Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 12/10/2007 @ 09:14:08, in Italia, visitato 1374 volte)

Da ChiAmaMilano

Il pirata della strada di via Padova è una donna italiana, ma fa meno notizia del suo fidanzato Rom

Il 16 settembre in via Padova un’automobile travolgeva un pensionato di 71 anni e lo trascinava per cento metri uccidendolo. L’uomo si era aggrappato al cofano dell’auto e il pirata della strada piuttosto che fermarsi ha proseguito zigzagando per “scrollarsi” di dosso il malcapitato.
Per due settimane l’ennesima tragedia della strada registrata a Milano è stata condita da un solo elemento: la carcassa dell’auto, bruciata, fu rinvenuta il giorno dopo l’incidente nei pressi di un campo nomadi.
I titoli delle cronache locali, le pagine dei quotidiani nazionali, addirittura il telegiornale più seguito si concentrarono su quell’elemento e il campo rom vicino al quale era stata ritrovata l’auto pirata diventava la stimmate della colpevolezza. Come poteva essere altrimenti?
Nonostante l’indizio assai debole, il seme del sospetto era stato gettato su un terreno reso assai fertile da un’ormai interminabile campagna mediatica che vede nei nomadi l’alfa e l’omega del peggio che possa esserci nella società –ammesso che ne facciano parte–; la quintessenza dei barbari che temiamo alle porte e nei volti dei quali non vogliamo specchiarci.
Per due settimane in modo neppure tanto implicito il pregiudizio e il sospetto sono diventati una cosa sola.
Il 2 ottobre la svolta nelle indagini, come si usa dire nel gergo della cronaca nera. Al pirata della strada viene dato un nome e un volto: si tratta di un’italianissima pluripregiudicata ventiquattrenne che non ha mai preso la patente ma che era proprietaria dell’auto che ha ucciso in via Padova.
Il 3 ottobre la notizia dell’arresto della donna è data con minor rilievo rispetto a quella dell’investimento di due settimane prima. Nessun accenno nei titoli, nei sommari o negli occhielli all’italianità della donna, che però, come precisano i pochi articoli dedicati alla soluzione del caso, è fidanzata con un Rom. È evidente, in un modo o nell’altro, i nomadi c’entrano.
Così, per una di quelle coincidenze che spesso contribuiscono a dare forma allo zeitgeist che caratterizza l’informazione, i titoli principali della cronaca cittadina il 3 ottobre erano “Censimento rom: in 700 senza lavoro, vanno espulsi”, “Troppi romeni irregolari, intervenga il Prefetto”, “Al setaccio i campi nomadi, vanno espulsi 302 rom”, “Schedati gli zingari in 700 vanno espulsi”, “Campi, controlli a tappeto, 700 nomadi non in regola”, “Rom, censimento nei campi regolari: 302 identificati”, “In tre anni raddoppiati i romeni”.

Beniamino Piantieri

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/10/2007 @ 09:07:42, in Italia, visitato 1422 volte)

Senza terra o tutta la terra

Da lunedì 15 a sabato 20 ottobre 2007, presso il Pub "Le Pecore" in Via Fiori Chiari 21, a Milano, si svolgerà una settimana dedicata alle comunità Rom presenti nel nostro Paese e in particolare nella Provincia di Milano.
Organizzata dalle Associazioni NAGA, Opera Nomadi, Aven Amenza, Sdl, Festa dei Popoli di Opera, Comitato Rom e Sinti insieme, Associazione Liberi e dalla Chiesa Evangelica Ministero Sabaoth.

Una settimana di musica, teatro, eventi per conoscere il popolo Rom.
Foto, documentari, favole, cucina, cultura e tradizioni.
Ospiti: Moni Ovadia, Dario Fo, Rapsodia Trio, Musicanti e tanti altri

Una settimana per conoscere meglio un popolo così lontano ma così vicino

Conferenza Stampa di presentazione
Venerdì 12 Ottobre 2007 ore 11.30
Le Pecore Pub, via fiori chiari 21
Milano

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/10/2007 @ 09:20:26, in blog, visitato 1522 volte)

Leggete questa testimonianza, e alla fine scoprite chi la scrisse...

Ho deciso di dedicare alcune domeniche ai preti, quelli veri.
Oggi ascoltiamo insieme le parole di padre Alex Zanotelli.

"Il 4 novembre ho assistito alla demolizione di tre campi Rom, situati nel comune di Casoria, nella provincia di Napoli. In questi campi c’erano circa quattrocento persone.
Alle 8.00 del mattino sono arrivate, scortate dalla Polizia, scavatrici, ruspe, cingolati per demolire il tutto.
Sembrava un esercito in assetto di guerra che spianava tutto. Unica sorpresa: il campo era stato abbandonato dai Rom lungo la notte. Infatti la sera prima, un notevole contingente di Polizia aveva ammonito tutti ad andarsene. E se ne erano andati, scappando da tutte le parti: chi verso la stazione ferroviaria (Piazza Garibaldi), chi verso centri sociali ove poter passare la notte.

Non si era mai visto a Napoli un’azione del genere: buttare fuori con la forza persone dal proprio habitat senza offrire loro prima un altro luogo ove andare. Mi ricordava certe scene viste nei regimi militari. Mi ricordava soprattutto le demolizioni che avevo visto delle baraccopoli di Nairobi. Mai mi sarei aspettato che avrei assistito a simili scene nella mia Italia.

Era da alcuni mesi che accompagnavo, insieme al professore Marco Nieli, da vicino, l’avventura di questi Rom: gente buona, semplice, attiva, gente che non ha mai partecipato ad una guerra, gente che era scappata dalla Romania per trovare un po’ di dignità. Ero stato, con Marco, ospite dei Rom di Casoria: un’ospitalità calorosa e aperta.
Con loro ho potuto vedere la realtà del campo. Devo confessare che non avevo mai visto in Italia, una situazione così degradata. Mi faceva venire in mente certi angoli di Korogocho, la baraccopoli di Nairobi, dove sono vissuto per 12 anni. Questo sia per la sua posizione, sia per le condizioni del campo. Infatti l’accampamento Rom di Casoria è posto sotto un immenso arco con piloni enormi della tangenziale di Napoli. Ma le condizioni igieniche e ambientali del campo non sono meno agghiaccianti. Baracche accatastate una sopra l’altra in piccolissimi spazi. Senza acqua potabile. Stretto tra due ferrovie (un ragazzo è morto qualche mese fa sotto un treno). Enormi topi che passeggiavano tranquillamente.

La gente ci ha accolto con tanto calore e tanti caffè. Avevano invitato tutti a venire l’11 aprile davanti al Comune di Casoria per parlare con gli esponenti del Comune. Quel giorno buona parte della comunità venne in piazza a urlare, gridare, battere i tamburi, per chiedere l’acqua potabile nel campo, un bus per portare i bambini a scuola ed infine un luogo alternativo ove i Rom potessero costruire il loro campo.

E’ incredibile che in Campania non ci sia ancora una legge quadro per i Rom. Furono solo promesse. Dopo tante insistenze… arrivarono i poliziotti, le ruspe……e via! Via tutti quelli che sporcano le nostre città. La cosa più incredibile fu che il comune di Casoria è stato commissariato per infiltrazioni mafiose! Come ultimo gesto il sindaco uscente aveva firmato l’ordinanza dello sgombero.

Grave, molto grave che si dia effetto immediato ad un’ordinanza di un sindaco “scaduto”! Il prefetto l’ha immediatamente resa effettiva! E’ proprio vero che sono sempre i poveri a pagare. Ma ho visto un gruppo di fuggiaschi fuori dalla stazione Gianturco: donne incinte, bambini che piangevano…Ora vivono nella diaspora della quasi totale indifferenza delle istituzioni e dei cittadini. E’ questa l’Italia democratica? E’ così che trattiamo i Rom? Non è forse così che trattiamo anche gli immigrati chiudendoli nei CPT, veri lager? I poveri a Nord come a Sud, a Napoli come a Nairobi, non contano! Eppure sono volti!"
Alex Zanotelli


Era il 13 novembre 2005. Per favore, smettiamola di preoccuparci di Grillo, che di questi tempi ha sin troppi altoparlanti che parlano di lui. Probabilmente, di Rom non ne capisce niente, e si appoggia ai suoi "supporters", non importa come la pensino, l'importante è di "fare casino". Concentriamoci sulle migliaia di commenti che sono apparsi nei due post differenti, noterete che invece sono quasi a fotocopia. E come riuscire a dialogare con queste persone che fanno del blog di Grillo una personale palestra.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/10/2007 @ 09:05:33, in Italia, visitato 1433 volte)

Ricevo da Xoraxai

Giovedì 11 ottobre

presso csoa La Strada via Passino 24 - Garbatella

ore 18:30 "ROM TRA ESCLUSIONE E SICUREZZA" presentazione del libro "Chejà Celen, ragazze che ballano" scritto da Vania Mancini, edito da Sensibili alle foglie in collaborazione con ARCI solidarietà Lazio e Commissione delle Elette del comune di Roma

sono invitati:

Nicola Valentino Curatore del libro, Sensibili alle foglie
Renato Curcio Sensibili alle foglie
Paolo Perrini ARCI solidarietà Lazio
Adriana Spera Pres. Commissione delle Elette
Nicola Simoniello Pres. commissione sicurezza XIX Municipio
Paolo de Pascale Ufficio Cultura XII Municipio
Gianni Pizzuti Resp. settore volontariato Caritas
Tano d'Amico Fotografo
Umiza Halilovic Portavoce campo Lombroso
Andrea Camerini Nuove Tribù Zulu
modererà il dibattito Fabio Malinconico

ore 20:00 cena sociale e danze delle ragazze Chejà Celen

ore 22:00 DJ set a cura di Brusca (grooves, funk, jazz dancefloor)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/10/2007 @ 12:10:18, in Regole, visitato 1661 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

salve,
abbiamo organizzato una conferenza stampa di presentazione della proposta di legge che abbiamo depositato, sull'inserimento dei cittadini e le cittadine rom e sinti nella legge sulle minoranze linguistiche.
sappiamo che non tutti sono d'accordo con la proposta, ma abbiamo ugualmente provato ad invitare alla presentazione a persone e associazioni che lavorano sui/con diritti di rom e sinti. è un primo passo, intendiamo continuare a lavorare, con gli strumenti a disposizione perché i/le componenti di questi minoranze, siano riconosciute come soggetto di diritto.
la conferenza stampa avrà luogo giovedì 11 ottobre alle 10:45 nella sala stampa di Montecitorio, ingresso da via della missione. data la natura dell'iniziativa, prevediamo pochi brevi interventi.
chi intenda partecipare è pregato di dare conferma entro martedì 9.
ricordo che per gli uomini è necessaria la giacca.
sono stati invitati tutti i deputati che hanno firmato la proposta.
un caro saluto,

mercedes frias

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/10/2007 @ 09:26:54, in Italia, visitato 2393 volte)

... di oggi, 8 ottobre 2007. Ma è proprio vero che le “comunità nomadi” condividono? Non è invece il caso di far sentire la vostra opinione in merito? Per e-mail al Corriere potete scrivere a 'redazione@corrieredilivorno.it'. Ciao. Isabella.

Cosimi: Mai più bimbi mendicanti - Presto gli assistenti sociali ai semafori

E le comunità nomadi condividono anche se chiedono "politiche di inserimento più adeguate"

di Gabriele Masiero

"Siamo pronti a mettere in campo una task force di educatori per togliere dai semafori i bambini mendicanti". Il sindaco, Alessandro Cosimi, ha deciso di dichiarare guerra agli adulti, spesso rom, che usano i loro figli per chiedere l'elemosina agli angoli delle strade. ''Faremo solo rispettare la legge che già esiste - ha aggiunto Cosimi - e siamo pronti a fare intervenire il tribunale dei minorenni''. L'idea del primo cittadino livornese potrebbe essere un progetto-pilota in Italia, non fosse altro perché non segue la strada delle ordinanze, come avvenuto a Firenze con i lavavetri, ma intende rafforzare l'attività dei servizi sociali per stroncare il fenomeno dell'accattonaggio compiuto dai bambini. "Il messaggio che vogliamo dare - ha spiegato Cosimi - è chiaro: a Livorno non è consentito mandare i bambini a chiedere l'elemosina. E per farlo siamo disposti a impegnarci concretamente. Abbiamo già contatto un pool di psicologi e pedagogisti che ci aiuteranno in questo percorso. Proporremo al Tavolo del volontariato di collaborare con noi per trovare, oltre alle struture pubbliche, altre case famiglia dove inserire i bambini tolti ai genitori che li costringono a mendicare. Prima andremo sul posto ad avvertire questi adulti e se la loro condotta proseguirà informeremo il tribunale dei minorenni affinché decida sull'eventuale affidamento ad altri dei loro bambini". Infine, ha detto Cosimi, "vogliamo dimostrare che Livorno non dimentica quanto è accaduto due mesi fa sotto il ponte di Pian di Rota, quando morirono quattro bambini nell'incendio delle loro baracche". "Non siamo una città indifferente - ha concluso - e lo vogliamo dimostrare con i fatti. Per questo i nostri servizi sociali monitoreranno costantemente la città. Abbiamo già ricevuto segnalazioni in merito, in particolare per quanto riguarda il semaforo che si trova vicino all'istituto Nautico, interverremo su quelle e non tollereremo violazioni di legge". Ok al progetto del sindaco livornese anche dal comitato nazionale "Rom e Sinti insieme" che però auspica anche politiche sociali che favoriscano l'inclusione di interi nuclei sociali. "E' giusto applicare le norme - ha detto Nazzareno Guarnieri, portavoce del comitato - perché legalità e sicurezza sono principi irrinunciabili, ma allo stesso modo occorre garantire politiche sociali adeguate per consentire a tutti una vita dignitosa. Perché disagio e illegalità non nascono mai per caso". Al comitato fanno capo oltre 60 leader e 16 organizzazioni di categoria. "E' assolutamente vero - ha precisato il portavoce della comunità Sinti e Rom - i bambini non devono mendicare per strada né, tanto meno, dovrebbero vivere in campi nomadi, che andrebbero smantellati. Ma purtroppo è altrettanto vero che spesso non hanno dove andare e la discriminazione contro le minoranze Rom e Sinti in Italia è ancora estesa in tutti i campi, dal privato al pubblico". In Italia, secondo Guarnieri, "sono rare le realtà dove le comunità sinti e rom sono considerate protagoniste sociali pensanti e dove sono attuate politiche di integrazione, di partecipazione diretta e di mediazione culturale". "I Sinti e i Rom presenti in Italia - ha aggiunto - vedono in molti casi negato il diritto alla residenza, alla sanità, alla scuola e al lavoro". E' quindi necessario, ha spiegato Guarnieri, "superare la politica dell'assistenzialismo e dell'accompagnamento sociale ed evitare politiche simili con altra denominazione che contengono sempre i requisiti dell'assistenzialismo". "Insomma, chi di noi sbaglia, ruba e sfrutta i bambini deve pagare - ha concluso - ma lo stesso deve valere per chi non è in grado di garantire politiche sociali adeguate".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/10/2007 @ 22:08:33, in Italia, visitato 1699 volte)

Ricevo e porto a conoscenza:

Gentile Fabrizio,
ieri sera, alle ore 23.00 circa, Canale 5 ("Terra") ha parlato dei rumeni rrom di Pavia e Milano. Vorrei segnalare la posizione del vice-sindaco di Milano, che considera tutti i rrom malviventi e chiede, per la Romania, di reintrodurre i provvedimenti del trattato di Schengen.
E un discorso che deve essere conosciuto da tutti quanti visitano "Mahalla" .
Ti prego di inserire questa notizia .
Grazie,

Marcel Costache

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/10/2007 @ 09:26:14, in scuola, visitato 1683 volte)

Una trentina di ragazzi giocano a piedi nudi nel mezzo della strada. I vestiti sporchi non coprono i loro corpi magri. [...] Petra, una delle ragazze, ha 14 anni, anche se il suo corpo snello e le braccia piccole le danno l'aspetto di un'undicenne, è una ragazza savia e felice.

In una normale scuola secondaria in Romania, una ragazza della sua età sarebbe all'ottavo grado, studiando lingue, fisica o geometria. Ma lei è solo al sesto grado di una "Scuola Speciale" per ritardati mentali.

"Non imparavo abbastanza nella scuola normale" dice Petruta. Se le si chiede cos'ha di speciale il suo nuovo posto di studio, risponde: "Beh, ci sono solo Rom là, soltanto noi 'Zingari'!"

Petruta ha altri quattro fratelli e sorelle e i suoi genitori sono disoccupati. La costruzione improvvisata che occupano ha quattro pareti d'argilla ed un tetto di plastica. Il tempo è tempestoso e il vento fa saltare il tetto, lasciando i cinque bambini in due piccoli letti svegli con il cielo grigio sopra di loro.

La famiglia vive con i 30 €uro mensili dell'assegno di disoccupazione del padre aggiunti a 7 €uro per ogni figlio. Come media, la famiglia vive con 2 €uro al giorno.

Talvolta Petruta fa lavori di casa dai vicini. "Sono brava a pulire i tappeti dei rumeni, " dice.

Chiedendole come va la sua scolarizzazione, Petruta ammette di non saper ancora leggere o scrivere. Ma non è un'eccezione - ci sono migliaia di bambini come lei in Romania. Questa giovane vive nella piccola città di Dumbraveni nella regione di Sibiu, un povero distretto ostile ai Rom. Circa 150 bambini vivono lì attorno. Oltre il 90% va alla Scuola Speciale - Centro per l'Insegnamento Inclusivo, che il Ministero dell'Educazione ha costruito per i bambini ritardati fisicamente o mentalmente. Attualmente, solo i bambini Rom ci vanno, anche se nessuno di loro è disabile.

Superficialmente, questa situazione sembra soddisfare genitori, autorità locali ed insegnati. I bambini che vanno in queste scuole hanno un certificato che li dichiara handicappati. Questo permette di ottenere il doppio degli assegni familiari - 14 €uro al mese. La maggior parte dei genitori non ha altre fonti stabili di reddito.

I bambini stanno nella Scuola Speciale mattina  e pomeriggio, dove ricevono attente cure dagli insegnanti. Hanno anche pasti gratis ad ora di pranzo. L'autorità locale è contenta, perché questo significa che i bambini Rom "durante il giorno sono curati".

D'altra parte, i bambini non sviluppano nessuna abilità che li possa aiutare ad ottenere una solida educazione. Alla fine della scuola, in pochi sanno leggere o scrivere il rumeno.

La maggior parte di questi bambini sono forzati in questo sistema. A causa del loro retroterra e vita a casa, se andassero in una scuola normale, avrebbero scarse possibilità di eccellere. Inoltre, quando per due volte in fila non passano l'anno sono espulsi, come qualsiasi bambino rumeno.

Metà della comunità di Dumbraveni non ha elettricità. I bambini non hanno un posto dove fare i compiti. Molti di loro sono anche denutriti - specialmente se non hanno accesso a pasti caldi. In pochi possono permettersi di comprare libri, penne o quaderni.

Se espulsi da una scuola tipica, devono avere una seconda possibilità attraverso il Centro per l'Insegnamento Inclusivo e le sue Scuole Speciali. Ma a Dumbraveni, molti bambini Rom iniziano il loro primo grado all'età di 7/8 anni direttamente nelle Scuole Speciali.

Autorità contente

Tutte le parti coinvolte dai capi scolastici al medico di famiglia "consigliano" i genitori Rom a mandare i loro figli direttamente alla Scuola Speciale. Sono valutati psicologicamente da una Commissione Distrettuale. Poi, di solito, nove su dieci di questi bambini ricevono un certificato che li dichiara handicappati, che permette loro di frequentare la Scuola Speciale.

Vasile Prodan, lo psicologo scolastico, discerne che i bambini Rom non sono "equipaggiati mentalmente" come gli altri bambini. "Non vanno all'asilo d'infanzia e non ricevano alcun tipo di educazione dai loro genitori," dice.

Anche le autorità dicono che la situazione discende dalla comunità Rom stessa. "Questi bambini non vogliono andare alla scuola normale," dice Traian Dur, sindaco di Dumbraveni. "E gli altri bambini li deridono perché sono sporchi, e ciò li rende insicuri. Così vanno alla Scuola Speciale. Qui si sentono bene perché ci sono solo Rom della stessa provenienza."

Nonostante la natura illegale della cosa, le autorità locali e centrale sono d'accordo che, da una prospettiva sociale, è uno scenario realista.

"Non ci sono abusi commessi a Dumbraveni, ma questo non significa che stiamo affrontando una situazione ideale che, infatti non credo sia unica," dice Diana Trenchea, consigliera del Ministero dell'Educazione. "E' una convenienza per tutti. E non è la prima volta che sentiamo di situazioni dove i genitori usano i loro figli per migliorare la loro situazione finanziaria."

D'altra parte, quando i bambini cresceranno, [...] si ritroveranno a ripercorrere le impronte dei genitori e vivere senza un tetto, elettricità e lavoro - mandando i loro figli nello stesso tipo di istituzione.

Il Ministero infrange la sua stessa legge

Una delle OnG più attive specializzata sui problemi Rom, RomaniCRISS, ha compilato una protesta al Consiglio Nazionale per Combattere la Discriminazione, ammonendo che, nei casi come quello di Dumbraveni, esiste una forma di apartheid educazionale.

"Segregazione è la separazione fisica dei bambini basata sul piano etnico e non quello linguistico," dice Marian Mandache, capo del Dipartimento dei Diritti Umani di RomaniCRISS. "Abbiamo esempi di segregazione in tutto il paese, nel distretto di Dolj, a Cluj, Mures, Harghita, Neamt e Iasi. Ma nel caso Dumbraveni c'è un chiaro segno di infrazione della legge, perché solo i bambini portatori di handicap possono andare in una scuola per handicappati." Mandache dice che spetta al Ministero dell'Educazione correggere la situazione.

Una soluzione sarebbe un compromesso educativo, una somma di denaro che lo stato donerebbe alle famiglie come incentivo per mandare i loro figli nelle scuole normali e per tenerli lì.

"Manca la volontà politica per risolvere i problemi Rom in questo paese," dice Mandache. "I politici hanno i soldi per costruire la Cattedrale della Redenzione e possono far riparare le strade ogni anno. Ma non hanno soldi per aiutare dei poveri bambini."

Ma per Gelu Duminica, direttore esecutivo dell'OnG Agentia Impreuna, non è questione di razzismo. Dice che il Governo manca di volontà di cambiare lo stato dei segmenti più poveri in generale, e non dei Rom in particolare.

"La gente povera  è facile da prendere in giro" dice Duminica. "Se l'autorità locale dona del cibo prima delle elezioni, avranno indietro i loro voti."

Il Governo ha allocato due miliardi di €uro dai fondi europei per i prossimi sette anni per risolvere il problema delle categorie svantaggiate come gli handicappati, i Rom e le persone di oltre 45 anni.

Un altro problema è la trappola sociale che attanaglia alcune famiglie povere - che danno figli alla luce soltanto per i 230 €uro mensili che lo stato garantisce per i primi due anni di vita. Ma cosa succede quando tutti i figli hanno più di due anni? Mircea, padre di 34 anni a Dumbraveni, ha cinque figli, quattro dei quali maggiori di due anni. A malapena ma tutti mangiano.

"Lo stato ci ha chiesto di fare bambini quando la natalità andava sostenuta," dice "e se lo 'Zingaro' non ha un posto per lavorare, allora fa figli, così può mangiare."

Traian Dur, sindaco di Dumbraveni, un politico locale rispettato dalla comunità Rom, dice che i Rom hanno bisogno di maggiori opportunità di lavoro. Questo risolverebbe il problema. Ma nella città non c'è lavoro per loro. "Il giorno stesso che i Rom vengono pagati, spendono tutto al bar più vicino," aggiunge.

Occorre un moviemnto a tenaglia - educare nel contempo tanto i Rom che il resto della società. Gelu Duminica ritiene che occorra focalizzarsi non sulla scuola di per sé e sull'educazione statale, ma nell'educare i genitori Rom, gli insegnanti e la maggioranza rumena nel cambiare le loro percezioni.

"Ci sono molti stereotipi, come nel fatto che tutti gli 'Zingari' siano cattivi o rubino," dice Duminica. "La maggioranza dovrebbe imparare, meglio se in corsi sponsorizzati dalle scuole pubbliche, a superare i propri pregiudizi e comprendere che i Rom sono come tutti gli altri uomini o donne." Dall'altro canto, i genitori Rom hanno bisogno di consulenza su come fare le migliori scelte per i loro bambini e capire i benefici dell'educazione, mentre gli insegnanti dovrebbero imparare come trattare i bambini che arrivano da famiglie povere, o da una cultura o un'etnia differente.

La scuola dell'infanzia

I bambini Rom di solito non frequentano gli asili nido.

Questo significa che non hanno un'educazione formale prima dei sette anni - quando per legge devono andare a scuola. Senza una scuola d'infanzia dietro di loro, questi bambini non sono abituati, ad esempio, a rimanere seduti per 50' o come usare una penna. La maggior parte del tempo, si trovano in una situazione scomoda. Dopo poche settimane, rifiutano di andare a scuola. Alcuni studi sociologici hanno mostrato che i bambini Rom sono abituati a ricevere molto affetto dalle loro famiglie, specialmente dalle madri. Nel primo grado dell'istruzione trasferiscono questo affetto verso gli insegnanti. I maestri devono conoscere queste informazioni, così che possano capire il retroterra dei loro alunni.

Se niente cambia, le situazioni come quelle di Dumbraveni continueranno.

[....]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 06/10/2007 @ 09:39:39, in blog, visitato 1374 volte)

Modena, perchè il Comune paga la bolletta delle famiglie sinte?
Pubblichiamo un sintetico resoconto del dibattito avvenuto alcuni giorni fa nel Consiglio Comunale di Modena, durante la discussione della delibera sulle variazioni di bilancio. Le discussione che ne è scaturita tra Giunta Comunale e opposizione riguarda essenzialmente il costo delle utenze di energia elettrica del cosiddetto “campo nomadi” di via Baccel...

Legittimo razzismo
Ci mancava solo questa… un bellissimo articolo del Corriere per confermare quello che i pregiudizi e gli stereotipi nazionali avevano già lasciato presagire da tempo: gli immigrati sono la causa principale di criminalità in Italia. Ma non si tratta di un luogo comune… no, no!...

Il Corriere della Sera e l'invasione dei razzisti
Il 29 settembre 2007 il Corriere della Sera ha pubblicato un articolo di fondo firmato dal decano dei giornalisti italiani, Alberto Ronchey. Prima pagina, due colonne in testata. Titolo: "L'invasione dei nomadi". Per nomadi (un po' grossolanamente, perché in grandissima parte l'aggettivo è sbagliato) Alberto Ronchey intende...

Roma, il Prefetto chiede lo stop ai mega "campi nomadi"
"Mille persone in un solo villaggio sono troppe". Ha dubbi, il prefetto Carlo Mosca che ha sostituito Serra dal 3 settembre scorso, sull'iniziativa di "solidarietà" annunciata dal Campidoglio sui “mega campi nomadi” previsti dal consiglio comunale: dovrebbero essere quattro "villaggi", di cui non è stata ancora specificata l'ubicazione, ma che andrebbero a posizio...

Torino, la memoria rimossa
L'Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza sta preparando per i giorni fra il 16 e il 19 ottobre 2007 un'iniziativa a Torino sull'occupazione italiana della Jugoslavia dall'aprile 1941 all'otto settembre 1943, dal titolo: la memoria rimossa, l'occupazione italiana della Jugoslavia (1941 - 1943)...

Scrivi anche tu al Corriere della Sera
Invitiamo i lettori di sucardrom a prendere posizione contro la deriva xenofoba e razzista che sempre più caratterizza la rappresentazione mediatica dell’immigrazione e soprattutto dei Rom rumeni. Ci riferiamo in particolare a “l'invasione dei nomadi”, editoriale a firma di Alberto Ronchey pubblicato in prima pagina dal Corriere della Sera, sabato 29 settembre scorso...

Alleanza Nazionale: l'Italia? Il Paese dei campi!
“In Europa, l’Italia è conosciuta come il Paese dei campi rom. Le situazioni di agglomerati di baracche, spesso senza luce, acqua, gas e soprattutto senza controlli non esistono in altre nazioni”. A lanciare l’allarme è il capogruppo di An al Parlamento europeo, Roberta Angelilli. Dati alla mano, Angelilli parla della situazione della capitale, ma allarga il suo discorso a tutto il Belpaese...

Intolleranza zero: la città per tutti e per tutte
La Rete del Nuovo Municipio invita a partecipare all’assemblea di amministratori locali e soggetti sociali «Intolleranza zero: la città per tutti e per tutte» che si svolgerà a Roma la mattina del 20 ottobre dalle 10 alle 13, in modo da permettere ai partecipanti di essere alle 14,30 in piazza Esedra per la manifestazione nazionale. Sede dell’incontro sarà la nuova redazio...

Toscana, il superamento dei "campi" è l'obiettivo fondamentale
Il dibattito del Consiglio regionale sui Rom in Toscana si è concluso con l'approvazione della mozione sottoscritta da Pd, Verdi, PdCi, Sd e Rc, sulla quale lo Sdi si è astenuto. Respinte le mozioni dell'opposizione di centro destra (FI, An, Udc, Af) e quella dello Sdi. Nella mozione approvata si sollecita, fra l'altro, il Parlamento a dotare gli enti locali di adeguate risorse finanziarie per affrontare il problema...

"Fuori i Rom"... è il nuovo grido di battaglia
"L’invasione dei nomadi", titolava l’altro giorno il Corriere della Sera l’articolo di fondo di Alberto Ronchey. E l’impressione che dava era di una minaccia più che incombente ormai presente, come nella storia degli "ultracorpi", dal film di Don Siegel, dove gli ultracorpi non erano che quei baccelli giganti che espellevano alieni dalle sembianze umane. Tutti comunisti peraltro, mostruose creature che sotto false spoglie si insinuavano nel no...

Bolzano, il "campo nomadi" della Spaghettata
Vorrebbero lavarsi, ma manca l’acqua calda. Vorrebbero servirsi dei gabinetti, ma sono intasati da settimane. A pochi metri dalle roulotte, una fogna a cielo aperto: un laghetto lungo almeno 50 metri. Topi e rospi ovunque. I Sinti hanno fatto presente la situazione, più e più volte, ma il Comune - raccontano - non si è mosso. «Non vogliono spendere altri soldi, perché il campo dovrebbe essere smantellato».
Un lezzo terribile, a pochi metri da...

Ascoli Piceno, mano pesante del giudice monocratico per Marco Ahmetovic
Sei anni e sei mesi di reclusione per Marco Ahmetovic, il rom di 22 anni che la sera fra il 22 e il 23 aprile travolse con il suo furgone e uccise quattro ragazzi di Appignano del Tronto: Eleonora Allevi, Davide Corraddeti, Alex Luciani e Danilo Traini, non avevano neppure compito 18 anni. La sentenza, pronunciata dopo meno di un'ora di camera di consiglio, supera la richiesta del pm che aveva chiesto quattro anni di reclusione e 20 giorni di arr...

La furia cieca è qui...
Ed ecco che arriva come un fiume anche Beppe Grillo sulla questione Rom rumeni. Dopo aver letto l’esternazione del comico genovese che parla di migrazioni selvagge e di sacri confini, ci chiediamo se davvero siamo nell’anno 2007 del calendario gregoriano. Improvvisamente ci svegliamo da un sogno che abbiamo in parte condiviso con un ebreo che si è estraniato dal ...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/10/2007 @ 08:59:49, in Europa, visitato 1807 volte)

Da Romanian_Roma

Ancora, il Ministro della Sanità Pubblica (MSP) non ha programmi per la comunità Rom, questo perché ritiene che il disagio e la sofferenza non abbiano niente a che fare col retroterra etnico dei singoli. Dal 2001, anno in cui la Romania ha adottato la normativa europea, che proibisce la classificazione su base etnica, non ci sono dati ufficiali sul problema della sanità tra i Rom.

Abbastanza sorprendentemente, gli incaricati statali dicono spesso che i Rom sono il gruppo privilegiato delle strategie governative per promuovere la sanità e combattere la povertà. D'altra parte, non c'è molto che il ministro può fare per la gente di Ferentari. Dice Hanna Dobronauteanu ex consigliera per i problemi Rom nel MSP "Al momento, l'area non è una priorità del MSP. Le cose potrebbero cambiare solamente se l'Autorità per la Sanità Pubblica di Bucarest (ASPB) o alcune OnG identificassero problemi specifichi ed arrivassero ad un piano concreto per migliorare le condizioni dell'area".

Ma ora a Ferentari - nell'assenza di un sostanziale sforzo a lungo termine da parte del governo - solo progetti ed iniziative delle OnG ottengono risultati, limitati nello scopo.

Centinaia di migliaia di euro sono stati spesi per ogni tipo di programmi, dalla lotta alla tubercolosi all'educazione sessuale (per uomini e donne) e piani familiari, prevenzione del cancro al seno ecc. Ma tutto ciò è ancora distante dal raggiungere risultati visibili.

"I programmi portati avanti finora dovrebbero essere soltanto l'introduzione ad una grande, coerente campagna destinata a richiamare i complessi problemi di salute della popolazione Rom di Ferentari. Di certo sono stati molto utili, ma non sempre sono stati focalizzati sui bisogni più stringenti. Dietro, le vere cause, che sono la povertà, la disoccupazione, la mancanza di scolarità" secondo Alina Constantinescu, lavoratrice sociale dell'organizzazione sociale "Doctors of the World". Ammonisce: "Inoltre, da quando la Romania è diventata stato membro della UE, gli USA e gli altri stati occidentali hanno cessato di finanziare progetti, ritenendo la Romania ormai in grado di risolvere i suoi problemi da sola. Cosa di cui dubito..."

Nell'indirizzare le tematiche Rom, il MSP supporta solamente i mediatori sanitari, che sono membri della comunità locale, per facilitare la comunicazione tra popolo e medici.

Perciò, i 500 mediatori sanitari che lavorano in tutta la Romania - tutte donne - devono entrare nelle case delle persone, identificare i problemi e cercare le soluzioni.

Infatti, quello che fanno non è solo occuparsi dei problemi relativi alla sanità, ma anche aiutare i Rom ad ottenere documenti di identità o certificati di nascita o riportare i loro problemi sociali alle autorità.

Anche se, con l'aiuto dei mediatori sanitari, sono state prese misure significative, i problemi sono lontani dall'essere risolti. Primariamente, sono impiegati per un periodo limitato, di solito un anno, e poi i loro contratti di lavoro sono estesi per un altro anno, rendendo il lavoro meno sicuro. Poi il loro salario - pagato dall'Autorità  per la Sanità Pubblica - è lontano dal motivarli, ammontando ad appena 400 RON (Euro 125) o meno al mese. Le comunicazioni con i medici non sempre sono facili.

Inoltre, ci sono problemi legati all'accesso dei servizi sanitari pubblici. Il MSP dicono che sono stati implementati,ma le OnG locali sono di opinione differente. Daniel Radulescu, di Romani Criss, dice: "Anche se ora più persone sono registrate, questo non significa che hanno ottenuto un pari accesso ai ai servizi forniti. Molto spesso, i Rom ci informano che i dottori mostrano attitudini razziste.

Anche Ervin Szekely, segretario statale del ministero, conferma l'esistenza di casi simili. "Siamo stati recentemente informati su una donna Rom che ha consegnato un reclamo per non avere ricevuto adeguata assistenza medica riguardo ai seri problemi avuti con la nascita di suo figlio. Al medico sono state imposte sanzioni, non per un atto di discriminazione, ma per avere mancato nel provvedere adeguata assistenza medica. Così non è stato sanzionato per discriminazione, perché è difficile da provare."

Romani Criss riporta anche istanze di segregazione in ospedale - che in Romania è illegale - ma ammette che casi simili sono difficili da provare. "Discriminazione e segregazione per lungo tempo non sono state tra le nostre priorità. D'altra parte, stiamo pianificando come includere questi fenomeni nel nostro lavoro di ricerca", dichiara Erwin Szekely.

DIVERS - www.divers.ro

Investigation published by Marian Chiriac, editor of DIVERS news bulletin country, and Daniel Ganga, a freelance journalist of Roma origin.

This article is part of the Public Health Journalism and Roma Program, the second edition, coordinated by Center for Independent Journalism Bucharest, and supported by the Open Society Institute – New York.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


14/11/2019 @ 01:40:25
script eseguito in 230 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2724 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source