Polonia - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : Articolo
Polonia
Di Fabrizio (del 16/09/2010 @ 09:39:13, in Europa, visitato 1373 volte)

Da Polska_Roma (ndr. alcuni link sono in polacco)

Institute for Race Relations - By Joanna Tegnerowicz

A luglio 2010, una folla inferocita lanciò un terrificante attacco contro una famiglia rom a Limanowa, Polonia meridionale. Ma perché non ci sono stati arresti? E come mai nessuno è stato condannato per la violenza?

Da sinistra a destra, il signor Daga, padre Opocki ed il sindaco di Limanowa, Marek Czeczótka, di fronte al blocco di appartamenti dove vivono i Daga.

02/09/2010 - Ottobre 1990, la folla da fuoco a trentasei case rom nel villaggio rumeno di Mihail Kogalniceanu. Nessuno fu arrestato, ed il sindaco del paese, il signor Ionesco, dichiarò "Vorrei sottolineare che questo non è stato diretto contro gli zingari. Non abbiamo problemi con la loro razza. Abbiamo solo problemi con i criminali." Similmente, quando ventidue case rom furono date alle fiamme in Bolintin Deal, sempre in Romania nel sud-est, un portavoce dell'ufficio del sindaco annunciò che le case erano state incendiate semplicemente per "cacciare i criminali" dato che nessuno aveva problemi con i 400 "Rom assimilati" che vivevano nel paese. [1]

Ci sono preoccupanti analogie tra i pogrom "punitivi" che avvennero in Romania negli anni '90 ed i recenti eventi di Limanowa, una piccola città nella Polonia meridionale. La notte tra il 23 e il 24 luglio 2010, una folla inferocita armata di pietre e, secondo alcuni, bottiglie molotov si riunì davanti alla casa di una famiglia rom, tentando di trascinare fuori la famiglia Daga (Donga) [2]. L'attacco alla famiglia venne impedito solo dal rapido intervento della polizia. Si stima che fossero coinvolti molti residenti. Alcuni media riportano di quaranta, altri di cento persone. Ha dovuto essere impiegato il reparto antisommossa da Cracovia per disperdere la folla.

Nei giorni seguenti, è risultato evidente che la polizia non intendeva procedere penalmente contro nessuno dei residenti coinvolti. Un popolare sito web di informazione locale è stato adoperato per descrivere la famiglia Daga come un pericolo per la comunità [3]. E, in seguito, i media hanno suggerito sotto traccia che un potenziale attacco fatale ad una famiglia rom non costituisse un crimine in Polonia. Nessuno è stato arrestato, anche se circa trenta persone sono state identificate tramite i loro documenti e poi interrogate. D'altra parte, le autorità stanno considerando di prendere misure repressive contro la famiglia Daga, i cui comportamenti passati sono stati variamente descritti, sia dai giornalisti che dai portavoce dell'autorità locale, come patologicamente inclini. La violenza di massa, d'altra parte, è stata descritta come un evento comprensibile e giustificabile, generata dalla disperazione dei locali, terrorizzati dai loro vicini la cui delinquenza li ha portati all'estremo. Un giornalista del giornale regionale Gazeta Krakowska ha riassunto il consenso popolare descrivendo l'attacco come un "atto di disperazione" [4].

L'autorità locale, tra le minacce dei residenti di ulteriori violenze [5], ha deciso che l'unica maniera di prevenire ulteriori tentativi di farsi giustizia da sé, fosse di sgomberare la famiglia da dov'era e risistemarla in un "container"[6] in "qualche posto isolato". La chiara intenzione è di evitare che i Daga abbiano dei vicini [7]. Secondo diverse notizie, le autorità locali potrebbero anche abbandonare questo piano, di fronte alle critiche della famiglia Daga e di Roman Kwiatkowski, presidente della Società dei Rom in Polonia (Stowarzyszenie Romów w Polsce) [8]. Ma bisogna credere a queste voci? Sembra siano solo problemi tecnici che hanno temporaneamente interrotto i tentativi del sindaco di sgomberare la famiglia con l'aiuto di una compagnia della sicurezza privata. Primo, il container che una compagnia si è offerta di vendere alle autorità non sarebbe conforme ai regolamenti statali e secondariamente, è difficile trovare un posto per il container, soprattutto prché "nessuno vuole avere i Daga come vicini".

Stabilire narrazioni che legittimino il vigilantismo

Com'è successo che le azioni criminali dei residenti della città portino a punire le vittime che stanno per essere sgomberate da casa loro e messe socialmente in quarantena dai loro vicini? Per capirlo, è necessario analizzare le varie spiegazioni avanzate dalla comunità locale attraverso i media.

E' chiaro che la famiglia nel passato è stata coinvolta in diverse dispute coi vicini, durante alcune delle quali sono state usate minacce e violenze. I residenti hanno fatto una serie di accuse contro la famiglia tramite i giornalisti, che hanno riunito i reclami per costruire la narrazione di una famiglia prona alla delinquenza sociale e a comportamenti inaccettabili. Tuttavia, una lettura più attenta delle lamentele della comunità rivela una serie di racconti, alcuni in contraddizione tra loro, altri che potrebbero essere stati interpretati dai giornalisti a favore del loro punto di vista, teso a negare che nulla, assolutamente nulla potrebbe mai giustificare quello che può essere descritto come un tentativo di linciaggio [9]. Sembra che i media fossero totalmente ciechi al fatto al fatto che la folla di locali che volevano regolare i conti con una famiglia, attaccandola fisicamente sia un pericolo maggiore di quello portato dalla stessa famiglia alla comunità locale.

Una delle prima storie ad emergere è stata quella che un membro della famiglia aveva insultato una donna incinta che era stata spaventata dal cane della famiglia e che il cane era saltato addosso alla donna (alcune notizie vanno oltre e suggeriscono che il cane fosse stato deliberatamente aizzato contro la donna). Ma un articolo pubblicato sul sito web locale www.limanowa.in (26 luglio) suggeriva che l'incidente che ha così apparentemente oltraggiato la comunità locale, non sia stato riportato alla polizia. Infatti la storia in internet indica chiaramente che il 26 luglio il governatore del distretto chiese alla donna di presentare una denuncia penale contro la famiglia.

Si scopre che altre storie raccontate dalla stampa non reggono. Un residente del posto racconta di essere testimone che un membro della famiglia insultò un poliziotto con "una sequela di abusi volgari". Ma il poliziotto si limitò a "dargli un colpetto sulla spalla chiedendogli di andare a casa". "Non riesco a capire perché i poliziotti tollerino queste umiliazioni", continua il residente. Ma è davvero credibile che la polizia polacca accetti simili "umiliazioni" e di fronte alla passività poliziesca soltanto i cittadini si alzino come guardiani delle legge continuamente offesa?

Altri racconti dei media sono pieni di contraddizioni. Si dice che altri Rom condannavano la famiglia Daga e questo è stato usato in appoggio all'argomento che l'attacco non era a sfondo razziale, dato che, secondo le parole del sindaco Marek Czeczótka, "Limanowa non ha problemi con i Rom" perché a differenza della "troppo esigente" e "combattiva" famiglia Daga, "molti si comportano come dovrebbero" [10]. A riprova di questo ragionamento è citata la dichiarazione di una residente rom, Dorota Wieczorek, che dice che i Daga avrebbero minacciato di uccidere la sua famiglia [11]. Tuttavia, se la famiglia Daga è stata ostracizzata dall'intera comunità rom, come mai qualcuno ha testimoniato che "i Rom vorrebbero raggiungere Koszary [12] per ottenere rinforzi [13]" ed altri testimoni esprimono la paura che "teppisti rom" possano mobilitarsi per difendere la famiglia [14]? E' impossibile sapere se il presunto consenso dei Rom contro la famiglia Daga sia vero oppure sia semplicemente una conveniente finzione della virtuosa narrazione dei residenti.

Una notizia che non può essere contestata è il fatto che Roman Guzik in passato sia stato attaccato da membri della famiglia Daga con un bidone della spazzatura e un'ascia [15]. Non può essere contestata perché, come ammesso prontamente da Guzik, i componenti della famiglia che l'avevano attaccato furono in seguito processati. Ma proprio questo contraddice gli altri racconti dei residenti - quelli che si soffermano sulla passività della polizia e sulle pecche di un sistema giudiziario nell'assicurare giustizia contro il presunto passato della famiglia.

Emarginare il sentimento anti-Rom

Le giustificazioni per un assalto contro una famiglia sarebbero immaginabili se simili accuse fossero fatte contro una famiglia non-Rom?

Quasi tutti coloro che hanno pubblicamente commentato gli eventi di Limanowa, sono stati molto indulgenti riguardo la comunità locale che ha lanciato gli attacchi e altrettanto severi contro la famiglia Daga. Padre Stanislaw Opocki, responsabile per la pastorale dei Rom polacchi, suggerisce che l'unico risultato positivo dell'azione dei vigilantes sarebbe la persecuzione contro la famiglia. "Sono dalla parte di quegli abitanti la cui pace viene disturbata," ha osservato, aggiungendo che "Gli organi inquirenti dovrebbero occuparsi di questo caso. Neanche la povertà giustifica chi semina agitazione e dissensi. [16]" Elzbieta Mirga-Wójtowicz, Rom e plenipotenziario del governatore della provincia per le minoranze nazionali ed etniche, tenta di essere imparziale, dichiarando che "probabilmente tutte e due le parti in conflitto sono da biasimare," ma aggiunge che può essere vero che la famiglia è "in qualche senso [...] patologica [17]." Ma Mirga-Wójtowicz va oltre nel suo tentativo di contestualizzare il presunto comportamento passato della famiglia col fatto delle loro condizioni di vita estremamente difficili. Puntualizza che i dodici membri della famiglia vivono in un appartamento di appena 36 metri quadri. Va sottolineato che gli operatori sociali che hanno visitato la famiglia hanno espresso l'opinione che il loro problema più grosso siano le condizioni di vita inadeguate [18].

Anche quando si tratta della segnalazione di un attacco di tipo squadrista, si ha l'impressione che a nessuno importi di esprimere alcuna compassione per i Daga. Un giornalista di una stazione TV privata, TVN 24, ha dedicato molta attenzione al fatto che un membro della famiglia avrebbe gettato dalla finestra una bottiglia incendiaria contro la folla radunata sotto la sua abitazione [19]. La trasmissione di TVN 24 da l'impressione che le azioni della folla fossero pacifiche in confronto all'atto della famiglia "assediata" di lanciare una bottiglia incendiaria.

Stabilire il contesto razzista

Con pochissime eccezioni [20], quanti hanno pubblicamente commentato gli eventi di Limanowa hanno sostenuto che l'attacco non aveva origini etniche o razziali. Ma è davvero possibile che una simile catena di avvenimenti potesse accadere se i Daga non fossero stati Rom? Simili "azioni punitive" collettive [21] intraprese contro famiglie "patologiche" non-Rom? Negli anni '90 anche i Rumeni rigettarono l'idea che i pogrom anti-Rom fossero motivati etnicamente o razzialmente. Se si leggono i media polacchi sugli eventi di Limanowa, si resta con l'impressione che, dato che la famiglia attaccata era vista come prona alla delinquenza, il sentimento anti-Rom è automaticamente da escludere come motivo della violenza di massa. I commentatori non ricordano, o non vogliono ricordare, che in passato linciaggi a sfondo razziale, come quelli negli USA del sud o anche i pogrom in Romania, erano spesso condotti contro quei membri delle comunità minoritarie che erano visti come "causanti problemi" o coinvolti in comportamenti criminali. Negli USA del sud, le vittime erano accusate di aver commesso violazioni inammissibili contro la comunità bianca. Il fatto che un linciaggio o una violenza di massa venissero intesi come una "punizione" per violazioni (reali o immaginarie) delle norme sociali non li rende meno razzisti.

Gli eventi di Limanowa dovrebbero essere interpretati alla luce di quanto si sa circa la molto frequente e profondamente radicata ostilità contro i Rom nella società polacca. Secondo i risultati di un recente sondaggio condotto dal Centro Ricerca Opinione Pubblica (CBOS), il 47% dei Polacchi dice di non gradire i Rom [22]. Sono forti anche gli stereotipi negativi contro i Rom, come dimostrato da un precedente sondaggio CBOS. Circa il 42% dei Polacchi era del parere che i Rom possedessero innate tendenze criminali ed il 75% concordava con la dichiarazione "i problemi dei Rom sparirebbero se iniziassero a lavorare [23]".  Alla luce di questi dati, dev'essere rivisto il consenso popolare che l'attacco di Limanowa non abbia moventi etnici. Chiediamoci ancora: perché incidenti simili non avvengono mai a famiglie non-Rom in Polonia?

Footnotes:

[1] Donald L.Horowitz, in The Deadly Ethnic Riot (University of California Press, 2003) argues that in those Romanian villages where anti-Roma violence took place in the years 1990-1997, it was frequently the case that only the homes of those considered 'troublemakers' were set on fire. See also Istvįn Haller, 'Lynching is not a crime: mob violence against Roma in post-Ceausescu Romania', 7 July 2004.
[2] The media gives two versions of the family name, both pronounced in the same way. Daga is probably the correct version.
[3] See www.limanowa.in, in particular, 'Tylko eksmisja moze zapobiec tragedii', 26 July 2010.
[4] Bozena Wojtas, 'Limanowa: konfliktowi Romowie zostana przesiedleni', Gazeta Krakowska, 26 July 2010.
[5] 'Po próbie samosadu przenosza romska rodzine', 27 July 2010.
[6] So-called containers (kontenery socjalne) are widely used as low-standard social housing in Poland.
[7] 'A few locations are being considered. No particulars were disclosed. All the local authorities agree, however, that it must be a solitary spot', 'Eksmisja przesadzona, czas rozliczyc postawe policji!', 27 July 2010.
[8] 'Limanowa: Romowie nie chca kontenera', 30 July 2010.
[9] According to the entry by Alexander W Pisciotta, in the Encyclopaedia of Race and Crime (eds Helen Taylor Greene and Shaun L Gabiddon, Sage, 2009), lynching 'involves mob violence that is done under the guise of vigilante justice... lynch mobs did not always kill their victims'.
[10] 'Tylko eksmisja moze zapobiec tragedii', 26 July 2010.
[11] B. Wojtas, P. Odorczuk, 'Limanowa: spór grozil linczem. Udalo sie znalezc kompromis', 27 July 2010.
[12] Koszary is a small village in the Limanowa district, with a significant number of Roma among its inhabitants.
[13] 'Konflikt sie odrodzil: zamieszki na ulicy Witosa w Limanowej', 23 July 2010.
[14] 'Eksmisja przesadzona, czas rozliczyc postawe policji!', 27 July 2010.
[15] The video accompanying the article Po próbie samosadu przenosza romska rodzine', 27 July 2010.
[16] 'Chuliganstwa i warcholstwa nic nie usprawiedliwia', 26 July 2010.
[17] 'W Limanowej to nie jest konflikt etniczny', an interview with Elzbieta Mirga-Wójtowicz, Gazeta Wyborcza Kraków, 26 July 2010.
[18] See B. Wojtas, P. Odorczuk, 'Limanowa: spór grozil linczem. Udalo sie znalezc kompromis', 27 July 2010.
[19] The video accompanying the article, 'Po próbie samosadu przenosza romska rodzine', 27 July 2010.
[20] The Society of Roma in Poland, as well as another well-known Polish NGO, Open Republic - Association against Anti-Semitism and Xenophobia, are among the exceptions. See the Declaration of the Council of Management of the Society of Roma in Poland on the conflict in Limanowa, 26 July 2010. The Open Republic Association has republished on its website a newspaper article about the violence and stated that the events in Limanowa 'caused it anxiety' and that 'in such circumstances it is easy to awake sleeping spectres and to provoke the hatred and aggression of the crowd', 3 August 2010.
[21] The words 'punitive action' come from the article 'Tylko eksmisja moze zapobiec tragedii', 26 July 2010.
[22] Stosunek Polaków do innych narodów, (pdf file 372kb), January 2010.
[23] Postawy wobec Romów w Polsce, Czechach, na Wegrzech i Slowacji, (pdf file 140kb), June 2008.


The Institute of Race Relations is precluded from expressing a corporate view: any opinions expressed are therefore those of the authors.

Articolo Articolo Commenti Oppure (0) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie pił cliccate


16/12/2019 @ 00:26:57
script eseguito in 44 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 15158 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
15/12/2019 @ 07:43:14
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
12/12/2019 @ 08:20:56
Di ANNA
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source