Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 10/04/2008 @ 09:01:45, in musica e parole, visitato 1340 volte)

Ricevo e porto a conoscenza:

Salve mi chiamo Cosimo e scrivo per segnalarvi un romanzo "Il circo capovolto" di Milena Magnani ed. Feltrinelli che ho visto presentato in forma di reading spettacolo con attore e fisarmonica ( più autrice) due sere fa al teatro Parenti di Milano, nella rassegna racconto italiano.
Finalmente un romanzo che parla in maniera decisa dell'olocausto rom e che al tempo stesso pone il lettore in collegamento con il mondo interculturale di oggi, dove le lingue della nuova immigrazione hanno un ruolo di rilievo.
Essendo ambientato in una baraccopoli, racconta il convivere di persone di diverse etnie che si devono confrontare e misurare su ciò che li unisce e non su ciò che li divide.
Bellissimo è il fatto che l'autrice, oltre alla narrazione in lingua italiana, abbia lasciato idiomi riferibili a cinque diversi ceppi linguistici (non solo albanese, ma anche rumeno, ungherese, ceko, romanes) e che non abbia sentito il bisogno di metterne la traduzione in italiano a fondo pagina. Su questo punto ho avuto modo di ascoltare le sue motivazioni durante la presentazione che ha fatto in mezzo alle straordinarie letture di Andrea Lupo e alla fisarmonica gitana di Sanelli e mi è piaciuto sentirle dire che il senso della storia, e quindi di una trama comune, si afferra e procede al di là che dei personaggi e delle loro culture non si capisca tutto tutto fino in fondo.
E su questo devo concordare che l'intento è pienamente riuscito. Le differenze non sono ostacolo qui ma solo elementi normali della vita intorno a cui si adatta una volontà di comunanza. La storia poi, la trama che il romanzo sviluppa, ruota intorno a un ungherese Branko Hrabal che arriva in questa baraccopoli portando con se i vecchi materiali appartenuti al circo di suo nonno, un circense deportato a Birkenau. Raccontando ai bambini delle baracche la storia di questo magico circo e affidando loro i materiali che ha recuperato, riesce a restituire lai bambini oro un senso e una dignità del loro stare nel mondo e nella storia.
Quasi certamente voi conoscete già questo libro, io sono stato molto colpito dal tipo di presentazione che è stata fatta in forma di spettacolo perchè è stato come fare un'immersione dentro il libro.
Un romanzo così meriterebbe risonanza in luoghi dove si fa cultura di pace.
Se per caso poi non lo conoscevate, spero di avervi fatto segnalazione gradita.

Cosimo

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/04/2008 @ 10:55:04, in Italia, visitato 1428 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

LUCE SU CASILINO 900 - il video http://it.youtube.com/reterom

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/04/2008 @ 09:31:54, in media, visitato 1359 volte)

Agostino Rota Martir segnala un'intervista interessante del vescovo di Pisa (ormai ex), Mons. Plotti sugli accattoni di Firenze, apparso su La Repubblica, pagina regionale.

Una delle voci più coraggiose della Chiesa tuona contro Cioni:
il decoro, che concetto ipocrita
“Quella proposta è un abominio”

Plotti: si cacciano i poveri perché intralciano lo shopping

MARIA CRISTINA CARRATÙ

«Dietro proposte del genere c’è una fìlosofìa terribile: far finta che la povertà non esista».

Monsignor Alessandro Plotti, arcivescovo uscente di Pisa, una delle voci più alte e coraggiose della Chiesa, non ha dubbi: la proposta dell’assessore Cioni sui mendicanti è «un abominio».

Un abominio, sostiene, come lo sono altre proposte che si preoccupano del«decoro» della città piuttosto che delle esigenze dell’umano».

E’ anche vero, però, monsignor Plotti, che un responsabile delle istituzioni deve cercare di contemperare esigenze diverse, sia quelle dei poveri, che quelle di chi ha il diritto alla propria incolumità, soprattutto se debole e sofferente, come la signora caduta a causa del barbone steso sul marciapiede.

«Si, ma la risposta non mi sembra tanto a questa esigenza, quanto a quella di garantire una certa immagine a una città che si offre al turismo, ovviamente in una logica prevalentemente commerciale. L’avversione per i poveri, per chi ‘intralcia’ il passo a chi viene in visita, o a chi cammina per fare shopping, è palpabile ovunque, mica solo a Firenze. A Milano si dà la caccia ai rom in assetto da sommossa, a Pisa perfino delle suore hanno protestato contro il progetto per un dormitorio di poveri vicino al loro asilo, per paura che i bambini si spaventassero».

Secondo l’assessore Cloni, però, dietro l’accattonaggio può esserci un giro di affari, che può far pensare, almeno in qualche caso, a una falsa mendicità.

«Non so, certo che i falsi mendici, che esibiscono una povertà presunta, ci sono sempre stati, la loro è una frode e mi chiedo perché si sia aspettato tanto ad estirparla. Ma non facciamoci fuorviare. La grande maggioranza di chi chiede l’elemosina è fatta di poveri veri, prodotto sempre più numeroso, fra l’altro, della stessa società che poi li perseguita, e che non sanno realmente come vivere. E come si può pensare che un concetto ipocrita come il decoro, un certo perbenismo di maniera, possano ispirare una qualunque iniziativa efficace riguardo a bisogni reali, concreti, spesso drammatici?».

Lei, allora, dovesse dare un consiglio a un amministratore, cosa gli suggerirebbe?

«Intanto è indispensabile che non una sola istituzione pubblica, ma tutte quante, e con la Chiesa in prima linea, lavorino insieme. Quindi, bisogna partire da un punto di vista totalmente diverso: pensare di avere davanti non un problema di decoro, ma un problema umano. E che ogni persona ha diritto di venire avvicinata, ascoltata, compresa, prima che allontanata. Ma per far questo ci vogliono squadre di operatori che vadano in giro, e soprattutto strutture per accogliere chi, certamente, va prima o poi tolto dalla strada. Nessuno ama chiedere l’elemosina, ma per impedirglielo bisogna offrirgli un’alternativa, non limitarsi a sperare che non si faccia più vedere, ciò che fra l’altro è del tutto illusorio. La cittadinanza deve essere sempre e comunque accogliente, non solo a certe condizioni».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/04/2008 @ 08:58:30, in Italia, visitato 1234 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

DICHIARAZIONE DI ANTONIO SCLAVI, PRESIDENTE DI UNICEF ITALIA SU SGOMBERO BAMBINI ROM A MILANO

Roma, 2 aprile 2008 - “Quale progetto di vita per quei bambini e quelle famiglie sgomberate dal campo rom a Milano in via Bovisasca? Perché ad uno sgombero previsto risulta difficile individuare alternative altrettanto prevedibili? Lo Stato italiano, tutto lo Stato ha una responsabilità precisa nel garantire i diritti di tutti i bambini e gli adolescenti a diverso titolo presenti sul suo territorio. E’ questo quanto sancito dalla Convenzione sui diritti dell’infanzia: una responsabilità comune, che attraversa tutti i diversi livelli delle istituzioni competenti.

Il diritto alla vita, alla sopravvivenza e allo sviluppo, il diritto all’istruzione e alla salute dei bambini rom, sinti e camminanti non possono che essere assicurati dalla collaborazione positiva tra tutti i soggetti in campo, istituzionali e non.

La presenza di questi minorenni nei nostri Comuni non può essere trattata come un’emergenza temporanea: occorre che nel Piano nazionale infanzia venga dedicata una parte specifica a definire una strategia nazionale per loro, risorse adeguate, ma anche un Garante a livello nazionale e regionale che sappia rafforzare il sistema di garanzia a loro tutela.

La Convenzione ONU del 1989, ratificata dall’Italia, ribadisce l’uguaglianza fra tutti i bambini come principio cardine e sottolinea come l’interesse superiore del bambino debba sempre prevalere su ogni altra considerazione.

E’ l’ennesima circostanza, questa, in cui l'UNICEF rinnova l’ appello al Governo, ai politici e ai media affinché si adoperino attivamente al superamento dei pregiudizi per contrastare la diffidenza e il razzismo diffuso verso la più vasta minoranza etnica in Europa, che conta tra gli 8 e i 10 milioni di appartenenti.

In uno stato di diritto la sicurezza affidata alle forze dell’ordine non può prescindere da interventi a favore della sicurezza sociale. Per un bambino, per ogni bambino, ‘essere al sicuro’ equivale a ricevere protezione e rispetto per la propria dignità.”

Per maggiori informazioni: Ufficio stampa UNICEF Italia, 0647809233/287 – 335 333077, press@unicef.it, www.unicef.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/04/2008 @ 08:55:58, in casa, visitato 1828 volte)

Da British_Roma

Lucas Dudi non si lamenta della sua vita a Glasgow. "La mia sistemazione è buona. Tutto è a posto. Non c'è lavoro in Slovacchia. C'è lavoro a Glasgow, e così sono venuto qui."

Come molti lavoratori migranti dalla Slovacchia, lavora nell'industria alimentare, con uno stipendio che non gradito a molti scozzesi ma è attraente per chi arriva da paesi dove c'è un alto tasso di disoccupazione. Lavora nel processo alle patate. Altri slovacchi sono impiegati nell'inscatolamento della carne, in altri campi alimentari e nel lavaggio delle auto.

Ma Dudi, che condivide un confortevole appartamento al piano terra con la sua famiglia, è tra i fortunati. Migliaia di lavoratori slovacchi e le loro famiglie sono arrivati a Glasgow nel 2004, quando il  loro paese si è unito alla UE. Molti sono rom - dall'est estremo della Slovacchia, che fuggono da persecuzioni ed esclusioni tra cui la disoccupazione.

La sfida posta ai servizi sociali dell'area sud di Glasgow è stata immensa. Le famiglie migranti hanno richiesto uno sforzo al NHS (Servizio Sanitario Nazionale) e alle scuole, oltre che alla polizia.

Attraverso accordi e collaborazioni molte di queste agenzie dicono che grandi progressi sono stati fatti nell'affrontare i problemi più seri. Ma altri ammoniscono che i rom slovacchi continuano a sovraccaricare riguardo gli slum abitativi e le agenzie di collocamento.

Per paradosso, quando un gruppo pone domande dirette ai servizi locali, i rom tendono ad essere profondamente sospettosi delle autorità ed hanno basse aspettative di aiuto sociale. Ma portano significanti problemi speciali. Per contrasto, ad esempio, gli immigranti polacchi - che tendono ad essere ben organizzati e i cui numeri includono interlocutori di lingua inglese - i rom  slovacchi sono esclusi dalla casa [...] La maggior parte delle agenzie hanno lottato per comunicare con loro e la traduzione rimane il problema più grande.

Diverse agenzie hanno fatto stime differenti sul numero degli arrivati, la cui cifra oscilla dai 1000 ai 3000 individui o forse più. Molti abitano in case affittate privatamente, spesso di dubbia qualità - una situazione esacerbata dal sovraffollamento. In situazioni limite si sono incontrate famiglie di 14 persone in appartamenti a due stanze ed altri che ospitano tre famiglie in un unico spazio. Questo crea problemi in particolare con i servizi sanitari ed i rifiuti.

Anche se di bassa qualità, la casa non è economica. Qualcuno paga sino a 650 sterline al mese per un appartamento base, e queste case sono spesso legate a disoccupazione, con la sistemazione ritirata se il lavoro manca.

Anna Lear, direttrice della Govanhill Housing Association, è allarmata dalla mancanza di politiche sulle condizioni degli immigrati slovacchi. La sua organizzazione ha rinnovato circa 2000 proprietà abitative nell'area, teme che molto lavoro andrebbe perso a causa del deterioramento delle proprietà.

Quest'associazione sta portando avanti una dettagliata ricerca su uno delle quattro strade chiave che forniscono alloggio a molti dei migranti slovacchi, in un quadrato costituito da Calder Street, Dixon Avenue, Westmoreland Street e Annette Street. Sono incluse proprietà davvero povere. Dice Lear: "Abbiamo nuovamente scene di povertà comparabili agli slums degli anni '60".

"In certe case le condizioni sono terribili. La gente continua a pagare 650 sterline al mese per un appartamento con blatte, ratti, insetti o deve si deve cucinare con un fornellino a gas.

Non c'è niente di nuovo, fa notare. Le condizioni erano molto dure prima degli ultimi arrivi. "Abbiamo contato 600 appartamenti sfitti nell'area. I problemi non sono nuovi, ma il cambio della popolazione rendono tutto più difficile."

La popolazione base di Govanhill è di circa 10.000. Così, a seconda che siano qui 1000, 1500 o 2000 rom slovacchi, c'è una crescita tra il 10% e il 20%. Fa notare che "Se avessimo il 20% d'aumento nell'uso della scuola, lavoro sociale, casa e così via, ci sarebbero le possibilità di fare pressione." Ma è la casa l'elemento chiave: "Vorremmo vedere i governi locali e centrali impegnarsi per ammodernare le rimanenti proprietà."

Basta dare un occhio ai due lati di Allison Street, la via pubblica principale di Govanhill, per scoprire le condizioni degli edifici. Una finestra si apre al cielo, con la pioggia che cade sulle scale ed un gruppo di piccioni vi staziona. Gran parte della scala è coperta di escrementi d'uccelli.

Mucchi di rifiuti, confezioni di giocattoli e tubi che escono dal suolo non sono rari nelle corti interne. Qualcosa o qualcuno ha fracassato le finestre, con le inferriate della scala tagliate e "fissate" con compensato. Altri hanno messo un avviso comunale sulla presenza di veleno per ratti.

Gli slovacchi condividono gli spazi con alcuni residenti locali meno desiderabili. I graffiti indicano il mari di aghi scartati probabilmente lasciati da alcune persone indigene.

Il consiglio ha difficoltà nell'affrontare il sovraccarico dei residenti che, per paura di perdere le loro case, colluderanno spesso con i proprietari nel fornire dati imprecisi [...]

Lentamente si affrontano i problemi di comunicazione. La Govanhill Housing Association ha ingaggiato uno studente slovacco dell'Università di Glasgow per sviluppare il lavoro. Nel frattempo, altre due slovacche, Lydia Zelmanova e Marcela Adamova, sono stati impiegati da Oxfam e dalla Glasgow Braendam Link per aiutare le famiglie migranti nell'accedere ai servizi e offrire loro aiuto per l'emergenza. Anche se Zelmanova è tornata in Slovacchia il mese scorso, le posizioni sono state formalizzate e la Community Health Care Partnership ha assunto la direzione dei lavori, impiegata da NHS e il suo rimpiazzo è in divenire.

Prima di lasciare, Zelmanova ha detto a The Herald che le lacune nel sistema stavano conducendo alla frode e allo sfruttamento. Anche se gli interventi sono principalmente intesi per affiancare i servizi sociali e sanitari, la maggior parte degli interventi richiesti riguarda il  lavoro. Dice: "La gente pagherà per ottenere il lavoro per diverse settimane, ma allora non ce ne sarà più. E' stato detto loro che se desiderano un secondo lavoro debbano pagare £50-200."

Zelmanova aggiunge quanto le frodi fossero comuni. I lavoratori la cui occupazione termina sono rimandati a casa, dice, mentre alcune bande di malavitosi continuano ad esigere i benefici quali gli accreditamenti di imposta sui figli. Adamova ha detto che parecchi casi sono stati segnalati all'autorità.

Dicono i lavoratori slovacchi che questi problemi vengono affrontati dando lezioni di inglese, così che siano meno dipendenti dai loro sfruttatori. Questi corsi sono offerti, ma la richiesta supera l'offerta.

Adamova dice che pure la sistemazione è un problema arduo da affrontare, parzialmente perché i migranti tollerano condizioni peggiori dei locali. "Molto slovacchi non direbbero di vivere in sovraffollamento, perché per noi è comune da tre generazioni vivere in due stanze."

D'altra parte, i lavoratori credono che i proprietari siano degli sfruttatori. Molti non hanno contratto d'affitto e le somme richieste sono alte. "Se termina il lavoro, l'agenzia non pagherà l'affitto," spiega Adamova. "Per terminare, abbiamo degli homeless."

Mike Dailly, della Govan Law Centre, dice che finché non ci sono soluzioni complessive, la legge dovrebbe essere in grado di fornire una vita migliore ai lavoratori migranti. Questo è il motivo per cui si srta progettando un centro legale a Govanhill, dice."Gli avvocati non hanno tutte le soluzioni ma la gente ha i suoi diritti."

C'è molta manipolazione ed i Rom stanno tollerando le condizioni degli slums. Molta gente è cosciente dei limiti dei problemi. Sono membri di un'etnia che negli anni è stata un capro espiatorio e non vogliamo che questo succeda a Glasgow.

I programmi per il centro legale hanno una solida base e potrebbe essere in servizio in una coppia dei mesi se si potesse assicurare un contributo finanziario sufficiente.

Spiega Dailly che se il centro aiuterà i migranti slovacchi, sarà comunque a disposizione per chiunque abiti l'area. "Srà er chiunque secondo i nostri criteri si trovi in stato di necessità." Questo approccio dovrebbe mitigare le tensioni sociali, ragiona Dailly.

Una delle sfide per la polizia è data dagli atteggiamenti sociali differenti dei rom e degli altri residenti di Govanhill. In particolare, molte delle famiglie slovacche gradiscono riunirsi sulle vie nella prima sera e più tardi nella notte, non causando danni ma disturbando altri residenti.

Tutte queste cose assieme creano tensioni sociali e dividono la gente," dice Dailly. "La comunità può declinare se non è indirizzata."

By STEPHEN NAYSMITH, Society Editor

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/04/2008 @ 09:44:31, in Europa, visitato 1537 volte)

Da Roma_Francais

I Sulejmani  vivono ad Herbiers da più di un anno. La loro domanda d'asilo rifiutata, queste vittime dimenticate della guerra del Kosovo non immaginano di dover ancora ripartire. E per andare dove?
La famiglia Sulejmani lasciò il Kosovo nel 1999. "Come molte altre case dei Rom, la nostra fu bombardata", dice il padre Bun Sulejmani, 47 anni. Oggi, l'avvenire della famiglia è di nuovo incerto.

I Sulejmani abitavano a Mitrovica. "Prima della guerra, vivevamo bene in Kosovo. Avevamo una drogheria, non c'erano problemi. Ma oggi, i Rom non sono più accettati da nessuna parte. Siamo come palloni da football."

I Rom sono le vittime dimenticate della guerra che ha devastato il Kosovo alla fine degli anni '90. Una minoranza presa nella tenaglia del confronto che opponeva Serbi ed Albanesi. Oggi, i Rom restano indesiderabili in questo paese divenuto indipendente lo scorso 17 febbraio. "Prima della guerra, c'erano circa 144.000 Rom in Kosovo," completa Yvon Albert che insegna il francese alla famiglia Sulejmani. "Oggi, non ne restano che il 10%"

Attorno a Yvon Albert, nell'appartamento della famiglia messo a disposizione dal Centro d'accoglimento dei richiedenti asilo (CADA), si sono raggruppate una dozzina di persone. Sono cittadini di Herbiers sensibili alle sorti di questa famiglia. "I bambini vanno a scuola, i genitori imparano il francese. E' una famiglia molto unita, che chiede di integrarsi. Una petizione recentemente lanciata ha raccolto 1.500 firme."

Bun e Sheribana hanno sei figli. Quattro di loro vivono a Herbiers. La più giovane, Ikbal, ha 11 anni. Frequenta la scuola del quartiere, ha lasciato il Kosovo che aveva 3 anni. "Non mi ricordo di quel paese. Io, voglio restare in Francia, continuare ad andare a scuola."

Dopo il bombardamento della loro casa, la famiglia s'è ritrovata in un campo a Podgorica, nel Montenegro. "Gli otto membri della famiglia ci sono restati per otto anni, min una baracca grande come una stanza," dice Geneviève Cantiteau, dell'associazione Actif, che milita per i richiedenti asilo. "Alimentazione e cure erano aleatori." La famiglia è riuscita infine a pagare uno spallone che li ha condotti in Francia. Dopo aver soggiornato in diverse città, sono arrivati ad Herbiers nell'aprile 2007.

"Là, abbiamo seguito la prassi abituale," illustra Geneviève Cantiteau. "La loro prima domanda di regolarizzazione è stata rifiutata. Ugualmente per il ricorso. Sembra per ragioni amministrative."

La famiglia dovrà lasciare l'appartamento entro il 10 aprile. Ha indirizzato un ultimo ricorso alla prefettura della Vandea. E' l'ultima possibilità. "Vogliono che ritorniamo in Kosovo, ma non è possibile," continua il padre della famiglia. "L'indipendenza non cambia niente per noi Rom. I Serbi ci detestano, gli Albanesi pure. Non abbiamo nessun posto dove andare."

Sua moglie Sheribana, silenziosa sino a questo momento, alza le braccia e gli occhi al cielo. "Meglio morire che rientrare in Kosovo."

E' stata pubblicata su Internet una petizione: http://www.educationsansfrontieres.org/

[...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 05/04/2008 @ 21:01:07, in blog, visitato 1316 volte)

Firenze, caccia ai mendicanti
Firenze vorrebbe essere civile, ma da molti anni ha intrapreso una strada di abbrutimento culturale e di appiattimento del suo storico senso civico. È importante dirselo. Se vi fosse un racket della mendicità, non si capisce la necessità di dover fare ordinanze ad hoc, visto ch...

Milano, violenza di Stato
Sono le 6.30 del mattino quando la colonna dei blindati della polizia si affaccia su via Bovisasca. All´interno dell’insediamento, oltre la recinzione, una piccola folla di donne e bambini sta finendo di caricare i bagagli sui carrelli della sp...

Milano, scoppia la polemica dopo lo sgombero...
Donne, neonati, bambini e vecchi sgomberati da via Bovisasca vagano come anime perse lungo i binari della ferrovia e sotto i ponti della circonvallazione, tra viale Monteceneri e via MacMahon. E mentre i Rom, disperati e ammutoliti, cercano un riparo e implorano i vigili di poter mettere a te...

Milano, una Città che odia
Milano ha dimostrato in questi giorni cosa significa la parola razzismo. Il Sindaco Moratti, insieme al Prefetto, stanno perseguendo una logica di "pulizia etnica" per sfinimento contro intere famiglie di Rom rumeni. L'Expo ha bisogni di spazi e di pulizia e come direbbe Bauman: la Morat...

Milano, il Prefetto cerca di salvarsi offrendo soldi
Ci hanno già provato e fallito due volte. In Svizzera è finita in rissa, nel Pavese in ressa: con gli aspiranti beneficiari a picchiarsi su chi dovesse avere la precedenza e con frotte di rom che partivano dalla Romania, arrivavano e intascavano. A M...

Rom e Sinti, la partecipazione politica
Nazzareno Guarnieri è candidato al Consiglio Comunale di Pescara nelle elezioni amministrative 2008. La sua candidatura è rappresentativa della minoranza Rom in Abruzzo non solo perchè Nazzareno Guarnieri è un Rom, ma perchè da tanto tempo e ...

Questo è il colmo...
Questo è il colmo, accusano gli “zingari” di lasciare dei segni, quando girano per le case a chiedere l’elemosina; dei segni per svuotare più tardi le stesse case. Questo è proprio il colmo! Non sapendo più che c...

Roma, il Comune caccia i Rom ma accoglie i gatti
Continuano gli sgomberi in diverse parti del Paese, gli ultimi in ordine di tempo a Milano, Roma e Reggio Emilia. Oramai la stampa in moti casi non li segnala più ma ha segnalato un fatto interessante accaduto a Rom...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/04/2008 @ 09:16:17, in Italia, visitato 1402 volte)

LA SINISTRA L’ARCOBALENO

Martedì 8 aprile 2008 dalle ore 18 alle 20.30
presso la Camera del Lavoro di Milano corso di Porta Vittoria 43

In occasione della GIORNATA INTERNAZIONALE DEL POPOLO ROM

Presentazione di:
RACCOMANDAZIONE del CERD
(Comitato ONU per l’eliminazione della discriminazione razziale)
a cura di MAREK HOJSIK, Chore (Centre on housing rights and evictions)

RAPPORTO SULL’ANTIZIGANISMO IN ITALIA
prodotto da OsservAzione, CHORE, ERRC (European roma rights centre)
a cura di PIERO COLACICCHI,

Interventi di
MARIO AGOSTINELLI, capogruppo PRC in Regione
CHIARA CREMONESI, coordinatrice Sinistra democratica
CORRADO MANDREOLI, Camera del lavoro Milano
DIJANA PAVLOVIC, attrice
TOMMASO VITALE, sociologo, Università Bicocca
Coordina: Paolo Cagna Ninchi, associazione Upre Roma

Partecipano e intervengono:
Comitato Rom e Sinti insieme, Coordinamento Rom di Milano,
rappresentanti dei campi Rom di Milano

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/04/2008 @ 09:27:59, in Italia, visitato 1169 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Nemmeno l’Europa, nonostante le sanzioni e le denunce, era riuscita a sollevare così fulmineamente il dibattito politico sulla questione Rom in Italia, dibattito a cui ognuno vuole partecipare più per visibilità e tornaconto elettorale che per un reale interesse ad affrontare la gravissima e vergognosa condizione delle famiglie rom, in cui vengono ignorati i più elementari diritti.

Ma, mentre la Curia di Milano, dopo l'abbattimento di 187 baracche, ha sentito l’obbligo morale e cristiano di muovere pesanti critiche ai raid nelle baraccopoli, in molte altre città e regioni, continuano con la medesima crudeltà gli sgomberi e gli allontanamenti nell’indifferenza e nel silenzio assordante delle Istituzioni e dei massmedia.

RomSinti@politica rivolge un appello a tutti i partiti affinché la problematica rom in Italia venga affrontata con serietà, determinazione e concretezza, coniugando legalità e sicurezza con solidarietà e rispetto delle regole tra persone che convivono nello stesso territorio.

RomSinti@politica chiede giustizia anche per tutte le minoranze Rom e Sinte in Italia attraverso la partecipazione politica degli stessi Rom e Sinti che possano dare voce ad un popolo costretto a subire le decisioni e le scelte di altri non appartenenti alla nostra comunità.

In questi ultimi anni la problematica rom, insieme a molte altre questioni irrisolte , non solo è stata ignorata, ma utilizzata e strumentalizzata per fini propagandistici al servizio di una politica ipocrita ed incapace di affrontare e risolvere i problemi.

A tutt’oggi molti rom e sinti devono modificare il loro cognome per sfuggire alla discriminazione razziale, in nome di quella “tolleranza zero” sbandierata indiscriminatamente e non utilizzata invece per colpire i veri criminali.

Il rinnegare il proprio cognome quasi per liberarsi di un’appartenenza troppo ingombrante è solo uno degli esempi a cui le minoranze Rom e Sinte devono ricorrere se vogliono lavorare, acquistare un’abitazione o inserire i loro figli a scuola senza pericolo che siano discriminati.

Per governare le città, non servono fossati che dividono cittadini di sere A da cittadini di serie B, ma corrette scelte di politica sociale, culturale ed economica capaci di promuovere l’inclusione e la coesione sociale, evitando che sacche di disagio si trasformino in devianza e illegalità.

Perché candidare proprio un Rom? Perché non candidarlo?

A Pescara la candidatura del Rom cittadino italiano Nazzareno Guarnieri nella lista civica “Pescara futura” è la dimostrazione concreta di una volontà politica che intende trattare la problematica Rom nel segno e nella prospettiva della “NORMALITÀ”, della “NON DISCRIMINAZIONE” e della “SICUREZZA”

Nella lista “PESCARA FUTURA” la presenza del Rom Nazzareno Guarnieri costituisce prova tangibile di una politica che non dovrebbe discriminare nessuno per la sua appartenenza etnica, concetto basilare su cui si fonda legalità e giustizia.

Votare un Rom al Consiglio Comunale di Pescara rappresenta un momento storico importante e un laboratorio anche a livello nazionale (come già avviene in altri paesi europei e come chiede l’Europa); solo in questo modo i Rom possono essere protagonisti e responsabili del loro futuro e della loro vita : I valori hanno coraggio e chi crede nei valori deve esercitare questo coraggio!

AssociazioneRomSinti@politica

Quanti volessero sottoscrivere il seguente documento, sono pregati di indicare il loro nome,cognome,comune di residenza o domicilio, specificando la loro eventuale appartenenza ad un’associazione, ad un Ente o altro

http://coopofficina.splinder.com/post/16591437#more-16591437

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/04/2008 @ 09:00:04, in Europa, visitato 1498 volte)

Da Euobserver

Alcune OnG europee contro il razzismo hanno criticato la Commissione Europea per aver erogato soldi per attività durante l'anno europeo del dialogo interculturale ai governi UE, piuttosto che a chi lavora direttamente per aiutare le comunità minoritarie.

Dice Bashy Quraishy, presidente di European Network Against Racism (ENAR) a Euobserver: "Se la Commissione Europea voleva il multiculturalismo ed il dialogo interculturale, avrebbe dovuto dare almeno metà dei soldi alle OnG che interagiscono con i soggetti reali con cui vogliono creare un dialogo."

La sua organizzazione raggruppa oltre 600 OnG che operano nel combattere il razzismo, la xenofobia, l'antisemitismo e l'islamofobia nei 27 stati membri della UE.

Quraishy, di origini pakistane, dice che se ogni paese scegliesse di spendere i fondi UE secondo la propria definizione di "dialogo interculturale" le minoranze oggetto avrebbero scarse possibilità di essere coinvolte nel dialogo con le comunità maggioritarie.

Si rivolge al suo paese, la Danimarca: "Il governo danese non crede nell'interculturalismo. credono nella cultura danese. Il governo non ha invitatao una singola OnG locale per discutere le attività dell'anno," dice Quraishy.

Ciononostante, ha elogiato la Commissione Europea per la sua iniziativa, sottolineando che ogni iniziativa sul multiculturalismo è utile e che Bruxelles è stata molto più attenta dei singoli stati membri.

D'altra parte, i politici UE dovrebbero richiedere ai governi di spendere i fondi secondo una definizione condivisa delle parole "multiculturalismo" e "dialogo interculturale", prima di dar fondo alla cassa, ha aggiunto.

"La commissione avrebbe dovuto dire: -Per interculturalismo intendiamo che le maggioranze con tutte le proprie risorse e denari interagisce con le minoranze che non ne anno.- Chiedere loro [le minoranze] che tipo di attività vogliono nel programma di dialogo interculturale. Il quadro è completamente differente da quello dei governi," dice Quraishy.

"La mia più grande preoccupazione è che questo tipo di anni, come quello scorso che era quello delle pari opportunità, diventano simbolici, si parla e ci scambiano sorrisi e parole gradevoli," conclude.

Una piccola torta da condividere

L'anno Europeo per il dialogo interculturale ha un budget di 10 milioni di €, da spendere in sette progetti pilota multi-europei e 27 progetti nazionali, che riguardano la cultura, l'istruzione, i giovani, lo sport e la cittadinanza.

Lo scopo è di incoraggiare la comprensione, la tolleranza, la solidarietà e il senso di destino comune tra i popoli di tutte le origini e culture in Europa.

Dei 10 milioni di € garantiti da Bruxelles, il 40% è dedicato alla campagna e altri lavori di pubbliche relazioni per l'anno. Un altro terzo è direttamente investito nel co-finanziamento di progetti nazionali, lasciando soltanto 2,4 milioni di €, divisi tra le capitali europee, per essere liberamente allocate.

"C'è pochissimo denaro da usare quando i fondi sono stati divisi tra i 27 stati membri" dice un incaricato di Bruxelles coinvolto nella pianificazione annuale, spiegando che la difficoltà amministrativa nel dividere tali piccole somme non soltanto tra i diversi governi ma anche con le OnG non valgono semplicemente la pena.

"Sembra ragionevole che la commissione dia il denaro ai governi, considerato che queste somme possono aggiungersi a quelle stanziate nazionalmente per finanziare i differenti progetti," continua.

Dice che diversi stati sono stati scettici nel spendere grandi somme in campagne sui media e altre attività di PR, e avrebbero preferito aver visto i soldi direttamente investiti in azioni concrete sui temi del dialogo interculturale.

"C'è stata una divisione tra paesi che volevano spendere maggiormente in -progetti emblematici- per alzare il profilo e quanti volevano allocare più denaro per i governi e progetti," spiega.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/09/2019 @ 03:41:40
script eseguito in 169 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2450 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source