Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 27/11/2011 @ 09:22:12, in musica e parole, visitato 1452 volte)

Young4young.com chi viene e chi va di Ana Cvitan - Raccontare la situazione rom in Italia attraverso l'arte e lo spettacolo. Si può, se hai come santi protettori Daniela e Silvio - giovedì 24 novembre 2011

Antun Blazevic in una foto di Marija Dzalto

Iniziare un'intervista con qualcuno che ti dice che puoi lasciare tranquilla la tua borsa vicino a lui, perché oggi "non lavora", e finirla sentendo la sua dichiarazione di essere invidioso di Berlusconi, perché appare solo lui alla TV italiana e non i rom, non è molto comune. Invece, la conversazione con Antun Blazevic, in Italia conosciuto come ToniZingaro, è andata proprio così. Lui è un mediatore culturale, ha radici zingare, vive in Italia da più di 30 anni e attraverso l'ironia racconta il suo popolo e le condizioni nelle quali si trova dentro la società italiana.

Da un anno gestisce l'associazione "Theatre Rom" che ha il ruolo, come lui stesso dice, «di promuovere la cultura e la tradizione del popolo rom e di far vedere alla società che i rom non sono tutti sporchi, brutti e cattivi, ma che sono pure persone che lavorano, persone che mettono passione nel proporre un messaggio costruttivo, e non solo quello distruttivo, che invece alla società italiana piace sentire e vedere». Nei media i Rom sono spesso presentati attraverso i pregiudizi; nessuno li presenta come persone che «cantano, suonano, recitano, dipingono quadri, lavorano il rame, fanno sculture».

L'associazione "Theatre Rom" non cerca di raggiungere l'obbiettivo attraverso grandi azioni politiche, ma, come dice ToniZingaro, vuole «raccontare lo stato dei Rom in Italia attraverso il palcoscenico e l'arte». Non vuole nemmeno cambiare le convinzioni degli altri, «perché ognuno può pensare quello che vuole. Ciò però non significa che egli non si debba confrontare con se stesso, ripensare i propri modi di ragionare, mettersi nelle condizioni di riflettere se tutti i suoi giudizi sono veri». Antun Blazevic, cosciente della presenza di pregiudizi nella società italiana, li affronta in un modo ironico. Considera che «una risata sana salva la vita» e proprio per questo usa l'ironia per far capire alle persone quale è la vera situazione. «Con l'ironia metti le persone davanti alla realtà, ma rendendola più leggera», dice.

Si intitola "la lettera" lo spettacolo d'ironia e di denuncia, andato in scena la settimana scorsa. Il testo, scritto proprio da lui, racconta il mondo rom attraverso l'umorismo: ad esempio, i figli del protagonista portano i nomi «dei santi protettori del popolo rom: Giulio, Silvio, Daniela, Mario, Umberto, Pier Silvio. È infatti merito loro, se i Rom in Italia si trovano "così bene"».

Tutto quello che fa l'associazione lo realizza con propri mezzi, perché «se con i nostri progetti denunciamo il fatto che il popolo rom per colpa dell'amministrazione è povero e a disagio, mi sembra poi contraddittorio chiedere all'amministrazione di sostenere economicamente questi stessi progetti».
L'associazione promuove anche laboratori per bambini, non solo rom. Si sceglie un'altra metodologia, «si mettono insieme i bambini rom con i gagè (tutti gli altri bambini), perché siamo convinti che la vera integrazione si realizza nel loro incontro. Il mondo occidentale vorrebbe che noi lasciassimo la nostra cultura e ci assimilassimo a loro, per entrare a pieno titolo nella loro società. Ma l'assimilazione è una cosa pericolosa – essa significa perdere l'identità, i valori, il modo di essere, di vivere, il modo di capire e percepire il prossimo».

Non solo attraverso lo spettacolo, ma anche in altri momenti Antun Blazevic è «portavoce dei rom» per richiamare l'attenzione del pubblico su alcuni diritti fondamentali di questo popolo che lo Stato dovrebbe riconoscere: «la minoranza linguistica - perché un uomo senza lingua è come un uomo senza l'identità; il diritto al lavoro; il diritto all'educazione, in modo tale che le scuole non siano più soltanto un "parcheggio" per i bambini rom, ma luoghi dove questi bambini sono trattati come tutti gli altri bambini. Alla fine si dovrebbe rispettare e conoscere la cultura dei Rom, perché soltanto così si arricchisce la propria».

Secondo ToniZingaro è la musica la cosa più significativa del mondo rom. Davvero può arricchire la cultura occidentale: «La musica è una forza molto più potente della bomba atomica. La musica nel mondo rom è capace di aprire tutte le porte, le finestre, i cuori, le anime, le persone. Con la musica trasmetti gioia, dolore, amore, tristezza, felicità, pensieri. Tutto!». C'è poi un'altra cosa che a noi occidentali può insegnare molto: questo popolo ha una grande forza di sopravvivenza. «I rom non si arrendono mai. Anche dopo che qualcuno gli ha bruciato la baracca, essi riprendono subito a vivere, perché sono liberi, non hanno la necessità di essere proprietari di qualcosa, non hanno questo senso della proprietà al quale invece gli occidentali tengono così tanto».

Alla fine gli chiediamo di spiegare la parola "Rom". Ci risponde che preferisce essere chiamato ToniZingaro. La parola "rom", tradotta letteralmente dalla lingua romaní, significa "uomo": non vuole che qualcuno lo chiami con questo sostantivo, mentre poi non lo considera un essere umano.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/11/2011 @ 09:21:53, in lavoro, visitato 1284 volte)

2011/11/22

Il 2011 non è stato un buon anno "per il popolo Rom, grande protagonista del riutilizzo in Italia. Nonostante il grande servizio dato all'ambiente e le innovazioni normative, le amministrazioni non danno segnali per la regolarizzare del fenomeno": si apre così la sezione dedicata agli operatori Rom del settore dell'usato, contenuta nel "Rapporto sul Riutilizzo 2011" curato dal Centro di Ricerca Economico e Sociale di "Occhio del Riciclone", in collaborazione con il Ministero dell'Ambiente, presentato il 18 novembre scorso presso la Città dell'Altraeconomia a Roma.

Dal documento emerge che, grazie alla vendita di merci recuperate, circa il 10% di questa comunità riesce a vivere con un reddito onesto. Si tratta di frugatori, in parte sostituiti dalle nuove generazioni di bulgari e rumeni, stanziati ai margini dei mercati spontanei in ritrovi di fortuna e che, non sostenendo costi di trasporto e igienizzazione dei prodotti raccolti, hanno determinato il crollo dei prezzi in vendita. Insieme a quella dei ferraioli sono la categoria più colpita. "Una volta gettato nel cassonetto, il rifiuto diventa proprietà dell'A.m.a. e il suo approviggionamento viene considerato furto", spiega Silvia Paoluzzi, della Rete di Sostegno ai Mercati Rom. "Si rischia addirittura il sequestro del veicolo. Per questo ha preso piede il fenomeno dei ragazzi in bicicletta, che con cassette di plastica, trasportano ferro e metalli in piccole quantità". Poi ci sono i rigattieri e svuotacantine che, non trovando sbocchi nei mercati, sono costretti al conto terzi.

Sempre più ridotto lo spazio concesso nei mercati autorizzati. "Sono sotto attacco in tutta Italia", spiega Aleramo Virgili, portavoce della Rete O.n.u. Lazio (Rete Operatori nazionali dell'usato). "Dalle periferie romane al famoso mercato di Porta Portese; dal mercatino dello stadio San Nicola di Bari a quello di Bonola (Milano); dall'area del Porto antico di Genova o di Piazza Garibaldi a Napoli". Per oltre 10 anni, i "Romano Pijats", i mercati della Capitale, dietro il pagamento della Ta.Ri (tariffa rifiuti) e del suolo pubblico, hanno garantito un reddito ad oltre 500 capifamiglia Rom, consentendo di regolarizzare documenti. Da circa 3 anni la battuta d'arresto. Chi vuole lavorare è costretto ad aprire la partita Iva, che molti non possono permettersi, costringendo la maggior parte a tornare nell'informalità.

La Rete di Sostegno ai Mercatini Rom, nata lo scorso aprile durante gli "Stati Generali del Riciclo", ha raccolto l'eredità di questa esperienza e quella dello Sportello Popolare per i Migranti di via del Quarticciolo 18 a Roma, che dal 2008 ha svolto un servizio di ascolto e supporto legale gratuito fino a tre settimane fa, quando è stato chiuso "a causa di pesanti problemi d'intolleranza razziale da parte degli abitanti del quartiere, molti dei quali coinvolti nella malavita locale" racconta la Paoluzzi. "Il VII Municipio, pur riconoscendo l'importanza che il servizio gestito da volontari ha svolto per decine di famiglie Rom, migranti di origine araba, nordafricana e sud americana, ha preferito farlo chiudere, piuttosto che affrontare il problema. Segno di come la questione Rom sia ancora percepita dalle istituzioni come un problema di sicurezza". L'idea ora è quella di donare la sede ad altre cooperative e di trovare un'altra area dalla quale ripartire.

Al momento la Rete è impegnata a Napoli nei lavori della Prima Assemblea Nazionale degli Operatori dell'Usato, insieme alla Rete O.n.u. di cui fa parte: "Chiederemo mercati multietnici per migranti e la revisione della legge 205, per aprire spazi occupazionali e d'integrazione". E conclude: "In Campania sono stati proprio i Rom a dare il buon esempio durante l'emergenza rifiuti. Dalla ricerca dell'Isde (Associazione Medici per l'Ambiente) ‘Il valore della raccolta differenziata a Napoli', condotta con i dati di Asia e Ispra, risulta che i Rom abbiano contribuito per il 90% al corretto smaltimento di alluminio, rame e materiale ferroso. Fra i pochi quindi, a comprendere che è proprio la differenziazione dei rifiuti il vero ‘Oro di Napoli".

Loredana Menghi

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Marylise Veillon (del 25/11/2011 @ 09:39:25, in Europa, visitato 1209 volte)

Da Roma_Francais

MENDICANTI IN TRIBUNALE: "LA CACCIA AI ROM CONTINUA"

Intervista: due rumene compaiono lunedì davanti al Tribunale di Bobigny per "abbandono" dopo essere state arrestate mentre mendicavano insieme ai loro figli. Il loro avvocato denuncia un'infrazione aberrante e chiaramente contro i rom.

TF1 NEWS:
"In quali circostanze sono state arrestate le Sue due clienti e cosa viene esattamente contestato loro?"
HENRI BRAUN, AVVOCATO:
"Maria e Genovita sono due giovani donne rom, originarie dalla Romania. Hanno circa venti anni e sono arrivate in Francia alcuni mesi fa, con i loro mariti e i loro figli. Come tutte le cittadine rumene e bulgare in Francia, non hanno accesso al mercato del lavoro. Vivevano quindi in condizioni molto precarie, e sono state costrette a mendicare per sopravvivere e nutrire i loro figli. Sono state arrestate il 6 settembre al Bourget, mentre chiedevano l'elemosina per strada, con i loro figli. Questi ultimi sono stati loro tolti per otto giorni, poi finalmente restituiti. Da allora, sono citate per "abbandono" presso il Tribunale di Bobigny.
Questo reato, che figura nel C.P. Art. 227-15 comma 2, è stato creato per mezzo della legge di sicurezza interna del 2003. Stipula che costituisce un abbandono, in particolare il fatto di mantenere un bambino di meno di sei anni sulla via pubblica o in uno spazio riservato al trasporto collettivo di viaggiatori, con lo scopo di sollecitare la generosità dei passanti. La sanzione prevista è di 7 anni di reclusione e di € 100'000 di multa. In seguito all'istituzione di questo reato, c'è stata una prima ondata di controlli nel 2004 e nel 2005. Poi, il 12 ottobre 2005, la Corte di Cassazione ha emesso una sentenza che impone alla procura di apportare la prova che la salute del bambino è stata intaccata, perché il reato possa essere costituito. Siccome non è mai il caso, gli arresti si sono fermati di netto.
Ma l'attacco è chiaramente ripartito, dall'estate scorsa. La caccia ai rom continua. Questo si ricollega all'offensiva lanciata un po' più di un anno fa, con lo smantellamento di tutti i campi nomadi, in particolare nella zona di Seine-Saint-Denis."

TF1 News:
"Questo lunedì sarà esaminata una questione prioritaria di costituzionalità (QPC), depositata da Lei a metà ottobre, durante una prima udienza: perché Lei si augura che questo testo venga abrogato?"
H.B:
"Ciò che sorprende, nei fascicoli delle mie due clienti, è che possiamo leggere che i poliziotti hanno dichiarato abbiamo reperito e interpellato una donna di tipologia rom. Il mio obiettivo è di fare sparire quest'articolo di legge, che considero chiaramente contro i rom, in quanto fino ad oggi, ho visto soltanto rom essere incriminati sulla base dell'art. 227 -15 comma 2. Quest'ultimo è stato pensato in un senso discriminatorio ed è applicato in modo discriminatorio. Semmai la mia QPC dovesse essere rifiutata oggi, mi rivolgerò alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea, nel Lussemburgo, per violazione della Carta europea dei diritti fondamentali. Ritengo infatti che la mendicità non sia un reato. E quanto bene verrebbe stabilito che lo sia, la sanzione proposta è totalmente spropositata. E' aberrante. Come è possibile che un furto semplice sia punito con tre anni di reclusione, mentre il semplice fatto di mendicare sia punito con sette anni?"

TF1 News:
"E' il fatto di mendicare con il proprio figlio, che è punito con sette anni di reclusione."
H.B.:
"Sono d'accordo, ma il problema è che queste donne non hanno accesso né ai nidi, né ai baby-parking. Quindi, come devono fare? La giustizia penale è lì per reprimere dei comportamenti nocivi nei confronti della società. Ma nella fattispecie, si mira semplicemente a stigmatizzare una parte della popolazione. Trovo questo insopportabile. E senza fare alcun amalgama o volere tentare di paragonare l'incomparabile, è ancora più insopportabile per il fatto che gli zigani sono stati spesso stigmatizzati nella storia."

TF1 News:
"Nello stesso tempo però, la nostra società non può tollerare di vedere bambini mendicare fuori tutto il giorno, con i loro genitori."
H.B.:
"La questione non è di sapere se si approva o meno moralmente questa situazione. Nel fondo, sono ovviamente completamente d'accordo nel dire che il posto dei bambini di meno di sei anni non è per strada a mendicare. La vera questione è di capire se questo merita una repressione penale. All'ora attuale, non facciamo nulla per questi bambini. Un inizio di soluzione sarebbe di dare a questa gente l'accesso al lavoro. Hanno piene capacità per farlo. Allora, non avranno più bisogno di mendicare."

TF1 News:
"La votazione di questo articolo di legge mirava ugualmente a mette un fermo alle reti organizzate..."
H.B.:
"Può darsi che ciò esista, ma io non ne ho mai visto. Ho semplicemente visto mariti e donne che provavano ad avere una vita migliore per i loro figli. Ma se fosse il caso, esiste un altro testo che condanna lo sfruttamento della mendicità e che non ho ancora mai visto applicato. Allora iniziamo da questo."

TF1 News:
"Durante la prima udienza a metà ottobre, un'altra donna arrestata alla Courneuve e alla quale si rimproverava gli stessi fatti, è stata finalmente rilasciata. Lei si aspetta la stessa clemenza da parte del Tribunale, nei confronti delle Sue clienti?"
H.B.:
"Sono molto fiducioso in quanto all'ottenimento del rilascio, in quanto gli esami clinici effettuati sui bambini hanno dimostrato che godono di perfetta salute. I servizi di polizia stessi, hanno giusto constatato che il pannolino di uno di loro era stato cambiato con un po' di ritardo, e che di conseguenza, il piccolo aveva il sederino leggermente arrossato... Siamo quindi lontano dal maltrattamento o dall'abbandono. Però il mio obiettivo si sposta più in là del rilascio. Il mio obiettivo, come ve l'ho detto, è di ottenere l'abrogazione di questo testo di legge."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/11/2011 @ 09:01:33, in Regole, visitato 1726 volte)

E' passata un settimana da quando il Consiglio di Stato ha dichiarato illegittimo il Piano Emergenza Nomadi. Accanto alla giusta soddisfazione di quanti in questi anni l'hanno contrastato perché antidemocratico ed incostituzionale, registro reazioni diverse e contrastanti su quello che potrà succedere da ora in avanti.

VEDIAMO DI CAPIRE COSA POTRA' SUCCEDERE

La destra più becera  (e non è una novità) ha immediatamente coniugato la notizia con un attacco alla sinistra. Se questi sono i loro ragionamenti, non posso che essere felice, perché se leggete la risposta che ho lasciato loro, questi dopo due anni non hanno ancora capito di cosa scrivono, o peggio mentono sapendo di mentire.

Ma...  la sinistra cosa dice? Se scorro quest'articolo del Corriere, al solito dice tutto ed il suo esatto contrario. Leggendo tutto, sono presenti anche le altre reazioni: da quella del duo Salvini-De Corato a quella di segno opposto della Consulta Rom milanese. Ma la parte più interessante è nel titolo: il rischio è che non ci siano più soldi per gli sgomberi! (povero Granelli...) Solo alla fine dell'articolo, il grande giornale nazionale, in un sussulto di obiettività, fa presente che parimenti mancheranno anche i fondi per quei Sinti e Rom che avevano scelto un percorso di superamento del campo. Insomma: la logica desolante è che per l'informazione il Rom è "notiziabile" se sgomberato, ma se volesse autosgomberarsi non lo è più tanto.

E' o non è un'emergenza anche quella?

Il concetto rispunta (apparentemente simile) in un polemico articolo di Tempi (rivista che mi risulta vicina a CL). La tesi è che i fondi stanziati sarebbero serviti ANCHE a migliorare le condizioni di vita di chi abita nei campi nomadi. MI PERMETTO UNA CONSTATAZIONE: nei due anni in cui è rimasto in vigore il Piano Emergenza Nomadi, la situazione è rimasta grossomodo lo stessa. E MI PERMETTO UN DUBBIO (da quel malfidente che sono): non sarà che la vera preoccupazione sia il taglio dei finanziamenti al solito privato sociale, piuttosto che le condizioni di vita dei poveri Rom e Sinti?

Il dubbio mi nasce da un comunicato dell'AIZO, storica associazione di "tutela" dei Rom e dei Sinti, che aveva appena ottenuto un cospicuo finanziamento dal comune di Torino per la gestione di alcuni campi cittadini. Ora che il Consiglio di Stato si è espresso, c'è il timore che anche quei finanziamenti siano a rischio, così leggo su quel comunicato: "Dopo tanto lavoro, ora, con questa sentenza, si rischia di tornare indietro di 20 anni, con il sorgere di campi abusivi in ogni angolo delle periferie, dove sporcizia e degrado regnano sovrani" che, guardacaso, è esattamente la tesi espressa dal nostro ex sceriffo De Corato.


In realtà, il discorso è + complesso ed inizia un paio di anni fa. Una famiglia allargata intende sfruttare il Piano Maroni (13 milioni di euro a disposizione x Milano). Alcuni di loro hanno qui in città un contratto di lavoro a tempo indeterminato, quindi possono aprire un mutuo x acquistare una cascina diroccata in Lomellina. Nel loro campo vivono su un terreno di proprietà comunale da circa 20 anni, ed in questo tempo hanno speso i loro soldi per costruirsi un riparo che sia più decente della roulotte con cui arrivarono. La cascina è da ristrutturare, le loro abitazioni + che dignitose, e lasciarle sarebbe una perdita secca. Sino qua, i soldi arrivano tutti da loro. Quindi approfittano del Piano Maroni, gestito dalla maggioranza Moratti-De Corato (non da Pisapia), per farsi finanziare la ristrutturazione e rendere la cascina abitabile (attualmente non ne avrebbe i requisiti). I soldi sono gli 8.000 euro a 40 Rom (non 40 famiglie!), promessi sempre dal duo Moratti-De Corato, verranno sbloccati solo con l'avvento di Pisapia (che tecnicamente, si limita a mantenere un impegno assunto dalla giunta precedente). La partita di giro prevista dal piano prevede che il comune affidi i soldi al gestore del campo (Casa della Carità) che li investe in cambio della presentazione del piano di spesa.
Nel frattempo, i lavori di ristrutturazione sono partiti solo quest'anno, e le famiglie sono tuttora al campo.
Giudicate voi

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/11/2011 @ 09:46:49, in Italia, visitato 1192 volte)



sarà presente al MEDIMEX di Bari dal 24 al 27 novembre allo stand n° 100

Visitando lo stand sarà possibile conoscere le nostre attività e i nostri artisti.
Sabato 26 novembre nell'ambito di BONUS TRACK - MEDIMEX l'Alexian group di Santino Spinelli sarà in concerto alle h 22 presso la Taverna del Maltese, in via Nicolai, 57 a Bari
Vi aspettiamo numerosi

per contattarci: cell. 340 6278489, email: spithrom@webzone.it

PER SAPERNE DI PIU' SULLA FEDERARTEROM

La FederArteRom riunisce 50 associazioni presenti sul territorio nazionale per organizzare grandi eventi e manifestazioni con la collaborazione di enti pubblici (nazionali, regionali e locali) ed istituzioni internazionali. Inoltre grandi intellettuali ed artisti di fama mondiale hanno aderito e dato il loro sostegno a tale iniziativa, col principale obiettivo di valorizzare l’enorme patrimonio artistico che coinvolge la FederArteRom.

Consideriamo l'Arte uno dei veicoli più efficaci di comunicazione, in quanto ci permette di superare quei pregiudizi rispetto alla situazione sociale, morale, culturale, etica e religiosa che spesso stanno alla base della discriminazione nelle sue diverse sfaccettature. Vogliamo quindi valorizzare la cultura Romanì libera dai tanti stereotipi e barriere in cui è incatenata da troppo tempo, nella forma che forse più la rappresenta: l’incontro tra culture nell’arte!

Le fondamenta della FederArteRom poggiano sul riconoscimento e la promozione della Dichiarazione Universale dei diritti Umani, valori che intende trasmettere con ciascuna azione ed iniziativa.
La federArteRom ha attivato un sito internet visitabile all’indirizzo:
http://www.federarterom.wordpress.com
ed un indirizzo email: federarterom@gmail.com

La FederArteRom si compone del seguente organigramma definitivo e immodificabile fino alle prossime elezioni, salvo per le nuove associazioni i cui legali rappresentanti entreranno nella Consulta Artistica automaticamente:

Consiglio Direttivo:

Dott. Prof. Santino Spinelli "Alexian" - Presidente
Paolo Falessi (Ladri di Carrozzelle) - Vice-presidente
Fabio Ricci (i Jalisse) - Vice-presidente
Miriam Meghnagi - Vice-presidente
Massimo Antonelli (ass. Calamus) - Vice-presidente
Giordano Sangiorgi (MEI) - Vice-presidente

Dott. Luca Marini, Dott.ssa Orietta Cipriani - Segretari
Pierluigi Circeo, Daniela De Rentiis - Tesorieri

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 24/11/2011 @ 09:04:03, in blog, visitato 1156 volte)

Gioia Tauro (RC), Marino: "La dislocazione delle famiglie rom decisa dal Comune è una vera svolta nella politica sociale della città"
La decisione assunta dal Consiglio comunale di Gioia Tauro il 30 settembre 2011 di dislocare gradualmente le famiglie rom italiane sul territorio per eliminare lo stato di emarginazione e favorire l'inclusione sociale di questi cittadini è una scelta importante che costi...

Torino, odio e ignoranza: come gioire di una tragedia
Nella giornata di ieri, a seguito dell'alluvione che ha colpito il torinese e dell'allontanamento dei rom accampati nel campo di Lungo Stura Lazio per motivi di sicurezza, l'onorevole Cavallotto (in foto) della Lega Nord è intervenuto sull'evento dichiarando...

TUTTI UNITI, Rom e Sinti a Roma: l'intervista a Radames Gabrielli
Chiara Ludovisi di Redattore Sociale intervista Radames Gabrielli, Presidente della Federazione Rom e Sinti Insieme, a poche ore dalla manifestazione TUTTI UNITI che si terrà domani 9 novembre a Roma, in piazza Montecitorio, a partire dalle ore 9.00...

TUTTI UNITI, Rom e Sinti: un grande successo!
La manifestazione delle associazioni sinte e rom TUTTI UNITI, promossa dalla Federazione Rom e Sinti Insieme, è stata un grande successo. Un ringraziamento a tutti i sinti, a tutti i rom e a tutti i racli che hanno partecipato. Un ringraziamento a tut...

Milano, alla 54° Biennale di Venezia partecipa Bruno Morelli
Il 27 ottobre scorso si è inaugurata la 54° Biennale di Venezia Sez. Milano c/o Padiglione Italia “Le sale del re” con la partecipazione di 90 artisti di fama internazionale selezionati. Uno degli artisti selezionati è stato Bruno Morelli con l'opera "In-Contro"...

"La persecuzione nazista degli zingari": chi scrive la storia svolge un'azione politica
Una sintesi della posizione di Guenter Lewy, sulla persecuzione nazista subita dai sinti e dai rom, l'ho già espressa nel primo post ma l'analizzerò puntualmente nei prossimi post. Le posizioni di Mantelli e di Luzzato che introducono il lettore al libro di Lewy le analizzo brevemente adesso perchè sono divergenti da quanto affermato da Guenter Lewy...

Milano, firma la petizione per una moratoria degli sgomberi forzati di rom e sinti
Il Naga, associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti, ha lanciato sul web una petizione indirizzata al Sindaco e al Prefetto per bloccare tutti gli sgomberi degli insediam...

Calcinato (BS), omicidio Ionut Yamantida: chi ha armato la mente di Luciano Manca?
Il 26 ottobre scorso a Calcinatello di Calcinato (BS) Luciano Manca, 51enne, si è appostato nei pressi della proprietà privata di una famiglia rom e ha fatto fuoco con un fucile uccidendo Ionut Yamantida, dici...

Consiglio di Stato: non esistevano i presupposti per dichiarare lo stato di emergenza
Nel maggio 2008 l'ex Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, su indicazione dell'ex Ministro dell'Interno, Roberto Maroni, aveva decretato lo stato di emergenza in tre Regioni italiane (Lombardia, Lazio e Campania) per la p...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/11/2011 @ 09:40:51, in casa, visitato 1199 volte)

Segnalazione di Roberta Sasso

TuttoGreen di ELLE il 26 SETTEMBRE 2011

Si può costruire una casa con 300 dollari (meno di 212 euro)? Questa è l'idea lanciata un anno fa sul blog della Harvard Business Review da Vijay Govindarajan, docente di Economia, e Christian Sarkar, esperto di marketing.

Alla sfida "$ 300 House Design Challenge" a cui è abbinato un sito, 300house.com, hanno preso parte più di 300 partecipanti tra architetti, designer, studenti e professionisti che hanno inviato sul web i propri progetti.

Questo concorso di idee prevedeva regole precise da rispettare: erano richiesti, infatti, progetti di abitazioni fabbricabili con materiali prodotti in serie, facili da reperire e abbastanza resistenti agli agenti atmosferici. Inoltre nei progetti si richiedeva anche la presenza di servizi di base da adattare alle esigenze di qualsiasi tipo di abitante, singolo o famiglia.

Tra tutti i progetti candidati per ora ne sono stati selezionati solo 6, i migliori secondo la giuria composta dalla web community sorta nell'ambito dell'iniziativa grazie anche al sito creato per lanciare l'iniziativa e all'interesse riscosso su internet, oltre che da un gruppo di professionisti esperti nel settore dell'edilizia sociale.

Il finanziamento di 15.000 dollari complessivi consentirà ai progettisti vincitori di dare vita ai primi prototipi. L'idea di una casa a basso costo è valsa a Govindarajan e Sarkar un posto tra i Thinkers 50, una top list riservata ai 50 migliori pensatori d'affari del mondo.

E noi di TuttoGreen pensiamo che sia la migliore idea low-cost per ridurre l'impatto delle costruzioni sull'ambiente!

Pensate infatti quante case si potrebbero fare con un impegno economico così basso senza andare ad incidere sul trasporto e sulla produzione di materiali costosi destinati alla costruzione con metodi tradizionali.

Per non parlare dell'aspetto sociale della faccenda. Finalmente tutti o quasi potrebbero aspirare ad un'abitazione "decente" così come le condizioni di vita negli slums delle gigantesche metropoli del terzo mondo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/11/2011 @ 09:03:13, in media, visitato 1295 volte)

Le rassegne stampa sono qualcosa di asettico e neutrale. Ma la neutralità, altro non è che il mantenimento dello status quo. Anche in Mahalla potremmo essere neutrali...

  • Fisco, in 59 evadono 21 milioni COINVOLTI REGISTI, ATTORI, CANTANTI MA ANCHE NOTAI, AVVOCATI, DENTISTI (12 novembre 2011)
  • Calderara di Reno (BO): arrestati 3 zingari per furto di varie parti di auto Calderara di Reno (BO) – Zingari in azione. 3 persone, tra cui un minorenne, arrestate dai Carabinieri, sorpresi a rubare parti di auto all’interno della ditta "Ar Auto Riparazioni S.r.L." (18 novembre 2011)

(compito per i lettori: TROVATE LE DIFFERENZE)


e poi ci sono i geni:

  • 130 Carabinieri del Comando Provinciale di Cuneo arrestano 16 Rom dei campi nomadi di Torino L'operazione, con la collaborazione dei colleghi di Torino e di personale del Corpo di Polizia Municipale di Torino – Nucleo Nomadi, è avvenuta al termine delle indagini avviate dai Carabinieri di Mondovì un anno fa (22 novembre 2011)
    Parere di Eugenio Viceconte: 130 carabinieri ed un paio di elicotteri per recuperare 50 kg di cavi elettrici... valore del rame sequestrato 250 €. E' la volta buona che si sconfigge la criminalità organizzata
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/11/2011 @ 18:25:22, in Italia, visitato 1432 volte)

Cambia il vento..ma per alcuni soffia ancora la bufera di Karma Mara (Zona Autonoma Milano)

Milano in Movimento

Lo sgombero era stato annunciato nei giorni scorsi come imminente e sui vari social network era rimbalzata la notizia fino alla conferma di ieri sera.

Ore contate quindi per il campo abusivo sorto vicino a quello regolare di via Bonfadini.

La Diana Pavlovic (Consulta rom) dichiarava : "Cercare con loro le soluzioni" e dopo la sentenza del Consiglio di Stato: "Ora l'assessore Granelli dovrebbe sospendere gli sgomberi".

Sempre ieri, giornata calda per la questione rom, con il Consiglio di Stato che ha bocciato il piano nomadi "Illegittimo lo stato di emergenza" e con i giudici che scrivono "non esistono dati fattuali che autorizzino ad affermare l'esistenza di un nesso tra la presenza sul territorio di insediamenti rom e una straordinaria ed eccezionale turbativa dell'ordine e della sicurezza pubblica", il presidente Tursi di Arcisolidarietà commentava la sentenza: "E' giunto il momento di fare autocritica e tornare a governare la situazione senza parlare alla pancia delle persone".

Queste erano le premesse.

Lo sgombero del campo di via Bonfadini è stato deciso (così sostiene l'amministrazione) a causa dei lavori in corso nell'area per la costruzione della strada Statale Paullese e la società di costruzione che ha in appalto il lavoro e si è resa firmataria di una denuncia a carico degli occupanti, sostiene che attualmente è tutto fermo a causa della presenza del campo.

Lo sgombero preannunciato per questa mattina non è stato effettuato, ma solo rimandato.

Intorno alle otto e mezza, dopo più di due ore di attesa, si sono presentati in forze servizi sociali, polizia municipale, amsa, ruspe, protezione civile e il comandante Mastrangelo dei vigili urbani di Milano.

Gli occupanti, dopo una serie di momenti di tensione e le solite promesse da parte dell'amministrazione di percorsi sociali per i nuclei che prevedono la divisione mamme/bambini in comunità e padri per strada, hanno richiesto almeno un mese di tempo per lasciare il campo e trovare un'altra soluzione abitativa sempre per strada visto che non è stata offerta loro una reale e valida alternativa.

Il campo era nato nella zona nel Marzo 2011 ed attualmente abitato da più di 200 adulti e almeno una settantina di minori, scolarizzati e frequentanti tutti le scuole elementari e medie della zona, sono presenti inoltre anche minori di soli pochi mesi e molte persone anziane.

"Trovato l'accordo" la polizia ha preannunciato un'ulteriore avviso di sgombero il 9 di Dicembre e il definitivo sgombero il 12 dello stesso mese, ha minacciato gli occupanti di non costruire più nemmeno una casa o " La prima baracca che cresce in più…. " e ci lasciano sottintendere una politica che ben conosciamo.

A fine sgombero è arrivata Diana Pavlovic che ha invitato alcuni occupanti del campo alla riunione della consulta rom che si tiene ogni giovedì e in cui sono riuniti i rappresentanti della comunità rom milanese per riflettere assieme come affrontare lo sgombero.


Comunicato del Gruppo sostegno Forlanini su sgombero campo Bonfadini - Milano, 22.11.2011

Stamattina un nutrito nucleo di polizia locale, con la presenza del suo responsabile milanese, e dei servizi sociali comunali si è presentato al campo informale di via Bonfadini (prossimo all'area da tempo autorizzata) per quello che nei giorni scorsi era stato preannunciato come lo sgombero di quest'area. Dopo un colloquio tra gli abitanti del campo e la polizia locale, si è arrivati alla soluzione del rinvio dello sgombero al 12 dicembre.

Si è trattato insomma di una manifestazione della strategia dissuasiva adottata dalla nuova Giunta nei confronti dei campi "abusivi": nessuna tolleranza per gli insediamenti informali, per i quali si procede a dissuadere sia dall'incrementarli sia dall'abitarli. e - in alternativa parziale e notoriamente insufficiente - vengono proposte misure come la separazione, nel caso dei nuclei familiari, tra madri e bambini da una parte e padri dall'altra. Nessuna soluzione più strutturale viene proposta allo sgombero, misura di extrema ratio, che viene lasciato senza alternative.

Noi crediamo che la strada da percorrere sia diversa:

  1. innanzitutto la moratoria degli sgomberi degli insediamenti, siano essi effettuati in forma dissuasiva o "pesante";
  2. l'avvio di una urgente e seria considerazione integrata della questione, che ne affronti gli aspetti sociali, lavorativi, scolastici, sanitari, in necessaria interlocuzione coi diretti interessati. Non può né deve bastare la trattativa tra il capo della polizia locale e gli abitanti; è in questione una convivenza civile tra soggetti, da risolversi in istanze più aperte e democratiche.

Parlando cogli uomini e le donne, sono emerse per l'ennesima volta le tante e note problematiche di un vivere difficile come quello di chi abita in un campo: nessuno di loro vuole passare la propria esistenza in questo modo precario né lavorare forzatamente in nero, né rinunciare alla difficile scolarizzazione dei propri figli, vista giustamente come premessa a una vita migliore. Sono gli stessi motivi che hanno guidato le associazioni, nel recente passato, a polemizzare aspramente con la precedente Giunta sugli aspetti razzisti, disumani e inferiorizzanti delle pratiche discriminatorie e degli sgomberi e a sollecitare la nuova Giunta ad approcciarsi in modo democratico alla questione. Tutto questo prende più vigore all'indomani della pronuncia del Consiglio di Stato sull'illegittimità della proclamazione dell'"emergenza nomadi" e dei provvedimenti ad essa connessi.

Chiediamo da tempo un cambio di passo alla Giunta e agli assessorati competenti; l'interlocuzione colle istanze associative e cogli stessi soggetti, come si è potuto vedere anche letteralmente "sul campo" stamattina, sono premesse necessari e e imprescindibili. In queste tre settimane che ci separano dal 12 dicembre poniamo le premesse per non rendere necessario quello sgombero preannunciato; le istituzioni, gli assessorati, i servizi, le associazioni, gli stessi soggetti abitanti possono e devono lavorare a una soluzione positiva, per questa e altre situazioni.

Gruppo sostegno Forlanini
scendiamoincampo@gmail.com
333/4451206

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/11/2011 @ 09:55:47, in Italia, visitato 1207 volte)

conferenza stampa Amnesty International
TOLLERANZA ZERO PER I ROM' – SGOMBERI FORZATI E DISCRIMINAZIONE CONTRO I ROM A MILANO

che avra' luogo
martedi' 29 novembre 2011 alle ore 11.30
a Milano presso l'Associazione della Stampa Estera in Italia (via Principe Amedeo, 5)


Il rapporto, disponibile in lingua inglese e italiana, descrive le violazioni dei diritti umani subite dalle comunita' rom a Milano, a seguito dei Patti per la sicurezza del 2007, della dichiarazione della cosiddetta ‘emergenza nomadi' del 2008 e dell'applicazione, nel capoluogo della Lombardia, dei decreti e delle ordinanze derivanti dalla dichiarazione dello stato d'emergenza.

Il rapporto denuncia le pratiche illegali degli sgomberi forzati, eseguiti a centinaia a Milano negli ultimi anni anche in vista dell'Expo 2015, che hanno aggravato la discriminazione nei confronti dei rom, in contrasto con le sollecitazioni e le raccomandazioni degli organismi internazionali sui diritti umani.

Interverranno:

  • Valentina Vitali, ricercatrice del Programma Europa e Asia centrale, Segretariato Internazionale di Amnesty International;
  • Iain Byrne, coordinatore delle politiche sui Diritti economici, sociali e culturali, Segretariato Internazionale di Amnesty International;
  • Giusy D'Alconzo, direttrice dell'Ufficio Campagne e ricerca, Sezione Italiana di Amnesty International.

La conferenza stampa verra' introdotta da Christine Weise, presidente della Sezione Italiana di Amnesty International.


Attenzione: l'ingresso sarà riservato ai giornalisti. In settimana seguiranno incontri tra la delegazione di Amnesty International con le realtà di base, gli abitanti dei campi e le associazioni.

Per confermare la partecipazione, richiedere ulteriori informazioni e concordare interviste:

  • a Roma: Paola Nigrelli, +39 06 4490224, +39 348 6974361, email: press@amnesty.it
  • a Londra: Lydia Aroyo, +44 (0) 20 7413 5599, +44 (0) 7771 796350, email: laroyo@amnesty.org
Articolo Permalink Commenti Oppure (3)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/11/2019 @ 15:10:04
script eseguito in 167 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4165 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source