\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Razzismo è accettare di avere il coltello dalla parte del manico
Di Sucar Drom (del 27/09/2011 @ 09:59:25, in casa, visitato 1543 volte)

Sempre dalla newsletter di Articolo 3, un aggiornamento su una situazione segnalata 10 giorni fa. di Elena Borghi*

Apriva la guida alla rassegna stampa della newsletter n.30 una riflessione sugli avvenimenti che da circa un mese animano la vita di Torrazza Coste (PV).
Niente di speciale, all’apparenza: una trattativa in corso tra due privati, per l’acquisto di un terreno parzialmente edificabile, sito in una delle vie più "in" del paese dell’Oltrepò. Un banale episodio di compravendita come ne accadono ogni giorno, senza mai finire sulle pagine dei giornali.
Ma questo caso è diverso. La notizia ha ottenuto l’attenzione del giornale locale, la Provincia Pavese, è passata di bocca in bocca tra i millesettecento abitanti di Torrazza – schieratisi a sostegno o contro il compaesano deciso a vendere quel terreno –, ha fatto mettere in campo polizia locale ed avvocati, e probabilmente sta guastando il sonno a più persone, coinvolte a vari livelli nell’episodio.
A trasformare questa ordinaria vicenda in fatto di cronaca è un particolare piccolo ma evidentemente insormontabile, l’appartenenza etnica degli acquirenti: rom, una parola minuscola che desta preoccupazioni enormi.

Avevamo promesso di approfondire l’episodio, e così abbiamo cercato di fare, recandoci a Torrazza Coste. Ma quel che possiamo raccontare è solo una serie di impressioni.
Le persone con cui abbiamo parlato, infatti, sono state vaghe e sfuggenti: tanto timide nell’azzardare commenti personali, quanto decise nell’affermare la propria estraneità ai fatti, restie a fare i nomi dei compaesani più direttamente coinvolti, caute nella scelta dei termini e barricate dietro una facciata politically correct impenetrabile, come chi si stia muovendo su un terreno pericoloso e cerchi di tenersi al riparo da possibili scivoloni.
Al Bar Sport siedono gli avventori più loquaci. Parlano della vicenda di via Moro come di una cosa che non li riguarda granché, cercano di esporre i fatti in ordine cronologico e di astenersi da notazioni personali. Punzecchiati sulla questione della petizione – che qualcuno in paese avrebbe organizzato per scongiurare l’arrivo dei rom, radunando oltre 350 firme [1] – si lasciano scappare un commento: "Beh, nessuno li vuole…", con il tono di chi sta dicendo la cosa più ovvia del mondo, una verità universale e condivisa.
Intanto, in via Moro scorre tranquillo il sabato pomeriggio, dietro i cancelli e i muri di cinta alti e robusti, dietro le porte blindate di villette pretenziose, troppo simili a miniature di castelli, dentro i Suv e sulla ghiaia dei vialetti d’ingresso, che annunciano ospitali: "Attenti al cane". Non c’è niente di così diverso, in fondo, in questa via e in questo paese, rispetto a centinaia di altre piccole città italiane, familiari a tutti noi; eppure, il sospetto che qui si stia consumando una silenziosa ingiustizia rende minacciosi particolari che, altrimenti, ci parrebbero assolutamente normali, addirittura rassicuranti.

Il terreno incriminato, ora deserto perché da giorni i futuri acquirenti non si fanno più vedere a Torrazza, sorge in mezzo a questo idillio borghese a tinte pastello: c’è una parte di verde ed alberi (per quelli che la famiglia rom ha abbattuto è già intervenuta la Forestale, con una multa al proprietario), una parte di semplice terreno, una piccola costruzione in pietra fatiscente – forse un ex capanno per gli attrezzi. Niente altro. Episodi spiacevoli, nei giorni in cui la famiglia è stata con i camper sul terreno? Pare di no. Arrivavano al mattino, ripartivano al tramonto. Segni di incuria, immondizie, rottami? No.
Sono stati fatti intervenire (a scopo preventivo, si direbbe) Carabinieri e Polizia locale; si sono ipotizzati sgomberi, scritte e firmate petizioni, allertate le autorità locali. Eppure i residenti di via Moro con cui abbiamo parlato dicono di non sapere nulla – più criptici della Sibilla, omertosi come neanche in terra di mafia.
Gli abitanti della prima casa in cui ci rechiamo ci danno un’indicazione nemmeno troppo velata. Loro naturalmente non sanno nulla, ma: "Chiedete ai signori di fronte, che sono i più aggiornati sulla questione", riferendosi ai proprietari della villa confinante con il terreno incriminato. Ma no, nemmeno loro sanno essere precisi. "Non voglio dire cose di cui non sono certa" – ripete la signora, assicurando che ora è l’amministrazione comunale a occuparsi dell’intera faccenda. Sì, forse una raccolta firme c’è stata, ma lei non ne sa granché. Stessi occhi sospettosi, stesse mezze parole anche nelle due case successive. Questi trecentocinquanta nomi paiono essersi volatilizzati.
Pare che il rogito ancora non sia stato stipulato, sembra che sia circolata una petizione e si siano raccolte delle firme, corre voce che la petizione sia stata recapitata in Comune, si dice che l’amministrazione si stia facendo direttamente carico della faccenda, forse alla ricerca di quella "soluzione pacifica che soddisfi i residenti" di cui parla la Provincia Pavese, e che consisterebbe nel "convincere i proprietari a trovare nuovi acquirenti".
Ripartiamo con i taccuini vuoti e nessuna vera informazione in più.

Ci rimane addosso solo un’impressione generale di disagio, l’inquietudine che inducono i luoghi apparentemente inattaccabili, perfetti, nel giusto – facciate dietro le quali spesso si consumano pesanti ingiustizie e prevaricazioni. E’ questo, il messaggio sotteso ai silenzi e alle parole vaghe delle persone che abbiamo intervistato?
E’, questa, una vicenda in cui qualcuno – elettori e cittadini benestanti, affidabili, "pacifici e forti" – sta non solo accettando di avere il coltello dalla parte del manico, ma decidendo di far valere questa condizione contro qualcun altro, persone che del coltello vedono sempre e solo la punta acuminata? Non possiamo ancora dirlo. Ripartiamo con il dubbio ben vivo in mente, in attesa che lo sviluppo degli eventi decida il carattere di questa piccola grande storia.
Poco fuori il paese, sul ciglio della strada si erge una chiesetta bianca, di cui qualcuno ha imbrattato la facciata, stampandovi un Sole delle Alpi leghista, bello grande, in verde d’ordinanza.

  • * Titolo da: Ascanio Celestini, I miei racconti "in fila indiana" contro il razzismo (Corriere Sera, 30/5)
  • [1] Firme contro l’area nomadi. Residenti di via Moro in rivolta (Provincia Pavese, 1/9)