\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Sposa bambina: Comunicato sulla sentenza
Di Fabrizio (del 16/03/2013 @ 09:06:25, in Regole, visitato 1229 volte)

COMUNICATO STAMPA SPOSA BAMBINA: LA MONTAGNA PARTORI' UN TOPOLINO
ROM ASSOLTI DAI REATI DI VIOLENZA SESSUALE DI GRUPPO, RIDUZIONE IN SCHIAVITU' E MALTRATTAMENTI


Nessuna violenza sessuale di gruppo. Nessuna riduzione in schiavitù, né alcuna tratta degli esseri umani. Nessun maltrattamento su minorenne. Nessun matrimonio forzato. E' netta la sentenza pronunciata oggi dal Tribunale di Pisa nel processo cosiddetto "della sposa bambina".

Ricordiamo brevemente i fatti. Nel 2010 vengono arrestati sette rom del campo di Coltano: secondo l'accusa, avevano portato in Italia una minorenne kosovara, costringendola a sposarsi, riducendola in schiavitù e compiendo su di lei abusi e violenze sessuali. Nel corso del processo, il Pubblico Ministero ha ipotizzato anche forme di pressione e di violenza psicologica.

La sentenza di oggi ha demolito questo castello di accuse: a carico degli imputati resta solo il reato di immigrazione clandestina, per il quale la difesa ricorrerà in appello.
Si tratta però, è bene dirlo, di una condanna che cambia radicalmente il senso del processo. Era stato disegnato un quadro fatto di rom primitivi e violenti, dediti allo sfruttamento dei minori e al maltrattamento delle donne; una comunità in cui i matrimoni sono forzati e la volontà delle spose è calpestata. Un vero e proprio catalogo dei peggiori pregiudizi sui rom.
Oggi, quel che resta di queste accuse è il semplice ingresso irregolare in Italia. Un reato che non configura una violenza sulle persone, e che dipende da semplici fatti amministrativi: solo per fare un esempio, se la ragazza fosse stata cittadina albanese anziché kosovara, non esisterebbe reato (l'entrata dall'Albania, infatti, non richiede visto di ingresso).

Ma ciò che è più grave in questa vicenda è il coinvolgimento del Comune di Pisa e della Società della Salute. Sin dall'inizio, gli amministratori di questa città hanno utilizzato il processo per diffondere veleni sulla comunità rom. Il Comune ha condannato gli imputati prima ancora della sentenza: ricordiamo che una giovane donna è stata sfrattata con i suoi cinque figli (l'ultima di appena sei mesi) perché coinvolta nella vicenda processuale.

Noi chiediamo che sia restituita la dignità a persone che per mesi sono state ingiustamente umiliate. Chiediamo al Comune di rispettare la Costituzione, e quindi di revocare tutte le misure punitive a carico degli imputati (a partire dagli sfratti), finché non si giungerà alla fine dei tre gradi di giudizio: è l'unico modo per rimediare ai gravi danni, materiali e morali, inflitti a queste famiglie.
Il nostro pensiero e la nostra solidarietà vanno alle persone ingiustamente accusate di crimini odiosi, ma anche alla giovane minorenne kosovara (la cosiddetta "sposa bambina"): vittima di una vicenda più grande di lei, vittima di vergognose strumentalizzazioni politiche da parte del Comune.

ASSOCIAZIONE AFRICA INSIEME


Da Agostino Rota Martir

La sentenza di oggi della Corte d'Assise di Pisa sul caso "la sposa-bambina", assolve tutti e quanti i Rom accusati di quelle pesanti accuse: rapimento, riduzione in schiavitù, violenza sessuale di gruppo e maltrattamento. In 15 udienze è stato possibile dimostrare la falsità di tali accuse e la loro inconsistenza, questo grazie anche al lavoro paziente e attento degli avvocati, che hanno saputo smontare il castello accusatorio.

Ricordo che fin dall'inizio di questa triste vicenda, i rom del campo hanno sempre sostenuto l'assurdità di tali accuse, ma pochi ci hanno creduto qui a Pisa, eccetto coloro che hanno voluto conoscere e ascoltare la voce dei Rom. Anche alcune Associazioni Rom Italiane hanno preferito prendere le distanze!
La stampa locale, diversi operatori del comune, assistenti sociali (quasi tutti) e amministratori fin dall'inizio hanno sentenziato, condannato, mantenendo anche un atteggiamento di tortura psicologica verso i rom coinvolti.
L'opinione pubblica è stata infettata dal virus dell'intolleranza, attraverso gli articoli dei giornali, sopratutto quelli a firma di Candida Virgone, apparsi su Il Tirreno di Pisa.
Alla luce dell'odierna sentenza sarebbe interessante ed educativo andare a rileggersi quei "racconti fantascientifici" (orrendi) della giornalista: una vera vergogna che disonora e offende chi onestamente e con competenza si dedica a tale attività. (ne tengo copia di questi orrendi articoli)

Gli artefici di questa assurda follia non sono i Rom, come si è voluto far credere, (giornali parlavano di orrore), ma altri e sopratutto chi era incaricato di lavorare per la cosi detta "integrazione". Questa follia ha un nome si chiama "Città Sottili", che in un certo senso ha permesso, incubato, ha sollecitato e partorito il mostro del pregiudizio, sono molti i complici che a titolo diverso vi hanno preso parte. Una delle loro colpe è la disumanità che hanno perseguito per tutto questo tempo, ma ce ne sarebbero altre, altrettanto gravi..che a suo tempo verranno elencate e discusse.

Di tutto questo è rimasto "solo" il reato di immigrazione clandestina, con il massimo della pena previsto dalla Legge Bossi-Fini, 5 anni. Sono tanti e questo ha un po' spento la gioia e la soddisfazione dei Rom e loro famigliari.

[...]