\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Viaggio tra i rom: "I nostri figli meritano un futuro migliore"
Di Fabrizio (del 28/05/2012 @ 09:58:05, in Italia, visitato 1235 volte)

Corriere della Sera LA VIDEOINCHIESTA DI COMUNICARE IL SOCIALE Dopo i recenti fatti di cronaca, parlano i residenti del campo nomadi di Scampia

NAPOLI - "Ci chiamano zingari, ma non è sempre colpa nostra" Scampia, quartiere a nord di Napoli, una lunga scia di rifiuti di ogni sorta segna l’ingresso nel campo rom. Un villaggio di baracche fatte di lamiere e compensato, dove vivono circa 700 persone. Ad accompagnarci Jovanovic Dejan di nazionalità serba da tredici anni in Italia. "Ho quattro figlie femmine – racconta - studiano tutte nella scuola italiana". Nel campo manca la corrente. L’Enel ha staccato per l’ennesima volta l’allaccio abusivo, "un paio di giorni e riattacchiamo - dice Jovanovic – In inverno è più dura per riscaldarci accendiamo nelle stufe la legna presa dai rifiuti. Ci accusano di essere sporchi, che bruciamo i rifiuti, ma vogliamo solo riscaldarci". Per il cumolo di spazzatura all’esterno del campo, Jovanovic precisa: "Non è solo colpa nostra nessuno viene a ritirarla, per questo si creano le discariche". Per quanto riguarda l’integrazione Dejan ha le idee chiare: "E’ una questione di scelta, tra di noi c’è chi si vuole inserire e chi no. C’è chi cerca un lavoro e chi si “arrangia”". Lui, da due anni, è mediatore culturale dell’associazione “Arrevutammoce”, "per quelli come me – aggiunge - che si vogliono integrare è comunque dura: non ci danno la luce e l’acqua. Come i miei figli possono andare a scuola e possono giocare con i bambini italiani se sono sporchi?". "Tu dici che io sono zingaro – conclude Jovanovic – ed è vero, ma se puzzo e scappi è anche colpa tua". Per i suoi figli spera in un futuro migliore del suo: "che siano integrati e possano scegliere la loro strada".

Emiliana Avellino - redazioneweb@comunicareilsociale.com - 23 maggio 2012