\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Buccinasco: ultime notizie
Di Fabrizio (del 26/09/2011 @ 09:10:15, in casa, visitato 1709 volte)

La proroga alla ordinanza che prevede la demolizione di sei casette all'interno del Q.re Terradeo (conosciuto come Campo nomadi abitato da numerosi anni da venti famiglie di etnia Sinta) a giorni sta per scadere.

Giovedì 22.09.2011 abbiamo avuto il previsto incontro con i due Commissari. Presenti questa volta, il Segretario Comunale e l' Arch. Stano.

Continuiamo ad avere l'impressione di avere di fronte persone con posizioni molto rigide, con una sola idea in testa: la demolizione delle sei "Casette in Legno", senza porsi, per ora, il problema di cosa succederà poi alle famiglie coinvolte in questa vicenda.
Abbiamo presentato ampiamente le nostre Proposte e visto l'aria che tirava, abbiamo comunicato che le stesse le avremmo formulate entro oggi 23.09.2011 per iscritto. Cosa che poi abbiamo puntualmente fatto, protocollandole.
Attendiamo ora dai due Commissari una risposta.

Riteniamo più che mai opportuno, per ogni evenienza, ampliare ed irrobustire la rete di sostegno alle nostre proposte per il raggiungimento di una equa soluzione.

Per Apertamente
Augusto Luisi

PS: alleghiamo:
- le proposte che "Apertamente" ha presentato ai Commissari,
- Il comunicato dei Gruppi Politici di Buccinasco a sostegno della Proposta presentata dalla nostra Associazione, UNITARIAMENTE sottoscritto da tutti, compreso il PDL.
Ora è in preparazione un documento delle Parrocchie e Caritas.


Proposte:

Gentili Signore

dr.ssa Francesca Iacontini, Commissario Prefettizio
dr.ssa Anna Pavone, Commissario,
e p.c. dr Alberto Scrivano, Segretario Generale Comune di Buccinasco

In seguito agli accordi presi nell'incontro del 22 settembre con la nostra Associazione, inoltriamo alla Loro attenzione le seguenti considerazioni e proposte.

La prima considerazione non può che riguardare, poiché l'argomento è stato sollevato in un precedente incontro, il tema del rispetto delle leggi, che Apertamente ha posto all'inizio del proprio Statuto, assumendo come riferimento della propria azione la Costituzione della Repubblica Italiana, insieme alle Dichiarazioni "sui diritti dell'uomo, delle minoranze o nazioni (ed è il caso nostro), dell'infanzia, delle donne e ogni altra dichiarazione o indicazione di carattere universale" (Statuto, art.2). E a questo abbiamo conformato le nostre azioni. È pertanto ovvio il rispetto delle leggi da parte nostra.

Nella pluridecennale vicenda dei Sinti di Buccinasco, varie Autorità hanno mancato, per errori od omissioni, e oggi ne viene chiesto conto agli abitanti del Quartiere Terradeo. Riteniamo che nella presente situazione sia necessario sanare le illegalità verificatesi, in modo che si possa procedere, così come meritoriamente (e finalmente) ha fatto il Commissario Prefettizio preposto al Comune di Buccinasco, nella definizione dello status del terreno comunale su cui il Quartiere insiste, compreso attualmente nei confini del Parco Agricolo Sud Milano.

Le proposte che ci sentiamo di fare, dopo esserci come d'abitudine consultati con gli abitanti del Quartiere, sono le seguenti:

1 - Confermiamo la richiesta di almeno una unità abitativa da assegnare alla famiglia più numerosa, che comprende anche minori con problemi sanitari, famiglia che dispone di un reddito stabile, ed è quindi in grado di sostenere costi di affitto e utenze.

2 - Per le altre famiglie, proponiamo che il Comune acquisti cinque (o sei, nel caso non fosse praticabile la precedente richiesta) case mobili usate, da collocarsi nelle corrispondenti piazzuole, una volta eliminate le costruzioni contestate. Esse saranno concesse ad affitto calmierato alle famiglie, con facoltà di riscatto attraverso il pagamento del canone. Dalle informazioni assunte, queste case mobili presentano i costi meno onerosi, rispetto ad altri prodotti, oltre a garantire la sicurezza degli impianti e un conveniente spazio abitabile.

3 - Per quanto concerne l'eliminazione delle edificazioni contestate, facciamo presente che gli stessi titolari possono provvedere in tempi ragionevoli allo smontaggio e allo stoccaggio, o eliminazione, o rivendita dei materiali recuperati, in modo da poter rientrare in parte dei risparmi investiti nella loro realizzazione.

4 – Rinnoviamo in questa sede, data la stretta connessione con le precedenti proposte, la richiesta che il Comune assegni a cooperative sociali di tipo B parti spesso marginali di appalti (pulizia marciapiedi, svuotamento dei cestini, traslochi, lavori di ripulitura e d'imbiancatura dei muri, piccole riparazioni murarie interni/esterni, montaggio e smontaggio di palchi e strutture provvisorie, cabine e pannelli elettorali, manutenzione piste ciclabili, ecc.), col patto esplicito che queste cooperative debbano prioritariamente ricorrere alla mano d'opera presente nel Quartiere. Ci pare questa una proposta utile a risollevare quelle fra queste famiglie che la crisi ha più duramente colpito, anzi che farne dei "clienti" forzati dei servizi sociali. Facciamo presente che in piccola parte alcune di queste attività già sono state affidate direttamente dal Comune a queste persone con risultati soddisfacenti.

Infine, in merito alla regolarizzazione del terreno, trattandosi di procedura, come ben sappiamo da precedenti tentativi, alquanto complessa, ci permettiamo di chiedere la maggior sollecitudine, onde scongiurare il rischio che il termine della Gestione Commissariale sopraggiunga senza che il percorso sia stato concluso o consolidato e quindi sia recuperabile e proseguibile a cura della

Ernesto Rossi, Augusto Luisi


Comunicato dei gruppi politici:

Buccinasco, 22 settembre 2011

Gent.ma
Dr.ssa FRANCESCA IACONTINI
Commissario Straordinario
COMUNE di BUCCINASCO

Oggetto: intervento campo "Sinti".-

Le sottoscritte forze politiche della città

Premesso che
ritengono fondamentale ogni intervento teso al ripristino della legalità sul territorio esprimendo quindi apprezzamento e condivisione degli sforzi che l'Amministrazione nel merito intende porre in atto e convinte che solo in un quadro di certezza del diritto è possibile promuovere il corretto sviluppo rivolgono alla S.V. Ill.ma un appello a valutare con disponibilità ed attenzione le proposte che associazioni ed enti interessati a favorire e completare l'integrazione di piena cittadinanza dei soggetti appartenenti alla minoranza etnica richiamati in oggetto.

Le stesse associazioni, infatti, hanno considerato opportuno raccordarsi con tutte le forze politiche della città e rappresentare loro più ipotesi di soluzione del problema che, contestualmente a nostro avviso, soddisfano l'esigenza di legalità e pongono i nuclei interessati nella condizione di tranquillità psicologica ed umana responsabilizzandoli e facendo loro condividere gli stessi obiettivi. Di cosa si tratti saranno ovviamente gli stessi organismi associativi a rappresentarli alla Sua attenzione. Noi li abbiamo condivisi.

Nostro compito è far presente che la situazione si trascina ormai da lunghi anni, come certamente avrà avuto modo di ricavare dalla copiosa documentazione che sappiamo essere stata presentata.

Non abbiamo dubbi che in buona parte la responsabilità è propria della "politica" non sufficientemente in grado di offrire risposte tempestive in assenza sempre di qualcuno degli interlocutori interessati.

Nelle incertezze e nei ritardi si sono situate e si situano tutte le situazioni lamentate e che è sacrosanto ricondurre a normalità sia con la definizione di un regolamento sia, appunto, con il ripristino della legittimità violata.

Un intervento, come quello paventato dall'ordinanza emessa all'inizio dell'estate, visto il periodo intercorso, poco propenso a dar avvio a qualsiasi iniziativa di sistemazione, viste le condizione economiche dei nuclei sui quali grava l'intervento, vista la presenza di ben quattro donne in stato di gravidanza, vista la condizione di grave patologia di una bambina di poco più di due anni, potrebbe portare ad una reazione difficilmente prevedibile e comunque ad un impegno di spesa dell'Amministrazione a garantire condizione di vivibilità civile di suoi cittadini attraverso l'ospitalità dei nuclei o presso abitazioni libere sul mercato o con ospitalità in strutture alberghiere.

E' nostro convincimento quindi, fermo restando la condivisione ed il raggiungimento, dell'obiettivo del ripristino della legalità in tempi certi, di un'azione più graduata nel tempo che ne faciliti la soluzione con soddisfazione di tutte le parti in causa.

Siamo certi che non vorrà mancare di valutare con l'attenzione dovuta quanto le verrà prospettato e costruire insieme un finale coerente agli elementi di criticità che abbiamo cercato di enucleare.

Siamo anche certi che non fermerà l'azione dell'Amministrazione nei confronti degli abusi perpetrati all'interno del territorio del parco anche prossimi ed adiacenti al campo "Sinti" con costruzioni e realizzazione di manufatti che nulla hanno a che vedere con il bisogno di un tetto dove riparare così come invece si configura, pur in assenza di autorizzazioni, la situazione di queste sei famiglie appartenenti ad una minoranza etnica.

RingraziandoLa della disponibilità, distintamente La salutiamo.

I Gruppi politici di Buccinasco: Partito Democratico, Federazione della Sinistra, Sinistra e Libertà, Verdi, Lista civica "Per Buccinasco", PDL.