Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 28/07/2005 @ 14:41:47, in casa, visitato 2036 volte)

Segnalo dal blog Sucardrom

"Non è molto diverso da allora... C'erano guardie davanti ai cancelli, per non permetterci di uscire, e ora non ci sono: è questa l'unica differenza".
Adelaide cliccare sull'immagine x scaricare il documentario in formato dvix

Adelaide, una delle abitanti del Campo Nomadi di Mantova, ha abbastanza anni sulle spalle da conoscere la realtà dei campi di internamento nazifascisti, per esservi stata rinchiusa durante la seconda guerra; e abbastanza lucidità per p... (continua)

Sucardrom

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/07/2005 @ 04:11:16, in Europa, visitato 2052 volte)

Kopenhagen - Secondo quanto riportato dall'agenzia stampa Ritzau, un gruppo di 21 Rom originari della Romania per una settimana ha vagato nell'Atlantico settentrionale in cerca di approdo.

Imbarcatisi in Norvegia sulla nave "Norröna", hanno provato a sbarcare nei porti di Seydisfjördur (Islanda), Torshavn (isole Färöer) e di Lerwick nelle isole Shetland (UK), chiedendo asilo ma venendo reimbarcati ogni volta. Nel porto di Lerwick hanno avuto uno scontro con la polizia, nel tentativo di passare illegalmente la dogana. Il gruppo si era presentato settimana scorsa nel porto di Hanstholm (Danimarca settentrionale). La polizia danese di frontiera, ha confermato il resoconto dell'agenzia stampa e di essere a conoscenza dell'arrivo dei 21 Rom. "Abbiamo controllato il loro passaporto e che disponessero di denaro sufficiente per tornare in Romania".

derStandard.at | Panorama | Chronik
26. Juli 2005
11:36 MESZ

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/07/2005 @ 03:14:30, in casa, visitato 1473 volte)

Fonte: http://groups.yahoo.com/group/British_Roma

Per una volta, buone notizie dalla stampa inglese:

Questa primavera il governo britannico si era impegnato a finanziare quei comuni che avessero individuato nuove aree di sosta per Nomadi e Viaggianti o avessero presentato progetti per rimodernare quelle esistenti.

Sono stati stanziati i primi finanziamenti: Il progetto maggiore (1 milione e mezzo di sterline) riguarda l'area di South Liberty Lane, Bristol. Circa la metà andrà a Hipton Hill nel Worcestershire e Stoke Albany vicino a Kettering nel Northamptonshire. In tutto, il piano governativo riguarderà 42 progetti, per 58 nuove piazzole di sosta e la sistemazione di 44 aree necessarie di ristrutturazione. Il totale di spesa si aggira sugli 8 milioni di sterline.

Lo scopo dell'azione governativa è duplice:

  • scoraggiare la proliferazione di accampamenti abusivi, cresciuti dopo che dal 1994 le
    amministrazioni locali sono state sollevate dal provvederne al mantenimento;
  • contrastare la politica di quei comuni a maggioranza conservatrice, che da cinque anni non rinnovano i permessi di sosta sulle aree di proprietà di nomadi e viaggianti.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/07/2005 @ 02:09:03, in blog, visitato 1228 volte)

Se qualcuno volesse rileggersi con calma il giorno per giorno del torneo Homeless World Cup di Edimburgo 2005, con cronache, immagini e curiosità, può farlo QUI.

Tra qualche giorno (o setttimana), nello spazio CHAT della colonna a sinistra, potrete intervistare DAL VIVO i componenti della squadra italiana, Multietnica 2001. E, ultimo aggiornamento su questo argomento, mi sono deciso a cambiare il vecchio sondaggio (cercate sempre nella colonna a sinistra).

Questo fine settimana, la Mahalla potrebbe essere poco raggiungibile: credo proprio che in quei giorni  mi deciderò a passare alla versione Dblog 2.0. Dato il mio tasso di imbranataggine : - o, tutto  è possibile... speriamo lunedì di esserci (versione vecchia o nuova non importa).

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/07/2005 @ 02:20:43, in scuola, visitato 1701 volte)

Jarovnice1

25. 7. 2005 - Il 21 luglio 1998, un'inondazione sommerse il villaggio di Jarovnice, nella Slovacchia Orientale, distruggendo le case e uccidendo una sessantina di persone. Il villaggio era abitato per la maggior parte da Rom. La tragedia fece il giro del mondo, probabilnmente perché nel villaggio era ospitato il laboratorio d'arte infantile guidato da Jan Sajko, che aveva ottenuto prestigiosi riconoscimenti internazionali. A sette anni da allora, quell'inondazione sembra dimenticata e l'anniversario è passato in silenzio sulla stampa locale  einternazionale

Il villaggio è sempre stato un ghetto. Attualmente ci sono circa 6.500 abitanti, per lo più Rom, quasi tutti a carico del servizio sociale. Jarovnice era una delle più estese e più povere comunità Rom. Fu costruito all'inizio degli anni '50, quando il governo comunista sedentarizzò a forza le popolazioni che conducevano uno stile di vita nomadico. Nel villaggio mancano l'acqua corrente e le fognature, e la maggior parte degli abitanti ha soltanto la licenza elementare.

La sua notorietà iniziò alla metà degli anni '90, quando Jan Sajko ne fece il centro di uno speciale programma artistico per i bambini del villaggio. Come raccontò nel 2003 a "The Slovak Spectator", riconobbe da subito che quegli alunni avevano uno spiccato talento artistico. "Mi accorsi che i bambini Rom adoperano i colori in una maniera completamente differente dagli altri. Non erano i colori dell'Europa centrale, erano quelli dell'Asia e dei templi indiani. E' un miracolo come questi bambini abbiano conservato questo loro patrimonio culturale, nonostante le condizioni di vita a cui sono sottoposti". Partendo proprio da quell'esperienza, Sajko ela sua scuola avevano ottenuto riconoscimenti internazionali. Sajko richiede ai bambini di tenere vive queste esperienze anche negli sviluppi futuri dell'educazione.

Nonostante la fama internazionale, i danni provocati dall'inondazione non sono ancora scomparsi. L'unica organizzazione che ha ricordato quell'anniversario è stato il partito Iniziativa Rom per la Slovacchia (RIS), che ha espresso "aperta compassione e solidarietà alle famiglie e ai sopravissuti". Nel contempo il RIS chiede che i Rom di Jarovnice si impegnino per affrontare e risolvere i loro problemi, in vista delle prossime scadenze elettorali.

La dichiarazione è stata rilasciata dal RIS, subito dopo che i media avevano sottolineato comenessuno quest'anno avesse commemorato le vittime di 7 anni fa.

(Dzeno Association)

Jarovnice2

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/07/2005 @ 01:13:42, in media, visitato 1836 volte)

 

25. 7. 2005 - I caldi e pigri giorni di estate mandano la gente al mare e le notizie interessanti sono più difficili da scovare. Probabilmente è per questo che i giornali italiani e britannici riempionole loro colonne con storie false e infiammate contro i Rom.

Da circa due mesi, l'italiano Il Giornale, di proprietà di Paolo Berlusconi - fratello del Primo ministro, ha dato un'attenzione sproporzionata alla situazione dei Rom nei dintorni di Roma e Milano.

Il quotidiano ha seguito passo passo la situazione dello sgombero dei Rom da via Capo Rizzuto a Milano, sino al loro rifugio presso la Casa della Carità. Cronache quasi quotidiane sugli accordi e disaccordi politici nelle istituzioni locali attorno a questo caso, sono fornite dal sito web. Similarmente, ha scritto diversi rapporti sulle manifestazioni tenute dagli abitanti di Castel di Guido a Roma, contro il trasferimento di un gruppo di Rom da un campo a una zona residenziale meglio attrezzata.

Il Giornale ha continuato a mettere i Rom in cattiva luce, rinforzando gli stereotipi sui Rom sporchi e pigri. Il giornale riporta queste affermazioni indirizzate dai manifestanti contro il sindaco Veltroni: "Ancora i nomadi! Grazie signor Veltroni: Stai facendo di quest'Area la Discarica di Roma!". In aggiunta, il quotidiano continuqa ad adoperare termini "terrorizzati" per descrivere le famiglie che vivranno accanto ai Rom, o a riferirsi ai Rom col termine di "zingari", che ha lo stesso significato peggiorativo dell'inglese "Gippos".

Un approccio linguistico simile a quello che avevamo riportato all'inizio dell'estate, riferendoci a due giornali inglesi (cfr. http://www.sivola.net/dblog/articolo.asp?id=125 ndr). The Sun e The Daily Express continuano ad adoperare questa tattica, ancora descrivendo in tre recenti articoli gli sforzi dei residenti non-Rom nel voler sgomberare delle famiglie di Nomadi e Viaggianti accampati vicino a Ilchester, Somerset (UK). Gli articoli adoperano espressioni come "gli abitanti terrorizzati" e "invasione dei Rom", definendoli "feccia".

E' spaventoso vedere giornali di ogni tipo promuovere attitudini e sentimenti razzisti. Ma se i giornali britannici sono, per loro stessa definizione, pubblicazioni "popolari", è molto più inquietante che gli stessi sistemio siano adoperati dai più "rispettabili" giornali italiani.

HATE_ITALY


(Dzeno Association)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/07/2005 @ 21:19:03, in Europa, visitato 2968 volte)
da EUMC’s quarterly magazine Equal Voices

EUMC (European Monitoring Centre on Racism and Xenophobia) intervista le due Romnià elette nel Parlamento Europeo

Con l'allargamento della Comunità Europea, nel Parlamento sono entrate facce fresche con nuove idee. Tra loro, due parlamentari ungheresi della minoranza Rom. In questa intervista con EUMC, Lívia Járóka (Partito Popolare Europeo / Democratici Europei) e Viktória Mohácsi (Alleanza dei Liberali e Democratici per l'Europa) spiegano come intendono agire perché l'agenda politica europea si occupi delle tematiche rom. Il 28 aprile 2005 hanno ottenuto il loro primo successo: il Parlamento Europeo ha adottato la sua prima risoluzione sui Rom nell'Europa allargata (vedi alla fine dell'intervista). Entrambe ne sono promotrici.

Interview of Lívia Járóka (LJ) and Viktória Mohácsi (VM) by Andreas Accardo (AA)

AA: Come uniche due rappresentanti dei Rom, siete una eccezione tra i 732 eletti al Parlamento Europeo. Com'è sono stati questi primi mesi a Bruxelles e Strasburgo?

LJ: All'inizio, ingenuamente, pensavo che in un'istituzione pan-europea di tale livello, tutti sarebbero stati sensibili e interessati alle tematiche Rom. Invece, ho trovato che il dibattito si era trascinato per 10 anni senza alcuna novità, senza collaborazione da parte Romo delle associazioni dei diritti civili. I politici mancano di un approccio sistematico, e si muovono reagendo agli impulsi che arrivano dai mezzi di informazione. Rimane un gran lavoro da svolgere: definire una strategia globale e un'agenda per i prossimi 10 anni. Così, prima dei tutto, ho dovuto rendermi conto che i progressi sarebbero stati lenti e i cambiamenti non sarebbero stati facili. Così, anch'io ho dovuto mutare strategie, approcciare persone differenti per nuove alleanze.

VM: Sono arrivata al Parlamento, perché non ero soddisfatta di come venivano affrontati in Europa questi temi. Intendevo fare pressione sulla Commissione, sulle differenti istituzioni e ai diversi livelli politici del Parlamento. L'Europa deve agire contro la segregazione scolastica, la discriminazione sul lavoro, la "ghettizzazione" delle comunità, e assicurare che il suo sistema legale protegga tutti, Rom inclusi. Dopo qualche mese che sono nel Parlamento, sento che ci stiamo muovendo nella direzione giusta. All'inizio, i miei colleghi di partito pensavano che gli argomenti che portavo fossero in "competizione" con altre importanti fonti di preoccupazione: diritti umani, libertà economica e giustizia sociale. Ora capiscono che le tematiche Rom sono una parte del tutto. Li ho sentiti affermare di vergognarsi per non aver considerato il tema dei Rom nei loro precedenti rapporti, dichiarazioni, risoluzioni ecc.

AA: Quali sono le priorità per l'Unione Europea e gli Stati Membri nell'affrontare la discriminazione contro i Rom?

LJ: Per quanto mi riguarda, è la segregazione scolastica, di cui si sta occupando Viktória. In secondo luogo, la discriminazione nelle istituzioni sanitarie e la mancanza di accesso ai servizi socio-sanitari, che si aggiunge alla cattiva situazione socio-economica dei Rom. Il terzo aspetto è il lavoro; qui non si tratta di segregazione, ma proprio di mancanza totale di sbocchi. Per terminare, quello che mina ogni contatto tra Rom e società maggioritaria è la mancanza di adeguate condizioni di vita e abitative. Circa il 40-50% dei Rom vive in totale segregazione, anche nell'Europa Occidentale. Gli accampamenti non hanno acqua corrente, elettricità, gas, presidi medici o di polizia.

VM: Come diceva Lívia, sto affrontando primariamente la questione della segregazione scolastica. Posso aggiungere il tema delle sterilizzazioni forzate, tuttora irrisolto. La difficoltà è nel dimostrare che alla base ci sono motivazioni razziste, se non addirittura criminali. Il personale medico nega il atto che le sterilizzazioni avvengano senza consenso delle interessate. Portare questi casi in tribunale è molto difficile.

AA: La discriminazione contro i Rom e la necessità di migliorare le loro condizioni di vita sono spesso indicate come specifiche per i "nuovi" Stati Membri, piuttosto che per la "vecchia" Europa dei 15. E' giustificata questa divisione tra Est ed Ovest Europa?

LJ: Certamente no. Tra i tanti fraintendimenti difficili da demistificare, c'è anche questo. Grecia, Spagna, Portogallo presentano le stesse situazioni. In generale, da parte di tutti gli Stati Membri c'è riluttanza ad ammettere che la situazione è simile.

VM: La differenza è che nei nuovi Stati Membri, ci sono più ONG coinvolte. Questo perché lì sono più evidenti le brutalità poliziesche, le favelas, la mancanza di accesso ai servizi sanitari e scolastici. Però, questi casi ci sono in tutta Europa.

AA: Quali sono gli effettivi strumenti della politica per migliorare la situazione dei Rom?

VM: I politici nei governi degli Stati Membri hanno iniziato a sviluppare politiche e progettispecifici. Per esempio, in certe aree dove la disoccupazione Rom raggiunge il 90%, sono implementati cosrsi di formazione e di avviamento al lavoro, con particolare attenzione alle generazioni più giovani. Di solito questi progetti - che sono anche costosi - hanno un minimo impatto. Al termine del progetto, sono in pochi quelli che hanno trovato lavoro e la situazione rimane la stessa. Secondo me, per ottenere risultati più concreti, occorrerebbe che fossero affiancati a un'effettiva politica antidiscriminatoria. L'approccio migliore sarebbe assicurare un trattamento paritario ai Rom in cerca di lavoro. Per questo, si deve superare il concetto di "programmi o progetti speciali" e concentrarsi sui modi per combattere le discriminazioni. Sono fermamente convinta che le radici del problema siano nei manifesti sentimenti anti Rom. Solo combattendo le discriminazioni possiamo sperare di migliorare la situazione.

LJ: Le politiche "generaliste" e le misure per migliorare la scolarizzazione, l'impiego, la sanità e le condizioni di vita sono estremamente importanti. Un tempo, i problemi Rom venivano catalogati come questioni socio-economiche, è tempo che diventino parte dell'approccio politico generale. Le questioni culturali e di identità possono essere affrontate con un approccio particolare. [...]

VM: La mia esperienza è che i governi spesso sviluppano programmi di cui alla fine le comunità Rom non beneficiano. Per esempio, in Ungheria nel periodo prima dell'ingresso in Europa, i progetti PHARE erano rivolti a diminuire il numero dei bambini Rom nelle scuole speciali. Viceversa, ora le politiche dei "progetti pilota" tendono ad investire forti somme, ma per mantenere quei bambini nelle scuole differenziali. Dobbiamo cambiare questo approccioe assicurare invece che i Rom abbiano uguali opportunità di accesso al normale sistema educativo. Piuttosto, c'è necessita di programmi appositi per favorire l'accesso ai servizi di base. Secondo il mio punto di vista, interventi mirati sono: censimento e controllo di quanti bambini Rom siano confinati nelle scuole speciali, supporto finanziario alla scolarizzazione di base e riforme legali. In altre parole: azione mirata della politica contro la discriminazione. Se queste pratiche discriminatorie non verranno più permesse, allora i Rom accederanno naturalmente a un'istruzione di qualità.

AA: State dicendo che non c'è una sufficiente conoscenza sulla situazione dei Rom, e che quindi le misure prese non sono efficaci a combattere la discriminazione e l'esclusione sociale?

VM: Non ritengo che la mancanza di conoscenza sia per forza una questione chiave. La società deve imparare a non discriminare e a non lasciare spazio ad azioni razziste. Nella scuola, sul posto di lavoro o nelle altre sfere della vita pubblica.

LJ: La maggior parte dei politici europei non presta attenzione alla situazione reale dei Rom. Ne hanno un'immagina stereotipata che non corrisponde alla realtà. Sono stupita e contrariata di quanta poca volontà politica ci sia nel capire le difficoltà affrontate dai Rom. I politici preferiscono accettare l'immagine esotica degli "Zingari"; sono contenti di aver a che fare con le tematiche legate alla loro cultura, ma mostrano una totale inadeguatezza a capire cosa significhi "veramente" essere Rom nell'Europa del 2005. Le conoscenze e i dati a disposizione non sono sufficienti a rettificare tutti quei vecchi stereotipi che continuano a circolare nella politica e nella vita di tutti i giorni. Questo gap ci impedisce di approntare politiche efficaci. [...] Esiste una forbice enorme tra le ambizioni e la realtà: così come le leggi antidiscriminazione non garantiscono automaticamente il cessare delle discriminazioni. Un'altra colpa della Commissione è stata di non chiarire adeguatamente che lo sviluppo delle legislazioni antidiscriminazioni esistenti, è più importante di scriverne di nuove.

VM: La stessa Direttiva per l'Eguaglianza Razziale non è dettagliata. All'inizio, alcuni Stati Membri eranodell'opinione che la loro costituzione fosse sufficiente a garantire l'uguaglianza. Sono leggi che esistono da anni, ma la discriminazione permane. Ecco perché dev'essere data attenzione al loro sviluppo. Per esempio, nei casi di discriminazione, adottare quanto già la legge stabilisce, per proteggere i diritti di tutti i cittadini, Rom oppure no.

AA: Ci sono speranze?

LJ: Sì, quando si verificherà una spinta più forte nelle politiche antidiscriminazione nelle aree della scuola, del lavoro, della casa e della sanità. Manca in questo senso la volontà, se si escludono alcune OnG e forse noi due. Quello che vorremmo vedere nel lungo termine è: più impiego per i Rom nelcontesto della strategia di Lisbona; non discriminazione sul posto di lavoro, assistenza da parte dei governi; monitoraggio degli Stati Membri da parte della Commissione. Tutto questo rimane sinora un'illusione, perché alle azioni positive intraprese manca la continuità.

VM: L'unica speranza per i Rom europei è che la loro fiducia nell'Unione Europea sia ben riposta. Un recente sonfdaggo in Ungheria chiedeva agliintervistati se si sentissero cittadini ungheresi piuttosto che europei. I risultati mostrano che i Rom intervistati hanno rispoto europei in maggioranza. Hanno perso la fiducia nel governo nazionale, perché spesso la loro fiducia è stata malriposta. Oggi continuano ad essere discriminati nella vita di tutti i giorni e in ogni sfera della società. Sono qui per esserci quando saranno cittadini europei pari agli altri e fieri di esserlo.


La risoluzione del Parlamento Europeo sui Rom: I 28 aprile 2005, è stata adottata una risoluzione unitaria sui Rom in Europa. Vi si nota come "soffrano discirmizione razziale e in molti casi siano soggetti a severe discriminazioni strutturali, povertà ed esclusione sociale". La risoluzione evidenzia anche le difficoltà quotidiane come gli attacchi razzisti, i discorsi discriminatori e razzisti, gli attacchi fisici dei gruppi estremisti, gli sgomberi illegali e i comportamenti polizieschi dettati a antiziganismo e romanofobia. Il Parlamento richiede una rapida integrazione economica, sociale e politica dei Rom; e sprona il Consiglio, la Commissione e gli Stati Membri al riconoscimento dei Rom come minoranza nazionale e al miglioramento della loro situazione.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/07/2005 @ 16:48:57, in blog, visitato 1271 volte)

Capisco chi migra, capisco chi si stanca. A volte, sospetto persino che ci siano cose più importanti nella vita...

Sparire senza lasciare traccia, lo capisco di meno

 Siamo spiacenti, il Blog che hai richiesto non esiste!

http://strepto.blog.tiscali.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (3)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/07/2005 @ 20:17:24, in sport, visitato 2450 volte)

Homeless World Cup '05

In redazione:

da Milano Fabrizio Casavola, da Edimburgo Filippo Podestà - Articolo precedente

Risultato finale Polonia - Italia 2 a 3

...e chissà se ci sarà il tempo per la cronaca

Italia ancora una volta campione!
Per la seconda volta abbiamo vinto la coppa del mondo al torneo Homeless World Cup di Edinburgo.
Questa volta è stata ancora piu difficile per i tre giocatori mancanti ma abbiamo alzato nuovamente una coppa che gia conoscevamo bene.
Grandi tutti dal portiere Gustavo, a Ricardo, ancora questa volta decisivo. Suoi sono due gol sui tre dell'Italia. Ma anche Hugo e Leo. Con loro i cambi e la panchina che ha dato respiro e forza.
L'anno scorso la vittoria e stata dedicata a chi ancora in Italia e nel mondo lotta per la casa, il lavoro o il permesso di soggiorno.
Rilanciamo questa dedica aggiungendo una dedica speciale a quelli che non sono riusciti a venire con noi. Con loro la vittoria sarebbe stata se possibile ancora più bella. La coppa è anche per loro. Li riabbracceremo tornati in Italia, lunedi sera.


La vittoria di Edinburgo sente la mancanza delle squadre africane che non hanno lasciato partecipare per mancanza di soldi;...

Adesso tutte le squadre si apprestano ad una notte di festa.

Campioni!
Campioni!
Campioni!
(per due)

grazie a tutti i tifosi e a chi ha creduto nella Multietnica. Vogliamo che questa vittoria ci faccia crescere ancora, magari per portare nel 2007 o negli anni seguenti, questo magnifico torneo da noi, a Milano o Roma!

E si chiude, come si era cominciato.

Da: Campioni senza dimora

L'Italia sta cambiando. Sembra dimostrarlo la partecipazione di una squadra di immigrati al mondiale sotto la nostra bandiera. Mai avremmo pensato che un giorno potessero rappresentarci e vincere. Questa parte di Italia, questi compatrioti venuti dagli squilibri economici mondiali, questi senza identità, giocano per noi facendoci esultare per una coppa che i campioni del calcio internazionale non sono neanche stati in grado di avvicinare, [...]

E sono orgogliosi, questi nuovi italiani, felici di abbracciarsi e stringersi quando suona l'inno di Mameli, benché molti ancora stentino a ricordarne le parole; sono felici di abbracciare almeno idealmente un paese dove le speranze di un futuro migliore possono realizzarsi. Hugo, [...] "Sono argentino, certo, ma qui sono italiano. L'Italia mi fa lavorare e guadagnare per mantenere i miei figli. Porto la maglia azzurra e ne vado fiero come chi sa che ha trovato una seconda casa".

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/07/2005 @ 17:59:59, in Europa, visitato 2542 volte)
da: http://groups.yahoo.com/group/Hungarian_Roma

Da: Judit Solymosi solymosij@mail.datanet.hu

Ufficio per le Minoranze Etniche e Nazionali - Budapest, Ungheria

Selezione notizie, aprile - giugno 2005

Inaugurato centro comunitario Rom a Parad

Un vero e proprio network, che riunisce una trentina di centri culturali rom, è stato inaugurato ad aprile alla presenza di Orban Kolompar,, presidente dell'autogoverno nazionale dei Rom. Il network ha iniziato a svilupparsi nel 1997, grazie al Ministro del Welfare. Il nuovo centro funzionerà come base per attività culturali e vita sociale. [...]

Aperta la prima galleria espositiva Rom permanente

E' stata inaugurata ad aprile, presso la sede dell'autogoverno nazionale dei Rom a Budapest. Lo spazio è destinato alle diverse forme dell'arte. La prima mostra ha interessato una quarantina di tele di Janos Csik, poi sono seguitre le sculture lignee di artisti Rom della contea di Tolna. Inoltre sono previste proiezioni di film e presentazione di altre collezioni artistiche [...]

Corso di formazioneper studenti rom

A seguito di accordi tra Ministero della Gioventù, Famiglia, Affari Sociali e Pari Opportunità con le ambasciate ungheresi negli usa, Francia e Germania, tre studenti universitari con buone conoscenze linguistiche hanno potuto seguire per un mese l'attività che si svolge nelle diversi sedi diplomatiche.

Giovane musicista rom vince il concorso "Megasztar"

Si tratta di Caramel, che ha preso parte al programma per giovani talenti organizzato da TV2. Aladar Horvat, presidente di Roma Civic Foundation ha sottolineato l'importanza dell'evento e che per riuscire non basti il talento, ma occorra la persistenza per raggiungere gli obiettivi. [...]

Il governo intende promuovere l'attività dei musicisti Rom

Trattasi di un piano per l'integrazione sociale e lo sviluppo nel mercato del lavoro. Il programma prevede la reintroduzione di orchestre e singoli che suonino dal vivo nei ristoranti e nei locali. Inoltre lo scopo è di promuovere le tradizioni culturali delle città di Szeged, Debrecen, Szolnok, Nagykanizsa e Gyor.

Corso di formazione

A giugno è stato lanciato da Independent Media Centre. Il corso è rivolto a giovani studenti Rom di età tra i 14 e i 18 anni, in regola col piano di studi, per prendere parte ai programmi radiofonici di Radio C. Il corso è finanziato dall'ambasciata britannica e da quella olandese.

Lettere

Uscita a giugno una collezione di lettere rom della fine del XIX secolo. Durante il servizio militare tra il 1853 e il 1856, l'arciduca Giuseppe d'Asburgo imparò il romanès dai suoi soldati. Un'unica pubblicazione contiene 51 lettere in lingua parte della corrispondenza tra l'arciduca e gli abitanti Rom dell'impero. Si ritiene che le lettere siano i primi documenti scritti e firmati dai Rom. L'arciduca, conosciuto per le sue ricerche linguistiche, fu promotore dell'uguaglianza tra i diversi linguaggi dell'impero, insegnò il romanès a sua sorella Maria, con cui corrispose in lingua.

La pubblicazione costituisce un inestimabile documento di storia che può contribuire alla diffusione degli studi sulle tradizioni e la lingua romanès. Il volume è in romanès, inglese ed ungherese, ed include un CD. Può essere richiesto a:

Fovarosi Onkormanyzat Cigany Haz

Romano Kher, 1151 Budapest, Enekes utca 10/b

E-mail: ciganyhaz@axelero.hu

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


20/11/2019 @ 07:17:08
script eseguito in 167 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1998 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source