\\ Mahalla : Articolo : Stampa
L'assistenzialismo e' razzismo
Di Barbara Breyhan (del 30/04/2013 @ 09:02:15, in Italia, visitato 1338 volte)

CORRIEREIMMIGRAZIONE 28 aprile 2013 | di Clelia Bartoli

Le forme del razzismo sono tante e diverse: ve ne sono di chiassose e sfacciate, ma anche di pudicamente ipocrite, alcune utilizzano la forza bruta, altre si avvalgano dell'insulto o del semplice sguardo, altre ancora impiegano strumenti di oppressione più subdoli e sottili.

Tra i razzismi che amano mascherarsi, a mio avviso, va annoverato l'assistenzialismo: tale agire appare generoso, benevolo, preoccupato di soddisfare i bisogni dei deboli, ma esso in realtà è offensivo, dannoso e perfino razzista.

È razzista perché ripropone il mito coloniale del buon selvaggio, del quale l'uomo bianco deve "prendersi cura", senza che il selvaggio venga però invitato al tavolo delle decisioni che riguardano la sua vita. L'assistenzialismo dunque infantilizza l'assistito: lo reputa minore, lo tratta da minore, lo abitua alla minorità. E ciò, come spiega Kant, reca vantaggio al narcisismo degli aspiranti tutori e foraggia l'inclinazione umana alla pigrizia e alla delega. Una perfetta rappresentazione iconografica dell'assistenzialismo l'ha fatta il regista che ha firmato uno spot (...) per un programma di solidarietà verso le donne africane Un mese per la vita, promosso dalla fondazione Rita Levi-Montalcini insieme all'acqua Lete.

Lo spot – alquanto discutibile a sostegno di un progetto probabilmente meritorio – mostra la mano di una donna nera che iniziava a scrivere con un gesso su una lavagna la parola "futuro", quando arrivava la mano di un'anziana donna bianca a guidarla nella scrittura di tale parola. La donna africana è così paragonata ad una bambina di scuola elementare che l'insegnante europea deve guidare dirigendo la progettazione del futuro dell'assistita. Viene ad istaurarsi un rapporto fortemente asimmetrico tra chi guida e chi è guidato, tra chi è autore del proprio futuro e chi è eterodiretto nel proprio progetto di vita.

L'assistenzialismo ha inoltre un elevato costo per l'intera comunità e questo fa sì che i "beneficiati", visti come parassiti, non attirino su di sé troppe simpatie. Ma ciò non sarebbe un vero problema se davvero soggetti svantaggiati acquisissero un vantaggio e dunque una maggiore uguaglianza. Il problema è che l'assistenzialismo (cosa diversa da una giusta solidarietà sociale) non reca grandi benefici ai "beneficiati". Dijana Pavlovic, in un articolo dal titolo appunto Dall'assistenza alla responsabilità apparso sull'ultimo numero di "Near" (p. 27), scrive:

"Il mio amico attivista rom Giorgio Bezzecchi mi racconta che nel suo villaggio di 50 persone (una famiglia allargata) non ci sono particolari problemi. Tutti sono autonomi e si occupano di se stessi da anni. Lavorano, sono cittadini italiani, accedono ai servizi come tutti gli altri. Da qualche anno quel campo è affidato in gestione a una cooperativa. Ci sono alcuni operatori che vengono al campo per "assistere" le persone. La conseguenza è che i rom che hanno bisogno di fare una fotocopia o andare in un ufficio per compilare un modulo adesso si fanno accompagnare dagli operatori. Oltre ai costi materiali di questa operazione da non sottovalutare e che pesano su tutti i cittadini, il costo più grande lo pagherà per intero quella comunità rom: sempre più deresponsabilizzata e sempre meno autonoma".

L'assistenzialismo è una forma di aiuto che tarpa le ali, che non cede potere, che parte dall'assunto dell'incapacità del debole di risolvere le cose da sé, che anchilosa la forza e le abilità, che abitua alla dipendenza e alla deresponsabilizzazione, che produce apatia e fatalismo, che foraggia l'autocompiacimento di chi vuole controllare per mezzo di un aiuto interessato. Esso umilia obbligando ad una gratitudine che facilmente si converte in rabbia verso il solerte salvatore. La rabbia, infatti, si scatena puntualmente verso quei genitori, insegnanti, operatori sociali, ecc. che "dandoci" in realtà "ci rubano" la possibilità di essere autori delle nostre vite.