Stanno preparando lo sgombero o meglio la 'soluzione' finale. Sul Casilino si gioca molta parte della politica securitaria e 'dimostrativa' di Alemanno. Il conflitto politico con il Prefetto Mosca, che vuole modi e soluzioni umane, è forte. E' un'ipotesi sempre più credibile che se vincerà la linea dura e non vorranno trovare un altro campo dove spostarli (sono 600), porteranno tutti quelli senza documenti nei CPT e questa volta li rimpatrieranno, smembrando famiglie intere. Al Casilino sono arrivati nel '70 e nel '90 prima della guerra nella ex Yugoslavia, dove non hanno più nulla.

Inutile dire la forza delle donne del campo, della loro ironia, del loro saper stare al mondo tra mille difficoltà ma sempre con il sorriso, soprattutto quando sentono che sei una persona amica che li vede per quelli che sono, esseri umani.

Loro vedono senza essere andati a scuola, a noi deve essere l'eccesso di 'cultura' che impedisce di vedere.

Monica Pepe


Aggiungo un comunicato del Gruppo Everyone:

COMUNICATO STAMPA 12 settembre 2008

ROMA, CASILINO 900: AZIONE INTIMIDATORIA DELLE FORZE DELL''ORDINE NEI CONFRONTI DEI ROM, IN VISTA DELL'ISPEZIONE DEGLI EURODEPUTATI

IL GRUPPO EVERYONE: "I ROM DEL CASILINO SONO TERRORIZZATI E SI TROVANO IN UN'EMERGENZA UMANITARIA GRAVISSIMA. LA POLIZIA HA MINACCIATO ARRESTI ED ESPULSIONI E HA INTIMATO AGLI ABITANTI DEL CAMPO ROM DI NON PARLARE CON ATTIVISTI E GIORNALISTI." IL 19 SETTEMBRE E' INFATTI PREVISTA LA VISITA AL CAMPO DA PARTE DI UNA DELEGAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO


Ieri mattina, 11 settembre, un blitz delle Forze dell''Ordine al campo Rom Casilino 900 di Roma ha portato al fermo di oltre 20 abitanti del campo, caricati sui pullman della Polizia senza alcuna motivazione e rilasciati dopo 12 ore di angoscia. "Mio padre è stato fermato inspiegabilmente," ha rivelato un testimone, in attesa del rilascio dei 20 Rom, "siamo preoccupati per lui. Spero che si risolva tutto per il meglio, ma come si fa a vivere così? Siamo piantonati dalla polizia 24 ore al giorno, non abbiamo diritti umani e ci fanno passare per un'organizzazione malavitosa, anche se, in realtà, nel campo vivono solo famiglie in condizioni disperate. E' impossibile lavorare e la cittadinanza ci guarda con sospetto. Sopravvivere è un'impresa quotidiana, sempre più dura, ma è il solo obiettivo che resta, alla gente del Casilino 900".

"Si tratta di un''azione intimidatoria in vista dell'ispezione al campo Rom, il prossimo 19 settembre, di una delegazione del Parlamento Europeo – annunciata nei giorni scorsi con una lettera ufficiale dal Presidente del comitato Libertà Civili del Parlamento Europeo, Gérard Deprez, al ministro dell'Interno Maroni, agli onorevoli Fini e Schifani e al sindaco di Roma Gianni Alemanno" dichiarano i leader del Gruppo EveryOne Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, in contatto con alcuni testimoni del Casilino. "Un'azione che non ha precedenti in Italia, e che dimostra quanto il Gruppo EveryOne sta andando dicendo da mesi: è in corso in questo Paese una vera e propria caccia al Rom, che ne vuole la sua scomparsa dal territorio nazionale nel più breve tempo possibile".

I rappresentanti di EveryOne hanno infatti parlato con alcuni testimoni dentro il campo: le autorità hanno già comunicato ai Rom del Casilino che dovranno presentarsi ancora all'ufficio immigrazione, nel prossimo futuro, e che rischiano espulsioni e condanne. "Dopo questa azione," proseguono gli attivisti "i Rom del Casilino 900 sono terrorizzati. Nelle scorse settimane, sono stati più volte "invitati" a non parlare con i giornalisti e i visitatori e a non comunicare – soprattutto a noi del Gruppo EveryOne – gli abusi subiti. Ultimamente, inoltre, agenti di Polizia impedivano ai Rom del Casilino di avere ospiti e controllavano chiunque entrasse o uscisse dal campo. Una strategia della tensione aveva creato terrore e sospetto all'interno della comunità. La delegazione del Parlamento Europeo avrebbe dovuto effettuare visite a sorpresa nei campi: purtroppo tutti, invece, sanno che il Casilino 900 è uno degli insediamenti che saranno ispezionati venerdì 19 settembre. Le autorità hanno anche avvertito tutti" continuano Malini, Pegoraro e Picciau "che più avanti ogni Rom sarà chiamato dalle Forze dell'Ordine e solo chi se lo meriterà potrà restare ed evitare problemi con la legge. Le persone fermate non hanno fatto niente," concludono "ma sono i più attivi testimoni dell'oppressione".

Il Gruppo EveryOne chiede ufficialmente alla delegazione del Parlamento Europeo che il prossimo 19 settembre ispezionerà il Casilino 900 e ai parlamentari radicali italiani, unica forza d'opposizione in Parlamento, di richiedere immediatamente chiarimenti sulla situazione e di incontrare al più presto, tramite EveryOne, un gruppo di Rom disposto a testimoniare su quanto accaduto.

Per ulteriori informazioni:

Gruppo EveryOne
Tel: (+ 39) 334 8429527 - (+ 39) 331- 3585406
www.everyonegroup.com/it :: info@everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/09/2008 @ 09:11:59, in musica e parole, visitato 1610 volte)

Dal 16 al 28 settembre al Teatrolospazio di Roma, Via Locri 42/44
Tel.+39 0677076486 +39 392 9583409 ; info@teatrolospazio.it

Questo spettacolo è nato dall’incontro di due "ex ragazze dell’Est", l’attrice Dijana Pavlovič e la regista Tatiana Olear. Riflettendo insieme sulle esperienze vissute direttamente o sui racconti di amiche e conoscenti, nella diversità dei destini e dei percorsi hanno ritrovato molti punti in comune, che hanno a che fare con la situazione di stranieri in una diversa società. Ciò che accomuna le diverse esperienze è il punto di vista, mai "interno", e il costante dubbio: abbiamo fatto bene a emigrare? Come sarebbe stata la nostra vita altrove? Con cosa possiamo identificarci? Chi siamo? Intorno a cosa si struttura la nostra identità? Intorno a una qualche ideologia? A una fede religiosa? Alla nostra professione? A ciò che facciamo nella vita?

Queste riflessioni hanno trovato un esito nel testo Una ragazza d’oro (premio speciale della IV edizione del premio letterario nazionale "Lago Gerundo"), scritto da Tatiana Olear. È la storia di una bambina, poi ragazza, poi donna zingara, un’estranea persino nel suo paese d’origine (il personaggio è interpretato da Dijana Pavlovič). In una rapida sequenza di dieci quadri la osserviamo in paesi, contesti sociali, circostanze biografiche diverse: in una repubblica socialista al momento della morte del leader politico, in un giovane paese democratico piombato in piena e drammatica crisi economica che sfocia in una sanguinosa guerra civile e infine in un paese europeo, sotto il timore del terrorismo islamico. Oltre che una migrazione nello spazio e nel tempo, quello di Zlata (tradotto, il suo nome significa "ragazza d’oro") è anche un viaggio interiore alla ricerca della propria identità e del senso della vita. I suoi "momenti di verità" avvengono grazie ad alcuni significativi incontri con persone, che per lei diverranno figure di riferimento nella vita.

Lo spettacolo ha debuttato nel 2006 al teatro Zazie di Milano diretto dall’autrice. Nel 2007 ne sono stati rappresentati alcune scene in occasione della presentazione del libro, pubblicato da Apollo e Dioniso Edizioni alla biblioteca comunale di Dergano-Bovisa a Milano, grazie al prezioso sostegno del centro culturale "Tenda" di Milano, che promuove gli autori stranieri di recente emigrazione in Italia.

Scritto e diretto da Tatiana Olear
Con Dijana Pavlović
E con Ambra D’Amico, Nicola Ciammarughi e Tatiana Olear
Musiche originali di Nicola Ciammarughi e Tatiana Olear,
eseguite da Karina Arutyunyan, Nicola Ciammarughi, Tatiana Olear e Dijana Pavlović

L’autrice
(Tatiana Olear – ebrea russa, ex attrice del Teatro Maly di Lev Dodin, con cui si è diplomata all’Accademia d’Arte Drammatica di San Pietroburgo e in cui spettacoli Gaudeamus, Claustrofobia, Giardino dei ciliegi ha avuto parti rilevanti. Dal 1996 vive in Italia lavorando come attrice, regista, autrice di testi teatrali e adattamenti. Insegna alla Scuola Civica d’Arte Drammatica Paolo Grassi, conduce i workshop di recitazione e regia al Royal National Theatre di Londra e al Abbey Theatre di Dublino.)

Quando tre anni fa stavo scrivendo Una ragazza d’oro, la mia intenzione era parlare della crisi d’identità di una persona che vive nel mondo postmoderno. Nei tempi torbidi ed incerti, quando molte sicurezze tradizionali sono venute a mancare, cosa ci è rimasto per descrivere la nostra personalità? Quando cominciano a crollare imperi ed ideali, imperversano flussi migratori e guerre civili, tornano in auge religioni, disoccupazione e miseria costringono a cambiar mestiere e il cuore sceglie nuovi compagni e compagne per la vita? L’elenco di aggettivi con cui ci definiamo s’allunga a dismisura e a volte contiene le voci del tutto contraddittorie. Eppure rimane un nocciolo, un nucleo, un qualcosa che ci fa distinguere tra milioni di altre creature che popolano questo pianeta. La mia decisione di far diventare la protagonista un’immigrata era dovuta al fatto che si trattava di un percorso che conoscevo e potevo descrivere con precisione e onestà. Il fatto che fosse una zingara doveva rafforzare la metafora di una vita al di fuori degli schemi. Volevo raccontare la transizione del mondo tradizionale a quello postmoderno. Volevo raccontare la storia della mia generazione.

Due anni fa avevo messo il testo in scena a Milano con Dijana Pavlović, un’attrice rom serba nei panni della protagonista Zlata, la zingara nata in un paese comunista, il cui nome in traduzione vuol dire "una ragazza d’oro". Lo spettacolo fu accolto dal pubblico e dalla critica con simpatia e commozione. Molti tra gli spettatori (non necessariamente immigrati) si riconoscevano almeno in parte nella travagliata vicenda della ragazza alle prese con il continuo reinventarsi la vita.

Pochi giorni dopo la fine delle repliche scoppiò "l’emergenza rom", alla quale seguì purtroppo una crescente ondata di xenofobia. Dijana Pavlović divenne una mediatrice culturale e, proprio come il suo personaggio, entrò in politica. Stimo immensamente l’energia e la passione che mette nel difendere coloro che sono stati meno fortunati di noi.

Dopo due anni riprendo questo spettacolo che per me ha acquistato un significato nuovo. Ora la questione dell’identità che ponevo prima, mi sembra quasi ridicola. Se tre anni fa non trovavo le parole per definire chi sono, ora mi sembra che una definizione per me, Dijana e molti altri sia stata trovata: siamo stranieri, siamo altri, siamo "loro".

Non avrei mai pensato di ricominciare a ragionare in termini "noi" e "loro". Non pensavo più di dover mai dire ciò che sto per dire adesso. Riprendo questo spettacolo per ricordavi che non siamo dei mostri. Siamo solo persone in balia dei grandi venti della Storia. Il mondo ci costringe a cambiare eppure rimaniamo sempre quelli di prima. Ognuno di noi ha un singolare cammino alle spalle, una propria storia, spesso per niente facile, a volte tragica. Siamo persone. Siamo tutti esseri umani.

L’attrice protagonista
( Dijana Pavlović – romnì serba, si è diplomata come attrice alla Facolty of Dramatic Arts di Belgrado. In Italia dal 1998 ha lavorato come attrice di teatro con L. Loris, R. Sarti, G. De Monticelli, R. Trifirò, E. De Capitani, M. Conti, in televisione e al cinema. È una mediatrice culturale nelle comunità rom italiane. È stata candidata al parlamento nella lista con la Sinistra Arcobaleno, tiene una propria rubrica sull’Unità.)

Quando con Tatiana Olear più di due anni fa abbiamo deciso di mettere in scena Una ragazza d’oro, certo non potevo immaginare come sarebbero andate le cose in questo Paese. Allora lo spettacolo era solo una riflessione sull’essere considerata una persona diversa ovunque e in qualsiasi luogo e insieme una ricerca d’identità e un bisogno di riconoscersi in un’etnia, in una ideologia, in una religione… Anche il mio vissuto personale da Romnì era concentrato su questo, su cosa per me significava essere "zingara" e di come questo ha influenzato la mia vita. Quando avevo sette anni una compagna di classe per gelosia mi aveva detto "… ma sei sempre una sporca zingara e tale rimarrai!" e per me quel momento ha significato il crocevia della vita, il momento nel quale ho preso coscienza della mia diversità e nel quale ho deciso di combattere per essere migliore degli altri per essere considerata degna di rispetto. Allora avevo deciso di combattere contro ogni forma di disuguaglianza e di persecuzione e specialmente quelle su base etnica.

Ma oggi, nell’Italia democratica e civile, nella bella e ricca Milano dove vivo, dopo aver recitato in Una ragazza d’oro, ho dovuto fare uno sciopero della fame perché quattro bambini rom non dormissero al freddo sui prati sotto la pioggia, perché erano espulsi dal dormitorio pubblico senza motivo e con cattiveria gratuita, mentre una raffica di sgomberi impedisce a questi bambini, a queste donne , a questi uomini di iniziare qualsiasi processo di integrazione sociale, per arrivare alle schedature in base etnica per creare un archivio parallelo, quello dei Rom. Si prendono addirittura le impronte digitali a tutti i bambini rom e i giornali escono con i titoli in prima pagina:"Nati per rubare".

Io avevo pensato di aver subito forme di discriminazione nel mio paese, ma adesso mi sto rendendo conto di aver avuto una infanzia felice e che quello che ho subito è nulla nei confronti di quello che subiscono quotidianamente i bambini rom e in generale gli stranieri in questo Paese. Per questo, mai come prima, adesso è importante fare Una ragazza d’oro, perché dopo tante manifestazioni, iniziative, impegno politico e sociale, ho capito una cosa: questa battaglia per essere vinta non può essere che una battaglia culturale.


I have really enjoied this journey in to the recent history.
Martin Crimp

Il testo dà conto delle esperienze avventurose, spesso drammatiche, della generazione dell’ultimo quarto del Novecento e degli inizi del Terzo Millennio…. Il candore con cui l’autrice trasforma la dura vita in una sorta di reve éveille, in una specie di favola librata sopra le ingiustizie e le sofferenze, potrebbe sembrare ingenuo. E invece questa favola, che Tatiana racconta a se stessa per non spezzare il mistero e la gioia di vivere, è un concreto messaggio di speranza. Per lei, per i giovani, per tutti.
Ugo Ronfani

Forse perché conosco poco quella parte del mondo che chiamano Est, mi colpisce che Dio e la religione siano così presenti nel testo. È perché non la ricchezza ma la povertà fa pensare a Dio? O perché – più probabilmente – Tolstoi e Dostoevskij non sono così lontani come lo è per noi Manzoni?
Giuseppe Di Leva

Tatiana Olear cerca di esprimere i disagi e le contraddizioni di un'epoca che dalla fine del Novecento si riflette nei nostri giorni. L'interpretazione sua e di Diana Pavlovic è molto realistica e non sempre teatrale, tuttavia efficace nell'esprimere una condizione a cui troppo spesso in un passato più lontano si sono trovati milioni di italiani.
Claudio Elli

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/09/2008 @ 08:58:38, in Europa, visitato 1259 volte)

Da Nordic_Roma

National News 2008-09-07

Il governo svedese intende esaminare se ci sono specifici problemi di salute tra le minoranze in Svezia. Lo riporta oggi la Radio Pubblica Svedese.

In Svezia non è permesso registrare le persone secondo la loro appartenenza etnica.

Questa legge potrebbe avere le sue buone ragioni, ma è difficile per le autorità svedesi sapere se ci sono problemi sanitari o no, specifici per le minoranze in Svezia.

Perciò, il governo ora ha proposto che le cinque minoranze svedesi riconosciute siano mappate così da rilevare se alcuni problemi siano più comuni tra questi gruppi piuttosto che nella popolazione maggioritaria.

Per esempio nella popolazione Rom, è ampliamente riconosciuto che è comune l'abuso di droga.

Le minoranze riconosciute in Svezia sono il popolo Sami, la popolazione svedese-finnica, i cosiddetti Tornedalingar, la popolazione Rom e gli Ebrei.

E' anche un tabù in Svezia mappare i gruppi etnici per ragioni di integrità. Ma la Radio Pubblica si è appellata alle differenti organizzazioni delle minoranze e queste sono state per lo più positive.

Il progetto prima di tutto controllerà quante persone ci sono in ogni gruppo. Poi, inizierà l'inchiesta sanitaria.

Mats Öhlén - mats.ohlen@stockholmnews.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/09/2008 @ 23:34:26, in Italia, visitato 1461 volte)

Con preghiera di diffusione:

Roma, campo Rom Casilino 900. Dalle 6:30 di stamattina i vigili urbani setacciano il campo nel giorno in cui era previsto il censimento della Croce Rossa. L'operazione, nata in seguito ad una denuncia di furto nel quartiere di Centocelle diventa pretesto per requisire gruppi elettrogeni usati come unica fonte di energia elettrica e materiali riciclati dalla spazzatura destinati a essere rivenduti nel mercatino. Si aggrava così una situazione igienico-sanitaria già precaria data la sospensione della fornitura di energia elettrica dallo scorso aprile e la chiusura dell'accesso al campo ai mezzi di trasporto. I vigili portano via circa venti persone per accertamenti.

Venezia. Alle 17.00 i portavoce delle diverse etnie del campo Casilino 900 presentano al Padiglione Italiano della Biennale di Architettura, in occasione dell'inaugurazione della mostra "l'Italia cerca casa, il progetto - Savorengo Ker - la casa di tutti", un'abitazione sperimentale realizzata in autocostruzione dai Rom in collaborazione con Stalker / Osservatorio Nomade ed il Dipartimento di Studi Urbani dell'Università di Roma Tre. (reterom.blogspot.com)

Ovada. Alle 21.00 una delegazione del campo e di Stalker accompagna il portavoce Najo Adzovic a ricevere il premio speciale "Rachel Corrie" in occasione della terza edizione del premio "Testimoni di pace" indetto dal Centro per la Pace e la Nonviolenza di Ovada.

Il premio, conferito dalla presidenza della Repubblica e dalla regione Piemonte è stato assegnato a Najo Adzovic per essersi rifiutato di fucilare quindici sottoposti musulmani durante la guerra nella ex-Jugoslavia e per aver animato il progetto "Savorengo Ker". Il premio verrà trasferito domani nell'installazione alla Biennale.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/09/2008 @ 17:07:28, in Italia, visitato 1379 volte)

Comunicato stampa

La "Federazione Rom e Sinti insieme" nel manifestare il proprio plauso al lavoro di tutte le forze dell’ordine Italiane impegnate nel garantire la sicurezza di tutti i cittadini e nel prevenire ogni forma di illegalità, ESPRIME TOTALE CONDANNA verso quelle persone che illegalmente a Bussolengo (VR) nel pomeriggio del 5 Settembre 2008 si sono resi responsabili di una crudele violenza e di una vera e propria pratica della tortura verso persone appartenenti alle minoranze Rom e Sinte, disonorando la nobile divisa che indossavano.

La "Federazione Rom e Sinti insieme", a fronte di un fatto tanto grave e per non lasciare alcuna ombra di perplessità o interpretazione, nociva ad una cultura della legalità, CONSIDERA opportuno che il Governo Italiano prenda l’iniziativa di riferire subito al Parlamento Italiano quando accaduto nel pomeriggio del 5 Settembre 2008 a Bussolegno (VR) e SOLLECITA la Magistratura a fare immediata chiarezza sulle responsabilità per condannare i colpevoli.

La "Federazione Rom e Sinti insieme" esprime la propria amarezza per l’ennesimo grave comportamento di molti Media Italiani che ancora una volta nei giornali e nelle televisioni hanno ignorato la violenza, gli abusi di potere, la pratica della tortura verso persone appartenenti alle minoranze Rom e Sinte, evitando così di far conoscere all’opinione pubblica un gravissimo atto razzista.
Il presidente della "Federazione Rom e Sinti insieme" ringrazia le associazioni aderenti Nevo Gipen di Brescia e Sucar drom di Mantova per l’immediato soccorso umanitario alle persone vittime delle violenze e per il supporto legale.
Informazioni dettagliate, le interviste, le denuncie ed altro sulla vicenda nel blog: http://sucardrom.blogspot.com/

Federazione Rom e Sinti insieme
Il Presidente
Nazzareno Guarnieri

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/09/2008 @ 09:31:23, in conflitti, visitato 1542 volte)

Da Romanian_Roma

Il budget per finanziare il Programma di Sviluppo Comunitario ad Hadareni, contea di Mures, è stato aumentato a 2,16 milioni di RON, secondo una decisione adottata dall'Esecutivo nella sessione di mercoledì 27 agosto.

[...] Così, l'Esecutivo intende incontrare gli impegni presi con l'Unione Europea riguardo i diritti umani, specialmente per la minoranza Rom, prevenendo e combattendo la discriminazione, stimolando la partecipazione dei Rom nella vita economica, sociale, educazionale e politica.

I fondi verranno stanziati dal Fondo di Riserva del Governo, come previsto nel budget statale per il 2008.

Nel villaggio di Hadareni ebbe luogo nel settembre 1993 un conflitto interetnico, iniziato con una discussione tra un Rom ed un cittadino rumeno, con quest'ultimo pugnalato ed ucciso in mezzo alla strada. L'uccisore e suo fratello, che era stato temporaneamente rilasciato di prigione, si barricarono in una casa abbandonata. Quando vennero a sapere dell'uccisione, gli abitanti del villaggio circondarono la casa e le diedero fuoco, per stanare i due. L'autore dell'uccisione fu catturato dalla folla e nonostante l'intervento del capo della polizia locale, venne colpito con diversi oggetti acuminati. Lo stesso successe a suo fratello. Furono portati in ospedale, e morirono entrambi.

Dopo questo incidente, 400-500 persone, Rumeni e Ungheresi, si riunirono nel centro del villaggio, e aizzati dalle vecchie incomprensioni avute con i Rom a causa della loro aggressività e dei recenti eventi, si diressero verso il quartiere Rom, abitato da circa 150 persone in 32 case, e diedero fuoco a 11 case. Furono accusate 11 persone per il cso "Hadareni", e la sentenza venne emessa nel luglio 1998.

Opponendosi alla soluzione proposta dal tribunale rumeno, le famiglie di 3 delle vittime e quelli a cui furono bruciate le case fecero ricorso nel 2001 alla Corte Europea per i Diritti Umani (CEDO).

Il 5 luglio 2005 , il CEDO stabilì che il caso era da considerarsi chiuso per 18 dei richiedenti dopo aver raggiunto un accordo, dichiarando che l'impegno delle parti rappresentava un'equa soluzione per il caso, secondo gli standard della Corte Europea. Il Governo rumeno si  impegnò a ripagare i 18 richiedenti con una somma tra gli 11.000 e i 23.000 €u come compensazione materiale e morale.

Lo stato rumeno venne sentenziato dopo che il tribunale raggiunse la conclusione che, nel caso dei Rom di Hadareni, le autorità violarono diversi articoli della Convenzione Europea sui Diritti Umani. La Corte Europea stabilì che rappresentanti della polizia presero parte al rogo alle case dei Rom e che tentarono di nascondere i fatti. Considerando la reazione in ritardo delle autorità ed il fatto che i tribunali rumeni rifiutarono di fornire una compensazione, la Corte Europea decise che era stato violato il diritto dei reclamanti alla famiglia e alla privacy.

La Corte ha anche stabilito che l'origine etnica delle persone coinvolte in questo caso fu il fattore decisivo nello sviluppo del processo e ha sanzionato le autorità rumene per discriminazione.

DIVERS – www.divers.ro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/09/2008 @ 09:28:56, in Europa, visitato 1892 volte)

Da Roma_Daily_News, molto lungo - da sorbirsi con calma (niente che non sia già stato scritto, ma così vi risparmiate di rileggere un centinaio ; - ) di articoli)

I Rom dei Balcani, un popolo senza stato (Le Monde diplomatique, settembre 2008)

La caduta del comunismo e la rottura dell'ex Yugoslavia hanno lasciato il popolo Rom, da lungo insediato nei Balcani e formando una forte parte dell'identità della regione, con pochi protettori. Molti scappano come rifugiati dalle persecuzioni e dalla disoccupazione, altri rimangono, sotto-privilegiati e minacciati. Di Laurent Geslin

Il giovane ci guida con cautela sulla strada irregolare da Sofia, la capitale bulgara, a Fakulteta, dove vivono oltre la metà dei 30.000 Rom di Sofia. Sarebbe impossibile entrare in quest'area, dove i blocchi di appartamenti socialisti cedono il passo alla vegetazione e all'immondizia, senza una guida, da quando l'area è sotto sorveglianza dopo le violenze dell'autunno scorso. Il guidatore ci dice: "Sto facendo questa deviazione per evitare la polizia. Non ho la patente."

Baptiste Riot, un giovane insegnante francese che insegna fotografia al bambini della Mahala, il distretto Rom, ci aveva spiegato: "Gruppi di estremisti bulgari vengono regolarmente a provocarci, e dopo la morte di un Rom lo scorso settembre gli abitanti si sono dovuti organizzare. L'unico posto dove le due popolazioni si incontrano è il mercato al limite del quartiere Rom. La gente ci va perché i prezzi sono più bassi che nel centro di Sofia."

Ma i commerci non sono abbastanza per fornire di che vivere alla popolazione. I giovani devono lavorare a 15 o 16 anni, non possono permettersi di studiare, così raccolgono la spazzatura dalle strade di Sofia per riciclarla. Ci ha detto una casalinga del posto: "Siamo fortunati, perché lavoro nella scuola, e visto che i miei figli sono abbastanza grandi, lavorano nelle costruzioni con i bulgari." Altri fanno lavori anomali. Secondo Ilona Tomova, dell'Istituto di Sociologia di Sofia, nel 2001 soltanto il 18% della popolazione rom attiva era registrata come impiegata. Le statistiche sono un po' migliorate da allora, ma la situazione rimane seria.

"Affrontano una discriminazione costante nel lavoro, nella scuola e nella sanità. Ogni buon cittadino bulgaro ha pochi amici Rom con cui avere occasionalmente un caffè o un bicchiere, ma lo stesso vede gli Zingari incarnare tutti i vizi del mondo," ha detto Marcel Courthiade, insegnante Romanì all'Istituto nazionale di lingue e civiltà orientali (Inalco) di Parigi.

Nella storia

I primi Zingari vennero dal nord dell'India ed arrivarono in Europa tra il XIV e il XV secolo; nel 1348 un gruppo chiamato Cingarije fu osservato a Prizren nel Kosovo e dal 1385, alcuni testi menzionano famiglie che vivevano in schiavitù in Valacchia e Moldavia. I gruppi vennero sparpagliati nella prima metà del XV secolo, talvolta con la benedizione delle autorità. Nel 1417 l'imperatore tedesco Sigismondo diede una lettera di raccomandazione e protezione a un gruppo di Rom della Boemia (da cui la parola bohemian). Nei Balcani, i Rom si unirono al sistema amministrativo, economico e militare sotto l'impero Ottomano. Alcuni hanno accompagnato le armate ottomane come fabbricanti di armi da fuoco. Altri si stabilirono e lavorarono come artigiani o mezzadri in tutto il territorio, e gradualmente costruirono le Mahala, i quartieri Zingari, in molte città dell'Europa sud-orientale, incluse Prizren e Mitrovica in Kosovo.

In periodi di pace e benessere, gli Zingari erano tollerati per le loro abilità di artigiani ed allevatori, ma ogni deterioramento nella situazione economica o politica significava repressione e persecuzioni. Attraverso i secoli, le espulsioni li obbligavano a migrare. Molti arrivarono in Bulgaria alla fine del XVII secolo, fuggendo dalla guerra tra l'Austria e l'impero Ottomano. Quando la schiavitù fu abolita nei principati rumeni nel 1860, ci fu una nuova diaspora di Rom in Europa. Il genocidio nazista nella II guerra mondiale uccise centinaia di migliaia di Rom, ma il tribunale di Norimberga ignorò la loro tragedia. Non sappiamo in quanti morirono nel campo di concentramento di Staro Sajmiste vicino a Belgrado, e la lista di vittime Zingare nel campo di Jasenovac in Croazia fu elaborata solo nel 2007.

Secondo le stime del Consiglio d'Europa, vivono in Europa tra la Bretagna e la Russia dai sette ai nove milioni di Rom, la più grande minoranza transnazionale. I Rom dei Balcani, spinti da guerre o povertà, si sono stabiliti in gran numero in occidente, raggiungendo gli Zingari locali con cui hanno generalmente pochi contatti.

Negli ultimi 20 anni, le istituzioni internazionali, specialmente l'Unione Europea e il Consiglio d'Europa, sono diventati coscienti di ciò. Ma nonostante i loro sforzi nel fornire scolarità ai bambini Rom, i Rom continuano a soffrire discriminazioni e sono diventati più poveri. Nel 2005 fu lanciato il Decennio dell'Inclusione Rom sotto gli auspici della Banca Mondiale, del Programma di Sviluppo delle Nazioni Unite e della UE, per facilitare l'accesso all'istruzione, al lavoro, alla sanità e alla casa, in nove paesi dell'Europa orientale e balcanica. Ma dopo tre anni del progetto, gli esperti trovano i risultati deludenti. Mentre l'opinione pubblica sta diventando cosciente della natura transnazionale del problema, i singoli stati ritardano le misure per facilitare l'integrazione.

Il dissolvimento dell'ex Yugoslavia

I Rom balcanici furono i primi a soffrire della rottura dell'ex Yugoslavia e della caduta del blocco sovietico nei primi anni '90. I nuovi governi li trascurarono e furono le vittime della transizione economica. Diventati più poveri, divennero l'obiettivo degli emergenti aggressivi movimenti nazionalisti e capro espiatorio delle dispute intra-comunitarie, e le comunità Rom vennero marginalizzate e fatte oggetto di violenze e persino di pogrom.

Secondo Ilona Tomova: "Nel 1989 l'83% della popolazione adulta aveva un impiego ed i Rom avevano il più alto tasso di occupazione in Bulgaria; ma nel 1993 era sceso a solo il 30%. Alcuni Rom non hanno più avuto accesso al mercato lavorale dai primi anni '90. Ed ora abbiamo una seconda generazione senza un lavoro stabile." E' peggio nei ghetti urbani che si erano generati alla fine degli anni '70 e sono cresciuti dopo la caduta del regime comunista.

"Prima, non avresti potuto distinguere lo stile di vita Zingaro," ha detto Antonina Zelyazkova, del Centro Internazionale per gli Studi sulle Minoranze e le Relazioni Interculturali (Imir). "Lavoravano, mandavano i bambini a scuola, avevano accesso al sistema sanitario. La marginalizzazione è iniziata con la transizione. Quanti vivevano nelle piccole cittadine non beneficiarono della redistribuzione della terra e dovettero migrare nelle città più grandi."

Nella città settentrionale di Kumanovo in Macedonia, 5.000 Rom vivono in una baraccopoli in una zona alluvionale tra i fiumi Lipkovska e Kojnasrka. Le loro case sono fatte di mattoni e materiali riciclati. Ci sono pochi negozi, un paio di carretti di angurie, e gruppi di giovani senza via d'uscita. Milan Demirovskim che guida un'OnG chiamata Khan (sole in romanes) che insegna a leggere, dice: "Circa il 95% vive del salario minimo. La loro unica strada è di mettersi in proprio, perché le compagnie assumeranno su basi comunitarie e non c'è mai posto per i Rom."

Nonostante la decentralizzazione iniziata nel 2001, è cambiato poco. Gli accordi di Ohrid firmati il 13 agosto 2001 dopo il conflitto tra le milizie albanesi dell'Armata di Liberazione Nazionale (UCK-M) e l'esercito macedone, garantì diritti sociali e politici a tutte le minoranze. Erduan Iseni, sindaco di Suto Orizari (Sutka),  che ha la maggior percentuale di Rom dell'area di Skopje, è ottimista. "Per i Rom qui è meglio che in molti altri paesi della regione. La Macedonia è uno degli stati più avanzati d'Europa da questo punto di vista." La sua municipalità di 40.000 abitanti sembra abbastanza prospera con le sue colorate officine, i commercianti e i clienti. Ma anche qui i Rom hanno di fronte le solite discriminazioni, pregiudizi ed un muro politico di mattoni. "Abbiamo un budget più piccolo dalla legge di decentralizzazione rispetto agli altri comuni," si lamenta il sindaco. "Non abbiamo abbastanza soldi per riparare le strade e modernizzare le infrastrutture. Si stava meglio sotto Tito."

Anche se la Repubblica di Macedonia ha l'unica costituzione al mondo che include i Rom, questo non si traduce in realtà. "I Rom sono esclusi dalla vita politica," ha confermato Marcel Courthiade. Gli accordi di Ohrid sancivano che le lingue minoritarie devono essere usate nell'amministrazione di ogni comune dove le minoranze sono il 20% della popolazione. Ma questo è servito agli albanesi (che sono il 25% della popolazione in Macedonia) più che alle altre comunità (Rom, Serbi, Torbesh, Aromanians, Turchi, ecc.)

In Kosovo

Restano solo 30.000 Rom dei 120.000 che vivevano in Kosovo prima del 1999. Sono sparsi nell'area serba nel nord del paese ed in alcune enclave nel settore sud albanese del fiume Ibar. La scala delle distruzioni a Mitrovica e Pristina rende evidente la violenza della pulizia etnica. Gli estremisti dell'Esercito di Liberazione del Kosovo (UCK) dicono che i Rom lavoravano per l'esercito serbo, per giustificare la loro espulsione dopo i bombardamenti NATO e il ritiro dell'esercito serbo.

Ad Orahovac/Rahovec nel Kosovo del sudovest, tra i tetti delle case è steso del filo spinato e tutto è pronto per bloccare le strade al primo allarme. Una famiglia ha protetto la sua casa sulle colline, nel mezzo della terra di nessuno che segna il confine tra la città albanese ed il ghetto serbo ( ma questo non ha impedito gli estremisti albanesi dal bruciare diverse case nel quartiere serbo durante i disordini del marzo 2004). "Siamo rigettati da entrambe le comunità. Mio figlio ha smesso di andare a scuola per la violenza dei suoi compagni di classe albanesi," ci ha detto un Rom. "Prego ogni giorno che non gli succeda niente e che possa raggiungere suo cugino in Germania." Ma fuggendo da questi attacchi, i Rom del Kosovo finiscono nuovamente nella miseria, come confermeranno le migliaia arrivati nella bidonville di Seine-Saint- Denis vicino a Parigi.

Prizren è un'antica città mercato nel Kosovo meridionale, dove Albanesi, Serbi, Rom Bosniaci e Turchi coabitavano prima della guerra. Oggi circa 6.000 Rom stanno tentando di sopravvivere ad una situazione economica paralizzata. "Prima del 1999 avevamo buone relazioni con le altre comunità," ci ha detto un imprenditore. "Da bambino parlavo in romanes ai miei vicini Bulgari, e serbo e turco con i miei compagni di classe. Ho costruito la casa con le mie mani e tuttora vivo in Kosovo. Questa è la mia terra."

Nella Yugoslavia socialista i Rom (specialmente quelli in Kosovo) beneficiavano di vantaggi sociali e culturali. I primi programmi radio e TV in romanes furono trasmessi a Prizren e Pristina. I Rom svolgevano il servizio militare, erano integrati nel sistema politico ed avevano rappresentanti nel governo della repubblica. Rimane ancora un procuratore pubblico Rom in Kosovo. Si è formato nell'era di Tito e lavora a Prizren. Un giornalista, Kujtim Pacaku, ha paura per il futuro: "Non so cosa porterà l'indipendenza. Tutto quel che vogliamo è vivere in pace. Vogliamo che i nostri bambini lavorino sulla terra dove sono nati. E che i Rom cessino di essere bersaglio di un nazionalismo cieco."

Si diffonde il risentimento

Il movimento ultranazionalista emerso nella regione nei primi anni '90 non ha problemi nel mobilitare il risentimento tra quanti sono stati lasciati indietro nella transizione economica. "Quando molti bulgari sotto la linea di povertà scoprono che la UE ha finanziato speciali programmi di aiuto per gli Zingari, come l'assistenza medica gratuita, quando loro non possono permettersi di comprare le medicine o di riscaldare le loro case in inverno a causa dei costi del carburante, allora sono disposti ad ascoltare un partito estremista come Ataka," ha detto François Frison-Roche, esperto bulgaro e ricercatore presso il CNRS.

Agli occhi dei poveri bulgari i Rom, senza lavoro o risorse più poveri di loro, sono saccheggiatori che rubano l'elettricità attaccandosi illegalmente alla corrente elettrica. I media sono contenti di focalizzarsi sui traffici e sui crimini attribuiti alla comunità Rom. Durante le elezioni residenziali del 2006, la coalizione Ataka ed il suo leader Volen Siderov ottennero quasi un quarto del voto bulgaro. Nel corso della campagna chiesero che gli Zingari fossero "tramutati in sapone". Ora vogliono un "programma di governo per combattere il crimine Zingaro".

L'aggressiva campagna di Ataka sta attraendo molti, convinti che tutti i problemi siano dovuti ai Rom e delusi che i partiti tradizionali non stiano affrontando il problema. In Serbia, qualche intellettuale Rom sta tentando di contenere la crescita dei nazionalisti. "Siamo i più fieri oppositori del Partito Radicale," ha detto Rajko Djuric, presidente dell'Unione Romanì Internazionale, che ricorda che 28 membri della sua famiglia furono uccisi dai cetnici (l'esercito realista yugoslavo) durante la II guerra mondiale.

Il Partito Radicale Serbo (SRS) guidato da Tomislav Nikolic da quando Vojislav Seselj è stato messo sotto processo dal tribunale dell'Aia per crimini contro l'umanità nella guerra croata del 1991-1995, ancora si richiama all'eredità ideologica cetnica. Erano leali al re Pietro II di Yugoslavia, e si opponevano tanto alle forze dell'Asse che ai partigiani di Tito tra il 1941 e il 1945. Furono anche responsabili di massacri di Croati, Musulmani e Rom.

Ardenti difensori della "grande Serbia", i nazionalisti estremisti dell'SRS vogliono unire tutti i Serbi dei Balcani in uno singolo stato e negare i diritti politici e culturali delle minoranze. La loro piattaforma è inaccettabile per lUnione Romanì. "Vogliamo diventare un partito importante nel parlamento serbo, un gruppo di cittadini democratici, aperto a tutte le comunità," ha detto il presidente. "Abbiamo ottenuto un seggio e 18.000 voti nelle elezioni legislative del 22 gennaio 2008, il 33% da votanti non-Rom."

Sembra un risultato deludente. La Serbia ha oltre 200.000 votanti Rom, ma ci sono divisioni nella comunità. "I partiti al potere hanno sempre compratovoti con promesse fraudolente o soltanto con qualche bottiglia di rakija (brandy di prugne)," dice Djuric. Ora Marija Serifovic, la vincitrice del concorso canoro Eurovision 2007, si è esposta molto con l'SRS e guadagnato molti voti Rom, nonostante il razzismo del partito. A Vranje, nel sud, i Rom hanno sempre votato in massa per il Partito Socialista Serbo (SPS) di Slobodan Milosevic.

Uno sconosciuto vicino

In Serbia, nonostante le discriminazioni, i Rom prendono ancora parte alla politica. Sono corteggiati durante le elezioni, usati per ottenere i sussidi europei e stigmatizzati per galvanizzare l'opinione pubblica. Gli Zingari rappresentano la diversità, lo straniero vicino. Quale famigli di Belgrado celebrerebbe la sua slava (il santo patrono di famiglia) senza musicisti Rom? Uno degli eventi nazionali più importanti è il festival annuale di Guca, che mette insieme le migliori orchestre Zingare di Serbia. Li i nazionalisti vendono T-shirt con immagini di Milosevic e del generale Ratko Mladic (leader militare dei Serbi di Bosnia tra il 1992 e il 1995) e ascoltano musica che nessuno potrebbe identificare con certezza come Serbe o Rom.

Come le altre minoranze senza territorio, gli Aromanians o i Torbesh, i Rom dei Balcani sono una parte essenziale nell'identità balcanica, con le sue differenze comunitarie, linguistiche e territoriali. Un Rom di ovi Pazar, nella Serbia meridionale, potrebbe essere un cittadino serbo, sentirsi culturalmente legato alla regione del Sangiaccato (tra la Srbia e il Montenegro) essere musulmano e parlare albanese perché la sua famiglia ha relazioni da lungo tempo con il Kosovo. I Rom di Prizren possono esser musulmani sunniti o appartenere all'ordine sufi Rifai Derviscio.

Diversamente dal modello di stato-nazione alla francese seguito da alcuni paesi nella regioni dopol'impero ottomano, non c'è una singola identità. Le identità fluttuano nelle strutture linguistiche, territoriali, religiose e socio-professionali. Si spostano secondo i vincoli economici. I Rom bulgari erano musulmani sotto gli Ottomani, ma oggi sono per la maggior parte ortodossi. E quanti ancora parlano turco, spesso pretendono di essere Turchi, così da poter emigrare facilmente a Istanbul.

Il dissolvimento della ex Yugoslavia ed i movimenti della popolazione dopo le guerre del 1990 hanno accelerato la semplificazione identitaria e la standardizzazione culturale. La Croazia e il Kosovo non hanno più comunità serbe.

Due gruppi simili ora si dividono la Bosnia-Herzegovina, e gli Ungheresi stanno lasciando la Voivodina in Serbia. I Rom e le altre minoranze, che non hanno un territorio di base d mantenere, saranno capaci di mantenere il loro posto in questi stati balcanici che mutano costantemente? Niente è meno certo, a meno che le organizzazioni Rom acquisiscano forza sufficiente per far sentire la loro voce regionalmente, nazionalmente e internazionalmente.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 10/09/2008 @ 22:40:45, in Italia, visitato 1717 volte)

Bussolengo (VR), la versione di Georgeowistch Anna di 40 anni
Durante la patita aggressione, nel frangente mi trovavo con i miei figli rispettivamente mia figlia di anni dieci e mio figlio di tre anni e mezzo. Mentre i miei famigliari e parenti venivano aggrediti dai Carabinieri, dicevo a quest’ultimi di finirla. Interveniva un militare in borghes...

Bussolengo (VR), la versione di Hudorovich Cristian di 37 anni
Alle ore 13.00 circa del 5 settembre 2008, in Bussolengo, io con i famigliari e con altri parenti, sostavamo con roulotte presso il piazzale delle giostre. Dopo una ventina di minuti che eravamo in quel luogo sopraggiungeva una pattuglia della Polizia Municipale di Bussolengo che invitava tutti ad allontanarsi entro tre ore come previsto da ordinanza comunale. Veniva detto al personale della Polizia Municipale che sostavamo solo per pranzare e poi ci saremmo allontanati...

Bussolengo (VR), la versione di Paolo Campos di 20 anni
Intorno le ore 15.00 del giorno 5 settembre 2008, in Bussolengo, appena giunto in auto presso il piazzale delle giostre, dove si trovavano i miei parenti con roulotte, vedevo i miei fratelli Campos Marco e Johnny e mia nipote di dieci anni, che stavano piangendo. Chiedevo cosa ero successo e mi veniva riferito che erano arrivati i Carabinieri che avevano picchiato i parenti e poi portati in caserma...

Bussolengo (VR), la versione di Michele Campos di 15 anni
Alle ore 14.00 circa del 05 settembre 2008, in Bussolengo in piazzale delle giostre, dove mi trovavo con i miei, famigliari e parenti intento a pranzare, vedevo sopraggiungere due pattuglie dei Carabinieri, i quali, scesi dalle macchine, e indossati i guanti, iniziavano a picchiare i miei famigliari ed i miei parenti. Un Carabiniere senza capelli gli cascava a terra la pistola, la riprendeva e gli cascava nuovamente. Io, mio zio Hudorovic Cristian, mentre venivamo caricati ...

Bussolengo (VR), la versione di Giorgio Campos di 17 anni
Intorno alle ore 14.00 del giorno 5 settembre 2008, in Bussolengo, mentre ritornavo alla roulotte in sosta nel piazzale delle giostre, dove si trovavano i miei parenti, vedevo gli stessi che venivamo picchiati da dei Carabinieri in divisa, un Maresciallo alto sui 180 cm circa, corporatura media, ed un Brigadiere alto sui 170 cm circa senza capelli, corporatura media...

Verona, lettera/esposto al Comandante Provinciale dei Carabinieri e al Prefetto
Nella giornata di sabato 6 settembre siamo stati informati, da attivisti per i diritti civili dell’associazione Nevo Gipen, di un grave fatto successo a Bussolengo (VR) venerdì 5 settembre 2008 che sembra configurarsi di matrice razzista. Il racconto degli attivisti è agghiacciante. Prima in piazza Vittorio Veneto e poi all’interno della Caserma dei carabinieri di B...

Nasce l'Osservatorio permanente della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo
L’Unione forense per la tutela dei diritti dell’uomo informa che di recente ha creato un Osservatorio permanente della giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo. L’importanza crescente assunta dalla Convenzione europea dei diritti umani nel nostro ordinamento, specialmente a seguito delle note sentenze della Corte costituzionale del 24 ottobre 2007, n. 348 e n. 349 ha, infatti, imposto l’esi...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/09/2008 @ 16:36:01, in Italia, visitato 2130 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Il Comune di Ovada (Al) e il Centro per la Pace e la Nonviolenza “Rachel Corrie” conferisce ogni anno, in ricorrenza dell’11 settembre un premio “a una personalità che si sia particolarmente distinta per l’impegno e l’azione nell’ambito della pace e della nonviolenza”.

Il prossimo 11 settembre il premio per il 2008 verrà conferito a Najo Adzovic, rom, profugo dalla ex Jugoslavia, scrittore, una delle anime del progetto "Savorengo Ker: la casa di tutti".

Insieme a Najo Adzovic parteciperà alla serata di premiazione anche Francesco Careri, architetto, docente presso la Facoltà di Architettura di Roma Tre, membro fondatore Laboratorio di Arte Urbana Stalker.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:58:04
script eseguito in 210 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 132 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source