\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Racconti paralleli
Di Fabrizio (del 24/04/2014 @ 09:04:22, in Italia, visitato 1875 volte)

(immagine da milano.blogosfere.it)

No, non avete sbagliato link, siete sempre su Mahalla. Ma andiamo con ordine:

Un mese fa ero a Sesto san Giovanni, per presentare il progetto MAHALLA, e dato che contemporaneamente vi si svolgeva il consueto mercatino del libro usato, avevo fatto qualche scambio. Mi era capitato in mano L'INNSE CHE C'E' (di Bruno Casati e Renato Sacristani) e in attesa di iniziare mi leggevo le prime pagine. Lettura interessantissima, non solo perché negli anni '80-'90 ho avuto trascorsi nel sindacato, ma perché mi ha fornito la chiave per rompere il ghiaccio e trovare un filo comune con i presenti.

  1. Il libro inizia col capitolo Ci vorrebbe Ken Loach. Cioè, qualcuno che sapesse costruire storie, fare politica, e dare voce a quell'etnia negletta che si chiama "lavoratori". Io non sono di sicuro Ken Loach, neanche Franco Rosi o Ermanno Olmi, ma nel tempo con Mahalla ho cercato di far conoscere musica, testi, cinema, libri su Rom e Sinti. Perché se sono in Italia da oltre 600 anni, qualche traccia (magari pop) nella nostra cultura devono pure averla lasciata, al di là della perdurante desolazione delle cronache. E contemporaneamente, si saranno contaminati, tra il mantenimento della loro identità e una presenza storica nel nostro paese. Eppure, restano sconosciuti o vengono descritti in maniera stereotipata.
  2. Poi c'è la location: Lambrate-Rubattino. A chi non ha letto I ROM DI RUBATTINO può sembrare strano, ma i Rom, quelli accampati di fronte alla fabbrica, gli eterni sgomberati conoscevano bene l'INNSE e i suoi lavoratori. Era lì che andavano a prendere l'acqua, e quei lavoratori in lotta non gliel'hanno mai negata. Si chiama SOLIDARIETA', e i due libri raccontano che la solidarietà è POLITICA, ne è l'ingrediente principale. Senza, non solo si perde, ma nel lungo periodo si rifluisce nel privato, nell'interesse di parte. Il fatto che sui due lati di via Rubattino fossero accampati questi cittadini, che altrimenti non si sarebbero mai conosciuti, ci porta ad un terzo punto.
  3. Milano e chi comanda: ecco un altro punto di riflessione comune, sui due lati della via Rubattino tornano a intervalli regolari le Forze dell'Ordine e le dichiarazioni dei vari politici, sono la presenza visibile. Proseguendo nella lettura del libri, si chiarisce man mano il ruolo nascosto e per niente secondario di soggetti oscuri ma determinanti della finanza ed el ramo immobiliare. Sono gli stessa, che in maniera ancora più nascosta, da qualche anno stanno decidendo il destino delle aree dove sorgono i campi, comunali o informali che siano. E poi c'è l'Expo, che nella sua perdurante confusione, sta monopolizzando il dibattito su cosa fare di tante aree dismesse o da dismettere, quasi un Piano del Territorio parallelo.

Questi tre punti portano a presentare la questione Rom e Sinti (almeno in una città come Milano), al di là del folklore o del buonismo, ma come uno dei tanti nodi per risolvere il NOSTRO e il LORO rapporto con una metropoli del XXI secolo. Il libro prosegue con molte testimonianze, e si legge con piacere e interesse. Opinioni a volte diverse, ma tutte ugualmente "partigiane". Una bella storia, una volta tanto con un lieto fine.

I lavoratori vincono perché hanno coscienza e unità, i Rom no, hanno sempre adottato strategie differenti; o le hanno adottate i loro "difensori". Ma senza voler imporre punti di vita altrui, ritengo che una lettura sia utile anche a quanti decidano cosa debbano fare i Rom (i Rom decidono da soli?? Sinceramente non me ne ero accorto!). Storia di una vertenza lunga, difficile e ostinata.

Il libro lo trovate a Sesto San Giovanni in via Don Minzoni 129. Ogni mese i volumi si rinnovano: ne troverete migliaia tra cui scegliere, per tutti i gusti e ogni età. Costo? L'offerta è libera, da 1 euro in su.

Al termine, ci sono alcune sezioni che sono da stimolo ad utili riflessioni, a cominciare da INNSE e media. I media, riguardo ai due lati di via Rubattino, hanno avuto un atteggiamento simile: inizialmente di indifferenza se non di ostilità, che in seguito ha invece sposato tesi e ragioni di chi resisteva ai due lati della strada. In tre brevi capitoli si tenta di spiegare come mai STAVOLTA l'Innse abbia bucato il muro di gomma delle cronache.

Lo so, vi ho già tenuti attaccati allo schermo sino troppo, ma c'è un altro capitolo che addirittura vorrei riportare per intero. Riguarda il rapporto del mondo del lavoro con le classi intellettuali. Chiederei ai miei amici attivisti & difensori dei diritti, di leggerselo tutto (con comodo, anche in più riprese) sostituendo ogni volta alla parola lavoratori quella di Rom. E vedere se viene in testa qualche idea (lungo da leggere? Sì, è lungo).

Oggi sono gli operai a salire sui tetti domani potrebbe toccare ai docenti

di Aldo Giannuli Docente di Storia contemporanea, Università Statale, Facoltà di Scienze Politiche, Milano

Il caso Innse, pur riguardando solo alcune decine di lavoratori, è stato un "reagente" utilissimo per analizzare le trasformazioni subite dall'ambiente accademico, nel trentennio che ci separa dalla fine della "grande stagione dei movimenti" degli anni Settanta.

In quel decennio si saldò un fronte sociale molto composito - fatto di operai, impiegati, studenti, intellettuali e fasce di lavoratori autonomi - che, da un lato si unificava nella difesa della democrazia dall'assalto eversivo della destra, dall'altro, trovava ragion d'essere nell'aspirazione a un modello sociale diverso e più egualitario.

Tutti gli ambienti sociali ne furono contaminati e persino la corporazione accademica - una delle più chiuse e gelose dei propri privilegi - subì vistose fratture interne.

Interi gruppi disciplinari (sociologi, giuslavoristi, storici, politologi, filosofi, italianisti, psicologi, pedagogisti) si schierarono a grande maggioranza con i movimenti (primo fra tutti quello sindacale) fornendo il supporto delle proprie conoscenze, sottoscrivendo appelli ed anche dando vita ad esperienze formative come quella delle 150 ore (se ne ricorda ancora qualcuno?).

Anche se in dimensioni non maggioritarie, parteciparono anche economisti, civilisti, penalisti, fisici, biologi, informatici. Persino a Medicina, vero bastione della conservazione accademica, sorsero gruppi di contestazione legati a Medicina Democratica o a Psichiatria Democratica.

E, come è facile immaginare, i più sensibili furono i docenti più giovani - allora denominati "assistenti" o "incaricati" - che erano stai studenti sino ad un passato abbastanza recente da essere ricordato.

Non era raro vedere loro (e persino qualche giovane "ordinario" di fresca nomina) partecipare a cortei e assemblee, dare un volantino o gridare slogan.

E tutti a chiedere una riforma democratica dell'Università contro antichi privilegi e steccati corporativi.

Sono passati più di trenta anni e quegli stessi giovani accademici sono diventati ordinari.

Oggi la maggioranza di rettori, presidi, direttori di dipartimento hanno quella età e si apprestano ormai a concludere andando in pensione.

Ma sono persone diverse, molto diverse, da quelle di trenta anni fa: la corporazione li ha assorbiti, inquadrati, digeriti.

Oggi la corporazione accademica sono loro.

I progetti di trasformazione sociale non sembrano interessarli più di tanto, e non da oggi.

La mia facoltà è uno dei sancta sanctorum dell'intellettualità del Pd e l'ideologia della "sinistra liberista" (alla Giavazzi ed alla Boeri, per intenderci) la fa da padrona.

Per molti mesi la lotta della Innse è passata semplicemente inosservata: non se ne parlava neanche per sbaglio.

Uno dei tanti episodi di inutile protesta destinato ad essere schiacciato dal rullo compressore del mercato.

Prendendo un caffè con un collega di economia, mi capitò di fare cenno a quella lotta che durava ormai da mesi, ma la cosa cadde nel vuoto: "sono le leggi del mercato: se un'azienda non produce profitto non c'è ragione che resti in vita".

Anche io - dissi - penso che l'accanimento terapeutico per tenere in vita le aziende decotte sia inutile e dannoso, ma facevo notare che l'Innse non era affatto un'azienda decotta, e che la ragione della sua liquidazione non era la mancanza di profitti, ma l'operazione speculativa sul suolo, in vista dell'Expo.

La risposta non si fece attendere: "Per le leggi del  mercato un buon affare diventa cattivo se ce n'è uno che produce guadagni maggiori. Per cui, se vendendo suoli e macchine l'impresario ricava di più che dalla sua attività attuale, non si vede perché debba rinunciare a quei guadagni".

Impeccabile! Non c'è più alcuna prospettiva macro economica, il mercato basta a sé stesso e il progresso sociale ha come sua unica molla il guadagno individuale.

Trenta anni di egemonia culturale dell'individualismo proprietario di von Mises e von Hayek non sono passati invano: ogni traccia della cultura economica della sinistra, non solo marxista, ma anche semplicemente keynesiana, è semplicemente sparita e qui anche Luigi Einaudi farebbe la parte del sovversivo.

E poi le preoccupazioni sono altre: fra il 2011 ed il 2014 andranno in pensione quasi un terzo del totale dei docenti, ma i robusti tagli della Gelmini al finanziamento dell'Università fanno temere che i concorsi di rimpiazzo (attesi come l'acqua nel deserto dalle torme di ricercatori ed associati ormai ultracinquantenni, che premono per passare al livello successivo) non ci saranno e che per molti la cattedra - o anche solo il posto di associato - resterà solo un miraggio sino alla fine della carriera.

Detto questo, se ne dovrebbe dedurre che, non fosse altro per ragioni corporative, ricercatori ed associati avrebbero dovuto partecipare di slancio alla protesta studentesca dell'"Onda", un anno fa.

Nemmeno per sogno: gli studenti sono stati lasciati soli ed il loro movimento è stato accolto con fastidio se non con ostilità.

Qualche settimana fa sono arrivate comunicazioni giudiziarie a sessanta giovani per i fatti di quel periodo: non si riesce neanche a raccogliere le firme di solidarietà e se ci provi, diversi colleghi ti rispondono che "Se la sono andata a cercare".

Così come non ebbe successo un tentativo di documento di solidarietà con i lavoratori dell'Innse, lanciato ai primi di luglio e subito abortito: ci sono gli esami, le tesi, l'ultimo consiglio di facoltà e poi fa caldo... stiamo andando in vacanza.

Ma caldo e vacanze c'entrano poco. La ragione vera è che nessuno crede più all'utilità dell'azione collettiva ed, ancor più, nel conflitto sociale. Faccio notare ad un collega che fra un anno potrebbe toccare a noi andare per tetti e cornicioni se, come già ci avverte il Rettore, non  ci saranno i soldi per pagarci gli stipendi.

Risposta "Ma va! Per noi i soldi si troveranno in un modo o nell'altro, non siamo mica operai!".

Già, non siamo operi e ci difendiamo con altri mezzi.

Una categoria come la nostra ha molte armi per difendersi: molti dei nostri sono in Parlamento e sia nell'opposizione che in maggioranza.

Molti sono nei consigli d'amministrazione di banche e società o sono firme autorevoli di quotidiani... non c'è bisogno di cortei o assemblee.

Chissà se sarà ancora vero. Forse sta per arrivare una cocente delusione per molti.

Più sensibili si dimostrano gli studenti. Ma non tutti.

Il movimento dell'Onda è stato abbastanza partecipato qui a Milano ed ha coinvolto non meno di sette-ottomila studenti che, però, sono solo una minoranza - e neanche troppo estesa - degli oltre centomila iscritti ai vari atenei milanesi.

Intere facoltà (come quelle del blocco scientifico) ne sono state interessate solo marginalmente.

E poi tutto è durato un mese ed il movimento è scomparso lasciando pochissime tracce di sé: alcuni collettivi di facoltà, qualche scossa d'assestamento e qualche fiammata di ritorno ma, nel complesso, la cosa è rientrata.

Se le generazioni precedenti hanno perso la cultura dell'azione collettiva, gli attuali ventenni non l'hanno mai avuta.

Cercano, questo è vero, di costruirsela, di porsi come soggetto collettivo, ma siamo ancora a vagiti assai elementari e discontinui.

E questo si riflette anche nel rapporto con le lotte dei lavoratori.

Non manca la simpatia, anzi in molti casi essa è evidente, ma non si va al di là di qualcosa di epidermico ed istintivo, nulla di chiaramente politico.

D'altra parte, questa è una generazione che guarda all'area del lavoro dipendente fisso con un misto di simpatia, indifferenza ed invidia: bene o male si tratta di persone che hanno un reddito garantito, mentre questi ventenni in gran parte vedono davanti a sé lo spettro di un lungo precariato.

Ci sono gli stude3nti che non hanno un progetto di sé, avvertendo di avere ben poche forze per realizzarlo, ragazzi anche molto intelligenti ma scoraggiati e con poca voglia di imbarcarsi in avventure dall'esito assai incerto.

Altri che aspirano ad una collocazione lavorativa elevata, ma in termini di tipo libero-professionale.

Pochissimi ambiscono ad un posto fisso e quasi nessuno spera di ottenerlo.

Per un'altra fascia non piccolissima è proprio la parola "lavoro" a provocare pesanti reazioni esantematiche: una allergia invincibile che li porta a reclamare un reddito garantito, non un lavoro garantito.

Anche l'ala politicamente più sensibile degli studenti, quelli di sinistra, non riesce a tradurre il grido che li ha accomunati in autunno "Noi la crisi non la paghiamo" in qualcosa di più di un semplice slogan.

I giovani che fanno riferimento al Pd e dintorni sono parte della cultura liberista, anche se con frequenti mal di pancia, e preferiscono recitare la parte dei "propositivi" poco inclini alla protesta, ma si limitano a battaglie assai circoscritte e di nessun impatto esterno all'università.

I giovani dei collettivi di area radicale, prossimi ai centri sociali e in diversi casi iscritti a Rifondazione o al PdCI manifestano simpatia e si spingono anche ad affiancare la lotta dei lavoratori dell'Innse, partecipando anche alle loro manifestazioni.

Sperano che essa sia il preannuncio di una ondata generalizzata di conflitti nel mondo del lavoro nella quale vorrebbero inserirsi anche se non sanno bene come.

Nel loro atteggiamento c'è più generosità che progetto politico.

Il collante si limita ad un generico antigovernativismo, ma stenta a darsi un insieme coerente di obiettivi comuni.

D'altra parte, una riflessione anche non molto approfondita, porta facilmente a concludere che la difesa e il rilancio dell'occupazione va in senso diverso da quella del "salario di cittadinanza" che li affascina (e che peraltro attrae anche settori di sindacato): le risorse non sono infinite ed una cosa esclude l'altra.

Piuttosto confusamente, i ragazzi dell'area radicale avvertono l'esigenza di un blocco sociale che comprenda il lavoro dipendente, quello precario e gli immigrati, ma non sanno esattamente come metterlo insieme, come organizzarlo, come esprimerlo politicamente e non trovano interlocuzioni politiche idonee, per cui la lotta dell'Innse assume, più che altro, un valore simbolico.

Quel che li colpisce di più è l'assunzione, da parte di questi lavoratori, di forme di lotta e di espressione di tipo nuovo.

Il collettivo degli operai dell'Innse promuove un profilo su Facebook, vera icona di culto dei ragazzi che, infatti, guardano alla cosa con interesse.

fa discutere la forma di lotta di salire sulle gru, minacciando di buttarsi di sotto, ad alcuni piace al punto di farla propria (lo faranno i collettivi ex Onda della sapienza a Roma), altri la trovano un po' autolesionistica e magari preferirebbero i "sequestri" dei dirigenti come in Francia.

Tutti, però, la valutano per l'impatto mediatico: i giovani dei centri sociali ed affini sono molto sensibili alle nuove forme di comunicazione su cui discutono spesso.

Dunque, la Innse è vista un po' come la prova provata che, ancora oggi, la "lotta paga" ed un po' come l'avvisaglia di una ondata di lotte nuova anche per le forme espressive e di lotta.

Ma tutto è avvolto in una persistente nebbia: l'assenza di un progetto politico unificante, di una strategia capace di combinare gli interessi di un vasto blocco sociale, persino di un comune immaginario che motivi alla lotta, si avverte con sempre maggiore nettezza.

Il caso Innse è un segnale importantissimo, ma la strada da fare per ricostruire un senso comune di appartenenza, una cultura politica alternativa a quella del potere è ancora lunga.

#mediazioneculturale #milano #lavoro #Innse