Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : VAI : musica e parole (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 12/06/2011 @ 09:49:58, in musica e parole, visitato 1489 volte)

Il festival dei ragazzi che leggono, la manifestazione dedicata ai piccoli appassionati di libri e letture. I partecipanti avranno la possibilità di conoscere autori famosi e di scoprire nuove opere letterarie, il tutto contornato da spettacoli, animazioni e dibattiti.

Evento n. 28 - Ore 16.30, Cortile della Biblioteca Gambalunga in Via Alessandro Gambalunga, 27

PRENOTA EVENTO

IL VENTO SPETTINA IL MONDO
Incontro con Alberto Melis e Pino Petruzzelli presentati da Christian Mascheroni, scrittore e autore televisivo
Alberto Melis e Pino Petruzzelli hanno raccontato nei libri Il ricordo che non avevo e Non chiamarmi zingaro le loro esperienze sulla discriminazione sociale e culturale dei popoli Rom e Sinti. Il modo migliore per raccontare ai giovani che l'unico modo per arrivare a una convivenza civile è sviluppare la conoscenza reciproca per vincere luoghi comuni e pregiudizi. L'incontro è aperto dai ragazzi del progetto La merenda del lettore della Scuola Media Bertola di Rimini.
Evento sponsorizzato da Mondadori - Ingresso € 3 - Età consigliata da 13 anni

 
Di Fabrizio (del 23/05/2011 @ 09:56:08, in musica e parole, visitato 1420 volte)

Da Slovak_Roma

Roma Press Agency, cop, translated by Gwendolyn Albert

18/05/2011 - E' stata rilasciata in Francia una graphic novel intitolata "Des Nouvelles d'Alain" (Notizie di Alain), in cui i protagonisti sono i membri della banda rom Kesaj Tchave di Kežmarok, Slovacchia, guidata dalla famiglia Akimov. Il libro è il lavoro del rinomato autore e fotografo Alain Keler, del raffinato artista e sceneggiatore Emmanuel Guibert, e del graphic designer Frédérique Lemercier.

"Questi signori sono leader nei loro settori. Il loro interesse per i Rom è ammirevole ed un onore per noi," ha detto Ivan Akimov di Kesaj Tchave a Roma Press Agency (RPA).

Il libro è stato inizialmente pubblicato come una serie di quattro raccolte fotografiche sul giornale Revue XXI. Alain Keler ha fornito i testi, Emmanuel Guibert e Frédérique Lemercier hanno sviluppato la grafica. "Siamo stati nella quarta parte, le prime tre erano dedicate a rapporti dai Balcani e dalla Repubblica Ceca. Dopo la prima pubblicazione su XXI, sono state approfondite altre parti, ed all'inizio del 2011 Les Arénes l'ha rilasciato come pubblicazione indipendente dallo stesso nome, "Des Nouvelles d'Alain", dice Akimov.

La raccolta delle segnalazioni è stata allargata ad includere l'Italia e la Slovacchia, con testimonianze da Letanovce. "Personalmente ero molto attratto dal capitolo dove è descritta la situazione in Boemia, comprese le marce neonaziste a Janov. La pubblicazione ha incontrato una grande risposta dai lettori. E' disponibile in tutte le librerie e sta vendendo bene. I redattori di Revue XXI e Les Arenes hanno deciso, d'accordo con gli autori, che una certa parte delle vendite sarà donata alla nostra associazione e ad Ecodrom di Montreuil. Ci hanno anche invitato al prestigioso festival del fumetto e della graphic novel, BD Boum, a Bois novembre scorso, dove è stato ufficialmente presentato il libro. E' una benedizione e un onore per noi far parte di questo lavoro. Però, la cosa più importante è che larealtà rom sta raggiungendo un vasto pubblico in questa forma attraente e facilmente accessibile, mentre la popolarità degli autori significa che questo accade in una scala senza precedenti," ha detto Akimov.

 
Di Fabrizio (del 21/05/2011 @ 09:35:27, in musica e parole, visitato 1296 volte)

(link per chi legge da Facebook)

 
Di Fabrizio (del 10/05/2011 @ 09:42:49, in musica e parole, visitato 1597 volte)

Vi invita THEATRE ROM

Sabato 14 maggio 2011 h. 19.00
Via Cassia 472 ROMA, TEATRO PATOLOGICO
INCONTRO CON:

Antun Blazevic, in arte Toni Zingaro è nato meticcio da padre rom e madre gagè nel 1961 a Sremska Mitrovica nell’ex-Yugoslavia. Dal 1981 vive in Italia e da allora si è sempre dedicato alla questione Rom in funzione di mediatore culturale, attivista, scrittore e attore teatrale. Dalle sue esperienze teatrali è nato il desiderio di scrivere sceneggiature che rappresentassero gli "uomini", i Rom come si autodefiniscono, cercando di avvicinare il pubblico al loro mondo apparentemente tanto distante. Negli anni ha anche scritto poesie e brevi racconti raccolti nel libro "Speranza", pubblicato nel 2009. Racconti e poesie tristi e malinconiche, ironiche e sarcastiche, intese a far fronte all’ignoranza e l’intolleranza che vige riguardo ai Rom.

h. 20:30
Associazione Culturale Theatre Rom in "Lo zingaro in ricerca di lavoro"  con la regia di Antun Blazevic

Per informazioni e prenotazioni www.anticorpi-online.it/Anticorpi/Base.html

 
Di Fabrizio (del 07/05/2011 @ 09:07:56, in musica e parole, visitato 2183 volte)

Don Gino Rigoldi introduce
DJANGO DEI SOBBORGHI di Sabrina Dionisio Rossi
con la partecipazione di Jovica Jovic

Interpreti:
Tommaso Pusant Pagliarini
Claudio Lobbia

Regia di:
Alberto Oliva



Sabato 14 maggio 2011 ore 21.00
Mandello del Lario - TEATRO COMUNALE "Fabrizio De Andrè"

Ingresso € 10,00 - Prevendita biglietti giovedì 12 e venerdì 13 maggio 2011 dalle ore 10.00 alle ore13.30 presso la struttura n. 1 via Manzoni 44/3 e la sera dello spettacolo dalle ore 20.00 presso la biglietteria del teatro
PATROCINIO DEL COMUNE DI MANDELLO DEL LARIO
___
Lunedì 16 maggio 2011 ore 21.00
TEATRO OUT OFF via Mac Mahon 16, Milano

€ 12,00 - info 02-34.53.2140 www.teatrooutoff.it
___
Mercoledì 25 maggio
TEATRO DELLA TOSSE, Genova
www.teatrodellatosse.it/
con apertura di don Gallo

 

Sabato 16 Aprile presso il Centro Servizi G. Alessi alle ore 11,30.

A Perugia nel programma del Festival Internazionale di Giornalismo è previsto uno dei panel più interessanti e controversi: "Rom, ospiti sgraditi". Ad Alexian Santino Spinelli, musicista, Docente Universitario della cattedra di Lingua e Cultura Romanì presso l’Università di Chieti e ambasciatore dell’arte e della cultura romanì nel mondo il compito di dimostrare che la via dell’integrazione è possibile.
Alexian sarà a Perugia per contribuire a sdemonizzare la millenaria cultura della popolazione Romanì che sui giornali viene spesso descritta come "zingari" che chiedono l’elemosina, che rubano o che non lavorano. Parlare dei Rom dovrebbe presupporre innanzitutto una maggiore conoscenza del loro mondo, affinché si possa andare aldilà dei pregiudizi. Un tema di stretta attualità, con la dura presa di posizione francese dei mesi scorsi, lo scontro con le istituzioni europee, la difficile convivenza in Italia.
Tra i relatori Luca Bravi dell’Università di Firenze, Maria Gabriella Capparelli giornalista del Tg1, Giancarlo Perego capo ufficio pastorale per rom e sinti,
L’evento è organizzato in collaborazione con l’Associazione Giornalisti Scuola di Perugia:
Il Concerto che l’Alexian ta le Chavè group terrà è una delle tappe del tour internazionale che l’8 aprile scorso li ha visti tra i protagonisti delle solenni celebrazioni della Giornata Internazionale della Popolazione Romanì a Belgrado dove ha tenuto un discorso in Parlmento e un concerto serale presso il Sava Center , in cartellone con lui la soprano di fama internazionale Jadranca Jovanovic..
Tra gli appuntamenti più significativi della fitta agenda di Alexian il concerto con l’orchestra Europea per la Pace a Vicenza in Piazza dei Signori il 29 maggio prossimo.

La foto è possibile scaricarla attraverso questo link:
http://www.alexian.it/chave/alexiantalechave.jpg

Per info e contatti: 340 6278489
email:spithrom@webzone.it
http://www.alexian.it

PER APPROFONDIRE
Alexian Ta Le Chave

Un gruppo familiare che tiene viva una tradizione millenaria...quella dei rom italiani.
Canti, musiche e poesie in lingua romanì per un viaggio artistico e culturale, originale, suggestivo ed emozionante.
Alexian Santino Spinelli: virtuoso della fisarmonica e vero e proprio ambasciatore della cultura Romanì. Accompagnato dai figli, Alexian presenta un coloratissimo affresco musicale degli stili musicali romanès: un fantastico viaggio nella varietà ed il grande fascino di una cultura millenaria. Musica romanì, legata da sempre ai momenti più importanti della vita: nostalgia, passione, energia, sensualità, allegria si succedono in una variopinta festa rom da ballare e da cantare.

La Famiglia Spinelli appartiene a uno dei più antichi gruppi Rom arrivati in Italia dai Balcani alla fine del 1300 (si veda la storia di Antonio Solario detto lo Zingaro in Princkarang-conosciamoci, incontro con la tradizione dei Rom Abruzzesi, Ed. italica, Pescara, 1994, pagg. 38-44), probabili discendenti dei Rom già descritti a Napoli in un documento del 1500 dove erano residenti stabilmente come viene riportato dall'odierna toponomastica (via degli zingari, piazza degli zingari...). Parlano la stessa variante della lingua romanì riportata per la prima volta dal sacerdote Florindo De Silvestri nell'opera Signorina Zingaretta del 1646 (Spinelli S., Baro Romano Drom, Meltemi, Roma, 2008, pag. 132) .
Alexian ta le chave Sono discendenti diretti di Giuseppe Spinelli e Maria Romano vissuti tra il 1700 e gli inizi del 1800. Da loro nacque Angelo Spinelli (1840) padre di Fedele Spinelli (fine 1800) a sua volta padre di Rocco Spinelli.
Gennaro Spinelli (1937) è il primogenito di Rocco. Da Gennaro e da Giulia Spinelli è nato Santino Spinelli. Da Santino e Daniela De Rentiis sono nati Gennaro, Giulia ed Evedise.

 
Di Fabrizio (del 02/04/2011 @ 09:57:46, in musica e parole, visitato 1700 volte)



Sabato 9 aprile, ore 18.00
SALA HOVAN Grottaferrata (Roma)

THEATRE ROM in collaborazione con
NUOVE TRIBU' ZULU

Vi invitano ad
Incontri con l'autore, Andrea Camerini presenta
Antun Blazevic
SPERANZA


"Io, se fosse possibile, auspicherei che il massimo numero di persone in questo nostro malandato paese che pencola pericolosamente verso il razzismo e la xenofobia potesse conoscere Toni per imparare da lui alcuni principi semplici e fondamentali come la vita stessa. Toni sa parlare al cuore degli uomini, ma sa parlare anche all’anima delle cose che noi giudichiamo sprovviste di linguaggio".
Moni Ovadia

L'appuntamento su Facebook

 
Di Fabrizio (del 31/03/2011 @ 09:40:10, in musica e parole, visitato 2266 volte)

Segnalazione di Marco Brazzoduro

Edizioni Corsare (Perugia - corsare@iol.it - tel:075 584 7055 )
hanno appena pubblicato

"Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?"
di Eva Ciuk
prefazioni di Eva Rizzin e Livio Sossi

un libro, un DVD e molto di più...
un cortometraggio con cartone animato sui rom e ashkali del Kosovo,
le fotografie con cui si auto-presentano i bambini rom e sinti del Friuli Venezia Giulia,
la descrizione dei laboratori che abbiamo proposto nelle scuole nell'ambito del progetto “Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?”,
le domande e gli interrogativi dei bambini sul tema proposto e le risposte che abbiamo dato,
la Convenzione sui diritti dell'infanzia dell'Unicef, TROOL-Tutti i ragazzi ora on line...

…sono i contenuti del percorso di educazione alla multiculturalità e conoscenza dei popoli rom e sinti
proposto in collaborazione con
l'UNICEF di Trieste e
OsservAzione - centro di studi e ricerca contro la discriminazione dei Rom e dei Sinti in Italia (Firenze)

... il materiale contenuto è adatto ai bambini, ai genitori,
ma soprattutto agli insegnanti e agli educatori che si occupano di multiculturalità.

Attraverso itinerari come quello proposto da Chi ha paura di cappuccetto rosso? i bambini entreranno in possesso degli strumenti per interrompere il circolo vizioso del pregiudizio, per guardare all’altro come un risorsa da scoprire e conoscere e scacciare quindi il “lupo cattivo” attraverso l’arma della conoscenza.
Eva Rizzin

Si tratta di un’operazione di attualizzazione: la fiaba perraultiana viene ambientata nel campo degli sfollati interni di Plementina in Kosovo, ai nostri giorni. Così diventa strumento di conoscenza e di lettura della realtà. “Le fiabe – scrive Italo Calvino - sono vere.
Sono (…) una spiegazione generale della vita”. Così racconta la vita.
Livio Sossi

Perché serve un progetto come quello descritto nel volume "Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?"?
Negli ultimi anni in Italia abbiamo assistito ad un drammatico incremento di intolleranza e di odio nei confronti delle comunità rom e sinti. L'ordinarietà del pensiero razzista è stata legittimata soprattutto da un'informazione che non avendo saputo condannare certe dichiarazioni discriminatorie di alcuni personaggi pubblici ha contribuito a diffondere luoghi comuni e pregiudizi su cui si fonda l'intolleranza.
Da queste riflessioni nasce l'idea di offrire ai bambini, ma forse anche agli adulti, una fiaba che li aiuta a riflettere, a conoscere i propri coetanei e a confrontarsi con il mondo e con il diverso, perchè la varietà del mondo è una ricchezza e non una realtà che minaccia il nostro modo di vivere o il nostro "benessere".
Ho chiesto ai bambini rom e ashkali del campo sfollati di Plementine/a in Kosovo di raccontarsi, di far conoscere il loro mondo, le loro fiabe tradizionali, le loro canzoni, filastrocche e giochi ai bambini che vivono nel mio paese. Loro invece mi hanno raccontato la fiaba di Cappuccetto Rosso.
Il cortometraggio è parte del progetto educazione alla multiculturalità dal titolo “Chi ha paura di Cappuccetto Rosso? – Siamo tutti bambini” che verrà proposto e presentato nelle scuole primarie. Si tratta di una forma di comunicazione a misura di bambino che si propone di stimolare l’analisi, la curiosità e l’accettazione della diversità ed il confronto tra contesti, culture e modi di vivere l’infanzia diversi.
Eva Ciuk

 
Di Fabrizio (del 31/03/2011 @ 09:10:23, in musica e parole, visitato 2347 volte)


A Milano, il rom serbo Jovica Jovic insegna musica a domicilio. di Michela Dell'Amico

Ore 17, lezione di fisarmonica. Il maestro? Arriva a domicilio, con la sua 'fisa' a bottoni e un grande sorriso. Jovica Jovic è un rom serbo, musicista di fama internazionale, ma sempre appeso al permesso di soggiorno. Salvato dall'espulsione, un anno fa, grazie alla passione per la musica del ministro dell’Interno, Roberto Maroni (e a causa di un'ernia da curare). Insegna nelle case di Milano con il metodo 'a orecchio', quello che lui apprese dal nonno, e porta con sé le sue storia di vita rom.
GLI SGOMBERI. Vita da nomade suo malgrado, fatta di sgomberi come per tutti gli altri: la sua abitazione, nel campo di accoglienza di Rho, è stata abbattuta dalle ruspe. Distrutta anche la piccola chiesa (di cemento e mattoni) che aveva costruito con il figlio, benedetta dal parroco ortodosso come da quello cattolico, ma non dalla politica di Milano. Da circa un anno vive in affitto a Parabiago (a pochi chilometri dalla città), con la sua numerosa famiglia, anche se riuscire a sopravvivere è una scommessa che si ripresenta ogni mese.
APRIRE A UN NOMADE. «Dopo averlo conosciuto» ricorda Cristina Simen, zia di uno degli allievi di Jovica «ho visitato la sua famiglia nel campo e mi si è aperto un mondo». Ma come si apre la porta di casa a un nomade? «Non abbiamo avuto dubbi» risponde decisa nonna Paola «siamo rimasti commossi dall’umanità e dalla semplicità di questo popolo che, in fondo, non ha nulla di diverso da noi».

Il progetto: una scuola per insegnare musica

Jovica insegna a suonare la fisarmonica a domicilio: un progetto di successo

Jovica aspetta di veder realizzato il suo sogno, la promessa del ministro Maroni: una scuola tutta per sé, per insegnare a bambini, anziani e disabili. Intanto, con l’aiuto della sua amica (anche lei allieva) Cristina Simen, gira per le case dei suoi allievi milanesi: perché «chi suona non pensa mai male», garantisce, ma anzi, sviluppa le capacità del cervello.
I MUZIKANTI. «Ognuno di noi ha un nodo nella testa, perché muovere le dita delle due mani nello stesso gesto è facile, ma muoverle ognuna per conto proprio è difficile» spiega Jovica «suonando si scioglie questo nodo, si impara il ritmo e il movimento del corpo, si fa anche ginnastica. Preferisco lavorare con chi non sa nulla di musica, con chi impugna per la prima volta la 'fisa' e magari la impugna al contrario. È infatti troppa la soddisfazione nel vederli poi suonare: quel che serve è solo l'1% di talento e 99% di lavoro». Jovica vive da 40 anni in Italia, suona ai matrimoni di mezza Europa da quando ne aveva 13, e poi insieme alla sua band I Muzikanti, o con artisti come Moni Ovadia, Piero Pelù e Dario Fo. Ha partecipato a eventi simbolo per la città di Milano, suonando per anni al binario 21, nel giorno della memoria della Shoah. Eppure la sua permanenza in Italia resta sempre appesa a un filo.

Una vita da nomade e il desiderio di cittadinanza

Jovica Jovic è un rom serbo: è in Italia per la passione della musica di Roberto Maroni

Nato a Belgrado nel 1952 in una famiglia di musicisti, Jovica ha imparato a suonare ascoltando il nonno, «morto a 106 anni con il violino in mano», ricorda sorridendo. Poi ha vissuto in Austria e in Germania, infine è arrivato in Italia. Nel 1971 nella fabbrica Dallapè di Stradella costruiscono su misura per lui una fisarmonica speciale: un pezzo unico, costato otto mesi di lavoro.
PROBLEMA DOCUMENTI. «Oggi queste fabbriche sono chiuse, nessuno suona e nessuno insegna. È un vero peccato per uno strumento che l’Italia esportava nel mondo», dice con rammarico. Nel 2007, in viaggio per il funerale del padre, Jovica viene bloccato all’aeroporto di Roma e, a causa di un visto non rinnovato, è rinchiuso in un Cie (Centro di identificazione ed espulsione). Da allora inizia a escogitare soluzioni per restare in regola con i documenti, l’ultima volta concessi da Maroni per motivi di salute: è in lista d’attesa per operare un’ernia e ha seri problemi di cuore. «Vorrei la cittadinanza» spiega «magari per meriti artistici».
I rom? «Seminateci bene», dice Jovica, «perché noi daremo buoni frutti. Ci sono rom che in altri Paesi sono l’orgoglio della nazione, che si integrano e lavorano al meglio. Ma di loro non se ne parla. Si vedono sempre e solo sgomberi, furti, degrado. Chiediamo documenti, in modo da poter affittare una casa o comprare una macchina, avere un’assicurazione. Tutte cose che porterebbero soldi alla società e una vita migliore a noi. I rom sono un libro che resta chiuso: nessuno ci conosce, ma quando succede spesso l’incontro è destinato a durare»
L'ALLIEVA CRISTINA. Come quello avvenuto per caso con Cristina: «Ho preso un volantino per strada» ricorda «perché ero incuriosita dalla possibilità di imparare a suonare la fisarmonica, e così ci siamo conosciuti. Alla fine ho incontrato la sua famiglia, e lui la mia. E l'idea delle lezioni a domicilio, da dove nasce? «È un progetto che stiamo portando avanti insieme. Vorremmo trovare fondi per aprire una scuola di musica per bambini, magari anche stranieri, rom e disagiati. Coinvolgere nello studio bimbi che altrimenti non potrebbero permetterselo e magari salvarli dalla strada».

Il video

Sabato, 26 Marzo 2011

 
Di Fabrizio (del 31/03/2011 @ 09:02:47, in musica e parole, visitato 2240 volte)

Napoli Magazine

Sabato 2 aprile 2011, dalle ore 22, al Tinghel Tanghel (Via Telesino 25 – Materdei) gli 'O Rom presentano in anteprima il loro primo lavoro discografico: "Vacanze Romanes". Il titolo, sarcastico è dedicato a tutti coloro i quali ancora credono che i popoli Rom e Sinti vivano nei campi perchè amano fare "campeggio". Il Contributo al concerto è di 5€.

Il disco, prodotto da Carmine D'Aniello e Carlo Licenziato e arrangiato dallo stesso D'Aniello insieme a Carmine Guarracino, contiene diversi brani in lingua romanes e mira, anche a dimostrare come i popoli rom sappiano adeguarsi alle culture, musicali in particolare, dei luoghi in cui trovano. Un pò come accade a Riace per la tarantella dei S.Cosimo e Damiano (protettori dei popoli nomadi).
'O Rom è una gypsy band italo-rumena, nata nel 2008, che propone uno spettacolo brillante e dal ritmo travolgente, un vero e proprio viaggio attraverso le suggestioni della musica Rom, Balcanica e popolare dell’Italia del Sud.
Lo scopo del gruppo è anche quello di avvicinare le persone ai popoli Rom e Sinti, comunemente chiamati “Zingari”, e alla loro cultura, per sfatare quei luoghi comuni che anni di persecuzioni gli hanno cucito addosso.
‘O Rom nasce anche grazie all’esperienza con il gruppo Balkanjia del chitarrista e arrangiatore Carmine Guarracino e si ispira ad artisti del calibro di Adnan Hozic, Saban Bairamovic, Taraf De Haidouks, Mostar Sevdah Reunion, ed anche Manu Chao, Police e Buena Vista Social Club.

'O Rom:
Carmine D'Aniello - voce, chitarra acustica, tammorre
Carmine Guarracino – chitarre
Ilie Pepica – violino
Ion Tita - fisarmonica
Ilie Zbanghiu - contrabbasso
Amedeo Della Rocca – percussioni


http://www.orom.it
http://www.facebook.com/#!/pages/o-Rom/51231308837

L’associazione culturale tInG(h)El TaNg(h)eL opera nel campo delle arti visive e corporee dal 2000. Propone corsi e progetti che possano mirare a favorire attraverso tutte le forme d’arte lo sviluppo della creatività e dell’espressività.

Direzione Artistica Tinghel Tanghel: Tiziana Verdoscia
info&prenotazioni: 328 4753405 – events@tinghel.org - www.tinghel.org

ass. cult. tInG(h)El TaNg(H)eL
via A. Telesino, 25 (materdei) - Napoli

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/05/2024 @ 17:25:35
script eseguito in 51 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 779 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2024 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022
Gennaio 2023
Febbraio 2023
Marzo 2023
Aprile 2023
Maggio 2023
Giugno 2023
Luglio 2023
Agosto 2023
Settembre 2023
Ottobre 2023
Novembre 2023
Dicembre 2023
Gennaio 2024
Febbraio 2024
Marzo 2024
Aprile 2024
Maggio 2024

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2024 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source