\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Rom: Comitato europeo dei diritti sociali ravvisa violazione del diritto all'abitazione
Di Fabrizio (del 16/12/2011 @ 09:07:00, in casa, visitato 1337 volte)

di Maria Teresa Lattarulo.

Nel clima di deprecabile, crescente razzismo verso le popolazioni Rom, testimoniato anche dai recenti accadimenti nella città di Torino, un baluardo contro le violazioni dei diritti è costituito, per fortuna, dall'operato degli organismi internazionali. In questi giorni, infatti, è stata resa nota la decisione adottata il 28 giugno 2011 dal Comitato europeo dei diritti sociali, preposto al controllo dell'osservanza della Carta sociale europea, nel caso COHRE contro Francia con la quale quest'ultimo Paese è stato condannato per la politica di espulsioni forzate dei Rom adottata dal Presidente Sarkozy nella primavera del 2010. A quell'epoca, centinaia di campi nomadi furono sgomberati dalla polizia e migliaia di rom furono espulsi o accettarono il ritorno "volontario" verso la Romania, dietro pagamento di compensi pari a trecento euro per adulto e cento euro per ogni bambino.
Il Comitato ha ravvisato la violazione del diritto all'abitazione garantito dall'art. 32 della Carta sociale perché, se è vero che uno Stato può smantellare insediamenti abusivi e illegali, deve però farlo nel rispetto della dignità delle persone coinvolte e offrendo loro sostegno finanziario o opportunità di un nuovo alloggio, condizioni queste non rispettate dalla politica della Francia in quell'occasione. Inoltre, il Comitato ha rilevato che le misure che uno Stato adotta devono essere rispettose del principio di non discriminazione, mentre, nel caso di specie, le decisioni del governo Sarkozy apparivano non casuali, ma determinate dal clima di razzismo verso i Rom diffuso nel Paese.

Il Comitato ha ritenuto che la Francia abbia violato anche il divieto di espulsioni collettive di gruppi etnici contenuto nella Carta sociale e nella Convenzione europea dei diritti dell'uomo. E' molto importante considerare che in molti casi la partenza era stata "volontaria", ma il Comitato non ha guardato alle apparenze ritenendo che non può considerarsi veramente volontaria una decisione determinata dall'esistenza di un clima diffuso di odio e discriminazione razziale, nonché dall'adozione di misure coercitive che non lasciano scelta, quali l'eliminazione forzosa della propria abitazione.

La decisione deve far riflettere tutti i governi, incluso quello italiano che anch'esso ha spesso fatto ricorso a politiche di sgomberi forzosi e di espulsioni non del tutto immuni da sospetti di illegittimità (l'Italia è stata condannata dalla Corte europea dei diritti dell'uomo nel caso Sulejmanovi c. Italia).

Per fortuna, l'Europa non è solo Euro e finanza…