\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Gran Bretagna
Di Fabrizio (del 28/04/2011 @ 09:36:28, in casa, visitato 1604 volte)

Da British_Roma

IDEBATE.org Dale Farm: Il Pogrom di Pickles By Ian Abley

Pogróm è una parola di origine yiddish ed è una parola che significa "devastare, demolire violentemente, distruggere o devastare una città".

16/04/2011 - Eric Pickles, ministro britannico alle comunità, sta progettando di demolire, distruggere e devastare mezza Dale Farm, a Oak Lane, Crays Hill, vicino a Billericay. Situata a nord, nelle ora consolidate "plotlands" attorno alla nuova cittadina post-guerra di Basildon nell'Essex, Dale Farm ospita circa 1.000 persone.

Non è una fattoria (farm in inglese, ndr). Si tratta di un ex terreno abbandonato, all'incrocio tra la A127 e la M25, di proprietà degli stessi zingari e viaggianti. Ha costruito i loro chalet su circa 100 piazzole, grandi abbastanza da includere lo spazio per i caravan delle famiglie e degli amici. Il loro problema è che l'autorità locale ha cambiato il suo atteggiamento nel permettere a zingari e viaggianti di rimanere su questo sito [...]. Oggi l'autorità locale èper la maggior parte schierata contro i residenti di Dale Farm.  Ma non fu sempre così in questo pezzo di Essex, con una lunga storia di "plotlands".

Negli anni '60 c'erano meno di 10 lotti su Oak Lane. Col tempo l'autorità locale, il consiglio di Basildon, concesse il permesso di edificare su circa 40 ulteriori piazzole. L'atteggiamento poi si radicalizzò nel 2000. Le autorità locali decisero che non si potevano aggiungere piazzole a Dale Farm, e che aver permesso nel passato di costruire era stato un errore. I residenti si sono trovati l'opposizione a nuove costruzioni sul loro terreno, e le circa 50 case costruite nel XXI secolo non hanno ottenuto i permessi dall'autorità locale che ora voleva eliminare anche le altre. Metà delle case sono legali. L'altra metà è stata costruita su terreni di proprietà ei residenti, ma che le autorità locali ora vedono come "Green Belt" (Cintura Verde ndr). Zingari e nomadi hanno di fronte un'autorità locale che, nonostante la storia delle "plotlands" a Basildon, si è malignamente rivolta contro di loro.

Per ulteriori informazioni: http://dalefarm.wordpress.com

Su Google Earth guardate il rettangolo di poveri edifici familiari sulla Green Belt a Dale Farm, Oak Lane, Crays Hill, Billericay, Essex, CM11 2YJ. Zingari e viaggianti di Dale Farm hanno mostrato come si potrebbero soddisfare le proprie esigenze abitative, se solo le autorità locali fornissero i permessi di edificazione. Adesso il consiglio di Basildon intende spendere 8 milioni di sterline per demolire le loro case, oltre ai costi per l'azione della polizia. Il Daily Mail ha affermato che la polizia dell'Essex ha chiesto al ministero degli interni 10 milioni di sterline per coprire i costi della polizia. (1) Che tipo di pazzesca tirannia pianificatoria si ha quando alla gente - proprio come voi e me - viene impedito di progettare e costruire in un campo le proprie case?

Di fronte ad una sfida alla legislazione del 1947, il sistema di pianificazione sta agendo disperatamente nell'obbligare a demolire le case di Dale Farm. Il governo di coalizione ha promesso sino a 1,2 milioni di sterline per aiutare il consiglio di Basildon a cacciare zingari e viaggianti. (2) Il consiglio di Basildon ha chiesto al dipartimento per le comunità ed il governo locale (CLG) 3 milioni di sterline per contribuire a finanziare lo sgombero. (3) Non è per soldi, ma il principio che più preoccupa Eric Pickles, che ora va oltre. Promette che il CLG sarà consultato sulle nuove linee guida di programmazione, per rafforzare i poteri degli enti locali nell'agire contro gli "sviluppi non autorizzati". Dale Farm può essere non autorizzato, ma sono l'autorità locale, CLG ed infine Eric Pickles in quanto segretario di stato che rifiutano l'approvazione dei permessi di edificazione. In caso contrario il conflitto non esisterebbe e 1.000 persone sarebbero lasciate in pace.

Pickles è determinato a cancellare zingari e viaggianti. Ha detto all'Evening Standard che "... stiano dando ai consigli il potere e la discrezione di proteggere l'ambiente ed aiutare a ricostruire le relazioni comunitarie." (2) Intende, naturalmente, che non vede nessun posto nella comunità locale per zingari e viaggianti. Li rimprovera per ogni tensione nelle relazioni locali, quando tutto ciò che vogliono è essere lasciati in pace. Si appella agli ideologi verdi, quando la Cintura Verde che avvolge Dale Farm è terra di rifiuti. James Heartfield l'ha puntualizzato su Spiked! nel 2009, quando i residenti di Dale Farm erano, ancora una volta, incapaci di superare il sistema legale di pianificazione. [...]

"La legge che il consiglio di Basildon sta sostenendo è quella che protegge la cosiddetta "Green Belt", che dovrebbe interrompere le nostre città con splendide campagne incontaminate. Sheridan ed i suoi compagni viaggianti non hanno preso la terra di nessun altro, hanno costruito le loro case sui loro terreni. Ma sono puniti perché hanno peccato contro la vacca sacra che è la campagna inglese." (4)

Anche Pickles probabilmente ammetterà che vaste aree della Green Belt, particolarmente nell'Essex, sono di scarsa qualità, ma come il New Labour prima di lui, non lo lascerà usare per viverci, in particolare non con i lavoratori. Intravede un'opportunità di usare "l'onesto" popolo lavoratore contro gli operosi ed indipendenti zingari e viaggianti che hanno infranto la stupida legge sulla pianificazione, e sfidato l'idea reale di un'ecologia protettiva. Così ora Pickles sta andando a fondo nel pregiudizio verde che le persone stiano invadendo la campagna e debbano essere contenute. A Dale Farm sta attingendo nel pregiudizio degli ambientalisti che le famiglie numerose siano un problema. A molti zingari e viaggianti piace avere grandi famiglie, che si curano una dell'altra, ma la loro cultura socievole è evidentemente in contrasto con l'idea anti-umana tra i verdi che la crescita della popolazione sia una minaccia al pianeta.

Il pregiudizio anti-umano è comune agli ambientalisti, ma viene diretto da Pickel verso una pressione sul sistema di pianificazione con una presunzione legale di "sviluppo sostenibile". Pickles sta dicendo che zingari e viaggianti che costruiscono case rappresentano lo sviluppo insostenibile che il suo Quadro Politico di Pianificazione Nazionale intende fermare.

Le famiglie numerose che violano la legge urbanistica, e costruiscono sulla Cintura Verde in maniera che il governo definisce insostenibile, sono per Pickles inaccettabili. Lui incoraggia la comunità locale ad organizzarsi per mandarli via, e ad adoperare la polizia per sgomberare le case dai loro terreni. Nel 2011 Pickles sta progettando un pogrom contro zingari e viaggianti. Come riconosce persino The Guardian, anticipando "La battaglia di Basildon", Pickles "... sta convertendo il suo personale percorso di veemente opposizione ai siti non autorizzati dei viaggianti in politica di governo." (5)

Eric Pickles è un nazionalista per la separazione sociale, ma non è fascista, e probabilmente odierebbe essere inteso come razzista. Ritiene di lavorare per proteggere il pianeta, mentre parla di una "Grande Società" agli uomini d'affari (6), volendo in realtà una Piccola Gran Bretagna sostenibile che faccia virtù dell'intolleranza parrocchiale. Pickles è abile a sfruttare le divisioni politiche. Naturalmente, questa controversia non è nuova, né di conseguenza si limita a Dale Farm. Molto dipende dal risultato. Ai residenti fu ordinato di andarsene nel febbraio 2007, quando Ruth Kelly concorreva per il CLG, ma loro presentarono ricorso contro la decisione. (7) Il caso Dale Farm si trascina dal 2001. Il leader del consiglio di Basildon, Tony Ball, insiste: "ciò che è sbagliato è sbagliato, e non ci può essere una regola per un gruppo ed una per un altro. Bisogna accogliere la legge sul suolo." (8) Sa che la legge sulla pianificazione ferma tutti dal costruire sulla propria terra, a meno che l'autorità locale accetti il progetto. Ball se che se anche zingari e viaggianti di Dale Farm non fossero presi ad esempio, ci sarebbero un sacco di persone attorno a Basildon, nell'Essex ed in Gran Bretagna che vorrebbero costruire sulla propria terra. Consiglieri come lui non avrebbero più il potere di rifiuto e di demolizione che Eric Pickles si aspetta venga esercitato a nome del governo nazionale. Ball non si può immaginare un sistema di pianificazione basato sulla persuasione piuttosto che sulla negazione universale dei diritti di sviluppo:

"Guardate le alternative. Se un consiglio chiudesse un occhio sulle violazioni della legge, quale diritto morale avremmo per farla valere contro chiunque altro la infrangesse? La Cintura Verde è lì per una ragione. Per fermare l'espansione urbana incontrollata." (9)

Se vincessero i residenti di Dale Farm, molta più gente potrebbe sfidare il divieto a costruire in tutta la Gran Bretagna [...]. I progettisti dovrebbero ottenere appoggio per qualcosa di positivo che sarà costruito dai proprietari terrieri, avendo perso il potere di dire "No".

Tony Ball, leader del consiglio di Basildon, ha difeso il piano di sgombero in un'intervista televisiva il 15 marzo 2011 su www.bbc.co.uk.

Senza alcun dubbio Ball vuole che i residenti di Dale Farm se ne vadano. Sembra disposto a permettere almeno un quadro limitato di opportunità ai residenti perché trovino una sistemazione alternativa. (10) Eppure Ball appare ancora totalmente insensibile al fatto che i residenti di Dale Farm vogliono la libertà di scegliere di restare sulla loro terra, a Oak Lane, Crays Hill. Fino all'intervento del segretario di stato Pickles sembrava che 28 giorni di preavviso di sgombero non potessero essere notificati rapidamente ai residenti. D'altra parte Pickles sta raccomandando pubblicamente a tutte le autorità locali di osservare i movimenti di zingari e viaggianti durante le feste pasquali. Rosa Prince, su The Telegraph, non ha tardato a ripetere l'allarme di Pickles prima delle vacanze, quando ha urlato:

"I viaggianti erano conosciuti in passato per approfittare delle festività per "occupare le terre", installandosi su terreni dove non avevano autorizzazione a sostare, e per fare poi domanda di permesso per costruire una volta che il comune riapriva... I consigli inoltre sono stati autorizzati ad opporsi ai permessi retroattivi richiesti dagli zingari e da altri, ed offrire più diritti per far rispettare gli avvisi di rimozione contro chi agisce illegalmente." (11)

Zingari e viaggianti di Dale Farm hanno bisogno di essere difesi contro il pogrom distruttivo e socialmente divisorio che Eric Pickles sta pianificando. Questi chalet non dovrebbero essere demoliti. "Dovunque non siamo benvoluti. Non ci hanno voluto nelle campagne. Non ci hanno voluto in città," ha detto Candy Sheridan a The Guardian. Viaggiante irlandese e vice presidente del Gypsy Council 2010, fondato nel 1966, è occupata ad aiutare gli altri attraverso il sistema di pianificazione. "I consiglieri non ci vogliono vedere," ma "siamo parte del paese dove siamo da 600 anni. Abbiamo più diritti noi di starci rispetto a loro." (14) Non c'è abbastanza spazio per tutti nel 90% della Gran Bretagna che non è edificata.

La Gran Bretagna dovrebbe spingere per la libertà universale a costruire, non a demolizioni forzate, dirette contro pochi. Non fatevi ingannare dalle incredibili menzogne di Eric Pickles. Lui ce l'ha contro zingari e viaggianti, che minacciano il suo sistema di pianificazione. Per Pickles sarà una lunga battaglia.