\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Memors, un museo virtuale per ricordare l'olocausto di Rom e Sinti
Di Sucar Drom (del 28/01/2013 @ 09:04:40, in Italia, visitato 1254 volte)

24 gennaio 2013

Il Porrajmos, l'olocausto di Rom e Sinti, è stato per decenni tenuto sostanzialmente sotto silenzio. A distanza di quasi 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, qualcosa sembra modificarsi. Tra le varie iniziative volte a far emergere la memoria del Porrajmos figura MEMORS, il primo museo virtuale del Porrajmos.

"Porrajmos significa divoramento" - commenta Carlo Berini, dell'associazione Sucar Drom di Mantova - "ed è il termine con cui Rom e Sinti si riferiscono all'immane tragedia dell'olocausto". L'associazione Sucar Drom ha collaborato con lo storico Luca Bravi nella costruzione del museo virtuale. "La nostra attività di ricerca" - spiega Carlo Berini - "si concentra soprattutto su quanto accaduto nell'Italia fascista. L'internamento vero e proprio nei campi di concentramento inizia nel 1940, e nel 1943, dopo l'armistizio e la nascita della repubblica di Salò, assistiamo al sistematico invio verso i campi di sterminio in Germania e Polonia."

L'Italia non ha mai riconosciuto ufficialmente la persecuzione di Rom e Sinti, tanto che il Porrajmos non viene citato nella legge del 2000 che istituisce il giorno della memoria per il 27 gennaio e non viene incluso nelle celebrazioni istituzionali. "Inoltre" - sottolinea Berini - "Rom e Sinti sono le uniche due minoranze storico-linguistiche a non essere riconosciute dalla legge italiana, e diventano facilmente il capro espiatorio per occultare i veri problemi del paese e l'incapacità dei politici di far loro fronte".

La puntata di Passpartù di questa settimana sarà dedicata a un approfondimento sul Porrajmos e all'analisi delle attuali politiche messe in campo nei confronti di queste comunità nel nostro paese.

Intervista a Carlo Berini, associazione Sucar Drom - Mantova