\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Francia
Di Fabrizio (del 10/08/2012 @ 09:17:50, in Europa, visitato 901 volte)

Da Roma_Francais

Orly, giovedì. Maria ed i suoi figli fanno parte dei 74 Rom accolti nel primo villaggio d'inserimento in Francia, finanziato principalmente dall'Unione Europea. Mala giovane lotta per trovare un lavoro | (lp/florian dèbes)
Rom, il villaggio test non accoglie nessuno - A quasi otto mesi dall'apertura, il villaggio d'inserimento dei Rom, un esperimento europeo, è ancora lontano dal compiere la propria missione. Lì cresce l'impazienza. leParisien.fr par Florian Dèbes - Publié le 30.07.2012, 06h17

E' un luogo unico in Francia, quello che visiterà questo pomeriggio ad Orly Jean-Yves Leconte, senatore dei francesi dell'estero. Recandosi nel villaggio d'inserimento delle famiglie rumene, potrà incontrare Maria ed i suoi 73 vicini. Per loro l'emergenza è terminata grazie al dispositivo installato non lontano dalla stazione di Saules.

Spostatasi a metà dicembre in una casa provvisoria, la giovane aveva posto fine ad un percorso fatto di produzione di mattoni in Romania, di bracciante agricola in Italia e di elemosine a Parigi. Nella baraccopoli che occupava precedentemente a Orly, a febbraio 2010 sono morti in un incendio due bambini di 15 mesi e 3 anni. Oggi la pulizia del sito è da considerarsi un imperativo. Maria spera di iniziare un tirocinio in una struttura per la prima infanzia. Ma questo è ancora una speranza.

Il programma d'inserimento, finanziato dall'Unione Europea per un importo di 250.000 €, e dal consiglio generale Val-de-Marne, ha davanti a sé ancora numerosi ostacoli, malgrado gli sforzi di Habitat et soins, l'organizzazione che quotidianamente gestisce il sito. "Non è ancora tutto bene", riassume Maria in un francese incerto.

I 74 abitanti vivono di vendita di rottami ed accattonaggio

L'obiettivo di dare alloggio alle famiglie è comunque soddisfatto. Ma vivono ancora di rivendita di rottami e di accattonaggio. Gli adulti sono sempre sottomessi al regime derogatorio che limita l'accesso dei cittadini rumeni l'accesso al mercato del lavoro. Viene additata la lentezza amministrativa. "In autunno depositeremo in prefettura sette dossier completi per le domande d'autorizzazione al lavoro," spiega Laurence Potte-Bonneville, direttrice regionale dell'associazione.

Si complica la scolarità degli adolescenti

Nessun problema da segnalare nella scuola primaria Marcel-Cachin. Invece per gli studenti delle superiori ci sono maggiori difficoltà. Mescolati in tre diversi istituti durante l'anno, per integrare in classi specializzate chi ha potuto andare poco a scuola, gli studenti faticano ad adattarsi allo stress. "Per qualcuno non è automatico alzarsi tutti i giorni per ascoltare un prof. Non l'hanno mai fatto," riconosce Elsa, l'educatrice specializzata del sito.

Corsi di francese per adulti offerti solo ora

Otto mesi dopo il loro insediamento lì, gli adulti potranno finalmente seguire, prima della partenza, laboratori sociolinguistici orientati alla ricerca di lavoro. "E' una richiesta insistente da parte loro," rileva Laurence Potte-Bonneville. Abitanti ed associazioni hanno faticato ad assumere un insegnante. Tre hanno declinato l'offerta all'ultimo momento. Una quarta ha infine incontrato le famiglie a inizio luglio. E così, se per il momento il villaggio di inserimento non è ancora un successo, c'è ancora tempo, le parti si son date tre mesi, per fare un bilancio.