\\ Mahalla : Articolo : Stampa
La mia super zia rom
Di Fabrizio (del 10/03/2014 @ 09:07:58, in Italia, visitato 1235 volte)

Posted on 6 marzo 2014 su La voce degli attivisti rom e sinti

La storia di una donna rom che vuole cambiare il mondo e battersi per i diritti del suo popolo. Di Pamela Salkanovic.

Mia zia si chiama Dzemila Salkanovic ed è una donna che oggi lavora a Roma come mediatrice culturale. Da piccola abitava in quelli che la gente chiama "campi nomadi" ma, pian piano, ha cominciato a lavorare. Questo le ha permesso di cominciare a uscire dal campo e dalla vita lì dentro, che è molto dura e difficile, come vivere in un ghetto.

Mia zia aveva tre sorelle e quattro fratelli da mantenere. Lavorava soprattutto per loro, da buona sorella maggiore.

A 18 anni ha trovato un impiego come domestica e per lei è stata una grande soddisfazione. Però c'era anche qualcosa che non la faceva stare tranquilla. Le ragazze rom, ai tempi di mia zia, erano abituate a sposarsi a 13-14 anni. Lei, appunto, ne aveva 18 e la gente della sua comunità la giudicava negativamente perché era l'unica tra tutte le giovani ragazze che ancora non si era sposata.

A 23 anni, però, Dzemila conosce quello che sarebbe diventato il suo futuro marito. Dopo non molto tempo i due decidono di sposarsi e vivono in un campo, a Roma, finché non hanno avuto la possibilità di prendersi una casa vera fuori dal campo. Da allora la vita di mia zia è cambiata radicalmente. Ha iniziato a frequentare altri cittadini italiani, non rom, e per lei l'inclusione sociale non era più una chimera.

Ha trovato un bellissimo lavoro come responsabile di una casa famiglia per minori, e ha iniziato a dedicarsi al volontariato. Oggi fa la mediatrice culturale e allo stesso tempo frequenta una scuola per imparare meglio l'italiano.

"Anche se non è stato facile, sono molto soddisfatta di ciò che ho fatto e sto facendo nella mia vita. La vita di una ragazza rom spesso riserva molte insidie. Io lo so ed è per questo che vorrei aiutare altre persone a inserirsi nella società, con tutti gli altri cittadini italiani e di altre nazionalità. Spero che un giorno noi rom non saremo più giudicati per la nostra cultura, per il nostro colore della pelle o degli occhi e che tutti i pregiudizi negativi nei nostri confronti saranno superati per sempre".

Parola di Dzemila, la mia super zia rom...