Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 12/10/2011 @ 09:42:05, in sport, visitato 1152 volte)

Uno dei miti di quando ero bambino: Dragan Džajić, stempiata ala sinistra della nazionale jugoslava, che nel 1968 vidi perdere l'Europeo di calcio contro l'Italia (foto tratta da Aoutravisao.wordpress.com)

Settimana scorsa gli occhi degli appassionati di calcio erano puntati sulla partita Serbia-Italia, e molti esprimevano le loro giustificate preoccupazioni, visto cos'era successo nella partita dell'andata a Genova. Ricordate?

Come accade spesso parlando dell'Europa dell'est, la Serbia per i nostri mezzi d'informazione diventa il capro espiatorio di una situazione di disagio comune a tutta la regione. E di una serie di spinte politiche-sociali "giocate" dagli attori più controversi, incapaci di scegliere i loro futuri padroni, mentre continuano le faide riemerse da un passato di oltre 70 anni fa.

Insomma lo sport è la cartina di tornasole del vaso di Pandora che si è aperto oltre 20 anni fa con la caduta dei regimi di allora, spesso impresentabili ma che erano un fattore di stabilità. Rimane, come al tempo della cortina di ferro, un elemento di lotta nazionalista, vedi i recenti (esagerati) entusiasmi per la conquista del titolo europeo di pallavolo della Serbia. Ne scrive quest'articolo di Repubblica.

Ma, proprio perché Repubblica s'è distinta spesso in polemiche anti-serbe, ripeto: la Serbia è solo un pezzetto dell'ennesimo puzzle balcanico.

Dove ogni singolo stato è differente, per storia, popolazioni, economia ecc. ma i fenomeni sociali si rimbalzano similmente, quasi ci fosse un tam-tam da un paese all'altro:

  • In Bulgaria, sono stati ancora i tifosi di calcio a dare inizio alle violente manifestazioni anti-rom, che si sono diffuse rapidamente a macchia d'olio in tutto il paese. Gli sciacalli, gli ultra-nazionalisti di Ataka intendo, si sono fatti vivi solo a cose fatte, giusto in tempo per rivendicarsene il merito.
  • Sempre in Bulgaria, tanto i tifosi quanto i dirigenti delle squadre di calcio, non fanno fare un bella figura del loro paese all'estero.

Altri tre esempi li trovo citati in Osservatorio dei Balcani e Caucaso:

  • In Bosnia Erzegovina (che per fare da contrappunto alla "cattiva" Serbia, consideriamo per pigrizia come uno stato vittima della storia), le partite di calcio tra squadre di calcio che "rappresentano" etnie diverse, si svolgono in un clima di emergenza continua. Appena un attimo più calma la situazione in Croazia, ma anche lì il calcio è terreno di scontro di interessi contrapposti, e relative violenze.
  • In Kosovo anche lo sport vive una sua situazione particolare di isolamento, specchio delle sue contraddizioni politiche. Sempre dal Kosovo, si ricorda come anche la nazionale serba di pallavolo venga arruolata nell'oltre decennale conflitto etnico, ancora non pacificato. Come accade spesso leggendo gli articoli di Osservatorio dei Balcani e Caucaso, bisogna anche scorrere i commenti per avere il quadro delle polemiche che si ripetono da decenni come un vecchio ed abusato copione.

Considerazioni finali:

  • Non solo in Italia, ma anche nei Balcani, parlare di sport purtroppo prescinde dalla bontà della sua pratica, per portarci ad esaminare gli sporchi interessi che stanno dietro.
  • Se la Serbia piange, gli altri non ridono.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/10/2011 @ 09:29:45, in Regole, visitato 1026 volte)

Medea.noblogs

Ciao a tutt*, vi inoltro per conoscenza la lettera che ho spedito al gruppo Pam dopo aver assistito ieri ad un episodio di razzismo nel supermercato Metà di Via Madama Cristina angolo Via S.Pellico, a 100 mt da P.za Madama nel quartiere S.Salvario a Torino. Fate girare il più possibile e cerchiamo di boicottare il negozio, il razzismo è una piaga sociale da combattere sempre e ovunque.

Gentile Servizio Clienti,
ieri 6/10/2011 alle ore 13.15 circa mi trovavo in un supermarket del vostro gruppo, ovvero il Metà di via Madama Cristina angolo via Silvio Pellico; ero alla cassa del supermarket e mi apprestavo a porre i prodotti sul carrello scorrevole della cassa, quando dall'ingresso è entrata una signora Rom con sua figlia. Con totale sbigottimento da parte mia e degli altri clienti. la cassiera ha lasciato le sue mansioni e si è messa davanti alla signora impedendole di entrare, adducendo come motivo il fatto che <<Quelli come lei>> non possono entrare nel supermercato. La signora, che voleva solamente acquistare dei pannolini per il suo bebè era sbigottita e confusa. Mi sono rivolto quindi alla cassiera chiedendole se lei aveva visto nello specifico la signora rubare all'interno del locale, ricevendo come risposta un "No",e, nonostante facessi notare che si stava compiendo del becero razzismo identificando il comportamento di un singolo qualunque come di tutta un'etnia o un popolo, la cassiera irremovibile non faceva entrare la signora. In quel momento, vedendo la situazione di umiliazione negli occhi di questa signora, ho posato la merce sulla cassa e me ne sono andato, certo che in quel supermercato non ci tornerò più e anzi, farò di tutto affinchè altre persone mie conoscenti non si rechino in quel luogo.
Questo comportamento mi ha ricordato anni bui della nostra storia, raccontati da mio nonno, quando si impediva l'ingresso nei locali "agli ebrei e ai cani" o quando, nella Torino anni '60, comparivano i "non si affitta ai meridionali" sugli annunci immobiliari, tutte cose che non hanno insegnato nulla se esistono ancora oggi, nel 2011, episodi di questo tipo.
Mi preme ricordare inoltre che è vietato per legge non fare entrare una persona all'interno di un luogo aperto al pubblico, per qualsiasi motivo.
Cordialmente,
Simone Pallaro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/10/2011 @ 09:45:36, in media, visitato 1654 volte)

Da Bulgarian_Roma

TOL 03/10/2011 - Reporter bulgara bersaglio su Facebook per la copertura delle violenze etniche
Mirolyuba Benatova

Le tensioni etniche che hanno preso piede in Bulgaria (vedi QUI ndr) hanno portato ad un incidente online particolarmente brutto. Una delle prime giornaliste ad occuparsi dei disordini a Katunitsa, Mirolyuba Benatova per bTV, ha detto che la sua pagina Facebook è stata cancellata dagli amministratori del sito dopo che qualcuno s'era lamentato definendola "dannosa ed offensiva".

Mentre la sua pagina veniva cancellata, la giornalista subiva "una settimana di terrore verbale, odio, intimidazioni e dichiarazioni apertamente antisemite" in un'altra pagina sempre su Facebook, dal titolo Mirolyuba Benatova Nemica del Popolo Bulgaro, commenta "Omicidio su Facebook" postando sul sito web della società civile Online Parliament. Il grilletto è stato la caratterizzazione su bTV dei manifestanti e dei teppisti del calcio che hanno distrutto le proprietà del boss rom.

"Hanno chiesto che mi scusassi perché avevo chiamato quanti loro vedevano come rappresentanti della società civile -tifosi di calcio che si sono comportati oltraggiosamente-. Ragazzi che si erano fotografati mentre facevano saluti nazisti di fronte alla fiamme, chiedevano che dicessi che loro erano cittadini giustamente arrabbiati."

I tifosi di calcio sono stati al centro dei disordini che si sono scatenati il 23 settembre quando un uomo è stato investito ed ucciso da un minivan. Il conducente era legato a Kiril Rahskov, Rom ritenuto un boss della mafia. Nelle proteste che sono seguite, persone descritte come hooligan hanno dato alle fiamme le proprietà di Rashkov nel villaggio centro-meridionale di Kanunitsa. Ci sono state manifestazioni in tutto il paese, la polizia ha arrestato circa 350 persone.

Anche i fan dello Zenit St. Pietroburgo hanno potuto dire la loro sulla questione. In una partita casalinga, hanno issato uno striscione che recitava, in bulgaro: "La Bulgaria è per i Bulgari, non per lo sporco" come scrive novinite.com. Non è chiaro se i fan fossero russi o bulgari.

Due giorni dopo, secondo le agenzie stampa, sostenitori del Politechnica Timisoara, squadra rumena di seconda divisione, hanno innalzato uno striscione con la prima strofa di un popolare motivo bulgaro del XIX secolo: "Alzati, alzati eroe dei Balcani! Vai, Bulgaro!"

Domenica 2 ottobre ha visto a Sofia ed altrove tanto marce per la pace che proteste anti-rom. Circa 5.000 tifosi di calcio e studenti si sono riuniti in una piazza nel centro di Sofia, per protestare contro quella che chiamano l'inazione del governo contro il crimine.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/10/2011 @ 09:35:12, in Europa, visitato 1174 volte)

Da Czech_Roma Non ci sono solo le manifestazioni violente in Repubblica Ceca (QUI e QUI le cronache più recenti), ma un atteggiamento generale che fa da corollario

Romea.cz Praga, 3.10.2011 21:07, David Tišer: un club praghese non ci fa entrare, lo boicotteremo David Tišer, translated by Gwendolyn Albert
Le opinioni pubblicate nella sezione Commenti non riflettono necessariamente il punto di vista o le opinioni dei giornalisti del server news Romea.cz o dell'associazione civica ROMEA

David Tišer: Rom ed attivista per i diritti dei gay

Sei di noi - due ragazzi e quattro ragazze - recentemente hanno tentato di entrare nel club "Retro", quartiere praghese di Vinohrady. Stavamo passando attraverso il ristorante, dove era seduto il proprietario, quando un buttafuori è corso sulle scale. Il buttafuori ha dato un occhio alla nostra identificazione, gli è occorso un attimo per accorgersi che eravamo in sei. Quando ebbe in mano la carta d'identità di una ragazza di Pilsen, cominciò a lamentarsi che le persone di quella città la settimana prima avevano creato confusione nel club. Gli abbiamo chiesto cosa centrassimo noi. Gli ho anche fatto capire che tutti gli altri erano praghesi.

Il buttafuori ha iniziato a fare commenti "discreti" sul nostro conto, ad esempio: "Ci sono stati molti ladri qui ultimamente", ecc. Ha rifiutato di farci entrare. Non ha detto direttamente che lo faceva perché eravamo Rom, ma era chiaro dalle sue giustificazioni che la nostra etnia ne era il motivo. Mentre era occupato con noi, la gente entrava ed usciva continuamente, nessuno di loro era Rom.

Sono andato a lamentarmi al bar, ma la barista mi ha detto che era tutto inutile e dovevamo andarcene. Volevo che chiamasse il proprietario, che era seduto al bar, ma lui ci ha fatto sapere di non avere tempo per noi.

Ho chiamato la polizia, l'ufficiale che è arrivato sin dall'inizio ha affermato che non c'era nulla da fare. Ci ha accompagnato per negoziare col buttafuori, che improvvisamente ha iniziato a sostenere che non poteva farci entrare, perché era in corso una festa privata di compleanno. Gli ho detto che se lo stava inventando, perché altri miei amici erano già dentro e non sapevano niente di questa festa. La sua risposta: "Bene, se hai degli amici lì, non lamentarti che non vi vogliamo perché siete Rom."

Ho risposto: "I miei amici non sono Rom - abbiamo molti amici che non lo sono."

Il buttafuori insisteva che non potevamo entrare. Il poliziotto ci diceva che non poteva fare nulla perché il club era privato.

Mentre il poliziotto era presente, il buttafuori non ha permesso a nessun cliente (tutti non-Rom) di entrare nel club, per attenersi alla sua storia di una festa privata di compleanno. Dopo chela polizia se n'è andata, ha lasciato passare nel club tutti i "bianchi". Ce ne siamo andati anche noi.

Sono arrabbiato perché ci sono stati diversi eventi che si sono tenuti al club "Retro", organizzati sia da associazioni rom che pro-rom. Ovviamente, il proprietario è stato pagato per l'uso dello spazio. E' chiaro che per lui i soldi odorino di buono - ma quando la gente rom vuole entrare nel suo club per divertirsi come chiunque altro, d'improvviso non andiamo più bene.

La prossima volta il Retro non ci andrà più bene. Singoli ed associazioni non devono più tenere lì i loro eventi. A Praga ci sono abbastanza imprese che sapranno apprezzare sia i soldi che le persone che li offrono, Rom inclusi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 10/10/2011 @ 09:32:02, in blog, visitato 1081 volte)

Buccinasco (MI), non c'è pace per il Terradeo...
...che è un "quartiere" di Buccinasco (altrove verrebbe definito un campo "nomadi', ma che nomadi sono? se ci stanno da oltre 30 anni, con regolare contratto col Comune), pulito ordinato, abitato da un'ampia famiglia di giostrai sinti, italiani, buccinaschesi, difesi da ogni Amministrazione, di destra, di centro, di sinistra...

Milano, Consulta rom e sinti: i fondi europei non possono essere spesi per la "sicurezza"
Comunicato stampa. La Consulta rom e sinti di Milano inizia propone al Comune un percorso per la revisione dell'utilizzo dei fondi sociali destinati all'integrazione delle comunità rom e sinte...

Ministero dell'Interno, come spendere il Fondo europeo per l'integrazione?
La Commissione europea ha assegnato 30 milioni di euro all'Italia per cofinanziare i progetti. Sul web un questionario per suggerire al Ministero dell'Interno cosa mettere nei bandi...

CoE, dichiarazione finale del Summit of Mayor on Roma and Sinti
Comunicato stampa, Strasburgo 22 settembre 2011. In una dichiarazione finale adottata dal primo Vertice europeo dei sindaci a Strasburgo, i partecipanti da 47 paesi membri del Consiglio d'Europa hanno confermato la loro determinazione a sostenere ulteriori azioni per migliorare l...

Mantova, In Other Words
Si terrà il 6 ottobre la conferenza internazionale In Other Words (in altre parole), presso l'Aula magna della Fondazione Università di Mantova. L'obiettivo della conferenza è discutere di stereotipi, rappresentazione delle minoranze e media. Per informazioni e iscrizione: Matteo Bassoli...

Cambia il procedimento per l'azione giudiziaria civile anti-discriminazione
Dal 6 ottobre cambia il procedimento per l'azione giudiziaria civile anti-discriminazione - D.lgs. 01.09.2011, n. 150 (G.U. 21.09.2011, n. 220). Le controversie in materia di discriminazione per motivi di nazionalità, etnico-razziali, di credo religioso, età, disabilità o orientamento sessuale, di genere nell'accesso ai beni e servizi...

Milano, inaugurazione de Il Museo del Viaggio Fabrizio De Andre'
Il Consorzio SiR, l'Opera Nomadi Milano, la Cooperativa Romano Drom e la Cooperativa Arca di Noè, in collaborazione con Fondazione Cariplo invitano all'inaugurazione de IL MUSEO DEL VIAGGIO FABRIZIO DE ANDRE', Museo Etnografico-storico e centro di documentazione della cultura romanì...

World Habitat Day: "Casa dolce casa… il diritto all'alloggio è un diritto umano"
In occasione del World Habitat Day, che si celebra oggi, la Sezione Italiana di Amnesty International, in collaborazione con la Facoltà di Architettura di Roma Tre, organizza domani...

Ia bers du U VELTO RADIO - Un anno di U VELTO RADIO
Un anno fa U Velto Radio (mobile/cellulare) iniziava le sue trasmissioni sperimentali, erano le ore 15.00 del 7 ottobre 2010. L'obiettivo che ci siamo dati era quello di offrire uno strumento che trasmettesse 24 ore al giorno per 365 giorni una parte importante del contributo offerto dai sinti e rom alla cultura occidentale...

Milano: è finita la paura? No, per i rom la paura non finisce mai
Lo sgombero dei rom dell'ex campo di via Triboniano non deve essere la ripetizione della politica di De Corato. La Consulta rom e sinti di Milano chiede un incontro all'assessore alle politiche sociali: costruiamo insieme una...

Roma, lo sgombero inutile in via Salaria
La mattina del 29 settembre è stato effettuato ad opera di Polizia e Vigili Urbani uno sgombero presso l'insediamento spontaneo sito in via Salaria proprio nelle adiacenze del civico 971, la famosa ex-cartiera ora adibito a "centro d'accoglienza"...

Roma, i Rom sono perseguitati
Dopo le giornate alla Basilica di San Paolo dello scorso aprile e la solidarietà diffusa della città alla condizione disumana delle comunità rom e a seguito dell'intervento della Caritas che ha risolto solo per qualche mese il problema di un r...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/10/2011 @ 09:12:33, in musica e parole, visitato 1591 volte)

EZrome - Scritto e Inviato da Donata Zocche 06 Ottobre, 2011

'Devo ammettere che faccio fatica a rendermi conto d'essere davvero a Roma. Non mi sarei mai aspettato di trovare questa baraccopoli dentro la mia città: buia, fredda, piena di pozzanghere'.
A parlare è Pietro, uno dei protagonisti di Oggi mi sa che muoio, di Jole Severi Silvestrini, pubblicato da Mondadori. Ma sono in molti a non aspettarselo, specialmente quando la visione della realtà viene offuscata dalla non-conoscenza, dal pregiudizio. Specialmente quando la realtà si chiama campo nomadi, un posto dove pochi vorrebbero andare, e ancora meno ci sono stati.
Jole Severi Silvestrini, invece, quella realtà la conosce bene, perché ha operato come medico volontario al campo rom di Casilino 900. Dalla sua incredibile esperienza è nato un libro prezioso e autentico, che pagina dopo pagina ci accompagna nel luogo-simbolo di tante nostre paure, restituendoci la visione nitida di chi ha visto le cose coi propri occhi.


Dottoressa Severi Silvestrini, 'Oggi mi sa che muoio' nasce dalla sua esperienza personale presso il servizio di Medicina Solidale di Tor Bella Monaca e di Casilino 900. Perché ha deciso di fare il medico in un campo rom?
Come molte altre persone, in un certo senso privilegiate, anche a me è successo di rendermi conto di essere una donna fortunata e di sentire il bisogno di donare parte del mio tempo e delle mie conoscenze a quelli che reputavo meno fortunati di me. Ero in un momento particolare della mia vita, non solo professionale, e non mi aspettavo minimamente che da questa esperienza sarei stata proprio io quella che, a conti fatti, avrebbe tratto il maggior guadagno. Infatti, ero convinta che fare volontariato significasse soprattutto dare e invece mi sono ritrovata a ricevere tantissimo. A Tor Bella Monaca non mi sono presa cura solo di donne Rom, ma di molte pazienti immigrate e provenienti da tutte le parti del mondo. Io sono ginecologa e per questo ho seguito soprattutto donne in gravidanza e mi sono subito accorta di quanto queste persone avessero bisogno di raccontare le loro storie e di come fosse bello starle a sentire. Il mio desiderio di scrivere è diventato addirittura un bisogno impellente e così è uscito "I Racconti Dell'Attesa" il primo libro nato dall'esperienza a "Torbella". E' una raccolta di favole, in tante lingue diverse, che mi hanno raccontato le mamme in attesa e che nel corso dei nove mesi abbiamo tradotto insieme. Da quel momento ho capito cosa significasse per me fare il medico: non solo il Policlinico, l'Università, i pazienti come "casi" da riportare ai congressi, ma il prendersi cura davvero delle persone con le loro storie cariche di sofferenza ma anche di vita e di speranza, di gioia e di voglia di raccontare. E sono andata avanti e ho scritto anche "Oggi mi sa che muoio", stavolta un romanzo, che mi ha permesso di dar voce a tanti personaggi diversi, insomma, a tutti quelli che hanno cambiato il mio lavoro in meglio.

Najo, uno dei protagonisti, ad un certo punto dice: 'Gagè! ma non dirmi che non sai ancora come vi chiamiamo?! sei proprio imbranato! i gagè sono la gente come te, quella che non è rom, insomma siete voi: i non zingari!'
Le è capitato di sentirsi in una situazione ribaltata, cioè ad essere lei la 'diversa', 'quella che appartiene ad un'altra realtà'?

Be', in un certo senso la sensazione di essere sempre un po' fuori contesto, non perfettamente integrata nell'ambiente in cui vivo e lavoro, mi ha sempre accompagnata, turbandomi anche un po'. Ho sempre pensato fosse un mio limite sentirmi spesso "fuori luogo" rispetto alla mia "casta", fino a quando non ho capito che in realtà essere un po' strana poteva essere una mia risorsa e infatti sentire di non appartenere completamente a quella che dovrebbe essere la mia realtà mi permette di immedesimarmi con le storie degli altri, di coloro che vengono da mondi lontani e molto diversi da quello in cui sono nata e cresciuta.
Ora mi succede ancor più di prima di sentirmi trattare dai miei colleghi come "quella un po' bizzarra", ma non mi preoccupa, va bene così: sono un po' "diversa".

Pietro è un giovane volontario, che offrendo il proprio aiuto contravviene alle regole della comunità rom. Scatenerà, involontariamente, effetti deleteri. Come giudica la conoscenza che i 'gagè' hanno generalmente del mondo rom?
Non si può mai parlare di vera conoscenza quando l'approccio a una realtà è offuscato dai pregiudizi, io credo che la maggior parte dei gagè nutrano solo diffidenza e paura nei confronti del mondo rom, ma anche i rom sono spesso profondamente sospettosi nei confronti dei gagè e per questo ci attribuiscono caratteristiche grottesche che derivano solo dai loro preconcetti. Pietro, come molti ragazzi della sua età, ha solo una conoscenza molto superficiale del mondo dei campi, però gli capita di innamorarsi di una zingara e l'amore sarà una molla potentissima che indurrà dei cambiamenti drammatici. L'amore ha il potere di trasformare le persone e di rendere possibile una conoscenza reale e concreta dell'altro, del diverso, che altrimenti non sarebbe mai stata possibile. Ma l'amore non è "attento" e a volte travolge le differenze, sì, insomma, l'amore non è quasi mai "politicamente corretto".

'Non mi sarei mai aspettato di trovare questa baraccopoli dentro la mia città: buia, fredda, piena di pozzanghere', si trova ad un certo punto a pensare Pietro.
Si può dire che da una parte l'attaccamento alle proprie tradizioni e dall'altra la difesa messa in atto verso certe realtà difficili, come i campi nomadi, finiscono col consolidare ancora di più queste realtà?

Certamente, è proprio così. Siamo tutti un po' responsabili dell'esistenza di realtà assurde come quella dei campi, che sono luoghi indecenti nei quali le condizioni di vita delle persone che ci abitano sono assolutamente inaccettabili.

Jasmina dice a Pietro: 'Devo proprio spiegarti un bel po' di cose su quello che da noi un ragazzo e una ragazza … se non sono sposati … bè, insomma, diciamo così: non possiamo stare mai da soli!'
Le regole tradizionali più rigide sono destinate ad allentarsi tra le generazioni più giovani, avvicinando mondi diversi?

Sì, anche questo è un aspetto che fa parte delle trasformazioni che i protagonisti di questa storia subiranno grazie all'innamoramento che è la molla capace di produrle. In questa storia non ci sono i buoni e i cattivi, né tra gli zingari né tra i gagè, non si propongono soluzioni facili e finali rassicuranti e nemmeno regole giuste contrapposte a regole sbagliate, però Pietro, Jasmina e i ragazzini del campo diventeranno amici e un sentimento d'affetto, di curiosità e fascino reciproco li unirà permettendogli di vincere le paure e quindi anche il bisogno di difendersi trincerandosi dietro a comportamenti rigidamente stereotipati. I giovani di questo romanzo sono gli unici che riescono a contravvenire alle regole dei loro rispettivi mondi. Non a caso questo libro è dedicato soprattutto a giovani adulti e ho scelto di pubblicarlo in una collana per ragazzi, infatti, credo che il messaggio vada indirizzato a loro perché sono loro che possono davvero recepirlo.

Dottoressa Severi Silvestrini, con quali pregiudizi è entrata al campo rom di Casilino 900, e con quali giudizi ne è uscita?
Sono entrata con i pregiudizi che credo abbiamo tutti come per esempio: gli zingari non hanno nessuna voglia di lavorare, sono ladri e bugiardi, trattano male le donne e i bambini, vengono da altri paesi più poveri e sfortunati del nostro, ma non vogliono integrarsi alle nostre leggi e alla nostra cultura, sono sporchi e pigri. In verità avevo in testa anche una serie di idee preconcette un po' ideologiche e romantiche del tipo: lo zingaro è libero perché si rifiuta di condividere le norme della nostra società, lo zingaro preferisce vivere in una baracca ed essere nomade piuttosto che sentirsi incatenato alle nostre regole borghesi, lo zingaro è orgoglioso d'esserlo e vuole rimanere tale e … via dicendo.
In realtà le cose non stanno affatto così. Per prima cosa ho scoperto che la maggior parte delle persone che vivono nei campi, almeno nella nostra città, è nata in Italia da genitori che a loro volta sono nati qui e, considerando il fatto che tra di loro ci si sposa molto presto e si diventa genitori già a quindici o sedici anni, talvolta anche i loro nonni sono nati in un campo rom in Italia. Insomma, sono italiani di seconda o addirittura di terza generazione . Alla luce di ciò suona piuttosto ridicola l'intenzione di alcuni di rispedire questa gente a casa loro visto che la loro casa è proprio qui, da noi. E nonostante questo, nessuno di loro, come sarebbe giusto, è cittadino italiano e per molti di loro è difficilissimo avere persino il permesso di soggiorno. In Italia qualsiasi straniero senza documenti in regola commette un reato e quindi qualsiasi zingaro è un fuorilegge fin dalla nascita. In queste condizioni anche se qualcuno di loro volesse davvero "integrarsi" e vivere una vita onesta, chi darebbe lavoro a uno zingaro senza documenti?
Un'altra importante scoperta che ho fatto è che nessuno tra le persone che ho conosciuto a Casilino 900, soprattutto i ragazzi e i bambini, è orgoglioso di essere costretto a rubare o a fare accattonaggio per campare, e nessuno, ma proprio nessuno, preferirebbe vivere in una baracca sporca, senza acqua, senza bagno, gelata d'inverno e bollente d'estate, piuttosto che in una vera casa se gliene fosse data la possibilità. Poi ho capito che nessun bambino preferisce andare a chiedere l'elemosina, o andare alla ricerca di cose da mangiare o vendere infilandosi nei cassonetti, oppure essere costretto a rubare portafogli sugli autobus, piuttosto che andare a scuola. Tutti quelli che ho conosciuto vorrebbero imparare a leggere e a scrivere e sognano di fare da grandi dei lavori rispettabili, ma sanno che questa è una possibilità a loro preclusa.
Ho scoperto che il nomadismo è scomparso tra i Rom, infatti sono morte tutte quelle occupazioni e quei mestieri che lo giustificavano. Quasi più nessuno aspetta la festa del paese e l'arrivo dei giostrai, dei musicanti, delle cartomanti, dei fabbricanti di pentole e di coltelli, gli arrotini, gli ombrellai, i domatori di cavalli e così via. Ora in tutte le città, e persino nei paesini, ci sono i grandi centri commerciali, i cinema multisale e i parchi di divertimento e gli zingari non servono più. Un tempo per la famiglia Rom era indispensabile spostarsi di paese in paese per portare durante le fiere le proprie mercanzie e i propri mestieri, ora che è scomparsa questa necessità il nomadismo non ha più ragion d'essere. Gli zingari sono diventati stanziali e la maggior parte di loro sogna un lavoro e una casa e una vita proprio come quella dei gagè.
Infine ho capito che nei campi non si nasconde solo la microcriminalità legata ai furtarelli, alle truffe e all'accattonaggio necessari alla sopravvivenza di tanti poveracci, ma che tra le baracche trovano rifugio criminali veri e propri, e che refurtive di migliaia e migliaia di euro sono state rinvenute in molti campi, nonché molte armi e chili di droga. I campi, infatti, sono posti dimenticati e abbandonati, spesso ai margini della città, praticamente fuori da ogni regola e legge e senza quasi alcun controllo, insomma, sono posti ideali per molti delinquenti, anche potenti e collegati alle mafie, che hanno tutti gli interessi affinché le cose non cambino mai.

Oggi mi sa che muoio
di Jole Severi Silvestrini
Edizioni Mondadori

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 09/10/2011 @ 09:05:08, in Italia, visitato 1173 volte)


Sabato 15 ottobre alle ore 10.00
Mantova, Palazzo del Plenipotenziario - piazza Sordello 43

Invito:

  • alle associazioni aderenti alla Federazione Rom e Sinti Insieme,
  • alle associazioni rom e sinte,
  • ai gruppi costituiti di sinti e rom.

Ordine del giorno:

  1. Manifestazione del 9 novembre
  2. Situazione dei nuovi contratti ENEL (vedi QUI ndr)
  3. Varie ed eventuali.

Sono invitate a partecipare anche tutte le associazioni sinte e rom, ma anche i singoli sinti e rom simpatizzanti.

Il presidente: Radames Gabrielli
I vice presidenti: Davide Casadio e Dijana Pavlovic

Email: romsintiinsieme@libero.it - Web: http://comitatoromsinti.blogspot.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/10/2011 @ 09:38:33, in Italia, visitato 1016 volte)

ottobre 5th, 2011 | by rob Published in Articolo, smogville | 1 Comment

La storia è questa. A un certo punto del pomeriggio arriva un comunicato stampa dal Comune di Milano, assessorato alla Sicurezza, oggetto: "Rom. Famiglie lasciano campo abusivo sito in zona pericolosa al confine con Settimo Milanese". Toh! penso, fino a pochi mesi fa ci toccava il bollettino quotidiano degli sgomberi, ora il Comune ci informa che queste famiglie hanno lasciato il campo in cui vivevano perché si sentivano in pericolo. Leggo le prime righe del comunicato: "A causa della pericolosità del luogo questa mattina i cittadini rom, che dal mese di luglio vivevano in un campo abusivo in via Gaetano Airaghi, hanno lasciato le loro baracche". Eh si, il vento è cambiato. Continuo a leggere: "Le famiglie sono state convinte ad allontanarsi dal quel campo non autorizzato – ha spiegato l'assessore alla Sicurezza e Polizia locale Marco Granelli – perché si trovava a ridosso della tangenziale in una zona pericolosa". Ah. Sono state convinte. Da chi? "I vigili, accompagnati dal Comandante Tullio Mastrangelo, questa mattina si sono presentati insieme agli operatori sociali del Comune e hanno spiegato alle famiglie i motivi per i quali non potevano più continuare a stare lì". Ah ok, capito, sono state sgomberate. Almeno così si definivano fino a pochi mesi fa queste operazioni. E non di qualche famiglia, come sembrava dall'oggetto, ma 133 persone. Ancora il comunicato: "Il campo di via Airaghi, al confine con il Comune di Settimo milanese, era costituito da 52 baracche, dove vivevano 41 famiglie, per un totale di 133 persone, di cui 48 minori. La società Serravalle proprietaria dell'area, sta procedendo alla pulizia e messa in sicurezza dell'area". Alle persone sgomberate il Comune ha offerto più o meno le cose che offriva la Moioli quando era nei giorni di grazia: "sistemazione provvisoria nei centri di accoglienza" ma dividendo donne e uomini: i maschi da una parte, le femmine e i bimbi dall'altra. "Al momento però le famiglie hanno preferito abbandonare il campo senza accettare la nostra proposta" scrive ancora Granelli. E magari se ne sono andate senza neanche ringraziare.

Quell'area sicuramente era pericolosa e lo sgombero è stato pensato a "fin di bene". Ma il risultato è lo stesso del suo predecessore De Corato, che però almeno chiamava le cose col loro nome e non usava giri di parole finto buonisti per raccontarle. O forse nel favoloso mondo di Pisapie gli sgomberi sono "gentili" e le famiglie "lasciano" le loro baracche?


CONSULTA ROM E SINTI DI MILANO
COMUNICATO STAMPA

Lo sgombero dei rom dell’ex campo di via Triboniano non deve essere la ripetizione della politica di De Corato. La Consulta rom e sinti di Milano chiede un incontro all’assessore alle politiche sociali: costruiamo insieme una prospettiva positiva per la comunità rom e sinta

Stamattina la polizia locale ha sgomberato i rom accampati tra Quinto Romano e via Novara. Tutti provengono dal campo di via Triboniano, chiuso dalla giunta Moratti alla vigilia delle elezioni e dove queste famiglie abitavano. Di queste alcune sono state escluse nel 2007 quando il campo bruciò e la giunta lo sistemò riducendo però gli abitanti con il risultato che molti, pur regolari e senza problemi con la giustizia, rimasero per strada perdendo tutto quello che avevano; altre sono state espulse negli ultimi 5 anni in base al patto di legalità e al successivo regolamento prefettizio applicato anche per bollette o multe non pagate o per aver ospitato familiari nel container.

Quindi una situazione complicata che riguarda una comunità presente da anni nel nostro territorio che va affrontata in maniera meno “semplicistica” e soprattutto senza le conseguenze drammatiche che producono gli sgomberi sugli uomini, sulle donne, sui bambini.

Ci preoccupano due aspetti di questa scelta, anzi tre se vogliamo citare le prime parole del nuovo vicesindaco: a Milano è finita la paura. No, per i rom la paura non finisce mai.

Il primo aspetto riguarda la motivazione dello sgombero: non è stata presentata nessuna ordinanza di sgombero nei giorni precedenti e oggi all’atto dello sgombero è stata mostrata una denuncia contro ignoti della società Milano-Serravalle per sassi gettati sull’autostrada. Chi ha deciso che gli ignoti sono i rom? Questo criterio ci sembra veramente pericoloso per la sua illegalità: se valesse dovrebbero essere sgomberati tutti gli abitanti che vivono vicino all’autostrada!

Il secondo aspetto riguarda la preoccupazione che si riproduca la politica fallimentare della precedente amministrazione con le centinaia di sgomberi che hanno prodotto solo grandi costi pubblici e accanimento crudele contro famiglie che perdevano il poco che avevano.

La Consulta rom e sinti di Milano si è impegnata con la nuova amministrazione per contribuire alla soluzione del problema delle comunità rom dando voce alle comunità e costruendo proposte praticabili, per il Comune e per i cittadini di Milano. Noi intendiamo continuare su questa strada coltivando la speranza che la necessità di una politica diversa non naufraghi di fronte al perdurare del pregiudizio e della discriminazione e al suo uso mediatico.

Questo obiettivo la Consulta lo sta perseguendo con riunioni con le singole comunità e con altre iniziative tra le quali un confronto sulle politiche europee al quale è stato invitato il Commissario per i diritti umani del Consiglio d’Europa che in un suo sopralluogo nel maggio di quest’anno aveva segnalato i gravi problemi di discriminazione nei confronti della comunità rom e sinta di Milano.

La Consulta per tutte queste ragioni ritiene urgente incontrare l’assessore alle politiche sociali per un confronto di merito sulle prospettive delle nostre comunità.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/10/2011 @ 09:04:33, in conflitti, visitato 993 volte)

FRONTIEREnews.it Testo di Srdjan Jovkovic, fotografie di Ippolita Franciosi (segnalazione di Marco Brazzoduro)

Passeggiando per Obilic, una delle città più inquinate dei Balcani, si possono vedere alcune case rosse costruite in mezzo a un campo polveroso. Si trovano nella zona di Subotic, vicino a due centrali termoelettriche a carbonedalle cui ciminiere esce costantemente fumo grigio. Qui i bambini non giocano nei cortili e le donne non curano il giardino, come invece accade in qualsiasi città del Kosovo.
Sono le case costruite dall'Unchr per i profughi ashkali da poco rimpatriati dalla Macedonia, nelle terre da dove furono espulsi dalla maggioranza albanese, dopo la guerra del 1999. Rispetto agli altri rom del Kosovo gli ashkali hanno un'unica, fondamentale, differenza: al posto del romanes, hanno scelto l'albanese come lingua.

Il quartiere rom di Subotic, Obilic: la casa è bruciata ad agosto

Dopo aver tentato invano di trovare qualcuno con cui parlare, incontriamo fuori dalla prima casa rossa Hajriz Rizvani, un ragazzo ashkali di 25 anni. Vuole spiegarci cosa è successo così ci invita ad entrare in casa, aggiungendo che è troppo spaventato per parlare fuori. Hajriz è tornato in Kosovo insieme alla sua famiglia da due mesi e mezzo, dopo un esilio in Macedonia durato 12 anni.
Due settimane fa la casa a fianco alla sua, quella dello zio Halim, è stata bruciata nella notte, ultimo di una serie di atti provocatori, come il lancio di pietre contro l'abitazione e vari colpi di pistola. Fortunatamente la notte dell'incendio la famiglia Rizvani non era in casa: preoccupati, avevano deciso di dormire da parenti. Dopo l'incidente hanno fissato delle barre di metallo su ogni finestra della casa e hanno preparato i bagagli, pronti a partire in caso di una nuova minaccia.
Dopo ogni singolo attacco Hajriz ha chiamato la polizia, che si è presentata ogni volta, senza però risolvere niente: “Vengono, danno uno sguardo alla casa, osservano le finestre rotte, scrivono qualcosa, ci dicono che tutto andrà bene e se ne vanno”. Ma le minacce e le violenze continuano.



Hajriz ci racconta che in seguito all'incendio è impossibile dormire, i bambini hanno visto la casa in fiamme e tutte le notti sono terrorizzati. Di giorno non si sentono al sicuro: evitano di andare a giocare, anche nel bel mezzo di un'assolata giornata d'estate. La famiglia Rizvani ha ricevuto anche le visite di rappresentanti dell'UNHCR e dell'OSCE, che si sono limitati a esprimere compassione e ad augurarsi che qualcosa del genere non succeda mai più.
Nessuna misura effettiva è stata presa né tanto meno è stata avviata una qualsivoglia indagine. Per le organizzazioni internazionali questa è una violenza difficile da riconoscere e sulla quale lavorare, perché è in chiara contraddizione con la politica adottata dall'UNHCR, che incoraggia i rifugiati a tornare in Kosovo dalla Macedonia, tagliando i supporti in maniera graduale.
Hajriz è inevitabilmente triste: nella sua giovane vita ha sperimentato la guerra, è diventato un rifugiato e ora non riesce a vedere alcun futuro nel Kosovo odierno. Il suo ritorno ha provocato una forte reazione dalla maggioranza della popolazione albanese. E qualcuno si è spinto oltre la disapprovazione, rompendo tutte le finestre della sua casa, proprio ora che sta ricominciando una nuova vita.
Il desiderio di Hajriz è trovare un lavoro per sostenere la sua famiglia: in Macedonia, essendo rifugiato, per legge non poteva lavorare. Ha deciso di tornare in Kosovo con la speranza che la legge e le istituzioni garantissero un ambiente sicuro per lui e per la sua famiglia. Ma chiaramente non è così.
L'incendio delle case è esattamente lo stesso tipo di intimidazione e violenza che i rom hanno subito prima e durante la guerra del Kosovo, dodici anni fa, quando la retorica dell'indipendenza trionfava e la violenza tra compaesani portava molte famiglie (più di 60.000) a lasciare il Kosovo perdendo tutto. Il futuro assomiglia troppo al passato violento del Kosovo, perché alla fine ogni speranza del paese, come quella di Hajriz, sembra svanire nel fumo nero delle case bruciate, ancora una volta.

Tutte le fotografie sul Kosovo di Ippolita Franciosi (http://www.ippolitafranciosi.net, [...]) saranno in mostra fino al 10 ottobre al Cafè de la Paix, a Ferrara, in occasione del Festival di Internazionale al Cafè de la Paix.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/10/2011 @ 09:58:45, in scuola, visitato 1369 volte)


Spot su Youtube
venerdì 14 ottobre dalle 16.00 alle 18.00
Auditorium UNICEF Via Palestro 68 - ROMA


Come è organizzata a Roma la scolarizzazione dei bambini rom ospiti nei villaggi attrezzati? Quali enti sono coinvolti? Quali i costi e quali i risultati raggiunti?

L'Associazione 21 luglio vi invita a partecipare alla presentazione ufficiale del report "Linea 40 - Lo scuolabus per soli bambini rom", realizzato da Adriana Arrighi, Carlo Stasolla e Andrea Anzaldi.
Il report, frutto del lavoro di ricerca, verrà presentato da Carlo Stasolla, presidente dell'Associazione 21 luglio, Stefano Batori, vice preside della Scuola Media Statale "Bramante" di Roma e Dimitris Argilopoulos, ricercatore pedagogista dell'Università di Bologna.
Durante l'evento sarà inoltre proiettato il video "Da Barbiana al campo nomadi" prodotto dall'associazione stessa e realizzato da Davide Falcioni, Andrea Cottini e Ermelinda Coccia.

La scuola deve tendere tutto nell’attesa di quel giorno glorioso in cui lo scolaro migliore le dice: "Povera vecchia, non ti intendi più di nulla" e la scuola risponde con la rinuncia a conoscere i segreti del suo figliolo, felice solo che il suo figliolo sia vivo e ribelle.
Lettere di don Lorenzo Milani priore di Barbiana


Vi aspettiamo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/11/2019 @ 23:23:49
script eseguito in 164 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4732 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source