\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Francia
Di Marylise Veillon (del 25/11/2011 @ 09:39:25, in Europa, visitato 1304 volte)

Da Roma_Francais

MENDICANTI IN TRIBUNALE: "LA CACCIA AI ROM CONTINUA"

Intervista: due rumene compaiono lunedì davanti al Tribunale di Bobigny per "abbandono" dopo essere state arrestate mentre mendicavano insieme ai loro figli. Il loro avvocato denuncia un'infrazione aberrante e chiaramente contro i rom.

TF1 NEWS:
"In quali circostanze sono state arrestate le Sue due clienti e cosa viene esattamente contestato loro?"
HENRI BRAUN, AVVOCATO:
"Maria e Genovita sono due giovani donne rom, originarie dalla Romania. Hanno circa venti anni e sono arrivate in Francia alcuni mesi fa, con i loro mariti e i loro figli. Come tutte le cittadine rumene e bulgare in Francia, non hanno accesso al mercato del lavoro. Vivevano quindi in condizioni molto precarie, e sono state costrette a mendicare per sopravvivere e nutrire i loro figli. Sono state arrestate il 6 settembre al Bourget, mentre chiedevano l'elemosina per strada, con i loro figli. Questi ultimi sono stati loro tolti per otto giorni, poi finalmente restituiti. Da allora, sono citate per "abbandono" presso il Tribunale di Bobigny.
Questo reato, che figura nel C.P. Art. 227-15 comma 2, è stato creato per mezzo della legge di sicurezza interna del 2003. Stipula che costituisce un abbandono, in particolare il fatto di mantenere un bambino di meno di sei anni sulla via pubblica o in uno spazio riservato al trasporto collettivo di viaggiatori, con lo scopo di sollecitare la generosità dei passanti. La sanzione prevista è di 7 anni di reclusione e di € 100'000 di multa. In seguito all'istituzione di questo reato, c'è stata una prima ondata di controlli nel 2004 e nel 2005. Poi, il 12 ottobre 2005, la Corte di Cassazione ha emesso una sentenza che impone alla procura di apportare la prova che la salute del bambino è stata intaccata, perché il reato possa essere costituito. Siccome non è mai il caso, gli arresti si sono fermati di netto.
Ma l'attacco è chiaramente ripartito, dall'estate scorsa. La caccia ai rom continua. Questo si ricollega all'offensiva lanciata un po' più di un anno fa, con lo smantellamento di tutti i campi nomadi, in particolare nella zona di Seine-Saint-Denis."

TF1 News:
"Questo lunedì sarà esaminata una questione prioritaria di costituzionalità (QPC), depositata da Lei a metà ottobre, durante una prima udienza: perché Lei si augura che questo testo venga abrogato?"
H.B:
"Ciò che sorprende, nei fascicoli delle mie due clienti, è che possiamo leggere che i poliziotti hanno dichiarato abbiamo reperito e interpellato una donna di tipologia rom. Il mio obiettivo è di fare sparire quest'articolo di legge, che considero chiaramente contro i rom, in quanto fino ad oggi, ho visto soltanto rom essere incriminati sulla base dell'art. 227 -15 comma 2. Quest'ultimo è stato pensato in un senso discriminatorio ed è applicato in modo discriminatorio. Semmai la mia QPC dovesse essere rifiutata oggi, mi rivolgerò alla Corte di Giustizia dell'Unione Europea, nel Lussemburgo, per violazione della Carta europea dei diritti fondamentali. Ritengo infatti che la mendicità non sia un reato. E quanto bene verrebbe stabilito che lo sia, la sanzione proposta è totalmente spropositata. E' aberrante. Come è possibile che un furto semplice sia punito con tre anni di reclusione, mentre il semplice fatto di mendicare sia punito con sette anni?"

TF1 News:
"E' il fatto di mendicare con il proprio figlio, che è punito con sette anni di reclusione."
H.B.:
"Sono d'accordo, ma il problema è che queste donne non hanno accesso né ai nidi, né ai baby-parking. Quindi, come devono fare? La giustizia penale è lì per reprimere dei comportamenti nocivi nei confronti della società. Ma nella fattispecie, si mira semplicemente a stigmatizzare una parte della popolazione. Trovo questo insopportabile. E senza fare alcun amalgama o volere tentare di paragonare l'incomparabile, è ancora più insopportabile per il fatto che gli zigani sono stati spesso stigmatizzati nella storia."

TF1 News:
"Nello stesso tempo però, la nostra società non può tollerare di vedere bambini mendicare fuori tutto il giorno, con i loro genitori."
H.B.:
"La questione non è di sapere se si approva o meno moralmente questa situazione. Nel fondo, sono ovviamente completamente d'accordo nel dire che il posto dei bambini di meno di sei anni non è per strada a mendicare. La vera questione è di capire se questo merita una repressione penale. All'ora attuale, non facciamo nulla per questi bambini. Un inizio di soluzione sarebbe di dare a questa gente l'accesso al lavoro. Hanno piene capacità per farlo. Allora, non avranno più bisogno di mendicare."

TF1 News:
"La votazione di questo articolo di legge mirava ugualmente a mette un fermo alle reti organizzate..."
H.B.:
"Può darsi che ciò esista, ma io non ne ho mai visto. Ho semplicemente visto mariti e donne che provavano ad avere una vita migliore per i loro figli. Ma se fosse il caso, esiste un altro testo che condanna lo sfruttamento della mendicità e che non ho ancora mai visto applicato. Allora iniziamo da questo."

TF1 News:
"Durante la prima udienza a metà ottobre, un'altra donna arrestata alla Courneuve e alla quale si rimproverava gli stessi fatti, è stata finalmente rilasciata. Lei si aspetta la stessa clemenza da parte del Tribunale, nei confronti delle Sue clienti?"
H.B.:
"Sono molto fiducioso in quanto all'ottenimento del rilascio, in quanto gli esami clinici effettuati sui bambini hanno dimostrato che godono di perfetta salute. I servizi di polizia stessi, hanno giusto constatato che il pannolino di uno di loro era stato cambiato con un po' di ritardo, e che di conseguenza, il piccolo aveva il sederino leggermente arrossato... Siamo quindi lontano dal maltrattamento o dall'abbandono. Però il mio obiettivo si sposta più in là del rilascio. Il mio obiettivo, come ve l'ho detto, è di ottenere l'abrogazione di questo testo di legge."