Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 02/05/2012 @ 09:34:08, in Europa, visitato 1270 volte)

ombre corte


Andrea Mochi Sismondi
Confini diamanti
Viaggio ai margini d'Europa, ospiti dei rom
pp. 254
€ 20,00
isbn 978-88-97522-21-8

il libro
Sutka, in Macedonia, è l'unica Municipalità al mondo in cui i rom sono in maggioranza. Hanno un loro Sindaco e un loro canale televisivo. Una coppia di italiani si imbatte nella comunità, si trovano a camminare per i suoi vicoli dissestati con il fiato sospeso, si sentono ridicoli e fuori luogo spingendo a fatica il loro passeggino Chicco con gli occhi sgranati. Eppure decidono di tornare. Per viverci. Insieme al loro bimbo ribaltano il rapporto: come migranti al contrario si fanno stranieri tra chi ovunque è straniero. Questa inversione permette loro di partecipare alle lunghe discussioni tra i membri della comunità, seguirne i rituali, confrontare i paradigmi, cercare di capire, fino a essere sostanzialmente adottati da una famiglia rom. L'autore racconta in prima persona l'evolversi di questo percorso, il progressivo svelarsi davanti ai suoi occhi di quella human network che da Sutka si dirama in tutta Europa lungo le strade dei familiari partiti. Incontro dopo incontro, i preconcetti portati inconsapevolmente dall'Italia - buonisti o razzisti che siano - sbattono contro la realtà, dimostrandosi insufficienti a comprendere la complessità di ciò che si mostra. Ciò che traspare è un'opzione aperta: la possibilità di concepire l'esistenza individuale, la pratica politica e la stessa Storia in un altro modo. Un modo diverso, che non nasconde le sue contraddizioni e le sue miserie, ma evoca potenzialità spesso inespresse o in molti modi tarpate.

l'autore
Andrea Mochi Sismondi (1977) lavora come attore e drammaturgo. Parallelamente collabora allo sviluppo di forme innovative di comunicazione pubblica con il Forum della Pubblica Amministrazione di Roma. Ha trattato il tema dei rom e dell'identità europea negli spettacoli - scritti con Fiorenza Menni - Comune Spazio Problematico e Hello Austria. Europa 2011.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/05/2012 @ 09:37:40, in lavoro, visitato 1796 volte)

Da Hungarian_Roma

Reuters By Marton Dunai
Budapest, 24/04/2012 - Se pensate che le parti riproduttive del suino non possano finire nel menu di un ristorante chic, ripensateci

Per un ristorante aperto di recente nella capitale, le tube di Fallopio, da secoli consumate solo dalla minoranza rom del paese, sono davvero una prelibatezza.

Il ristorante, nascosto in una zona gentrificata dell'area interna di Budapest, in un edificio centenario e fatiscente, va sotto il nome di Romani Platni, che in lingua romanì significa stufa rom.

Parte sede del ristorante e parte esperimento sociale, intende aprire la cucina rom agli Ungheresi, ed aprire gli Ungheresi ad una migliore comprensione dei Rom, che sono stati fraintesi e discriminati per generazioni.

Strano lavoro intestino che intende sfidare percezioni radicate, dice Sandor Orsos, 36 anni, che guida il progetto.

"Abbiamo cercato con grande impegno di evitare gli stereotipi e cucinare come faceva mia nonna," ha detto di recente, mentre cucinava per 16 coperti. "Si pensa che la gente fugga urlando sentendo parlare di ovidotti (tube di Fallopio). Ma un gruppo è tornato appositamente per quel piatto."

Così ce l'hanno fatta. Richieste ad un macellaio di fiducia e ripulite, le tube sono state cucinate con aglio, poi tagliate a pezzetti e fritte con pancetta sin quando non si arricciano.

"E' nutriente come il maiale, ed ha un sapore squisito," dice Orsos. "La consistenza ricorda il pollo; io non sono un grande mangiatore di maiale, ma questo piatto mi piace molto."

Il cibo è un modo come un altro di comprensione culturale, e mentre la gente viaggia in paesi esotici e rinuncia ai propri costumi per avvicinarsi a cucine poco conosciute, hanno conoscenza zero o quasi  dei loro vicini, continua.

Romani Platni intendeva favorire ciò a livello locale. Ha aperto lo scorso febbraio grazie ad un piccolo contributo dell'Open Society Institute, ad un  gruppo di volontari e ad una mezzo dozzina di romnià locali in cucina.

Tramite il suo recente blog, Orsos ha invitato un gruppo selezionato di amici e amanti dell'eno-gastronomia per un primo pranzo, e per segnalare la cosa ai media. Dice che avrebbe servito cena ogni sera che il posto, un centro giovanile convertito con una piccola cucina, con pochi tavoli e una libreria, fosse stato pieno.

L'idea è decollata più velocemente di quanto chiunque, organizzatori compresi, avesse previsto.

Le cene settimanali di Romani Platni vengono prenotate con un mese d'anticipo, e hanno avuto così successo che Orsos ha cominciato ad accarezzare l'idea di tenere aperto tutti i giorni.

CAVOLO RIPIENO, MAIALE A PEZZI

"La gente è molto contenta di questi piatti," dice la capo-cuoca Malvin Nemeth, o zia Malvina, una piccola romnì di 60 anni con un sorriso pieno di rughe ed una voce arrocchita da decenni di sigarette a catena. "Prima abbiamo iniziato con cavolo ripieno, braciole di maiale con pomodoro e peperoni, e patate hanuska (gnocchetti)."

Hanuska è ancora in menu, e zia Malvina torna a bagnare le patate grattugiate e le pepite di farina in grasso d'oca e cipolla fritta: uno stomaco pieno apre il cuore, dice.

"I miei vicini avevano l'abitudine di venire a chiedermi, zia Malvina, cosa stai friggendo?" dice. "Facevo assaggiare, ed eravamo amici. Eravamo buoni vicini... Questi (gli ospiti), non conoscono la cucina zingara, ma sono (anche) curiosi su cosa è."

Nel menu di sabato c'erano verdure al vapore con maiale affumicato, hanuska con braciole di maiale all'aglio (Ganca), e pasta fritta nel burro e servita con mollica di pane vanigliato e pesche al miele cristallizzato.

"Il cibo rom è molto semplice e pulito," dice Orson. "Oggi bio è sulla bocca di tutti , ed il nostro menu lo è di sicuro. Per i rom è sempre stato così: uscire per boschi, prendere qualcosa di selvatico, friggerlo e mangiarlo col pane.

"Roba semplice, nutriente, non troppo piccante. Le spezie sono costose ed i Rom sono sempre stati troppo poveri per usarle."

Quando i clienti arrivano, Orsos mette musica rom dal suo smartphone, ed il locale si riempie improvvisamente di allegria, calore e tranquilla curiosità.

Aspettavo un'iniziativa simile da tempo," dice Nora Szabolcsi, 33 anni, esperta di finanza.

"Ho convinto i miei amici, che c'era qualcos'altro oltre alla musica di cui i Rom potessero andare orgogliosi. Inoltre, mi piacciono le braciole di maiale. Le verdure al vapore potrebbero essere un rischio, staremo a vedere.

A metà pasto, sorridente alza il pollice, e gli altri ospiti, alcuni dei quali si erano portati il vino da casa, poco a poco si rilassano. Il chiacchiericcio cresce. Qualcuno prende un assaggio delle sue braciole di maiale.

"Per la maggior parte del pasto li lasciamo da soli," dice Orsos. "Poi gli ospiti vengono e spesso chiacchierano con le donne che hanno cucinato. Chiedono le ricette e si complimentano, alla fine vanno a casa. Raramente è una faccenda lunga."

Non è molto, aggiunge. Ma è un inizio.

(Reporting by Marton Dunai, editing by Paul Casciato)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/04/2012 @ 09:39:18, in Kumpanija, visitato 1225 volte)

Da Roma_Daily_News

Mykawartha.com Presentazione della storia degli zingari del luogo. L'istallazione sulle Storie Dimenticate dell'artista JoEllen Brydon: gli zingari a Bethany nel 1909

[...] (BETHANY) Grazie ad Hollywood, la maggior parte della gente vede gli zingari come romantici lettori di sfere di cristallo o ladri criminali. La premiata artista JoEllen Brydon sa che non è così.

L'arte della residente di Mount Pleasant racconta le storie delle persone che incontra - amici, vicini, stranieri - delle radici dei suoi antenati a County Tyrone, Irlanda del Nord, e della gente nelle amate Cavan hills.

Nei suoi lavori ha anche ritratto con uno sguardo unico gli zingari, che verranno presentati durante l'incontro annuale della Manvers Township Historical Society, sabato 21 aprile nella sala da tea di Laura a Bethany.

La presentazione mette in mostra la sua installazione su larga scala, Storie Dimenticate: Gli zingari nel 1909, illustrata con immagini dei suoi dipinti e con fotografie storiche.

[Alcuni zingari] presero parte ad una migrazione di massa in Nord America alla fine del 1800 ma non ricevettero un caldo benvenuto, nota la signora Brydon. Forestieri dalla strana lingua, spesso venivano cacciati dai negozi, anche quando avevano i soldi. Molti furono costretti a rubare, aggravando la loro "cattiva reputazione".

Un gruppo poi emigrato negli USA ed in Messico, si trovò a passare la frontiera a Sault Ste. Marie, arrivando alle Kawarthas nelle 1909.

"Inizialmente finirono a Bobcaygeon," dice la signora Brydon, notando che presto venne chiesto loro di andarsene, e allora presero la strada per Peterborough.

Le autorità li intercettarono a Fowlers Corners. Gli uomini vennero arrestati. Donne e bambini si accamparono a Morrow Park mentre gli uomini andavano in tribunale. In seguito il gruppo lasciò Peterborough, seguendo la ferrovia e la linea del telegrafo verso Pontypool, dove si sistemarono in un grande insediamento in quella che oggi è Telecom Road. Brydon non saprebbe niente di tutto ciò, se non avesse trovato una foto nell'archivio del museo di Peterborough. Volendo saperne di più, si rivolse ai giornali. Alla fine contattò Ronald Lee, Rom di nascita, autorità sulla cultura rom ed oggi professore in pensione dall'università di Toronto.

"C'è voluto un anno per mettere tutto assieme," dice Brydon, che ha molto apprezzato il suo aiuto. "E' stato così interessante. C'è stata una grande copertura mediatica. Raramente si vede qualcosa emergere in questa maniera."

Lee  ha poi introdotto Brydon ad alcuni dei discendenti di quel gruppo sotto assedio.

Lei poi sviluppò l'installazione su larga scala che include 22 dipinti.

Brydon spera che quanti parteciperanno all'evento possano ottenere una migliore comprensione dei Rom.

"Ho imparato tutto. Prima del progetto non sapevo niente," dice. "Spero che la gente possa avere una migliore comprensione del mio lavoro e della cultura rom."

[...] Il sito di JoEllen Brydon.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/04/2012 @ 09:24:07, in media, visitato 1640 volte)

Stranieriinitalia.it VENERDĚ 27 APRILE 2012

I carabinieri mettono i sigilli a un’emettente di Scandicci. Indagato il proprietario e un collaboratore per le sparate su rom ed extracomunitari

Roma – 26 aprile 2012 - "Zingari che campano rubando'', stranieri che meritano ''una scarica di botte'', perchè ''vengono a romperci i ...''.

Č con frasi come queste che Guido Gheri, consigliere comunale a Scandicci per la lista civica di destra Voce al Popolo, animava una trasmissione della sua Radio Studio 54. Ieri carabinieri della cittadina toscana hanno sequestrato le apparecchiature dell’emettente, il cui patron, insieme a un collaboratore è indagato dalla procura di Firenze per istigazione all’odio razziale e diffamazione.

Tutto è nato da una denuncia di un x collaboratore, conduttore di una rubrica sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, che una volta andato via dalla radio è stato offeso e deriso più volte nel corso delle trasmissioni. Alcuni ascoltatori avevano chiesto poi l’intervento della magistratura dopo le sparate contro rom ed immigrati andate in onda tra gennaio e aprile 2011.

"Sono accuse false, completamente infondate" sostiene Gheri."Io faccio parlare tutti, faccio parlare il popolo. Siamo di fronte al primo caso in Italia di radio chiusa perche' ospita una trasmissione, la mia, che va contro il sistema, non importa se di destra o di sinistra". Il suo avvocato, Paolo Florio, liquida le battute incriminate come "frasi grossolane, che non sono state dette con l'intenzione di istigare l'odio razziale nè con spirito razzista".


Sembra che non manchi mai qualcuno che confonde le "scariche di botte" con la libertà di pensiero...

Gonews.it CasaPound: "Il sequestro di Radio Studio 54 è eccessivo. E' una voce libera in una zona asservita a una parte politica" 26/04/2012 - 18:14

"Se è stato commesso un reato ne dovrebbe rispondere soltanto le persone che hanno violato la legge e non un'intera struttura fatta di persone che lavorano onestamente"

CasaPound Italia Firenze esprime la propria solidarietà a Guido Gheri e a tutti i collaboratori di Radio Studio 54 per il provvedimento di sequestro delle apparecchiature di trasmissione da parte dei Carabinieri.

"Riteniamo il provvedimento di sequestro a dir poco eccessivo", specifica in una nota il Direttivo di CasaPound Italia Firenze, "nei confronti di una radio che si è distinta in questi anni per essere sempre stata una voce libera in una zona geografica generalmente asservita ad una parte politica".
"Ci chiediamo", prosegue la nota di CPI Firenze, "se Radio Studio 54 dava troppo fastidio in una terra, la Toscana, che qualcuno sostiene essere la terra del libero pensiero. Ci chiediamo, altresì, se tale libertà valga solo per certe radio e non per altre".
"Se, e ribadiamo il 'se', è stato commesso qualche reato", termina CasaPound Firenze, "ne dovrebbero rispondere soltanto le persone che hanno violato la legge e non un'intera struttura fatta di persone che lavorano onestamente per portare a casa uno stipendio. Ribadiamo la nostra solidarietà a Guido Gheri e a tutti i suoi collaboratori".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/04/2012 @ 09:52:10, in Italia, visitato 1296 volte)

Nell'ambito della terza edizione della festa "via Padova è meglio di Milano", il polo di via Idro proporrà due giorni all'insegna di vari aspetti della cultura e della vita dei Rom, col contributo di artisti, cantanti, musici, scrittori e vari testimoni.

Per finanziare le varie attività, siete invitati ad una
CENA DI SOTTOSCRIZIONE
che si terrà lunedì 7 maggio alle ore 20.00 presso
enoteca '70 Café LIGERA via Padova 133, MILANO

Proporremo ai vostri palati:
Antipasti

  • Hummus
  • Tabulè
  • Salumi e formaggi vari

Primi

  • Lasagne di carne e per vegetariani
  • Gnocchi alla romana

Secondi

  • Spezzatino con contorno

 

  • Torte dolci e salate

 

  • Vino e bevande

Durante la cena verranno presentate le attività proposte nei due giorni della festa "via Padova è meglio di Milano.

Contributo richiesto: 20 euro. Prenotazione necessaria: telefonare 347 717.96.02 oppure scrivere info@sivola.net

PS: se qualcuno volesse contribuire, in qualsiasi modo, alla riuscita della cena, ci si trova mercoledì 2 maggio, alle 18,15 presso l'ENOTECA LIGERA, via Padova 133, per definire gli ultimi particolari,  oppure scrivere info@sivola.net.

Grazie per l'attenzione E BUON APPETITO

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/04/2012 @ 09:12:43, in Europa, visitato 2091 volte)

Da Czech_Roma

Analisi: l'estrema destra ceca odia gli immigrati - tranne quando può usarli contro i Rom - Praga, 21.4.2012 21:16, (ROMEA) L'organizzatore della manifestazione [...] a Břeclav, Erik Lamprecht (...), qui con Jiří Dudák e altri neonazisti moravi. Il saluto nazista è prassi comune. Photo: Antifa.cz - František Kostlán, translated by Gwendolyn Albert

Non ci sono dubbi che il Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori (Dělnická strana sociální spravedlnosti - DSSS) e relativi affiliati, la Gioventù Lavoratrice (Dělnická mládež - DM), siano nella Repubblica Ceca una forza politica contro immigrati, migranti e rifugiati. Anche se il partito ha condotto per anni una campagna d'odio contro i migranti, ora ha deciso di fare un uso propagandistico di una famiglia ucraina a Břeclav, sfruttando le loro recenti disgrazie per fomentare l'odio contro i Rom nel loro complesso. Domani DM ha intenzione di manifestare a Břeclav, assieme al DSSS.

Negli ultimi anni, DM e DSSS hanno fatto innumerevoli dichiarazioni d'odio su immigrati e richiedenti asilo. Diamo uno sguardo a qualcuno degli esempi più estremi.

"La nostra bellissima terra ceca è stata sommersa da un'onda distruttiva di immigrazione che sta distruggendo quanto qui c'è di bello. Non intendiamo tollerare questo schifo," ha detto Vandas in uno dei suoi comizi. La registrazione della dichiarazione è stata ripresa da TV Nova nel suo notiziario del 18 aprile.

Settimana scorsa Vandas ha telefonato a Oxana Živačovská, , madre del quindicenne Piter (la forma ucraina del ceco Petr), assalito e ferito a Břeclav domenica scorsa. Vandas le ha assicurato che il DSSS avrebbe dato appoggio alla sua famiglia. Živačovská - che non ha idea di cosa sia il DSSS - e suo figlio sono Ucraini. Lei lavora come interprete e traduttrice, in tribunale e altrove.

Il programma politico del DSSS non è favorevole ai migranti, ed afferma: "Non vogliamo un paese pieno di immigrati, migranti dagli stati dell'ex Unione Sovietica, dai Balcani, dall'Asia, dall'Estremo Oriente, ecc. L'asilo politico o i permessi di soggiorno dovrebbero essere garantiti solo a quanti incontrano criteri di qualità morali e conoscenze professionali, persone che si presume possano adattarsi agli usi e tradizioni nazionali dei cittadini della Repubblica Ceca, persone per cui ci sia garanzia che si assimileranno totalmente nella società maggioritaria."

Robin Siener, del partito neonazista tedesco NPD, con cui Vandas coopera strettamente,riguardo ai migranti l'anno scorso a Brno durante la manifestazione del DSSS del 1 maggio, ha detto: "Guardiamo alle grandi città europee, dove le donne sono violentate nel centro delle piazze... dove questa spazzatura umana può commettere crimini senza che la popolazione locale intervenga... Quando finalmente la nazione riceverà i suoi diritti?... Mandiamo il nostro sangue in Libano, Iraq o Afghanistan, ed in cambio riceviamo spazzatura umana a cui nessuno è interessato... Chiedo ad ognuno di voi, sino a quando durerà tutto ciò prima che prenderemo torce e bastoni ed inseguiremo chi ci opprime, per rispedire la loro spazzatura umana fuori dalla fortezza europea, da dove vengono? Sarebbe meglio se li rimandassimo subito in Israele o negli USA con un  biglietto di sola andata... Ci sono solo due cose che ci separano, il confine e la lingua, nient'altro..."

Vandas ed i suoi compagni di viaggio vennero condannati a novembre 20101 dal tribunale cittadino di Brno, per i loro discorsi razzisti e xenofobi contro i migranti. Quando Vandas era presidente del recentemente disciolto Partito dei Lavoratori (Dělnická strana - DS), durante il corteo del 1 maggio a Brno parlò di "onda distruttiva di immigrati, uno tsunami che sta inondando la nostra bella terra ceca e distruggendo tutto ciò che abbiamo di caro." Venne condannato, sentenza poi sospesa, per aver diffamato una nazione, incitando all'odio e sostenendo il neonazismo.

Nella stessa manifestazione, il vice presidente DS Jiří Štěpánek disse: "In molte professioni gli stranieri hanno rovinato gli stipendi, dato che oggi un Ceco viene assunto col medesimo salario di uno appena arrivato dalle trincee... Chi sta lavorando oggi nelle grosse fabbriche? I Cechi? No, soltanto stranieri che continuano ad aumentare la somma dei crimini commessi. Non dimentichiamo le malattie che queste orde dalle steppe portano con loro... Possiamo vederlo con l'esempio dei Vietnamiti come sarà il paese quando comanderanno loro. Quella comunità, cercando di evitare di pagare le tasse, si è data allo spaccio di droga. Stanno iniziando a coltivare marijuana su larga scala ed a venderla qui, ma non ai loro figli, che vengono mandati all'università, ma ai bambini cechi. Stanno creando qui una sorta di ghetto vietnamita e non sono lontani i tempi in cui i Vietnamiti cacceranno dal lavoro la nostra gente... la nostra gente è da sola... Hanno la sfortuna di essere bianchi qui."

DM sta organizzando una manifestazione a Břeclav "contro la violenza". Questo violento gruppo militante di giovani del DSSS è attualmente presieduto da Erik Lamprecht, che ha già un notevole curriculum come ex presidente dell'organizzazione Zbelo (Ultra Bianchi). Come riportato dal sito Anti-Fascist Action, Lamprecht iniziò la sua carriera come hooligan di calcio, ed ora è attivista della neonazista Resistenza Nazionale (Národní odpor - NO) a Brno. Inoltre ha recentemente organizzato la manifestazione neonazista di Jihlava.

Il sito Antifa.cz riferisce per la prima volta di Lamprecht a maggio 2010, come compagno di viaggio di un altro significativo neonazista moravo, Jiří Dudák. Nel profilo di Dudák pubblicato sul sito, ci sono fotografie di lui assieme a Lamprecht, ed anche foto di Dudák col veterano della divisione SS Liebstandarte Adolf Hitler, Herbert Schweiger. Lamprecht è in contatto attivo con la scena neonazista tedesca, soprattutto con la struttura del NPD in Sassonia. (Dettagli e foto in questo articolo, solo in ceco).

Vandas ha presieduto tanto il DSSS che il suo predecessore, il DS, che nel 2007 fondò uno "Squadrone Protezione". Questo squadrone, oltre a convocare ufficialmente gli eventi di partito, monitorava i "problemi con gli immigrati". "Di sicuro non intendono provocare paura per le strade, sono solo dei giovani che vogliono contribuire a risolvere la triste situazione in alcune delle aree di crisi, come pure l'afflusso degli immigrati", disse allora Vandas ai media. "Squadrone Protezione" è la traduzione dal tedesco Schutzstaffel, o SS, il nome dato dai tedeschi alle loro forze armate più sadiche.

La Corte Amministrativa Suprema sciolse il Partito dei Lavoratori nel febbraio 2010. Il tribunale trovò che l'ideologia, il programma ed i simboli del partito includevano elementi sciovinisti e xenofobi, ed anche tracce di razzismo. La sentenza diceva che il partito incitava all'odio e lottava per una trasformazione radicale dell'ordine democratico. Secondo il verdetto, il partito intendeva creare artificialmente la sensazione che stranieri e immigrati rappresentassero una minaccia per gli altri. La decisione del tribunale assegnava al partito il suo vero nome: "Il nazionalsocialismo del Partito dei Lavoratori sta portando avanti l'eredità del nazionalsocialismo di Hitler, vale a dire, il neonazismo."

Miroslav Mareš, un esperto di estremismo che in precedenza aveva lavorato in questo settore come perito in tribunale, scrive quanto segue nel suo studio "Movimenti neonazisti Cechi" (2011): "La retorica anti-stranieri e anti-immigrati viene di fatto mantenuta dal partito successore del DS, il Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori (DSSS). I rappresentanti del DSSS non hanno mai preso le distanze dalle dichiarazioni precedenti - anzi, hanno fatto l'opposto. Nel 2010, per esempio, il DSSS si è profilato come un partito di resistenza alla comunità vietnamita nel quartiere praghese di Libuše, arrivando ad installare una milizia in loco. Tale cruda retorica anti-immigrati era in grado di mobilitare membri e simpatizzanti del partito a commettere eccessi."

Si può essere d'accordo con questa sintesi. Naturalmente, vale sin quando gli immigrati e i migranti non possano essere usati per incitare ad una campagna d'odio contro i Rom. Vandas ed i suoi camerati non saranno mai soddisfatti per la pura condanna di un crimine specifico. Sfrutteranno ogni situazione simile, per sposare la colpevolizzazione collettiva dei Rom, e per spargere disinformazione, generalizzazioni e menzogne.


Aggiornamento, sempre da Czech_Roma

Břeclav, 25.4.2012 18:30, (ROMEA) - Il discorso di Tomáš Skyba alla manifestazione a Břeclav, 22 aprile 2012 - ryz, translated by Gwendolyn Albert

Nella riunione di domenica scorsa a Břeclav, ufficialmente come manifestazione "contro la violenza" ed in solidarietà ad un quindicenne brutalmente aggredito da tre uomini, uno degli oratori era Tomáš Skyba, violento razzista già condannato in passato e vicepresidente della Gioventù Lavoratrice (Dělnická mládež - DM). Alla riunione hanno preso parte circa 2.000 persone. Gli autori dell'aggressione sono stati identificati dalla stampa come Rom, ma non ci sono stati ancora arresti.

La maggior parte dei manifestanti ha finito per tenere una discussione piuttosto burrascosa col sindaco Oldřich Ryšavý (Socialdemocratici - ČSSD) sui gradini d'ingresso del municipio. Una pafrte più piccola della folla ha ascoltato i discorsi degli estremisti di destra del DM e del Partito della Giustizia Sociale dei Lavoratori (Dělnická strana sociální spravedlnosti - DSSS), che hanno parlato da un podio organizzato dagli amici del quindicenne. Si può vedere QUI (solo in ceco) mezzora di registrazione della manifestazione, che si è trasformata presto in una protesta anti-Rom.

Skyba ha fatto un discorso ai manifestanti di DM. Un anno fa, il tribunale regionale di Zlín lo condannò a cinque anni di libertà vigilante, dopo che aveva preso a calci in testa e senza ragione una persona di 62 anni, fuggendo poi e lasciando la vittima svenuta in una pozza di sangue. All'inizio del processo, Skyba me3ntì in tribunale dicendo di non aver commesso il crimine, confessando solo dopo un'ora di interrogatorio.

L'aggressione ebbe diversi testimoni. "Stavamo scegliendo da mangiare, quando vidi qualcuno spingere l'uomo a terra e poi prenderlo a calci in testa, gli saltò addosso diverse volte e lo picchio con un ombrello," disse un testimone.

Anche se Skyba avrebbe potuto finire in prigione per 12 anni, gli venne garantita la libertà vigilata. Al momento del verdetto, il giudice disse che la sospensione condizionale della pena era un ultimo avvertimento: "Se andrà ancora in contrasto con la legge, la corte non concederà più compromessi." Skyda aveva già avuto diversi problemi legali in precedenza. A 17 anni gli venne data la sospensione condizionale della pena, dopo aver aggredito uno studente dello Sri Lanka. Era già stato arrestato diverse volte - una volta durante una manifestazione del Partito Operaio, una volta per guido in stato di ubriachezza ed un'altra quando la polizia lo trovò ubriaco mentre spaccava i finestrini delle macchine parcheggiate. Allora il tribunale gli impose di sottoporsi a cure contro l'alcolismo.

Gli amici del ragazzo aggredito probabilmente hanno condiviso il podio con Skyba per pura ingenuità. In una discussione in Facebook sulla piccola Natálie, la bimba rom quasi bruciata a morte con tutta la famiglia in un assalto incendiario a Vitkov nel 2009 (vedi QUI ndr), Skyba scriveva: "Le regalerei una lattina di Zyklon B per Natale."

Non ci sono dubbi che il DSSS e la sua propaggine, il DM, sina una forza politica volta contro immigrati, migranti e rifugiati. Anche se il partito ha condotto per anni una campagna d'odio contro i migranti, la famiglia ucraina di Břeclav il cui figlio è stato ferito, serve ora i suoi interessi, per sfruttare le loro disgrazie nel fomentare sentimenti anti rom.

Paradossalmente gli estremisti del DM ed i neonazisti hanno chiaramente espresso la loro opinione sugli stranieri durante la manifestazione di Břeclav. Nel corteo tornando dalla piazza alla stazione, sono risuonati più volte gli slogan "La Boemia ai Cechi" e "Nient'altro che la nazione".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/04/2012 @ 09:31:25, in Italia, visitato 1375 volte)

ArcipelagoMilano.org 24 APRILE 2012 DI CLARA AMODEO

Oggi il futuro dei Rom è in un calice di vino rosso.

Č il 2010 quando la giunta Moratti decide di dare il via a una serie sistematica di sgomberi delle famiglie Rom nell'ex campo informale di via Rubattino, impedendo di fatto ai ragazzi che lo abitavano di proseguire il percorso di inserimento scolastico iniziato nel 2008 attraverso la mediazione culturale della comunità di Sant'Egidio e il sostegno economico dell'associazione dei genitori. Ma diversi abitanti del quartiere non ci stanno e decidono spontaneamente di intervenire: dopo aver contattato Intergas, rete di Gas (Gruppi di acquisto solidale) di Milano e averne ricevuto la collaborazione, le due realtà cittadine danno i natali al progetto "I vini R.O.M. – Rossi di Origine Migrante", un'offerta di tre qualità di vini rossi toscani provenienti dall'associazione autogestita di volontariato Fuorimercato che tra il 2010 e il 2011 vende il proprio nettare durante varie kermesse di consumo solidale, tra le quali l'importante fiera meneghina degli stili di vita sostenibili "Fa' la cosa giusta!". I risultati di tale operazione, conclusasi pochi giorni fa, si materializzano nella vendita di circa 2.300 bottiglie di vino per un ricavato totale di € 9.500: la cifra è stata divisa in nove borse di lavoro e di studio, tre delle quali sono state assegnate a Garofita, mamma Rom che lavora presso due cascine del Parco Sud, a Sandu e a Marco, papà Rom che collaborano al restauro della Cascina Cuccagna a Milano per un totale di € 3.500, mentre le restanti cinque hanno dato la possibilità a Cristina e Florina, entrambe di 10 anni, e a Geanina, Belmondo, Ovidiu e Marian, adolescenti, di pagare i corsi scolastici e i mezzi di trasporto per un totale di € 6.000. Non solo: tanto per i grandi quanto per i più piccoli è stato progettato un percorso di accompagnamento psicologico che prevede colloqui a cadenza bisettimanale con assistenti sociali ed educatori per capire e monitorare la situazione.

La scena sembra essere quella della Milano anni Cinquanta del film "Č arrivato il cavaliere!" di Mario Monicelli quando, dopo la guerra, alcuni sfollati si ritrovano senza un tetto sotto cui vivere e vengono osteggiati da politici che impongono le proprie scelte strategiche per conquistarsi qualche proselito in più; solo l'intervento di un privato cittadino, il filantropico cavalier "ghe pensi mi", cercherà in tutti i modi di salvare le vittime innocenti di un sistema corrotto e irrispettoso, senza tuttavia riuscirci. Sessant'anni dopo la storia si ripete: non più sfollati ma "extracomunitari", non più il cavaliere tuttofare ma il Gas e, ci allieta dirlo, non più la tragica fine della famiglia cinematografica ma una conclusione che premia i più deboli e chi si è prodigato per il loro bene. "Nel nostro piccolo – chiosa Francesca Federici, coordinatrice del progetto – siamo contenti dei risultati ottenuti: abbiamo voluto denunciare la pratica irregolare degli sgomberi in assenza di alternative praticabili, dimostrando che i percorsi di integrazione sono possibili con pochi mezzi e poche risorse anche a Milano" città, quest'ultima, che già nelle dichiarazioni del grande regista era (e lo è ancor di più oggi) "capitale non solo economica ma anche morale d'Italia".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/04/2012 @ 09:25:11, in conflitti, visitato 1284 volte)

Pisanotizie
Ieri pomeriggio un'ingente dispiegamento della Polizia Municipale si è recato sotto il Ponte delle Bocchette per intimare di allontanarsi da Pisa alle poche famiglie che lì hanno trovato riparo dopo lo sgombero dai Frati Bigi. Momenti di tensione con una signora che ha avuto un malore ed è stata condotta in ambulanza al Pronto Soccorso. Atteso nella giornata lo sgombero definitivo dell'area

Come si celebra il 25 aprile a Pisa, giorno della Liberazione dal nazi-fascismo? In molti modi, si direbbe. Il nostro giornale negli scorsi giorni ha pubblicato la notizia di innumerevoli commemorazioni ed eventi organizzati sul territorio cittadino e provinciale, legati a una delle "festività" più importanti della nostra democrazia. Eppure il 25 aprile 2012 rimarrà nella storia della città non solo per essere stato il 67° anniversario della Liberazione.

Nella giornata di ieri infatti, in località "Il Tondo", dove da meno di 72 ore avevano trovato un rifugio di fortuna alcune famiglie in emergenza abitativa che avevano lasciato negli scorsi giorni l'ex convento dei Frati Bigi, si sono recate cinque auto e due moto della polizia municipale per un totale di quasi venti agenti. Un dispiegamento di forze ingente con il solo scopo, all'apparenza, di intimare ai presenti di abbandonare il proprio giaciglio.

Un primo "avviso" da parte della polizia municipale c'era stato nella giornata di lunedì e ieri la nuova "visita". "Sono scesi dalle auto e subito hanno indossato guanti di pelle nera", così raccontano i testimoni presenti a "Il Tondo".

"Ci hanno intimato - proseguono - non solo di lasciare il campo entro domattina (oggi per chi legge, ndr.), ma di lasciare Pisa e alle nostre insistenze sul fatto che non abbiamo un posto dove andare si sono fatti aggressivi. Una donna per il forte spavento dopo l'aggressione verbale di uno dei vigili si è sentita male. E' stata chiamata un'autoambulanza e la signora è finita al pronto soccorso". Ed è proprio intorno a questo episodio che la giornata di ieri ritrova, purtroppo, una sua sintesi.

Secondo quanto riportato dai presenti, a provocare il malore della donna sarebbero stati i modi usati dal vicecomandante Migliorini e dall'ispettore Derri, che già in in occasione del recente sgombero dell'ex convento dei Frati Bigi, ricordano ancora i presenti, avevano tenuto un "atteggiamento particolarmente duro" nei confronti dei rom.

Vittima delle "escandescenze" dei due è stato anche uno dei giovani presenti al campo che, nel tentativo di riprendere la scena, ha visto - raccontano ancora i presenti al campo - letteralmente "volare" il suo cellulare in seguito a una manata.

La donna è stata subito condotta al Pronto Soccorso di Cisanello dove è rimasta in osservazione fino alle 18, poi rilasciata con un referto che riportava "stress psicologico (per sgombero della polizia)" . Al Pronto Soccorso sono poi arrivati anche Derri e Migliorini si sono recati nel tardo pomeriggio al Pronto Soccorso per verificare lo stato di salute della donna. Da quanto hanno raccontato i parenti di quest'ultima i due avrebbero incontrato anche i medici che l'hanno tenuta in osservazione.

Ma che il clima di ieri fosse tutto tranne che sereno, nonostante si trattasse di una decina di persone che da alcuni giorni dormono su dei materassi a cielo aperto, senza tende o baracche dove ripararsi, lo dimostra anche il fatto che dalla macchina della polizia municipale, dove erano presenti Migliorini e Derri, abbiamo sentito pronunciare insulti non si sa bene se rivolti agli occupanti del campo o ai redattori che erano giunti sul posto.

Sembra che l'Amministrazione pisana abbia ormai smesso di santificare le feste, sacre o laiche che siano. Dopo lo sgombero del venerdì santo, arriva quello del 25 aprile, quasi la logica delle liberalizzazioni commerciali abbia toccato da vicino anche i tempi di interventi e di azione .

Intanto il problema di fondo rimane irrisolto: "Continuiamo a essere vittime di vessazioni - affermano le famiglie - ma non sappiamo ancora dove andare per trovare riparo. Senza casa non ci fanno un contratto di lavoro e senza un contratto di lavoro non riusciamo a prendere una casa. Molti di noi lavorano al nero ma ormai sempre meno, perché il lavoro scarseggia".

Forse che l'unica Liberazione - si fa per dire - che si è festeggiata ieri a Pisa è stata proprio quella de "Il Tondo"?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 26/04/2012 @ 09:31:14, in conflitti, visitato 1145 volte)

I Sinti nella Guerra di Liberazione di Carlo Berini

I Sinti italiani durante il fascismo subirono una violenta persecuzione su base razziale, il Porrajmos. Vennero rinchiusi a partire dal settembre 1940, quindi ancor prima degli ebrei italiani, in appositi campi di concentramento. E' un pezzo di storia ancora poco conosciuta dagli italiani. Ma con l'8 settembre 1943 molti riuscirono a fuggire con lo sbandamento che porterà alla formazione della Repubblica di Salò.

Le famiglie sinte scampate dalla deportazione nei campi di sterminio ma braccate dai repubblichini e dai nazisti furono aiutate da molti italiani anche nella Provincia di Mantova, in particolare dai contadini che li nascondevano nei fienili.

I Sinti non solo si nascosero, per non subire la deportazione, ma parteciparono attivamente alla Guerra di Liberazione. Questo pezzo di storia italiana è misconosciuta anche per il disinteresse dimostrato in questi anni dall'ANPI.

Nel mantovano si formò il battaglione "I Leoni di Breda Solini" formato unicamente da sinti italiani, fuggiti dal campo di concentramento di Prignano sul Secchia (MO), dove erano stati rinchiusi nel settembre 1940.

Lo racconta Giacomo "Gnugo" De Bar (in foto) nel suo libro "Strada, Patria Sinta", edito da Fatatrac:
"Molti sinti facevano i partigiani. Per esempio mio cugino Lucchesi Fioravante stava con la divisione Armando, ma anche molti di noi che facevano gli spettacoli durante il giorno, di notte andavano a portare via le armi ai tedeschi. Mio padre e lo zio Rus tornarono a casa nel 1945 e anche loro di notte si univano ad altri sinti per fare le azioni contro i tedeschi nella zona del mantovano fra Breda Salini e Rivarolo del Re (oggi Rivarolo Mantovano), dove giravamo con il postone che il nonno aveva attrezzato. Erano quasi una leggenda e la gente dei paesi li aveva soprannominati «I Leoni di Breda Solini», forse anche per quella volta che avevano disarmato una pattuglia dell'avanguardia tedesca."

Racconta ancora Gnugo:
"Erano entrati nel cuore della gente come eroi, anche per il fatto che usavano la violenza il minimo necessario, perché fra noi sinti non è mai esistita la volontà della guerra, l'istinto di uccidere un uomo solo perché è un nemico. Questo lo sapeva anche un fascista di Breda Solini che durante la Liberazione si era barricato in casa con un arsenale di armi, minacciando di fare fuoco a chiunque si avvicinasse o di uccidersi a sua volta facendo saltare tutta la casa: «lo mi arrendo solo ai Leoni di Breda Salini». Così andarono i miei, ai quali si arrese, ma venne poi preso in consegna lo stesso da altri partigiani, che lo rinchiusero in una cantina e lo picchiarono."

Quella di Gnugo De Bar è una testimonianza per stimolare le stesse Istituzioni ad attivarsi per far conoscere e offrire spazi ai sinti anche nelle cerimonie ufficiali, perchè troppo spesso viene oscurato più o meno volontariamente l'apporto dato dai sinti alla formazione dell'Italia.

In ultimo il mio pensiero va oggi a Walter "Vampa" Catter, Lino Ercole Festini, Silvio Paina e Renato Mastin. Sono i martiri partigiani sinti, trucidati a Vicenza l'11 novembre 1944. Per non dimenticare.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/04/2012 @ 09:39:02, in Europa, visitato 1391 volte)

Venerdì 27 aprile a Vicenza, ultima tappa del tour italiano di Paul Polansky. Ad inizio settimana è uscito questo servizio di MilanoInMovimento

Antropologo, poeta e scrittore, già intermediario in Kossovo per le Nazioni Unite, Paul Polansky è noto per il suo impegno nella difesa dei diritti umani del popolo Rom.

A vent'anni circa scappa dagli Stati Uniti, dove è nato, per evitare il reclutamento nella guerra del Vietnam. Approda così in Europa, dove avrà i primi contatti con la cultura Rom.

Ha vissuto per anni nei campi, raccogliendo storie, narrazioni orali, disegni e musiche della cultura Rom. «Questo popolo è custode di tradizioni antiche 5 mila anni, che sono alla base della nostra cultura. Eppure noi riusciamo a chiamare i Rom "ignoranti" e "incivili". Loro, a cui invece dovremmo essere estremamente grati».
MilanoInMovimento, con la collaborazione di Mahalla, vi regala un viaggio nella cultura Rom attraverso lo sguardo di Paul Polansky. Senza risparmiare critiche alla comunità internazionale nella gestione del cosiddetto "gipsy problem".

"I heard Italians
Used to be called
Parasites, thieves,
Mafia, uneducated
With no culture
When they escaped
From Italy to NY
A hundred years ago.

Why can't Italians see
The Balkan Roma today
Are off the same boat?"
P.P.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


17/11/2019 @ 08:39:00
script eseguito in 166 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Sofia (BG) contro la discriminazione... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1321 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source