Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 08/05/2009 @ 09:39:46, in sport, visitato 1244 volte)

Da frizzifrizzi.it

Skathéroism: i (finti) nomadi dello skate Scritto il 07 maggio 2009 da Simone.

Jean è un diciassettene che fa skate. Stanco di doversi accontentare di periferie e skate park, decide insieme ai suoi amici di andarsene dalla metropoli ed iniziare a vivere da nomade ed in un certo senso di seguire le orme della sua famiglia. Dopotutto Jean è nato in una roulotte, che ora ha deciso di risistemare, tappezzandola con le foto dei suoi avi, zingari e giostrai, e con quelle scattate sopra alle tavole da skate.

Sarebbe una bellissima storia, se non fosse che è falsa.
E’ comunque una bellissima storia, visto che è lo spunto per una mostra itinerante (e non poteva essere che così) del fotografo torinese Raoul Gilioli, che ha creato Jean per fargli fare da narratore al suo racconto per immagini che fonde tradizioni gitane, skate culture e soprattutto una riflessione sulle nostre città e la ghettizzazione del diverso (skater o zingaro).

Insieme alla foto, la mostra si porta dietro anche rampe, roulottes vintage (pure una dove far benedire la propria tavola dalla madonna gitana) e strombettante musica zingara.

Sponsorizzata da DC, Skathéroism fa la sua prima tappa a Torino, per poi passare a Milano, Genova, Roma e Napoli.

Skathéroism
dal 7 al 21 maggio 2009
@ Associazione Culturare Azimut
via S.Agostino 30, Torino
(vedi mappa)

Prossime tappe:
11 giugno @ P4 Temporary Gallery, Milano
4 settembre @ Urban Star, Roma
18 settembre @ Compagnia Unica, Genova
22 ottobre @ Rising Mutiny, Napoli

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/05/2009 @ 09:06:51, in media, visitato 5819 volte)

Segnalazione di Tahar Lamri: articolo su Internazionale dell'8 maggio (versione cartacea)

Fabrizio Casavola tiene subito a precisare: "non sono un Rom e non faccio parte di nessuna redazione". La storia comincia nell’89: un rom chiede aiuto per prepararsi all’esame di guida. Le lezioni si svolgono in un bar o in roulottes affollati di bambini, nel campo di via Idro a Milano. I due diventano venti e i venti formano una classe. Da qui nasce, nel 1995, l’idea di un giornale "Il vento e il cuore". "Il tutto cominciò in maniera molto provvisoria: un vecchio computer 386 e casa mia che accoglieva i due redattori del campo-sosta (nessuno dei vicini ha mai avuto niente da dire). Usare un computer da parte di chi a malapena sa leggere e scrivere, può sembrare un azzardo, ma quel giornale divenne un importante strumento di aggregazione. Man mano anche gli altri componenti dei campi partecipavano alla raccolta delle notizie, a piegare le pagine fotocopiate, a farsi fotografare, a chiedere quando sarebbe uscito il prossimo numero. Arrivarono col tempo i contributi di altri campi, di Rom di passaggio... Le pagine, da 4, dovettero passare ad 8." 400 copie, ogni copia letta da più persone, con "corrispondenti-lettori-sostenitori" a Ferrara, Torino, Chieti, Francia e Spagna. Due anni dopo, per mancanza di fondi, il giornale viene chiuso. Fabrizio apre una pagina web (sivola.net/rom.htm) e racconta questa storia, arrivano tanti messaggi e si crea quasi spontaneamente un gruppo di discussione (http://it.groups.yahoo.com/group/arcobaleno_a_foggia/). Nel 2005 nasce il blog Mahalla (...). Da allora si sono moltiplicate le pagine su Internet, quella importante della Federazione Rom e Sinti (http://comitatoromsinti.blogspot.com/2008/06/la-federazione-rome-sinti-insieme.html) , SucarDrom (http://sucardrom.blogspot.com/), Bjoco (http://web.tiscalinet.it/bjoco/indice.html) sulle iniziative culturali.

Un’altra bella storia di voci intrecciate è quella del periodico italo-arabo Al-Jarida (aljarida.it/) fondato a Milano nel 2008 da un’associazione di studenti italiani e arabi, distribuito gratuitamente in 5.000 copie "nelle zone densamente popolate da arabi, perlopiù egiziani e marocchini, e italiani, nelle scuole di italiano per stranieri, nelle librerie universitarie (facoltà linguistiche), associazioni di volontariato che si occupano di assistenza legale e medica per stranieri e in un ampio numero di esercizi commerciali arabi" dichiara Marco Sergi della redazione del giornale. "Le stampe dei primi 5 numeri sono state finanziate in parte dalla Provincia di Milano (assessorato pace e cooperazione) e in parte dalla fondazione Cariplo. Tutti i collaboratori sono volontari e la cerchia di persone interessate va aumentando di giorno in giorno. Il gruppo fisso è formato da ragazzi e ragazze italiani, libanesi, egiziani e libici mentre altri ragazzi marocchini e palestinesi ci aiutano con consulenze e traduzioni.".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/05/2009 @ 08:57:34, in conflitti, visitato 1297 volte)

(Soltanto ieri scrivevo che la Repubblica Ceca sarà rappresentata al concorso Eurovisione da un gruppo Rom. Il leader del gruppo, in una dichiarazione riportata il 3 maggio, diceva quanto fosse assurdo che questo avvenisse nel momento in cui i Rom cechi sono oggetto dei più virulenti attacchi razzisti)

Il 18 aprile 2009, sono state lanciate bottiglie molotov contro l'abitazione di Robert Kudrik nel villaggio di Vítkov. Robert viveva con la sua compagna, quattro bambini e altri tre membri della famiglia. Il fuoco ha distrutto la loro casa e seriamente ferito i genitori. La bambina di due anni, Natálka, è in coma con bruciature che coprono l'80% del suo corpo.

In alcune aree della Repubblica Ceca si sono intensificati gli attacchi violenti dei gruppi di estrema destra contro la comunità romanì. Un numero crescente di marce e dichiarazioni di alcuni gruppi cechi di estrema destra includono incitamento alla discriminazione, ostilità o violenza contro la comunità romanì. Molti Rom nel paese dicono di temere per le proprie vite.

I Rom nella Repubblica Ceca affrontano la più alta proporzione di discriminazione in Europa. Sperimentano discriminazione sul lavoro, nell'accesso all'istruzione, alla casa ed alla sanità.

In solidarietà con le 3.000 persone che hanno marciato per le strade della Repubblica Ceca per protestare contro il neo-nazismo ed il razzismo in un evento intitolato "Ne abbiamo Abbastanza", e con oltre 300.000 Rom sotto attacco nel paese; i firmatari dicono no alla crescente ondata di estremismo nella Repubblica Ceca ed in Europa.

Firma la petizione

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Ultim'ora: ricevo da Marco Brazzoduro

Le cronache recenti dimostrano che le problematiche legate alla società multietnica ci toccano da vicino ed evidenziano contraddizioni e conflittualità. Il rischio della discriminazione non può essere ricondotto all’assurdità di fatti privati, ma è una questione di interesse sociale che riguarda la scuola e la società tutta.

La globalizzazione e un’Europa a 27 Paesi sono una condizione storica irreversibile, che ci pone davanti a un bivio: cogliere l’occasione per l’apertura, il confronto tra diversità, con la prospettiva di un arricchimento reciproco o, viceversa, chiuderci nelle paure e difenderci dal cambiamento.

Come già emerso in altri contesti europei di più antica tradizione migratoria, il rischio di formazione di sacche di emarginazione e di conflittualità è legato alle condizioni e alle opportunità di promozione sociale che la società e le sue istituzioni, in primis la scuola, offrono per garantire la qualità dell’integrazione e la qualità della convivenza tra persone appartenenti a culture diverse. In ogni luogo educativo, la costruzione dell’identità e lo strutturarsi dei processi di inter-azione sono i presupposti per promuovere conoscenza e scambio tra le diverse lingue e culture.

In coerenza con un’idea di società accogliente e inclusiva e di una scuola intesa come laboratorio sociale che educa alla convivenza, alla cittadinanza attiva e alla solidarietà, il Movimento di Cooperazione Educativa, l’ARCI Solidarietà e RUOTALIBERA Intercultura propongono il Convegno: “InControCorrente, Oltre la paura, contro ogni discriminazione, per la dignità e la parità dei diritti”.

Convegno nazionale
InControCorrente
Oltre la paura, contro ogni discriminazione, per la dignità e la parità dei diritti
Roma, 8 e 9 maggio 2009

Con il contributo di Con il patrocinio di

Movimento di Cooperazione Educativa Per informazioni rivolgersi a:
Maria Cristina Martin
MCE - Via dei Sabelli 119, Roma -
Tel. 065744228 – 3384620822 - Mail: cristimartin@alice.it

Rossella Brodetti
Tel. 067015851 – 3495652041 – Mail: sifmce@alice.it

Mariangela De Blasi
ARCI - via Goito 35/b, Roma
Tel 0689566575 - 3481314342 - Mail: deblasi@arci.it

Serena Amidani
RUOTALIBERA, Via F. Stilicone 134, Roma
Tel. 0676910289 - Mail: ruotaliberateatro@libero.it

Venerdì 8 maggio

Ore 15,00/19,00 Palazzo Valentini, Sala Del Consiglio Provinciale Via IV Novembre 119/a
I Sessione: Discriminazioni e dintorni
La sessione intende fornire strumenti utili alla definizione dei diritti dei minori e proporre elementi di analisi e riflessione su quanto sta accadendo nel nostro Paese in merito al rischio di discriminazione di intere fasce sociali
Introduce e coordina: Diana Cesarin, MCE

Saluti delle autorità:
Nicola Zingaretti, Presidente della Provincia di Roma
Claudio Cecchini, Assessore alle Politiche Sociali, Famiglia e Rapporti Istituzionali della Provincia di Roma
Massimiliano Smeriglio, Assessore alle Politiche del Lavoro e Formazione della Provincia di Roma

Interventi di:
Paolo Beni, Presidente nazionale dell’ARCI
Massimiliano Fiorucci, Docente di Metodologia dell’Educazione Interculturale dell’Università Roma Tre
Ferdinando Imposimato, Presidente aggiunto onorario della Corte di Cassazione
Dijana Pavlovic, attivista rom, federazione “Rom e Sinti insieme”
Gennaro Schettino, Direttore di Metropoli, “La Repubblica”
Alexian Santino Spinelli, Docente di lingua e cultura romanì presso l’Università di Trieste

Ore 21.00 – Centro Anziani di Villa Gordiani Via Prenestina
Giovanna Marini & il corso di modi del canto contadino della Scuola Popolare di Musica di Testaccio
Alexian Santino Spinelli e il suo gruppo di musica rom

Sabato 9 maggio

Ore 9,00/11,00 Istituto Comprensivo Virgilio, Via Giulia 38
II Sessione: Workshop su esperienze di inte(g)razione a scuola
La sessione vuole offrire il racconto e la riflessione del gruppo su esperienze realizzate a scuola e nel territorio, attraverso l’utilizzo di materiali strutturati o multimediali
a)“Il mantello di Arlecchino”. Gioco di educazione interculturale, a cura di Orietta Busatto, MCE
b)“Una comunità narrativa on line”. Educare alla reciprocità attraverso internet e le fiabe, a cura di Silvia Salvadori e Shi Xue Fen, Ruotalibera
c)“La Città in Gioco”. L'inter-azione attraverso l’attività ludica, a cura di Ugo Pugliese, dirigente Ludoteca di Napoli, MCE
d)“Diritti al campo”, a cura di Catia Mancini e Alessia Rocco, Arci Solidarietà
e)“Sei più. Seconde generazioni: seconde a nessuno”. Mediazione linguistico–culturale a scuola, a cura di L. Dauki, MCE
f)“Il mondo attraverso le fiabe” A cura di Marika Vischi, Arci Bari

Ore 11,15/13,15
III Sessione: Scuola e associazionismo contro le discriminazioni
La sessione intende presentare un quadro di riferimento metodologico e didattico per l’attività educativa nel campo dei diritti
Introduce e coordina: Sergio Giovagnoli, ARCI Solidarietà

Sono previsti interventi di:
Domenico Canciani, segretario nazionale del Movimento di Cooperazione Educativa
Patrizia Lucattini: responsabile formazione di RuotaLibera
Tatiana Occhipinti e Riccardo Casentino, studenti della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università Roma Tre
Renzo Zuccherini, dirigente scolastico, Punto Arlecchino,Perugia

Movimento di Cooperazione Educativa
Associazione professionale di insegnanti
È soggetto qualificato per la formazione ai sensi del D.M. 177/2000 confermato con D.M. 57/2005

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/05/2009 @ 15:48:25, in Italia, visitato 1348 volte)

Da Cuneocronaca.it

"Punti di approdo": un convegno venerdì 8 maggio al cinema Monviso per illustrare le attività presenti e future per la popolazione zingara
IL PROGETTO DEL COMUNE DI CUNEO PER L'INTEGRAZIONE DEI "SINTI": DALLA ISTRUZIONE ALLA FORMAZIONE FINO ALL'INSERIMENTO LAVORATIVO

Rivivere le esperienze di un progetto innovativo, apprendere le metodologie, rilanciare verso il futuro l'impegno per l'integrazione: questi gli intenti del convegno "Punti di Approdo" in programma venerdì 8 maggio dalle 8,30 nel cinema Monviso a Cuneo.

"Punti di Approdo" è il progetto voluto dal Comune di Cuneo per l'integrazione della popolazione Sinti. Un progetto che ha visto nascere una rete d'intervento, coordinata dal Comune insieme al Consorzio Il Mosaico, che ha raccolto le energie e le professionalità di vari enti, come il Consorzio Socio Assistenziale del Cuneese, le Cooperative Sociali Momo, Emmanuele e Oasi, l’Istituto Comprensivo OltreStura, l’Agenzia di Formazione Agenform, il Centro per l’impiego. Un progetto che ha realizzato laboratori di integrazione multiculturale per i piccoli delle scuole elementari, percorsi di educazione con i laboratori multimediali per gli alunni della scuola media, corsi di orientamento al mondo del lavoro e inserimenti in azienda per gli adulti.

Finanziato da Regione Piemonte, Comune di Cuneo e Consorzio Il Mosaico, il progetto Punti di Approdo si è avvalso dei fondi della legge 26 del 1993 "Interventi a favore della Popolazione Zingara" ed è stato concepito ed organizzato intorno alla popolazione Sinti cuneese per poi ampliare le sue prospettive affrontando nelle scuole i concetti di "diversità" ed "integrazione" in modo completo ed innovativo.

La scelta del Cinema Monviso come luogo del convegno permetterà di apprezzare al meglio i filmati ideati e realizzati dagli alunni delle tre classi della scuola media dell'Istituto Comprensivo OltreStura attorno al concetto di integrazione. Nel corso della mattinata è previsto l’intervento della professoressa Gobbo dell'Università di Torino che affronterà le problematiche teoriche e le buone prassi dell'integrazione interculturale; inoltre saranno chiamati a portare il loro contributo di esperienza i diversi attori coinvolti nel progetto.

L'ingresso al convegno è libero.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/05/2009 @ 09:41:21, in Italia, visitato 2193 volte)

Me ne sono occupato anche ieri, aggiungo questa segnalazione di Flora Afroitaliani

Il campo Rom di Ponticelli devastato dai raid incendiari nel maggio 2008

Il 7 maggio prossimo verrà celebrato il processo in Corte d’Appello relativo ad A.V., la quindicenne rom accusata di aver rapito una neonata a Ponticelli, lo scorso maggio. A.V. ha voluto scrivere una lettera aperta al Capo dello Stato.

Il 10 maggio 2008, la piccola rom viene arrestata a Ponticelli, Napoli, dalla polizia, mentre una folla inferocita l’ha accerchiata e si è scagliata contro di lei. Il tentativo di linciaggio è stato innescato dalle urla di una giovane madre che accusa la ragazzina di aver cercato di rapire la figlia neonata. A.V. viene portata a Nisida, dove tuttora – dopo 10 mesi di carcere preventivo e il primo grado di giudizio che l’ha condannata a 3 anni e 8 mesi – si trova.

Appena dopo l’arresto di A.V., gruppi di abitanti di Ponticelli attaccano i campi rom con spranghe e taniche di benzina col pretesto dichiarato di “vendicare” il rapimento della neonata.

L’udienza presso la Corte d’Appello di Napoli ci sembra un occasione per riflettere sulla drammatica vicenda, per interrogarci sulla potenza che gli stereotipi hanno sulla realtà, su come siamo oppressi dal crescente e sempre più violento razzismo.

La vicenda è complessa e include certamente anche la volgarità e la scorrettezza dei media, che hanno dato subito per certa ed assodata la colpevolezza della ragazzina, e hanno addirittura continuato a trasmettere ossessivamente la notizia mentre bande di gente armata di spranghe e molotov assaltava i campi rom con all’interno bambini, donne ed anziani, costringendoli a fuggire.

La disumana ferocia con cui sono state devastate le povere baracche dove vivevano i rom è il frutto di una politica che, con le sue scelte vergognosamente razziste, esaspera senza ritegno le più riprovevoli pulsioni xenofobe, alimenta a proprio uso e consumo una incessante guerra tra poveri e innesca l’inaridimento crescente di valori fondanti la cultura del nostro paese, come la solidarietà, la tutela dei più deboli e l’aspirazione alla giustizia sociale.

In questa situazione, è nostra opinione che il processo ad A.V. avrebbe dovuto essere condotto con il massimo dell’impegno, dell’approfondimento e della trasparenza, con la coscienza dell’importanza e del significato delle decisioni che si andavano ad assumere. Noi denunciamo che tutto ciò non si è verificato e che, al contrario, vi è stato un accanimento giudiziario.

L’avvocato della ragazzina, convinto della sua innocenza e del fatto che il racconto dell’accusatrice e unica testimone presentasse delle incongruenze, ha cercato di impostare un’analisi più approfondita, ma nessuno dei nodi sollevati è stato preso in considerazione.

La sentenza di primo grado si è chiusa con una condanna a tre anni e otto mesi per sequestro di persona consumato con l’aggravante della minorata difesa della persona offesa. Se la sentenza fosse confermata in appello, sarebbe il primo ed unico caso in Italia di un tale tipo di reato da parte di un rom.

Noi riteniamo che l’asprezza della pena rivela la precisa volontà di infliggere una condanna esemplare, cioè ispirata non alla reale concretezza delle prove, ma invischiata di questo clima da caccia alle streghe.

Denunciamo che, anche se paradossalmente la ragazzina fosse colpevole, gravi e inaccettabili sono le violazioni dei diritti fondamentali che ha subito durante il processo, tra cui la mancata traduzione degli atti nella lingua di origine e il rifiuto di concedere il patrocinio a spese dello Stato. E’ inaccettabile, poi e soprattutto, che il Tribunale non abbia voluto concedere nessuna chance formativa e rieducativa ad una minore non accompagnata e, per altro, incensurata.

Il rifiuto da parte del Tribunale di concedere misure alternative alla carcerazione è stato motivato col fatto che non c’è stata alcuna confessione da parte della minore, che infatti si è sempre professata innocente pur sapendo che, se avesse ammesso la responsabilità, sarebbe uscita dal carcere e affidata ai servizi sociali.

Purtroppo, è molto frequente che gli stranieri, consapevoli del clima di pesante pregiudizio che nel nostro paese dilaga, preferiscono addossarsi colpe che non hanno per ottenere sconti di pena. A.V., pur conscia di ciò, ha scelto di continuare ad affermare la propria innocenza. Almeno questo dovrebbe indurci a riflettere.

Aspettiamo con fiducia la decisione della Corte d’Appello di Napoli.

Comitato Campano con i Rom

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/05/2009 @ 09:09:53, in musica e parole, visitato 2118 volte)

Da Romano_Liloro

La Repubblica Ceca prenderà parte al Concorso Canoro Eurovisione 2009, che si terrà a Mosca, dal 12 al 16 maggio 2009.

I Gipsy.cz, che in precedenza aveva preso parte alle finali nazionali ceche sia nel 2007 che nel 2008, sono stati scelti dalla Česká televize (ČT) per rappresentare il paese a Mosca.

"Aven Romale" (Venite Zingari), è la canzone [...] che verrà presentata [testo e video]

Uno dei più grandi talenti apparsi nella Repubblica Ceca durante gli ultimi decenni fa l'impressione di una rivelazione. Il rapper Radosvav "Zingaro" Banga si è unito ad un elite di una squadra zigana guidata dal violinista Vojta Lavička, e - con la nonchalance ed l'eleganza dei leggendari direttori d'orchestra zingari -mixa un esplosivo medley di rap, musica zingara, etno, funky e pop, che - a parte una necessaria porzione di sana aggressività - non manca di humour, un distaccato punto di vista, ed ironia.

Oltre all'influenza degli hiphoper americani, di sicuro ha raccolto impulsi durante i suoi vagabondaggi a Praga, ...
Il seguito su: http://www.ceskatelevize.cz/specialy/eurosong2009/skupina?english=1

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/05/2009 @ 09:07:27, in Italia, visitato 1010 volte)

Ricevo da Sergio Franzese

GRUPPO DI STUDI EBRAICI di TORINO
COMUNITA’ EBRAICA TORINO

organizzano giovedì 14 maggio, alle ore 20,30

presso i locali della comunità, in Piazzetta Primo Levi 12 TORINO

un incontro sul "Porrajmós". Dalla persecuzione nazifascista alle attuali politiche anti-rom (con presentazione del doppio DVD "A forza di essere vento"). Relatore: Paolo Finzi, redattore della rivista anarchica "A"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 06/05/2009 @ 11:42:25, in blog, visitato 1210 volte)

Giugliano (NA), nessun megacampo
"Con il no dell’Assise all’ordine del giorno sulla proposta della Prefettura sulla questione rom c’è il rischio di perdere finanziamenti per milioni di euro". A parlare è Mimmo Di Gennaro, presidente dell’O...

Milano, un ceto politico immaturo
Le sbarre sui Bastioni, alla Rotonda della Besana, per estirpare un pezzo di rumorosa movida. Le cancellate sotto il cavalcavia Bacula, sigillato dopo lo sgombero della favela. Le barriere attorno al Duomo e a Cordusio, all...

San Vittore di Cesena, il punk rock gitano dei Firewater
Al Vidia Club di San Vittore, in via Nazionale 1130, questa sera la musica senza genere nata in un garage di New York. E' un mix di musica indiana, balcanica, messicana, pop e punk quella che invaderà il Vidia clu...

Ungheria, migliaia di persone al funerale di Jeno Koka
Nel cuore dell'Europa centro-orientale tornano episodi e paure di altri tempi, che evocano fasi oscure della storia, in cui discriminazioni e persecuzioni contro le minoranza - etniche o religiose - erano la re...

Mola di Bari, Moni Ovadia in “Senza confini: Ebrei e Zingari”
Venerdì 1 maggio alle ore 21.00 al Teatro Van Westerhout di Mola di Bari, per la stagione dedicata alle “Lingue del Sud” curata dal Centro Diaghilev in collaborazione con il Comune di Mola – Assessorato al...

Milano, abusi edilizi: l'ipocrisia razzista del potere
Mentre il Vice Sindaco di Milano e il Presidente della Provincia di Milano fanno a gara per chiedere la demolizione delle case ai Rom, scoppia in sordina un nuovo caso tangenti a Milano. Cosa è successo? Il Tribunale di Milano ha rinviato a giudizio 19 p...

La difesa della razza
Alcuni brani tratti dalla rivista "La difesa della razza" a cui collaborava anche Giorgio Almirante. "Esiste un punto di spiccata analogia fra la loro vita e quella degli ebrei, in quanto ebrei e zingari rappresentano gli unici gruppi etnici costituiti senza espressione alcuna di vita agricola c...

Milano, piano anti-rom fra traslochi ed espulsioni
Il Comune vuole ridurre del 30 per cento le presenze dei Rom e dei Sinti in città e portarne il numero dai 1.200 censiti a 800: i campi saranno smantellati o ristrutturati, si of...

Perugia, una lite è sfociata in tragedia
Una lite è sfociata in tragedia la sera del 2 maggio. Sono stati arrestati a Vicenza i responsabile della morte di un 14enne di origine rom e di suo padre,...

Premio Ischia, vota anche tu per Step1
Per il trentennale del Premio la Fondazione Giuseppe Valentino ha istituito il Premio Ischia dedicato al mondo del giornalismo partecipato. Da una preselezione di 10 blog - scelti in base alle notizie più rilevanti che sono state prodotte ...

Bolzano, concerto per l'Abruzzo
Le associazioni Nevo Drom e U Giaven invitano tutti al concerto di beneficenza “per le vittime del terremoto in Abruzzo” che si terrà domenica 17 maggio 2009, dalle ore 20.30, presso il teatro Cri...

Ddl sicurezza, salta la norma sui presidi spia
La maggioranza torna sui suoi passi, dopo la lettera del presidente della Camera Gianfranco Fini, e riformula la norma sui "presidi-spia", ammettendo l'iscrizione dei figli di immigrati clandestini a scuola e ritornando alla...

Papini, lolite e meditazione zen...
In realtà sarei tentata da una pagina bianca, un vuoto profondo per fingermi solo per stanotte fuori dal presente. Potrei fissarla a lungo e provare con un OOOMMM prolungato, convinto, a sgombrare la mente, creare uno spazio libero e dormire ...

Roma, il gruppo Pd incontra le associazioni del comitato 'non avere paura'
Oggi, mercoledì 6 maggio, alle ore 14.30 presso la Sala Capranichetta (P.zza Montecitorio 125) le deputate e i deputati del Pd incontreranno pubblicamente le associazioni del comitato 'Non avere paura' promotore...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/05/2009 @ 09:20:58, in Europa, visitato 3615 volte)

Di Alberto Maria Melis, tratto da "La terza metà del cielo"

(foto tratta da "Romà anni 80 e 90 Selargius Cagliari")

Roger Bastide, nel volume "Ethnologie Général, EncycIopedie de la Pléiade", dice che ogni rito "... è un ricominciare ciò che è accaduto nei tempi primordiali, ma non è una semplice commemorazione, abolisce il tempo profano per fare penetrare l'uomo nell'eternità. Il mito rivive, il tempo mistico viene restaurato, ridi viene presente, con tutta la sua forza attiva. Cosicché tutte le feste, tutte le cerimonie, non sono altro che il ricominciare di ciò che è accaduto... La natura e la storia vengono rigenerate mentre sono reintegrate in questo "illo tempore ", che in effetti ha fondato all'inizio del mondo sia la natura che la storia".

Il rivivere di questo mito, la restaurazione di questo tempo mistico, esplode con incommensurabile vitalità quando i Roma cagliaritani festeggiano alcune ricorrenze di carattere religioso, delle quali la più importante e la più sentita è certamente la Festa di Primavera, che si svolge il 6 Maggio e che viene anche chiamata Gurgevdan, cioé Festa di San Giorgio.

È parere di alcuni ziganologi che gli Zingari festeggino le ricorrenze in qualche modo assimilate dalle popolazioni cristiane e islamiche che hanno incontrato lungo la strada dall'India.

Di questa assimilazione sarebbero un esempio i festeggiamenti più noti tra gli Zingari di fede cristiana, quelli cioè relativi al pellegrinaggio che ogni anno essi fanno sino al Santuario di Saintes-Maries-de-la-Mer, in Camargue, dove la leggenda vuole che nel 40 d.c. fossero approdate tre donne, insieme a San Lazzaro resuscitato, a Massimino e a Sidone, su una barca abbandonata in alto mare dagli Ebrei.

Delle tre donne, le cui reliquie sarebbero state riportate alla luce da Re Renato di Provenza nel 1448, gli Zingari ne venerano in particolare una, Santa Sara l'Egiziana, la santa di pelle nera che essi hanno adottato come loro patrona e che dicono fosse della loro stessa razza.

Secondo il De Foletier è probabile che questo culto abbia avuto inizio solo in tempi non troppo remoti e grazie all'identificazione in una santa che come loro era "Kalé", cioè di pelle scura.

Nel caso del Gurgevdan invece le origini sono probabilmente assai più lontane nel tempo e se assimilazioni vi sono state è altrettanto probabile che esse si siano innestate alla perfezione su ricorrenze ancora più antiche.

Il San Giorgio, la Festa di Primavera, come cadenza temporale, si collega ad un periodo che per gli Zingari ha un'importanza fondamentale: viene a morire l'inverno e la Primavera dà inizio ad un nuovo ciclo vitale, le tenebre vengono sostituite dalla Luce, cessa il sonno della natura che si risveglia nella sua nuova esistenza.

Può essere un fatto casuale, o da ricollegarsi ad altre usanze rituali, ma appare opportuno ricordare che anche nel Peloponneso, e parliamo di più di seicento anni fa, gli Zingari del Feudo degli Acingani, nel mese di Maggio, si recavano in festante corteo sino alla residenza del feudatario e qui, tra balli e canti, rizzavano l'Albero di Maggio.

E sono proprio l'albero e l'acqua, come vedremo più avanti, i simboli primordiali della vita, che ritornano con puntualità nelle celebrazioni della Festa di Primavera e in quella, per gli Zingari cristiani, del San Giorgio Verde (altra ricorrenza che si svolge in primavera).

Nel San Giorgio Verde un ragazzo viene "vestito" con rami e foglie di salice, quasi a diventare un albero vivente il cui compito sarà quello di esorcizzare, tra le altre cose, i corsi d'acqua.

Nel Gurgevdan invece i corsi d'acqua e gli alberi trovano una diversa collocazione. Prima di descrivere nei particolari lo svolgersi della festa occorre dire due parole sulla figura di San Giorgio, che nella mistica cristiana è il simbolo della lotta del bene contro il male e di cui si sa, ma con poca certezza, che potrebbe essere stato un guerriero martire a Lydda, in Palestina, sotto l'impero di Diocleziano.

Ma San Giorgio è un santo particolare anche per un altro motivo: egli è l'unico riconosciuto tale sia dai cattolici, sia dagli ortodossi e sia dai musulmani. Viene festeggiato anche nella ex-Jugoslavia e più in generale in tutti i Balcani. Nel Kosovo, il 6 Maggio di ogni anno, i pellegrini si recano alla Roccia di Drahovco, luogo in cui, secondo le leggende locali, San Giorgio arrestò il proprio cavallo sul finire di una dura battaglia. Perito ed assetato venne salvato dall' animale, il quale, battendo gli zoccoli su una grande roccia nera, ne fece sgorgare l'acqua che lo dissetò.

Nei Campi di Cagliari i preparativi per la ricorrenza cominciano solitamente alcuni giorni prima. Tutte le famiglie, anche quelle più povere nelle quali di norma i pasti non sono certo abbondanti, si sono costrette al risparmio perché per il giorno della festa niente venga a mancare.

Gli uomini hanno provveduto per tempo ad ordinare una o più pecore, il piatto più importante dei banchetti, presso i pastori che pascolano le greggi nelle campagne circostanti la città.

La mattina presto, appena sorge il sole, le donne, gli uomini e i bambini più grandi, preparano i fuochi. Mentre il Campo prende vita e il fumo dei fuochi si confonde con la bruma, tutti si scambiano i saluti augurali: un abbraccio e un bacio sulle labbra ripetuto alcune volte.

Poi, mentre le auto sono state agghindate con fiori e pezze di tessuto colorato, ci si prepara ad un breve viaggio: la sua meta è un corso d'acqua, un fiumiciattolo, sito ad una ventina di chilometri dalla città. Quando la carovana di auto giunge sul posto è ancora molto presto e le acque del piccolo fiume sono molto fredde.

Nonostante questo tutti fanno in modo di bagnarsi almeno le gambe; per alcuni minuti, tra grida di gioia e grandi risate, si cammina o si corre nell'acqua, poi ci si avvicina agli alberi che cingono le rive del fiume e ognuno prende alcuni ramoscelli.

Anche i ramoscelli vengono immersi nell'acqua.

Prima di andar via si effettua un brindisi e si scambiano altri saluti augurali. Rientrati al Campo i ramoscelli vengono offerti a quelli che non hanno potuto recarsi al fiume (gli anziani, i malati, le donne rimaste a custodire i bambini più piccoli) e altri vengono posti sulla porta di ogni baracca. L'intera mattinata verrà poi trascorsa nei preparativi per la festa vera e propria, che comincerà nelle prime ore del pomeriggio.

Le pecore vengono uccise, appese sui pali o sui rami degli alberi e accuratamente scuoiate. Poi, ripulite, vengono infilzate su lunghi pali e lasciate un paio d'ore ad asciugare al sole.

Sulla tarda mattinata gli uomini, che hanno già preparato i tappeti di brace, sistemano le pecore sui fuochi e ne curano la cottura, girando ogni tanto i pali per far sì che essa sia ben uniforme. Nel pomeriggio, quando anche gli ospiti gagé sono ormai arrivati al Campo, si dà inizio alla festa.

Non si tratta, in questo caso, di un unico grande banchetto: ogni famiglia prepara nella sua baracca il proprio personale pranzo, che viene sistemato o su lunghi tavoli o su grandi piatti circolari chiamati Tevsie e direttamente poggiati sui tappeti: la pecora arrosto, E Bakri, riveste un significato particolare. Il suo sacrificio, secondo i Roma più anziani, ricorda l'episodio di Abramo e Isacco presente nel Vecchio Testamento ed in qualche modo funge da ringraziamento per le grazie ricevute. Se queste vengono ritenute particolarmente importanti allora il Kurbano (il sacrificio), assume un significato più solenne e con la carne della pecora viene cucinata la Shastimace, il cibo della guarigione.

Esso viene poi offerto a tutte le famiglie del Campo perché ognuno possa partecipare alla gioia del ringraziamento.

Il fatto che ogni famiglia abbia preparato il suo tavolo imbandito non significa affatto che la festa venga celebrata in forma privata.

Infatti, mentre tra le baracche cominciano a risuonare le musiche slave emesse ad altissimo volume dagli altoparlanti, l'intero gruppo si muove compatto e dà inizio ad un'interminabile teoria di visite che lo porterà, di baracca in baracca, a rendere reciproco omaggio a tutte le famiglie del Campo.

Sulla porta di ogni baracca tutti vengono accolti dal capo-famiglia, al quale entrando si rivolge il saluto "Bahatalò givé" (felice giornata) e dal quale si riceve l'augurio "The avé sasto taj bahatalò" (vieni salvo e fortunato).

Il capofamiglia porge poi ad ognuno dei nuovi arrivati un bicchierino di liquore, che viene bevuto tutto d'un fiato prima di accomodarsi sui tappeti. Poi, incrociando le gambe, ci si siede e si fa veramente festa.

Rispetto alla povertà dei pasti di ogni giorno la quantità di cibo messa in mostra appare addirittura spropositata. Oltre alla pecora arrosto, che a volte viene presentata ripiena con patate e riso, vengono offerti altri piatti tipici, come la Pita, un torti no a base di farina, uova e formaggio, o la Sarma, un involtino di foglie di cavolo verde con un ripieno di riso, cipolle, salsa di pomodoro e altre spezie. Altri piatti che veramente vale la pena di assaggiare sono il Suguko, una salsiccia di carne bovina, i Peré Paprike, peperoni scottati al fuoco e poi infarciti con carne macinata, spezie e riso, e la Baklava, un dolce a sfoglia i cui ingredienti sono farina, zucchero, strutto, noci e uva passa. Nel corso di ogni visita tutti badano bene a non esagerare: si assaggia qualcosa per rendere omaggio alla famiglia ma non si dimentica che si è attesi da altre visite e da altri banchetti: tanti quante sono le baracche del Campo.
Più di un vero e proprio pasto si tratta insomma di una forma di convivialità che si esprime nei canti, nelle chiacchiere, nelle risate, nella gioia di un'intensità rara a trovarsi e che traspare con forza dai visi segnati da rughe precoci.

È in questo momento che l'ospite gagé, frastornato e reso partecipe della stessa gioia, capisce con quanta forza gli Zingari vivono la propria vita oltre tutte le difficoltà alle quali sono sottoposti nella quotidianità.

Tra una visita ad una famiglia e ad un' altra, ma a volte anche durante i banchetti, si svolgono i Celipé: uomini e donne, gli uni vestiti spesso di bianco e le altre coi loro migliori e più sgargianti abiti, danzano il Kolo (molto simile al Su Ballu Tundu sardo) o l'Ingra Indja. A volte, ma solo per pochi intimi, viene ballato un ballo che ricorda la danza del ventre turca e che appare di rara bellezza e plasticità di movimenti.

Così la festa va avanti per ore e ore sino al tramonto del sole.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/09/2019 @ 03:38:51
script eseguito in 159 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2414 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source