\\ Mahalla : Articolo : Stampa
"...questo tema non facile"
Di Fabrizio (del 20/03/2006 @ 09:58:09, in Regole, visitato 1396 volte)
Diritti, doveri, assistenza e mediazione culturale, in un recente scambio d'opinioni sono emersi questi nodi che, dopo il mio commento, faccio riprendere ad Aleksandra...
Caro Fabrizio,
a proposito di Alina ho lasciato un commento forse un pò duro, non sono certa che rispecchi le tue idee, se ho esagerato mi scuso perchè ero "in casa tua". Ti ricordi di Fatima?
Adesso è guarita ma ha altri problemi: ha un timpano perforato da anni e ogni raffreddore può causarle complicazioni. Fatima va in giro a piedi nudi (c'è mezzo metro di neve!), eppure abbiamo portato loro anche abiti, calze...nonostante l'incidente continuano ad accendere fuochi nella discarica, spesso lo fanno i bambini da soli. Abbiamo discusso coi genitori, ma non abbiamo ottenuto nulla di concreto.
Continuiamo ad aiutarli, appena sarà possibile lavoreremo al tetto della baracca.

Possibile che non ci sia modo di far capire loro che devono assumersi delle responsabilità?
Se questo è un aspetto della romano djivdipe io non lo accetto, il che non vuol dire che non rispetti la loro cultura o la loro diversità.
Non accetto nemmeno molti aspetti della cultura gage!

Da Zajedno/Insieme:

Siamo andati a trovare Fatima per parlare del tetto, di come poterlo impermeabilizzare. Negli ultimi tre giorni è caduto mezzo metro di neve e grandi gore d’umidità si allargano sui muri appena imbiancati. Fatima disegna, seduta sul tappeto. Bisognerà trovare un tavolino e una sedia, in modo che possa fare i compiti in una posizione migliore. Le chiedo di mostrarmi il suo disegno: Fatima, il fratellino Ferdi, la mamma, il papà, “la mia nuova stuffa”, un fiore e la sagoma di una mano con delle scritte all’interno. Le chiedo spiegazioni. Timida e impacciata si scusa perché non parla bene il serbo, le dico di parlare liberamente in italiano o romane, lei sorride e risponde:”guerra è quando buttano le bombe, quando ci mandano via dalle nostre case, quando abbiamo fame, quando siamo soli, o malati e nessuno ci aiuta…” aspetto di sentirle dire se adesso sa che cosa sia la pace, ma una voce dall’esterno ci interrompe, lei si alza, indossa un paio di zoccoli da donna, forse della madre ed esce dalla baracca. “Ha le scarpe, mi rassicura Senada, indicandomi la stufa, ma sono bagnate”. Rimango così, col foglio in mano, a guardare dalla finestra le sue impronte troppo grandi sulla neve….


Diritti e doveri! Se un cittadino serbo lascia da solo i propri figli minori di 12 anni è passibile di arresto. I rom sono cittadini come gli altri? Vogliamo che lo siano?
Se sei in difficoltà ti aiuto, ma non puoi pensare che ti è dovuta assistenza a vita perchè tu, poverino, sei rom! Essere rom non vuol dire essere invalidi o handicappati!
I vicini di casa di Fatima ci hanno coperto di insulti perchè "rubiamo i loro soldi", come se fossimo entrati in casa loro a derubarli! Questo è uno dei risultati del vittimismo e dell'assistenzialismo!
Ci siamo anche offerti di trovare un lavoro al padre della bambina che, naturalmente, è scappato a gambe levate dicendo che non può allontanarsi troppo per motivi di faida con altre famiglie, ma che spesso e volentieri vediamo ubriaco in centro.
A me dispiace per i bambini, ma chiedo un'assunzione di responsabilità e il rispetto di alcune regole. Mi sbaglio?
Saluti
Aleksandra