Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 11/05/2007 @ 13:01:49, in blog, visitato 2046 volte)

ECRI, l'intervento di Piero Colacicchi di OsservAzione
Pubblichiamo integralmente l'intervento di Piero Colacicchi (in foto), Presidente di OsservAzione, tenuto il 3 maggio scorso alla tavola rotonda, organizzata dall’European Commission against Racism and Intolerance (ECRI) del Consiglio d’Europa, in cui si è discusso il ...

Moncalieri (TO), il Sindaco uscente si confessa sui Rom
Dopo un episodio di scontro avvenuto nel cosiddetto "campo nomadi" di Moncalieri tra due diverse comunità costrette a convivere da decenni, interviene il Sindaco uscente, Lorenzo Bonardi (in foto), alla vigilia delle elezioni. L'intervista è di Giuseppe Legato della Stampa.
«Guardi che il problema è sempre ...

Aprilia (LT), no ai progetti di Veltroni e Serra sui Rom
"Non accetteremo mai la sistemazione di rom ad Aprilia, come già affermato circa tre mesi fa quando cominciava a circolare la voce di eventuali traslochi in territorio apriliano dei campi nomadi romani". A parlare a nome di tutta l'amministrazione comunale di Aprilia è l'assessore ai Servizi sociali Giovanni Bafundi (in foto), a margine dell'incontro avuto ieri mattina con l'Assessore re...

Alleanza Nazionale annuncia che circa 50mila minori Rom e Sinti sono schiavi
Alla fine doveva succedere... Da alcuni anni l'Opera Nomadi Nazionale ha offerto all'oppinione pubblica delle stime mai verificate sia sulle presenze di Rom e Sinti in Italia sia sulla scolarizzazione dei minori.
Alcuni giorni fa l’Ufficio Nazionale per i Diritti dell’Infanzia di Alleanza Nazionale presenta un fa...

Albania, all different all equal
Punta i riflettori sull’affermazione e la difesa dei diritti dell’uomo il nuovo progetto “All different, all equal” promosso in Albania dal Volontariato Internazionale per lo Sviluppo (VIS), l’Ong legata ai Salesiani. Sostenuto dalla locale “Commissione Europea per i Diritti Umani”, il programma di iniziative pone al centro i diritti dei giovani, in ...

Roma, Veltroni risponde alla sinistra che si scopre razzista
Caro direttore, Repubblica ha ospitato ieri in prima pagina la lettera di una persona di sinistra, colta, attenta a quel che avviene nella sua comunità, che insegna alle sue figlie i valori della tolleranza e della nonviolenza, e che al tempo stesso non ne può più dei reati com...

Torino, i bambini Rom sono i fotoreporter della mostra Un Altro Sguardo
Si svolgerà a Torino presso il Lingotto Fiere in via Nizza 280 da mercoledì 09 maggio 2007 a lunedì 14 maggio 2007 "Un Altro Sguardo", una mostra fotografica e un progetto didattico .
L'evento è organizzato dall’Associazione Gente della Città Nuova di Torino in collaborazione con il Comune di Torino, con la Fondazione per il Libro la Musica e la Cultura e con Torino capitale Mondi...

Aiuto, sono di sinistra ma sto diventando razzista
La lettera “aiuto, sono di sinistra ma sto diventando razzista” di Claudio Poverini, pubblicata dalla Repubblica sta movimentando il dibattito a sinistra, coinvolgendo anche molti attivisti e politici al lavoro per la formazione del Partito Democratico.
Naturalmente sia nella lettera di Claudio Poverini che nei conseguenti diversi interventi che stanno creando un largo dibattito, soprattutt...

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/05/2007 @ 09:47:04, in Italia, visitato 1576 volte)

Dopo l'intervista a Dijana Pavlovic, Osservazione continua con Eva Rizzin

Eva Rizzin (destra) con Miranda Vuolasranta al Parlamento Europeo

"Io ho scelto l’attivismo nella speranza di poter dare un contributo positivo alla società, cercando di abbattere gli stereotipi esistenti attraverso la conoscenza e il dialogo"

Eva Rizzin ha conseguito il dottorato di ricerca in geopolitica e geostrategia presso l'Universita' di Trieste nel 2007. Appartenente alla minoranze sinta, e' attiva nella lotta per il diritti di sinti e rom in Italia ed e' anche tra i fondatori di osservAzione

Per il tuo dottorato hai studiato l'antiziganismo nell'Europa allargata, si tratta di un fenomeno diffuso?
L’Europa dei “ventisette”, da est ad ovest, da nord a sud oggi risulta essere attraversata da violenze e da discriminazioni contro le minoranze.
Le recentissime ricerche condotte da vari Istituti europei come l’Eumc, l’ECRI dimostrano che i rom costituiscono una minoranza fortemente discriminata. L’EUMC li descrive come il gruppo più vulnerabile, maggiormente deprivato dei propri diritti umani ed esposto al razzismo nell’Unione europea.
Ma nonostante esistano ricerche e rapporti che rivelano l’esistenza della discriminazione, i fenomeni di violenza contro i rom aumentano sempre più, fenomeni questi che dimostrano che l’antiziganismo esiste e si sta sviluppando sempre di più in tutta l’Europa, Italia compresa.
In Italia tale fenomeno rimane inosservato perché purtroppo spesso il pregiudizio nei confronti dei rom viene considerato normalità come abbiamo dimostrato in Cittadinanze Imperfette.
L’antiziganismo è un comportamento sociale che oggi persiste anche nel nostro paese; persiste nei pensieri, nei sentimenti e nei comportamenti di molte persone e istituzioni. E’ un sentimento pericoloso che alimenta il vortice di discriminazione nel quale i rom e i sinti sono colti, una discriminazione che di fatto però rimane completamente ignorata.
Radicato nella storia, alimentato dai mass media e molte volte anche da partiti politici, largamente sottovalutato dagli esperti, il sentimento anti-rom oggi in Europa si presenta a livelli drammatici.

Come si colloca l'Italia?
Il nostro paese non si sottrae agli atteggiamenti discriminatori. Gli stessi campi nomadi sono un esempio evidente della segregazione razziale che esiste in Italia: spazi dove i diritti non esistono, spazi che somigliano a delle riserve indiane, spazi che favoriscono l’esclusione sociale e ostacolano qualsiasi possibilità di interazione sociale, spazi che condannano le minoranze rom e sinte all’annientamento culturale.
Nonostante il riconoscimento dei diritti delle comunità rom e sinte sia diventato un importantissimo tema europeo, sta di fatto che a livello nazionale la legge 482/99 sui diritti delle minoranze linguistiche presenti nel territorio italiano, ha volutamente escluso il ròmanes dal dettato delle minoranze linguistiche.
I rom e i sinti sono stati esclusi dai vantaggi di tale legge, per il fatto di non essere legati a un territorio determinato.
Una legge la 482/99 che disattende norme, principi ed impegni internazionali in particolare la carta europea delle lingue regionali minoritarie (in vigore dal 1 marzo 1998) che prevede esplicitamente norme (punto C)«anche per le lingue sprovviste di territorio come l'yiddish e il (ròmanes) ».
La decisione di escludere il romanes fra il dettato delle lingue minoritarie è stato un atto gravissimo è sottolinea palesemente la discriminazione di una popolazione che già in quel tempo era fortemente emarginata.

Quali sono le priorità su cui bisogna intervenire? A chi spetta prendere l'iniziativa?

La prima priorità è includere il ròmanes nell’elenco delle minoranze linguistiche storiche indicate nella legge 482.
Ritengo che sia necessario adottare azioni che siano in grado di combattere i drammatici livelli di discriminazione che colpiscono l’Europa e in particolare anche l’Italia.
Le istituzioni nazionali ed europee dovrebbero applicare la legislazione esistente che vieta le discriminazioni razziali e promuovere una forte cultura antidiscriminatoria e delle pari opportunità.
Bisognerebbe sensibilizzare maggiormente l’opinione pubblica sulla situazione dei rom e sulla discriminazione da essi subita, cercando di coinvolgere il grande pubblico in un dibattito aperto sul significato della diversità come fonte di vitalità socioeconomica che dovrebbe essere sfruttata, valorizzata e goduta in quanto elemento che arricchisce il tessuto sociale e componente importante del benessere economico.
Anche se l’Unione Europea possiede uno dei quadri legislativi in materia più avanzati al mondo, lo stato di protezione delle minoranze è ancora molto debole.
Apparentemente i cittadini europei conoscono poco i diritti e i doveri che derivano da tali disposizioni, ossia che tutti, indipendentemente dalle origini etniche, dalla religione, dalle convinzioni personali, da eventuali handicap, dall'età e dagli orientamenti sessuali, hanno diritto ad essere trattati allo stesso modo.
E’ necessario a mio avviso informare meglio i rom e i sinti della protezione giudica esistente e dei mezzi disponibili per combattere la discriminazione.
È necessario promuovere l'incremento della partecipazione dei rom e dei sinti a tutti i settori e a tutti i livelli della società,
Una politica che favorisce le pari opportunità, infatti, non riguarda solamente l'eliminazione delle discriminazioni, ma anche la promozione di una partecipazione piena per tutti.


Cosa si puo' fare per favorire la partecipazione di rom e sinti?

Anche se oggi vi è in atto un notevole processo politico adottato dalle Istituzione Europee nei confronti dei rom, la debolezza sta nel fatto che la maggior parte delle decisioni adottate non prendono purtroppo in considerazione la partecipazione politica attiva dei diretti interessati nelle politiche che li riguardano.
L’assenza endemica dei rom coinvolti nelle attività delle organizzazioni internazionali e nazionali che si occupano dei rom stessi è notevole.
Sarà difficile poter parlare di un futuro costruttivo dei rom se non si è in grado di promuovere il pieno coinvolgimento dei rom e sinti come soggetti attivi e partecipi delle politiche che riguardano la loro esistenza. E’ necessario adottare un approccio che sia in grado di consentire ai rom e ai sinti di divenire promotori della propria autonomia sociale e culturale.
Vi è la necessita di garantire l’effettiva partecipazione dei rom alla vita politica, soprattutto per quanto riguarda le decisioni che interessano la vita e il benessere delle loro comunità.
I partiti politici, sia a livello nazionale che europeo, dovrebbero riformare le proprie strutture e procedure interne al fine di rimuovere ogni ostacolo diretto o indiretto alla partecipazione dei rom e ad incorporare nella propria agenda politica e sociale programmi specifici finalizzati alla loro piena interazione.
Un compito sicuramente complesso che richiederà di intraprendere azioni coordinate in vari settori, in particolare in quelli di istruzione, dell’occupazione, delle abitazioni e dei servizi sociali.
Un modo importante per cambiare l’immagine che si ha dei rom, a mio avviso , è quello di coinvolgere maggiormente i rom stessi, sia nella politica che nei media.
I media sono un altro settore in cui una maggiore presenza dei rom è cruciale. C’è una specie di isterismo dei media nei confronti dei rom, spesso dipinti, in modo erroneo ed inaccettabile, come una minaccia alla sicurezza nazionale.

.
Una figura come la tua e' piuttosto rara in Italia, che tipo di contributo ti senti di dare per migliorare le condizioni di rom e sinti?

E’ risaputo che il pregiudizio parte dalla non conoscenza quindi penso che il primo contributo che posso dare è quello di far conoscere all’opinione pubblica che si puo’ essere sinti o rom, essere fieri delle proprie radici etniche e poter comunque essere dei soggetti attivi e partecipi della nostra societa’.
Combattere l’esclusione sociale e i pregiudizi richiede uno sforzo ampio di collaborazione fra autorità pubbliche, partner impegnati nella difesa dei diritti umani, organizzazioni non governative e società
La collaborazione è essenziale nella concretizzazione delle politiche che possono o non possono realizzare a favore dei rom e dei sinti.
La costituzione recente del Comitato Rom e Sinti Insieme può essere un ottimo trampolino di lancio.
Ogni individuo rom o sinto ha la possibilità di fare una reale scelta etica.
Io ho scelto l’attivismo nella speranza di poter dare un contributo positivo alla società, cercando di abbattere gli stereotipi esistenti attraverso la conoscenza e il dialogo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/05/2007 @ 10:19:33, in Europa, visitato 1634 volte)

Da Roma_Daily_News

La moglie di Sarkozy ha parzialmente origini Rom

Sembrerebbe che il padre di Cecilia Ciganer-Sarkozy fosse un Rom di Balti (attuale Repubblica di Moldavia) con cittadinanza rumena, come riportato nella stampa di Romania e Moldavia. Wikipedia (versione inglese) riporta che era di una famiglia mista rom e rumena.

Biografia

Cécilia Sarkozy (nome originario Cecilia María Sara Isabel Ciganer-Albéniz, è nata il 12 novembre 1957 a Boulogne-Billancourt) è la moglie del neo-eletto presidente francese Nicolas Sarkozy.

Suo nonno era Rumeno e Rom (da qui il soprannome spagnolo di Ciganer)...

continua

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/05/2007 @ 10:38:50, in media, visitato 1696 volte)

Da Mediattori in città

L'UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali del Dipartimento per le Pari Opportunità, Presidenza del Consiglio dei Ministri, e MedFilm bandiscono, in occasione della terza "Settimana di azione contro il razzismo", il concorso nazionale "Cinema e realtà... insieme contro il razzismo" .

Si tratta della prima iniziativa di questo genere, aperta a tutti, italiani e stranieri, per sensibilizzare al tema il mondo dell'arte e del cinema. Due le categorie previste: video (cortometraggi e documentari della durata massima di 30 minuti) e foto. In palio, 5.000 euro per il miglior corto o documentario, 2.000 per la migliore fotografia.

Numerosi i temi su cui il concorso vuole richiamare l'attenzione: lotta al razzismo e alla xenofobia, difesa dei diritti umani, dialogo interculturale, integrazione e inclusione sociale, valorizzazione della diversità, educazione e formazione dei giovani nella società multietnica.

L'iscrizione è gratuita e ogni autore può partecipare con 3 opere al massimo per la categoria video, con 5 fotografie per la sezione foto. I cortometraggi e i documentari (durata massima, come abbiamo detto, 30 minuti) devono esser stati realizzati in Italia nel periodo gennaio 2006 – luglio 2007. Idem per le fotografie, che possono essere a colori o in bianconero, digitali o diapositive, stampate su carta fotografica 20x30 centimetri.

Le opere vanno inviate, con raccomandata o tramite corriere, entro e non oltre il 30 luglio 2007 (farà fede il timbro postale di spedizione) al seguente indirizzo: Medfilm Festival Onlus, piazza Dalmazia 25 – 00198 Roma.

In allegato il regolamento del concorso nell'area download.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/05/2007 @ 09:12:41, in media, visitato 1457 volte)
Su youtube il video della manifestazione milanese.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 15/05/2007 @ 10:20:24, in blog, visitato 1728 volte)

Giornata Internazionale della Famiglia (Family Day)
In vista della giornata internazionale della famiglia, 15 maggio, quattro reti non governative – ENAR (European Network Against Racism), ILGA (International Lesbian and Gay Association), AGE e EWL (European Women's Lobby) – hanno rilasciato un comunicato stampa congiunto per ricordare all'Ue che ogni definizione di "fami...

La razza e la schiavitù
Presentiamo la seconda parte della relazione "La razza tra scienza e mito" proposta il 21 Marzo giornata mondiale contro il razzismo, da Diego Saccani, Daiana e Manuel Gabrieli che svolgono l'anno di Servizio Civile all'Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova.
La giornata di studi promossa da Sucar Drom, dall'Istituto ...

Schio (VI), i ragazzi del liceo incontrano una famiglia sinta
Il 10 maggio Teresa Braidich, Sucar Drom di Vicenza, ha accolto nella sua campina (roulotte) una classe del Liceo Tron di Schio. La famiglia Braidich, cacciata dal proprio terreno da un comune limitrofo, ha trovato una sistemazione in un'area "abusiva" con il tacito consenso dell'Amministrazione Comunale di Schio. Di seguito la cronaca del pomeriggio, redatta dai ragazzi
La giusta st...

Anguillara Sabazia (Roma), il Sindaco ribadisce il suo no ai Rom capitolini
In merito alle voci di un presunto trasferimento di un campo nomadi ad Anguillara, che ho provveduto già a smentire con una dichiarazione alla stampa, constatando che c’è chi si ostina a far circolare ad arte, evidentemente in malafede, dicerie in questo senso, ritengo doveroso denunciare questo ignobile tentativo, da parte di qualche regia occulta, di spargere tra la popolazione preoccupazioni ed ...

Bergamo, la discriminazione diventa un business?
Tutte le organizzazioni europee ed internazionali affermano che in Italia le minoranze sinte e rom sono discriminate e segregate ma naturalmente la maggioranza degli italiani, istituzioni comprese, non lo vuole riconoscere. Oggi sembra che una famiglia di rom (?) abbia pensato di utilizzare a suo vantaggio la discriminazione. Ecco cosa sembra che succeda a Bergamo.
Un Rom si presenta in una ...

Castel Goffredo (MN), dialoghi sulle pari opportunità per tutti
La sera di giovedì 10 maggio, nella Sala Civica di Castel Goffredo (MN), si è tenuto il dibattito pubblico “2007 Anno Europeo per le Pari Opportunità per Tutti”. L’incontro è stato organizzato dal gruppo consiliare "Le-Ali Uniti per Castel Goffredo", in collaborazione con l’Istituto di Cultura Sinta. A dialogare con il pubblico c’erano Carlo Berini (Istituto di Cultura Sinta), Nedo Consoli (ARCI G...

Cara Repubblica, perché alteri i dati per sostenere una tesi politica?
Da alcuni giorni è in atto, da parte di uno dei principali quotidiani italiani, un’offensiva culturale davvero preoccupante sul tema dell’immigrazione, ancora una volta affrontato come strettamente connesso a quello della sicurezza e dell’ordine pubblico.
Questo avviene a pochi giorni dal varo, da parte del Consiglio dei Ministri, di un Disegno di legge sostitutivo della Bossi-Fini, che rib...

Razzismo, la ricerca perenne del capro espiatorio
Dopo aver pubblicato in prima pagina una lettera intitolata “Aiuto, sono di sinistra ma sto diventando razzista” e la risposta acquiescente di Corrado Augias, il quotidiano “La Repubblica” ha avviato il 7 maggio un forum on line, inaugurato da una domanda faziosa e fuorviante: “E’ razzismo chiedere di rispettare le leggi?”.
Si tratta, in realtà, dell’avvio di una campagna che sovrappone ar...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/05/2007 @ 09:40:08, in scuola, visitato 2453 volte)

Da Roma_Shqiperia

La maggior parte dei bambini rrom vive in condizioni socio-economiche estreme, sono presenti contingenze negative e queste sono collegate ad insufficienze materiali per ottenere l'educazione dei bambini. La maggior parte delle contingenze negative sono collegate all'analfabetismo che a sua volta è conseguenza dell'assenza di educazione prescolare e scolare, una situazione che accompagna i bambini rrom per tutta la loro vita. In questa condizione il loro livello di scolarizzazione peggiora continuamente, ciò diventa palese nelle classi seconde e terze quando diminuiscono le loro capacità di assimilazione. Un'altra causa seria è che molti bambini non sono registrati negli uffici pubblici [...] La ragione è connessa ai matrimoni prematuri (13-17 anni) delle ragazze rrom.

Cattive condizioni e vita in miseria, senza un riparo, senza il minimo delle comodità sono conseguenza della tradizione di vivere in case temporanee dove l'assenza del minimo indispensabile è evidente. Queste sono le ragioni che impediscono una normale educazione e la creazione della loro personalità futura.

Come conseguenza i bambini rrom interrompono i loro studi, abbandonano la scuola, il numero degli analfabeti aumenta, questo porta all'aumento dei consumatori di droga, delle vittime di traffico di persone e dei bambini che lavorano in nero ecc.

Tenendo conto di queste situazioni, cresce la necessità di assicurare non solo il livello di vita socio-economico. Queste sono le premesse, ma noi lavoriamo per assicurare la continuità nell'educazione per tutti i 9 anni del sistema scolastico attraverso la creazione di condizioni e di un sistema ausiliari.

La realizzazione di insegnamento supplementare può essere un metodo efficace per aiutare gli studenti nei campi dove mostrano inferiorità. Lezioni complementari danno la capacità di assorbire i programmi educativi.

Alcune indagini, assieme alla nostra esperienza,  mostrano che le zone più problematiche sono quelle dove sono diffuse le minoranze rrom, che devono essere considerate separatamente, conformemente ai loro bisogni. Tra queste ci sono: Allias (Kinostudio) , Selite, Nishtulla Nr 3, Tirane, Fushekruje , Shkozet Durres , Rrapishte Elbasan, Bilisht, Kullair Korce , Baltez Fier, Levan Fier, Llakatund Vlore, Morave Berat,

E' necessario aiutare lo sviluppo delle condizioni socio-economiche. Lo sviluppo della continuità scolastica sarà primariamente assicurata creando le condizioni per la frequenza e il non abbandono scolastico. La nostra sfida è la frequenza nei 9 anni obbligatori.

Questa è una ragione perché pensiamo che la realizzazione di insegnamento supplementare può essere un metodo efficace. Gli studenti dovrebbero essere aiutati nelle materie dove mostrano deficienze. Le lezioni complementari li rende in grado di assorbire i programmi educativi.

Molti dei bambini rrom, specialmente quelli di famiglie nel bisogno, hanno serie deficienze che li allontanano dalla normale frequentazione della scuola media pubblica.

Come è indicato nel programma dell'Atto Fondativo dell'organizzazione Rromani Baxt Albania, una delle priorità  nel campo dell'educazione è il preservare ed imparare la lingua rrom. Giudichiamo la lingua un elemento fondamentale dell'identità rrom, da salvare dall'assimilazione, che è una naturale conseguenza della coesistenza con la maggioranza. E' importante coltivare parametri contemporanei dellostandard della lingua rrom.

Il nostro desiderio è importante, ma non basta. Donatori come CCFD Francia e CORDAID Olanda aiutano il nostro progetto ad Alliasi (Kinostudio) . Entrambe tentiamo di insegnare la lingua rrom con metodi innovativi e questo non basta. E' necessario il sostegno con testi pedagogici, con letteratura appropriata che permettano sistemi moderni per l'insegnamento della lingua.

La creazione di una modesta infrastruttura, coadiuvata con audiovisivi, con pubblicazioni illustrate, con racconti filmici permettono l'assorbimento della lingua rrom alle giovani generazioni. E' evidente il bisogno di insegnanti rrom, la loro preparazione pedagogica, la creazione di un gruppo solido, capace di insegnare il rromanes in tutta la sua profondità.

Nel processo educativo, sin dai primi anni si notano deficienze nell'equipaggiamento con testi scolastici e letterari, [...]

E' importante fornire aiuto finanziario agli studenti talentuosi di livello economico più basso, per pagare le spese scolastiche e di alloggio nei casi in cui studino in altri distretti.

I Rrom che frequentano il ginnasio hanno deficienze in diverse materie e in quelle comprese nell'esame di maturità, che sono di speciale importanza come parte dei test obbligatori per accedere all'università.

L'esperienza condivisa dice che la realizzazione di insegnamento supplementare per quanti frequentano il ginnasio può essere un metodo efficace. I ragazzi andrebbero aiutati in quelle materie dove provano inferiorità. Le lezioni complementari permettono loro di passare i test per andare all'università.

E' possibile rendersi conto che la creazione delle condizioni richieste, si incontra con la crescente sensibilità per la creazione di un'intelligenza rrom, che permetterà il raggiungimento di livelli professionali ed educativi, una obbligatoria richiesta del mercato del lavoro e l'integrazione dei più giovani nella società.

La creazione di una generazione rrom scolarizzata, con un contemporaneo livello nella teoria e nella pratica, sono la premessa per la loro inclusione nelle strutture amministrative, tra cui quelle dove la presenza dei rrom è importante per la comunità.

Questa orientazione socio-economica come priorità della strategia di Rromani Baxt Albania vede giovani ragazzi e ragazze rrom che abbiano l'ambizione di frequentare le università, qui o all'estero.

Per quanto sopra descritto, questi sono gli obiettivi e priorità:

· 1.1 Educazione prescolare.

· 1.2 Educazione e creazione delle condizioni più appropriate per assicurare la frequenza della scuola pubblica e il suo non abbandono.

· 1.3 Educazione e creazione delle condizioni più appropriate per assicurare la frequenza della scuola media.

· 1.4 Educazione e creazione delle condizioni più appropriate per assicurare la frequenza dell'università.

· 1.5 Protezione, coltivazione ed assorbimento del linguaggio rrom, che significa la creazione di una infrastruttura con significati e sviluppi didattici, formazione dello staff didattico che seguirà l'insegnamento della lingua rrom.

Pubblicazione di letteratura pedagogica, illustrati, audiovisivi, che aiutino l'apprendimento della lingua rrom conforme agli standard attuali.

Suscettibilità dell'opinione pubblica e pressione democratica per includere l'insegnamento della lingua rrom nei programmi della scuola pubblica, soprattutto dove esiste un'alta percentuale di popolazione rrom.


Devlesar

Furtuna

 

Rromani Baxt Albania
Address: Rruga "Halit Bega", Nr. 28, Tirane
Tel/Fax: 00 355 4 368 324, E-mail afurtuna@albaniaonl ine.net

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/05/2007 @ 09:47:45, in Italia, visitato 1698 volte)

Da ChiAmaMilano

I settanta Rom al parco Lambro avevano mobilitato oltre un migliaio di persone terrorizzate dal loro arrivo, ma in via Feltre pochi hanno paura

Esattamente un mese fa partiva da Piazza Udine e si svolgeva lungo via Feltre un gremito e vivace corteo di protesta contro l'insediamento di un gruppo di Rom in una struttura all’interno del Parco Lambro.
Espulsi da Opera, dopo un feroce presidio di molti abitanti del paese alle porte di Milano durato per oltre un mese,  una settantina di nomadi –di cui oltre la metà bambini– erano stati accolti da Don Colmegna presso la sede del Caes situata all'interno del parco.
L’11 aprile erano oltre un migliaio a manifestare, tra i soliti slogan che suonano ormai sempre più come vere e proprie “dichiarazioni di guerra”: non solo residenti e commercianti della zona preoccupati dell'ulteriore disagio che questi nomadi avrebbero arrecato ad una zona già da tempo in evidenti condizioni di degrado, ma anche e soprattutto esponenti di Lega e Alleanza Nazionale. Politici per cui la “caccia ai Rom” è diventata il cavallo di battaglia, la bandiera da sventolare all'infinito, il simbolo per eccellenza della lotta a tutti i mali.
A quattro settimane di distanza dalla “marcia anti-rom”, siamo tornati in Piazza Udine e in via Feltre per tentare di captare gli umori di chi in quelle zone ci vive o ci lavora (ascolta le interviste audio). Se davvero l'arrivo dei nomadi abbia comportato gravi problemi a livello di ordine pubblico e sicurezza, sarebbe prevedibile aspettarsi dichiarazioni agguerrite o quantomeno preoccupate. Nulla di tutto ciò. I “nuovi barbari” che avrebbero dovuto rubare, borseggiare, aggredire non hanno fatto nulla di tutto questo.
Sorprenderà allora i sostenitori del corteo dell'11 aprile scoprire che tra gli intervistati, molti dei residenti del quartiere non solo non hanno avvertito alcuna minaccia dalla “pericolosa e consistente orda di Rom”, ma addirittura non erano a conoscenza dell'insediamento degli stessi in Parco Lambro.
“I Rom? Non ne sappiamo niente, forse in altre zone, qui non ce ne sono” sostiene una coppia di anziani che passeggia per la piazza.
“Non sapevo nemmeno ci fosse stata una manifestazione. Abito in zona ma non mi interesso della questione” dichiara un'altra signora.
“Io di differenze non ne ho viste da quando si sono sistemati nel parco. Forse dovreste chiedere nei negozi”, suggerisce un altro intervistato.
E in effetti è proprio una commerciante a raccontare che “i Rom non lavorano, tirano a campare. Non è giusto che stiano nel parco, dove giocano i bambini. Se fossi una mamma avrei paura. In negozio entrano per rubare, bisogna avere mille occhi e non perderli di vista. Rubano di tutto, anche le saponette, nonostante poi non le usino. Rubare fa parte della loro cultura”. Ma, per il momento non le hanno rubato niente. Eppure la signora non si scoraggia, anzi è sicura, i Rom prima o poi entreranno nel suo negozio a rubare qualcosa, qualsiasi cosa, anche le saponette che non usano.
Dichiarazioni, queste, che in fondo rievocano i consueti e incrollabili luoghi comuni dello “zingaro che ruba i bambini” o dello “zingaro che non si lava”.
Al di là delle generalizzazioni, a Piazza Udine si respira un clima tutt'altro che allarmata.
A conferma, forse, che l'obiettivo effettivo della manifestazione di un mese fa era mettere in atto l'ennesima manovra politica e mediatica mirata alla stigmatizzazione dello straniero, tanto diverso da noi e tanto responsabile dei malanni della nostra società.


Giulia Cusumano

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/05/2007 @ 10:00:38, in scuola, visitato 1773 volte)

«Se fosse vero che a causa dei nomadi gli altri bambini restano indietro, in pochi anni avremmo chiuso. Invece... E poi abbiamo il riscontro delle scuole medie. I nostri alunni non hanno nulla da invidiare agli altri, quelli che vengono dalle altre scuole elementari. Anzi...».
A parlare è Antonio Perazzi, uno dei maestri della scuola elementare "Francesco Baracca" di Mestre. Una scuola di frontiera, come di frontiera era l'esperienza del pilota cui è intitolata, che andava su e giù per i cieli a battagliare con quegli aerei di "carta" che si facevano nel primo '900.

Una multiformità che non si nota. Un dato solo: alla "Baracca", su una settantina di iscritti, circa venti sono rom o sinti. Anzi, quasi tutti sinti. O, per dirla che la capiscano tutti, zingari.
Sono i bimbi del vicino campo di via Vallenari, quello di cui si parla sui quotidiani un giorno sì e l'altro pure perché si progetta di spostarlo e di collocarlo in un'altrea area, appositamente attrezzata.
Però, entrando a scuola ci si rende ben poco conto, di primo acchito, di questa sorta di record da Guinness: tutt'al più si osserva qualche bambino che ha la pelle più scura. Ma sono gli stessi che all'intervallo stanno giocando insieme ad altri dal colorito molto italiano. E anche in classe i ragazzini che potresti immaginare di altra etnia sono sparpagliati qua e là per l'aula: scelta degli insegnanti, che cercano di favore l'osmosi e scoraggiano la formazione di gruppetti fissi, legati magari dall'etnia.
Quando poi cominciano ad aprir bocca e a fare domande all'ospite (il cronista), vanno a raffica, senza distinzioni, curiosi anche di sapere quanto guadagna un giornalista.
La "Francesco Baracca" è uno degli avamposti dell'integrazione. E anche se non è tutto rose e viole, è un'esperienza di formazione e di condivisione culturale che da anni sta dando lusinghieri risultati.
Alessandra Bressan, storica insegnante della "Baracca", dove ha passato più di trent'anni, si ricorda bene la situazione degli esordi. Allora sì la continuità della presenza a lezione degli alunni nomadi era una quasi-utopia. E il senso della disciplina e il rispetto delle regole e degli orari erano ben lungi dall'essere acquisiti.

Cos’è cambiato da trent’anni fa. Alessandra Bressan ha smesso di insegnare pochi anni fa, ma la passione per la sua scuola e per questo cocktail inusuale di umanità la tiene ancora avvinta al complesso scolastico che si trova in fondo a via Bissuola: era lì anche per organizzare, qualche settimana fa, il concorso "Io e gli altri", con la successiva premiazione dei disegni elaborati dagli alunni.
Da trent'anni fa la "scuola degli zingari" è cambiata. Non nel senso di una forzata assimilazione, ma in quello di un progressivo avvicinamento fiducioso: «Si è via via creato un rapporto di fiducia con i genitori», sottolinea il maestro Perazzi.
I segni del cambiamento possono sembrare piccoli, ma sono importanti: da qualche anno i piccoli sinti si fermano a mangiare alla mensa scolastica; prima non accadeva. Oppure tornano al pomeriggio, nelle giornate di rientro; prima non accadeva.
E non accadeva neppure - ricorda il maestro Nerio Bellemo - che venissero in gita. Adesso, invece, le mamme si fidano e, anche se mantengono un po' di ansie iper-protettive, affidano i loro figli agli insegnanti: «Purché - aggiunge qualcuna - lei, maestro, tenga mio figlio per mano».

Un saluto dalla curva. Parimenti, i papà sinti manifestano, magari un po' a modo loro, il compiacimento di avere i propri ragazzi a scuola: all'intervallo si avvicinano al cancello per fare un buffetto ai figli che giocano in cortile; oppure passano in auto e dal curvone danno un colpo di clacson per dire ciao ai bimbi.
E i nei? E le incomprensioni o le distanze culturali ? Non sono scomparse del tutto. Anche se il nomadismo è sempre meno diffuso, capita anche oggi che qualche famiglia del campo di via Vallenari ad un certo punto prenda su baracca e burattini e se ne vada, anche per qualche settimana. Il che non fa certo bene alla continuità didattica.
Ma la novità è che un bambino (è successo qualche mese fa) chiami al telefono il suo maestro per dirgli: «Io voglio stare lì con te, nella mia scuola a Mestre».
Così anche le difficoltà linguistiche che, sia pure più contenute di un tempo, persistono, sono controbilanciate da aspetti positivi: «Chiedo ai miei alunni - esemplifica Bellemo - di aiutarmi a spostare i banchi o di prestare una matita a chi se l'è dimenticata? I più gentili e più veloci sono i nomadi».

Di buono perfino gli odori. Certo, bisogna che gli insegnanti siano uniti, appassionati. Non è che alla "Baracca" ci debbano essere dei maestri con una marcia in più: in tante altre elementari - anche se la cosa non finisce in prima pagina - ci sono educatori competenti e generosi.
Ma alla "Francesco Baracca" bisogna aver presente che si è comunque immersi in un'esperienza pilota. Perdipiù, in una scuola piccola, si instaura un clima di comunità. Se ne fa portavoce Antonio Perazzi: «Con i colleghi si è costruita una vera sintonia. Ma se devo dire perché io mi trovo bene ad insegnare qui, dico che è perché ritrovo la spontaneità, la freschezza, quel modo affettuoso e riconoscente di fare che vedevo negli alunni delle mie prime esperienze da maestro, quando, in un paese delle colline emiliane, insegnavo in una scuola di campagna pluriclasse: 7 bambini dalla prima alla quinta. Perfino gli odori - di fresco e di aperto - ho ritrovato nelle classi qui alla "Baracca"».
 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/05/2007 @ 10:10:43, in lavoro, visitato 2349 volte)

Da ChiAmaMilano

Monica è una Rom Romena che ce l’ha fatta perché ha avuto un’occasione, ma ha ancora paura a dichiarare davvero chi è

Ascolta l'intervista audio

Monica ha gli occhi grandi e non li abbassa mai, nemmeno quando gli si velano di lacrime ricordando il 1998, il suo primo anno in Italia, a Milano, passato a chiedere l’elemosina e a vivere con il marito in un furgone nel campo di via Barzaghi.
Quell’attimo in cui gli si affaccia alla memoria quel ricordo doloroso è solo una parentesi in una conversazione in cui Monica, che ha imparato l’italiano più leggendo i romanzi che guardando la televisione, pacata e ironica rivendica dignità per sé e tutti i Rom come lei.
Perché Monica è una zingara, giunta clandestinamente dalla Romania quasi dieci anni fa. Oggi è regolare, vive in affitto in un appartamento, fa la collaboratrice domestica, suo marito lavora in una cooperativa e i suoi figli vanno a scuola.
Il suo datore di lavoro, un noto professionista milanese, ha piena fiducia in lei. Ha un ottimo rapporto con i suoi vicini di casa che spesso vanno a prendere il caffè da lei.
Ma il suo datore di lavoro e i suoi vicini non sanno che Monica, suo marito e i suoi figli sono Rom.
Romena regolare, Rom “clandestina”, Monica  non vuole che si sappia la verità sulla sua storia: troppi i pregiudizi, troppa la paura di perdere la fiducia, il lavoro, gli amici, di vedere andare in frantumi tutto quello che si è conquistata in dieci anni “senza rubare mai, cercando di vivere dignitosamente anche quando eravamo in via Barzaghi, anche quando andavo a chiedere l’elemosina provando una vergogna immensa, ma non avevo di che dare da mangiare ai miei figli e nessuno mi dava un lavoro perché ero una zingara.”
Quel periodo è lontano, un brutto ricordo ma Monica –che sta studiando da mediatrice culturale e tra un paio di mesi darà l’esame– ha rinunciato, almeno pubblicamente, ad una parte di sé, della propria identità. Perché, anche se la sua storia è la dimostrazione che qualora siano offerte delle opportunità per riconquistare dignità e cittadinanza esse vengono colte, il pregiudizio è l’altra faccia della paura di perdere tutto, di essere ricacciati al di fuori dei margini di una società che sembra non possa fare a meno degli stereotipi e delle angosce securitarie.

Beniamino Piantieri

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


08/04/2020 @ 21:04:46
script eseguito in 156 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4720 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Offerta libera del prestito senza problemaSono un ...
08/04/2020 @ 15:53:28
Di nathalie
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source