Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 16/04/2010 @ 09:36:57, in musica e parole, visitato 1520 volte)

Da Roma_und_Sinti

Fondata nel 1985 in un Plattenbausiedlung (una sorta di unità abitativa collettiva ndr) di Berlino Est, Sinti Swing è unica nella storia della Germania Democratica: i suoi membri sono Sinti tedeschi i cui genitori sono in qualche maniera sopravissuti ai campi di concentramento nazisti. La banda suonava in jazz club e festival. Poi cadde il Muro e la banda dovette reinventarsi. Dopo un breve iato, si riformò con alcuni dei figli dei membri originari, incluso il trentatreenne Launenberg. Prima ci fu un nuovo CD, poi venne girato un film sulla band; ora il gruppo revitalizzato suona il suo mix inspirato a Django Reinhardt con grande successo nelle feste jazz d'Europa. Parlando dal loro appartamento a Lichtenberg, Launenberg e Huber discutono delle origini del Sinti swing, della crescita nella Germania Democratica e della loro esperienza  nella Wende (svolta ndr)

Come si sono messi insieme i Sinti Swing?

Janko Launenberg: Qui a Lichtenberg, era il 1985. Fu fondata da uno dei miei zii e mio padre. Lui portò i suoi due fratelli nella banda. E trovarono chi suonava il violino. Era Bernd. Così formarono la banda. Per iniziare, suonarono in molti club. Non per soldi, perché era la DDR. Dovevano avere un permesso ufficiale e per loro era molto difficile, perché uno solo dei componenti della banda era andato a scuola di musica. Erano autodidatti. Dovettero lottare a lungo per un permesso.

E che tipo di esibizioni potevate fare a Berlino Est?

JL: All'inizio, in piccoli club di jazz e ritrovi giovanili. Soprattutto swing. Django Reinhardt.

Ho sentito che c'era qualche difficoltà ad avere registrazioni di Django Reinhardt nella DDR.

JL: nella Germania Est c'era solo una registrazione di Django Reinhardt.

Bernd Huber: Due: una degli anni '60 e una dei '70.

Janko, voi sete Sinti. Quant'è grande la comunità sinti a Berlino Est?

JL: Ce ne sono pochi. Qui a Berlino Est, c'erano cinque o sei famiglie. Nel Magdeburgo, c'erano Sinti. E ad Halle ed Erfurt. Qui non erano in molti.

Com'era essere Sinti nella DDR? Il dogma comunista dell'eguaglianza e del rispetto per le minoranze era una realtà nel quotidiano?

JL: Lo stato non faceva distinzioni: Non importava se eri uno Zingaro: eri un cittadino della DDR. Ma c'erano pochissimi stranieri nella Germania dell'Est, e noi avevamo i capelli e la pelle scura. Non era proprio razzismo, ma la gente si comportava differentemente con chi appariva differente. Era piuttosto difficile: ho avuto problemi a scuola.

BH: Da una parte, tutti eravamo considerati uguali. Dall'altra, nessuno si occupava della storia unica dei Sinti. A scuola era sconosciuta. C'era un famoso libro d'infanzia, Edo und Uko, molto popolare nel Blocco dell'Est ed era su una famiglia sinti. Era una lettura richiesta nella DDR degli anni '70. Ma, nel contempo, la gente non sapeva realmente chi fossero i Sinti e che Janko lo fosse. Ho che avesse relazione con i personaggi del libro. Era un po' contradditorio.

Nel III Reich, mezzo milione di Sinti furono messi a morte. Janko, tu hai parenti morti nei campi di concentramento.

JL: E' vero. I genitori di mio padre furono uccisi. E da parte di mia madre, solo suo padre e sua nonna ne uscirono vivi. Perse otto tra fratelli e sorelle. La maggior parte della nostra famiglia andò dispersa. Saremmo in molti, ma molti di più se non fosse accaduto. Se non fosse stato per Adolf Hitler, qui ci sarebbero molti musicisti: ci sarebbero molti Sinti Swings.

BH: E' una cosa che la DDR non ha mai affrontato. A scuola si imparava del fascismo e dell'Olocausto, ma non di che cosa era successo agli Zingari.

La vostra famiglia ha ricevuto una compensazione dallo stato?

JL: Mio nonno ha dovuto combattere a lungo per la cosiddetta pensione VDN [Verfolgte des Naziregimes (Perseguitati dal Regime nazista, ndr)]. Alla fine l'ottenne, anche mia nonna. Ma ci furono molti Sinti che non ricevettero niente.

Come Tedeschi dell'Est, com'è stata per voi la caduta del Muro?

BH: Domanda difficile. Da una parte, si sapeva che non si poteva andare avanti. Le cose stagnavano. Quando cadde il Muro, naturalmente eravamo felici. Nel contempo, non sapevamo cosa stava per succedere.

Quali furono le vostre prime impressioni dell'Ovest?

BH: Ci andammo un paio di giorni dopo. Fu come fare all'improvviso un salto nel tempo. Quarant'anni nel corso di due minuti. Era attivo. Ogni cosa sembrava un po' differente. Le auto avevano un odore differente: questo divertente, dolce odore. I berlinesi dell'Ovest erano molto aperti.

JL: Appena sapemmo che il confino era stato aperto, l'attraversammo da Warschauer Straße. Avevamo dei parenti che ci incontrarono dall'altra parte. Fu una festa incredibile: non andammo a casa per tre giorni. Ogni notte si dormiva in un posto diverso. C'erano così tanti colori: tutte le pubblicità al neon. Non esistevano nell'Est. Lì ogni cosa era grigia.

Ma dopo tre giorni sul Ku'damm, si capiscono le differenze importanti. All'Est, avevi i soldi ma non potevi comperare niente. All'Ovest, non avevi niente, non avevi denaro per comprare. Dopo tre giorni, avevi la sensazione di aver visto il mondo, di aver visto tutto. Tutto. Tornammo a casa, pensando a noi, a come ottenere una montagna di denaro. Non funzionò. E poi ci accorgemmo che la banda non stava funzionando come nel passato. Prima, tutti ci chiamavano. Ora dovevamo chiamare noi, fare noi la pubblicità. Il nostro appeal esotico se ne era andato.

Così fu un periodo difficile per la banda?

JL: Nella DDR, suonavamo nei migliori locali di tutta la Germania Est. Quando si aprirono i confini, anche Sinti Swing suonò in molti locali superbi. Poi, per molto tempo fu come se la banda non esistesse. Suonammo in un paio di locali. Poi incidemmo un disco, e venne girato un documentario sulla nostra banda. Ora stiamo avendo un nuovo ritorno. Le cose vanno in una nuova direzione. Vediamo gli studenti dei vecchi appassionati di jazz ed i fan di Django Reinhardt.

La musica di Django Reinhardt è ancora valida oggi?

JL: Assolutamente. Naturalmente, ha molto a che fare con gli anni '30 e '40. Ma è senza tempo. Suoniamo di fronte ad un pubblico che non ha mai sentito questa musica prima d'ora. Non puoi spiegarlo - devi solo vedere come reagiscono. E' interessante il tipo di ritmo: le chitarre prendono il posto delle percussioni. Più il mondo diviene moderno, più è attuale Django Reinhardt.

Vi manca niente dei tempi della DDR?

JL: Per prima cosa, la natura semplice delle persone. Il contatto sociale era migliore, davvero. La gente era più amichevole. Oggi, tutto è più freddo ed è un mondo di cane-mangia-cane. "Cosa mi importa di te? Non mi interessi. Sono migliore di te." Tutto ciò non esisteva all'Est. Il sistema oggi non è migliore di quello della DDR. Quando eri ammalato, andavi dal dottore e non dovevi pagare milioni. Oggi quelle cose puoi solo sognarle. Avresti dovuto vedere un festival di strada all'Est negli anni '80. Come partecipava la gente. Era incredibile. La gente era felice. Avevano sicurezza. Erano bei tempi.

Ora ci sono molti Zingari a Berlino. Janko - tu, come Sinto, hai contatti con questi nuovi Rom immigrati dai Balcani?

JL: Non molto. Suoniamo con un paio di musicisti rom, ma abbiamo davvero pochi contatti con questo popolo. Vengono da altri posti. Non ci conoscono. I dialetti sono piuttosto differenti ed hanno uno stile di vita completamente differente dal nostro. Il contatto non viene da lì, pensando che abbiamo un linguaggio comune e che proveniamo dal medesimo posto. Le nostre vite sono troppo differenti.

Qual è la differenza tra Sinti e Rom? Non parlate tutti il romanés?

JL: Sì, ma gli Zingari cresciuti in Ungheria parlano una lingua differente da quelli cresciuti in Germania. Ha a che fare col tempo. Visto in termini di tempo, siamo più avanti di altri.

Gli Zingari dell'Europa orientale hanno portato la loro musica in occidente con grande successo. Vedi una sorta di rinascimento nel campo della musica rom e sinti?

JL: Attraverso questa musica che viene dall'est, la gente sta conoscendo i Rom ed i Sinti. Siamo uno degli ultimi popoli non esplorati. La gente è curiosa.

Voi vivete a Lichtenberg, attorno a Weitlingkiez, conosciuto per essere un posto malfamato e covo della destra...

JL: Era così nel passato, ma ora non più. Arrivano sempre più stranieri e tutti i neonazisti si devono nascondere. Non possono esprimersi apertamente perché ci sarebbero problemi. Ora sta arrivando molta gente da Friedrichshain. Non penso che sia necessariamente un bene. Ma qui c'è pace tra razzismo e multi-kulti.

Siete politicamente attivi?

JL: Non direi. Nelle interviste tentiamo di informare la gente su chi siamo. Non viviamo nelle roulotte e non pratichiamo più la magia.

Ci sono ancora dei pregiudizi?

JL: Naturalmente, ci sono pregiudizi dappertutto. Avevo una ragazza, mi disse "Cosa, sei uno Zingaro? Non può essere! Se solo lo sapesse mia nonna!" Pensava che gli zingari rapissero i bambini e rubassero. Rubare bambini: è il colmo. Ma non mi devo arrabbiare.

Se ti chiamo Zingaro, va bene?

JL: Dipende da come lo dici. Se dici, "swing e musica jazz dello Zigeneur", non è un insulto. Ma se qualcuno dice "Tu Zingaro!" ha tutto un altro tono. E' meglio se si sa distinguere tra Rom e Sinti, e se mi dici "Hey Sinto!"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/04/2010 @ 09:24:19, in Italia, visitato 1310 volte)

MilanoToday La mattina si erano abusivamente insediati in uno dei parcheggi dell'Idroscalo, a Peschiera Borromeo, ma i militari li hanno allontanati. Poi la carovana si è diretta in zona Rubattino, a Milano ma la polizia locale l'ha scortata sulla tangenziale di Redazione - 14/04/2010

Una carovana di 70 rom spagnoli, con una sessantina fra auto e roulottes, si è insediata ieri nel parcheggio sud dell'idroscalo di Peschiera Borromeo. Il campo abusivo, però, è stato subito smantellato dai carabinieri che, in un paio d'ore, hanno identificato i rom e li hanno scortati sulla tangenziale est, seguendoli fino al limite del territorio con il comune Milano.

Ma sulla tangenziale, i rom, erano destinati a tornarci dopo poche ore. Come secondo accampamento (anch'esso abusivo) avevano infatti scelto un'area abbandonata in zona Rubattino, in via Caduti di Marcinelle. La polizia locale di Milano, però, li ha fatti sloggiare, scortandoli fino alla tangenziale fuori Milano.

Un problema, quello dei campi rom abusivi che continua a gravare sulla città e che non ha mancato, nei mesi scorsi, di suscitare attriti a Palazzo Marino. Solo ieri, oltre al campo di Rubattino, sono stati smantellati altri due insediamenti: all'Alzaia Naviglio Grande e alla stazione San Cristoforo.

Il vicesindaco De Corato ringrazia gli agenti della polizia locale e anche i cittadini "che continuano a indicare insediamenti non autorizzati, baraccopoli o edifici dismessi usurpati. Le loro costanti segnalazioni - ha specificato De Corato - segnano la mappa che la Polizia Locale, su autorizzazione del Prefetto, sta seguendo per ripristinare legalità e decoro".

Ma "Senza politiche compensative adeguate gli sgomberi messi in atto da Palazzo Marino non portano a niente - aveva dichiarato il Consigliere comunale del Prc, Patrizia Quartieri, riferendosi allo sgombero di Chiaravalle, lo scorso febbraio. La polemica allora infuriò per i continui rimpalli dei rom sloggiati e intervenne anche la Caritas, per chiedere al Comune di sospendere gli sgomberi nei mesi invernali. Il sindaco Moratti rispose che le leggi "non si possono rispettare a seconda delle stagioni". Adesso è primavera, ancora in attesa di un piano sgomberi adeguato che possa arginare il problema.

Sul tema, recentemente, è intervenuta anche la Comunità di Sant'Egidio, che durante gli sgomberi fa da "ponte" fra i rom e le forze dell'ordine per garantire assistenza: "Le risorse economiche, che ci sono (a disposizione di Milano ben 13 milioni di euro), possono invece essere destinate a garantire una stabilità seria, a soluzioni abitative, percorsi di inserimento, sostegno alle positive esperienze scolastiche, insomma al rispetto della dignità della persona, di cui i rom, come chiunque, hanno diritto".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/04/2010 @ 09:22:20, in lavoro, visitato 1250 volte)

Ricevo da Maurizio Pagani

Fare di una tradizione famigliare un lavoro: è la Sartoria Romanì, un progetto tutto al femminile che offre una via creativa all’integrazione di un gruppo di donne rom.

Il laboratorio, avviato tre anni fa dall’Opera Nomadi, oggi ha anche il sostegno della Fondazione Ismu.

Coinvolge una quindicina di donne dei campi alla periferia di Milano: si inizia con un corso per imparare i segreti di ago e forbici, quindi si avvia la produzione dei pezzi più semplici, come grembiuli e tessili per la casa. Ma oggi le più brave confezionano anche borse e abiti, che rivendono in fiere e negozi. Quale miglior tentativo di inserimento sociale in quella che, per eccellenza, è considerata la Città della Moda?!

guarda il servizio (00:04:15)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Ricevo e porto a conoscenza:

[...] Sono impegnata da molti anni in progetti di solidarietà per le scuole delle enclavi serbe di Kosovo e Metohija. Ora sto organizzando uno spettacolo/evento di danza di cui vi accludo il programma e le finalità. Mi piacerebbe poter contattare un gruppo di danze rom da inserire nel programma (gli artisti sono professionisti, semiprofessionisti, e allievi di danza orientale, danze balcaniche, danze ebraiche, flamenco, tango, ecc. e ballano tutti per beneficenza e a titolo gratuito) per condividere questo momento di gioia e di arte e per promuovere la conoscenza del ricchissimo mondo delle danze e della musica rom (a Venezia ultimamente ho seguito con Lucia Zahara un seminario di danze turco-rom, una bella esperienza) e quindi mi rivolgo a voi per sapere se è possibile. grazie, a presto

Marilina Veca - amiciziaitaloserba@gmail.com

RINASCEREONLUS
"TEMI, RITMI E DIGRESSIONI: DANZANDO NELLE DIASPORE"

Evento organizzato da RINASCERE ONLUS/Progetto AMICIZIA ITALO-SERBA nell’ambito del programma ARCA DI PACE patrocinato da Comunità Montana dell’Aniene e Provincia di Roma
In collaborazione con il Centro Culturale e di Danza “MASIR" Via Cavour 183 A

sabato 15 maggio 2010 ore 20.30
presso il Centro"MASIR" via Cavour 183 A
con ingresso per il pubblico dalle ore 20.00
ingresso per lo spettacolo Euro10,00, devoluto in beneficenza per i progetti allegati

PROGETTO “ARCA DI PACE" 2009 IN COLLABORAZIONE CON PROVINCIA DI ROMA E COMUNITA’ MONTANA DELL’ANIENE.
PER LE SCUOLE SERBE DI
ZUPČE “BLAGOJE RADIĆ" (MUNICIPALITA’ DI ZUBIN POTOK – KOSOVO E METOHIJA)
BRNJAK “PETAR KOČIĆ“ (MUNICIPALITA’ DI ZUBIN POTOK – KOSOVO E METOHIJA)

SCUOLA ITALIANA REFERENTE PER IL GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA DI ZUPČE: “CIRCOLO DIDATTICO TIVOLI 2 “IGINIO GIORDANI" (-ROMA)
SCUOLA ITALIANA REFERENTE PER IL GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA DI BRNJAK: “CIRCOLO DIDATTICO SUBIACO" (ROMA)
SCUOLA ITALIANA REFERENTE PER IL GEMELLAGGIO CON LA SCUOLA “BRANKO RADICEVIC’" DI CERNICA: “CIRCOLO DIDATTICO EDUARDO DE FILIPPO - COLLEVERDE" (ROMA)

E per la scuola per bambini non vedenti “Los Pionieritos"di BEJUCAL Provincia La Habana Cuba.

“Rinascereonlus", presidente Maria Lina Veca, si occupa da anni delle enclavi serbe del Kosovo: fra le attività principali, in collaborazione d’intesa con il Ministero per Kosovo e Metohija della Repubblica di Serbia, con la Provincia di Roma - Comunità Montana dell'Aniene, con le scuola di Roma e Provincia, con l'ambasciata di Serbia a Roma, la partecipazione al progetto "Arca di Pace", che prevede gemellaggi e ospitalità a bambini di scuole in situazioni di disagio, con il patrocinio del Ministero dell'Istruzione italiano. “
Rinascere Onlus con "Arca di Pace" ha posto in essere con successo per la prima volta nel settembre 2007 e per la seconda volta nel settembre 2008 un progetto di ospitalità e gemellaggio fra la scuola "Branko Radičevic’"di Cernica – 35 bambini, due insegnanti e il Direttore della scuola - (Gnjilane) e la scuola Eduardo de Filippo in Colleverde-Roma. L'ospitalità è stata a carico delle famiglie ospitanti, della provincia di Roma e Comunità Montana dell'Aniene, di Rinascere Onlus.

La scuola di Zupče è ubicata nelle vicinanze di Zubin Potok, Nord Kosovo, non lontano da Kosovska Mitrovica, mentre la scuola “Petar Kočić" si trova a Brnjak, dove dovrebbe insediarsi la missione Eulex a controllo di un nuovo “gate" di ingresso nel territorio: in questi villaggi vivono piccole comunità serbe in condizioni di continuo e costante pericolo per la situazione “border line" del territorio e per la presenza di criminalità e terroristi. La scuola “Blagoje RADIĆ", che comprende 8 classi per complessivi 108 alunni, e la scuola “Petar Kočić", che presenta 6 classi per un centinaio di alunni, segnalate e proposte nel progetto “Arca di Pace" dall’Associazione Rinascere Onlus - da molti anni attiva sul territorio a favore della minoranza serba- hanno mostrato grande disponibilità ed accoglienza per costruire una cultura di pace ed attuare un fattivo gemellaggio con l’Istituto “Iginio Giordani", anche al fine di realizzare scambi fra i ragazzi e di offrire ai bambini serbi una opportunità di uscire da quelle “prigioni a cielo aperto" che sono le enclavi. Il problema dei diritti umani per le minoranze non-albanesi, e in particolare per la minoranza serba, in Kosovo e Metohija è tuttora gravissimo. La cosiddetta comunità internazionale continua a chiudere gli occhi di fronte al fatto che una indipendenza illegittima sul piano del diritto internazionale e proclamata unilateralmente dalla maggioranza albanese non può affrontare in modo obiettivo e positivo i problemi di TUTTI gli abitanti di Kosovo e Metohija. Ci sono circa 250.000 non-albanesi, residenti in Kosovo e Metohija, che sono stati cacciati dalle loro case e non vi hanno potuto fare ritorno.

Non si può far passare la sofferenza quotidiana, la mancanza di garanzie, di diritti, di luce, di acqua, di cibo, la vita in prigioni a cielo aperto, per "pacificazione": la cultura di pace che il progetto “Arca di Pace" vuol costruire in Kosovo, come in Bosnia, Cuba, Nepal, Palestina, Israele, Iraq, ecc., è una cultura di pace concreta e solidale, che non può prescindere dai diritti, dalla libertà e dalla giustizia.

La guerra delle parole per ora è stata vinta da chi combatte sul versante opposto della verità.

Non permettiamolo.

Marilina Veca, Presidente Rinascereonlus, progetto ARCA DI PACE

Programma

MILICA OSTOIJC’ giornalista, legge brani di poesie da autori serbi

FRANCESCO ALICINO, attore nel gruppo teatrale in lingua spagnola della Sezione Culturale dell’Ambasciata di Argentina a Roma, legge i testi in italiano.

I TEMPO

DIANA STIVALI Danze dei Dervisci

ANNA DERLIPANSKA GAS GAS

NATALIA IVANNIKOVA FARRUCA

SOMBRA QUEMADA, M.Veca, G. Lasagna EL VITO

IRENE DA MARIO GHIR ENTA danza orientale

JOHANNA NUHN AIRE. Flamenco

GRUPPO MASIR

Barbara Sandroni, Martina Lilli,

Silvia Giovinazzi e Diana Battisti TURK MUSIC

GRUPPO ROM TRADIZIONALE

II TEMPO

MARCELO GUARDIOLA

E GIORGIA MARCHIORI TANGO TEATRO

SOMBRA QUEMADA Marilina Veca VOLVER

SIMONETTA LABELLA AZIZA danza orientale

MARILINA VECA/G. LASAGNA Se villana de la libertad su musica di Paco Peña

NATALIA IVANNIKOVA

MILICA OSTOIJC’ giornalista, legge brani di poesie da autori serbi

FRANCESCO ALICINO, legge i testi in italiano.

GRUPPO DANZE EBRAICHE di Eli Sasson

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/04/2010 @ 09:38:45, in Europa, visitato 1148 volte)

Da Hungarian_Roma

Brno, 7.4.2010, 22:10

Un nuovo memoriale commemorerà il sacrificio di 12.000 Ebrei e centinaia di Rom a Brno che perirono nei campi di concentramento della II guerra mondiale. La città intende erigere il memoriale delle vittime dell'Olocausto in Náměstí 28. října (piazza 28 Ottobre). Secondo il vicesindaco Daniel Rychnovský (cristiano democratico), la città sta formando la commissione che giudicherà i progetti. Rychnovský ha detto ai giornalisti che la città spera di ricevere i progetti per il memoriale entro la fine di settembre.

Un gruppo di esperti che include rappresentanti delle comunità ebrea e romanì sta valutando la composizione della commissione. Il memoriale sarà eretto nel parco sulla piazza, che recentemente è stata modificata. "Lì c'è una stanza per una scultura," ha detto Rychnovský. La data dell'installazione, la dimensione del memoriale ed il suo costo dipenderanno dai risultati del concorso. Il risultato dovrebbe essere noto per la fine dell'anno.

Attualmente non esiste un monumento alle vittime dell'Olocausto a Brno, anche se quegli eventi sono scritti nella storia della città e nella vita dei suoi abitanti. Dopo la guerra, 12.000 Ebrei non sono più ritornati a Brno dai campi di concentramento, e vi rimasero lì solo poche centinaia. "Ogni volta che ci inorgogliamo della villa Tugendhat, che è un monumento patrimonio dell'UNESCO, dobbiamo sempre ricordare che venne costruito da proprietari ebrei," ha detto il vicesindaco.

Negli anni recenti sono stati eretti diversi memoriali che commemorano storie e personalità del XX secolo. Questa settimana verrà svelata alla facoltà di legge una statua del presidente cecoslovacco Edvard Beneš. L'anno scorso in occasione del 17 novembre, il quartiere Bohunice ha svelato un memoriale sulle vittime del dispotismo comunista. Il memoriale commemora le sofferenze dei residenti che persero le loro case quando lo stato gli rese la terra per costruire appartamenti. Tre anni fa venne eretta una piramide di bronzo in via Roosevelt in onore tante delle vittime della II guerra mondiale che del totalitarismo comunista.

Czech Press Agency, translated by Gwendolyn Albert

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/04/2010 @ 09:21:49, in Kumpanija, visitato 1012 volte)

Da Roma_Daily_News

07/04/2010 - Leninovka è l'unico villaggio della Georgia orientale dove i Rom vivano compattamente. Attualmente, nel villaggio ci sono 18 famiglie rom, nessuna scuola o asilo d'infanzia. Tra i 100 Rom residenti nel villaggio nessuno sa leggere o scrivere. Nonostante l'estrema povertà, 14 famiglie non possono essere coinvolte nel programma statale di riduzione della povertà. La ragione è che mancano di documenti personali. Il governo si ricorda dei Rom solo prima delle elezioni.

Soltanto 10 dei 30 bambini rom vanno alla scuola pubblica nel distretto di Dedoplistskaro, a 10 km. dal villaggio. Il resto dei bambini passa tutto il tempo a casa, aiutano gli anziani nella fusione del ferro ed imparano come preparare le zappe e gli spiedi.

L'unico negozio nel villaggio non funziona da anni. I Rom camminano sino al distretto di Dedoplistskaro per comprare prodotti e altre cose. Una sola persona - Vera Denisneko - hauna pensione; la donna ha 84 anni e si lamenta che il corriere della Banca del Popolo non gliela consegna intera.

Source: Kakheti News Center

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/04/2010 @ 09:55:27, in Italia, visitato 1435 volte)

Segnalazione di Marco Brazzoduro

MARTEDI' 20 APRILE ORE 14.30 - 16.30
Aula Magna del Liceo Sc. M. Malpighi Via Silvestri 301, Roma

Interventi di:

Luca Bravi, storico, Università di Firenze
"L'internamento in Italia e il Porrajmos"

con presentazione di interviste e materiali video

Graziano Halilovic, Presidente Romà Onlus, mediatore culturale
"La memoria dimenticata e la memoria imparata"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/04/2010 @ 09:22:49, in Italia, visitato 963 volte)

Ricevo da Agostino Rota Martir

Cari tutti,

la situazione dei rom a Pisa, dopo la chiusura del programma "Città Sottili", sta drammaticamente peggiorando.

Nel dossier che allego [...] (formato PDF, 31 pagine), segnaliamo il caso di una piccola comunità di rom romeni (cinque famiglie) che da mesi viene sgomberata sistematicamente, e inseguita ovunque vada ad insediarsi: nel gruppo vi sono alcune donne in stato di gravidanza, alcune persone anziane e molti bambini.

Tra le altre cose, in uno degli ultimi sgomberi si sono verificate violenze e minacce da parte del Comandante della Polizia Municipale, dott. Massimo Bortoluzzi: le famiglie rom hanno deciso di presentare una denuncia-querela alla Procura della Repubblica, e sono decisi ad andare avanti nonostante le pressioni dell'Amministrazione Comunale affinché ritirino la denuncia.

So bene che situazioni di questo genere sono ormai diffuse un po' ovunque, e che i nostri strumenti di intervento - anche a livello internazionale - sono armi sempre più spuntate, ma chiedo a chi può di darci una mano: inserendo questo caso in eventuali denunce e dossier, segnalandolo alle autorità (nazionali e non), e facendone un elemento di informazione e di denuncia pubblica.

Grazie a tutti e a presto

Sergio

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/04/2010 @ 09:47:11, in media, visitato 1641 volte)

Segnalazione di Barbara Stazi

Inchiesta su razzismo e linguaggio dei media a partire dagli episodi di Casilino 900, pubblicata e radiodiffusa in occasione del 21 marzo 2010, Giornata internazionale contro il razzismo, a cura di radio Meridiano 12. Le inchieste di Radio Meridiano 12, contro il razzismo, l'informazione che non discrimina.

Roma, 9 aprile 2010. Qual è il rapporto tra i mezzi di informazione e la comunità Rom? L’informazione che raggiunge i cittadini è distorta? I titoli dei quotidiani, i lanci dei notiziari televisivi, i mass media in genere. Che reazione provocano? Raccontano fatto o suscitano emozioni?

La prima delle inchieste di Radio Meridiano 12 indagherà questi argomenti, attraverso la voce dei rom e degli altri cittadini, le testimonianze di operatori del settore. Fra integrazione mancata, informazione distorta e annunci dell’amministrazione comunale.

"In media Rom" è la prima di un ciclo di inchieste di analisi del fenomeno razzista nel nostro Paese, a partire della realtà romana attraverso un'informazione che non discrimina, ma promuove la conoscenza, l'integrazione e la pacifica convivenza con le minoranze etniche presenti nella nostra società. Le inchieste di Radio Meridiano 12 saranno fruibili sul sito radiomeridiano12.com.

L’appuntamento è mensile, ogni sui 97.5 FM ed è iniziato il 20 Marzo 2010. A cura di Serena Benedetti, Riccardo Di Vanna, Alessandra Fantini, Fabio Ferri, Luigi Frattolillo, Andrea Nuzzaco, Emanuela Pendola, Massimo Pittarello.

Al seguente link, l'inchiesta radiofonica andata in onda sabato 20 marzo 2010: http://www.radiomeridiano12.com/index.php?option=com_content&view=article&id=214&Itemid=105

Nelle foto: centrodestra o centrosinistra non fanno differenza, riguardo ai Rom. E la stampa non manca mai di fomentare il fuoco della discriminazione razziale.



Contatti: Radio Meridiano 12 - V.le dei Salesiani, 17 - 00175 Roma - tel. 06.7480006 - 97.5@radiomeridiano12.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/04/2010 @ 09:27:10, in Italia, visitato 3259 volte)

Questo articolo del Financial Times mi è stato segnalato per primo da Eugenio Viceconte. In molti lo hanno linkato e citato, ma credo che sinora nessuno lo abbia ancora tradotto integralmente. Ci provo, anche perché l'articolo originale è ora disponibile solo ai lettori registrati ; - )

By Gabriella Bianchi in Rome

"Moriremmo piuttosto che andare via," dice Hasco Rustic, dando orgogliosamente ospitalità nel container di metallo dove vive.

Rustic è un portavoce dei 350 zingari bosniaci nel campo di Tor De Cenci che dividono con un piccolo gruppo di Macedoni ai margini meridionali di Roma. Tor De Cenci si trova dove dovrebbe sorgere la pista del progettato gran premio automobilistico di Roma, programmato per il 2013. E' anche uno dei molti insediamenti che il sindaco Gianni Alemanno intende chiudere, per raggruppare circa 6.000 zingari stranieri in una dozzina di "villaggi della solidarietà" fuori dalla città.

"Siamo stati qui per 15 anni e siamo ben integrati nella comunità. I nostri bambini vanno qui a scuola e abbiamo tutto ciò di cui abbiamo bisogno - cucina, TV, doccia," dice Rustic.

A febbraio, tra le fanfare dei media, Alemanno ha fatto il primo passo nel suo Piano Nomadi di 28 milioni di euro, sigillando i cancelli di Casilino 900, il più grande campo illegale d'Europa. "Oggi si fa la storia," dichiarò. "Abbiamo cancellato questa vergogna con la cooperazione degli zingari e dei comitati cittadini."

Il piano discende dalla riprovazione pubblica quando uno zingaro rumeno assassinò una donna locale. L'evento venne strumentalizzato nella vittoria alle elezioni del 2008 di Alemanno e la chiusura di Casilino era un elemento chiave nella campagna del centrodestra nei sondaggi regionali dell'ultimo mese.

Anche se il governo centrale di Silvio Berlusconi [...] dichiarò nel 2008 "un'emergenza nomadi" nazionale, delegò le soluzioni alle autorità locali. A differenza di altre città, come Milano, che stanno sgomberando gli zingari senza proporre alternative, Roma sta cercando di mediare dei patti nei grandi campi, mentre chiude quelli più piccoli con la forza.

Ma, sotto gli occhi della comunità internazionale, Tor De Cenci sta resistendo a trasferirsi in una landa desolata a 10 km. di distanza.

I suoi residenti sono preoccupati di essere ulteriormente tagliati fuori dall'integrazione nel quartiere, specialmente i bambini affronteranno problemi nel frequentare la scuola. Un'altra paura comune è di essere obbligati a mischiarsi con comunità con inimicizie di vecchia data. Began, 27 anni e nipote di Rustic, ricorda come uno dei suoi parenti fu ucciso in una disputa in un altro campo. "Ora vogliono metterci assieme. Non se ne parla", dice.

Gli zingari che verranno trasferiti sono stati identificati, tra l'altro, per casellari giudiziari. La polizia ha preso le impronte di chi aveva più di 14 anni e preso foto segnaletiche. "Questo ci permetterà di distinguere le mele buone da quelle cattive," dice Sveva Belviso, assessora alle politiche sociali, che vuole restaurare a Roma "il decoro e la legalità". Ha detto "Non vogliamo accogliere chi infrange la legge nei campi pagati coi soldi pubblici."

Amnesty International intende fermare gli sgomberi forzati e sta premendo perché Roma riconsideri i suoi piani, dicendo che i nuovi campi sono inadeguati ed impongono la segregazione.

Navanethem Pillay, Alto Commissario ONU per i Diritti Umani, questo mese ha visitato un campo e ha detto che l'Italia deve fare di più per promuovere l'integrazione. "Spostare i Rom dai campi illegali a quelli autorizzati non è una soluzione adeguata," ha detto.

Ma Roma elimina l'edilizia popolare, dice Belviso, "volente o no", Tor De Cenci deve spostarsi perché la città non può permetterselo. "Inoltre," aggiunge "il sindaco Alemanno ha programmi costanti per lo sviluppo della zona con la Formula Uno."

Ci sono 50 container vuoti tra i 200 che aspettano i nuovi arrivi a Castel Romano, un campo costruito sei anni fa. Non c'è acqua potabile e nessun albero a dar ombra. I Bosniaci che sono già lì si lamentano di dover andare a riempire i contenitori dell'acqua a 8 km. di distanza.

Belviso concede che i rinnovamenti del sindaco partiranno solo dopo il reinsediamento di tutti gli zingari. Vede Castel Romano diventare un "laboratorio di produttività", con formazione al lavoro e collocamento. Ma per questo non ci sono fondi, Roma sta cercando supporto europeo.

Date le precedenti promesse non mantenute, gli zingari di Tor De Cenci sono scettici ed hanno chiamato un avvocato per contrastare lo sgombero.

Secondo un censimento della Croce Rossa, a Roma ci sono 7.200 zingari, anche se unanimamente si ritiene che siano un migliaio di più.

Un importante sviluppo permette agli zingari dell'ex Jugoslavia di fare richiesta di protezione umanitaria per regolarizzare il loro stato. Molti degli stimati 3.500 a Roma non hanno status legale - di per sé è già un crimine. Sinora, circa 500 hanno fatto richiesta.

Thomas Hammarberg, Commissario europeo per i Diritti Umani, preme particolarmente per una risoluzione sul destino dei bambini senza status legale in Italia. L'European Roma Rights Centre, una OnG, dice che fornire protezione umanitaria agli zingari senza status era "un passo nella direzione giusta". Ma ha anche espresso preoccupazione sulla mancanza di trasparenza e sulla minaccia di espulsione che pende su quanti sono in attesa di risposta.

Gli incaricati del comune rifiutano di dichiarare quanti sinora sono stati espulsi.

Nel frattempo, circa 800 zingari, soprattutto rumeni, sono sottoposti a pressioni economiche e politiche per accettare biglietti d'autobus "per il ritorno a casa" pagati dal comune.

Dopo due anni che viveva sotto il cavalcavia Palmiro Togliatti, Marinella dice di avere raggiunto il punto di rottura vedendo suo figlio giocare a calcio nel fango usando un topo morto.  La baracca colava, mentre lei si rompeva la schiena a trasportare acqua. Mendicare era l'unica maniera di sopravvivere. Sono tornati alla cascina di sua madre a Craiova.

Copyright The Financial Times Limited 2010

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/09/2019 @ 21:15:13
script eseguito in 160 ms

 

Immagine
 Il libro con le storie di via Idro... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4417 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source