\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Francia
Di Marylise Veillon (del 27/02/2013 @ 09:05:25, in musica e parole, visitato 1563 volte)

L'Express Israel Galvan: "danzare l'impossibile", il genocidio dei gitani - Par AFP, publié le 13/02/2013 à 09:52

PARIGI - Il sivigliano Israel Galvan danza dal 12 al 20 febbraio al "Théatre de la Ville" di Parigi "L'impossibile da danzare": il genocidio tzigane da parte dei nazisti, con il suo nuovo spettacolo "Le Réel, Lo Real, The Real".

Dimenticatevi del flamenco tradizionale, delle balze e degli "olé": il flamenco di Galvan è aspro, senza concessioni.

E' a torso nudo, dove si disegnano le costole, danzando sulla scena quasi vuota. Un piano stonato, dal quale verrà fuori il filo spinato dei campi di concentramento, dei binari cigolanti: ecco, la scenografia è montata. Lo spettatore trattiene il fiato: si soffre con lui.

Quando una ballerina irrompe, è vestita come una rom, come in segno di solidarietà con le persecuzioni di oggi.

Silhouette longilinea vestita di una calzamaglia nera, c'è un uomo dolcissimo, agli antipodi del solito ballerino brillante, il quale si esprime tramite interviste, attento alle domande, esitante nell'agganciare delle parole ai movimenti del corpo.

Cascato piccolino nel flamenco - i suoi genitori sono ballerini e suo padre insegnante in una scuola di flamenco a Siviglia - traccia rapidamente il proprio cammino, rischiando di sconvolgere i puristi.

"Hanno il loro posto, è importante conservare la tradizione" afferma Galvan, "ma il flamenco è in costante evoluzione, e mi sento molto libero".

Libero di scegliere un tema scottante come il genocidio dei gitani, e di introdurvi "anche della gioia", perché conviene celebrare tanto la loro sopravvivenza quanto la loro sofferenza.

Il genocidio era presente già nella sua infanzia, "se ne parlava molto a casa, per motivi religiosi", dice Galvan. I suoi genitori appartengono ai Testimoni di Geova, perseguitati e deportati dai nazisti a motivo dei loro legami internazionali e della loro opposizione al potere e alla guerra.

Sua madre è tzigana: il genocidio fa doppiamente parte della storia familiare. Però, Israel Galvan si è ispirato anche da documentari, libri, canzoni ("Hitler in my heart" del gruppo Antony and the Johnsons) per la sua creazione. Dice che come sempre, lo spettacolo risponde a "un'esigenza".

Con una dozzina di creazioni in 15 anni, Israel Galvan si è forgiato la reputazione di un ballerino profondamente innovatore nell'ambito molto codificato del flamenco. Applaudito a Parigi e nel nord-europeo da molto tempo, ha visto il suo lavoro riconosciuto per la prima volta a dicembre, dal Teatro Real di Madrid, che ha prodotto "Il Réel". 

Questo "ballerino delle solitudini", secondo il titolo di un libro che gli è stato consacrato dal filosofo e storico dell'arte francese Georges Didi Huberman (2006), è stato per la prima volta - per "Il Réel"- affiancato da due virtuose ballerine, Belén Maya e Isabel Bayon. Una decina di cantanti e musicisti fanno molto più che accompagnarlo, essendo la vera spina dorsale dello spettacolo.

Tra i suoi progetti, un duo con il ballerino britannico originario del Bangladesh Akram Khan, la cui danza è ispirata dal kathak, un'arte tradizionale indiana vicina al flamenco.

Israel Galvan vorrebbe anche "esplorare il suo lato femminile". Osserva che "Nel flamenco, l'uomo deve danzare da ++macho++ e la donna, in modo femminile". A lui piacerebbe "cambiare un po'". Butta là sorridendo: "Ho sempre danzato da uomo, è un po' stancante".

Una trasgressione fedele al suo percorso, che spiega però, senza alcuna aggressività. La violenza, la morte, onnipresenti nei suoi spettacoli, li conserva per la scena. In città, è un uomo timido, che parla dei suoi figli, tra cui c'è una bambina che danza già "il balletto".


Le Parisien Israel Galvan danza per i rom di Ris-Orangis Publié le 15.02.2013, 21h24

Nel bel mezzo di un accampamento di Rom a Ris-Orangis, la nuova stella del flamenco Israel Galvan, batte i tacchi con passione. Habitué delle grandi sale prestigiose d'Europa, è venuto qui per "confrontarsi con la realtà".

I rom dell'accampamento, autentica bidonville a 20 km al sud-est di Parigi, hanno terminato la costruzione della scena venerdì mattina, in modo da potere accogliere il ballerino, attualmente presente sulla locandina del Théatre de la Ville di Parigi.

All'inizio della serata, la silhouette longilinea d'Israel Galvan, pantalone colore arancio e piumino marrone, appare nel campo, atteso da circa 70 persone, abitanti del bidonville e membri di alcune associazioni di sostegno. I bambini, appena usciti dalla scuola o dal liceo dove alcuni di loro sono scolarizzati, si spazientiscono in mezzo al fango e alle capanne, costruite lungo la strada N7.

Petto all'infuori, accompagnato da due "cantaores" (cantanti di flamenco) esegue alcuni passi di danza per alcuni minuti, picchiando il suolo in modo rude e virile, come un torero atletico.

Ma è soprattutto felice d'invitare gli rom a ballare in mezzo alla piccola scena, fatta di travi di legno e decorata di ghirlande, che danno al posto delle arie di parco di divertimenti.

Una donna, la gonna nera della quale sfiora il pavimento, esita, poi finalmente si lancia nel cerchio sotto lo sguardo benevolo d'Israel Galvan.
Durante la serata, gli rom tirano fuori i propri strumenti: violini, fisarmoniche e tamburelli colpiti con l'aiuto di bottiglie di plastica.

"E' buono per i bambini, per noi, per la musica", dice Jorge, il quale abita nell'accampamento da circa otto mesi. "Apporta gioia!"

"Altro tipo di energia"

Figlio di una gitana, Israel Galvan percepisce qui una familiarità con ciò che conosce.

"Quando guardo la gente, vedo certi volti che potrebbero essere quello di mia nonna", dice sorridendo, all'AFP.

Aggiunge: "Ciò che mi colpisce, è che nonostante le difficoltà che incontrano queste popolazioni, riescono a fare venire fuori una gran gioia nel loro modo di vivere".
Nel suo spettacolo battezzato "Le réel" (il reale), egli evoca senza concessioni, la sorte tragica – e abbondantemente occultata – che fu riservata agli tzigani durante la Seconda Guerra Mondiale, perseguitati e sterminati dagli nazisti.

"Per creare il mio spettacolo, mi sono ispirato a libri e foto antiche di zigani. Ma venire qui, è la situazione la più reale alla quale mi sono trovato confrontato" spiega colui che, durante questi ultimi anni, si è tagliato una reputazione di ballerino profondamente avanguardista e novatore.

Considera: "Non ho mai ballato in questo genere di luoghi prima, ma è importante per un ballerino, venire a respirare un altro tipo di energia, diverso da quello dei teatri".

L'incontro, con l'iniziativa della rivista culturale "Mouvement" e dell'associazione "Perou" che viene in aiuto ai rom, non si ferma qui. Durante quattro sere, Israel Galvan invita dodici abitanti del bidonville a venire per assistere al suo spettacolo al Théatre de la Ville, che continuerà fino al 20 febbraio.

Dice che è importante che vengano a vedere lo spettacolo, in quanto questo parla della loro storia.