Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 30/01/2011 @ 09:18:41, in blog, visitato 1601 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/01/2011 @ 09:52:37, in Europa, visitato 1618 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/01/2011 @ 09:40:23, in Italia, visitato 1442 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/01/2011 @ 09:06:07, in Italia, visitato 2223 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/01/2011 @ 09:02:32, in Kumpanija, visitato 2458 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/01/2011 @ 09:57:56, in Kumpanija, visitato 1544 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/01/2011 @ 09:52:35, in Italia, visitato 1703 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/01/2011 @ 09:49:56, in Europa, visitato 1580 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

wsws.org by Elisabeth Zimmermann

19/01/2011 - Il villaggio di Mayen, vicino alla città di Coblenza nello stato tedesco della Renania-Palatinato, è governato da un'amministrazione socialdemocratica (SPD). Una famiglia rom originaria del Kosovo viveva a Mayen dal 1999. Nonostante la grave malattia di una dei suoi componenti, la signora Borka T., l'intera famiglia è stata deportata in Kosovo in condizioni inumane, all'inizio di dicembre. Appena un mese dopo, la signora T. è morta di emorragia cerebrale.

Alle prime ore del 7 dicembre, la polizia ha portato via dalla loro casa a Mayen la signora Borka T. con suo marito e loro figlio Avdil di 14 anni. Furono dati loro solo 30 minuti per raccogliere un po' di loro cose personali.  Furono scortati dalla polizia all'aeroporto di Düsseldorf e con altri rifugiati deportati a Pristina, capitale del Kosovo.

La signora Borka era stata visitata all'aeroporto di Düsseldorf da un dottore il cui compito era dare l'ok alla sua deportazione. Lo specialista che l'aveva in cura, le aveva diagnosticato disturbi post-traumatici da stress, depressione e nevralgie. A causa di questi sintomi, riceveva farmaci e terapie regolari col supporto della Caritas. Questi fatti erano conosciuti ma sono stati ignorati dagli incaricati all'aeroporto.

Le condizioni di difficoltà della donna sono state spazzate via dall'amministrazione locale di Mayen-Coblenza, che ha ordinato la deportazione della famiglia. Il tribunale amministrativo di Treviri ha poi confermato la deportazione, ben sapendo che per la donna in Kosovo non esisteva alcuna possibilità di cura.

L'amministrazione di Mayen-Coblenza da parte sua ha negato ogni responsabilità anche dopo l'annuncio della morte di Borka T. all'inizio di quest'anno. Un portavoce ha semplicemente dichiarato che l'autorità si appoggiava sul giudizio del tribunale amministrativo di Treviri, che affermava c'erano possibilità di cura in Kosovo. Il portavoce ha smentito qualsiasi correlazione tra la mancanza di medicine e la morte della donna come assurda, dichiarando con cinismo: "L'emorragia intercranica è sempre una possibilità".

L'avvocato della famiglia, Jens Dieckmann, ha emesso il 7 gennaio un comunicato stampa, che descrive la traumatica esperienza in Kosovo della famiglia e la susseguente brutale deportazione di Borka T. e della sua famiglia:

"Nell'ottobre 1999 la signora T. arrivò in Germania con la sua famiglia. Precedentemente avevano vissuto a Mitrovica, la città del Kosovo al centro dei combattimenti (nella guerra jugoslava) che fu divisa (e rimane divisa) tra Serbi e Albanesi del Kosovo. Assistette alla distruzione  della sua casa durante la guerra e alla morte di molti tra vicini, amici e parenti. La signora T. e la sua famiglia sono membri del gruppo etnico rom e rimasero intrappolati nella guerra del fuoco incrociato tra Serbi e Albanesi. Gli Albanesi espulsero da Mitrovica la famiglia della signora T., assieme ad altri Rom, accusandoli di collaborazione coi Serbi. In seguito la famiglia fuggì dalle rovine di Mitrovica."

"Dalla fuga da Mitrovica, dove la signora T. fu testimone di case in fiamme ed innumerevoli morti e feriti, soffriva di stress post-traumatico. Perciò in Germania era sottoposta a cure specialistiche e col supporto della Caritas seguiva una terapia specifica per i traumi."

Poi l'avvocato continua descrivendo come il tribunale di Treviri ha deciso sulla deportazione, anche se era pienamente consapevole della sua condizione. Ignorando le ragioni umanitarie per negare la deportazione, la corte ha invece preferito fare affidamento sulle informazioni completamente errate del ministero degli esteri, secondo cui la donna sarebbe stata seguita da specialisti in Kosovo e avrebbe avuto cure immediate.

In realtà, le condizioni reali a Pristina erano molto differenti. Qualsiasi giustificazione da parte delle autorità tedesche di non aver potuto prevedere la mancanza di strutture sanitarie in Kosovo è completamente insostenibile.

Diversi studi e relazioni di organizzazioni di aiuto ai rifugiati, come Pro Asyl e l'UNICEF, hanno documentato la disperata situazione politica e sociale in Kosovo.

Ci sono solo circa 300.000 posti di lavoro per il 1.800.000 di abitanti del Kosovo, ed il tasso ufficiale di disoccupazione è del 45%. Per le comunità rom e askali, il tasso varia dal 95 al 100%. Virtualmente non c'è una forma di sostegno per i disoccupati, e l'assistenza medica è disponibile solo a chi possa pagare. Anche l'istruzione è correlata al pagamento delle tasse. Il sistema agricolo della provincia non è competitivo, e non esiste un settore produttivo significativo. La principale esportazione del Kosovo sono i rottami metallici.

In un rapporto del Consiglio d'Europa, il Kosovo è descritto oggi come una terra dominata dalle "mafie e dal crimine organizzato". Il comandante dell'ALK ed attuale primo ministro, Hacim Thaci, è accusato di guidare un cartello criminale coinvolto in omicidi, prostituzione e traffico di droga. (Cfr. "Washington's "humanitarian" war and the crimes of the KLA")

Quando la famiglia T. tornò a Pristina non c'erano dottori, impiegati di lingua tedesca dell'ambasciata o operatori umanitari ad incontrali. Dopo aver completato le formalità di immigrazione, la famiglia venne completamente abbandonata. "Potete andare dove volete," fu detto loro. L'unico denaro in loro possesso erano 220 euro.

All'arrivo, la signora T. subì un attacco di panico e dichiarò che non sarebbe tornata a Mitrovica. Poi la famiglia si fece due ore di taxi fino ad un fratello della signora T. nella Serbia meridionale. Là, circa 40 membri della famiglia vivono in baracche attrezzate poveramente. Ogni unità ha un angolo cottura ed una stanza dove tutti mangiano e la notte si dorme per terra. Non ci sono attrezzature adeguate per bagno o doccia.

Il figlio quattordicenne Avdil, che in Germania viveva e frequentava la scuola dall'età di tre anni, era totalmente scioccato dalla povertà che lo circondava. Non avendo alcuna conoscenza della lingua, non aveva lì alcuna possibilità di andare a scuola.

Vistasi negate cure mediche e farmaci, la signora Borka T. collassò rapidamente dopo Capodanno. Venne portata in una clinica a Kragujevac dove entrò in coma per poi morire di emorragia cerebrale.

La tragica morte della signora Borka T. è un altro schiacciante atto d'accusa del sistema tedesco di asilo e deportazione. Ogni anno, migliaia di persone che soffrono di gravi malattie vengono deportate verso i loro paesi di origine. In molti casi, hanno vissuto per anni o addirittura decenni in Germania. Dove, è stato negato loro il diritto di soggiorno permanente e vivono in uno stato di insicurezza permanente.

Molti di questi deportati sono bambini nati in Germania e cresciuti nel paese. Questi bambini sono brutalmente strappati dalle loro scuole, dall'ambiente familiare e dagli amici e deprivati di ogni prospettiva futura.

Anche per queste circostanze, era interamente di competenza dell'amministrazione di Mayen-Coblenza garantire un permesso di residenza per motivi umanitari alla famiglia T. Appena due settimane prima della deportazione di una famiglia, la conferenza dei ministri degli interni aveva emesso un decreto che rendeva possibili decisioni simili. Tuttavia, lo stato della Renania-Palatinato ha deciso di applicare il regolamento solo il 23 dicembre, a più di un mese dall'emanazione.

Nella sua lettera del 7 gennaio alla stampa, l'avvocato della famiglia ha sollevato alcune questioni vitali:

  1. Perché non ci sono stati esami medici alla signora T. immediatamente prima della sua deportazione?
  2. Perché all'aeroporto di Pristina non erano presenti specialisti o organizzazioni di soccorso, quando le autorità tedesche sapevano che quel giorno veniva deportata una donna con problemi mentali?
  3. Perché lo stato della Renania-Palatinato non si è unito al bando della deportazione di Rom verso il Kosovo, come ad esempio lo stato del Nord Reno-Westfalia? Il governo di Düsseldorf aveva preso la sua decisione sulla base primaria del parere del ministro degli esteri e delle informazioni che descrivevano la catastrofica situazione dei Rom in Kosovo.
  4. Perché non è stata fermata la pratica delle deportazioni in seguito alla decisione della conferenza dei ministri degli interni del 19 novembre 2010? Durante la conferenza, venne concordato che poteva essere rilasciato un permesso di residenza ai rifugiati che si erano integrati correttamente e sarebbero stati protetti dalle deportazioni almeno i ragazzi sino a 18 anni. Avdil ha frequentato per anni la scuola e senza dubbio aveva soddisfatto i criteri stabiliti.

Secondo il suo insegnante, Avdil era un bravo studente, laborioso e curioso, popolare tra i suoi compagni. Nondimeno, lui e la sua famiglia furono brutalmente deportati.

D'altronde, questa crudeltà burocratica è intenzionale. Le deportazioni in Kosovo sono l'obiettivo dichiarato dell'accordo firmato il 14 aprile 2010, tra il ministro tedesco degli interni Thomas de Maiziere (CDU) e la sua controparte kosovara, Bajram Rexhepi. Impegna il Kosovo ad accettare 14.000 rifugiati dalla Germania. Oltre a più di 10.000 Rom, la cifra include anche Askali, Egizi kosovari e membri della minoranza serba del Kosovo.

La maggior parte dei Rom fuggì dal Kosovo nel 1999 durante la guerra NATO contro la Jugoslavia. Se la dottrina ufficiale della NATO era di proteggere gli Albanesi kosovari dagli attacchi serbi e dalla "pulizia etnica", la guerra condotta dalla NATO e dalla UE alimentò i nazionalismi etnici e contribuì alla campagna di cacciata delle minoranze serbe, rom ed askali dal Kosovo. Alcuni fuggirono in Serbia, Macedonia e Montenegro, ma molti cercarono asilo nell'Europa occidentale o sperarono di essere riconosciuti come rifugiati dalle guerre civili. La maggior parte delle richieste asilo in Germania sono state respinte.

Ora, molti di quanti hanno fatto ingresso nel paese sono stati deportati, nonostante il freddo inverno nel Kosovo distrutto e dilaniato dalla guerra. Le persone di ritorno incontreranno povertà, esclusione sociale e carenza di alloggi. Molti che mancano di assistenza medica adeguata soffriranno di malattie e per alcuni, come la signora Borka T., la deportazione significa morte.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/01/2011 @ 09:06:08, in Italia, visitato 1293 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Marylise Veillon (del 24/01/2011 @ 08:59:02, in Kumpanija, visitato 2671 volte)

Da Mundo_Gitano

Uno dei gruppi meno conosciuti del nostro paese sono i gitani. Sappiamo di loro, li abbiamo visti, ma non sappiamo quando arrivarono in Perù né come vivono, né quali sono i loro costumi. Carlos Pardo-Figueroa laureato alla PCUP e docente alle Università Ricardo Palma e di Ceprepuc, ha realizzato un'inchiesta interessante che unisce documentari ed etnografia.

Per conoscere meglio la storia dei gitani in Perù, ripropongo l'intervista che fece "Punto Edu" alcuni giorni addietro.

Plaza San Martín (Lima, anni 60)

Qual'è la storia dei gitani in Perù? Ce lo racconta questo ricercatore dell'Istituto Riva-Aguero e membro della Gypsy Lore Society, istituzione internazionale di studi gitani.

A partire di 1951, l'Istituto Riva-Aguero della nostra Università, offre tre borse di studio per la ricerca, a membri ordinari della suo istituto. Nel 2007, tra i beneficiari c'era Carlos Pardo-Figueroa Thays, per il suo progetto sui gitani nel nostro paese. Iniziò a lavorare nel gennaio 2008, raccogliendo informazioni orali tramite interviste e attingendo ad archivi giornalistici. Poi, dopo l'elaborazione dei dati di carattere etnografico, sintetizzò i suoi risultati in un "essai"il quale fu completato con del materiale audiovisivo di matrimoni, feste d'addio al celibato, il quale rifletteva le tradizioni dei gitani in Perù.

L'inchiesta si è conclusa nel novembre scorso e si spera di farne un libro.

Quali sono gli obiettivi di questa indagine?

Abbiamo due obiettivi principali. Il primo, storico è di approfondire la conoscenza di questa etnia così poco conosciuta nel nostro paese: come arrivarono, si stabilirono e divennero peruviani. Poi, ho proposto un'inquadratura di carattere etnografico e antropologico: descrivere alcuni elementi fondamentali della cultura dei gitani (matrimonio, religione, cibi, musica, parentado). Per questo ho proposto che dei due assistenti di ricerca concessi dall'IRA, uno sia di storia (Gabriella Adianzén) e l'altro di antropologia (Maria Elena Gushiken) ambedue provenienti dall'Università.

Da dove proviene questo interesse per i gitani?

Mi sono preoccupato di studiare le minoranze etniche in Perù, che si inseriscano in una tendenza storiografica che esiste a partire degli anni ottanta. Ci sono molte pubblicazioni sui cinesi, giapponesi, italiani, tedeschi... ma c'è stato poco interesse verso i gitani. A questo si somma un fatto circostanziale: nelle carte che mia madre conservava in casa, ho trovato un ritaglio di giornale il quale parlava dell'esistenza di un progetto del 1952, il quale mirava all'espulsione dei gitani del Perù. Questo destò la mia curiosità. Sarà anche un terzo elemento, il fatto che vivo nel distretto di La Victoria, nel quale si concentrano i pochi gitani che si trovano attualmente a Lima.

foto: Parco dell'Esposizione, vicino al Teatro La Cabana – Lima anni 50

Se vogliamo prendere caratteristiche dai gruppi che lei ha menzionato, come si può definire un gitano?

C'è una miscela enorme di culture dietro ai Gitani, però ci sono dei fili conduttori. Io li definisco come un'unione di gruppi etnici i quali condividono alcuni elementi, come abitudini migratorie, lingua o il fatto di essere organizzati in una società patrilineare, cioè che si organizzano in funzione dell'autorità maschile. Un quarto elemento è un'intensa endogamia, legata a una sorte di orgoglio razziale. Loro ci tengono a sposarsi tra di loro, appartenenti allo stesso gruppo e così a mantenere la consapevolezza del proprio lignaggio e preservarlo.

Si possono definire come una nazione, un gruppo etnico transnazionale e multinazionale, perché nei loro spostamenti hanno raccolto le caratteristiche dei luoghi che li hanno accolti. Prevale anche l'immagine del gitano esoterico, incluso quella dell'imbroglione. Molte di queste descrizioni provengono dalla letteratura spagnola. Quando domandiamo loro cosa pensano di quello che si dice di loro, dicono che a volta "i giusti pagano per i peccatori". Sono consapevoli di vivere in zone marginali e dello stile di vita che conducono, però bisogna essere cauti nel generalizzare.

Così come scrivevano i giornali del secolo scorso, le donne gitane erano impegnate principalmente nella divinazione. Sono ancora , nella maggior parte dei gruppi, dedite all'esoterismo, questa è l'immagine più diffusa che ne abbiamo.

A quali conclusioni è arrivato?

Che nel paese ci sono una diversità di gruppi gitani, e che la maggior parte di loro appartiene al gruppo Rom, dell'Europa dell'est. Riguardo alla storia, ci sono documenti che indicano che potrebbero essere arrivati nel XVI secolo, perché poi, ci furono delle normative che cercavano di evitare che continuassero a venire, a causa dell'immagine negativa che davano, e che veniva rafforzata dalla letteratura, oltre che per le accuse, come furti e imbrogli. In quanto all'aspetto etnografico, hanno una serie di particolarità, ma tuttavia almeno dall'inizio del XX secolo, fanno parte della società peruviana e sono totalmente integrati. Con questo non significa che abbiano perso le loro tradizioni; così come non possiamo dubitare che sono gitani, tanto meno possiamo dubitare che sono peruviani.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 12:20:10
script eseguito in 159 ms

 

Immagine
 Gli amici sono partiti... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 385 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source