Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Daniele (del 07/07/2011 @ 09:31:30, in musica e parole, visitato 1351 volte)

dal 22 luglio al 1 agosto
Pinerolo e Collegno - XVI edizione


Sedici anni, ma non li dimostra!
Nonostante le incertezze finanziarie di questi tempi duri VINCOLI SONORI continua a proporre le musiche di frontiera che ne hanno fatto un evento di spettacolo tra i più importanti dell’estate piemontese. Anzi, aumentano le date e i concerti, con un cartellone che vede il ritorno al Festival di due mostri sacri della gypsy music come la Fanfara Ciocarlia e la Kocani Orkestar. VINCOLI SONORI conferma la sua vitalità con una proposta culturale accattivante dedicata a chiunque voglia esplorare nuove frontiere musicali.

Vincoli Sonori nasce nel 1996 come rassegna di musiche klezmer e gypsy, generi che in quegli anni cominciavano ad uscire dalla cerchia di appassionati e studiosi per entrare con forza nel panorama della world music internazionale.
Negli anni l'evento è cresciuto, grazie anche al caloroso consenso di un pubblico attento e curioso, stimolato dall'attenzione concessa al festival dalla stampa. Pur conservando il suo tratto distintivo iniziale, il festival si è aperto ai diversi stili che la sperimentazione e le avanguardie cominciavano a produrre.
Sul palco di Vincoli Sonori sono saliti i migliori artisti internazionali, con il loro universo di musiche radicate nella tradizione, ma rinnovate nella contemporaneità, portatori di sonorità che hanno spaziato dal balkan beat al jazz manouche, dal flamenco al pianoriental, al nuovo folk italiano.

22 luglio - ore 21.00
Piazza San Donato - Pinerolo Noemi Waysfeld & Blick + Banda Tam Tam gratuito

23 luglio - ore 21.00
Piazza San Donato - Pinerolo Babayaga + Bruskoi Prala gratuito

24 luglio - ore 21.30
Certosa Reale - via Pastrengo - Collegno La Cherga 8 euro

25 luglio - ore 21.30
Certosa Reale - via Pastrengo - Collegno Abnoba 8 euro

26 luglio - ore 21.30
Certosa Reale - via Pastrengo - Collegno Deladap 8 euro

27 luglio - ore 21.30
Certosa Reale - via Pastrengo - Collegno Fanfara Ciocarlia 10 euro

1 agosto - ore 21.30
Certosa Reale - via Pastrengo - Collegno Kocani Orkestar 10 euro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/07/2011 @ 09:52:34, in Europa, visitato 1157 volte)

Ebrei, musulmani, gay, russi, zingari: l'odio corre in rete - di Rudolf Stefanicki - Articolo pubblicato su Il manifesto il 2 luglio 2011

VARSAVIA, 4 luglio 2011 (IPS) - «Quello che ha cominciato Hitler lo porteremo fino in fondo. Che finiscano nelle camere a gas, nei forni». Quando il ministro degli esteri Radek Sikorski ha letto questo e altri commenti simili in un foro di discussione di Internet, ha deciso di andare dal giudice. «Il grado di razzismo e di odio sui siti Internet polacchi è incredibile. Chiunque può leggerli e farsi un'opinione sulla Polonia», ha detto.

Il ministro ha denunciato due gruppi mediatici, Ringier Axel Springer, proprietaria del giornale Fakt, e Bonnier Business Polska, padrone di Puls Biznesu. Ha chiesto un indennizzo di circa 7mila dollari e delle scuse pubbliche sui siti Internet coinvolti.

Sikorski si è sentito personalmente colpito perché alcuni commenti attaccavano in modo volgarissimo lui (i più leggeri erano «traditore» e «manovrato a distanza da ebrei statunitensi») e sua moglie, Anne Applebaum, editorialista del quotidiano Usa Washington Post. La legge prevede, per quanto in forma un po' vaga, che i responsabili siano obbligati a cancellare commenti illeciti o a rispondere per essi.

La reazione dei responsabili è stata di disabilitare i fori di discussione, ciò che però ha provocato critiche di censura. Così li hanno rimessi rete, pur depurati. Hanno anche presentato le loro scuse al ministro, ma Sikorski ha mantenuto la denuncia alla magistratura.

Dopo la denuncia la procura ha aperto un'indagine. Tuttavia in genere l'80% di questi casi termina con l'archiviazione perché «è impossibile scoprire gli autori». Molti utilizzano cybercaffè per conservare l'anonimato e di solito usano server di paesi stranieri in cui le leggi in materia sono più liberali.

In Polonia su ogni 100 messaggi inviati a un foro di dibattito su qualsiasi argomeno, uno contiene un atteggiamento negativo verso le minoranze, stando al rapporto di quest'anno della Fondazione per la conoscenza locale. E il 60% ha un contenuto discriminatorio.

I più criticati sono gli ebrei, seguiti dai russi, gli omosessuali, gli zingari, i tedeschi e i musulmani. A volte i commenti che attizzano l'odio sfociano in episodi di violenza fisica (è capitato contro rifugiati ceceni).

La maggior parte delle persone consultate in un sondaggio del febbraio scorso, afferma che bisognerebbe controllare Internet. il 72% ritiene che bisognerebbe eliminare i contenuti che incitano all'odio contro minoranze nazionali, religiose, sessuali.

Il Rapporto sulle minoranze è un possibile strumento e prevede di realizzare «una mappa» dei siti che «favoriscono l'odio» che serva per orientarsi e intervenire. «Quando gli attivisti che difendono i diritti delle minoranze si presentano dal giudice, questi rifiuta di intervenire con l'argomento che si tratta di pochi commenti isolati - dice Marek Troszynski, direttore del progetto -. Bene, adesso ne avrà a disposizione più di 130 mila».

Le autorità polacche ora sembrano più sensibili all'antisemitismo, ma non alla situazione delle minoranze sessuali. La Fondazione di Helsinki sui diritti umani ha chiesto al ministero della giustizia riforme legislative.

«Le posizioni discriminatorie sono difficili da sradicare perché non riguardano solo le minoranze», dice il sociologo dell'università di Varsavia Antoni Sulek. E non basta una legge per risolvere il problema. © il manifesto

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/07/2011 @ 09:14:29, in Italia, visitato 1300 volte)

Catanzaroinforma.it Martedì, 05 Luglio 2011 12.12

L'Associazione ''Terra di Confine' è il quarto anno che propone e porta avanti il progetto ''Un'estate insieme' con risultati notevoli. L'iniziativa ha sempre risposto ad un bisogno della comunità rom di Via Lucrezia della Valle, ovvero permettere ai bambini dai 6 ai 13 anni di affrontare i mesi estivi, in concomitanza con la chiusura della scuola, in maniera alternativa alla vita del campo. Con la chiusura dell'anno scolastico nasce l'esigenza di diversificare gli interventi, ''Terra di Confine' sperimenta un modo diverso di rapportarsi con la Comunità, e soprattutto con i più giovani, prevedendo attività di animazione che hanno lo scopo di coinvolgerli in prima persona. Tutto questo per offrire la possibilità di far vivere ai bambini di Via Lucrezia della Valle un'estate diversa e di promuovere quello che ''Terra di Confine' cerca di fare da anni, far conoscere la realtà del popolo Rom attraverso azioni positive che permettano il superamento dei pregiudizi e degli stereotipi nei loro confronti. Lo scorso anno l'associazione ha deciso insieme alla comunità, di portare avanti una sperimentazione, le operatrici che hanno lavorato al progetto sono state le donne rom, le mamme dei bambini. Vista la bontà dei risultati, si è deciso di continuare nel percorso che ormai non può più definirsi una sperimentazione ma una prassi, una buona prassi, consolidata.

''L'impegno che portiamo avanti ormai da 18 anni - dice il presidente dell'associazione, Maria De Luca - ci permette oggi, attraverso una profonda conoscenza della realtà rom, di proporre percorsi alternativi che vedano loro come reali protagonisti del cambiamento. Il discorso è già iniziato a dicembre 2009 con il ''Progetto Arcobaleno' finanziato dall'Assessorato comunale alle Politiche Sociali, che ha visto coinvolte due ragazze della comunità'. ''Terra di Confine' e la comunità Rom di Via Lucrezia della Valle ringraziano il Comune nella persona del consigliere Eugenio Occhini per aver permesso anche quest'anno la realizzazione del progetto. Nonostante ci siano state le elezioni comunali il consigliere Occhini è riuscito nel mese di marzo a prevedere un impegno di spesa utilizzando i ''dodicesimi', dimostrando un lodevole e reale impegno nei confronti delle politiche di integrazione delle comunità rom residenti nel nostro territorio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/07/2011 @ 09:51:31, in Europa, visitato 1218 volte)

Segnalazione di Alberto Melis

Città Nuova 01-07-2011 di Chiara Andreola
 
Una rom bulgara e una macedone hanno approfittato del loro stage alla Commissione Europea per far conoscere il loro popolo ai piani alti di Bruxelles

Ricredetevi: i Rom non sono soltanto nei campi. Guarda un po' te, si possono pure laureare, ed aspirare ad entrare nel mondo degli eurocrati bruxellesi. È il caso della bulgara Alexandra Tsankova e della macedone Senada Lamovska, che da ottobre 2010 a marzo 2011 sono state tra i 600 prescelti – su oltre 10 mila aspiranti provenienti non solo dagli Stati membri, ma anche da quelli candidati, come appunto la Macedonia – per uno stage alla Commissione europea. Senada e Aleksandra sono state inserite presso il Direttorato generale per gli Affari regionali, dove, al di là del lavoro quotidiano, hanno dato il via ad una serie di iniziative rivolte a stagisti e non solo per far conoscere il proprio popolo e la propria cultura, in un momento in cui nella stanza accanto si discuteva della “questione rom” in seguito alla situazione delicata creatasi in Francia. Una mossa coraggiosa che chiediamo loro di raccontare.

Che cosa vi ha spinto a fare domanda per uno stage alla Commissione europea?
Alexandra: «In Bulgaria, purtroppo, le possibilità di trovare lavoro per una giovane rom neolaureata non sono molte, per cui ho deciso di puntare su Bruxelles. Ma al di là di questo, ho sempre desiderato fare qualcosa per aiutare l'integrazione del mio popolo».
Senada: «Studio relazioni internazionali a Budapest, e quindi volevo vedere in prima persona come ciò che leggo nei libri viene messo in pratica e capire come funzionano le istituzioni europee».

Come vivete il vostro essere allo stesso tempo rom e bulgara – nel caso di Aleksandra – o macedone – nel caso di Senada?
Alexandra: «Non le vivo come due identità opposte. Mi considero semplicemente una rom bulgara, anche se mi rendo conto che per altri non è così facile: soprattutto se si sentono trascurati dallo Stato in cui vivono, possono arrivare a mettere in discussione la propria nazionalità».
Senada: «Nemmeno io riesco a separare il mio essere rom dal mio essere macedone, sono parte della stessa “identità complessa”. Noi rom non abbiamo uno Stato: siamo arrivati dall’India nel XIV secolo, quindi viviamo in Europa da oltre settecento anni. Non ho altra patria che la Macedonia, e credo che la stessa cosa valga per i rom che vivono negli altri Stati europei. Purtroppo siamo ancora discriminati e considerati stranieri, o addirittura visti come “non europei”: ma che cosa significa, oggi, essere europeo?».

Il vostro essere rom ha in qualche modo dato un valore aggiunto al vostro lavoro alla Commissione? Quali sono state le sfide principali?
Alexandra: «La cosa che più mi ha colpita è stata che i miei colleghi mi hanno detto di non aver mai parlato con una “vera” rom fino a quel momento, e che man mano che mi hanno conosciuta la loro percezione negativa dei rom è cambiata. Mi sembra che ora abbiano una maggiore consapevolezza dei problemi che ci troviamo ad affrontare».
Senada: «Sono stata inserita nel dipartimento per l’inclusione sociale, dove mi sono occupata soprattutto del mio popolo. Diversi miei colleghi avevano già lavorato con dei rom o perlomeno avuto contatti con loro, e anche il mio tutor era un rom ungherese: per cui posso dire di essermi sentita a mio agio. Al di fuori del mio dipartimento, invece, mi sono dovuta confrontare con persone che non avevano mai incontrato un rom, non avevano nessuna conoscenza della nostra storia e della nostra cultura: alcuni credevano che fossimo una tribù con tanto di re e regina, e si meravigliavano che potessimo addirittura studiare. Purtroppo, gli stereotipi si mantengono ben saldi anche tra coloro che poi prendono le decisioni che contano».

In Europa si parla spesso della “questione rom”: come avete vissuto e vivete questa situazione?
Alexandra: «Non mi piace che la mia gente venga presentata come “una questione” o addirittura “un problema”. Come ogni popolo, i rom hanno le loro potenzialità, e se le utilizzano bene possono contribuire attivamente al bene della società in cui vivono».
Senada: «I rom non sono una questione: c’è la questione della povertà, dell’istruzione, della salute, della casa e del lavoro, e i rom che le devono affrontare. Ma i rom non sono una questione».

Il Papa ha incontrato i rom il giorno di Pentecoste. Ritenete che la Chiesa possa aiutare l'integrazione?
Alexandra: «Credo di sì. Fin dall'infanzia la fede ha giocato un ruolo importante nella mia vita, e le persone della mia comunità cristiana mi hanno sempre incoraggiata ad andare avanti con gli studi e non mollare. Inoltre compravano il materiale scolastico ed aiutavano nello studio i ragazzi rom del mio quartiere. C'è ancora molto da fare, e indubbiamente la Chiesa può dare un contributo fondamentale».
Senada: «Nel mio Paese la maggioranza dei Rom è musulmana, così come lo sono io: non ho quindi esperienza diretta di come la Chiesa potrebbe aiutare, ma solo di come può farlo il gioverno. A livello europeo, però, la maggioranza dei rom è cristiana, delle varie confessioni».

Tra le iniziative che avete organizzato alla Commissione europea, una delle più apprezzate è stata la serata di musica e danze rom: che impressioni ne avete ricevuto?
Alexandra: «La cosa che mi ha fatto più piacere è stata vedere come anche gli altri stagisti si sono sentiti coinvolti nell'organizzarla, e non ci hanno lasciate sole. Questi momenti di musica e danza, in cui tutti si incontrano e si sentono sullo stesso piano, sono degli ottimi strumenti per favorire l'integrazione e combattere i pregiudizi».
Senada: «Se riteniamo che i pregiudizi vengano dalla mancanza di conoscenza diretta e quindi vadano combattuti incontrandosi, allora l’iniziativa ha funzionato: più di duecento persone, rom e non, hanno partecipato. Il ricavato della serata è andato alla scuola elementare Brakja Ramiz-Hamid di Skopje, in Macedonia, dove il 99 per cento degli studenti è rom. Insomma, abbiamo fatto qualcosa di buono».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/07/2011 @ 09:41:34, in Italia, visitato 1285 volte)

Segnalato da Karin Faistnauer

Abitare in Calabria di Italia Serratore

Dall'alto di una collinetta, che dava sulla strada che da Cortale porta a Iacurso, mia zia mi mostrava un carro di zingari, che trasportava persone adulte, alcuni bambini, utensili, qualche mobile. "Guarda, quelli sono gli zingari e rapiscono i bambini". Ero piccolissima e sentii un colpo allo stomaco: avevo paura. Avevo ricevuto in realtà il peso di un pre-giudizio ed ero spaventata. Oggi l'Italia in politica estera condivide le posizioni più retrive: Berlusconi fa sua quella di Sarkozy sugli zingari, Fini (destra da cui dovrebbe arrivare la luce!) è d'accordo senza riserve sul divieto francese del burqa, ancora Berlusconi ci fa assistere alla passerella di hostess di un tipo come Gheddafi che tanto ricorda il circo delle sue allegre estati in Sardegna. Anche a Lamezia Terme, per parlare di un centro a noi vicino, sono famigerati gli zingari (la città non ha mai saputo affrontare la questione), più che gli ‘ndranghetisti. Anni dopo quel mio primo incontro con il popolo dei Rom, una zingara chiede se può entrare in casa nostra per predirci, in cambio di un po' di cibo, il futuro. "Voliti ndivinata a fortuna?", chiede quella donna, con un bambino in braccio. Di solito, nei nostri vicoli, dove non si sapeva cosa si potesse rubare vista la non ricchezza, gli adulti erano soliti dire ai ragazzi: "Chiudi la porta, potrebbe entrare qualche zingara!". Quel giorno però mia madre forse aveva un po' più tempo, forse voleva capire e dice all'altra: "Veramente lo sai fare?". E la zingara, pure lei stanca della maschera, risponde: "Se lo sapessi fare, indovinerei la mia sorte". A mia madre piacque la sincerità e la malinconia della zingara ed io vidi le due sorridere, perché si riconoscevano simili per la condizione economica (erano entrambe povere) e per l'essere donne e madri. In Italia oggi chi ci governa vuole in verità spingerci ad avere paura di ciò che ci circonda, ad avere paura del futuro, e ci vuole portare alla conservazione del pregiudizio, a non avere il coraggio di aprirci. Rispetto al mondo ed al nuovo, noi possiamo però avere due posizioni e quella dell'apertura è una sfida, che forse rende più sereni. Quando ricordo quel colpo allo stomaco per le parole di mia zia o mi sento spaventata da ciò che non conosco, cerco di ricordare e seguire la risata di mia madre e della zingara, due donne che per un attimo si sono parlate ed hanno vinto la diffidenza.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/07/2011 @ 09:43:18, in Italia, visitato 1610 volte)

Segnalazione di Elisabetta Michelini

Dalla Provincia Pavese - 30 giugno 2011

Non voglio assolutamente sostituirmi al vescovo monsignor Giudici nel rispondere al consigliere comunale di Pavia della Lega Nord, tuttavia non riesco a non esternare alcune considerazioni: il consigliere non conosce evidentemente i nomadi pavesi altrimenti non confonderebbe i sinti con i rom. Per intenderci i rom a Pavia erano all'ex Snia dove sono stati «evacuati» dal comune (in modo tragico), in parte sono stati rimandati al paese di origine, in parte accolti da privati, i da strutture comunali o messe a disposizione dalla diocesi. I sinti sono residenti a Pavia da decenni, frequentano da 30 anni le nostre scuole, molti di loro lavorano in regola, molti in nero come tanti altri italiani, sicuramente qualcuno ha avuto a che fare con la giustizia per i piccoli furti. Quando nel lontano 1992 parlavo del problema furti con la regina Mafalda, capostipite dei sinti pavesi, questa mi rispose «hai ragione, ma noi rubiamo poche lire, il vostro ministro De Lorenzo ha rubato miliardi» non sapevo come risponderle. Oggi sarei altrettanto imbarazzata visti i reati per cui sono indagati alcuni nostri politici. La regina Mafalda, aveva rinunciato al nomadismo e voleva per i propri figli e nipoti una integrazione. Hanno fatto dei grossi sforzi in tale senso ed i servizi sociali del comune, i volontari, don Cinto dei Salesiani li hanno sostenuti. Don Franco, frate di Canepanova, vive ormai da anni con loro in piazza Europa. E veniamo alla ricchezza: evidentemente i valori della Lega sono diversi da quelli della Chiesa e, per fortuna, di una società, anche pavese, che considera una diversa cultura come una ricchezza. I nomadi hanno storicamente la ricchezza della libertà, della generosità, del condividere e dell'accogliere. Hanno anche dei difetti ma chi è senza peccato scagli la prima pietra.

Ida Bianchessi

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/07/2011 @ 09:02:34, in Italia, visitato 1271 volte)

La Provincia Pavese La protesta dei sinti a Torre del Gallo dopo gli arresti per il pestaggio del testimone di un incidente - di Adriano Agatti PAVIA

«Tomas libero». Si legge nello striscione appeso davanti all’ ingresso del carcere di Torre del Gallo, ieri pomeriggio, da una cinquantina di Sinti. Un vero e proprio sit-in di protesta contro l’arresto, avvenuto qualche giorno fa, di Tomas Casagrande. Il ragazzo 21 anni, è accusato (insieme a Rosario Casagrande, 22 anni ) di aver picchiato Claudio Russo, un operaio di 38 anni che aveva assistito ad un incidente stradale avvenuto in via Cantieri Spada. Il pestaggio è da far risalire allo scorso mese di febbraio e il ferito aveva trascorso qualche giorno in ospedale per la frattura della mandibola. I sinti, quasi tutti del campo di piazzale Europa, hanno organizzato la protesta perchè ritengono che Tomas Casagrande sia innocente.

«Quel giorno Tomas – spiega Aurora Casagrande – non era nemmeno a Pavia. Si trovava a Vigevano insieme alla moglie e con il pestaggio non c’entra proprio nulla. C’è stato uno scambio di persona molto evidente. Noi l’abbiamo sempre saputo e cercheremo di dimostrarlo nel più breve tempo possibile. Questa nostra protesta è anche contro gli errori giudiziari che possono rovinare persone innocenti. Abbiamo già individuato la persona che ha pestato quell’uomo e lui stesso ha ammesso le sue responsabilità. L’ha anche raccontato ai carabinieri ma in carcere è finito Tomas. Non è giusto»

Ieri i due arrestati sono stati interrogati dal Gip del tribunale di Pavia Anna Maria Oddone.

«C’è discriminazione nei confronti dei sinti – continua Aurora Casagrande – e si può capire da quelli che noi riteniamo siano errori giudiziari. Ma vorrei ricordare a tutti che siamo italiani a tutti gli effetti e siamo nati qui. Vorremmo essere trattati come tutte le altre persone. Tra l’altro il padre di Tomas è in gravi condizioni di salute e l’arresto del figlio lo ha particolarmente provato»

I sinti avrebbero quindi eseguito un’ indagine personale e avrebbero scoperto chi avrebbe veramente partecipato al pestaggio del 26 febbrio in via Cantieri Spada. Si tratta di un giovane che avrebbe già ammesso di aver colpito Claudio Russo. In ogni caso l’avvocato ha già presentato istanza di scarcerazione.

Il primo a scendere in strada quel pomeriggio di fine febbraio era stato uno studente universitario. Dalla sua abitazione aveva sentito il botto dello scontro tra due auto. In quel momento era arrivato Claudio Russo che stava rientrando a casa. Si era avvicinato al punto dell’incidente senza immaginare quali fossero le intenzioni del conducente e del passeggero della Twingo che era appena uscita di strada ed era andata a sbattere contro una vettura parcheggiata. Claudio Russo era stato aggredito con ferocia e colpito senza pietà con pugni e calci. Gli aggressori non si erano fermati nemmeno quando l’uomo era caduto a terra: un pestaggio brutale. La Twingo (che era rimasta sul posto dell’incidente perché il conducente non era riuscito a farla ripartire) era risultata intestata alla madre di uno degli arrestati. E da lei erano partite le indagini dei carabinieri.

01 luglio 2011

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/07/2011 @ 09:00:58, in media, visitato 1115 volte)

Da Aussie_Kiwi_Roma

Regia: Ima Garmendia & Kike del Olmo
Produttori: Kike del Olmo & Ima Garmendia
Genere: Documentario (lingua inglese)
Prodotto nel: 2006
Paese: Spagna
 
Sinossi: Romanipé è l'insieme dei valori o codici da seguire per essere veri Rom. Le persecuzioni che hanno sofferto e il processo di assimilazione da loro intrapreso per sopravvivere, li hanno costretti ad adattare la Romanipé alle circostanze specifiche che devono affrontare in ogni paese in cui si trovano. Con circa dodici milioni di persone disperse nel mondo, i Rom hanno una presenza significativa in molti paesi. Per comprendere la diversità dei Rom, le loro origini, i problemi ed i risultati ottenuti, abbiamo rifatto la strada da loro percorsa negli ultimi mille anni. Abbiamo intervistato zingari in tutte le sfere della vita, come politici, vittime di abusi polizieschi, sopravvissuti all'olocausto, e tribù di dove sono originari in India. Come loro, abbiamo viaggiato dall'India ala Spagna, sempre verso ovest in cerca della casa dove tramonta il sole.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/07/2011 @ 14:51:16, in Italia, visitato 2019 volte)

Siete avvisati: non scriverò cose simpatiche.

Stamattina s'è svolta a Milano la conferenza stampa di presentazione della neonata Consulta Rom, iniziativa per una volta presentata con rilievo da diversi media.

Per quanto ho potuto osservare, accanto alle immancabili buone intenzioni, questa Consulta nasce già con un carico notevole di problemi da affrontare. Specifico meglio: non problemi legati alle politiche per Rom e Sinti, ma dovuti alla sua stessa nascita e composizione.

Parto da uno dei punti chiave: la "pretesa" rappresentanza di tutte le realtà rom e sinte della città. In realtà, ne ho testimonianze dirette, le varie comunità restano fortemente divise tra loro su rivendicazioni ed obiettivi, e sono restie a far fronte comune. Se da una parte ci sono i settori più deboli (principalmente i Rom rumeni), dall'altra quelli italiani non intendono mischiarsi. Alcune realtà storiche, come i Rom Harvati di via Chiesa Rossa (ex Palizzi Fattori, circa 160 persone), non hanno partecipato ai lavori di preparazione e tuttora non si sono fatti vivi.

Migliore, anche se davvero minoritaria, la partecipazione dei Rom Abruzzesi dei due campi di via Bonfadini.

Ancora diversa la situazione dei Rom Harvati di via Idro. Sono stato contattato (all'ultimo momento) dagli organizzatori della Consulta per coinvolgerli e, nonostante le reticenze, comunemente si era deciso di partecipare, almeno per capire di cosa si trattasse. Hanno anche portato un loro contributo personale ed articolato a quella che doveva essere una piattaforma comune. Nonostante ciò, quando martedì scorso questa Consulta ha avuto il primo incontro col comune, nessuno degli organizzatori si è premurato di avvisarli; viceversa in previsione della conferenza stampa di oggi, sì. Forse che questi Rom vadano bene come pecore che applaudono, ma ancora una volta senza il diritto di interloquire in prima persona con le autorità?

Scambiando qualche opinione con chi segue la situazione opposta dei campi irregolari, mi hanno confermato che verso di loro è stato tenuto lo stesso comportamento.

Resta il fatto che i due punti più sfumati affrontati nella conferenza stampa, siano stati proprio il destino dei campi, regolari o meno, e la critica agli sgomberi effettuati dalla nuova giunta.

Altro punto caldo: il rapporto con questa giunta. Per quanto si continui a parlare di vento cambiato, i primi segnali non sono incoraggianti. Si rischia di ripetere l'esperienza del Tavolo Rom (guarda caso, fondato a suo tempo dalle stesse persone), che ha finito per essere un'istanza che rappresentava solo se stessa, perché nonostante le intenzioni non aveva rapporti né con i Rom né col Comune.

Per terminare: la mia impressione, molto terra-terra, è che dietro l'enunciazione di grandi princìpi, ci sia il tentativo di alcuni personaggi di avere un palco di visibilità dopo i pesci in faccia presi dall'amministrazione precedente: un'attrice mediocre, che ultimamente si è specializzata nell'interpretare la parte del difensore dei Rom; qualcuno che sulla loro pelle s'è costruito casa in Toscana ed i soliti residuati bellici.

Forse, mafforse, è un po' presto per emettere giudizi (d'altronde non sono né un critico teatrale né un ingegnere). Se assisterò ad un cambiamento di rotta ve ne darò conto (come al solito).

Articolo Permalink Commenti Oppure (11)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/07/2011 @ 09:18:02, in blog, visitato 1279 volte)

Segnalazione di Erica Rodari

Nasce Romagazine.eu, un portale europeo curato da giovani provenienti dalle comunità di tutta Europa. Un mosaico di 10 milioni di persone che oggi, grazie al web e alle nuove tecnologie, possono conoscersi e farsi conoscere più facilmente di Andrea Gerli da Rassegna Sindacale

Un'idea interessante, un vuoto da colmare, un popolo che vuole farsi conoscere e tanti, tanti giovani ansiosi di imparare e lavorare per abbattere pregiudizi, creare un dibattito e progettare un futuro. Così nasce www.romagazine.eu, un magazine online per tutte le comunità Rom d'Europa, frutto dell'impegno di GSI Italia, ong dal '97 attiva con progetti di cooperazione internazionale e solidarietà territoriale, con la collaborazione di Informatici Senza Frontiere.

Il progetto si chiama "Let the roma youth be heard!", ed è stato finanziato dalla Commissione Europea per decisione del vicepresidente Viviane Reding: "Io credo – ha detto la Reding - che la comunità Rom rappresenti una parte importante della popolazione dell'UE, ed è di primaria importanze che gli stessi siano bene integrati in tutti gli Stati membri. L'integrazione di circa 10 milioni di Rom è una priorità degli Stati membri, delle Istituzioni europee, dei suoi Programmi, e dei soggetti che operano all'interno dei singoli Stati."

Così i rappresentanti delle maggiori associazioni per la difesa della cultura Rom di tutta Europa si sono riuniti a Spoleto, in provincia di Perugia, per un breve corso di giornalismo e per creare il nuovo magazine online. Tanti giovani da Spagna, Grecia, Germania, Francia, Romania, Italia, Ungheria, Turchia. "Dobbiamo unire le nostre forze, lavorare insieme per creare un dibattito sul e nel nostro popolo – afferma Israel, referente del gruppo spagnolo –. E' l'occasione per fare qualcosa di nuovo, per far sì che scompaiano i pregiudizi, per farci conoscere e partecipare alla vita sociale e politica dei paesi in cui viviamo. Dobbiamo unire i nostri sforzi".
Sono tanti, sono giovani, e hanno voglia di imparare, di conoscere, di lavorare insieme per il proprio futuro. In un attimo i 40 rom della quattro giorni di Spoleto spazzano via pregiudizi lunghi un'eternità. Come il nomadismo o le difficoltà ad integrarsi: la maggior parte di loro vive in case normali, studia e vuole integrarsi. Merve, ad esempio, studia business administration nella più rinomata università di Istanbul. Beatrìs, invece, è Ungherese, vuole fare la giornalista e da tempo studia e lavora per diventarlo. Tutti hanno partecipato con grande interesse alla quattro giorni di Spoleto, e scrivono ora su Romagazine.eu.

Si tratta forse di un'avanguardia, dei giovani più interessati e più appassionati a queste tematiche, che vive in condizioni diverse dagli altri giovani rom, spesso nell'impossibilità di ricevere un'istruzione dignitosa. Giovani in lotta contro le difficoltà economiche e sociali che trovano nei loro Paesi, ma anche contro alcuni esponenti delle loro comunità che stentano ad aprirsi alle altre culture, che non ritengono l'istruzione importante e non vedono di buon occhio progetti e attività di questo tipo, secondo loro inutili alla comunità. Ma questi giovani sono il sintomo di un'energia nuova, capace di diffondersi in tutte le comunità Rom d'Europa. Sono giovani cittadini europei. Vogliono viaggiare, conoscere e crearsi un solido retroterra culturale moderno, magari riunificando le tradizioni rom di tutte le comunità europee.
"Let the roma youth be heard!", il titolo del progetto, pone l'accento su due aspetti fondamentali: l'ascolto e la gioventù. Così www.romagazine.eu diventa un portale di informazione per intessere relazioni, favorire progetti, riunificare virtualmente le tradizioni e le aspirazioni di un popolo, i Rom, la più grande minoranza etnica d'Europa. Una minoranza che affonda le proprie radici in una tradizione antica, che nei secoli è stata sparpagliata per il Vecchio Continente e non solo. Un mosaico di migliaia di comunità che oggi, grazie al web e le nuove tecnologie, possono conoscersi e farsi conoscere più facilmente.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:54:05
script eseguito in 159 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 79 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source