Ballarò, il ghetto dei bimbi kosovari - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

\\ Mahalla : Articolo
Ballarò, il ghetto dei bimbi kosovari
Di Fabrizio (del 07/12/2008 @ 09:32:02, in casa, visitato 2063 volte)

Segnalazione di Betty Michelini

Da La Repubblica - Palermo di Gabriele Isman

Dieci ragazzini in due stanze con una voragine nel pavimento "Quel palazzo poteva crollare".

Nelle parole di un vigile del fuoco, lŽepilogo del salvataggio di due famiglie kosovare nel palazzo di via Chiappara in cui vivevano. "Poveri bimbi - dice unŽanziana donna con le buste della spesa a Ballarò - Passano ore a chiedere lŽelemosina". A intervenire sono stati la polizia - in mattinata una agente aveva trovato in lacrime la bimba di sei anni da cui nasce tutta la vicenda - i vigili del fuoco e le Emergenze.

Erano circa le 10 di mattina quando la poliziotta dellŽufficio Volanti ha trovato in via Maqueda la piccola di sei anni in lacrime. La bambina parlava un italiano piuttosto approssimativo, e non ha saputo indicare con certezza né dove abitasse né dove fosse finita la madre. LŽagente con grande pazienza ha chiesto in giro e seguito le indicazioni della bambina che si è illuminata allŽaltezza dellŽArco di Cutò. A quel punto è stata ritrovata la casa, al civico 45 di via Chiappara. Gli agenti sono saliti e al primo piano hanno trovato altri due bambini che venivano accuditi dal fratello più grande, sedicenne, in condizioni igieniche carenti, tra rifiuti e escrementi di animali. "In questo grande stanzone cŽerano dei tappeti, una stufetta elettrica, e i bambini tutti intorno. Mobili? Ben poco. CŽè un materasso con delle scodelle sopra. "Ha presente il campo rom della Favorita? Ci metta un tetto sopra e avrà il quadro dellŽappartamento", dirà poi uno dei soccorritori, descrivendo i 40 metri quadrati in cui la famiglia viveva, con un grosso buco al centro del pavimento. E se questo era il panorama del primo stanzone, nel secondo cŽera un altro nucleo familiare: altri kosovari, altri bambini. Sono stati dieci i minori ritrovati: da uno a 16 anni. E mentre finalmente tornava la madre della bimba di via Maqueda, a coordinare le operazioni cŽerano il vice questore aggiunto Giuseppe Di Blasi per la polizia, e Mariangela Paglino e Paolo Quercia per le Emergenze sociali del Comune.

Poi lŽarrivo dei vigili del fuoco. "Una parte dellŽappartamento deve essere sgomberata. Abbiamo trovato crepe nel muro e problemi anche al pavimento, per i solai di legno che sono a rischio di crolli". Più tardi il responso della polizia municipale e dei tecnici dellŽufficio Edilizia pericolante del Comune sarà ancora più duro: dichiarazione di inagibilità per tutto il palazzo, con entrambi i nuclei da sgomberare.

Verso le 12, la prima famiglia è uscita da casa: la madre, con al collo un neonato - "Avrà al massimo un anno", ha detto uno dei vigili del fuoco - e un secondo bimbo tenuto per mano. Dietro gli altri due, con il sedicenne dagli occhi bassi. Nessun sorriso da grandi o piccini: sono volti spaventati, scappati dallŽincubo dellŽex Jugoslavia anni fa e di nuovo senza un tetto. Poche povere cose da portare, mentre i vigili del fuoco venivano fermati da altri residenti della zona per ulteriori emergenze. "Sono palazzi degli anni Venti, anche ben costruiti. Il problema è che da troppo tempo manca la manutenzione da parte dei proprietari e degli occupanti", dice uno dei soccorritori.

Il passaggio successivo è stato allŽufficio Immigrazione: agli adulti sono stati notificati i provvedimenti di espulsione. Il permesso di soggiorno della madre - rilasciato per motivi umanitari - è infatti risultato scaduto. Altri due invece sono risultati in regola. Semplici intimazioni, senza alcun accompagnamento coatto proprio in virtù dei tanti bambini. Ore di accertamenti anche sui precedenti penali, mentre il Comune cercava - con qualche difficoltà - una nuova sistemazione alle famiglie, arrivate in Italia ormai sette anni fa.

Alla fine ha vinto ancora la solidarietà: i due nuclei sono stati ospitati da parenti a Palermo. Nella mattinata i soccorritori dicevano: "Dobbiamo far di tutto per non separare le famiglie". Alla fine, in qualche modo, sono stati ascoltati. Restano quegli occhi bassi, le paure sul volto, i ricordi indelebili di una guerra neppure troppo lontana nellŽex Jugoslava, la speranza fallita di un futuro migliore. Palermo come il Kosovo: per quelle famiglie lŽobiettivo resta sempre la sopravvivenza.

CONTINUA...

Parlano i commercianti che conoscevano le due famiglie fuggite dalla ex Jugoslavia e arrivate in città nel 2001
"Erano venti, chiedevano lŽelemosina"

I vicini di casa "Li abbiamo sempre aiutati dandogli da mangiare"
LŽedificio è stato sgomberato Gli sfollati si sono sistemati da parenti

"Loro vivono qui in via Chiappara da quattro, cinque anni. Noi li conosciamo bene". Dai banchi del mercato di Ballarò, i commercianti osservano curiosi lŽandirivieni di poliziotti e vigili del fuoco dal palazzo di via Chiappara, e raccontano la storia di quelle due famiglie kosovare di etnia rom. "Prima cŽerano almeno venti bambini lì dentro. Li vedevamo andare a chiedere lŽelemosina qui intorno, dalla mattina alla sera. Poi, poche settimane fa, una delle famiglie se nŽè andata e ne sono rimaste due, con una decina di bambini. Noi li aiutiamo come possiamo: cŽè chi gli porta del pane, chi della carne, chi della frutta, chi della verdura. Ma là dentro pare sia davvero un accampamento". Furti tra i banchi non ne risultano: "No, qui non hanno mai rubato. Sono bravi, e noi li aiutiamo", ribadisce un anziano venditore. Si nota pietà negli occhi e nelle voci dei commercianti. Nessuno spende parole dŽodio verso quelle famiglie. Un bambino di 10 anni esce dal palazzo e torna con una barretta di cioccolata. "Me lŽhanno regalata qui al mercato", dice sorridente e furbo, mentre se la mangia con una certa avidità, e per lui è certamente la cosa più buona del mondo.

"Sono bambini simpatici - dicono da un altro banco - che fanno tenerezza. Lo sappiamo tutti che chiedono lŽelemosina nei dintorni di via Maqueda". E cosa accade se tornano dalle questue quotidiane con pochi soldi? Nessuno sa rispondere. "Escono la mattina, con i genitori o soli, e tornano la sera. Tutti i giorni va così", dicono dai banchi, e qualcun altro racconta lŽattaccamento dei genitori ai propri bambini: "Non hanno mai dato problemi, ma guai a toccare o trattar male i bambini. Diventano belve".

Dalla terrazza del secondo piano si nota persino una parabola satellitare, e anche pezzi di muro pronti a cedere. Ma pare che quella zona del palazzo a rischio di crollo sia disabitata da tempo. "Si vede che avevano cominciato dei lavori, ma non li hanno mai terminati", dice uno dei vigili del fuoco. Dal palazzo esce una donna sulla sessantina, con i capelli tinti di rosso in modo piuttosto artigianale: "No, non vivo qui. Sono ospite. Io vivo a Gela" e senza che nessuno glielo chieda, aggiunge: "Ho il permesso di soggiorno. Volete vederlo?". Su come sia arrivata da Gela e da quale parte del palazzo sia uscita la signora, resta il mistero, mentre lei si allontana. I bambini usciranno ore dopo, verso la questura, e da qui verso le case di amici e parenti. La loro odissea non è ancora finita.

Articolo Articolo Commenti Oppure (0) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


30/05/2020 @ 07:12:44
script eseguito in 30 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 521 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buongiorno,Sono un individuo che offre prestiti in...
26/05/2020 @ 15:07:32
Di Aurelio Buono
CIAO FAMIGLIA.Ti consiglio i servizi di Nouméa Nc ...
23/05/2020 @ 14:11:41
Di MANEZ
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source