\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Dovunque tu vada, non è il tuo posto
Di Martina Zuliani (del 02/05/2014 @ 09:07:16, in Europa, visitato 1542 volte)

Deutsche Welle - Autore: Nevena Cukućan. Redazione: Jakov Leon

Serbia - Richiedenti asilo bugiardi, li chiamiamo così. In Germania, i conservatori li hanno usati come spauracchio e gli abitanti dei Balcani temono che per loro si chiuderanno le frontiere. Abbiamo qualche comprensione per le persone senza il loro "posto al sole"?



Hamit Kurtehi (27), noto come Apu, è apparentemente un ragazzo normale, attivista nel tempo libero, che ama suonare la chitarra e girare sui rollerblade. Sarebbe un saldatore ma, come tanti altri suoi coetanei, è disoccupato e vive coi genitori. Tuttavia, ciò che differenzia Hamit dai suoi coetanei è la logorante esperienza come richiedente asilo. Lui e i suoi genitori hanno aspettato 3 anni per ricevere asilo in Belgio. Dopo questo periodo pieno di gioie e dolori, nel 2013, la famiglia Kurteshi è stata costretta a lasciare il Belgio per ritornare in Serbia.

Kurteshi ed altri attivisti protestano per ottenere acqua potabile

DISCRIMINAZIONE: la famiglia di Hamit, composta da sei membri, è arrivata a Zrenjanin dalla città kosovara di Lipljan negli anni ottanta. Lui è l'unico membro nato a Zrenjanin ed ha subito discriminazioni dovute alla sua origine per tutta la vita. A causa di scontri frequenti e dei compagni che lo insultavano, Hamit non ha terminato la scuola primaria e si è ritirato presto anche dalla scuola secondaria, cosa di cui è pentito. "Questo è uno dei nostri più grandi errori, come rom" dice "perché così rimaniamo ignoranti e avere una vita normale non ci è facile. È come quando si ha la febbre e, pur non conoscendone la causa, si prendono comunque farmaci contro la febbre. Mentre in realtà hai un cancro che ti uccide, ma non lo sai."

Prima di decidersi a richiedere l'asilo, la famiglia di Hamit aveva tentato di ritornare in Kosovo, dove un tempo aveva una casa, andata bruciata nel 1999. L'UNHCR aveva loro costruito una nuova abitazione, nella quale sono vissuti fino al 2006. Dopo aver passato qualche tempo fuori Lipljan, hanno trovato la casa bruciata al loro ritorno. Hanno così capito di non essere i benvenuti in Kosovo e sono tornati a Zrenjanin, dove sono incorsi in un processo a causa dell'alloggio in cui vivevano.

"Quando lasci la tua città e tutto quello che hai, soprattutto quando è contro la tua volontà, arrivi in una nuova città e devi ricominciare da zero, ma tutto ciò richiede tempo" dice Hamit. "Ora tutti dicono, la guerra è stata 15 anni fa, ma dai, devi recuperare per il periodo in cui hai perso tutto. Nel posto in cui hai vissuto prima è stato costruito qualcosa di nuovo e, se non l'hanno fatto, lo faranno tra un anno. Poi tutti cercano di fare qualcosa, ma spesso non può fare nulla, e fuggono via. Così abbiamo deciso di andarcene e di chiedere asilo." Ha aggiunto che la situazione finanziaria era critica, perché attualmente in Serbia "nessuno ha soldi ", ma che è stato soprattutto il desiderio di una vita normale, nel quale non dovesse temere la reazione degli altri alla vista della sua carnagione scura o al sentire la lingua in cui parla. E lui parla serbo, romanes, albanese, olandese, inglese, tedesco e sta imparando l'italiano.

Hamit di fronte al suo alloggio a Zrenjanin

PARTENZA: La prima tappa del viaggio della speranza della speranza era Aachen, in Germania, dove Hamit e i suoi genitori hanno incontrato dei parenti, dopo di che si sono diretti a Bruxelles per presentare la domanda d'asilo. Al colloquio hanno dichiarato di non avere documenti e di essere arrivati direttamente in Belgio dalla Serbia. "È stata una bugia giustificabile, a mio parere" dice Hamit "Se avessimo avuto i passaporti ci avrebbero rimpatriati subito poiché, in Serbia, ufficialmente non ci sono più violenze. In questo modo siamo stati in Belgio per tre anni. Abbiamo visto persone richiedere asilo mostrando i passaporti e sono state rimpatriate immediatamente."

All'epoca non parlava fiammingo ed ha trasmesso la sua storia alle autorità tramite interprete. Quando ha imparato la lingua ha notato che lo scritto della sua storia non coincideva con quelli degli altri membri della sua famiglia e che, pur essendosi dichiarati tutti della stessa etnia, suo padre era stato registrato come albanese, sua madre come rom e lui come serbo. "Ti rendi conto troppo tardi che ti va bene solo se sei bravo con questo interprete. Ma quando arrivi, non capisci nulla, e ti sembra di essere su un altro pianeta. Lui ti porta a fare un giro, ti controllano i polmoni, ti prendono le impronte, la prima per controllare se sei sano, poi segue una breve intervista e alla fine ti danno una scheda con l'indirizzo a cui recarsi e ti mandano fuori " descrive Hamit.

Così, la famiglia Kurteshi entrò in un campo profughi e vi rimase per quattro mesi. Il campo si trovava in una vecchia caserma, dove le camerate erano divise in piccole camere per più persone, le cui pareti prefabbricate non raggiungevano il soffitto e mancavano molte finestre. Hamit e i suoi genitori erano alloggiati in una piccola stanza di otto metri quadri. Questa camera era quasi un lusso, per gli standard del campo. La famiglia era circondato da centinaia di persone provenienti da tutto il mondo. Le risse, i feriti e i furti erano all'ordine del giorno. Hamit ha imparato in fretta la lingua e ha iniziato a lavorare come traduttore per i nuovi richiedenti asilo. Ha visto come tra loro ci fossero anche quelli che non erano arrivati a causa di circostanze di vita che li avevano costretti, ma solo per approfittare del sistema sociale belga. "Allora ho cominciato a capire il motivo per cui belgi, tedeschi e tutti gli altri Paesi ospitanti odino gli stranieri, perché arrivano, non fanno niente, prendono soldi e questi ultimi vengono detratti dal tuo stipendio per darli a loro." dice.

Le condizioni di salute di suo padre stavano peggiorando e Hamit insistette che i genitori si trasferisse nella "casa sociale" a Vorselar durante l'attesa del verdetto sulla domanda d'asilo . Rimasero lì fino alla fine del 2013, quando sono stati costretti a lasciarla. " La casa aveva due piani, tre camere da letto al piano superiore, soggiorno, cucina , bagno e un grande giardino ... è stato incredibile. Per la prima volta nella mia vita avevo la mia stanza." dice. Giacché voleva che le cose funzionassero e poter guadagnare soldi per vivere, Hamit ha presentato una richiesta per permesso di lavoro e l'ha ottenuto, per un periodo di un anno. Ha trovato lavoro presso una fabbrica di lastre di cemento prefabbricate dove è stato pagato tanto quanto gli altri lavoratori, salvo rifiutarsi di ricevere una percentuale data dal suo stato di richiedente asilo. "Volevo mostrare loro che ero diverso e che non volevo vivere sulle spalle degli altri." dice, aggiungendo che è stato il suo periodo più bello, rovinato solo dai problemi di salute di suo padre.

CARCERE: L'idillio non durò, la domanda di asilo fu respinta, e allo stesso modo tutti i ricorsi e le lamentele presentate. Il permesso di lavoro era ampiamente scaduto, ricevette un ordine di espulsione e la polizia arrestò i genitori Hamit in sua assenza. Dopo di che, Hamit andò volontariamente alla stazione di polizia disse di voler rimanere vicino alla sua famiglia, anche se sapeva che avrebbe dovuto lasciare il Paese. "Allora vennero gli assistenti sociali e le guardie del campo e ci hanno riportati lì, insieme con la polizia, ammanettati, come se fossimo dei prigionieri" ricorda. "Durante le prime due settimane al campo non ho parlato con nessuno, non volevo mangiare ne bere. Ho perso peso, da 80 chili a 50. Nel mio file sono stato classificato come 'molto aggressivo', anche se non ho parlato affatto." Ha lasciato il Paese più tardi del previsto, con una multa per ogni giorno trascorso nello spazio Schengen, più di tre mesi. Lui e la sua famiglia hanno vissuto tre anni in Belgio.

La storia di Hamit ha attirato l'attenzione dei media belgi, anche quando gli fu concesso l'asilo. Nel maggio 2012 il giornale Gazet van Antwerpen disse che Hamit e la sua famiglia dovevano lasciare il Paese. "Vicini e conoscenti non capiscono perché debbano andarsene", dice il testo. Sui Somers, giornalista del settimanale Humo pubblicato in fiammingo ha scritto su di lui chiamandolo "l'opposto del richiedente asilo." Voleva far capire ai suoi lettori come ci siano dei giovani richiedenti asilo disposti a guadagnare i loro soldi e a contribuire alla società belga. "Non ho mai incontrato nessun richiedente asilo così pieno di energia, così determinato ad avere successo in Belgio, così disposto a fare. Penso che la sua espulsione sia una grande perdita per la nostra società" dice Somers su DW. Dati dell'UNHCR indicano che solo il 6 per cento delle richieste presentate da cittadini serbi vengono accettate in Belgio.

La giornalista Somers

Ricorda anche che, alla fine dello scorso anno, la Corte europea dei diritti dell'uomo ha condannato il Belgio per la pratica dei rigetti di persone provenienti da Paesi dilaniati dalla guerra come l'Afghanistan. "Vi è il caso di due afghani che hanno richiesto asilo, trascorso diversi anni qui, imparato la lingua, trovato un lavoro, ma a dispetto di tutto ciò sono stati rimpatriati. Ciò ha causato un putiferio nel Paese e un grosso imbarazzo per il nostro segretario federale per l'immigrazione, la liberale Maggie De Block." conclude Somers.

MATRIMONIO: Ma non è tutto. "C'é la mia attuale ragazza, che ho conosciuto quando ho visitato i parenti in Germania" continua Hamit. "Ho attraversato il confine, ma i richiedenti asilo in Belgio non hanno il diritto di viaggiare, dovevo rimanere in Belgio. Stavo passeggiando da solo, e la polizia tedesca mi ha catturato, ora ho una condanna per questo." Ha detto che non avrebbe voluto sposare una ragazza solo per risolvere il problema del suo soggiorno, ma che nella sua attuale fidanzata ha trovato ciò che desiderava. Il matrimonio è stato programmato, ma era necessario ottenere i documenti in Serbia. "Le ho detto che torno per certo, e il suo unico commento è stato: " No, tu non vuoi tornare, ma vuoi tornare da me.'"

Hamit allo skate park di Zrenjanin

Hamit stava progettando di andarsene volontariamente in Serbia e di ottenere i documenti necessari, ma quei piani sono stati rovinati dall'arresto dei suoi genitori. Quando, due mesi dopo il rimpatrio forzato a Zrenjanin, ha cercato tornare in Germania con tutti i documenti necessari, gli è stato concesso di attraversare il confine serbo ma non quello olandere, dove il suo aereo è atterrato. Venne a sapere di avere un divieto di ingresso nell'Unione europea fino al pagamento della multa. Ha trascorso tre giorni in un carcere olandese per immigrati ed è tornato a casa.

Dal momento del suo ritorno, Hamit è preoccupato per malattia del padre che è stato ricoverato in ospedale un mese fa. Ha intenzione di assumere un avvocato e di avviare una richiesta per diminuire la condanna che ha ricevuto, non appena la salute del padre migliorerà. Si sente ancora con la sua ragazza, lei lo attende, e non pensa più molto all'asilo. "Fino a quando non superiamo il passato non possiamo andare verso il futuro. Il mio passato, per me, è il divieto che mi impedisce di avere indietro la mia amata." conclude. Nonostante tutto, questo ragazzo non perde ancora non le speranze e dà l'impressione di essere disposto a combattere tutto il tempo necessario.