Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 03/05/2006 @ 10:38:32, in Europa, visitato 1559 volte)
Ufficio Centrale dei Rom dal Kosovo

Tel/fax  ++381 11 316 59 25

Mob      ++381 64 26 37 621
e-mail: hbajram1955@yahoo.com

RISOLUZIONE SPECIALE DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA DELLE NAZIONI UNITE PER I ROM DEL KOSOVO

Il 21 aprile 2006 a Belgrado, Bajram Haliti, presidente dell'unione dei cittadini dell'Ufficio Centrale dei Rom dal Kosovo e membro del Parlamento Mondiale dei Rom, ha dichiarato alla TANJUG che è necessario che il Consiglio di Sicurezza dell'ONU operi per la costituzione dell'autonomia della comunità Rom in Kosovo.

Il senso e il contesto basico di questa risoluzione dev'essere l'implementazione di diritti speciali alla comunità Rom, che è anche l'unica e urgente maniera per risolvere il problema della sopravvivenza di questa comunità nella provincia e il ritorno di 120.000 civili dispersi in Serba e in occidente. L'esperienza di oltre sei anni di presenza di maestranze civili e militari delle Nazioni Unite testimonia che la sopravvivenza e il ritorno sono possibili solamente applicando un meccanismo simile all'amministrazione temporanea che è l'articolo 10 della risoluzione 1244 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite (confronta ndr.), applicato all'intera provincia in accordo con la Jugoslavia e che è essenzialmente il modello dell'autonomia.

Con questi obiettivi e contesto, la nuova risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite non dovrà rimpiazzare la risoluzione 1244; lo completerebbe appena con gli articoli che risolverebbero il più grosso problema odierno del Kosovo e Metohia, cioè la protezione dei diritti della minoranza nazionale Rom.

Il rafforzamento della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sarebbe realizzato con la stesura e la ratifica dello statuto di autonomia per la comunità Rom nel Kosovo. Lo Statuto dovrebbe identificare i confini della Regione. L'unica differenza rispetto all'attuale è che i Rom sarebbero ammessi alla trattative e alle cariche pubbliche assieme ai rappresentanti UNMIK, a quelli dell'etnia albanese e che la rappresentanza di Serbia e Montenegro cambierebbe in quella della sola Serbia. [...]

La proposta di autonomia della comunità Rom del Kosovo, dopo adeguata consultazione coi legittimi rappresentanti e di tutte le parti interessate, sarebbe ratificata dal segretario generale dell'ONU.

Tutte le procedure necessarie devono essere sviluppate appena possibile [...] L'adozione e la dichiarazione dello Statuto garantirebbe l'intera comunità Rom del Kosovo, incluso quanti vivono nella Serbia centrale, di vivere liberamente e partecipare alla vita pubblica, non soltanto ai confini della provincia ma in tutto il Kosovo. La partecipazione alle elezioni dei rappresentanti incoraggerebbe i Rom alla partecipazione alla vita pubblica. Questo nuovo capitolo potrebbe aprire una nuova e pacifica pagina nel Kosovo multietnico.

Presidente - Bajram Haliti

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/05/2006 @ 09:46:48, in Regole, visitato 2556 volte)

Ricevo da Alessandro (la presente vale come invito a partecipare):

Cittadinanze Imperfette.
Rapporto sulla discriminazione razziale di rom e sinti (edizioni Spartaco), 2006.

Cittadinanze imperfette sarà presentato dagli autori in occasione della tavola rotonda “Contrastare la segregazione abitativa e l’esclusione sociale di rom e sinti”, 8 maggio 2006, 9.30-13.00, Roma, MACRO

Rom e sinti, quelli che comunemente chiamiamo “zingari” o “nomadi”, sono la minoranza etnico-culturale più discriminata d’Europa (vedi rapporto EUMC, 2005).
Come documentano i numerosi casi riportati in questo volume – il primo rapporto sulla discriminazione razziale di rom e sinti presentato da osservAzione e redatto da Nando Sigona e Lorenzo Monasta – anche in Italia questo popolo è oggetto di discriminazione in molti ambiti, in molti modi e da parte di diversi soggetti, talvolta anche istituzionali. Una discriminazione che si manifesta nella vita di tutti i giorni, nella scuola, sul lavoro e nella negazione del diritto ad un alloggio adeguato, come ha denunciato recentemente il Comitato Europeo per i Diritti Sociali. Una discriminazione che arriva fino al rifiuto di riconoscere ai rom e ai sinti lo status di minoranza nazionale.
I “campi nomadi”, tanto quelli legali quanto quelli illegali, di cui si parla solo quando qualche bambino muore nell’incendio accidentale di una baracca o di una roulotte, sono il risultato di politiche pubbliche razziste che segregano chi è ritenuto irriducibilmente diverso.
Essi sono il luogo dove i diritti dei residenti sfumano, dove la discrezionalità di chi ha il potere diventa la regola, dove la normalità dell’abuso e dell’ingiustizia è tanto palese, estesa e radicata da diventare, dicono gli autori, paradossalmente quasi invisibile.
Nelle politiche pubbliche i rom e i sinti sono assenti, senza voce.
Quello che si vede, con poche importanti eccezioni, nella migliore delle ipotesi, sono simulacri di partecipazione, laddove le decisioni vengono prese da altri referenti in altre sedi. Nella peggiore, invece, rom e sinti sono meri oggetti, nuda vita, da utilizzare come spauracchi per mobilitare elettorati benpensanti e spesso razzisti.

osservAzione - centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti è un'associazione di promozione sociale (ONLUS) impegnata nella lotta contro l'anti-ziganismo e le violazioni dei diritti umani e per la promozione dei diritti di rom e sinti in Italia.

7 MAGGIO 2006
ESC Atelier Occupato
Via dei Reti 15, Roma (San Lorenzo) ore 17.00
GLI ULTIMI INVISIBILI
I ROM ROMENI NELLE CITTÀ ITALIANE

incontro/confronto su esperienze locali e pratiche di azione
Le cronache riportano ormai a scadenza quasi quotidiana episodi in cui sono coinvolti cittadini romeni appartenenti alla minoranza rom. Molto spesso si tratta di notizie inaccurate, quando non false, un alone di mistero avvolge i protagonisti, offrendo gli ingredienti sufficienti per far crescere l'allarme sociale. Un allarme che è oggetto di facile strumentalizzazione a fini politici, soprattutto in tempi elettorali. Le persone di cui si parla in queste cronache vivono frequentemente in condizioni di grande disagio abitativo, vengono in Italia con progetti migratori diversi, cercano lavoro, cercano assistenza, vivono negli spazi che si aprono tra il dettato della legge sull'immigrazione e la sua applicazione. In molte città italiane, i rom romeni sono tra i gruppi che vivono nelle condizioni peggiori, pagano il pegno di essere gli ultimi arrivati, trovano amministrazioni comunali che per anni hanno dichiarato che "il vaso è colmo", che di rom ce ne sono già troppi, che la città non ce la fa ad accogliere, hanno trovato i campi nomadi che erano ancora pieni dei profughi delle guerre balcaniche, dei sinti in perenne attesa di aree di sosta attrezzate e non di parcheggi in cemento, hanno trovato pregiudizi profondi e radicati e una legge sull'immigrazione razzista e sbagliata, che rende le persone precarie nei loro diritti, sfruttate sul lavoro e sempre ricattabili.

PROGRAMMA:
Moderatrice: Francesca Saudino, osservAzione
Introduzione: Nando Sigona, osservAzione
Interventi da: PISA, MILANO, NAPOLI, ROMA, FIRENZE, BOLOGNA
L’incontro è stato organizzato in collaborazione con Africa Insieme (Pisa) e Chi rom e... chi no (Napoli)

8 MAGGIO 2006
MACRO
(museo di arte contemporanea)
Via Reggio Emilia 54, Roma

CONTRASTARE LA SEGREGAZIONE
ABITATIVA E L’ESCLUSIONE SOCIALE DI ROM E SINTI IN ITALIA
tavola rotonda

La tavola rotonda "Contrastare la segregazione abitativa e l'esclusione sociale di rom e sinti in Italia" si prefigge di aprire un dialogo tra organizzazioni internazionali, istituzioni e organizzazioni non governative italiane sulle possibili azioni e strategie da intraprendere per il superamento dell'esclusione sociale di rom e sinti in Italia. La situazione italiana è ormai da un decennio sotto osservazione da parte dell'ONU, del Consiglio d'Europa e dell’Unione Europea che, a più riprese, hanno espresso preoccupazione per le gravi forme di discriminazione di cui sono oggetto rom e sinti in Italia.
L'obiettivo di questo incontro è di avviare un percorso che possa, nel rispetto delle funzioni di ciascuno degli interlocutori, portare al miglioramento delle condizioni di vita della minoranza rom e sinti in Italia.
La tavola rotonda è organizzata dallo European Roma Rights Centre (ERRC) e da OsservAzione - centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti ed è parte del progetto transnazionale "Roma and Sinti Participation for Effective Policy in Employment and Education” finanziato dall'Unione Europea nell'ambito del Community Action Programme to Combat Discrimination.

PROGRAMMA
8 MAGGIO

9:00-9:20 Apertura Claude Cahn, ERRC
Moderatore: Piero Colacicchi, OsservAzione

9:20-10:00 Obblighi e Impegni degli Stati Membri del Consiglio d’Europa nell’ambito del Diritto alla Casa. Violazioni dei Diritto alla Casa contro Rom e Sinti in Italia
Mr Jean-Michel Belorgey, Presidente del Comitato Europeo per i Diritti Sociali
Mr Henry Scicluna, Coordinatore delle attività a favore di rom e sinti presso il Consiglio d’Europa

10:00-10:30 Risposte Istituzionali alla Segregazione di Rom e Sinti
Dott. Renato Fedele, Dirigente presso il Dipartimento Affari Regionali, Presidenza del Consiglio dei Ministri.

10:30-10:50 Discussione

10:50-11:05 Pausa Caffè

11:05-11:25 Esclusione e Discriminazione dei Rom e Sinti in Italia. Presentazione di “Cittadinanze imperfette. Rapporto sulla discriminazione razziale di rom e sinti in Italia”

Nando Sigona e Lorenzo Monasta, OsservAzione

11:25-11:45 La Collocazione dei Gruppi Rom e Sinti nel Sistema Giuridico Italiano
Prof. Alessandro Simoni, EU Network of Independent Experts on Fundamental Rights

11:45-12:05 Strumenti Legali per Combattere la Discriminazione Razziale
UNAR – Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale

12:05-12:30 Discussione

12:30-12:50 Riepilogo e Conclusioni
Savelina Danova, ERRC

13:00-13:30 Conferenza Stampa

Per ulteriori informazioni e contatti: info@osservazione.org - www.osservazione.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/05/2006 @ 09:15:22, in Italia, visitato 1721 volte)

In via Idro stiamo "smazzandoci" la campagna elettorale milanese almeno da febbraio; tutto è iniziato con grande entusiasmo, ma il rischio è di arrivare al momento cruciale con le gambe molli e finire fregati in volata.

Come si ragionava un po'di tempo fa, ci sono due difficoltà:

  • in periodo elettorale non si trova nessuno che ti dica di no, in compenso ogni incontro, ogni discussione, dev'essere pietita con telefonate interminabili, agende impossibili, poca voglia di impegnarsi;
  • i partiti e le liste da una parte si uniscono, dall'altra hanno una paura folle che uno rubi i voti all'altro. Così ognuno viaggia per conto suo.

Non so se nel resto d'Italia è così, questo è il clima che si respira a Milano (nessuna sorpresa se qui il centro destra governa dal tardo medioevo!)

Le prospettive per il mese di maggio sono ancora individuare degli interlocutori affidabili al Comune e in Provincia, e nel contempo ottenere il favore delle tante forze che si riconoscono nello schieramento dell'Unione.

Tre facce, un unico programma:

da sinistra, Dijana Pavlovic, candidata al Comune per la Lista Fo; Antonio Braidic (Lisse), comitato elettorale di via Idro; Casavola Fabrizio, candidato al Consiglio di Zona 2 per l'Ulivo

Puntate precedenti:
uno
due
tre
quattro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/05/2006 @ 10:52:39, in Kumpanija, visitato 1760 volte)

Ospitalità: pubblicato su iLand Diary Page

Un paio di giorni fa, mi trovavo in un villaggio di tessitori a Kancheepuram, oltre 800 case. Continuando a parlare con loro, ho scoperto che tutti hanno dei problemi a parlare di loro e tendono a cambiare il discorso. La vita dei tessitori in India non è facile, forse neanche da altre parti del mondo; non lo so. Mi hanno detto che se lavorassero per un mese e mezzo, potrebbero tessere al massimo tre sari e che vendendoli a un negozio privato, riceverebbero solo 1500 rupie.

Hanno raccontato di come la vita per loro sia difficile, come sia impossibile mandare i bambini a scuola o realizzare i loro sogni. La figlia di un tessitore, Jayakumar, voleva studiare Commercio al college, suo figlio voleva fare l'istituto superiore di ragioneria, ma Jayakumar non ha soldi per mandarli a scuola. Ed entrambe i ragazzi erano bravi studenti.

Mentre stavamo per andarcene, d'improvviso è apparso Sudarshan , il figlio di Jayakumar, con alcune bibite fresche da un negozio lì vicino. La persona che si lamentava perché non aveva soldi, voleva offrirci qualcosa di fresco da bere. Ho protestato dicendo che non era necessario.

Ma non ha voluto ascoltare: "Siete nostri ospiti. Venite da Chennai e non possiamo lasciarvi andare senza niente. Sappiamo quanto è caldo. Per favore, bevete una bibita fresca. E visto che è la prima volta che arrivate a casa nostra, permettiate che offriamo qualcosa."

L'episodio mi ha riportato a un altro fatto capitatomi alcuni anni fa. Dovevo scrivere sui Narikkuravas di Chennai (per saperne di più: 18/04/06). I Narikkuravas raccolgono materiale dalle discariche e poi vendono collane, cinture ecc. Vivono in condizioni patetiche e nella povertà più nera. Ma ne hanno fatto una questione di principio di trovarmi una sedia, spolverarla e farmi accomodare, offrirmi dell'acqua fresca e delle noccioline. Non ho avuto il cuore di rifiutare, perchè avrei offeso i loro sentimenti.

Anche allora, stavo per andare e mi hanno offerto una coppia di collane lavorate in regalo. "Non posso accettare un regalo" ho detto loro. "Sei venuto in casa nostra, hai parlato con noi. Devi accettarlo come donato col cuore". Insistettero. Alla fine, li ho convinti ad accettare del denaro, rispondendo: "Voi le vendete, non posso accettarle gratuitamente." Devo dire che mi hanno mostrato un caldo affetto ed ospitalità.

Un altro caso che mi ricordo ancora fu durante un rally elettorale a Marina Beach. Era molto tardi e la spiaggia era affollata dalla folla che ascoltava gli oratori. Una donna vendeva degli idlis caldi (vedi). Mi sono seduto lì vicino e abbiamo parlato dei suoi affari e dei discorsi che si sentivano. Quando stavamo per andarcene, ha insistito perché io e il fotografo accettassimo i suoi idlis. "E' come se foste miei ospiti. Accettateli in segno del mio amore." Ho dovuto faticare a spiegarle che ero lì apposta per parlare con la gente!

Quando faccio dichiarazioni simili, sembrano tratte di peso dalla sceneggiatura di un film di Bollywood, o posso apparire come un personaggio da commedia, ma è la verità sulla mia esperienza. Ho scoperto che più la gente è povera, più desidera mostrarsi ospitale. Considera suo dovere accontentare l'ospite, anche se questo significa spendere i propri sudati risparmi.

Questo tipo di amore ed ospitalità, mi spiace dirlo, non l'ho trovato nelle case dei ricchi. Mi sono recato da ricchi sportivi o star del cinema, e alcuni di loro non ti permettono neanche di fermarti sotto la veranda. Lo scopo delle visite era lo stesso: intervistarli. Gli uni mi hanno trattato con amore, gli altri con distacco ed arroganza!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/05/2006 @ 00:28:56, in Italia, visitato 1457 volte)
Un gustoso articolo da Il Giornale, con romani e turisti che ancora non hanno imparato come si fa una fila ordinata, e il comune non sa mettere assieme pensiline e transenne. Nell'arte di arrangiarsi gli italiani perdono contro i Rom...

«Non ci possiamo credere, ma è così. Abbiamo visto gli zingari fare il servizio d'ordine alla Stazione Termini per le file d'attesa ai taxi». È questa la denuncia dell'Aduc (Associazione per i diritti degli utenti e consumatori). «Il problema - spiegano dall'associazione - nasce con lo spostamento dell'area di sosta di taxi dal bordo del corridoio pedonale coperto, alla grande tettoia sporgente della stazione, dove c'è il solo cartello taxi ma non ci sono transenne per disciplinare la massa di utenti alla caccia del prima auto pubblica disponibile».
«La fila all'inglese - continua Aduc - non appartiene alla nostra tradizione, così per dare un ordine ai passeggeri sono intervenuti i rom che regolano il traffico del'utenza, con richiesta di un obolo. Come alle fermate dei semafori ci sono gli extracomunitari lavavetri così alla Stazione Termini, la più grande e importante della capitale, ci sono gli zingari regolatori». «Anni fa, quando fu risistemata la piazza antistante Termini - spiegano dall'Associazione - rilevammo che la pensilina coperta per i pedoni non tutelava i tassisti che dovevano sostare sotto il sole o la pioggia. Finalmente qualcuno l'ha capito».
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


15/08/2020 @ 17:50:00
script eseguito in 48 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 33 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< agosto 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
14/07/2020 @ 08:05:30
Di FRANCO
Testimonianza su come è stata trasformata la mia v...
20/06/2020 @ 17:12:08
Di Giulia Chiara
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source