\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Sel: "Blitz campi rom, magistratura e carabinieri rendano conto"
Di Fabrizio (del 04/08/2011 @ 09:10:28, in Regole, visitato 1044 volte)

Va dato atto a Reggionline di essere l'unica testata che ha seguito passo passo l'indagine, dando anche più volte voce ai Rom e ai Sinti

Reggionline.com martedì 2 agosto 2011 - La coordinatrice Carla Ruffini: "Senza indagati precisi, quelle operazioni hanno infranto la legge italiana"

REGGIO - La retata dei carabinieri di Reggio e Parma dello scorso 28 luglio in 9 campi rom di Reggio e provincia ha fatto alzare più di un sopracciglio nel mondo della politica locale, soprattutto negli ambienti di centro sinistra.

Un commento su quanto accaduto, anche se con qualche giorno di ritardo, è giunto dalla Sel reggiana: "A ferita ancora aperta - fa sapere la coordinatrice Carla Ruffini - vogliamo esprimere il nostro deciso disappunto per il blitz effettuato. Sinistra Ecologia Libertà ritiene che la magistratura competente e i carabinieri di Parma che hanno condotto l'operazione (insieme a quelli reggiani, ndr) debbano fornire delle spiegazioni. Non può passare sotto silenzio l'ingresso forzato in tutte le abitazioni dei nomadi residenti nei campi a loro destinati. Quando le operazioni di polizia giudiziaria non portano a indagare persone precise, ma si estendono all'intera popolazione di un quartiere (come deve essere considerato un campo nomadi), si infrange la legge sulla inviolabilità del domicilio e della libertà personale di soggetti non indagati. I nomadi non sono sottouomini e chi lo pensa è un razzista bandito dalla costituzione italiana. A questo proposito è opportuno che siano resi pubblici i mandati di perquisizione firmati dal magistrato competente".

Secondo la Sel reggiana, un elemento inviolabile di civiltà è rappresentato dalla legalità. "Ancor più se costituzionale - aggiunge la Ruffini - Siamo per la repressione di chi delinque, siamo contro chi ruba nelle abitazioni e attenta alla libertà degli altri cittadini. Condanna chi spaccia le droghe, senza se e senza ma, perché alimenta la grande criminalità organizzata. Ciononostante, pensiamo anche che l'opinione pubblica debba avere delle spiegazioni dalla magistratura competente e dai carabinieri su quanto accaduto. Non basta presentare arnesi da scasso o gioielli posseduti da qualcuno per giustificare una operazione condotta contro una intera popolazione. La cultura muscolare che appartiene ad una parte delle forze dell'ordine non si può conciliare con la vita democratica e il rispetto che si deve a tutti i cittadini della nostra nazione".