Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 17/04/2007 @ 09:30:58, in Italia, visitato 2315 volte)

Ricevo da Agostino Rota Martir

Vi voglio presentare la verità dell’accumulo di vari tipi di mondezza abbandonati in via Dell’Idrovora a Coltano, nei pressi del “campo nomadi”, dove prima c’era un bellissimo parco naturale.

La verità è che cittadini italiani e stranieri hanno approfittato nella loro malafede e hanno buttato la spazzatura nel bosco, a sinistra e a destra lungo la strada in via Idrovora che parte dall’Aurelia e arriva a Coltano, sperando come tante volte è successo, di scaricare sulle spalle degli “zingari” il torto.

Lì sono state buttate gomme usate, quando nessun “zingaro” è gommista,

ci sono anche stoffe di sarto, e nessuno di noi fa il sarto,

e non manca materiale edile, quando nessuno di noi è muratore.

Tantissimi di noi lavorano nella raccolta di ferro, e lì non c’è del ferro abbandonato.

Sappiamo che il pregiudizio sugli “zingari” è ancora enorme, e noi continuiamo ad essere accusati e discriminati, quindi sopportiamo di essere “sorvegliati con telecamere”, perché vogliamo dimostrare la verità.

Spero che in futuro si cambieranno le visioni su di noi “zingari”, e voi “gagjiè” (i non zingari) non mostrerete la vostra “cultura”, evitando di buttare la vostra spazzatura vicino a noi.

Così arriverà il momento di vivere come tutti i cittadini normali non “sorvegliati con telecamere”!

Grazie dell’attenzione e distinti Saluti,

Etem Dzevat

Presidente A.C.E.R.

Coltano (PI), 14 Aprile 2007

altre storie di spazzatura

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/04/2007 @ 09:55:27, in Italia, visitato 1867 volte)

Li chiamiamo nomadi, ma ormai sono stanziali da tanti anni. E li consideriamo stranieri, mentre la maggior parte di essi è italiana da generazioni. Luoghi comuni sulle comunità rom e sinti presenti nella nostra Provincia. Pregiudizi che una ricerca promossa dalla Provincia di Venezia e realizzata dal Coses prova ora a sfatare.

Si chiama "E per patria una lingua segreta" il volume realizzato dai due ricercatori del Coses Stefania Bragato e Luciano Menetto per conto della Provincia di Venezia, assessorato alle Politiche sociali. Una ricerca che mai fino ad oggi era stata realizzata sul territorio veneziano.

«Siamo partiti dalla constatazione che, con la chiusura di quasi tutti i campi nomadi veneziani, oggi la comunità è pressoché invisibile», spiega l'assessore provinciale alle Politiche Sociali Rita Zanutel. Oggi, infatti, rimane aperto il campo di via Vallenari, con tutte le problematiche legate al suo prossimo spostamento verso Favaro. Non a caso proprio i sinti di questo campo nomadi (vedi articolo a fianco) sono stati gli unici a non prendere parte alla realizzazione della ricerca, rifiutando di farsi intervistare.

La ricerca si è sviluppata attraverso interviste a "testimoni privilegiati", in particolare gli assistenti sociali dei comuni della Provincia, che più di tutti intercettano le richieste dei nomadi, insieme agli operatori scolastici. E poi attraverso interviste dirette ai protagonisti.

«Ci siamo chiesti - prosegue l'assessore - dove sono oggi le persone che vivevano nei campi, come vivono, che percezione hanno della comunità residente e viceversa».

Invisibili all’anagrafe. Da questo punto di partenza si è sviluppata l'indagine che approfondisce più gli aspetti qualitativi che quantitativi. «Avevamo chiesto agli uffici anagrafe dei vari comuni se tra la popolazione straniera risultassero rom o sinti, ma solo quattro comuni hanno dato risposta affermativa, mentre noi sapevamo per certo che anche in altri comuni (incrociando altri dati) vi era la loro presenza», aggiunge Zanutel.

Dati certi, dunque, non ce ne sono. Anche se la stima, incrociando diverse fonti ha fornito questi risultati: 1466 rom e sinti in tutta la Provincia, di cui 898 residenti, 111 stranieri e 399 minori. Gli italiani sono 653, i kosovari 359 e i provenienti dalla ex Jugoslavia sono 156.

A questo punto, raccolte le interviste degli assistenti sociali, agli insegnanti che lavorano in scuole dove frequentano ragazzi rom o sinti, e quelle ai "nomadi" stessi, sono emersi i primi risultati. «Si tratta soprattutto di preconcetti che grazie a queste interviste sono via via caduti», spiega Luciano Menetto che con Stefania Bragato ha realizzato la ricerca.

Il primo preconcetto è che i nomadi sono ormai stanziali. «Noi gagé, cioè noi non nomadi come siamo chiamati nella loro lingua, crediamo che siano ancora comunità in movimento, mentre sono stanziali e da molti anni». A questo si lega un altro giudizio errato, quello cioè che tutti loro amino vivere nei campi e nelle roulotte: «Non è vero. Molti desiderano una casa». Infine, terzo preconcetto sfatato, quello che siano quasi tutti stranieri: «Sono invece in prevalenza italiana e lo sono da generazioni».

Il conflitto generazionale. Sono però comunità in conflitto. «Uno dei dati che emerge - aggiunge l'assessore Zanutel - è il fatto che vivono la perdita di identità con profondo disagio. E non mancano i conflitti, soprattutto tra vecchie e nuove generazioni.

I ragazzi che frequentano la scuola guardano a un modello di vita che i genitori non capiscono. In particolare le ragazze: esse chiedono di proseguire gli studi e non vogliono sposarsi giovani come prevede invece la loro cultura».

Una lingua che unisce. Un altro aspetto che emerge dalla ricerca e che dà il titolo al testo è quello legato alla lingua: queste comunità sono diverse al loro interno, anche divise da stili di vita diversi. Ne è un esempio il fatto che gli italiani benestanti, con case di proprietà, non condividono che i kosovari arrivati da poco accettino anche lavori umili. Eppure, al di là di queste divisioni, esiste un elemento che unifica e preserva l'identità: la lingua romanes, un codice solo orale trasmesso di generazione in generazione e che viene parlato da tutti. «Sono poche ormai le tipicità che contraddistingono rom e sinti. Una di queste è certamente la lingua», conferma il ricercatore del Coses. Ed è una risorsa che non vogliono perdere. «Uno degli impegni che ci siamo presi - conclude l'assessore Zanutel - è la conservazione della lingua romanes, anche attraverso la sua trasposizione scritta».

Serena Spinazzi Lucchesi
Tratto da Gente Veneta , no.15 del 2007

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/04/2007 @ 09:19:50, in media, visitato 1967 volte)

“LA SOGLIA DEL CONOSCIUTO”

Mostra di Alessandro Quaranta  
 

Sala Boccioni- p.le Arduino 4 - MILANO

 
Apertura: lunedì-venerdì 9-14 sabato 9-18 – chiuso domenica e festivi Chiusura: sabato 12 maggio 2007

VISITE GUIDATE GRATUITE 
 

vernissage venerdì  20 aprile 2007 , ore 18.00

Presentazione di Gabi Scardi 

 

Cosa diventa un caffé quando viene offerto da un rom a un “gagiò’?

Come può un cubo “sonoro” raccontare l’idea di casa dei rom?

Come mostrare il tempo e lo spazio di un campo nomadi?

E quali mappe possono visualizzare il campo di relazioni mobili sui quali sono costruite le identità dei clan?

Queste alcune domande che Alessandro Quaranta, artista torinese che da anni opera sull’intreccio dei concetti di casa/relazione/viaggio/rito, si è posto corso delle proprie ricerche; domande che sono poi risuonate nell’ambito del laboratorio da lui condotto con un gruppo di studenti all’interno del Liceo artistico Boccioni.

Alessandro Quaranta è uno di quegli artisti attenti ai nuovi contesti e ai nuovi valori, alle istanze sociali e alle trasformazioni in corso nel proprio tempo. Temi centrali del suo lavoro sono le appartenenze, le differenze, la cittadinanza, i meccanismi d’inclusione e d’esclusione; e poi gli stili di vita, l’abitare.

Attento alle relazioni, Quaranta si mette in gioco personalmente, non ambendo a lavorare “per” il pubblico, ma “con” un pubblico che si fa partecipante.

Oggetto primario della sua osservazione negli anni recenti è l’area sensibile costituita dalle comunità di Rom che abitano sul territorio italiano. Estremamente vulnerabili, i Rom vivono in situazioni di assoluta precarietà, la loro esistenza relegata al margine delle città e della collettività. Eppure, di fatto sconosciute, queste comunità sono percepite come una grave minaccia.

La pericolosità attribuita loro ha a che fare, prima che con la realtà dei fatti, con la percezione che se ne ha come di persone apparentemente incollocabili, indefinibili e per estensione, incontrollabili, quindi socialmente destabilizzanti.

Lo sguardo che a essi Quaranta rivolge è discreto, disponibile, attento, empatico, consapevole del limite costituito da un’oggettiva differenza di condizioni di vita, ma capace di esprime altro sia dall’atteggiamento analitico da studioso, sia dagli atteggiamenti assistenziali o emergenziali con cui normalmente queste comunità vengono avvicinate. 

Le sue opere dicono un’appartenenza culturale, un coacervo di storie, di vite, di esperienze; ma anche l’assurdità di esistenze che trascorrono tra infrastrutture insufficienti, trasferimenti forzati, disagio assoluto, e che tutti tendiamo a non voler vedere.

Oltre a indagare una specifica realtà e a suggerire la necessità di un approccio empatico e non valutativo, Alessandro Quaranta pone implicitamente una questione fondamentale, quella dello sguardo.

Come vediamo l’altro? Chi guarda e chi è guardato? E l’artista dove si colloca? .

L’intervento di Alessandro Quaranta presso il Liceo Boccioni nasce in relazione alla mostra “Wherever we go” tenutasi presso lo spazio Oberdan di Milano.

La mostra affrontava il tema delle relazioni interculturali e asseriva un’idea di identità e di cultura definite non solo in base a una radice geografica ma soprattutto come prodotti di esperienze e di relazioni; identità e di cultura come istanze non fissate una volta per tutte, ma vive e mobili,  capaci di resistere alle semplificazioni e alle classificazioni. 
 
 Il tema è stato ulteriormente affrontato sotto forma di dialogo attivo attraverso il progetto realizzato dall’ANISA, sezione di Milano,  grazie al sostegno della Provincia di Milano, presso i tre licei milanesi: Boccioni, Berchet e Gentileschi. 
 

Nell’ambito di questo workshop gli studenti del Liceo artistico Boccioni si sono confrontati con Alessandro Quaranta, che ha fornito loro spunti critici utili a orientarsi rispetto a un tipo di approccio artistico che si inserisce a pieno titolo nell’arte contemporanea.

Ne sono emerse  riflessioni e abilità critiche. Opere degli studenti saranno esposte nell’ambito della mostra insieme ad alcune installazioni di Alessandro Quaranta.

Alle finestre della scuola si affacceranno 70 bandiere realizzate dagli studenti per comunicare all’esterno la percezione di sé. 
 

Nel catalogo, che sarà presentato il 1 giugno 2007 in occasione del Premio Boccioni, saranno presenti  anche i percorsi paralleli ideati dalle altre due scuole coinvolte nel progetto “Incontriamoci a scuola”

il  Liceo classico Berchet con le conferenze propedeutiche al contemporaneo che, a cura di Cesare Badini, spaziano dalla fotografia alle radici del  moderno a Milano (saggi di Roberto Mutti, Cesare Badini  e Anna Menichella).

Con gli allievi dell’ITT A.Gentileschi invece, sotto la guida di Pia Antonini e di Riccardo Canova, è stato sperimentato l’approccio metodologico incentrato sull’”Epistemologia operativa”: Tale  metodo, che  designa una strategia di esplorazione attiva dei processi di costruzione della conoscenza, finalizzata alla presa di consapevolezza dei propri processi cognitivi, (http://it.wikipedia.org/wiki/Epistemologia_operativa) ha permesso di  approfondire  alcune tematiche della mostra e di sollecitare una riflessione personale e di gruppo sul proprio modo di rapportarsi a concetti come l’appartenenza e l’identità. 
 
 

Referente critico: Gabi Scardi

Ideazione e coordinamento: Gabriella Anedi, Laura Colombo, Glauco Mambrini, Claudio Zanini

Hanno collaborato i docenti Fiorella Iori, Marisa Settembrini, Emanuela Volpe

____________________________________________________________ 
 

Per informazioni: Liceo Boccioni

P.le Arduino 4 - MM1 Amendola – tel. 02 48019249

www.liceoartisticoboccioni.it

ufficio stampa: 338 8196068 – 347 9350842

parcheggio interno con ingresso da via Albani 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 14/04/2007 @ 09:20:33, in blog, visitato 1447 volte)

Romania, i tempi che furono
I Sinti e i Roma sono sempre stati da noi. Adesso non si fa grande differenza tra loro, sono tutti "zingari", ma 30 anni fa lo si faceva. Nell’infanzia, in campagna, i calderai (Rom Kalderash) me li ricordo spostandosi a passo d’uomo con la loro carretta coperta di un foglio di plastica, tirata da un asino, tipo Far West e con il cane legato ad una corda alla parte di dietro del carro.
Met...

Roma, vogliamo decidere noi del nostro futuro!
Forse i tempi erano già maturi da un pezzo, ma oggi Rom e Sinti chiedono la parola. Lo fanno con un documento che punta l’indice contro quella che chiamano la «pedagogia del terrore». Nel mirino del manifesto i famigerati campi sosta che, nel corso degli anni, si sono trasformati in «luoghi di annientamento culturale», teatro di blitz delle forze dell’ordine ed emblema di un disinteresse istituzio...

Rom e Sinti Rumeni, non più alla questura ma direttamente all’ufficio anagrafe
Addio alla carta di soggiorno per i comunitari: dall'11 aprile ai romeni, ai polacchi, ai tedeschi, e a tutti gli altri cittadini dell'Unione europea che vogliono vivere in Italia bastera' una semplice iscrizione all'anagrafe.
È questa una delle novità principali introdotte dal decreto legislativo 30 del 2007 che dà attuazione a una direttiva europea sul "diritto dei cittadini dell'Uni...

Pasqua 2007, poesia dedicata al popolo rom
Pasqua 2007: eredità d’amore
(Contro tutte le guerre. Dedicata al popolo Rom, gente di pace.)

Ragazzo,
tu chiedi:
“La pace cos’è?”

Come posso spiegarti?

La pace
è incontro d’amore
di lingue e Paesi,
di credo e diversità.

La pace
è universo di musica e danza,
di idee e sentimenti,
di arti e civiltà.

La pace
è comunità solidale
d’i...

Milano, Forza Italia è in cerca di una posizione unitaria sui Rom
«La linea di Forza Italia sulla questione dei rom non può che essere quella che sta seguendo l’assessore ai Servizi sociali, Mariolina Moioli». Accoglienza e legalità, dunque, sono le parole d’ordine che anche il consigliere comunale di Fi Alberto Garocchio (in foto) fa proprie e traduce ai colleghi di partito.
Eppure siete divisi, sembra che a pensarla come la Moioli siate rimasti in pochi...

Rho (MI), alcune famiglie Rom non accettano il "villaggio solidale"
Attivato il «Villaggio solidale» per ospitare una cinquantina di Rom, di fatto a Rho di "campi nomadi" il Comune ne ha creati due. Quello nuovo dove sono stati trasferiti nei giorni scorsi, fra mugugni e proteste, le famiglie rom meno "bellicose"; l’altro dal quale alcune famiglie non si sono volute affatto spostare, nonostante le ruspe e il dispiegamento massiccio delle forze dell’ordine...

Firenze, 36° giornata internazionale del popolo Rom
L'associazione Amalipe Romanó invita tutti il 27 aprile a Firenze per celebrare la 36° giornata internazionale del popolo Rom, “Immaginare il futuro tra memoria e presente”. L’8 aprile si celebra in tutto il mondo il Romanó Dives, la giornata internazionale della nazione Rom, in ricordo dell’8 aprile 1971 quando a Londra si ri ...

Milano, questa sera nuova manifestazione anti-rom
Il Parco Lambro è in subbuglio: il campo Rom che dovrebbe nascere in zona non dà pace agli abitanti del quartiere. Forza Italia sta tentando in tutti i modi di convincere sindaco e giunta a ripensare alla collocazione dell'insediamento dei nomadi. Stasera alle 18.30 un corteo anti-rom [sic!] partirà da piazza Udine e alle 20.30 si terrà in via Don Calabria un'assemblea pubblica.
Insomma, ci...

Mantova, convocato il secondo incontro del Comitato Rom e Sinti Insieme
La segreteria tecnica del comitato Rom e Sinti Insieme ha convocato a Mantova i delegati dei diversi gruppi Rom e Sinti per domani sabato 14 Aprile 2007, alle ore 11.00, presso la Casa dello Studente in piazza Virgiliana n. 55, per discutere sul seguente ordine del giorno:
1) Relazione della segreteria tecnica del Comitato Rom e Sinti Insieme
2) Costituzione del Comitato Rom e Sinti Insi...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/04/2007 @ 10:08:48, in media, visitato 1760 volte)

Da Hungarian_Roma

Il IV Festival Internazionale per Giovani Registi di Miskolc, Ungheria Settentrionale, ospiterà diversi tipi di film (corti, documentari, animazioni) nella categoria speciale:

"IMMAGINE ROM - I Rom davanti e dietro la telecamera"

Il festival, organizzato da CineFest e da Radio C, unica stazione radio rom, è un'occasione unica per esplorare i film dedicati ai Rom.

I film in questa categoria saranno premiati da una giuria indipendente. Il termine per la presentazione è il 30 giugno 2007. DVD  e VHS devono essere inviati entro la data prevista, assieme al materiale illustrativo (foto, lista dialoghi ecc.) La decisione della giuria sull'ammissibilità è prevista per il 1 agosto 2007.

Dettagli sul programma del festival, altri eventi, giuria, form di registrazione ecc. su www.cinefest.hu.

RADIO C
FM 88.8
www.radioc.hu

Tradizione, innovazione, musica e cultura - un medium rom dal 2001

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/04/2007 @ 10:08:34, in scuola, visitato 1971 volte)
Su Roma_andfriends una tabella vocabolario, che confronta alcuni termini comuni in sanscrito, romanes ed inglese
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/04/2007 @ 10:11:44, in Europa, visitato 1797 volte)

E' stato lanciato oggi il concorso fotografico 2007 sul tema "Breaking Stereotypes" ("Un taglio agli stereotipi") a cui gli studenti di fotografia provenienti da tutta l’Europa potranno partecipare e vedere il proprio lavoro pubblicato dall’ UE semplicemente creando un immagine raffigurante le diversità. Il concorso avrà inizio il 1° marzo e terminerà il 30 giugno 2007, come parte integrante della campagna "Sì alle diversità No alle discriminazioni" e sotto l’ombrello dell’Anno europeo delle pari opportunità per tutti.

altre informazioni

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 10/04/2007 @ 10:51:32, in blog, visitato 2290 volte)

Regno Unito, nuovo network pastorale per i Rom, Sinti e i Travellers
26 sacerdoti, religiosi e laici impegnati nella pastorale dei Rom, Sinti e dei Travellers nel Regno Unito si sono incontrati nei giorni scorsi per discutere dei complessi problemi che riguardano queste popolazioni ancora emarginate e discriminate.
I partecipanti fanno parte di un nuovo network interdiocesano alla cui formazione sta lavorando da due anni la Conferenza episcopale inglese e g...

Castelsangiovanni (PC), nessun contributo ai Sinti
«A nomadi non sono assegnati né contributi né sovvenzioni periodiche». E' stato ribadito durante il consiglio comunale di Castelsangiovanni. Il capogruppo di maggioranza Fernando Motti ha letto un documento, «che pone fine - ha detto Motti - alle voci che da mesi si rincorrono nelle strade e nei bar, secondo cui l'amminstrazione avrebbe elergito e continuerebbe ad elargire contributi a titolo cont...

Milano, il Polo alla Moratti: serve verifica sui Rom
Sui Rom il centrodestra va in pezzi. Il giorno dopo l'attacco al prefetto del capogruppo di FI Giulio Gallera, ecco una nota del sindaco che rilancia la «collaborazione istituzionale per coniugare solidarietà e rispetto della legalità». E se le parole di Letizia Moratti suonano come una messa in riga di Gallera, non tralasciano di sostenere la contestata attività dell'assessore alle Politiche soci ...

Roma, il "campo nomadi" di Decima Malafede approda in Parlamento
Dopo l’interrogazione del capogruppo regionale di Fi Alfredo Pallone a Marrazzo, arriva ora quella del deputato di An Fabio Rampelli ai ministri Alfonso Pecoraro Scanio (Ambiente) e Paolo De Castro (Politiche agricole). La vicenda ha inizio il 14 settembre 2005, quando dal Comune venne sgomberato il campo di Vicolo Savini e 800 Rom vennero trasferiti nella riserva regionale di Decima Malafede, loc...

8 aprile 2007, Giornata Mondiale dei Sinti e dei Rom
U star nágli

Penéla u parmísso:
Star nágli hísle peráit
Fir ti kerén ti merél i Retáres.

Jek vintákri ciáj dikjás,
Forpái ap i hígla,
Har giálesli ap u drom fon u vélto.

Jek kórkoro ciordásli,
U kurmáskro na haiciardáspes.

Unt Jov viás kiáke nágaldo.
Mit trin nágli ap u kráizo.

U stárto náglo ciás i sinténgro gi
Mit i láida fon u R ...

Zingari, nomadi, Rom, Sinti: problemi di definizione
"Bisogna innanzitutto mettere ordine nelle parole stesse e ben definirle. […] Decidere la parola è un po’ decidere il metodo d'analisi […] Decidere la parola è stabilire una frontiera". (G.H. Allard.)
Nel linguaggio comune, nei documenti ufficiali, nei mass-media, si ricorre con frequenza al termine "nomadi". L'uso che si fa di questa parola, che si è andata sovrapponendo e spesso sostitue...

Fermiamo Ziganopoli!!
I Rom e i Sinti hanno l'obbligo morale di smascherare e porre di fronte alle proprie responsabilità coloro i quali continuano in maniera meschina e mafiosa a sfruttare la nostra realtà e la nostra situazione nella società italiana.
Questi soggetti ripugnanti denigrano e offendono la nostra dignità quotidianamente speculando e arricchendosi alle nostre spalle con progetti fasulli ben finanz...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/04/2007 @ 09:34:36, in media, visitato 1976 volte)

Da British_Roma

Salve a tutti,

in Inghilterra abbiamo messo insieme una rivista giovanile per i Travellers irlandesi e i Rom.

Il primo numero uscirà alla fine del mese, e vi scrivo per vedere se avete storie dei vostri giovani da far pubblicare. Le uscite sono previste a fine aprile, fine di luglio, fine di ottobre e fine di gennaio, e l'impaginazione chiude il 16 dl mese corrispondente. Vi saremmo grate se vorrete collaborare con foto, storie, poesie, racconti dei loro anziani, dato che vorremmo unire i bambini del mondo in questo progetto.

Mi scuso per il breve preavviso e grazie a tutti per l'attenzione.

Angie Jones.

youth division
Canterbury Gypsy Support Group
International Gypsy & Traveller Affairs
Irish Traveller Movement 2006 (UK)
info@youthdivision.co. uk
(Affiliated with ITM & Pavee point Ireland)
Traveller Law Research Unit (Cardiff University)
European Romany and Traveller Forum
www.youthdivision.co.uk
Moate farm, Stodmarsh Road, Canterbury, Kent, CT3 4AP
01227 789652/07868780492

Working for Romany Gypsies, Irish Travellers and Roma, To gain access to fresh running water, accommodation, health care, sanitation, education and above all a total harmonisation with the wider community.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/04/2007 @ 11:33:40, in Italia, visitato 2578 volte)

Insulti omofobi sulla Libreria Babele di Milano
7 aprile 2007

Ieri mattina il titolare Rolando Canzano arriva alla Libreria Babele di via San Nicolao a Milano per l’ora di apertura. Ciò che lo attende sono le vetrine imbrattate di scritte omofobe, i muri segnati dalla violenza e dal razzismo.
«Gay pedofili», «Froci al muro» e anche un più politico «Imma Battaglia t...» campeggiavano in bella evidenza e a dimensioni giganti sulle vetrine della famosa libreria gay milanese. «Un’offesa che ci ha procurato ansia e rabbia- ha commentato a Babilonia Rolando- anche tenendo conto che noi siamo una attività commerci...

continua

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


11/08/2022 @ 23:11:01
script eseguito in 68 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4517 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< agosto 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source