\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Brat
Di Fabrizio (del 23/11/2010 @ 09:36:15, in musica e parole, visitato 2570 volte)

Dal 30 novembre al 5 dicembre - Tieffe Teatro Menotti – Via Ciro Menotti, 11 – Milano
Produzione Cantieri Teatrali Koreja e Centar Za Kulturu di Smederevo (Serbia) con il sostegno di Teatro Pubblico Pugliese


BRAT (FRATELLO)
Cantieri per un’opera rom


Regia e adattamento di Salvatore Tramacere
Con Miljan Guberinic, Ajnur Ibraimi, Damir Kriziv, Sead Kurtisi, Vukosava Lazic, Marija Miladinovic, Marija Mladenovic, Ana Pasti, Darko Petrovic, Igor Petrovic, Maria Rosaria Ponzetta, Ferdi Ramadani, Ajnur Redzepi, Emran Sabani, Senad Sulejmani, Marko Stojanovic, Danijel Todorovic, Andjelka Vulic

Collaborazione alla regia: Fabrizio Saccomanno
Collaborazione all’allestimento: Mariarosaria Ponzetta
Cura del movimento: Silvia Traversi
Musiche di: Admir Shkurtaj
Eseguite dal vivo da: Giorgio Distante, Redi Hasa, Admir Shkurtaj
Luci e suoni: Mario Daniele, Angelo Piccinni
Organizzazione: Marija Anicic, Alessandra Bisconti, Dragoljub Martic, Laura Scorrano
Cura del progetto: Franco Ungaro

"Popolo mite e nomade che non rivendica sovranità, territorio, zecca, divise, timbri, bolli e confini, ma semplicemente il diritto di continuare a essere quel popolo sottilmente altro e trascendente rispetto a tutti quelli che si contendono territori, bandiere e palazzi; un popolo che, un pò come gli ebrei, fa parte della storia e dell'identità europea proprio perchè a differenza di tutti gli altri hanno imparato ad essere leggeri, compresenti, capaci di passare sopra e sotto i confini, di vivere in mezzo a tutti gli altri, senza perdere se stessi e di conservare la propria identità anche senza costruirci uno stato intorno"

"Non si puo' togliere l'acqua ai pesci e poi stupirsi se i pesci non riescono piu' ad essere agili ed autosufficienti, gentili ed autosufficienti come una volta"

Alex Langer


Quello di Brat è un percorso iniziato tre anni fa, a Smederevo, 70 chilometri da Belgrado, tra una dozzina di giovani rom, altrettanti attori loro coetanei di quella città, e il gruppo teatrale Koreja di Lecce, da sempre interessato a misurarsi con il fascino e i nodi irrisolti, l’ignoto e le diversità dell’est Europa.

Non concede illusioni o facili scorciatoie di “redenzione” lo spettacolo elaborato da Salvatore Tramacere con Fabrizio Saccomanno: una parabola zingara contro i “nuovi olocausti”.

Nasce così uno spettacolo accolto trionfalmente dal pubblico nelle rapide incursioni al NapoliTeatroFestival e al Festival Castel dei Mondi di Andria fino all’approdo nel capoluogo salentino.

Come nell’originale di Gay c’è una malavita organizzata, una polizia corrotta, un affarismo senza scrupoli, un bordello di ragazze scatenate.

Interpreti scatenati, pronti a cambiare di ruolo e di genere, mentre la musica balcanica di Admir Shkurtaj, eseguita dal vivo, li incalza e li dirige verso un apparente happy end.

Incontriamo da tre anni un gruppo di giovani rom e giovani attori che vivono a Smederevo, Settanta chilometri da Belgrado, alcune centinaia da Lecce. Proviamo a fare teatro. Lavoriamo di sera, dopo faticose giornate di lavoro quotidiano, specie per i giovani rom, a raccogliere frutta, vetro e carta. Non vogliamo creare una nuova compagnia professionale né cerchiamo alcuna catarsi sociale. Che fare? Partiamo da un testo. L’Opera del mendicante di John Gay.

Cerchiamo persone e attori in grado di dare senso e verità alle parole molto graffianti dell’Opera. Al tempo del reality quando sempre più sottile si fa il confine tra verità e finzione.

Ladri, ricettatori, donne di malaffare, capi di polizia in combutta per spillare quattrini dove si può: questi sono i nuovi eroi di un mondo alla rovescia.

Una storia rappresentata tante volte in diverse epoche e luoghi.

Undici non attori rom e otto giovani attori serbi, assumono ruoli da commedia dell'arte, facendosi testimoni di una cultura, la propria.

Una cultura che, come i piccoli ladruncoli che loro mettono in scena, è destinata a scomparire.

Ne è scaturita una "presentazione" che, giocando con gli stereotipi di una cultura periferica, mette proprio in discussione il labile confine tra finzione e realtà.

Cantieri Teatrali Koreja

Tieffe Teatro Menotti – Via Ciro Menotti, 11 – Milano
Orari spettacolo: lun. mar. gio. ven. sab ore 21 - mer. ore 19. - dom. ore 17
Orari biglietteria: dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle 19 - sabato 16 - 19
Prenotazioni e informazioni: 0236592544 , info@tieffeteatro.it - www.tieffeteatro.it
Prezzi: 22 intero – 15 ridotto (over 60, under 25)
convenzioni: pr@tieffeteatro.it


Giovedì 18 novembre c'è stata la conferenza stampa di presentazione. Ivana Kerecki (che ci fornisce anche le foto) ci riferisce:

Prima della conferenza la RAI ha fatto un'intervista con gli attori rom e il protagonista Danijel Todorovic, che ha detto che questo spettacolo ha rotto un tabù, un muro che molti vedono fra se stessi e i Rom. I ragazzi hanno salutato la TV italiana con un saluto collettivo in lingua romanes.

Per prima ha parlato Livia Pomodoro, soprattutto dell'importanza del "Premio Internazionale Teresa Pomodoro per il Teatro dell'Inclusione" (sempre con prestigiosa giuria internazionale), che poi è stato assegnato la stessa sera al Teatro No'hma, inaugurando la sua stagione. Secondo lei questo premio è anche il segno dell'attenzione a "questo grande problema"…

Salvatore Tramacere, direttore artistico dei Cantieri Teatrali Korejadi Lecce, ha raccontato il lavoro svolto durante i 3 anni con 35 ragazzi di Smederevo, la cittadina a 50 km da Belgrado. Gli è dispiaciuto molto che dopo un lavoro così importante, uno dei ragazzi, Ferdi, non può venire in Italia per partecipare allo spettacolo. Il motivo: il suo datore di lavoro (precario e saltuario: il cosiddetto lavoro a "chiamata", che potrebbe anche non arrivare) ha minacciato di "licenziarlo"…

Alcune sue battute (certe si possono più o meno condividere):

"Il teatro ha senso solo se ha il coraggio, altrimenti si rischia di fare cose molto banali e perdere il senso."
"Mi hanno chiesto perché ho fatto uno spettacolo così. Perché no? Perché non prendere questa responsabilità?"
"I nostri ragazzi hanno tutto, sanno tutto. Con loro, invece, c'è bisogno di fare le cose dall'A alla Z."
"Questi ragazzi hanno conquistato una dignità e possono avere una chance come tutti i ragazzi del mondo."
"Vorremmo fare di più: primo, creare un centro permanente, mettere insieme le diversità, non solo quelle di nazionalità o etnia ma di possibilità di vivere la vita quotidiana. Un centro in più luoghi, per incontrarsi e far progetti vari, non solo spettacoli. Secondo, all'inizio mi vergognavo un po' di dire questa cosa: i ragazzi mi chiedevano ‘quanti soldi prenderemo?'. Il progetto in se stesso è nobile, ma anche loro hanno un diritto di fare questo LAVORO chiedendo di essere pagati. Rinuncio a fare lo spettacolo se non li pagano. Per una ulteriore dignità. Stanno acquisendo una cosa forte. Se ne chiedono un'altra: paghiamoli!"

Franco Ungaro, ha detto che non è stato così facile portare questi ragazzi in Italia. Si è sempre posta la domanda: ci saranno problemi con la polizia? Alla fine è andato tutto liscio. Secondo lui, questo spettacolo è un po' il simbolo di come si può coniugare un'idea dei Rom con quella del cosmopolitismo e mostrare la cultura identitaria di un popolo, di persone, inserita nel contesto di contemporaneità, mentre il lavoro con questi attori è stato anche una denuncia delle loro condizioni di vita.

L'assessore alla Cultura del Comune di Milano, Massimiliano Finazzer Flory, ha raccontato un po' di teoria: di come il teatro (che è anche nomade) nasce dalla esperienza e la questione antropologica, lì non c'è il post-montaggio che smonta il contesto antropologico. Ha ripreso anche le parole di Tramacere, ribadendo che l'attore deve sempre essere pagato: "perché se mi pagano, valgo". Ha tentato di rispondere anche alla precedente domanda "perché", con una storia della rosa che nasce senza motivo, cresce senza motivo ecc.

Emilio Russo, direttore artistico del Teatro Tieffe, ha detto che siamo noi che stiamo perdendo la dignità e che praticamente tutte le richieste di aiuto per lo spettacolo (costoso) avevano trovato le porte chiuse, e lo spettacolo costa. Ha parlato anche dei più di 300 sgomberi che hanno subito i Rom che abitano a Milano e ribadito che questo è anche uno spettacolo politico e importante per la città.

Č stata chiamata a fare un intervento anche Dijana Pavlovic che, oltre a richiamare ancora l'attenzione sui numerosi e tristi sgomberi di Milano, ha invitato i presenti a considerare che la povertà in Serbia non riguarda soltanto la popolazione rom, e che ci sono delle differenze delle condizioni e possibilità dei Rom in Italia e in Serbia, dove anche una ragazza come lei aveva potuto laurearsi all'Accademia dell'Arte drammatica e dove molti Rom, oltre a fare i lavori semplici elencati dai relatori – pulizie, raccolta del ferro e simili –  svolgono anche funzioni importanti professionali e politiche. Ha detto che è grata a tutti quelli che hanno appoggiato questo progetto, che ha fatto dei ragazzi-attori persone fortunati, invitando le autorità a pensare anche ai Rom di Milano che un'occasione così non l'hanno mai avuta, perché la città ne ha veramente bisogno: non basta dare alle persone soltanto un pezzo di pane, bisogna dare loro anche la dignità e il senso, non bisogna permettere loro solo la mera sopravvivenza, perché hanno diritto anche a una vita vera, di essere considerati. Quindi, bisogna pensare anche a dei progetti per i ragazzi rom di Milano.

Danijel Todorovic, il protagonista dello spettacolo, invitato a dire qualche parola, ha detto che perfino lui aveva un po' di pregiudizi nei confronti dei Rom prima dello spettacolo, ma che sono passati appena si sono conosciuti e avevano cominciato a lavorare insieme. Quindi pensa che in Serbia lo spettacolo è servito per abbattere dei muri e spera che così succederà anche in Italia.

La prima domanda del pubblico riguardava l'assenza della signora Moioli. Hanno spiegato che era in ritardo da qualche altra parte…

Una giornalista ha detto che ultimamente si parla di portare il teatro anche fuori, per strada, quindi chiedeva se era possibile un'esibizione sotto la torre di via Imbonati, cosa che ha subito dato fastidio all'assessore Finazzer, che ha chiesto di "non caricare lo spettacolo che ha già un significato con altri significati". [Più tardi ho spiegato al direttore del teatro serbo e ai ragazzi rom cosa succede alla torre di via Imbonati e si sono dimostrati interessati a passare al presidio portando la loro solidarietà agli immigrati in Italia.]

Qui invece ti scrivo le info e i nomi giusti giusti, degli attori, tradotti liberamente da un jugo-sito:
Si tratta del progetto culturale nato dalla collaborazione del Centro per la Cultura Smederevo (Centar za kulturu Smederevo), del Centro informativo rom "Drom" e del Teatro Koreja di Lecce e il Teatro.
Partecipano anche gli attori del teatro "Patos".

"Opera dei mendicanti" [là si chiama così, come l'originale ispiratore di Ray] è nata e dura fuori dai soliti standard di teatro, offrendo uno sguardo diverso sul teatro stesso. L'anno scorso ha partecipato a BITEF, il più importante festival teatrale serbo. Il regista è Salvatore Tramacere, il suo assistente Milan Guberinić del teatro Patos. Attori: Darko Petrović, Danijel Todorović, Senad Sulejmani, Ajnur Ibraimi, Senat Ramizi, Ferdi Ramadani [che non viene] Džemailj Krujezi, Damir Krujezi, Damir Kriziv, Ajnur Redžepi, Igor Petrović, Goran Galić, Marija Mladenović, Ivan Simić, Dušan Štrbac, Vukosava Lazić, Ana Pašti, Ina Marić, Marija Mladenović, Miljan Guberinić.

Confrontate però con quelli che vengono in Italia, che non sono proprio tutti uguali.