\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Sbatti il rom in prima pagina
Di Fabrizio (del 22/05/2014 @ 09:00:58, in media, visitato 12059 volte)

Da Antonella Loconsolo

Ieri sera, leggucchiando su Facebook, mi imbatto in una notizia allarmante. Milanopost, giornale online di formazione e cultura (sic!) mi dice che nell'Esselunga dietro casa mia, in viale Suzzani, quartiere Bicocca, zona 9, sarebbe stato sventato un rapimento di un bambino da parte di una rom, naturalmente definita "zingara", perchè così si usa su certe testate vicine al centro destra.
Questa mattina vado appena posso al supermercato e il direttore mi dice che non c'è nulla di vero.
Ennesima bufala sul rapimento dei bambini da parte degli "zingari". D'altronde una ricerca dell’Università di Verona Dipartimento di Psicologia e Antropologia culturale, ha preso in esame per quel che riguarda il periodo tra il 1986 e il 2007, i documenti delle Procure italiane: molti i presunti rapimenti, ma nessuna condanna. Segno evidente che non esiste nessun caso in cui sia avvenuto veramente il rapimento o tentativo di rapimento di qualsivoglia bambino.
Ma il peggio deve ancora venire. Il direttore infatti mi dice che questa mattina una giornalista di Milanopost si è presentato da lui, che lui ha smentito categoricamente la notizia. Evidentemente la notizia è stata PRIMA PUBBLICATA e poi controllata. Tanto, si sa, i rom non querelano.
A questo punto, letti anche gli allarmanti commenti in rete ( e altre simili amenità), scrivo alla redazione di Milanopost (, nel caso voleste scrivergli due paroline anche voi), fornendo le mie generalità complete e il mio numero di telefono, e invitando la redazione a rimuovere il post e a posizionare una smentita e delle scuse allo stesso link della notizia falsa.
Pochi minuti dopo ricevo una chiamata da un numero privato, una persona che rifiuta di qualificarsi mi dice che la notizia è vera, che il direttore del supermercato andrebbe denunciato, che lui non toglie nessun link e tantomeno pubblica smentite. Chiedo di parlare con il direttore e lui si rifiuta di passarmelo o fornirmi un numero telefonico.
A questo punto sono inferocita. Avverto tutti, direttore del supermercato, giornalisti che conosco, commissariato Greco Turro, dove parlo con l'ufficiale di turno che non ha notizie di una denuncia del genere.
E con questo post avverto voi. Spesso le bufale sui rom precedono attacchi agli insediamenti. E da due mesi in Bicocca e nella vicina Pratocentenaro ricorrono spesso voci false, bufale che inducono all'odio razziale e alla violenza. Occorre quindi alzare la soglia di attenzione e far circolare il più possibile la smentita di questa notizia.