Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : musica e parole (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 26/07/2009 @ 09:40:34, in musica e parole, visitato 4333 volte)

Ricevo da Alberto Maria Melis

Fiaba romà russa in italiano - romanés - curata da Angela Tropea per il mio volume di fiabe zingare

Saporo
Questa fiaba è stata raccolta e trascritta da Vadim Toropov nel 2002 nel villaggio di Natukhaev, che si trova nella regione di Krasnodar, in Crimea.
L'informatore è Pjotr Nicolaevič Ğumalej (Ljatjuni) nato nel 1985.
Il tema trattato è comune a quello di altre fiabe simili presenti in diversi gruppi zingari. E' una fiaba molto diffusa anche nella tradizione popolare russa (Lo zar Serpente).
Di essa esiste anche una versione kalderaš , trascritta dagli ziganologi Efim Drutz e Aleksej Gessler (registrata nella zona di Leningrado – l'attuale San Pietroburgo).
Gli antenati dei kalderaš erano di origine balcanica e apparvero in Russia nella seconda metà del XIX sec.
Gli Zingari di Crimea di autodefiniscono Romà e definiscono gli Zingari di tutti gli altri dialetti Lachoja, spesso usato in forma dispregiativa.
In base al luogo in cui si stanziano, gli Zingari di Crimea si suddividono in Krymlydes (che abitano in Crimea), Kubanludes (abitanti in Kuban, parte settentrionale dell'attuale regione di Krasnodar, al confine meridionale del fiume Kuban) e Cjornomorludes (abitanti della costa caucasica del Mar Nero).
La lingua parlata dai diversi gruppi presenta una sorprendente stabilità e non ha subito fenomeni di creolizzazione. Tra di loro preferiscono usare la lingua materna, sebbene tutti parlino con padronanza il russo e le lingue dei posti in cui soggiornano. Il dialetto da loro utilizzato è privo di alfabeto scritto, pertanto per la trascrizione si fa ricorso all'alfabeto russo e all'ortografia russa che purtroppo a volte non dà un'adeguata riproduzione del termine zingaro (da Istorjia i Fol'klor Krymskych Cygan, di Vadim Toropov).


Per la traslitterazione dai caratteri russi ai caratteri latini , sono stati seguiti i criteri indicati da Giulio Soravia nei suoi interventi sulla rivista Lacio Drom.
– [ č ] è la c di cielo; – [ ğ ] è la g di gelato – [ g ] è la g di ghiro; – [ k ] è la c di cane; – [ h ] è leggermente aspirata, come in inglese o in tedesco; – [ x ] è la aspirazione del tedesco ch in ach; – [ j ] è la i di ieri; – [ kh, ph, th ] si pronunciano come k, p e t seguite da una leggera aspirazione; – [ s ] è la s di sasso; – [ š ] è la sc di scena; – [ ts ] è la z di zio (affricata dentale sorda); – [ z ] è la s di rosa, o la z del francese o dell'inglese; – [ ž ] è la j del francese jour.


SAPORO

Bešelas phuro taj phure, taj na sas lende puja. Taj sas gere, vaj, phure. Taj nanaj, kon pal lende doghljadyval, vaj gere. Vaj pečka si, vaj kašta kamen. Taj gele ande veš, ande veš te phagerel kašta. Phagerel o phuro, e phurjake phenel: Aj tyj taskaj!
Ej, akana, koroče, lel o phuro phagerel, e phure tašydijel. Akana phakarel, phakarel, koroče, taj phakerel jekh kaš. Aj dikhel ande si tiknoro saporo. Saporo si taj si, kaj marel les ande phu, taj si, kaj rovel sar pujos. Akana o phuro dikhel. Šašty, ajady les. E phure, atjal – atjal, na phenge phurjake. Les ov, ej, odole sapores taj gelel, vaj khere. Taj sas lende pečka. Aj e dukhovka, ğanes. Taj geneja sar tikneri dukhovka, tol'ko oj čut – čut naghrevalas' taj thel odole sapores ande. Thel o phuro. Ej akana, koroče, khavdjarel les o phuro: suti leske po ghalisa. Aj ov, vaj barjol, barjol, barjol… .
Uže ande odole dukhovkate na resel, taj aš niklisto, koroče, taj si kaj rovel, ej, marel les an phu. Koroče, ej, o phuro, uže phuri dikhljas les. Sar? So? Ej, taj ras, taj čhel opral peste koža, odova sap, taj ovel baro sap, taj čhel opral peste e koža taj si čhavoro romano.
Koroče, taj nikljol andar patišaij. Ej, šukar, o Del me na del. Nene, dade, ake, me kova, - phukavljas lenge, - ( me ande koža somas).
On šaštyral. Ej, khanas, pnjenas, radujskerenas peske phuro taj phure. Ake, o Del bičhaldjas lenge čhaves. Ej, koroče, kana ada akava o… ej odova čhavoro (phenel): Nene , dade, ake, me kamel te ğav te kazandijav, možet perava me bachtate. Ej, odova. Ej da, gelo oda čavoro.
Ğal, ğal, koroče, taj perel. Ej, koroče, korolevstvo sas, koroli bešelas, taj sas leste čhaj. Koroče, barvalo, o Del me na del. Taj (sas) pasjolki. Ej, akana, ande odole pasjolkate stražnikja. Ej, davaj. Odola stražniki sar strašnja. Okova pašol, o tsari. Ej, na! Pašol odole soldatenge (taj phenel) : Tak, u menja doč. Kova, smotrite, vopšemsledite za nej, ja pojedu po delam!.
Nu davaj. Akana, vaj, gelo oda tsari. O čhavoro – ras, lasa, ej, naš late, vaj, khaj ke komnata taj storožyskerel, taj dekhljas ov la. Ej akana, koroče, avel o tsari. Ake kan-aven me čhija te mangljarel aver tsari. Kova, koroče. Ej, kana ada pašilo leste, oda čhavoro. Ej, možno vas! – (phenel) odole pareske. Možno!
Ej so ? (phenel o tsari). Koroče, tu, čhja manges te les romeste?
Ba ! – (phenel o čhavoro).
Soske? – phučel o tsari.
Ake, o tsari me som! - phenel – o tsari. Taj nazvalsja kaj si o tsari. Ej, prosto ajakha, te dikhav, uvedit'sja, kaj normalno si o khorandas. Ej davaj.
Ej, akana, kana leske: Te keresa tumange, me tuke dava phabaj.... Te keres, - phenel - mange, ake, kareta, na, mosti, te keres ada mostja khrustal'nja okole rečkatar ği okothe, šop me mokh te nakhav, to deči me čhija dikav te dav tute ja na.
Ej ladno. Akana, aj ov late o vasta pholjake, sar e Develesko si, koroče, birsaghat (poka zborizel) te našel lasa, ejdavaj. Taj kerel aka mosti, Devlale, taj liljas te blistizel oka mosti, ej ghibel'! Pholja! Sabastan ušel o tsari, sar dikhljas, šašty.
So kerel? - del les godi taj akana ada phenel čhavoreske. –
Nu, jesli zdelaještumange kova, genera kareta pholjaki, to me deči dukhava te dav tut m me čhija, nu davaj.
Gene že, rati, e bari rat, ras, ušel o tsari, dikhel až briljantentsa, kolentsa, pholentsa. Ghibel', šašty o tsari. Ej koroče, genera, ej gene me tuke o šansi dav, te dikhav, sar tu bešes. Ker akatar tropinka ği tute, šop me rano vyjekhal taj te dikhav sar tu bešes, ej ladno.
Ej akana, koroče, vaj kerel odova, vaj droma, odova – tropinka, tropinka. Ej, koroče, kerdjas ği pe khereste, taj liljas te ğal ko kher.
Ušel o dad, e daj sabastan, sar dikhljas, šašyral.
Aj ov, vaj urjavdjas corona sar koroleva, koroli. Šaštyral akana. Avel, koroče, ej, o tsari opre odole (tropinkes) pe čhajasa, khaj, te dikhel, sar ov bešel. Sar ale, sar dikhle, šaštyral. Ej, ladno, koroče, uže slughja si lende, khaj kova, koroče, bukandar (slughja) ko tsari.
Akana o tsari: Nu, ladno! Nu kerde otkha bijav. Akala keren bijav, kova aj otkhe sas aver čhavoro taj dekhelas la taj mangljas (vidimo: mangle) on, ej, oda koroli, ov mangljas pe čhaveske te mangljarel, taj lel odova čhavoro taj ğal ande komnata, taj dikhel odoja šersti leski, kaj čhitjas katar ko sap, aj on khan, pijen pudende.
Ej, vaj khelen, vaj bijav. Ej, lel odova taj čhel ande pečka e samores, aj leske, ej ženekheske, vaj šos' uže naši, vaj thabol leski koža, ej, na koža, e katar sap, odova, kaj čhitjas, odoja mortkhi . Ba1 Prastal odoring te dikhel, so thabol, so tume kerde? Terdjo, vopšena ajakha.
Ej, koroče, ğanes sar sas. E printsesa geli taj dikhljas, si si, taj phenljas:
Soske odova, koža si ande komnata? – taj čhel ande pečka. Akana ov prastanilo, o raklo, vaj ghaljos šos leske bulo plokho. Del beberja: So tu kerdjan, so tu thardjan, kova, akana me – vsjo.
Koroče, taj perel angal late. Gkhe!
Akana oj liljas te rovel, koroče. Odolaavsja, kaj pele opre leske moste, taj ras, taj ğivindilo o raklo. Ej čumidyj la, koroče, taj kerde maj baro bijav.
Khaljam, piljam. Li tu sanas otkha, li me – alaij.
Koroče, vsjo.


Versione Italiana
Un'ultima avvertenza riguarda lo stile e la forma di questa fiaba. La versione in italiano qui proposta è infatti scevra di quegli accomodamenti letterari che di norma si pongono in essere nel passaggio dal racconto orale al racconto scritto, quando il racconto è deputato a un'ampia divulgazione. In altre parole si è preferito dare testimonianza dell'approccio orale a una fiaba zingara, secondo i canoni dell'oralità zingara, che adattare questa oralità a uno stile e a una forma magari più precisi ma meno autentici. Non stupiscano perciò quelle che potrebbero essere percepite come piccole omissioni o imprecisioni: sulla ricchezza e sulla completezza del racconto orale gioca quell'ampia gamma di elementi gestuali del linguaggio qui impossibile da riprodurre.

SERPENTACCIO
C'erano una volta un vecchio e una vecchia che non avevano figli ed erano infelici, perché vecchi e perché non avevano nessuno che si prendesse cura di loro.
Siccome avevano bisogno di legna per la stufa, un giorno si recarono nel bosco a far legna.
Il vecchietto raccoglie la legna e dice alla vecchietta: " Portala tu!…"
Così il vecchietto raccoglieva, e la vecchietta la trascinava.
E quel giorno il vecchietto raccoglie un ramo. E vede che all'interno vi era un piccolo serpente.
Ad un tratto quel serpentaccio si mette a strisciare sulla terra, e piange come un bambino.
E il vecchino nel vederlo piangere, prova una gran pena. Così senza pensarci due volte, decide di portarlo con sé a casa, senza dire niente a sua moglie!
Prende e allora porta con sé a casa quel serpentaccio.
A casa avevano una stufa, anzi no, era un forno per la precisione, sai.
Allora il vecchietto pensò di mettere il serpentaccio dentro quella piccola stufa che si stava riscaldando piano piano.
Così il vecchio lo pose lì.
Da quel momento il vecchietto comincia ad allevarlo, a dargli da mangiare, gli dà un po' di latte. E quello cresce, cresce, cresce…
Cresce talmente che presto non ci entra più in quella stufa… anzi incomincia a fuoriuscire dalla stufa, tanto che, per farla breve, piange e striscia per terra.
Anche la vecchia vede il serpentaccio. Come? Cosa?
E così, una volta, quando decide di togliere a quel serpente la pelle di dosso, ecco che si alza un grande serpente!
Toglie ancora la pelle al serpente e viene fuori un figlio zingaro!
Per farla breve, da quel giorno lo chiamano zar .
E va tutto bene, Del non voglia.
"Madre, padre, io sono così" , raccontava loro. -"Ero prigioniero in quella pelle".
I due vecchietti erano stupiti, stupiti e felici.
E allora mangiarono, bevettero, festeggiarono, erano felicissimi! Del gli aveva mandato un figlio in dono.
Per farla breve, un giorno il figlio dice: "Mamma, padre, bisogna che io vada a guadagnarmi da vivere, devo andare a cercare la mia felicità".
E così il ragazzo partì per la sua strada.
Cammina, cammina, un giorno cade.
Per farla breve, da quelle parti vi era un regno, e vi era un re che aveva una figlia.
E quel re era molto ricco, che Del mi dia la grazia.
E in quel regno vi era un villaggio. E in quel villaggio vi erano delle guardie, delle guardie veramente terribili!
Così il giovane diventa una guardia .
Un giorno lo zar di quel regno va da questi soldati, e dice:
"Ho una figlia, sorvegliatela in tutto, seguitela, io parto perché ho da fare!"
Su, dai.
E così lo zar partì.
Il giovanotto – trovandosi vicino a lei, quando faceva la guardia nella sua stanza - in quattro e quattr'otto si innamorò di lei.
Dunque adesso, per farla breve, ritorna lo zar.
(…) E allora il ragazzo (che chiamavano zar) andò dal re, il padre della principessa.
E allora che fa? , chiede la sua mano allo zar.
Per farla breve lo zar dice: "Tu vuoi prendere mia figlia in sposa?".
"Sì!" – dice il ragazzo
"Per quale ragione?" chiede lo zar
"Ecco, zar, io", dice "[anche io, N.d.T.] sono zar!". Lo chiamavano zar.
"Naturalmente voi avete una famiglia".
E a un certo punto gli dice:
"Se tu costruirai per me …. ti darò un ben di dio…. se mi farai una carrozza, anzi no, un ponte…! Voglio che tu costruisca un ponte di cristallo su quel fiume, da lì fino a qui, affinché io possa attraversarlo, e poi, forse, vedrò se posso darti mia figlia o no".
Bene.
Questo ragazzo aveva le mani d'oro (era un bravo maestro), come Del, e per farla breve, in men che non si dica costruisce questo ponte (per poter stare al più presto con la sua amata), o Del, e questo ponte cominciò a brillare, eccome! Oro puro!
La mattina seguente lo zar si sveglia e appena vede il ponte, strabuzza gli occhi dalla meraviglia.
Cosa fare? Si ricorda della promessa e si rivolge al giovanotto:
"Dunque, se se mi riesci a costruire una carrozza d'oro, allora, forse, vedrò se darti o meno mia figlia in sposa".
E di nuovo quella notte, a mezzanotte, di nuovo si alza, lo zar, e vede una bellissima carrozza tutta ornata d'oro e di brillanti.
Caspita, lo zar era stupito!
Dunque, per farla breve, dice al giovanotto: "Ti darò ancora un'altra possibilità, voglio vedere come vivi. Devi costruire da questo punto un sentiero che conduca fino a casa tua, così io domani vengo da te per vedere come vivi" .
Su d'accordo.
E il giovane costruisce una strada, un sentiero, un sentiero che conduceva fino a casa sua, e così iniziò ad andare a casa.
La madre e il padre, appena si alzarono, la mattina seguente, non appena videro quella strada, si stupirono.
E il ragazzo indossava la corona ( … ?) , come un re, un re. Allora si meravigliarono ancora di più.
E lo zar si appresta per quel sentiero, assieme sua figlia per poter vedere come vive. Non appena arrivarono, non appena videro, subito si meravigliarono.
Per farla breve, tutti si fecero in quattro per loro (come servi).
Allora lo zar disse: "Dunque, bene!".
E così decisero di celebrare lì le nozze. E celebrano festosamente queste nozze ma quel ragazzo lì sembrava un altro e al re sembrava che avesse dato sua figlia in moglie ad un altro.
Mentre gli altri mangiano, bevono e fanno baldoria, il ragazzo va nella camera, e vede quella pelle, quella che si era tolta dal serpente.
Allora prende e porta il serpentaccio nella stufa [la poggia sopra la stufa, N.d.T.], perché non vuole assolutamente che la mogliettina veda quella pelle. Vuole bruciare la sua pelle, la pelle del serpente, quella che si era tolto.
Sì!
E lei corre precipitosamente nella stanza per vedere cosa stesse bruciando.
Cosa succede? State seduti, che vi racconto tutto.
Dunque, per farla breve, sapete cosa successe? La principessa andò per vedere, e domandò:
" Perché questa pelle nella camera?" a questo punto la prende e la mette nella (dentro la?) stufa.
Allora il ragazzo si mette a correre, capisci, perché gli faceva male, e grida:
"Cosa hai fatto, cosa hai bruciato! Questo, ora sono io!"
Detto questo, cade davanti a lei.
Ahimè! La fanciulla (si china su di lui) e inizia a piangere. E man mano che le sue lacrime cadevano sul viso del fidanzato, lo facevano ridiventare un bellissimo giovanotto.
Allora lui la baciò e festeggiarono subito un grande grandissimo matrimonio.
Si mangiò e si bevve a sazietà, anch'io ero lì a mangiare e bere!
E' tutto.

 
Di Fabrizio (del 15/07/2009 @ 08:57:01, in musica e parole, visitato 2700 volte)

COMUNICATO STAMPA

Collegno - Pinerolo (TO), dal 18 al 25 luglio 2009

VINCOLI SONORI 2009
XIV edizione
www.myspace.com/vincolisonorifestival
www.sferaculture.com
Concerti - Film - Mostre



VINCOLI SONORI, il festival italiano dedicato alle sonorità klezmer, gypsy e balcaniche, apre la quattordicesima edizione con la sorprendente entrata in campo del grande palco della Certosa Reale di Collegno, grazie alla collaborazione con Colonia Sonora.
La sera del 18 luglio, a Collegno doppio concerto inaugurale con i torinesi Nigloswing e Svoboda Orchestra. A seguire, lunedi 20, un evento eccezionale, con un altro doppio set dei Besh O Drom dall'Ungheria e di David Krakauer dagli Stati Uniti, entrambi impegnati per animare uno scatenato dance-floor che, sotto l’insegna BALKAN NIGHT, vedrà l’etno-folk sposare le più moderne sonorità metropolitane.
Accanto ai Besh O Drom, star del Sziget Festival, assenti da ben dieci anni dall’Italia e al newyorkese Krakauer, maestro del clarinetto klezmer, che sarà accompagnato sul palco dalla sua band Klezmer Madness e dall’eclettico compositore di musica elettronica Keepalive, VINCOLI SONORI porta poi a Pinerolo altre due formazioni internazionali di grande spessore e sempre più acclamate sui palchi dei maggiori festival world, rock, pop, jazz: Paprika Balkanicus, al loro debutto assoluto in Italia, residenti nella Londra muticulturale e recente scoperta dei Womad Festival di Peter Gabriel, e la giovanissima ungherese Erika Serre, residente a Parigi, cantante rivelazione della musica Rom, che torna a Vincoli Sonori con la sua nuova formazione Emigrante. Le band italiane dei concerti pinerolesi saranno rappresentate da Giorgio Conte, accompagnato da Atelier de Swing, alle prese con arrangiamenti jazz manouche dei suoi celebri brani; La Chatte Noire, altra formazione manouche; i Taraf, giovane trio abruzzese e, per concludere, i lombardi Dadaiko.

Ma non solo musica live.

La sezione Film del Festival presenterà tre interessanti e pluripremiati documentari, tra cui spicca l’americano Gypsy Caravan di Jasmine Dellal, in una delle sue rare proiezioni italiane. Il Teatro Sociale ospiterà infine la mostra fotografica “In Viaggio nel Vento” degli artisti Michela Pautasso e Franco Rabino, dedicata ai rom di Asti e “Click Sonori - Immagini dal Festival”, una galleria fotografica di Rino Lo Turco, Sergio Ron e Davide Giglio, sulle ultime edizioni di Vincoli Sonori.

CONCERTI

Sabato 18 luglio
ore 21.30 - Certosa Reale, Parco Dalla Chiesa - Collegno
SVOBODA ORCHESTRA + NIGLOSWING

Lunedì 20 luglio
ore 21.30 - Certosa Reale, Parco Dalla Chiesa - Collegno
DAVID KRAKAUER’S KLEZMER MADNESS
feat. KEEPALIVE + BESH O DROM

Martedi 21 luglio
ore 21.30 - Teatro Sociale - Pinerolo
DAVID KRAKAUER’S KLEZMER MADNESS feat. KEEPALIVE

Mercoledi 22 luglio
ore 21.30 - Teatro Sociale - Pinerolo
BESH O DROM

Giovedi 23 luglio
ore 18.00 - Piazza Facta - Pinerolo
TARAF

Giovedi 23 luglio
ore 21.30 - Teatro Sociale - Pinerolo
GIORGIO CONTE & ATELIER DE SWING

Venerdi 24 luglio
ore 18.00 - Piazza Facta - Pinerolo
LA CHATTE NOIRE

Venerdi 24 luglio
ore 21.30 - Teatro Sociale - Pinerolo
ERIKA & EMIGRANTE

Sabato 25 luglio
ore 18.00 - Piazza Facta - Pinerolo
DADAIKO

Sabato 25 luglio
ore 21.30 - Teatro Sociale - Pinerolo
PAPRIKA BALKANICUS

*****************************************

FILM > Circolo Stranamore, via Bignone 89 - Pinerolo

Domenica 19 luglio
ore 21.30
GYPSY CARAVAN - WHEN THE ROAD BENDS
di Jasmine Dellal - USA - 111 min.

Martedì 21 luglio
ore 18.30
LA REPUBBLICA DELLE TROMBE
di Stefano Missio e Alessandro Gori - Italia - 48 min.

Mercoledì 22 luglio
ore 18.30
MIRACOLO ALLA SCALA
di Claudio Bernieri - Italia - 61 min.

*****************************************

MOSTRE > Teatro Sociale – Pinerolo
Apertura dalle ore 20.00 alle 23.00

INAUGURAZIONI > Martedi 21 luglio, ore 18.00
In Viaggio nel Vento di Michela Pautasso e Franco Rabino
Click Sonori, Immagini dal Festival

*******************************************

INGRESSI

Collegno - Certosa Reale, Parco Dalla Chiesa
18 luglio - euro 5
20 luglio - euro 12
apertura biglietteria ore 20.00

Pinerolo - Teatro Sociale, Piazza Vittorio Veneto 24
21 > 25 luglio - euro 8
ridotto under 26 e over 65 - euro 5
Abbonamento 5 concerti - euro 32 in vendita il 21 luglio direttamente alla biglietteria
Apertura biglietteria ore 20.00

In collaborazione con Piemonte dal Vivo facilitazioni d’ingresso ai possessori di Torino+Piemonte Card e Abbonamento Musei Torino Piemonte

Concerti pomeridiani - ingresso libero
Mostre e proiezioni cinematografiche - ingresso libero

per maggiori informazioni:
Sferaculture | via Fiochetto, 15 | 10152 Torino | Italy
phone +39 011 521 78 47

 
Di Fabrizio (del 12/07/2009 @ 09:35:44, in musica e parole, visitato 2952 volte)

Il video (col racconto) della domenica è offerto da Ernesto Rossi

L’episodio è parte del bellissimo film musicale di Tony Gatlif (regista francese di origine rom algerina) “Lacio drom” (buona strada, buon viaggio-1993), l’unico episodio del film-documentario sul viaggio musicale dei rom dall’India all’Europa, in cui compare una vera (famosa) attrice ungherese di cinema, la madre del bambino (chiedo scusa, ma al momento non ne ricordo il nome), che gratuitamente si è prestata all’interpretazione (guardate come cambia la sua espressione nello sviluppo dell’episodio).

Un gruppo di rom arriva alla stazione di un paesello della grande pianura ungherese (“puszta”, leggi: pusta), accendono un fuoco, fa un freddo boia (notare le nuvolette del fiato); sull’altro lato della massicciata, una madre aspetta il treno con il suo bambino, sonnecchiano nell’attesa e si stringono per il freddo. Il bambino attraversa i binari e, come diciamo noi, ma probabilmente anche loro, tira la giacchetta ad un rom, offrendogli alcune monetine. Tutti ridono della modesta offerta infantile, ma i rom suonano lo stesso, per lui e per se stessi, come sempre, finché non giunge il treno atteso.

Pochi minuti di poesia intensa e naturale: così sono e devono essere i rapporti tra gli esseri umani. Come vorremmo che fossero con gli esseri umani rom, uguali a tutti gli altri. I bambini sono messaggeri di pace.

E se lo inviassimo allo sceriffo de corato (iniziali volutamente minuscole)?

Ciao, Ernesto

P.S. Notare lo strumento musicale costituito da una brocca d’alluminio per il latte, percosso all’imboccatura col palmo della mano: funziona come un basso (lo utilizzano anche famosi complessi musicali rom); e i due cucchiai battuti, uno sull’altro dalla parte convessa: funzionano come una batteria;

 per chi mi legge su Facebook e non visualizza il video, QUI

 
Di Fabrizio (del 11/07/2009 @ 10:09:40, in musica e parole, visitato 1746 volte)

Da Nordic_Roma (vedi anche QUI)

Dalla Russia la banda Romani Kolpakov Trio col Tour Estivo Europeo di Madonna

 la qualità del video è piuttosto scarsa, se non si vede bene, QUI l'originale

Cari amici! Te yaven bahtale!

Mio zio e io, il Trio Kolpakov, abbiamo avuto il grande onore di un'opportunità unica di visitare molte città nel mondo, come parte del Tour di Madonna (in calce le date e la lista delle città)

Vorremmo usare questa opportunità per visitare le organizzazioni romanì durante il tour e incontrare quanti di voi vivono in queste città, nella speranza di lavorare assieme a progetti congiunti - quindi non solo gli spettacoli nelle vostre città, ma anche qualche progetto con le vostre comunità.

Vorremmo scoprire come vivono i Rom nella vostra comunità e cosa si può fare.

Potete contattarci a: VKolpakov81@mail.ru

Grazie. Vi aspettiamo

In fede,
Vadim Kolpakov.

JULY:
8-9 Paris,
10-11 Brussels,
12-14 Milan,
15-16 Udine,
17-19 Marseille,
20-21 Barcelona,
22-23 Madrid,
24-25 Zaragoza,
26-30 Oslo

AUGUST:
3- 4 Tallin,
5-6 Helsinki,
7-9 Gothenburg,
10-11 Copenhagen,
12-13 Prague,
14-15 Warsaw,
16-18 Munich,
19-20 Ljubljana,
21-22 Budapest,
23-24 Belgrade,
25-26 Bucharest,
27-29 Sofia,
30-31 Tel Aviv

SEPTEMBER:
1 and 2 Tel Aviv

 
Di Fabrizio (del 09/07/2009 @ 09:57:21, in musica e parole, visitato 2468 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

DOMENICA 12 LUGLIO 2009
ecco la data che dovete segnarvi!

III edizione della GRANDE FESTA BALKANICA
dalle 18 alle 24
alla CASA delle CULTURE del MONDO
via Natta 11 - MM Lampugnano
ingresso dal cancello del liceo a destra attraversando il parco

per chi ancora è rimasto in città e chi invece pensava al weekend fuori porta
per chi ama il buon cibo e ancor più la buona muzica
per sfuggire al trito happy hour milanese
per difendere uno spazio della Provincia (...) che promuove l'incontro tra diverse culture
per condividere e partecipare a un evento che nasce "dal basso"
voluto creato promosso e organizzato da noi, con voi


prepareremo per voi un abbondante aperitivo balkanico a base di cevapcici, pljeskavice e altre specialità, innaffiato da fiumi di birra gelata e per i più coraggiosi grappa di prugne, sljivovica

seguiranno i concerti
TRIO MIRKOVIC & MUZIKANTI di BALVAL
e naturalmente
JAM SESSION finale

portate gli strumenti! preparatevi a ballare!
spargete la voce, portate gli amici, i parenti, gli animali domestici
ingresso libero, non c'è bisogno di prenotare
vi aspettiamo numerosi

per info martiglia@hotmail.com

 
Di Fabrizio (del 25/06/2009 @ 09:24:45, in musica e parole, visitato 1503 volte)

Da Baltic_Roma

L'Associazione Culturale TURN ha lanciato la terza edizione del Festival Internazionale di Arte Romani www.iraf.ro

Riconosciuto come uno dei più importanti eventi multiculturali in Europa, il festival avrà luogo a Timisoara, dal 23 al 26 luglio all'Arena Estiva - Banatul Philharmonic.

14 concerti, danze e spettacoli teatrali, giochi di fuoco, proiezioni di film, esposizione di foto, feste, attività per bambini e per persone private della libertà - tutti eventi che si mescoleranno quest'estate per far vivere pienamente Timisoara.

I ritmi flamenchi percorsi da Paco Pena (Spagna), il fondatore del primo corso universitario di chitarra flamenca al mondo, il progetto progressive electro world beat di Mitsoura (Ungheria), "Gli Zingari e gli UFO" dei ragazzi di Zdob si Zdub (Moldavia) freschi del rapimento dagli alieni, sono solo alcune delle ragioni che vi porteranno la musica nella vostra testa e vi faranno comprare un biglietto.

Gli strumenti tradizionali di alcuni dei migliori musicisti ungheresi (Romano Drom, Szilvàsi Gipsy Band, Ternipe) riuniti in un nuovo progetto - Olah Gipsy Allstars, il mix di balcanico con reggae, dub, bossa, jazz, electronics, trip hop e break beats di Dunkelbunt (Austria), il "pazzo" tumulto di Kal (Serbia) ed il violino di Estelle Goldfarb (Francia) che porta tutta la potenza e l'eccitazione del rock ad alta energia, la passione di Giovanni de Cecco (Italia) per il piano mixata col sapore culturale del feltro nel violino di Leonardo Jesyensky (Ungheria) vi faranno rilasciare le vostre energie e fare sentire vivi.

E' l'amicizia di uno splendido inizio!

PS: La pagina del festival su Facebook

 
Di Fabrizio (del 24/06/2009 @ 09:04:22, in musica e parole, visitato 1595 volte)

26 e 27 giugno Parco Nord di Milano (Cascina Centro Parco)

All'interno di WALK THE FUTURE - evento tutto dedicato alla Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza che si terrà al parco Nord di Milano - trova quest'anno spazio l'ottava edizione del Fjestival delle Diversità: due eventi per un unico programma dedicato al no profit e all'espressione artistica e musicale dal mondo.

Il Fjestival delle Diversità è nato 7 anni fa da un'idea del Centro delle Culture e si propone di combattere l'omologazione, promuovere la libera espressione e valorizzare le diversità in ogni campo. Al suo interno, in questi anni, hanno trovato spazio forme artistiche, musicali, creative, culturali e solidali diverse, dedicate a un pubblico più e meno adulto.

Tema di quest'anno, la Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza, la più grande marcia della pace mai realizzata, promossa dal Movimento Umanista, che partirà il prossimo 2 ottobre dalla Nuova Zelanda e percorrerà il pianeta con l'obiettivo di sensibilizzare su disarmo e nonviolenza www.marciamondiale.org

IL PROGRAMMA DELL'EVENTO

Venerdì 26 giugno
20.00 Spettacoli di danza del ventre /Allieve della scuola di danza Marina Nour
22.00 Spettacolo di cabaret / Democomica

Sabato 27 giugno
14.00 Sound System / Mama Alma
15.30 Incontro-dibattito: "Immigrazione tra realtà e luoghi comuni"
17.00 Drum Circle, ritmi vs guerra / Workshop di percussioni
18.00 Incontro-dibattito: "Oltre la crisi, verso il futuro:la Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza"
19.00 Spettacolo di danza mediorientale /Intermezzi della Compagnia di Danza Rakesat Nur al Tabla
19.30 Piano Bar / Fabio di Benedetto
20.30 Monologo: "La mamma fricchettona" di Dario Fo /Maurizia Lovetti
21.00 Concerto / Coro Hispanoamericano
22.00 Concerto live orkestra balcanica / I Muzikanti di Balval

Spazi permanenti
Tante mostre e istallazioni
Laboratori per bambini
Animazione, giocolieri e artisti di strada
Stand informativi delle associazioni e info point sulla Marcia Mondiale
Punto ristoro con cibo tradizionale e multietnico, e birra artigianale

Tutti gli spettacoli sono a ingresso libero e gratuito.
L'evento ha il sostegno della Provincia di Milano.


ORGANIZZANO
Centro delle Culture, I Cammini Aperti Onlus, IAD Bambini Ancora Onlus, Il Nostro Futuro, Centro Umanista Sanpapié, Coordinamento Nord Milano per la Marcia Mondiale.

Ufficio stampa PRESSenza
Emanuela Cerveri - cell. 333 7411951 - ecerveri@hotmail.com

Per approfondimenti e adesioni:
www.fjestival.it

 
Di Fabrizio (del 22/06/2009 @ 09:17:48, in musica e parole, visitato 1432 volte)

un racconto di Antun Blažević, in arte Tonizingaro

Camminava per le colline della sua infanzia ricordandosi che ancora esistevano, aveva voglia di raccogliere tutti i fiori del giardino creato da Dio, ma la mano vecchia e grinzosa, non aveva il coraggio di togliere la bellezza al mondo, le cose del giardino di Dio non si possono toccare, solo guardare e sentire.

Si mise seduto sulla terra cercando di rubare il profumo che lo circondava, sapeva che questo era il suo ultimo giorno, sorrideva il suo vecchio viso pieno di rughe, ricordandosi il tempo passato su queste colline. Avanti gli occhi gli passavano le immagini delle corse con i cavalli, delle vecchie carovane, della sua famiglia intorno al fuoco che li scaldava durante le notti fredde. Si ricordava di tutto, era felice di sentire il profumo della terra ancora bagnata sulla quale era sdraiato guardando il cielo, dove le nuvole facevano il solito gioco che lo divertiva da quando era bambino: cercava di riconoscere qualche faccia, poi la vide... Era bellissima, sorrideva, poi a un tratto cominciò a piangere, le sue lacrime gli bagnavano il viso.

Non si muoveva, stava fermo cercando di capire perché lei piangeva, erano felici da quando si erano conosciuti: avevano solo tredici anni quando i loro genitori avevano deciso di sposarli, ancora gli veniva in mente il matrimonio, del quale sì diceva che non si era mai visto nelle vicinanze niente di simile.

Dio mio quanti ospiti.

Erano venuti da tutti gli accampamenti conosciuti e sconosciuti.

Portavano i doni ai nuovi sposi, sposati con il rito zingaro senza scrivere niente sulla carta, bastava la parola data, perché per lui la parola è sempre stata più importante di qualsiasi carta scritta.

Il matrimonio si festeggiava per sette giorni, gli stessi giorni che Devla ha impiegato per fare il mondo, sette giorni e sette notti per onorare il sole, la luna, le stelle, il fuoco, la pioggia, la neve, onorare tutti gli accompagnatori della loro vita di nomadi.

La tradizione diceva che tutti sono benvenuti, invitati e non, tutti si trattavano allo stesso modo, a parte gli anziani che avevano i posti privilegiati, quelli più vicini al fuoco per scaldare le vecchie ossa.

Si facevano nuove conoscenze, baratti di ogni genere, c’era chi portava i cavalli e li vendeva per l’oro, si scambiavano i coltelli e ognuno diceva e giurava su Devla che il suo era stato fatto di un materiale speciale. Le donne fumavano le pipe osservando li bambini che si mettevano sotto li tavoli dopo aver rubato un pezzettino di dolce. Quando c’è un matrimonio tutti sono felici perché è festa e quando è festa si sa che si comincia a creare un’altra famiglia, quella che tramanderà le tradizioni e la vita.

Ancora gli sembrava di sentire i suoni dei violini che accompagnavano il canto delle bellissime ragazze vestite con le gonne fiorite.
Con i ragazzi che guardavano come muovevano i loro corpi sottili e le circondavano.

Ancora si ricorda il viso preoccupato di sua madre per la prima notte di amore, poveraccia... Tutta la notte stava davanti la porta del carro per poter la mattina tirare fuori il lenzuolo bianco con una macchiolina di sangue per cominciare a urlare con voce forte e orgogliosa: era vergine e onesta, girando la testa verso l’alto ringraziando Devla.

E lei, lei era bellissima con i capelli neri come il carbone e due occhi di smeraldo, ancora sentiva il profumo della sua pelle che profumava dell’acqua dove tutta la notte erano stati affogati i petali delle rose selvagge, che lei e le sue sorelline andavano a raccogliere nei vicini boschi, solo Devla sapeva quanto gli mancava in questo momento.

Ha smesso di piangere, meno male perché lui non ha mai potuto sopportare che lei piangesse, non poteva sopportare la vista delle lacrime sul suo viso, infatti ha pianto solo due volte, quando era morto il loro primo figlio e la seconda volta quando si sposava il secondo: ne hanno concepito ben dieci di figli, ne sono rimasti vivi nove, ma lei è sempre rimasta con la stessa bellezza e il sottile corpo da ragazzina. Con mano tremante il vecchio si asciugò le lacrime dal viso, aveva chiuso gli occhi stanchi dalla vista di tutta questa bellezza che lo circondava, aprendoli vide davanti a sé un bellissimo cavallo bianco che lo spingeva con la testa come per dire: dai, alzati, facciamo una delle nostre solite corse.

Lo aveva riconosciuto, era lo stesso cavallo che gli avevano donato i familiari della sposa. Il cuore gli diceva di alzarsi, ma le vecchia ossa non erano in grado di obbedire. Il cavallo aveva capito la sua difficoltà: abbassando la testa gli avvicinò le briglie, con la vecchia mano tremante e con enorme sforzo le prese e, alzandosi con grande fatica, salì sulla groppa del suo amico che con passi sempre più veloci si allontanò verso un posto lontano, dove regna la pace e dove c’è il tempo per un eterno riposo.
Cronaca dei giornali;
«Ieri è stato trovato dentro il più grande campo nomadi d’Europa, in condizioni disumane, il corpo di uno dei suoi abitanti, un vecchio zingaro che è scivolato sotto la pioggia ed è affogato in una pozzanghera d’acqua».


Antun Blažević, in arte Tonizingaro, è nato nel 1961 a Sremska Mitrovica nella ex-Jugoslavia. Vive in Italia dal 1981, dove lavora, come mediatore culturale Rom, nelle scuole della capitale e presso l’Associazione Arci Solidarietà. Appassionato di teatro e di musica, cerca di svegliare le anime perdute, parlando, nei suoi spettacoli, dei diritti e dei doveri del popolo Rom. Č protagonista, oltre che coautore dei testi, dello spettacolo teatrale realizzato da Moni Ovadia "Ieri e oggi, storie di ebrei e di zingari".
I suoi racconti e le sue poesie si alternano con vivace ritmicità e sono lì a testimoniare la quotidianità della sua gente, i Rom, che può insegnare ciò che nel nostro mondo si è dimenticato: la verità semplice di chi non ha niente, la cui unica ricchezza sono le proprie tradizioni e la propria cultura. Tristezza ironica, gioia di vivere, speranza: sono i fili conduttori che accompagneranno il lettore. A maggio 2009 è stato presentato il suo libro "Speranza", una raccolta di racconti e poesie scritte nel corso degli ultimi anni.

 
Di Fabrizio (del 19/06/2009 @ 09:11:28, in musica e parole, visitato 1767 volte)

Bruskoi Prala presenta a Torino (Imbarchino del Valentino) il 27 e 28 Giugno 2009

Stage di Danze della tradizione tzigana di Transilvania

Benki Iambor:
Danzatore rom di Szacsavas (Transilvania) è nato in una famiglia di musicisti.
Ballerino ufficiale del gruppo del suo paese e del gruppo Nadara. Attualmente collabora con Bruskoi Prala animando stages di danza.

Il corso prevede un approccio graduale alle più importanti danze rom di Transilvania che hanno attinto nei secoli alla tradizione ungherese e romena, rielaborandole. Verranno insegnate sia le danze semi libere (csingeralas, manele..) che le danze di coppia di origine ungherese o romena (csardas, invertita..) Per i danzatori sarà particolarmente interessante lo studio dei giochi di percussione ritmica corpo, mentre le danzatrici avranno sicuramente modo di appassionarsi al manea o mahala, danza di origine turca le cui movenze riprendono quelle della danza del ventre. Lo stage è indirizzato a danzatori di tutti i livelli (massimo di 25 posti).

Orari:
Sabato 27 dalle 15 alle 18
Domenica 28 dalle 13,30 alle 16,39

E' IMPORTANTE ISCRIVERSI!
bruskoiprala@gmail.com
Marco: 3393878818

 
Di Fabrizio (del 18/06/2009 @ 09:06:32, in musica e parole, visitato 1671 volte)

Ricevo da Veniero Granacci

INVITO: La Casa della Resistenza e l’Istituto storico della Resistenza "P. Fornara" vi invitano per un aperitivo cui seguirà la presentazione della mostra "Porrajmos" e lo spettacolo "Rom Cabaret"

Sabato 20 giugno 2009, ore 20.00 - 23.00
Casa della Resistenza
Via Turati 9, Verbania Fondotoce

Una storia da raccontare La persecuzione di Rom e Sinti tra ieri e oggi

"Quanti conoscono la parola Porrajmos? Pochissimi. Questo è l’indizio più significativo di come la memoria dei popoli che ci ostiniamo a chiamare zingari e nomadi fatichi a trovare ascolto e cittadinanza in Italia. Porrajmos è la parola che nelle lingue Sinte e Rom definisce il ‘divoramento’ subito in Europa tra il 1934 e il 1945".

L’Associazione Casa della Resistenza, in collaborazione con la Regione Piemonte, Assessorato alla Cultura, organizza una giornata di riflessione sul tema della discriminazione e della persecuzione verso le popolazioni Rom e Sinte attraverso la mostra storica Porrajmos. Sulle tracce della memoria che sarà presentata dal curatore, Carlo Berini, ricercatore dell’Istituto di cultura Sinta di Mantova.

Rom Cabaret Spettacolo con testi e musica popolare di artisti Rom
di Dijana Pavlovic
con Diana Pavlovic, Jovica Balval, Marta Pistocchi

"La convivenza tra comunità diverse in un medesimo territorio – non solo possibile, ma anche auspicabile – passa anche attraverso l’incontro e la conoscenza delle reciproche culture, unica via per dissipare incomprensioni, pregiudizi, luoghi comuni, diffidenze di tutti i tipi".

Alla presentazione della mostra seguirà lo spettacolo teatrale Rom Cabaret di Dijana Pavlovic, con Jovica Balval e Marta Pistocchi. Lo spettacolo è nato come occasione di incontro tra la cultura Rom e la rappresentazione che ne ha fatto la tradizione occidentale attraverso l’immagine romantica del mondo zingaro. Di fronte alle vicende drammatiche degli ultimi anni, che a partire dal caso di Opera sono culminate nella cosiddetta "emergenza Rom", è nata l’esigenza di attualizzare lo spettacolo e trasformarlo in uno strumento non solo di conoscenza e confronto, ma anche di denuncia. Attraverso poesie e racconti, musica e canzoni popolari, interviste e immagini si racconta la storia del popolo Rom (anche nei suoi momenti più drammatici, come lo sterminio nei campi di concentramento nazisti) e la condizione attuale dei Rom in Italia tra sgomberi e pregiudizi. Il tono è ora poetico, ora amaro e drammatico, senza dimenticare l’ironia e anche l’autoironia delle barzellette Rom.

Con il patrocinio di:

Consiglio Regionale del Piemonte - Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione Repubblicana
Istituto storico della Resistenza e della società contemporanea nel Novarese e nel VCO P. Fornara"

Sezione didattica
Istituto storico Resistenza e società contemporanea "P. Fornara"
Corso Cavour 15, 28100 Novara
tel. 0321 392743; fax 0321 399021
email: didattica@isrn.it ; sito web: www.isrn.it

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


23/05/2024 @ 18:14:04
script eseguito in 49 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 893 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022
Gennaio 2023
Febbraio 2023
Marzo 2023
Aprile 2023
Maggio 2023
Giugno 2023
Luglio 2023
Agosto 2023
Settembre 2023
Ottobre 2023
Novembre 2023
Dicembre 2023
Gennaio 2024
Febbraio 2024
Marzo 2024
Aprile 2024
Maggio 2024

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2024 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source