Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 12/11/2011 @ 09:16:47, in Italia, visitato 939 volte)

8 novembre 2011

Gentile redazione,
A.I.Z.O. rom e sinti, associazione di volontariato che da quarant'anni opera a fianco della popolazione rom e sinta su tutto il territorio nazionale, vi invia un comunicato stampa riguardo le dichiarazioni del on. Cavallotto
a seguito dell'allontanamento dei rom presenti nell'accampamento di Lungo Stura Lazio a Torino.

A disposizione per ulteriori delucidazioni, si porgono distinti saluti.

Ufficio Stampa A.I.Z.O.

A.I.Z.O. ONLUS
Via Foligno 2
10149 Torino
Tel: 0117496016 - 3488257600
Faz: 011740171

www.aizo.it

Nella giornata di ieri, a seguito dell'alluvione che ha colpito il torinese e dell'allontanamento dei rom accampati nel campo di Lungo Stura Lazio per motivi di sicurezza, l'onorevole Cavallotto della Lega Nord è intervenuto sull'evento dichiarando "La pioggia è riuscita nell'impresa fallita da Fassino, cioè lo sgombero del campo nomadi abusivo di Lunga Stura". Una dichiarazione choc che arriva nel giorno in cui vengono commemorate le vittime di questa alluvione, vittime che il gruppo della Lega Nord del comune di Torino ha chiesto di ricordare con un minuto di silenzio.

A.I.Z.O. rom e sinti, Associazione che da 40 anni opera a favore dell'inclusione del popolo rom, si esprime costernata per queste dichiarazioni, che non possono essere giustificate con nessuna motivazione. Una calamità naturale come un'alluvione è una tragedia che colpisce l'intera popolazione e il popolo rom, spesso duramente colpito da queste disgrazie, merita la stessa solidarietà di tutto il resto della popolazione. Ricordiamo per esempio la morte di una bambina rom durante un'alluvione di alcuni anni fa', quando il fiume Stura è esondato all'altezza del campo autorizzato di Strada dell'Aeroporto, rischiando di travolgere tutte le abitazioni dell'area realizzata dal Comune.

Gioirsi di un evento così tragico che può mettere a repentaglio la vita di persone, di qualsiasi etnia esse siano, è un atto vile e criminoso e che risulta stridente con la richiesta del gruppo della Lega Nord di osservare un minuto di silenzio per esprimere solidarietà alle famiglie colpite dalle recenti alluvioni. Gli esponenti della Lega sembra continuino a dividere la popolazione in due categoria: una a cui esprimere solidarietà e vicinanza, un'altra da dimenticare e considerare solo quando crea problemi.

La replica del deputato, intervenuto dopo le polemiche che hanno suscitato le sue parole, non sono sufficienti per giustificare delle parole così pesanti e irrispettose della vita umana.

A.I.Z.O. ritiene che sia di fondamentale importanza affrontare la situazione del accampamento di Lungo Stura Lazio ma trovando soluzioni alternative per le persone che vi abitano che permettano loro di emanciparsi dalla condizione del grande campo abusivo e non le costringano a cercare un'altra area dove accamparsi tra topi e immondizia, senza acqua e elettricità. Uno sgombero senza alternative di certo non risolve il problema della sicurezza e della legalità e risulta essere solo un'inutile spreco di risorse economiche, ma augurarsi che sia un'alluvione a sgomberare il campo è oltremodo insensato e irrispettoso.

A.I.Z.O. invece si augura che dichiarazioni di questo tenore, che provocano anche l'indignazione della comunità internazionale, non vengano più espresse da coloro che fanno parte dell'attuale governo.


Ndr: in redazione a Mahalla pensiamo che Davide Cavallotto si sia montato la testa e pensi di essere parte di un progetto divino. Il sospetto ci è venuto sin dai tempi che Cavallotto faceva l'imbianchino: come potete vedere nel suo lavoro alla Cappella Sistina (QUI foto originale), già allora immaginava che gli zingari non dovessero trovare posto sull'arca.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/11/2011 @ 09:17:07, in Europa, visitato 984 volte)

"Siamo nomadi, non criminali" Il Resto del Carlino di Tommaso Moretto

Il capo della carovana dei gitani che si sono fermati a Villamarzana "In Italia ci trattano male"

Rovigo, 8 novembre 2011 - Sono tornate le carovane di nomadi vicino al casello dell’autostrada a Villamarzana. Quelli che c’erano la settimana scorsa si erano spostati poi a Costa di Rovigo, ma domenica se ne sono andati di nuovo, non si sa verso dove. La gente del posto ha ricominciato preoccupata a chiamare il sindaco Valerio Galvan. Questa volta non sono più di cinque o sei roulotte. Per capire chi sono questi zingari che nelle loro peregrinazioni si fermano in Polesine siamo andati a conoscerli ieri mattina. Appena siamo scesi dalla macchina e ci siamo avvicinati si è fatta sotto una donna con un grembiule a fiorellini come quelli delle contadine di una volta. Pochi denti in bocca ma il sorriso stampato. Stava mescolando una zuppa in un pentolone e ci è venuta incontro. «Siamo del Resto del Carlino, vogliamo conoscervi e farvi qualche domanda». Prima ancora di stringerci la mano ci hanno chiesto dei soldi: «Quanto avete in tasca? Dateci qualcosa per dar da mangiare ai bambini e vi facciamo fare l’intervista».

Da dove venite?
«Dalla Spagna come origini, ma stiamo spesso in Francia. La maggior parte della nostra comunità sta in Francia».

Come mai siete qui nei pressi di Rovigo?
«Siamo venuti per i morti, abbiamo dei parenti a 50 chilometri di distanza». E pronuncia il cognome della famiglia ma non si capisce bene se sia Braidi, Bradi o Bradic.

Lei come si chiama?
«Cueves, Ivanovic Manolo Cueves». Chiestogli di scriverlo su un foglio non siamo sicuri che abbia scritto Cueveces, Cueves o qualcos’altro. Allora lo abbiamo scritto noi in stampatello perché lo leggesse e ci desse conferma: «Non so leggere» è stata la risposta. Il capo della carovana però era il più ben disposto nei nostri confronti: si è fatto fotografare senza chiedere soldi, mentre l’uomo più giovane che gli stava di fronte proponeva la foto di gruppo per 20 euro. «Noi siamo gitani, zingari. Ma gli zingari non sono tutti cattivi o tutti ladri. Qui in Italia ci trattano sempre male. Ci cacciano dappertutto, ma noi non facciamo male a nessuno», ci tiene a far sapere. «Noi siamo una famiglia che gira in tutta l’Europa. Esistiamo da 2.000 anni, prima giravamo con i cavalli, ora ci siamo un po’ modernizzati e giriamo con le roulotte, ma siamo sempre noi».

In quanti siete, del vostro gruppo?
«Siamo 10.000 roulotte in tutta Europa, stiamo tanto in Francia perché in Italia ci mandano via».

Qui a Villamarzana come vi siete trovati?
«Bene, il sindaco e i carabinieri sono stati gentili».

In Francia vi aiutano?
«Sì, lo Stato ci dà dei soldi. A me, per la mia famiglia, moglie e due figli, mi danno 800 euro al mese. E poi Sarkozy ha obbligato ogni comune sopra i 5.000 abitanti ad attrezzare un campo nomadi».

Tommaso Moretto

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/11/2011 @ 09:33:42, in Europa, visitato 1041 volte)
Chiara-di-notte.blogspot.com

La situazione e' drammaticamente peggiorata dopo il 2008. In passato, una famiglia rom di cinque persone avrebbe potuto, con i sussidi, arrivare fino al 14 del mese. Poi, una volta finito il denaro, avrebbe potuto ottenere un credito presso i negozi del luogo e gli uomini, con i loro lavori occasionali, costruzione di muri, riparazione di tetti, eccetera, sarebbero riusciti a guadagnare il necessario per far sopravvivere la famiglia l'altra meta' del mese.

Ma con la crisi finanziaria, la gente ha smesso di spendere soldi per questi lavoretti e i negozi non fanno piu' credito. Anche se gli tzigani piu' poveri sono riusciti a sopravvivere - a stento - negli ultimi vent'anni, oggi con la crisi economica sono davvero in una situazione tragica, ed e' gia' da tempo che si inizia ad osservare un fenomeno che per chi e' rom e' davvero sintomo di disperazione: figli che, per mancanza di mezzi di sussistenza, vengono abbandonati agli orfanotrofi nella speranza che almeno trovino un piatto caldo e un tetto.

Inutile che stia qui a raccontare quanto sia dura la vita in un orfanotrofio. In mezzo a centinaia di bambini tutti disperati, e trascurati da chi si dovrebbe prendere cura di loro, che per menefreghismo e indolenza vengono lasciati e se stessi, senza regole, si forma una generazione di violenti pronti a tutto pur di conquistarsi uno spazio di sopravvivenza, nel tentativo di emergere sugli altri e non esserne a loro volta annientati, cosi' da perdere completamente il senso stesso di appartenenza ad una comunita'. Anche se qualcuno, di tanto in tanto, diverso per carattere o per particolare capacita', riesce poi ad emergere non con la forza ma con l'intelletto, ed accede a qualcosa di piu' elevato, riscoprendo il valore della cultura e della solidarieta' fra persone.

“Mentre nella maggior parte dell'Europa occidentale la questione rom e' marginale, in Ungheria, a causa delle dimensioni della comunita', delle conseguenze disastrose del comunismo e del fallimento delle politiche degli ultimi vent'anni, tale questione e' diventata centrale.” E' cio' che dichiara Balog Zoltán, per dieci anni pastore protestante prima di diventare ministro e il piu' fidato fra i consiglieri di Orban Viktor, il premier ungherese.

Magro, barba grigia, il cinquantatreenne Balog, oggi e' visto come la vera coscienza del governo conservatore ungherese. E' colui che e' stato dietro alla decisione del governo, durante il suo semestre di presidenza dell'Unione europea, di portare il problema dell'integrazione dei rom a livello europeo come una priorita' assoluta.

Per Balog - che ha dato al suo governo tre anni di tempo per affrontare il problema in modo efficace e risolverlo preannunciando in caso contrario il disastro - questa esplosione del fenomeno dei vigilantes in divisa in ghetti di Gyöngyöspata e di molte altre localita' ungheresi, e' il sintomo di una crisi nazionale molto profonda, ma non perche' presagisce l'ascesa dei neo-nazisti. Il problema e' secondo lui ancor piu' serio.

"La vera differenza tra il nostro problema rom e quello dell'Europa occidentale”, dice Balog “sta nel grado di rischio. In Italia e in Spagna si parla di integrare un gruppo marginale, piccolo, quindi e' tutto sommato esclusivamente una mera questione di diritti umani. Ma in Ungheria si tratta di una questione di strategia nazionale che riguarda tutto il paese. I rom hanno il doppio del tasso di natalita' degli altri ungheresi. La maggioranza della popolazione ungherese sta invecchiando, mentre circa la meta' della popolazione rom e' sotto i vent'anni. Nelle citta' del nord-est, fra dieci anni, ogni due bambini che nasceranno, uno sara' rom. Ma la disoccupazione per i rom e' dell'85%, e un terzo dei bambini non finiscono neppure la scuola elementare. Quindi questo non e' un problema come gli altri, ma e' il problema principale.”

Come le altre minoranze in Ungheria, la rumena, la tedesca e gli altri gruppi etnici, gli tzigani hanno una certa autonomia nella gestione dei propri affari, attraverso quello che e' l'Autogoverno Nazionale Rom. Per Balog, la risposta alla crisi spetta alle sia alle autorita' nazionali ungheresi, sia a quelle rom per creare, insieme, centomila nuovi posti di lavoro, a partire dai lavori pubblici da effettuare nelle comunita' in cui gli stessi rom vivono, e al tempo stesso aumentando massicciamente gli standard educativi dei giovani, avviandone il prossimo anno ventimila alla formazione professionale e preparandone altri cinquemila, dei piu' brillanti, per l'universita'.

Tutto cio' dovrebbe iniziare a mostrare i primi risultati in tre anni. La speranza di Balog e' che sul lungo periodo i rom si trasformino da problema sociale in un vantaggio per l'economia ungherese. Infatti, se il loro tasso di occupazione salisse fino a raggiungere la media regionale, cio' potrebbe significare una crescita compresa tra il 4 e il 6 per cento del prodotto interno lordo tale da poter innescare di nuovo un efficiente sistema di welfare.

Questo progetto, nonostante niente sia verificato e si tratti soprattutto di “proiezioni” che dovrebbero essere poi confermate dai risultati, e' controbattuto ed osteggiato da entrambe le parti. Balog e' sotto attacco da chi difende i rom per l'approccio autoritario del suo governo, ma anche dai gadje', soprattutto dai rappresentanti dei piu' poveri, che vedono "ancora una volta" un favore fatto ai rom.

Ma per Balog la necessita' principale e' quella di mandare un chiaro messaggio politico alla maggioranza degli ungheresi per far capire quanto la questione sia importante per tutti e come cio', piu' che per gli tzigani, sia un vantaggio per l'intera nazione. “Se infatti questi cambiamenti non saranno fatti” dice ancora Balog, “l'intera nostra struttura sociale, economica e del mercato del lavoro crollera', portando l'Ungheria sull'orlo del baratro e del conflitto civile. La questione rom, dunque, e' un problema di sopravvivenza nazionale".

A una trentina di chilometri da Gyöngyöspata c'e' un altro villaggio: Tarnabod. Abbandonato dopo il comunismo, e lasciato in balia dei piu' disperati (rom e non-rom) che non avevano un posto dove andare, e' stato preso in mano da giovani operatori sociali, uomini e donne, tzigani e gadje' di provenienza anche straniera. Oggi, in un'antica stalla riadattata a capannone, si possono vedere dozzine di persone al lavoro mentre smontano vecchi computer e altri apparecchi tecnologici obsoleti per il riciclarne i pezzi. Tutti percepiscono il salario minimo nazionale.

In altri edifici di Tarnabod, riadattati e restaurati, sono state create una scuola materna, una mensa per bambini e genitori, un centro di cultura con una sala proiezioni, un centro di insegnamento dopo scuola, un'infermeria, un centro sportivo. Ovunque i pavimenti sono stati sostituiti, le pareti ridipinte, i tetti riparati. C'e' una chiesa, una squadra di calcio, un gruppo teatrale. In biblioteca gli scaffali, tutti allineati, sono pieni di libri che vengono dati in prestito e sul muro campeggia il ritratto del primo e finora unico santo rom: Ceferino Giménez Malla.

Oltre settecento persone, uomini donne e bambini, a Tarnabod, vivono come una grande famiglia. Alcune sono rom, altre no e non esiste un modo facile per distinguerle. Ci sono voluti sette anni per arrivare a questo, ma dopo la poverta' e la disperazione di Gyöngyöspata, Tarnabod rappresenta l'altra faccia della medaglia, un'oasi felice in cui, a volte, confuso in mezzo alla gente, non e' difficile incontrarvi anche Choli Daróczi József, il piu' famoso scrittore rom ungherese vivente.

Come sostiene chi dirige il progetto, tale lavoro per avere successo su scala nazionale ed essere esportato anche in altre citta' e villaggi, creando nuovi posti di lavoro partendo proprio dalle comunita' tzigane, come appunto auspica anche Balog, deve avere il sostegno totale del governo ungherese e dell'Autogoverno Nazionale Rom. Solo cosi' non arriveranno piu' vigilantes vestiti di nero a terrorizzare la gente, e ai razzisti saranno tolti gli argomenti con i quali, oggi, si aizzano le persone le une contro le altre.


Questo il mio commento all'articolo originale:

Vorrei capire meglio il ruolo dell'Autogoverno Nazionale Rom.
In Italia ne ho sentito parlare qualche volta da "esperti" ed "intellettuali" (due parole di cui istintivamente mi fido poco) ungheresi, con toni diversi.
La mia impressione da profano, è che un organismo del genere in tempi di vacche grasse ha contribuito a diffondere l'immagine di Ungheria come paese all'avanguardia nell'integrazione di Rom.
Ma che col sopraggiungere della crisi, soprattutto dato la sua composizione, veda il proprio ruolo compromesso e rischi di elargire qualche piccola regalia agli "amici degli amici", senza riuscire ad essere un interlocutore "politico" affidabile.

La risposta:

Avevo iniziato a scriverti la risposta. Poi la tastiera mi ha preso la mano ed e' venuto un commento talmente lungo che forse merita farne un post. Tu che ne pensi?

Il suo nuovo articolo lo trovate QUI, lo riprenderò in Mahalla tra qualche giorno

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/11/2011 @ 09:47:59, in musica e parole, visitato 2565 volte)

VENERDI' 18 NOVEMBRE 2011 alle ore 18
presso la Sala delle Colonne – Banca Popolare di Milano (via san Paolo 12, Milano)

I ROM DI VIA RUBATTINO Una scuola di solidarietà
Elisa Giunipero e Flaviana Robbiati (a cura di)
Presentazione di Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant'Egidio
Collana Libroteca Paoline ISBN 88-315-4055-1

Milano, 19 novembre 2009: la baraccopoli di via Rubattino, occupata da circa trecento rom, viene sgomberata dalle forze dell'ordine. Un'operazione gonfiata ad arte per rassicurare i cittadini milanesi circa la presenza, guardata con diffidenza e con sospetto, dei Rom. Questa operazione crea una reazione inaspettata: i cittadini si mobilitano in favore dei rom. Famiglie milanesi aprono la porta della propria casa per dare ospitalità ad alcune famiglie che non avrebbero alternative reali alla strada. Tutto questo è avvenuto perché i pregiudizi alimentati da una informazione tendenziosa hanno lasciato il posto alla conoscenza reciproca.

Rom fa rima ancora oggi con allarme sociale e l'unica cosa che sembra restare è il dovere di schierarsi. Sui rom ci si scontra senza mai fare una proposta o indicare una possibile soluzione. Questo libro ha il grande vantaggio di guardare in faccia la realtà così com'è, senza aggiunte né proclami, allo scopo di provare a identificare una via da percorrere, pur consapevoli che non si tratta di un cammino in discesa, ma certamente, per tanti motivi, in salita. (dalla presentazione di Marco Impagliazzo)

Questo libro racconta la straordinaria avventura di incontro, solidarietà, amicizia tra un quartiere di Milano e i Rom, avventura iniziata con l'iscrizione a scuola di 36 bambini rom da parte della Comunità di Sant'Egidio. La scuola si è rivelata così il primo luogo di un'integrazione, non facile ma possibile.
La rete di simpatia, buon senso, generosità, voglia di cambiare che ha circondato i Rom di via Rubattino ha molto da dire al clima di antigitanismo che sembra crescere in Europa. Gli autori di questo libro sono tanti: maestre, genitori e alunni delle scuole, volontari, cittadini, giornalisti. Scritto come cronaca diventa testimonianza di percorsi possibili e stimolo a cercare strade di integrazione, unico futuro possibile.

A due anni esatti dallo sgombero e in occasione della Giornata dei diritti dell'infanzia, il libro viene presentato dalla Comunità di Sant'Egidio e dalle Mamme e maestre di Rubattino

Intervengono:
Maria Grazia Guida – Vicesindaco di Milano; Giangiacomo Schiavi – Corriere della Sera; Gianni Zappa – Arcidiocesi di Milano; Corrado Mandreoli – CGIL; Garofita Durusan – donna rom sgomberata da via Rubattino; Bianca Zirulia – Mamme e maestre di Rubattino.
Musiche di Jovica Jovic.

Le Curatrici

Elisa Giunipero, della Comunità di Sant'Egidio, è impegnata nelle attività a favore dei rom a Milano.
Flaviana Robbiati, maestra elementare, da trentacinque anni insegna nella scuola vicina a via Rubattino, a Milano.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

DA PS, IL 10 NOVEMBRE 2011


La Corte europea dei diritti dell'uomo ha emesso una sentenza contro lo Stato della Slovacchia nel caso della presunta sterilizzazione forzata di una donna rom nell'ospedale di Presov nel 2000, ha informato ieri il Centro di consulenza per i diritti civili e umani con un comunicato a tutti gli organi di stampa. «Accogliamo con favore il verdetto. La Corte ha confermato ciò che il Centro di consulenza andava sostenendo sin dalla sua costituzione un anno fa: donne rom hanno subito una sterilizzazione forzata negli ospedali senza il loro consenso informato», ha dichiarato Vanda Durbakova, avvocato di Barbara Bukovsky, la donna rom che ha fatto la denuncia.

La Bukovsky avrebbe presumibilmente firmato un modulo di consenso per la sterilizzazione nel reparto maternità dopo che, alla nascita del suo bambino, le sarebbe stato detto che lei o il prossimo figlio rischiavano la morte se non si fosse proceduto alla sterilizzazione. La donna ha affermato che all'epoca non sapeva cosa si intendesse con il termine "sterilizzazione".

La Corte europea dei diritti dell'uomo ha respinto l'affermazione che la sterilizzazione si sarebbe dovuta fare a causa di "motivi di salute", dato che questo tipo di procedura non è classificata come "salva-vita". La Corte ha anche assegnato alla donna il compenso di 31.000 euro oltre ad altri 12.000 per coprire le spese relative al processo.

(La Redazione)


NdR: il comunicato (.pdf in inglese) di Poradňa pre občianske a ľudské práva che sollevò il caso

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/11/2011 @ 09:32:52, in Italia, visitato 1063 volte)

blog.vita.it/francamente di Franco Bomprezzi

Il tempo per pensare e per osservare non manca, fino a quando resto qui, accanto al letto 14 dell'Unità Spinale. I giornali sul letto, la televisione in sottofondo, il computer acceso per sfogliare il web. Ammetto di aver gioito in silenzio, ieri sera, senza crudeltà e senza rabbia, ma giusto con quel tanto di fiduciosa speranza in un cambiamento possibile, e quasi epocale, che non poteva non accompagnarsi alle immagini delle faticose quanto ineluttabili dimissioni di Silvio Berlusconi da presidente del Consiglio. A parte il giudizio su di Lui, di cui si è scritto e detto anche troppo, ho pensato subito al disfacimento di una innumerevole e costosa corte dei miracoli, governativa e paragovernativa, che, specialmente negli ultimi anni, cioè in questa disperante legislatura, ha dato prova talmente scarsa, in fatto di competenze e di attendibilità delle decisioni, da meritare un rapido silenzio, un definitivo oblio, senza ritorno.

Ecco perché stando qui, con le mie ossa in esposizione, adagiate su teche di resina, come reliquie di una fragilità umana della quale dovrò finalmente e stabilmente tener conto, non riesco ad appassionarmi al sangue, un po' vigliacco e scontato, che si accompagna alle scene peraltro prevedibili e ovvie di giubilo e di scherno nei confronti di Silvio. Il mio pensiero corre all'improvviso e ormai quasi certo cambio di scena, come quando in teatro, tra un atto e l'altro, si spostano le quinte, si cambiano gli arredamenti, entrano sul palco nuovi protagonisti. Il volto di Monti è rasserenante. Dà la sensazione di avere già in mente non soltanto le prime mosse, ma anche i dettagli, le strategie, i collaboratori ai quali affidare, con metodo sperimentato in anni di lavoro in alta quota, le politiche immediate, le misure congiunturali, gli scenari a breve termine. La scelta dei ministri e dei sottosegretari, se corrisponderà al suo profilo, e se i partiti glielo consentiranno (ma in questo senso un ruolo decisivo lo sta giocando sicuramente il presidente Napolitano) ci porterà improvvisamente a fare i conti con persone competenti nei singoli settori, prevalentemente di estrazione universitaria, ma già fortemente connotati per una lunga consuetudine al confronto programmatico con pezzi della società civile ed economica del Paese.

Qui dal letto 14 avverto perciò un rischio tutt'altro che banale. Ossia temo che il mondo del sociale, non solo della disabilità che ben conosco, ma più in generale quella parte di società che ogni giorno vive su di sé e interpreta al tempo stesso il welfare, il volontariato, la cooperazione sociale, la sussidiarietà, la gestione dei servizi sul territorio, arrivi a questo appuntamento con la Storia in una situazione paradossale, di massima stanchezza, di logoramento, di sfiducia quasi rassegnata nel funzionamento delle istituzioni pubbliche, specialmente statali.

E' invece adesso che dobbiamo, tutti quanti, trovare la forza e la lucidità delle proposte migliori. Non solo la difesa, ovvia, dell'esistente, quando riguarda i diritti essenziali delle persone più deboli (disabili, anziani, vecchi e nuovi poveri, giovani, disoccupati, donne, immigrati, e così via), ma anche l'attacco, ossia la proposta attiva di pezzetti di riforma possibile, di miglioramento della qualità della spesa, di individuazione dei percorsi virtuosi, di azzeramento di tavoli di discussione ridicoli (penso alla legge delega sulla riforma dell'assistenza).

Dobbiamo cioè sforzarci di evitare che l'agenda di un governo tecnico di emergenza sia dettata solo dagli euroburocrati che hanno messo in un angolo Berlusconi e soci. Il modo per farlo è inserirsi attivamente, robustamente, in modo visibile e forte, in questa fase di ripensamento del welfare, non delegando ai poteri forti, alla finanza, alle banche, alle grandi imprese, agli opinion makers che spesso sono totalmente sprovveduti o addirittura male informati rispetto ai temi che ci stanno a cuore.

Mi piace immaginare che ci sia un parallelo tra la mia convalescenza lenta ma costante e la cura ri-costituente di un governo che dovrà di volta in volta conquistare sui singoli provvedimenti il più vasto e inedito consenso nel Parlamento e nel Paese. In un certo senso a Roma può accadere adesso ciò che a Milano stiamo sperimentando, fra mille fatiche e difficoltà, e anche incomprensioni: un'alleanza creativa e operosa fra la parte più riformatrice della società e la borghesia laica e cattolica che sa dove mettere le mani e la testa. In questo modo, se avremo un po' di fortuna, potremo perfino aver voglia di nuovo di far politica, nel senso più nobile e corretto del termine.

Una cosa è certa: in queste ore mi cresce la voglia di tornare a casa, di riprendere il cammino, per quel che poco che potrò fare, da giornalista e da cittadino. Speriamo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/11/2011 @ 09:05:09, in Italia, visitato 1232 volte)

...dagli insediamenti siti nel Comune di Milano, promossa dal Naga (Associazione Volontaria di Assistenza Socio-Sanitaria e per i Diritti di Cittadini Stranieri, Rom e Sinti).

Al Sindaco di Milano
Al Prefetto di Milano

L'associazione Naga si dichiara contraria ad ogni sgombero di insediamenti abitativi di cittadini Rom nel Comune di Milano, in particolare di quelli che non siano accompagnati da politiche di accoglienza e alternative valide, sia in termini di migliori e più stabili condizioni abitative che di concrete possibilità di integrazione scolastica e lavorativa, con il preventivo coinvolgimento delle famiglie stesse.

Riteniamo che, a maggior ragione con l'arrivo delle basse temperature e di avverse condizioni atmosferiche, vi debba essere la cessazione immediata di qualsiasi sgombero.
Le motivazioni addotte dall'amministrazione per gli sgomberi effettuati nell'ultimo periodo - vale a dire che si tratterebbe di insediamenti nuovi - non possono essere un alibi per questo tipo di azioni. Come abbiamo più volte sottolineato, gli sgomberi riguardano da tempo, nella maggior parte dei casi, gli stessi gruppi familiari e non hanno altra conseguenza che aggravare le condizioni di vita di queste persone e spostare il “problema” in altre zone. Né possono essere un alibi generiche “esigenze di sicurezza” che, se fossero veramente esistenti, andrebbero affrontate non con i soli sgomberi, ma con la messa in sicurezza delle aree e la ricerca di soluzioni alternative.

Segnali allarmanti arrivano anche da insediamenti come quello di Chiaravalle che, pur nel degrado e nelle serie difficoltà in cui versa, si può considerare uno dei campi stabili e di lunga durata dell'area di Milano, dove abitano - forse grazie alla sua stabilità - un buon numero di persone con un lavoro e molti bambini con un'esperienza scolastica e formativa.
Chiediamo perciò all'Amministrazione comunale chiarimenti e garanzie in merito alla salvaguardia delle condizioni di vita degli abitanti del campo.

Sulla base di queste premesse, con la presente petizione si chiede :

1. La sospensione immediata di ogni sgombero nel Comune di Milano che non sia accompagnato da un serio e concreto sforzo di accoglienza alternativa per i gruppi familiari.

2. La comunicazione pubblica del piano del Comune riguardo alle condizioni abitative di cittadini Rom e Sinti presenti in aree dismesse e campi autorizzati e del finanziamento degli interventi attuati e ancora da attuare.

Milano, 10 novembre 2011

<FIRMA LA PETIZIONE>

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/11/2011 @ 09:05:22, in Italia, visitato 1200 volte)

Segnalazione di Franco Marchi

Rom e Sinti: "Lega razzista, anche noi siamo italiani" Il Fatto Quotidiano

Rom e Sinti manifestano per la prima volta a Montecitorio. 22 associazioni che hanno radunato almeno 200 persone con striscioni e bandiere. Negli scorsi giorni, durante le alluvioni che hanno funestato il nord-ovest dell'Italia, l'on. della Lega Nord Davide Cavallotto, manifestava sollievo perché le alluvioni erano riuscite nell'impresa di sgomberare il campo nomadi abusivo sul Lungo Stura a Torino. Oggi dinnanzi la Camera dei Deputati, la protesta dei Sinti e Rom italiani rispondono alle dichiarazioni del deputato del Carroccio, ma chiedono anche maggiori diritti, come: una tassazione meno dura per i giostrai, case popolari al posto dei campi attrezzati e chiedono anche l'istituzione di un giorno della memoria. "Chiediamo di essere riconosciuti come popolazione, chiediamo il dono della memoria, perché anche noi siamo caduti in tempo di guerra e l'Italia – dicono – è rimasta l'unica nazione a non riconoscerci".

Video di Manolo Lanaro, montaggio Paolo Dimalio


NdR: L'album fotografico su Facebook


Presidio Sinti: 'Commercializziamo ferro in nero ma vorremmo essere legalizzati' C6.tv

Roma. Sono arrivati da tutta Italia per far sentire la propria voce. Sono i Sinti delle diverse regioni del paese che ai piedi di Montecitorio chiedono a gran voce il riconoscimento, come minoranza, dello status di Sinti. 'La seconda cosa che noi chiediamo allo Stato è di essere legalizzati' ci racconta un manifestante 'soprattutto nel lavoro. Noi compriamo e vendiamo ferro dalle scuole e dai cantieri, ma lo facciamo in nero. In questo lo Stato ci deve aiutare.' Servizio di Angela Nittoli

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/11/2011 @ 08:51:49, in Italia, visitato 1574 volte)

Permettete due parole?

Dopo aver accusato la Moratti di razzismo per anni, Pisapia supera De Corato i nomadi: a Milano li chiudono in un recinto

«Abbracciamo i nostri fratelli rom e musulmani». L'invito era stato urlato in piazza dal leader di Sel, Niki Vendola, il giorno della vittoria alle Comunali di Giuliano Pisapia. Sei mesi dopo i fratelli sono già diventati nemici. Dopo aver ricevuto consulte di nomadi a Palazzo Marino, annunciato liste di attesa per le case popolari e preparato progetti per l'acquisto di cascine in provincia di Pavia, la giunta ha deciso di alzare un muro fra gli zingari e la città. Un muro che nelle intenzioni dovrebbe impedire ai rom di accamparsi sotto le volte del ponte Bacula, ma che simbolicamente mette a nudo l'ipocrisia di chi da sempre si professa amico dei nomadi.

Il ponte ferroviario di piazzale Lugano dal 2008 è diventato il rifugio di decine di disperati. La giunta Moratti lo ha più volte sgomberato fino a realizzare nell'estate del 2009 - su proposta dell'allora vice sindaco Riccardo De Corato - una cancellata in acciaio per impedire la costruzione di tende e casupole di fortuna a due passi dai binari. Dopo mesi di tregua, gli zingari sono tornati. Complice il clima di "tolleranza" e la decisione di revocare alla polizia locale il compito di vigilare sul territorio. Subissato di lettere di protesta, il Comune ha deciso di intervenire. Nessuno sgombero all'orizzonte. Palazzo Marino intende costruire un muro che impedisca ai rom di accamparsi sotto il cavalcavia, come ha annunciato l'assessore alla Sicurezza Marco Granelli.

«L'ipocrisia di questo annuncio è sotto gli occhi di tutti – tuona De Corato -. Questa giunta prima accoglie i rom nella sede del Comune promettendo cascine e case popolari e poi pensa di risolvere un problema grave come questo con un muro». Che, fra l'altro, potrebbe dimostrarsi assolutamente inutile. «I rom sono ottimi muratori. Se si costruisse un muro loro praticherebbero un buco nel giro di qualche giorno, e lo attraverserebbero – prosegue l'ex numero due di Palazzo Marino -. Per risolvere il problema del ponte Bacula bisogna chiedere l'immediato intervento delle Ferrovie dello Stato, che hanno l'obbligo di mettere in sicurezza l'area. E realizzare un cancello di acciaio inossidabile, da far pagare alle stesse Ferrovie. Questa severità di facciata, con la quale questa amministrazione pensa di prendere in giro i cittadini, non potrà attaccare».

Ne è convinto anche il capogruppo della Lega a Palazzo Marino, Matteo Salvini. «Questa giunta non è credibile – conferma -. Parla adesso di un muro, dopo che la Lega ha fatto tre sopralluoghi per denunciare la situazione del ponte». E poi ci sono i dissidi interni, perché se da una parte il Comune pensa al muro, dall'altra il consiglio di Zona 8 – maggioranza di centrosinistra – ha appena approvato un documento che prevede di integrare quei nomadi offrendo loro una casa. «Credo che sia il caso che si mettano d'accordo – conclude Salvini -. Questa maggioranza è allo sbando, mentre il piano Maroni resta fermo. Fra l'altro, l'unica soluzione per il cavalcavia è la recinzione che avevamo realizzato noi. Non certo un muro».

di Daniela Uva - 16/11/2011

Commenti:
Mettete un bel cancello in acciaio così dopo dieci minuti ve lo hanno già fregato, ridotto a pezzi e rivenduto ai ferrivecchi. Quanto patetici siete a Milano. Una bella grata attraversata da 20.000 Volt non sarebbe meglio? Pensateci. di Alvit


Dalla redazione di Mahalla: Direi che quei casinisti di Libero stavolta hanno centrato in pieno.

Se proprio devo trovare un difetto, l'introduzione mi sembra confusa come al solito, ma la cronaca non sbaglia: a Milano c'è una giunta che (quatta quatta, zitta zitta) sta portando avanti la stessa politica che nei loro tempi d'oro De Corato e Salvini conducevano con rulli di tamburo. Ovvio che i due siano quantomeno agitati: pensavano che il copyright fosse loro, non di un Granelli ultimo arrivato!

Un appunto al simpatico commentatore: secondo me il cancello d'acciaio andrebbe benissimo; ormai con la crisi che c'è, si parte la mattina col furgone a raccogliere metallo, si gira tutto il giorno, e la sera si torna a casa distrutti avendo guadagnato 10 euro (se va bene). Mi sembra però che metterci la corrente a 20.000 volt sia un po' dispendioso (per non parlare dei pericoli per ponte, ferrovia ecc.), costerebbe di meno un comunissimo allaccio per la corrente civile. O forse ho capito male io le intenzioni???

Articolo Permalink Commenti Oppure (3)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/11/2011 @ 09:21:42, in media, visitato 1194 volte)

Internazionale 8 novembre 2011 14.40 - Le celebri immagini di Josef Koudelka sono state pubblicate in un nuovo libro aggiornato e ampliato. Christian Caujolle ha incontrato il fotografo.

Dato che non c'è più un direttore nell'ufficio parigino della Magnum e che l'agenzia fotografica, a causa della crisi, ormai sta tutta su un piano, Josef Koudelka si accomoda nella poltrona del capo: "Ho sbagliato tutto nella vita, non sono mai stato né direttore né presidente", dice ridendo. I capelli e la barba arruffata sono diventati bianchi, ma è un eterno ragazzo, a volte serio a volte spiritoso, costretto a dedicarsi a un esercizio che non ama: parlare di sé. Teme sempre di essere frainteso (dà degli esempi) e cerca, nonostante le digressioni, di essere preciso. Lo aiuta uno schemino con le cose da fare, diviso per fasce orarie di colori diversi. A quasi 75 anni, Koudelka non si ferma mai, ha sempre bisogno di fare, guardare e dare forma. Oggi tocca al Mediterraneo, che attraversa e fotografa da vent'anni. Entro il 2013 porterà a termine il progetto "Marsiglia, capitale della cultura".

Guardare al futuro, produrre, far emergere le immagini non gli impedisce di tornare incessantemente su quello che ha fatto. Continua a inseguire quello che potrebbe aver dimenticato, o sopravvalutato, nei lavori passati. La prossima tappa è l'incredibile presentazione a Mosca del suo progetto sull'invasione dell'armata rossa a Praga. Una grande rivincita, accompagnata da mille copie del libro, in russo, pubblicato da Torst, il grande editore ceco suo complice. Anche se è sempre riservato, Koudelka è chiaramente emozionato.

Ma è per un altro ritorno al passato che ci incontriamo: Zingari, il libro che l'ha fatto conoscere, è stato ripubblicato in sette paesi in una nuova edizione ampliata. La storia del volume è istruttiva, quasi esemplare. Il giovane Koudelka, che comincia la sua carriera a Praga come fotografo in un teatro, fa dei ritratti espressionisti e compone immagini molto grafiche.

Quello che c'è tra noi
Tra il 1962 e il 1971 comincia a sviluppare un lavoro a lungo termine su quelli che all'epoca sono chiamati zingari. Nel 1968, con il sostegno di Anna Farova, lavora insieme al grafico Milan Kopriva al progetto di un libro. "Non sapevo niente di libri di foto. Sapevo solo che volevo somigliasse alla vita, al mio rapporto con gli zingari, a quello che succedeva tra noi".

Il volume dovrebbe uscire a Praga nel 1970 ma, nel frattempo, Koudelka lascia la Cecoslovacchia occupata. Le sue foto dei carri armati e della rivolta fanno il giro del mondo e, attraverso Henri Cartier-Bresson, incontra Robert Delpire, il mitico editore di Robert Frank, di molti fotografi della Magnum e di tanti altri. Delpire vuole pubblicare il libro, ma in un'altra versione: 60 foto (di cui 50 tratte dal progetto originale) escono nel 1975 con il titolo Gitans, la fin du voyage (Aperture si aggiudica la versione statunitense). Un'edizione speciale è pubblicata anche dal Moma di New York per accompagnare la mostra fotografica. Il libro diventa subito un classico, una delle opere più ricercate della fotografia del novecento.

La nuova edizione torna oggi in gran parte al progetto originale, anche se con 109 immagini, un formato più grande e un ritmo più narrativo rispetto alla prima, rigorosa selezione. "Non volevo solo una collezione di belle foto. E volevo che, anche se sono tutti scatti fatti tra gli zingari, il libro andasse oltre". Nell'edizione francese Robert Delpire spiega che la scelta editoriale non è sua, ma che la pubblica per amicizia, stima e rispetto. Si avverte chiaramente uno di quei conflitti che possono esserci tra un autore e un editore molto esigenti. E Koudelka non vuole parlare di come sono andate le cose per "ammirazione, rispetto e amicizia per Bob. E poi sono così contento che l'abbia pubblicato come lo volevo io".

È la sua creatura: "Un progetto che ho portato con me, anche fisicamente, per quattro anni. Ho avuto il tempo di capire cosa andava e cosa no. Ho lasciato la Cecoslovacchia con 154 foto sugli zingari. L'essenziale del libro era già lì. È una storia, una storia di persone, di me con queste persone la cui musica mi ha attirato e m'incanta tutt'ora. Erano le stesse persone di cui si diceva ‘chiudete le porte, arrivano gli zingari e ruberanno le galline'".

La maggior parte degli scatti sono verticali: "Questo ha avuto un peso importante nell'organizzazione del libro, nel ritmo che il grafico Milan Kopriva ha saputo inventare. L'altra persona fondamentale per questo progetto è stata Anna Farova. È lei che mi ha aiutato a strutturare le immagini, e a non dimenticare niente". Sono le due persone a cui il libro è dedicato.

La giusta distanza
A Koudelka non piace commentare il suo lavoro. Non ha un punto di vista, dice, sulle sue incredibili inquadrature dal respiro naturale, dalla giusta distanza. Ammette però che "ci vuole un obiettivo da 24 millimetri perché tutto sia nitido in spazi spesso molto ristretti e con poca luce. Poi ho cambiato, non volevo ripetermi. L'obiettivo ti dice come fare".

Ma non dice niente sulla grana delle immagini, spesso così particolare e sensuale, sui negativi difficili, sviluppati senza prendere troppe precauzioni. Non ripetersi, è anche la ragione per cui non ci sono foto recenti di zingari. "È una generazione che non esiste più. Quando sono tornato a Praga nel 1991, sono andato a vedere. Sono sempre lì, le condizioni in cui vivono sono un po' migliorate, ma poco, e la maggior parte di quelli che conoscevo sono morti. Ho pensato che non avrebbe avuto senso ricominciare. Oggi è un altro mondo e prima o poi qualcuno farà un lavoro formidabile a colori su di loro". L'importante è "continuare a fotografare, perché ho la fortuna di averne ancora voglia e di poterlo fare". Ma il libro rimane fondamentale. Ben più delle mostre che sono "effimere".

Farà vedere il libro agli zingari, come faceva con le foto ("Mandavano baci e ballavano per mostrare il loro apprezzamento")? "Certo, appena posso". Possiamo immaginare che sfogliando le pagine, dietro l'elegante copertina bianca con il sobrio titolo nero Cikáni, si ritroveranno, ameranno, balleranno e manderanno baci.

Internazionale, numero 922, 4 novembre 2011

Zingari di Josef Koudelka contiene 109 fotografie scattate nell'ex Cecoslovacchia (Boemia, Moravia e Slovacchia), in Romania, in Ungheria, in Francia e in Spagna tra il 1962 e il 1971. Il volume è la versione aggiornata di Cikáni (zingari in ceco), un libro che non fu mai pubblicato perché Koudelka lasciò la Cecoslovacchia nel 1970. Le foto sono accompagnate da un testo del sociologo Will Guy.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/04/2021 @ 23:21:25
script eseguito in 56 ms

 

Immagine
 Come una Lonely Planet... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2082 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buongiorno signore e signori.Sono un uomo d'affari...
23/02/2021 @ 11:04:09
Di Patrick
Buongiorno a tutti Sono un imprenditore che offro ...
23/02/2021 @ 10:59:47
Di Patrick
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source