Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 07/02/2009 @ 09:30:09, in casa, visitato 1515 volte)
Questo lungo articolo mi è stato segnalato da Betty un po' di tempo fa. Per cause non dipendenti dalla mia volontà posso ripubblicarlo solo adesso, mi scuso con l'interessata.

Tratta dal blog del circolo pasolini di pavia che a sua volta lo mutua da internazionale

L'intelligenza che si sporca le mani
Francesco Careri e una casa vera per i Rom  di Michael Braun

[Architetti pavesi che scrivete lettere firmate in massa per sostenere colleghi progettisti di brutture senza appello, vi invito a leggere quest'articolo e valutare un po' quale sia il miglior e più adeguato contributo che potreste dare a questa città. Anche in termini di civiltà, dello spazio si intende. E quale occasione sarebbe stata se qualcuno di voi si fosse fatto vedere alla ex Snia durante quel lunghissimo 2007 (irene campari)]

Campi nomadi, vecchie fabbriche, casali diroccati. Un architetto romano studia le aree degradate della città per riqualificarle. Rispettando le persone che ci abitano.

"Non aspettarti niente di che!”, dice Francesco Careri al telefono spiegando la scelta del locale. E infatti il ristorante Al biondo Tevere, sulla via Ostiense a Roma, è uno di quei posti popolari e senza pretese dove si mangia con pochi soldi. Una scelta adatta – penso tra me e me – a un architetto che, invece di partecipare ai grandi concorsi, lavora nei campi rom della capitale. Careri m’incuriosisce proprio per questo. Non avevo mai sentito parlare di un architetto che andasse nei campi rom, tra misere baracche e squallidi container, con il progetto di costruire delle case vere, belle, spaziose e funzionali, spendendo poche migliaia di euro. “Vengo spesso a mangiare qui”, spiega Careri mentre cerca inutilmente di dare un ordine ai suoi capelli arruffati, “perché è a due passi dalla sede dell’associazione Stalker”.
E poi non è un posto qualunque: qui Elsa Morante ha scritto La storia, qui hanno girato alcune scene di Bellissima con Anna Magnani, qui Pasolini si è fermato a cena con Pino Pelosi il giorno prima di essere ucciso a Ostia. Nomi che raccontano un’epoca in cui i grandi intellettuali si interessavano alle vicende di chi viveva ai margini della società, di chi abitava nelle baracche, nelle borgate. Oggi gli intellettuali, gli artisti, gli studiosi guardano altrove. A parte qualche rara eccezione, tra cui Francesco Careri. Si mette a ridere quando gli chiedo se è vero che come architetto non punta a costruire niente. Certo, mi spiega, non progetta palazzine per ricchi, non ha voglia di finire sulle riviste di architettura e non è neanche interessato a costruire delle “sculture senza significato”, come definisce i lavori dei grandi architetti. “Ma non m’interessa neanche battermi contro tutto questo”, precisa.

Un nucleo indipendente

Quando racconta la sua vita da studente cambia soggetto, usando il “noi”. Per “noi” intende chi ha partecipato al movimento della Pantera nel 1990, che ha portato alle occupazioni di molte università in tutto il paese: “Il nostro movimento è stato sottovalutato, ma ha segnato tutta una generazione”. Pochissimi sono entrati nei circuiti della politica istituzionale, alcuni sono finiti nei centri sociali, altri – come lui – non hanno preso tessere di partito, ma hanno continuato a essere critici e a parlare in modo indipendente. Da questo nucleo di studenti di architettura nasce Stalker. Careri indica l’altra sponda del Tevere, che vediamo dalla finestra del ristorante. “Lì, nel 1993, Stalker ha fatto la sua prima azione”. A quei tempi la riva del fiume era coperta da cespugli, rovi e spine. I ragazzi di Stalker occuparono il terreno per creare un parco abusivo, “un parco wild”, dice Careri con gli occhi che gli brillano. Poi, invitarono degli artisti e organizzarono delle feste. Una prima esperienza che si ripeterà nel tempo. Dopo aver capito che c’erano delle parti di Roma ancora da sfruttare, altri hanno copiato l’idea. In seguito quel tratto di riva del fiume è stato disboscato e ci hanno costruito la pista ciclabile: il paesaggio wild amato da Careri non c’è più. Da allora il collettivo Stalker non si è più fermato, nel vero senso della parola. Scoprire la città camminando è il motto dell’associazione. Scoprire quella parte di Roma sconosciuta a molti romani, ma dove abitano molti emarginati, e fatta di aree abbandonate, di casali diroccati, di fabbriche dismesse. Il campo Boario, un grande spazio di fronte all’ex mattatoio di Roma, è vicinissimo al centro, ma nel 1999 era completamente abbandonato, come “un buco nero nella città”. Questa volta Careri e gli amici di Stalker non si accontentano di “andare, vedere, capire”. Decidono di intervenire sul tessuto sociale di quel luogo, dove c’è già un centro sociale, una baraccopoli di senegalesi e marocchini, e un grande campo dove i rom kalderash tengono le roulotte. Insieme a un gruppo di curdi creano il centro culturale Ararat. I romani, così, scoprono il mattatoio. E il comune ci mette le mani. L’ex sindaco di Roma, Walter Veltroni, trasforma l’area in una Città delle arti e inaugura, ironia della sorte, una Città dell’altra economia. Ma prima manda via i rom. “Come se loro non fossero l’altra economia per eccellenza”, fa notare con rabbia Careri, perché la comunità di rom istriani era perfettamente integrata nel quartiere. Veltroni avrebbe fatto meglio a valorizzare quest’esempio positivo di insediamento rom nella città, invece di cacciare i nomadi in periferia. Ancora una volta, Stalker e quelli che gravitavano intorno al campo Boario sono espropriati delle loro idee per trovarle realizzate da qualcun altro e, allo stesso tempo, snaturate. Il bilancio per Stalker è negativo: “Siamo stati l’elemento attraverso cui la città è entrata in una realtà per mandare via tutti quelli che ne facevano parte”. Ma Careri non si arrende: “Noi siamo già altrove”. Altrove è dalle parti di Corviale, un palazzone mostruoso lungo un chilometro, dove vivono diecimila persone. Completato nel 1983, fu presentato come un esempio di “architettura moderna, sociale, rivoluzionaria”.
Ma fu subito dimenticato da politici e architetti, e lasciato senza servizi. In poco tempo è diventato sinonimo di degrado urbano. “La gente si vergognava di dire che abitava al Corviale perché tutti pensavano che lì vivessero solo ladri e drogati”, racconta Careri. Con l’aiuto degli abitanti, Stalker mette su una tv di quartiere per raccontare l’altro Corviale, quello di chi ci vive, “gente normalissima” ma percepita come lontana dal modello sociale dominante.

Passeggiata istruttiva

Oggi gli esclusi per eccellenza sono i rom. Careri li incontra di nuovo nel 2005. Nel frattempo è diventato ricercatore del Dipartimento di studi urbani dell’università Roma Tre. Organizza un seminario itinerante e porta i suoi studenti sulle sponde del Tevere. Fa camminare i ragazzi per più di cinquanta chilometri da Ostia a Prima Porta, scoprendo 54 insediamenti piccoli e grandi. Più di duemila persone vivono in tende o in baracche poverissime. Tre anni fa “l’emergenza rom” era ancora lontana e il sindaco Veltroni negava l’esistenza dei campi lungo il fiume. Non sono lontani invece i piani per risolvere definitivamente il problema della sistemazione dei rom in città. Careri fa una smorfia quando parla di “campi della solidarietà”, lasciando intendere l’ipocrisia linguistica che si nasconde dietro i progetti dell’amministrazione Veltroni. Un esempio è il megacampo di Castel Romano, fuori Roma: “Milleduecento persone chiuse in container, intorno a loro neanche un albero, solo ghiaia e polvere”. Da qui nasce l’idea del Savorengo Ker (“casa di tutti”, in lingua romanes), come alternativa radicale alla politica che vuole rinchiudere i nomadi in insediamenti spostati sempre più nelle estreme periferie. Per il suo progetto Careri sceglie il campo Casilino 900, dove da decenni centinaia di rom vivono nelle baracche in mezzo al fango. Careri fa i calcoli in un minuto: un container di 32 metri quadri, che secondo le norme vigenti è sufficiente per sei persone, costa 22mila euro. La “casa di tutti” può costare molto meno e offrire molto di più. Una decina di rom e altrettanti studenti si mettono al lavoro. “Non abbiamo progettato niente”, ride Careri, “la casa è venuta fuori così”. Stalker si è limitata ad ascoltare. “I rom sanno costruire le case”, dice Careri, sottolineando la loro capacità di riciclare i materiali per farne lavandini, finestre, pavimenti. Le foto mostrano una costruzione in legno a due piani, un ampio terrazzo, una scala esterna, “un po’ stile Dallas, come una telenovela”, scherza l’architetto. Comunque è (o meglio “era”) molto più bella del container: è una vera casa in legno di 70 metri quadri, che è costata solo ottomila euro. Savorengo Ker potrebbe diventare un modello, se solo qualcuno fosse interessato a considerare i rom come qualcosa di diverso da un “problema da risolvere”. La casa ha provocato subito reazioni negative. Nessun rappresentante delle istituzioni ha partecipato all’inaugurazione e il municipio (il cui presidente è dei Comunisti italiani) ha fatto fermare i lavori a causa delle proteste degli abitanti del quartiere.
Alla fine la casa è stata misteriosamente incendiata. “Destra, sinistra… quando si parla di rom l’odio è trasversale”, afferma Careri. Di Savorengo Ker è rimasto solo un mucchio di legno annerito. Ma Careri è sicuro che il progetto ha dimostrato molte cose: “La maggior parte dei rom non è nomade ma vuole una casa vera. L’integrazione si raggiunge con la cooperazione tra rom e gagé (i “non zingari”) e non con i progetti che ghettizzano i nomadi. I campi devono essere chiusi. E sostituiti da programmi che aiutino i rom a costruirsi le case da soli”. Il sindaco Gianni Alemanno è deciso ad andare avanti sulla strada “spianata da Veltroni”, che prevede la creazione di nuovi grandi campi. “Magari li faranno con le case in legno, costruite dai rom. Ma non sarebbe la nostra soluzione”. Careri teme solo una cosa: che, ancora una volta, le sue idee vengano prese e snaturate.

Michael Braun è il corrispondente dall’Italia della Tageszeitung di Berlino.

"Internazionale", n. 778
venerdì, 16 gennaio 2009 -
alle ore 15:07 *** link al post *** commenti

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/02/2009 @ 09:40:52, in Europa, visitato 1638 volte)

Da Bulgarian_Roma

Il Gruppo Socialista del Parlamento Europeo ha espresso oggi le sue profonde preoccupazioni sul linguaggio usato dal leader del principale partito di opposizione in Bulgaria, il GERB, membro del Partito Popolare Europeo (EPP).

Ha detto Jan Marinus Wiersma, vice-presidente del Gruppo: "Le ultime dichiarazioni di Boyko Borisov si riferiscono a Turchi, Rom e pensionati come "cattivo materiale umano". Queste arrivano dopo una serie di dichiarazioni discriminatorie e minacce contro i Turchi e gli omosessuali. Ciò descrive una piattaforma politica che assomiglia alla piattaforma nazista sulla purezza della nazione.

"Fin quando ogni dichiarazione di sorta non sarà seguita da scuse e da dichiarazione riparatorie, chiediamo all'EPP di prendere le misure appropriate o di distanziarsi da un partito che ha già attraversato la linea invisibile tra il populismo di estrema destra e l'estremismo."

6 February 2009: Contact Tony Robinson +32-475-257410 or David Poyser on +32-476-540886 www.socialistgroup.eu

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

  Comunicato stampa di Emergency

A oggi, in Italia, una legge vieta al personale sanitario di denunciare gli immigrati conosciuti per ragioni di cura, anche se la loro presenza in Italia non fosse regolare.
Un emendamento approvato al Senato intende sopprimere questa norma.
Si metterebbero così gli individui nella condizione di scegliere fra l'accesso alle cure e il rischio di una denuncia; si spingerebbe parte della popolazione presente in Italia nella clandestinità sanitaria, con grandi rischi per sè e per la collettività.

Si vuole affidare ai singoli medici la scelta se garantire lo stesso diritto alla cura a tutti gli individui, nel miglior interesse del paziente e nel rispetto del segreto professionale, oppure se esercitare la facoltà di denunciare i loro pazienti "irregolari".

Secondo tutti i medici che ho conosciuto e apprezzato, l'unico modo giusto e civile per fare medicina è garantire a tutti la miglior assistenza possibile, senza distinzione alcuna riguardo a colore della pelle, sesso, convinzioni politiche, religiose o culturali, nazionalità o status giuridico.
Questo è il modo in cui Emergency ha lavorato, per quindici anni in tredici diversi paesi, curando tre milioni di persone senza distinzioni. Questo è il modo con cui continuiamo a lavorare, anche in Italia, nel Poliambulatorio per migranti e persone indigenti di Palermo.

Anche di fronte all'inciviltà sollecitata da una norma stolta prima ancora che perversa, sono certo che i medici italiani agiranno nel rispetto del giuramento di Ippocrate, nel rispetto della Costituzione e della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
Nel rispetto, soprattutto, di chiunque si rivolga a loro avendo bisogno di un medico.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/02/2009 @ 09:51:38, in Italia, visitato 1609 volte)

Ricevo da Eugenio Viceconte: Complimenti alla Federazione Rom e Sinti Insieme, è l'unica buona notizia di oggi.

(OMNIROMA) Roma, 07 feb - Si sono riuniti questo pomeriggio una trentina di giovani esponenti dei campi rom della Capitale per dare vita a un coordinamento di auto rappresentazione che darà il via ad alcune iniziative culturali ed elaborerà una carta dei diritti e dei doveri per gli abitanti degli insediamenti. "Sono venuti da Casilino 900, Arco di Travertino, Ciampino, Salone e Gordiani per discutere insieme per la prima volta in maniera autodeterminata di noi stessi e del nostro futuro - ha detto Graziano Halilovic, ex-abitante del campo rom di Ciampino, sposato con una donna italiana con cui vive a Tor Lupara - abbiamo capito che è ora di risvegliarci e di prendere le decisioni per poter superare quella per molti di noi, discriminati da una vita, il nostro essere rom sembra quasi una vergogna. Dobbiamo essere fieri di essere rom e per questo porteremo avanti la nostra battaglia sui nostri diritti ma anche sui nostri doveri". In calendario ci sono già alcune iniziative: l'8 marzo verrà festeggiata la Giornata della donna, l'8 aprile, la Giornata internazionale dei rom.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/02/2009 @ 09:12:34, in musica e parole, visitato 1897 volte)

Venerdì 13 febbraio h. 20.30 - Camera del Lavoro di Milano, corso di Porta Vittoria

Camera del Lavoro di Milano, Opera Nomadi, Federazione Rom e Sinti insieme, Casa della cultura di Milano vi invitano
in occasione della GIORNATA DELLA MEMORIA

Shoah e Porrajmos
Piccoli ricordi di un tempo atroce

con
Dijana Pavlovic e Tatiana Olear

Violino Marta Pistocchi fisarmonica Jovice Jovic e Mario Ruggeri

Con partecipazione di:
Allievi Centro Propedeutico Paolo Grassi: Martina Testa, Luca Solesin, Marta Calbi, Rudi Salpietra

Elementi scenici e attrezzeria
Centro Diurno “Desi 3” U.F.S.M.A dell’ ASL 3 di Pistoia:
Franca Dolfi, Marco Mungai, Simone Benini, Stefano Palagi, Stefano Frotti, Cristina Barni, Alessio Cartini, Chiara Betti, Patrizia Cusimano

Lo spettacolo sarà preceduto dalla proiezione del documentario
“A forza di essere vento”
a cura di Opera Nomadi

testimonianze di
Moni Ovadia
Ferruccio Cappelli, Casa della Cultura di Milano
Mirko Bezzecchi, superstite Rom dei campi di concentramento
Corrado Mandreoli, Camera del Lavoro

Tamara Lazerson, quattordicenne ebrea, internata a Teresien, racconta nei suoi diari la sua vita di adolescente tra dramma quotidiano e sogni del futuro possibile. Barbara Richter, sinta, internata quindicenne nello Zigeunerlager di Auschwitz-Birkenau, ha lasciato la testimonianza della sua lotta per la sopravvivenza. Due storie che ci parlano dello sterminio che ha colpito il popolo ebreo e il popolo rom e sinto e che aveva per entrambi la logica dell’annientamento su base razziale. Sono anche, attraverso gli occhi di due adolescenti, lo specchio di due modi diversi di vivere lo stesso orrore.

Gli uomini si abituano a tutto e i ricordi sono destinati a svanire.

Noi siamo qui ogni anno perché non si perda mai la memoria di ciò che è avvenuto. Vogliamo usare l’occasione di quest’anno per riportare alla memoria quella che poteva essere la semplice quotidianità di persone che ogni giorno cercavano di resistere ad una specie di atroce dissolversi della propria vita: i tentativi di sottrarsi e le diverse modalità di intravedere una speranza, il lento lasciarsi travolgere dal dolore e di nuovo la voglia di combattere senza armi, senza bandiere, solo con la propria volontà e la propria fantasia. Proveremo a raccontare i sogni dei bambini che si costruivano amici di legno e cencio cui raccontare le proprie paure e gli espedienti dei grandi che, deprivati di tutto, si nascondevano nella memoria dei propri passati lavori, dei propri amori dei propri passatempi … in qualsiasi cosa potesse mantenerli vivi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/02/2009 @ 09:13:26, in musica e parole, visitato 1576 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

12 Febbraio 2009, ore 22 ARCI CICCO SIMONETTA, Via Cicco Simonetta 16 (zona conca del naviglio) Milano www.ciccosimonetta.org
Serata danzante di musica balcanica e rom



Muzikanti -di BalVal, fisarmonica, violino & sevdah
Ingresso 4 euro con tessera arci (chi deve fare la tessera non paga l'ingresso!)

I Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture, che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso e vitale.

Fonte d’ispirazione primaria del loro repertorio è la musica Rom, espressione artistica di un popolo che sa riunire in una voce sola i diversi caratteri dell’Europa balcanica.

Ritmi incalzanti, intervalli orientaleggianti e virtuosismi si alternano a melodie struggenti dal potere evocativo, in una combinazione di esotismo ed energia che emoziona ogni tipo di pubblico.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/02/2009 @ 09:44:54, in Regole, visitato 1403 volte)

Ricevo da Ernesto Rossi

Gentili amiche e amici, vi prego di prendere in seria considerazione il testo allegato. Esso proviene da un’autorità dello Stato e rappresenta la volontà del governo italiano in carica.

Ma vi prego anche di considerarne il contenuto e il significato. E le conseguenze umane e materiali.

Se questo testo venisse applicato così come è scritto, questo significherebbe, per la prima volta in Italia, un formale –e sostanziale- aggravamento delle condizioni dei cosiddetti zingari.

In Lombardia, per quanto concerne l’autorità del commissario straordinario da cui proviene; per altri luoghi, se già non è avvenuto, solo un’anticipazione (Milano, si sa, è, o era, la capitale morale del paese) di quello che potrebbe accadere/accadrà a questa popolazione.

Nei lunghi anni ormai, da che lavoro con loro, quasi quindici, ho visto troppe volte una loro somma d’investimenti di vita –lavoro, percorsi scolastici, ricerca di soluzioni abitative, tentativi di partecipare alla società ‘dominante’- ridotti allo zero da semplici provvedimenti amministrativi, quando non dal solo atteggiamento ostile di chi doveva applicare leggi e regolamenti.

Questa è la tolleranza sottozero.

Finalmente, secondo come si esprimono, insensatamente, le Autorità, anche l’Italia avrà i suoi NOMADI.

Ernesto Rossi

PS: Il regolamento è scaricabile dall'Area approfondimenti e documenti

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/02/2009 @ 09:29:35, in Europa, visitato 1284 volte)

Da Czech_Roma

Czech-netz Society News

05/02/2009 - Michael Kocáb, ministro per i diritti umani, sta tentando di mantenere una delle promesse fatte in pubblico prima di accedere alla sua attuale posizione. Recentemente ha condotto le trattative per l'acquisto dell'infrastruttura ricreativa situata in una proprietà vicino a Hodonín u Kunštátu dove c'era un campo concentramento per Rom usato durante la II guerra mondiale.

La soluzione della situazione attuale è prioritaria per l'ufficio governativo per i Diritti Umani e le Minoranze Nazionali, perché il sito dove molti soffrirono e perirono non è un posto per attività ricreative. Secondo le informazioni fornite da Aktuálně.cz, Alena Vojtová, proprietaria del complesso ricreativo, concorda con questa proposta. "Ho detto io stessa al governo che avevo intenzione di vendere una vasta sezione del complesso. Sono pronta a vendere," ha detto al giornalista.

Quando il ministro raggiungerà l'accordo, il governo dovrebbe discutere la questione nella sua prossima sessione. Quindi il gabinetto di Mirek Topolánek dovrebbe firmare il progetto per risolvere il futuro di questa proprietà. Petr Koubek, segretario di Michael Kocáb, ha detto "Dovrebbe sorgere un centro educativo, focalizzato sulla cultura Rom. Dovrebbe costare circa dieci milioni di corone. Ma non siamo ancora certi di poter ottenere quella somma."

Il campo aveva una funzione correttiva nel 1939 per il governo cecoslovacco prima dell'occupazione nazista. Nel 1942 fu modificato in campo di concentramento per Rom come anticamera alle camere a gas di Auschwitz. Nel periodo della sua esistenza (sino al 1944), 1.396 persone passarono per il campo di Hodonín u Kunštátu.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 10/02/2009 @ 09:35:59, in conflitti, visitato 1277 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/02/2009 @ 09:47:33, in blog, visitato 1126 volte)

Buongiorno a tutti
a causa problemi tecnici del sito www.amaliperomano.helloweb.eu abbiamo dovuto cambiare, vi segnalo il sito nuovo.
a presto
qui sotto il nuovo indirizzo del sito web.

http://www.amaliperomano.altervista.org

Demir Mustafa

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


21/10/2020 @ 23:34:55
script eseguito in 154 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1187 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source