\\ Mahalla : Articolo : Stampa
I diritti non si sgomberano
Di Fabrizio (del 16/04/2011 @ 09:34:53, in Italia, visitato 1183 volte)

di Piero Basso, presidente di Dar casa Scrl

In piccolo, la stessa politica schizofrenica di chi i problemi non vuole risolverli viene praticata dal Comune di Milano nei confronti della popolazione Rom (anche italiani). Come spiega un appello promosso da alcuni gruppi di sostegno (Forlanini, Rubattino) e sottoscritto da decine di organizzazioni, tra cui anche ARCI e CGIL, negli ultimi due anni a Milano sono stati effettuati oltre 360 sgomberi di campi abitati da Rom e Sinti che hanno coinvolto alcune centinaia di nuclei familiari presenti da tempo sul territorio cittadino. Spesso gli sgomberi sono condotti, senza preavviso, alle prime luci dell'alba, anche con pioggia e neve, lasciando uomini, donne e bambini senza riparo e privati delle loro poche cose che vengono arbitrariamente distrutte. (Le cose non sono cambiate molto dagli anni del dopoguerra quando i gipponi della polizia di Scelba distruggevano le biciclette dei braccianti in sciopero).

L'appello prosegue citando le decine o centinaia di bimbi Rom costretti ad abbandonare la scuola, e con quella i preziosi legami di amicizia costruiti con i compagni, e denunciando la violazione dei diritti di quelle persone, sanciti da trattati e convenzioni firmati dall'Italia, il diritto all'abitare, all'integrità personale, alla salute, all'istruzione.

Io vorrei mettermi da un punto di vista diverso da quello degli estensori dell'appello, e provare a ragionare come un buon milanese che, secondo Moratti e De Corato, dovrebbe sentirsi più "sicuro" a seguito degli sgomberi. Naturalmente la "sicurezza" di cui parlano questi signori non è la sicurezza che deriva dall'avere un lavoro non precario o la sicurezza di essere tutelato contro il rischio di un infortunio sul lavoro. La loro "sicurezza" si limita, ma è già qualcosa, a evitare furti, scippi o violenze. Personalmente ho recentemente subito un furto notturno in casa, che alcuni ritengono opera di "zingari", pur essendo lontano da ogni campo Rom, e pur avendo a meno di cento metri da casa una camionetta dell'esecito. Chiunque, tranne sindaco e vicesindaco, capisce che la presenza di alcuni ragazzi armati di mitra non protegge nessuno dai malintenzionati; semplicemente ti aspetteranno in un'altra strada.

Ma almeno una sicurezza gli sgomberi me la danno: ed è che a pagare il conto saremo noi cittadini contribuenti (come me e come voi, che le tasse le paghiamo tutte).. Assai di più dei 2.128.000 euro indicati recentemente da De Corato in risposta a un'interrogazione dei consiglieri Landonio e Patrizia Quartieri, senza però precisare a quanti sgomberi questa cifra si riferiva. Secondo una recente valutazione di Terre di Mezzo (giugno 2010) ogni sgombero costa, in media, circa 24.000 euro, tra costi di "bonifica e pulizia" a carico dell'AMSA e l'impiego di vigili urbani, polizia e carabinieri. In totale, per 360 sgomberi, quasi nove milioni di euro.

Quale che sia la cifra, è indubbio che questi soldi sarebbero molto più utilmente spesi nel costruire percorsi di integrazione, come meritoriamente tanti stanno facendo, dalle mamme e maestre del Rubattino alla S. Egidio, alle associazioni che concludono il loro appello proprio con queste parole: "Chiediamo che le risorse pubbliche non vengano più sistematicamente sprecate per demolire e distruggere baracche e beni, sogni e legami, ma siano utilizzate per promuovere percorsi reali di integrazione abitativa e lavorativa e progetti che garantiscano il diritto all'istruzione ed alla salute per tutti, Rom e Sinti compresi. Chiediamo che i Rom e Sinti siano riconosciuti come soggetti a pieno titolo, interlocutori attivi dei progetti che li riguardano".